USA e crittografia, sicurezza informatica e sicurezza nazionale

Il comitato ad hoc invita i rappresentati politici a non "indebolire" le tecnologie crittografiche, anche perché non è possibile impedire che i criminali vi accedano. Backdoor respinte? Non proprio, dice qualcuno

Roma – L’Encryption Working Group (EWG) del Comitato affari giudiziari del Congresso ha pubblicato il suo rapporto annuale sulla questione crittografia e backdoor, e a una prima lettura si tratta di un lavoro che include conclusioni totalmente a favore di privacy e sicurezza degli utenti. Ma non tutti sono d’accordo su questa interpretazione e, anzi, mettono in guardia: il rapporto va rigettato in pieno perché è pericoloso.

Nato in seguito all’attacco terroristico di San Bernardino e al dibattito alimentato dalle protezioni crittografiche dell’iPhone di uno dei sospetti, l’EWG evidenzia i rischi connessi a un “indebolimento” delle tecnologie crittografiche oggi in circolazione. La crittografia è uno strumento oramai disponibile in tutto il mondo, spiegano i membri del gruppo di lavoro, e l’ intromissione burocratica di Capitol Hill con il codice sorgente rappresenterebbe un rischio per la sicurezza nazionale degli USA .

Eventuali azioni legislative del Congresso sulla crittografia avrebbero benefici solo a breve termine , spiegano dal comitato, e peraltro il Congresso è oggettivamente impossibilitato a bloccare l’uso delle tecnologie crittografiche da parte di criminali fuori e dentro la Rete globale. La soluzione, ipotizzano da EWG, va ricercata in strategie alternative così da salvaguardare le necessità delle forze dell’ordine nelle indagini.

Anche se si evita accuratamente di usare la parola backdoor, il rapporto annuale sembrerebbe in sostanza chiedere al Congresso – con un parere certamente non vincolante – di abbandonare l’idea di prevedere porte di accesso nascoste a favore delle autorità, che finirebbero per diventare di pubblico dominio nel giro di pochissimo tempo.

Il dibattito sulle backdoor (negli USA e non solo) è però lungi dal concludersi, e almeno un esperto di sicurezza ha accolto con freddezza il lavoro di EWG scegliendosi un ruolo da Cassandra: Robert Graham recepisce con favore la difesa di una crittografia “integra” che emerge dal rapporto, ma evidenzia altresì il tentativo di “mediare” tra i vari interessi che, quando si parla di backdoor, non può portare a nulla di buono da un punto di vista tecnologico.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea scrive:
    www.watch4price.it
    Segnalo anche il sito http://www.watch4price.com per confrontare in modo completamente gratuito le variazioni di prezzo tra Amazon Italia, Spagna, Francia e Germania.
  • Gaspare scrive:
    Recensioni
    Vado continuamente alla ricerca di articoli come questo che parlano di "piccoli trucchi" sul come risparmiare su Amazon. Nell'ultimo periodo ho utilizzato watch4price perché mi piace il fatto che confrontino anche le recensioni dei prodotti sui vari market e non solo i prezzi.Sarò esagerato, ma mi piace sapere cosa ne pensano gli altri dei prodotti che sto per comprare e, generalmente, tendo a non comprare prodotti senza recensioni. E, più pareri ho, meglio è ;)
  • Vincenzo scrive:
    piccole realtà locali e risparmio
    Ciao Nicola, anche io, di base, la penso come te, ma qui stiamo parlando dei 'nostri' risparmi. Io sono pronto a pagare qualcosa di più pur di muovere l'economia 'locale' (e ti posso assicurare che lo faccio per davvero), ma cosa fare quando il risparmio non è da poco?Se siti come camelcamel, adquisitio, watch4price e altri riescono a farci spendere meno per lo stesso prodotto, cosa dovremmo fare se si parla dei 'nostri risparmi'?E poi, dentro Amazon, ci stanno anche le piccole realtà locali. Se ci si vuole tenere al passo, bisogna cercare di cogliere le nuove opportunità.Ma, ripeto, io la penso come te e, quando possibile, preferisco i piccoli negozi locali
  • Akiro scrive:
    alternativa
    Andar su Amazon, cercare un prodotto, vedere chi è il fornitore che ce lo spedirebbe ed andare direttamente sul suo sito a far l'acquisto.Di norma si spende meno.
  • Lo stolto scrive:
    Slap
    Non male questa marchetta.
    • Odino scrive:
      Re: Slap
      Altro che marchetta.... è una piccola pompa!
      • Nicola scrive:
        Re: Slap
        Redazione: Riguardatevi la puntata di Report. Se pagassi lo 0.x di tasse in Lussemburgo potrei fare anche io spedizioni e resi gratuiti anche senza 20 euro all'anno di obolo!Piace vincere facile?Io non compro più nulla da quest'azienda. Piuttosto preferisco spendere qualche euro in più ma comprare altrove.
Chiudi i commenti