USA, se trafugare l'email altrui non è reato

Una nuova sentenza della Corte Suprema del South Carolina stabilisce che spiare la corrispondenza altrui non è reato. Dubbi sull'applicazione di una legge del 1986 che appare datata rispetto ai servizi di webmail

Roma – Accedere senza permesso alla casella email altrui non è da considerarsi reato: è la sentenza espressa dalla Corte Suprema del South Carolina, chiamata a valutare il caso di una donna che ha violato la casella di posta elettronica del marito per trovare le prove dell’infedeltà di quest’ultimo. Secondo la Corte, un atto simile non viola i principi dello Stored Communications Act ( SCA ) del 1986.

Sebbene con ragioni diverse, i giudici coinvolti nel caso hanno convenuto all’unanimità che le email contenute in un archivio online (come le webmail di Gmail o Yahoo!) non rientrano nella definizione legale di “archiviazione elettronica” . Secondo quest’ultima, può definirsi archiviazione ogni memorizzazione temporanea che avvenga incidentalmente rispetto alla trasmissione della comunicazione, quindi a scopo di caching, oppure ogni memorizzazione di tale comunicazione a scopo di backup della comunicazione stessa.

Il punto sul quale le opinioni dei giudici divergono riguarderebbe la definizione di backup in relazione alla posta elettronica su Web . La Corte del South Carolina ha infatti stabilito che l’esistenza di un backup implica necessariamente l’esistenza di una copia del file precedente. Una motivazione, questa, che contrasta con un precedente caso del 2004, in occasione del quale una Corte di Appello aveva sostenuto che i messaggi di posta elettronica ricevuti, letti e immagazzinati nella memoria di un server costituiscono una archiviazione “per ragione di protezione di backup” definita, per questo motivo, anche come “memoria elettronica”. Dunque, dal momento che i messaggi del caso in questione non sono stati mantenuti solo temporaneamente dal fornitore del servizio né sono stati raggiunti sul disco rigido del querelante, non è completamente chiaro come lo Stored Communications Act possa applicarsi ai servizi di webmail.

Si tratta di dubbi che, secondo i giuristi, dovrebbero spingere la Corte Suprema o il Congresso ad aggiornare un regolamento legislativo che appare datato rispetto allo sviluppo della tecnologia. “Il caso del South Carolina rappresenta un’ulteriore prova di quanto inapplicabile e inconsistente sia diventata la nostra disciplina di regolamento sulla sorveglianza elettronica”, è il commento di Woodrow Hartzog, professore di Legge presso l’università di Samford.

Il problema concerne la comprensione della giusta percezione dell’uso dell’email da parte degli utenti , che non sembra essere affrontata dalle discussioni circa i backup , le copie temporanee, la distinzione tra messaggi letti e non letti. Una questione che, quindi, dovrebbe essere trattata dal legislatore e dalle parti politiche che non sembrano aver trovato ancora un accordo in merito all’aggiornamento dello Stored Communications Act.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • 633.41 scrive:
    Re: Bubbole e pinzillacchere
    - Scritto da: panda rossa
    - Scritto da: 633.41



    E il principio di "PRESUNZIONE DI
    INNOCENZA"

    e


    quell'altro che dice "IN DUBIO PRO REO"
    si


    applicano SEMPRE proprio perche' ci sono

    quelle


    RARE ECCEZIONI che hai giustamente
    messo
    in


    evidenza.

    E che c'entra? Era per riconoscere un sito di

    materiale piratato. Cosa che ben sai fare,
    ma
    ti

    va solo di

    trollare.

    C'entra, c'entra.
    Tu pretendi di far passare il messaggio che nel
    dubbio e' meglioprendere una serie di precauzioni, oppure
    allontanarsi da quel sito
    dubbio, io invece sto affermando che un sito
    dubbio non e' un sito illegale (se lo fosse
    sarebbe chiuso), e quindi applicando la
    presunzione di innocenza, si puo' e si deve
    scaricare.



    Deve proprio essere per la paura delle

    sanzioni


    della 633/41 che la gente

    se proprio lo vuol fare, almeno inizia a
    prendere

    le sue precauzioni: Tor, no cronologia, no
    cache,

    ecc.

    Avevo proprio bisogno dei tuoi consigli, guarda.Servivano innanzitutto a chiarire la mia posizione riguardo al problema; e comunque a qualche lettore potrebbero servire.



    <s
    ha smesso di scaricare


    e le videoteche sono tornate a
    riempirsi
    di


    clienti. </s






    È da un bel po' che stanno

    martellando


    con



    l'"avviso adeguato" contro la
    pirateria



    audiovisiva. Puoi giurare di non
    averlo

    mai



    visto?





    Quale, quello che si avvale di una
    colonna

    sonora


    per la quale non sono stati pagati i
    diritti


    d'autore, per caso?

    Due pesi e due misure...

    Un peso e una misura: io non do' alcun credito ai
    pirati.



    Posso anche averlo visto, ma posso dare


    credibilita' ad un promo sicuramente
    illegale


    visto che non ha pagato i diritti per la

    colonna


    sonora?

    Però almeno ne hai sentore e ti informi su
    come

    stiano realmente le cose, ad esempio
    leggendoti

    personalmente cosa prevede la legge italiana

    vigente al riguardo.

    Che c'entra la legge italiana?Perché è da millanta post che si sta parlando dell'utente italiano. :)
    In svizzera scaricare non e' illegale.E neanche l'upload senza fini di lucro.
  • uno qualsiasi scrive:
    Leggi obsolete
    <i
    Pensare che le leggi cambiano proprio perchè diventano inadeguate (o non lo sono mai state) per certi personaggi non è contemplabile, perchè l'ottusita' è il loro mito, la persecuzione per far rispettare le leggi il loro obbiettivo. </i
    Solo che a scriverlo è un videotecaro... per lamentarsi dell'amministratore del suo forum!http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=30669Ovviamente, quando invece si parla di copyright, loro sono pronti a gridare "al ladro" e a dire "la legge dice così, e non va cambiata mai"
  • uno qualsiasi scrive:
    OT: videotecheforum in crisi?
    http://www.pantareiweb.com/body/forum/3/viewtopic.php?f=2&t=9960http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=30647&st=0Pare che sia in corso una bella lite, con la possibilità che molti abbandonino il forum.Chi ha cominciato? Carlo, ovviamente!
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: OT: videotecheforum in crisi?
      - Scritto da: uno qualsiasi
      http://www.pantareiweb.com/body/forum/3/viewtopic.

      http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=

      Pare che sia in corso una bella lite, con la
      possibilità che molti abbandonino il
      forum.

