USA, la carta di imbarco è a rischio contraffazione

Contraffare una carta d'imbarco per il check-in veloce sarebbe facile, anche troppo. La causa del problema? La mancata cifratura delle informazioni integrate sul codice a barre del titolo di viaggio
Contraffare una carta d'imbarco per il check-in veloce sarebbe facile, anche troppo. La causa del problema? La mancata cifratura delle informazioni integrate sul codice a barre del titolo di viaggio

Non bastassero i problemi con gli scanner total-body , la Transportation Security Administration (TSA) deve ora fare i conti con una vulnerabilità non da poco identificata nel suo sistema di screening veloce chiamato Pre-Check . Una vulnerabilità che si potrebbe risolvere in fretta, dicono i ricercatori di sicurezza che hanno individuato la falla.

Pre-Check permette ai viaggiatori statunitensi che prendono l’aereo frequentemente di servirsi di percorsi di controllo dedicati, con tempi di attesa molto ridotti e minori fastidi per quel che concerne il vestiario, il trasporto di computer portatili o i piccoli flaconi contenenti liquidi.

Ma Pre-Check è anche tecnologicamente vulnerabile perché registra “in chiaro” le informazioni sulle modalità di screening contenute nel codice a barre della carta d’imbarco, dicono i ricercatori: il codice usa una banale cifra numerica (1 oppure 3) per indicare il passaggio dalla corsia preferenziale o da quella comune.

Stando così le cose, il codice a barre si potrebbe facilmente falsificare tramite passaggi veloci di dati: il codice decodificato e archiviato in un file di testo potrebbe essere modificato per specificare un passaggio di screening veloce (1 al posto di 3), e infine il codice contraffatto si potrebbe riconvertire in codice a barre e “applicare” in sostituzione di quello già presente sul proprio titolo di viaggio.

Questo genere di truffa tecnologica (ancora ipotetica) non richiederebbe che un paio di siti web pubblicamente disponibili a tutti e un programma per il fotoritocco, mentre un gruppo di almeno 4 persone con intenti malevoli potrebbero servirsene per far passare oggetti pericolosi – magari per atti di terrorismo – attraverso gli altrimenti stringenti controlli del personale TSA.

La soluzione alla falla tecnologica delle carte d’imbarco Pre-Check? Per i ricercatori basta blindare le informazioni rappresentate dal codice a barre (e quindi l’eventuale titolarità del passaggio per lo screening facilitato) attraverso l’impiego di un buon algoritmo di cifratura.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 10 2012
Link copiato negli appunti