      Chi ha cominciato? Carlo, ovviamente!Questa sera evito di guardarmi Matteo Montesi su Youtube, e i popcorn me li mangio mentre leggo le loro stupidaggini.
  • MeX scrive:
    tutto confermato...
    "il 79 per cento degli scariconi risulterebbe nella fascia anagrafica 18-29 anni"Poi quando hai una vita da gestire fai due click per comprartele le cose visto che non puoi perdere le giornate a cercare torrent
    • sia in tema e contribuis ca scrive:
      Re: tutto confermato...
      - Scritto da: MeX
      "il 79 per cento degli scariconi <b
      statunitensi e tedeschi </b
      risulterebbe
      nella fascia anagrafica 18-29 anni"fixed!
      Poi quando hai una vita da gestire fai due click
      per comprartele le cose visto che non puoi
      perdere le giornate a cercare torrentfilehosting, questo sconosciuto... (newbie)
    • anon scrive:
      Re: tutto confermato...
      - Scritto da: MeX
      Poi quando hai una vita da gestire fai due click
      per comprartele le cose visto che non puoi
      perdere le giornate a cercare torrentLoL! Ma se è molto più veloce fare due click per cercare un torrent che star lì a far tutta la trafila burocratica per comprare (registrarsi, scegliere il metodo di pagamento, ecc.)E' semplicemente ovvio e scontato che le nuove generazioni siano più avvezze all'uso delle nuove tecnologie (e più restie a pagare) rispetto agli over 40-50.Anche perché a 29 anni si suppone tu abbia già una "vita da gestire".
    • dontfeed in sciopero scrive:
      Re: tutto confermato...
      - Scritto da: MeX
      "il 79 per cento degli scariconi risulterebbe
      nella fascia anagrafica 18-29
      anni"

      Poi quando hai una vita da gestire fai due click
      per comprartele le cose visto che non puoi
      perdere le giornate a cercare
      torrentSemplicemente quelli + vecchi (che spesso usano prodotti Apple) non sono abbastanza in gamba da trovare i torrent in due click.
      • panda rossa scrive:
        Re: tutto confermato...
        - Scritto da: dontfeed in sciopero
        - Scritto da: MeX

        "il 79 per cento degli scariconi risulterebbe

        nella fascia anagrafica 18-29

        anni"



        Poi quando hai una vita da gestire fai due
        click

        per comprartele le cose visto che non puoi

        perdere le giornate a cercare

        torrent

        Semplicemente quelli + vecchi <b
        e ignoranti </b
        (che spesso usano
        prodotti Apple) non sono abbastanza in gamba da
        trovare i torrent in due
        click.Fixed.Quelli come me che sono abbastanza vecchi da aver visto nascere gli home computer e i PC, e che li sanno usare, preferisce un contagio di peste bubbonica che un prodotto apple.
        • yogavidya scrive:
          Re: tutto confermato...
          Sottoscrivo tre volte! Quando vedono il mio tablet e mi chiedono "è un ipad?" sussulto come se mi avessero detto qualcosa di estremamente ineducato.
          • FinalCut scrive:
            Re: tutto confermato...
            - Scritto da: yogavidya
            Sottoscrivo tre volte! Quando vedono il mio
            tablet e mi chiedono "è un ipad?" sussulto come
            se mi avessero detto qualcosa di estremamente
            ineducato.Secondo me rosichi ogni volta per avere scelto un prodotto mediocre dotato di software ancora peggiore e poco ottimizzato... ;)Non voglio iniziare un flame, dico solo che tu non potresti utilizzare il tablet come faccio io, mente io potrei farlo come lo utilizzi tu e con maggior profitto, ma in un forum non posso dimistrartelo, quindi questa discussione finisce qui.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: tutto confermato...
            per la serie "io sò io e voi non siete un c4zz0".quanti specchi hai in casa?
          • FinalCut scrive:
            Re: tutto confermato...
            - Scritto da: uno qualsiasi
            per la serie "io sò io e voi non siete un c4zz0".

            quanti specchi hai in casa?Ho due amici che usano un Galaxy Tab e un Motorola Xoom, prenderli in giro è come sparare sulla croce rossa ogni volta che tentano di farmi vedere i limiti dell'iPad finiscono solo con il capire i limiti del loro tablet.Su Android c'è una enorme quantità di software gratuito ma di bassa qualità, su iPad paghi 4 di media ma hai software di alto livello.PS: e comunque tra un po mi cambio nick e avatar, divento "Il Marchese" ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 ottobre 2012 20.47-----------------------------------------------------------
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: tutto confermato...

            Su Android c'è una enorme quantità di software
            gratuito ma di bassa qualità, su iPad paghi 4
            di media ma hai software di alto
            livello.Che vantaggi ti dà? Ti rendi solo ridicolo.

            PS: e comunque tra un po mi cambio nick e avatar,
            divento "Il Marchese"
            ;)Quindi immagino che il tuo avatar sarà così:[img]http://images3.wikia.nocookie.net/__cb20100120182553/nonciclopedia/images/f/fe/Assorbente_sXXXXX.jpg[/img]
          • panda rossa scrive:
            Re: tutto confermato...
            - Scritto da: FinalCut
            - Scritto da: uno qualsiasi

            per la serie "io sò io e voi non siete un
            c4zz0".



            quanti specchi hai in casa?

            Ho due amici che usano un Galaxy Tab e un
            Motorola Xoom, prenderli in giro è come sparare
            sulla croce rossa ogni volta che tentano di farmi
            vedere i limiti dell'iPad finiscono solo con il
            capire i limiti del loro
            tablet.E questi amici che competenze informatiche avrebbero?Lo sai che tu in ambito videofotografico saresti in grado di fare cose con strumenti di bassa qualita', che io non saprei fare neppure con la miglior strumentazione possibile?E quindi questo ti basterebbe a dimostrare che quello che usi tu e' meglio di quello che uso io?Dammelo a me il galaxy tab che ti faccio vedere io che cosa l'ipad non potra' mai neanche sognarsi di fare.
            Su Android c'è una enorme quantità di software
            gratuito ma di bassa qualità, C'e' anche quello di elevata qualita'.
            su iPad paghi 4
            di media ma hai software di alto
            livello.Come iFart, dici?
            PS: e comunque tra un po mi cambio nick e avatar,
            divento "Il Marchese"
            ;)No, dai... siamo tutti abituati a vedere l'obiettivo.
          • FinalCut scrive:
            Re: tutto confermato...
            - Scritto da: panda rossa
            E questi amici che competenze informatiche
            avrebbero?Uno di questi è uno sviluppatore LAMP e JAVA, sta anche imparando a sviluppare su Android.L'altro è un mio collega e vorrebbe farci più o meno quello che io faccio con l'iPad.
            Lo sai che tu in ambito videofotografico saresti
            in grado di fare cose con strumenti di bassa
            qualita', che io non saprei fare neppure con la
            miglior strumentazione
            possibile?

            E quindi questo ti basterebbe a dimostrare che
            quello che usi tu e' meglio di quello che uso
            io?No, infatti.
            Dammelo a me il galaxy tab che ti faccio vedere
            io che cosa l'ipad non potra' mai neanche
            sognarsi di
            fare.Tipo?

            Su Android c'è una enorme quantità di
            software

            gratuito ma di bassa qualità,

            C'e' anche quello di elevata qualita'.


            su iPad paghi 4

            di media ma hai software di alto

            livello.

            Come iFart, dici?No, software di Qualità... e sai benissimo quello che intendo.
          • panda rossa scrive:
            Re: tutto confermato...
            - Scritto da: FinalCut
            - Scritto da: panda rossa

            E questi amici che competenze informatiche

            avrebbero?

            Uno di questi è uno sviluppatore LAMP e JAVA, sta
            anche imparando a sviluppare su
            Android.Evidentemente non ha tutta questa profonda conoscenza di android.
            L'altro è un mio collega e vorrebbe farci più o
            meno quello che io faccio con
            l'iPad.Nessun device con android puo' sostituire la funzione primaria dell'equivalente device apple, che sarebbe quella di andare al bar ad ostentare il giocattolo e dire "Ao' guarda come so' figo io con l'ipad!"

            Lo sai che tu in ambito videofotografico
            saresti

            in grado di fare cose con strumenti di bassa

            qualita', che io non saprei fare neppure con
            la

            miglior strumentazione

            possibile?



            E quindi questo ti basterebbe a dimostrare
            che

            quello che usi tu e' meglio di quello che uso

            io?

            No, infatti. Appunto. Gli strumenti migliori hanno una migliore resa solo se stanno nelle giuste mani.

            Dammelo a me il galaxy tab che ti faccio
            vedere

            io che cosa l'ipad non potra' mai neanche

            sognarsi di

            fare.

            Tipo?Scaricare un XXXXX? (anonimo)
            No, software di Qualità... e sai benissimo quello
            che
            intendo.Il mio sguardo sull'orizzonte del software libero arriva solo dove c'e' scritto zero euro.Oltre non mi interessa andare. Non ne ho bisogno.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: tutto confermato...

            PS: e comunque tra un po mi cambio nick e avatar,
            divento "Il Marchese"
            ;)Il tuo avatar sarà questo, immagino:[img]http://images3.wikia.nocookie.net/__cb20100120182553/nonciclopedia/images/f/fe/Assorbente_sXXXXX.jpg[/img]
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: tutto confermato...

            PS: e comunque tra un po mi cambio nick e avatar,
            divento "Il Marchese"
            ;)Per fare il caffè una volta al mese.
          • yogavidya scrive:
            Re: tutto confermato...
            - Scritto da: FinalCut
            Secondo me rosichi ogni volta per avere scelto un
            prodotto mediocre dotato di software ancora
            peggiore e poco
            ottimizzato...Come ti permetti? Io parlo di quello che sento, argomento sul quale sono la massima autorità. E la ragione del mio sentire è che provo profondo disprezzo per il tentativo di Apple di cavalcare il più grande cambiamento nella storia dell'umanità deviandolo per fini di vantaggio economico. E questo prescinde da qualsiasi tipo di confronto tra il mio tablet, che io adoro, ed un iQualsiasiCosa. Guadagno bene e spendo molto, da bravo geek, in elettronica consumer e strumenti di lavoro informatici - e non è certo, il mio, un "vorrei ma non posso". Faccio i complimenti ai miei amici per i loro device Apple, belli e funzionali. Quanto a me, per principio non voglio dare un centesimo dei miei soldi ad Apple. Ho il tuo permesso? Grazie.
          • panda rossa scrive:
            Re: tutto confermato...
            - Scritto da: yogavidya
            Quanto a me, per
            principio non voglio dare un centesimo dei miei
            soldi ad Apple. Ho il tuo permesso?
            Grazie.Ma ti metti a discutere di religione con un fondamentalista religioso?Pensi forse di convincerlo?Lascia perdere: digli che grazie a lui hai visto la luce, che domani comprerai un ipad, e cosi' la smette.
          • krane scrive:
            Re: tutto confermato...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: yogavidya

            Quanto a me, per

            principio non voglio dare un centesimo

            dei miei soldi ad Apple. Ho il tuo permesso?

            Grazie.
            Ma ti metti a discutere di religione con un
            fondamentalista religioso?
            Pensi forse di convincerlo?Infatti: fai agli altri quello che gli altri farebbero a te: inquisizione e pira.
            Lascia perdere: digli che grazie a lui hai visto
            la luce, che domani comprerai un ipad, e cosi' la
            smette.
          • yogavidya scrive:
            Re: tutto confermato...
            :) Ma no, figurati, e chi vuole convincere chi? Ma queste uscite del tipo "secondo me rosichi", insomma, un po gli RPM li fanno aumentare...
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: tutto confermato...
      Due click? Per scaricare gratis (anche senza torrent) ne basta uno.
      • NemoTizen scrive:
        Re: tutto confermato...
        si dopo che gli hai dato la carta di credito e hai firmato un contratto in cui dice che se gli rode te lo possono mettere dietro quante volte vogliono.Ah e che la copia che stai pagando non è tua...
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: tutto confermato...
          - Scritto da: NemoTizen
          si dopo che gli hai dato la carta di credito e
          hai firmato un contratto in cui dice che se gli
          rode te lo possono mettere dietro quante volte
          vogliono.
          Ah e che la copia che stai pagando non è tua...A chi stai rispondendo? Io non sto pagando nessuna copia.Forse volevi rispondere a mex?
  • KoRRo scrive:
    chiedete agli artisti...
    una volta tanto vorrei portare un esperienza personale... qualche anno fa mi hanno parlato di un gruppo molto interessante... ovviamente visto che rientro nella categoria degli studenti squattrinati citata da qualcuno in un commento ho scaricato un paio di loro cd... i cd mi sono piaciuti e in un secondo momento ho acquistato l'intera discografia... per l'ultimo cd il gruppo cd ha deciso di autoprodursi e hanno chiesto ai fan di finanziarli preacquistando il cd a scatola chiusa oppure un pacchetto con cd + maglietta esclusiva per i preordini... per fortuna avevo un po di soldi da parte e ho preso il cd+maglietta... e non conto nemmeno le entrate ai concerti... chiedete a gruppi con le palle come loro se la pirateria è un danno, e non alle majoror a cui interessano solo i soldi e non gli artisti...
    • ZoRRo scrive:
      Re: chiedete agli artisti...
      tu l'hai chiesto a loro? che ti dicono?
      • KoRRo scrive:
        Re: chiedete agli artisti...
        penso che qualunque artista preferisca vendere 3 cd, un cd in prevendita, vario merchandising e biglietti dei concerti senza rimetterci niente... i cd scaricati li ho comprati, e nel frattempo non sono calati di prezzo... se non avessi scaricato niente da me non avrebbero avuto niente... ci avrebbero rimesso loro e anch'io... hai qualche dubbio che preferiscano vendere a non vendere?
  • diabolik scrive:
    dignità
    Io sono un ladro ma almeno ho un etica, ho una diginita, al contrario dei signori del copyright.
    • Sgabbio scrive:
      Re: dignità
      Ma hai ucciso più gente te che un presidente degli stati uniti medio.
      • diabolik scrive:
        Re: dignità
        - Scritto da: Sgabbio
        Ma hai ucciso più gente te che un presidente
        degli stati uniti
        medio.Io uccido solo chi vuole fregarmi mai gli indifesi. Io non provocò i danni collaterali.
  • gianfranco scrive:
    vivere
    Voi è il vostro progresso che chiamate internet ma non ci pensate a noi che lavoriamo alla SIAE. Io, mia moglie, i miei figli, mia suocera, lo zio, la zia, i nipoti, i cugini, il genero, mio fratello, mia sorella, la nuora, gli amici. Chi pensa a noi! Senza la nostra percentuale che ci prendiamo per diritto di legge su opere o spettacoli fatti da altri come facciamo a vivere, siete senza cuore.Se volete scaricare tutto da internet allora propongo di pagare una percentuale sull'abbonamento flat adsl che vada alla SIAE...
    • dontfeed in sciopero scrive:
      Re: vivere
      Andare a lavorare proprio no, eh?
      • gianfranco scrive:
        Re: vivere
        - Scritto da: dontfeed in sciopero
        Andare a lavorare proprio no, eh?Ma chi ha parlato di lavorare a noi ci basta lo stipendio...
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: vivere
      Semplice: non vivete più. Ve ne andate.Possiamo fare a meno di voi.
    • dalek scrive:
      Re: vivere
      tu e la casta finirete nella XXXXX
    • FDG scrive:
      Re: vivere
      - Scritto da: gianfranco
      Voi è il vostro progresso che chiamate internet
      ma non ci pensate a noi che lavoriamo alla SIAE.
      Io, mia moglie, i miei figli, mia suocera, lo
      zio, la zia, i nipoti, i cugini, il genero, mio
      fratello, mia sorella, la nuora, gli amici...(rotfl)(rotfl)(rotfl)p.s.: ma gli altri che hanno risposto non hanno capito l'ironia del post? :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 ottobre 2012 10.14-----------------------------------------------------------
      • dontfeed in sciopero scrive:
        Re: vivere
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: gianfranco


        Voi è il vostro progresso che chiamate
        internet

        ma non ci pensate a noi che lavoriamo alla
        SIAE.

        Io, mia moglie, i miei figli, mia suocera, lo

        zio, la zia, i nipoti, i cugini, il genero,
        mio

        fratello, mia sorella, la nuora, gli amici...

        (rotfl)(rotfl)(rotfl)




        p.s.: ma gli altri che hanno risposto non hanno
        capito l'ironia del post?
        :DOppure?
    • Funz scrive:
      Re: vivere
      - Scritto da: gianfranco
      Voi è il vostro progresso che chiamate internet
      ma non ci pensate a noi che lavoriamo alla SIAE.
      Io, mia moglie, i miei figli, mia suocera, lo
      zio, la zia, i nipoti, i cugini, il genero, mio
      fratello, mia sorella, la nuora, gli amici. Chi
      pensa a noi! Senza la nostra percentuale che ci
      prendiamo per diritto di legge su opere o
      spettacoli fatti da altri come facciamo a vivere,
      siete senza
      cuore.Tutti in mezzo alla strada! :p
      Se volete scaricare tutto da internet allora
      propongo di pagare una percentuale
      sull'abbonamento flat adsl che vada alla
      SIAE...ma col cavolo! :p
  • un osservator e scrive:
    per LUCO
    Una curiosità senza intento polemico: ma non pensi che qualcuno prima o poi ti possa denunciare? Non temi le conseguenze?
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: per LUCO
      Ti faccio notare che sia luco, sia le persone da lui insultate, sono anonimi (usano un nick).L'anonimato protegge nei due sensi: se chi offende è anonimo, è più difficile rintracciarlo e denunciarlo. Ma se è la persona offesa ad essere anonima, l'anonimato stesso impedisce di dimostrare che ci sia stato un danno.In altre parole: se io ti insultassi adesso, che danno ne avresti? Nessuno: anche le persone che ti conoscono non sanno che tu qui stai usando il nick "un osservatore", quindi non si accorgerebbero che gli insulti erano rivolti a te. La tua reputazione, nella vita reale, non avrebbe nessun danno; e la tua reputazione qui... quella è irrilevante, perchè è la reputazione di un nickname, di una persona che dal punto di vista giuridico non esiste (non esistono documenti ufficiali in cui compari con quel nome). Quindi, di fatto non avresti nessun danno; e per denunciare chi ti insulta, devi invece dimostrare che tale comportamento ti ha causato un danno (morale o materiale), ne consegue che non puoi denunciare nessuno.Diverso è il discorso se offendi chi si firma con nome e cognome.
      • un osservator e scrive:
        Re: per LUCO
        Interessante, grazie.
      • Fai il login o Registrati scrive:
        Re: per LUCO
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Ti faccio notare che sia luco, sia le persone da
        lui insultate, sono anonimi (usano un
        nick).Alcuni insultati da questo tizio lo sono anche per nome e cognome, ad esempio nel suo profilo su PI.Quindi?
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: per LUCO
      - Scritto da: un osservator e
      Una curiosità senza intento polemico: ma non
      pensi che qualcuno prima o poi ti possa
      denunciare?No perché gli spaccherei il XXXX con la controdenuncia per CALUNNIA. Le persone che offendo mi hanno dato del LADRO e io sono in grado di dimostrare che tutto quello che ho non è stato tolto a nessuno, che ne ha ancora la disponibilità.In ogni caso, se non gli spacco il XXXX legalmente, glielo vado a spaccare fisicamente. E loro devono starsi zitti visto che sono i primi a ingiuriare ("sono ladri di film" sì? se avessi la pellicola del film la userei per avvolgerla intorno ai loro corpi e dare fuoco), diffamare ("Kim Dotcom il lardoso ciccione", detto poi da un nano che pesa 10 volte quello che pesa lui...), bannare a vanvera (chiedi a maruni) o minacciare di morte (chiedi a Massimo Piscopo).
      Non temi le conseguenze?Ma secondo te devo aver paura di mafiosi del genere? A me i mafiosi fanno schifo, mica paura. No, non temo le conseguenze, qualunque saranno sarà peggio per loro, in un modo o nell'altro.Il primo videotecaro che mi denuncia vado nella sua videoteca e mi prendo tutti i film per copiarmeli. Però poi non glieli restituisco. Almeno se mi dà del ladro, che io lo diventi sul serio.Chi altro dovrebbe denunciarmi? Il bergamasco laureatosi solo grazie al CEPU e che ha manifesta ignoranza del diritto internazionale? Chi, quello che ha oscurato un intero blog solo perché c'erano due articoli che davano fastidio al suo compagno di merende degli incontri mafiosi?O magari il nano di Verona, quello che si ingozza di pandori dalla mattina alla sera e che è diventato, come detto, molto più obeso di Kim Dotcom essendo la sua altezza un quinto di quest'ultimo?O il pagliaccio romano, quello che si inventa nuovi sistemi per truffare il fisco italiano e poi fa il santerellino?O l'altro pagliaccio di Firenze, quello che non ha il coraggio di mostrarsi?Di chi dovrei aver paura, degli "Allibito" anonimi che non hanno nemmeno il coraggio di registrarsi? E che però sono velocissimi a bannare chi come maruni aveva detto che spammavano le caselle degli admin dell'altro forum violandone il relativo regolamento e che poi pretendono di fare il bello e il cattivo tempo sul fohe?Di chi dovrei aver paura? Del nano di Arcore amico dei mafiosi Dell'Utri e Mangano condannati con sentenza definitiva?O magari dovrei aver paura dei Bubble, super esperti della rete, che dicono che le VPN non servono a nulla?O infine dovrei aver paura dei pagliacci come Lucia Annunziata (non quella di in mezz'ora) che rompono i maroni perché dico la verità?Ma secondo te dovrei aver paura di questa gentaglia di XXXXX?Non mi fanno paura i mafiosi che sono gli unici ad averci DAVVERO perso grazie alla pirateria, ora cosa dovrei fare, rinfoltire le mafie e dire "scusate ragazzi non scaricate più niente, tornate a comprare i masterizzati a 3 euro"?Ma stiamo scherzando?Ma per chi XXXXX mi hai preso?Forse mi credi pure tu un ragazzino come quei falliti videotechini dei miei stivali?Allora ribadisco che di anni ne ho quasi quaranta.
  • prova123 scrive:
    Questo è un problema voluto ...
    da chi ha spinto ha tutti costi la globalizzazione ... gli è piaciuto aprire il vaso di Pandora ? ... azzi loro ... per me possiamo cadere tutti per terra, chi sta più in alto sicuramente sicuramente batterà il XXXX più forte, s'est la vie. :)
  • Basta Pirateria scrive:
    Bubbole e pinzillacchere
    Chi scarica tendenzialmente non compra 'na fava, e sempre tendenzialmente se ne vanta pure.Come ai bei tempi: <b
    Basta con la pirateria </b
    Per chiarezza: <b
    scaricare non è illegale </b
    (almeno qui nel belpaese) :D :D
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Bubbole e pinzillacchere
      - Scritto da: Basta Pirateria
      Chi scarica tendenzialmente non compra 'na fava,
      e sempre tendenzialmente se ne vanta
      pure.

      Come ai bei tempi:
      <b
      Basta con la pirateria </b
      come ha detto quello che ha creato la ALL IBERIAN
    • Sgabbio scrive:
      Re: Bubbole e pinzillacchere
      ma anche no.
    • Carlo scrive:
      Re: Bubbole e pinzillacchere
      - Scritto da: Basta Pirateria
      Per chiarezza:
      <b
      scaricare non è illegale </b

      (almeno qui nel belpaese) :D :D Traditore della causa!!! :@
      • Basta Pirateria scrive:
        Re: Bubbole e pinzillacchere
        - Scritto da: Carlo
        - Scritto da: Basta Pirateria

        Per chiarezza:

        <b
        scaricare non è illegale
        </b



        (almeno qui nel belpaese) :D :D

        Traditore della causa!!! :@Tempo fa ho avuto una illuminante chiacchierata proprio con Panda Rossa che mi ha chiarito un po' le cose.bye
        • Allibito dove sei scrive:
          Re: Bubbole e pinzillacchere
          - Scritto da: Basta Pirateria
          - Scritto da: Carlo

          - Scritto da: Basta Pirateria


          Per chiarezza:


          <b
          scaricare non è illegale

          </b





          (almeno qui nel belpaese) :D :D



          Traditore della causa!!! :@

          Tempo fa ho avuto una illuminante chiacchierata
          proprio con Panda Rossa che mi ha chiarito un po'
          le cose.E pure il baluardo 'Basta Pirateria' abbandona lo schieramento dei cattivi! :)Link dell'illuminazione plz? Così magari si converte pure Allibito. ;) (rotfl) p) (rotfl) p) (rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Allibito dove sei
            Link dell'illuminazione plz? Così magari si
            converte pure Allibito. ;)Se vuoi c'e' una diapositiva[img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/8c/Caravaggio_-_La_conversione_di_San_Paolo.jpg/300px-Caravaggio_-_La_conversione_di_San_Paolo.jpg[/img]
          • Allibito dove sei scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Allibito dove sei


            Link dell'illuminazione plz? Così magari si

            converte pure Allibito. ;)

            Se vuoi c'e' una diapositivaIn effetti ti perseguitava... (rotfl)Al di là degli scherzi, ero interessato ai motivi che gli hai addotto per ottenere una simile conversione. Potresti per favore mettere il link di tale discussione?
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Allibito dove sei
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Allibito dove sei




            Link dell'illuminazione plz? Così
            magari
            si


            converte pure Allibito. ;)



            Se vuoi c'e' una diapositiva

            In effetti ti perseguitava... (rotfl)

            Al di là degli scherzi, ero interessato ai motivi
            che gli hai addotto per ottenere una simile
            conversione. Potresti per favore mettere il link
            di tale
            discussione?E che ne so io?Chiedilo a lui.Le mie argomentazioni sono sempre le solite.Evidentemente l'amico ha un cervello che funziona, e le ha comprese, a differenza degli altri soliti noti.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere

            altri soliti
            noti.Che hanno un diretto interesse economico, non dimentichiamolo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Joe Tornado

            altri soliti

            noti.

            Che hanno un diretto interesse economico, non
            dimentichiamolo.Certo, il cercare di mantenere una rendita da inutile posizione parassitaria.
    • 633.41 scrive:
      Re: Bubbole e pinzillacchere
      - Scritto da: Basta Pirateria
      Per chiarezza:
      <b
      scaricare non è illegale </b

      (almeno qui nel belpaese) :D
      :DNe sei proprio sicuro? <i
      Legge 633/1941, Art. 171-ter, comma 2: </i
      2. È punito con la <b
      reclusione </b
      da uno a quattro anni e con la <b
      multa </b
      da euro 2.582 a euro 15.493 <b
      chiunque </b
      :a) riproduce, <b
      duplica </b
      , trasmette o diffonde <b
      abusivamente </b
      , vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente <b
      oltre cinquanta copie o esemplari </b
      di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi;
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Bubbole e pinzillacchere
        - Scritto da: 633.41
        a) riproduce,La RIPRODUZIONE è una cosa che non ha nulla a che fare: la riproduzione è infatti quella che avviene quando inserisci un cd nel lettore e premi il tasto PLAY.Tant'è che la stessa LDA parla di riproduzione pubblica quando fatta in luogo aperto al pubblico (negozi, locali ecc.). Quindi riproduzione, legalmente, va inteso nel senso di "mettere il disco e premere play" e non di "nuova produzione" (che è forse quello che intendi tu).E ovviamente non è illegale, no non lo è nemmeno se il supporto non fosse originale. La riproduzione pubblica può essere fatta anche da supporti assolutamente masterizzati. Basta pagare la siae (non il bollino, che non c'entra niente) e puoi suonare tutto, pure le scorregge di tuo figlio. Lo stesso vale per le radio, per la cronaca.
        <b
        duplica </b
        ,La duplicazione è solo quella fatta dall'"originale". Che originale non è nemmeno, perché "originale" significa "pezzo unico", mentre quello che chiamano originale è pure lui una copia. Esiste un solo originale della Gioconda di Leonardo da Vinci e si trova al Louvre di Parigi, ma ne esistono molte copie di vario tipo fatte con varie tecnologie, il cui valore va da 0 (immagine digitale) a molte migliaia di euro (copia su tela fatta da pittore di chiara fama).Quindi chi scarica non duplica, semmai chi avrà fatto la prima copia ha duplicato.Chi scarica duplica quindi la copia, non più l'originale e nemmeno la "copia originale" (=ossimoro), che non è quindi soggetta al concetto di duplicazione (è solo l'"originale" che viene duplicato). Nel caso di musica e film poi <b
        NON HA NULLA A CHE VEDERE CON L'ORIGINALE </b
        essendo <b
        DIVERSA </b
        sia dal punto di vista informatico (diversa dimensione, diverso hash) sia dal punto di vista visivo e/o uditivo (un mp3 non è un cd, un divx non è un dvd, un mkv non è un bluray).Quindi non sto scaricando l'opera originale ma una copia degradata che non è l'originale, e non è nemmeno in commercio (specie se parliamo di video).
        trasmette o diffonde <b
        abusivamente
        </b
        ,Chi scarica (non si parlava di p2p) non trasmette e non diffonde.
        vende o pone altrimenti in commercio,Chi scarica non vende e non pone in commercio
        cede a qualsiasi titoloChi scarica non cede, a nessun titolo.
        o importa abusivamenteChi scarica non importa né abusivamente né legalmente, perché con tutta probabilità ciò che scarica è già sul territorio europeo.
        <b
        oltre cinquanta copie o
        esemplari </b
        L'hai detto tu: oltre 50 copie o esemplari.Quindi se scarico solo una copia per ogni opera sono a posto.Del resto, a che pro dovrei scaricarmi 50 copie della stessa opera?P.S. Nessuno di noi è disposto a pagare per gli ossimori. Se tu sei disposto a farlo, pagateli da soli. Noi le copie siamo in grado di farcele da soli, non dobbiamo pagare nessuno per fare un lavoro che sappiamo fare da soli. Esattamente come se voglio una sedia posso andare dal falegname e ordinargliene una, ma posso pure comprarmi il legno e farmela da solo. E il falegname non avrà diritto di dire "eh ma io così come campo": sono problemi suoi. Se poi inventeranno i replicatori e non avrò neanche più bisogno di comprare il legno, neanche il boscaiolo può venirmi a dire "eh ma io così come campo": sono problemi loro, che invece di vendere replicatori pretendono di rimanere ancorati all'accetta e alla XXXX.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 ottobre 2012 03.48-----------------------------------------------------------
        • 633.41 scrive:
          Re: Bubbole e pinzillacchere
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          - Scritto da: 633.41

          a) riproduce,La riproduzione (in questo caso il termine non è accompagnato da ulteriori specificazioni) è farsi una copia, seppur degradata. Un esempio? Nell'art. 71-sexies della stessa legge viene utilizzato proprio con questo significato, ovvero farsi una copia.

          <b
          duplica </b
          ,La duplicazione consiste nel farsi una copia 1:1; nel caso del download l'originale è in remoto. Come evidenziato dal grassetto, è il caso qui pertinente. Questa è pure l'interpretazione recente dei giudici, che, come saprai, è quella che conta di più.
          [...]Nel presente articolo la virgola ha valore disgiuntivo (sostituisce una serie di "o"), quindi basta che si verifichi uno dei casi suddetti: non è richiesta la concomitanza.

          <b
          oltre cinquanta copie o

          esemplari </b


          L'hai detto tu:Ho riportato quanto stabilito dalla legge italiana vigente.
          oltre 50 copie o esemplari."di <u
          opere tutelate </u
          dal diritto d'autore e da diritti connessi"Hai notato il plurale? Se valesse l'interpretazione da te proposta avrebbero messo il singolare. Invece conta il totale.
          Quindi se scarico solo una copia per ogni opera
          <s
          sono a posto </s
          ti inchiappettano. @^
          Del resto, a che pro dovrei scaricarmi 50 copie
          della stessa opera?Appunto: c'è il plurale "di opere tutelate". Quindi conta il totale. Tanto per capirsi: la legge non è orientata ad appioppare"la reclusione da uno a quattro anni e la multa da euro 2.582 a euro 15.493" a chi viene colto in possesso di un singolo cd abusivo con max ~20 brani.
          P.S. [...]Non ho nessun interesse economico diretto in merito.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41


            <b
            duplica </b
            ,
            La duplicazione consiste nel farsi una copia 1:1;Quindi se la copia non è 1:1 non è duplicazione.L'hai detto tu.
            nel caso del download l'originale è in remoto.Non direi proprio. Nel caso di download da un server come megaupload, l'originale è in mano all'uploader che ne ha mandato una copia su megaupload. Sul server quindi non c'è l'originale, c'è una copia.E il download è della copia, non dell'originale.Della copia che (si parlava di film e musica) è una versione degradata, quindi diversa e quindi non è 1:1.Quindi non è duplicazione: l'hai detto tu.
            Come evidenziato dal grassetto, è il caso qui
            pertinente. Questa è pure l'interpretazione
            recente dei giudici, che, come saprai, è quella
            che conta di più.Davvero? Dimmi <b
            UN </b
            caso di anche solo una persona condannata in Italia per aver <b
            SCARICATO </b
            musica o film coperti da copyright.Attenzione, ho scritto scaricato, non condiviso: quindi non da p2p, quindi non è un uploader, quindi senza scopo di <b
            lucro </b
            , quindi non è un webmaster di un sito/blog/forum in cui si diffondevano tali opere o link a tali opere.Non importa cosa succede all'estero, stiamo parlando della legge italiana quindi deve essere un caso italiano.Aspetto il link della sentenza, o almeno di un articolo che ne parla.Se non ce l'hai (e non ce l'hai, perché nessun giudice ha mai condannato nessuno per cose del genere) hai detto XXXXXXcce e ho ragione io.

            P.S. [...]
            Non ho nessun interesse economico diretto in
            merito.Allora hai interesse politico:[yt]tY2F1pxpzwk[/yt]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 ottobre 2012 16.20-----------------------------------------------------------
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: 633.41



            <b
            duplica </b
            ,

            La duplicazione consiste nel farsi una copia
            1:1;

            Quindi se la copia non è 1:1 non è duplicazione.
            L'hai detto tu.


            nel caso del download l'originale è in
            remoto.

            Non direi proprio. Nel caso di download da un
            server come megaupload, l'originale è in mano
            all'uploader che ne ha mandato una copia su
            megaupload.Chiarisciti un po' le idee. In ogni duplicazione di un file, prima hai un solo file che assume il ruolo di originale ed è detto appunto originale, poi, se il procedimento è svolto correttamente, hai due file identici; al secondo file, quello prodotto dall'operazione, si dà il nome di copia. Chiaro?E lascia perdere le XXXXXXcce sulla Gioconda... (rotfl)

            Come evidenziato dal grassetto, è il caso qui

            pertinente. Questa è pure l'interpretazione

            recente dei giudici, che, come saprai, è quella

            che conta di più.Nell'interpretazione dei giudici il concetto di duplicazione comprende il download. E questo ci serve a capire cosa prevede quell'articolo di legge, e a pararci il cu|0 adeguatamente. ;)Che poi nessuno sia stato condannato per questo reato: meglio, no? ;)

            Non ho nessun interesse economico diretto in

            merito.

            Allora hai interesse politico:Assolutamente no. Hai scritto un'altra XXXXXXccia, sai? :@
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Chiarisciti un po' le idee. In ogni duplicazione
            di un file, prima hai un solo file che assume il
            ruolo di originale ed è detto appunto originale,
            poi, se il procedimento è svolto correttamente,
            hai due file identici; al secondo file, quello
            prodotto dall'operazione, si dà il nome di copia.
            Chiaro?
            E lascia perdere le XXXXXXcce sulla Gioconda...
            (rotfl)In tal caso io mi tengo la copia e do' via l'originale.E sono a posto, per tua stessa ammissione.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            Chiarisciti un po' le idee. In ogni
            duplicazione

            di un file, prima hai un solo file che
            assume
            il

            ruolo di originale ed è detto appunto
            originale,

            poi, se il procedimento è svolto
            correttamente,

            hai due file identici; al secondo file,
            quello

            prodotto dall'operazione, si dà il nome di
            copia.

            Chiaro?

            E lascia perdere le XXXXXXcce sulla
            Gioconda...

            (rotfl)
            Intanto ho fatto un po' di chiarezza sul concetto di originale relativamente alla duplicazione, visto che Luco ci sguazzava.
            In tal caso io mi tengo la copia e do' via
            l'originale.Bravo furbo, così incappi nei fini indirettamente commerciali (oltre che a trasgredire la clausola dell'uso esclusivamente personale) e la legittimità della copia privata sfuma.
            E sono a posto,fammici pensare........ No! (rotfl)
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Come volevasi dimostrare, caro il mio XXXXXXcciaro, non postando nemmeno UNA sentenza di condanna di UN downloader in Italia, hai appena implicitamente ammesso che "la visione dei giudici" è quella che ho detto io e che quindi scaricare (e ancor più visionare/ascoltare) opere coperte da copyright non è illegale in Italia.Quello che succede altrove frega nulla in questo contesto.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Come volevasi dimostrare, caro il mio
            XXXXXXcciaro, non postando nemmeno UNA sentenza
            di condanna di UN downloader in Italia, hai
            appena implicitamente ammesso che "la visione dei
            giudici" è quella che ho detto ioEh sì, cerrrto!Ad esempio c'è la sentenza del 9 gennaio 2007, n. 149 della terza sezione penale della Corte di Cassazionehttp://www.penale.it/page.asp?mode=1&IDPag=403che, pur essendosi (giustamente) rivelata favorevole agli imputati, ci fa capire come interpretano i giudici il nesso download-duplicazione:"È opportuno premettere che appare pienamente condivisibile, con riferimento all'elemento materiale della fattispecie delittuosa principale, l'affermazione della impugnata sentenza, secondo la quale <u
            le operazioni di download </u
            sul server ftp e dallo stesso sui computer delle persone che si collegavano al sito, <u
            implica necessariamente la duplicazione del materiale informativo e, più in generale, delle opere dell'ingegno protette dal diritto d'autore </u
            oggetto dell'operazione, sicché sotto il citato profilo vi è sostanziale coincidenza tra i fatti ascritti agli imputati e le ipotesi criminose ritenute dai giudici di merito."In questo caso sia i giudici di merito che quelli della Cassazione concordano sul fatto che le operazioni di download dal server sul computer dell'utente, implicano necessariamente la duplicazione del materiale informativo e, più in generale, delle opere dell'ingegno protette dal diritto d'autore.La duplicazione abusiva, anche se per uso personale e senza fini di lucro, è esplicitamente vietata dalla 633/41, in cui non compaiono espressamente termini quali scaricamento o download perché compresi nel concetto più ampio di duplicazione.
            e che quindi
            scaricare (e ancor più visionare/ascoltare) opere
            coperte da copyright non è illegale in
            Italia.Fosse vero quello che affermi qui, perché tanta cura nel pararti il cu|0?Pure ipocrita sei, oltre che XXXXXXX E CAFONE!
            Quello che succede altrove frega nulla in questo
            contesto.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            Come volevasi dimostrare, caro il mio

            XXXXXXcciaro, non postando nemmeno UNA
            sentenza

            di condanna di UN downloader in Italia, hai

            appena implicitamente ammesso che "la
            visione
            dei

            giudici" è quella che ho detto io
            Eh sì, cerrrto!

            Ad esempio c'è la sentenza del 9 gennaio 2007, n.
            149 della terza sezione penale della Corte di
            Cassazione
            http://www.penale.it/page.asp?mode=1&IDPag=403
            che, pur essendosi (giustamente) rivelata
            favorevole agli imputati,Quindi non è una condanna.Quindi ho ragione io.Vuoi girarla in un altro modo?IN ITALIA NON SI VIENE CONDANNATI SE SI SCARICA MATERIALE COPERTO DA COPYRIGHT E LA PROVA E' CHE NESSUNO E' MAI STATO CONDANNATO PER QUESTO.Ora prova a smentire la frase qui sopra.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Come volevasi dimostrare, caro il mio
            XXXXXXcciaro,TU hai sputato sentenze che reputo offensive riguardo alla mia persona totalmente sbagliate ed incompatibili con quanto avevo scritto nei miei post precedenti. Bastava leggerli con attenzione.Io affermavo e affermo che la legge italiana vigente vieta il download di materiale piratato, che quindi è illegale. Legge 633/1941, Art. 171-ter, comma 2:2. È punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da euro 2.582 a euro 15.493 <b
            chiunque </b
            :a) riproduce, <b
            duplica </b
            , trasmette o diffonde <b
            abusivamente </b
            , vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente <b
            oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi </b
            ;Da notare che per l'applicabilità di questa norma non sono richiesti i fini di lucro.Tu facevi (fai) finta di non capire che il download (o scaricamento) è un caso particolare di duplicazione.Non ne sei convinto? Ecco un semplice esempio.C'è un file zip su un server ed il link relativo a quel file lì è in una pagina web che il tuo browser sta visualizzando. Fai clic sul link, confermi e dopo un po' ti trovi la copia esatta di quel file lì sul tuo hard disk. Hai eseguito una duplicazione del file zip che prima era solo sul server e ora è sia sul server che sul tuo hard disk. Questa operazione è pure comunemente detta download (o scaricamento).Poi questo file zip sul tuo hard disk lo copi anche in un'altra cartella del tuo hard disk. Hai ora eseguito una duplicazione, ma stavolta non è un download (o scaricamento).Quindi il concetto di duplicazione comprende in sè il concetto di download (o scaricamento), ma non si esaurisce ad esso. Ovvero il download (o scaricamento) è un caso particolare di duplicazione.Quindi se la legge italiana vigente vieta la duplicazione di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi ai soggetti che non hanno il diritto di effettuarla ("abusivamente"), allora automaticamente la legge italiana vigente vieta pure il caso particolare di duplicazione rappresentato dal download (o scaricamento) di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi a soggetti che non hanno il diritto di effettuarlo.Quando la legge italiana vigente vieta una certa azione, quell'azione è illegale in Italia.CVD, e senza scomodare i giudici della Cassazione... ;-)
            non postando nemmeno UNA sentenza
            di condanna di UN downloader in Italia,Irrilevante ai fini di sapere se la legge italiana vigente vieta o meno il download di materiale piratato: lo sanziona pesantemente. Questo però già lo sapevi visto che in questo forum hai più volte menzionato le precauzioni che prendi al riguardo.
            hai
            appena implicitamente ammessoma neanche per sogno (rotfl)
            che "la visione dei
            giudici" è quella che ho detto io e che quindi
            scaricare (e ancor più visionare/ascoltare) opere
            coperte da copyright non è illegale in Italia.È illegale, tuttalpiù resta impunito. Che son due cose ben diverse. Detto per inciso, l'85% (circa) dei reati denunciati in Italia resta impunito. L'impunità implica che tali azioni non erano illegali?
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            Come volevasi dimostrare, caro il mio

            XXXXXXcciaro,
            TU hai sputato sentenze che reputo offensive
            riguardo alla mia persona totalmente sbagliate ed
            incompatibili con quanto avevo scritto nei miei
            post precedenti. Bastava leggerli con
            attenzione.

            Io affermavo e affermo che la legge italiana
            vigente vieta il download di materiale piratato,
            che quindi è illegale.E uno come fa a sapere che tale materiale e' piratato?Se e' disponibile al download e' legale.Quando non e' legale, il sito viene fatto chiudere.Finche' il sito e' aperto, si suppone che sia legale.Ergo, tutto cio' che si scarica non e' piratato quindi e' legale.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            E uno come fa a sapere che tale materiale e'
            piratato?Davvero non lo sai?
            Se e' disponibile al download e' legale.No, non tutto ciò che è disponibile lo è.
            Quando non e' legale, il sito viene fatto
            chiudere.No. Sarebbe la gioia di Allibito, ma non è così.
            Finche' il sito e' aperto, si suppone che sia
            legale.Anche dopo aver letto il "disclaimer" che scarica tutta la responsabilità della liceità dei contenuti sugli upper?
            Ergo, tutto cio' che si scarica non e' piratato
            quindi e' legale.Zoppicando le premesse, la conclusione è falsa.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: panda rossa

            E uno come fa a sapere che tale materiale e'

            piratato?
            Davvero non lo sai?Io so che non lo e'.Non e' compito mio fare il vigile o il perito.Finche' il sito di PI sara' accessibile, io presumo che sia lecito.Il giorno che non lo fosse piu' qualcuno lo chiudera'.E questo vale per tutte le informazioni presenti in rete.

            Se e' disponibile al download e' legale.
            No, non tutto ciò che è disponibile lo è.Liberissimo di rinunciare ai tuoi diritti di fruitore.Ma non puoi costringere me a rinunciare ai miei.

            Quando non e' legale, il sito viene fatto

            chiudere.
            No. Sarebbe la gioia di Allibito, ma non è così.Raccontaci la tua versione allora.

            Finche' il sito e' aperto, si suppone che sia

            legale.
            Anche dopo aver letto il "disclaimer" che scarica
            tutta la responsabilità della liceità dei
            contenuti sugli
            upper?Io non so l'inglese. "disclaimer" e' forse roba che si mangia?

            Ergo, tutto cio' che si scarica non e'
            piratato

            quindi e' legale.
            Zoppicando le premesse, la conclusione è falsa.Le premesse sono solide.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: panda rossa

            E uno come fa a sapere che tale materiale e'

            piratato?
            Davvero non lo sai?Guarda che e' gia' la sesta volta che te lo chiedono e tu evadi la domanda sostenerlo che distinguere e' facile: diccelo tu come distinguere tra materiale lecito ed illecito.

            Se e' disponibile al download e' legale.
            No, non tutto ciò che è disponibile lo è.Ed e' compito delle forze dell'ordine dare la caccia a cio' che non e' lecito non del fruitore che non ha i mezzi per farlo.

            Quando non e' legale, il sito viene fatto

            chiudere.
            No. Sarebbe la gioia di Allibito, ma non è così.E al fruitore questo non interessa.

            Finche' il sito e' aperto, si suppone che sia

            legale.
            Anche dopo aver letto il "disclaimer" che scarica
            tutta la responsabilità della liceità dei
            contenuti sugli upper?Come su youtube intendi ? Quel youtube che ha fatto accordi con produttori per mostrare film completi ?Di nuovo non vedo come un utente possa distinguere tra un sito legale ed uno illegale.

            Ergo, tutto cio' che si scarica non e'

            piratato quindi e' legale.
            Zoppicando le premesse, la conclusione è falsa.Allora dacci delle premesse con cui distinguere in modo certo quello che e' legale da quello che non lo e', oppure cambia nick in forrest gump.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: panda rossa


            E uno come fa a sapere che tale
            materiale
            e'


            piratato?

            Davvero non lo sai?

            Guarda che e' gia' la sesta volta che te lo
            chiedono e tu evadi la domanda sostenerlo che
            distinguere e' facile: diccelo tu come
            distinguere tra materiale lecito ed
            illecito.L'affermazione riguardava la distinzione tra siti.A parte qualche sito che lo dice chiaro e tondo di essere un covo di pirati informatici, occupiamoci di quelli che si atteggiano a siti legali.Nella home page del sito con i link a contenuti di legalità dubbia - film, telefilm, musica, programmi completi per elaboratore, etc. tutte cose che normalmente si dovrebbero pagare (o nel caso di tv e radio: sorbirsi la pubblicità) ma che qui si possono scaricare o vedere in streaming gratis - si cerca (solitamente in cima o in fondo alla pagina, raramente a lato) e si fa clic su uno o più link del tipo:Disclaimer - Copyright - Terms of Service - Legal - FAQ - About usAnche una rapida lettura permette di cogliere che non ospitano i contenuti né ne effettuano l'upload, e soprattutto fanno ricadere tutta la responsabilità delle eventuali violazioni di copyright sugli upper protetti dall'anonimato;(variante italica: far ricadere tutta la responsabilità delle eventuali violazioni di copyright sui visitatori-downloader)Indicativa è pure la presenza del link "DMCA": chi ha acquisito legalmente i diritti di trasmissione in streaming non ha necessità di recepire simili segnalazioni in "quantità industriali".L'utente che visita questi siti non ha la garanzia che il materiale che visiona/scarica da essi non infranga il copyright.



            Se e' disponibile al download e' legale.

            No, non tutto ciò che è disponibile lo è.

            Ed e' compito delle forze dell'ordine dare la
            caccia a cio' che non e' lecito non del fruitore
            che non ha i mezzi per farlo.ma è compito del cittadino informarsi sulle norme che regolano le attività che intende svolgere.


            Quando non e' legale, il sito viene
            fatto


            chiudere.

            No. Sarebbe la gioia di Allibito, ma non è
            così.

            E al fruitore questo non interessa.Il semplice fatto che il sito sia ancora operante non implica necessariamente che sia legale.


            Finche' il sito e' aperto, si suppone
            che
            sia


            legale.

            Anche dopo aver letto il "disclaimer" che
            scarica

            tutta la responsabilità della liceità dei

            contenuti sugli upper?

            Come su youtube intendi ? Quel youtube che ha
            fatto accordi con produttori per mostrare film
            completi ?Come può un fruitore di youtube distinguere la liceità o meno del video? Innanzitutto col buon senso: ci son video che non hanno nulla a che fare con le major, altri immessi dal detentore stesso dei diritti. In caso di reale dubbio (es.: film completo) col sistema Content ID: se il detentore dei diritti acconsente alla visione su youtube, allora lo si riconosce da un annuncio pubblicitario in testa ai video.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: 633.41


            - Scritto da: panda rossa



            E uno come fa a sapere che tale

            materiale

            e'



            piratato?


            Davvero non lo sai?



            Guarda che e' gia' la sesta volta che te lo

            chiedono e tu evadi la domanda sostenerlo che

            distinguere e' facile: diccelo tu come

            distinguere tra materiale lecito ed

            illecito.
            L'affermazione riguardava la distinzione tra siti.Guarda, facciamo cosi'.Scrivi un link di uno di questi siti illegali e andiamo a vedere come si presenta.Cosi' risolviamo il problema.Naturalmente se non sei in grado di produrre nessun link, dobbiamo supporre che questi siti illegali non esistano.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: 633.41



            - Scritto da: panda rossa




            E uno come fa a sapere che
            tale


            materiale


            e'




            piratato?



            Davvero non lo sai?





            Guarda che e' gia' la sesta volta che
            te
            lo


            chiedono e tu evadi la domanda
            sostenerlo
            che


            distinguere e' facile: diccelo tu come


            distinguere tra materiale lecito ed


            illecito.

            L'affermazione riguardava la distinzione tra
            siti.

            Guarda, facciamo cosi'.
            Scrivi un link di uno di questi siti illegali e
            andiamo a vedere come si
            presenta.
            Cosi' risolviamo il problema.Qui ne trovi parecchi che offrono gratuitamente streaming senza alcuna garanzia che non violi il copyright (su gentile segnalazione di Krane).http://blog.buttermouth.com/2007/06/top-25-places-to-watch-free-movies-and.html
            Naturalmente se non sei in grado di produrre
            nessun link, dobbiamo supporre che questi siti
            illegali non esistano.Siti che linkano materiale illegale.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41



            Guarda, facciamo cosi'.

            Scrivi un link di uno di questi siti
            illegali
            e

            andiamo a vedere come si

            presenta.

            Cosi' risolviamo il problema.

            Qui ne trovi parecchi che offrono gratuitamente
            streaming senza alcuna garanzia che non violi il
            copyright (su gentile segnalazione di
            Krane).

            http://blog.buttermouth.com/2007/06/top-25-places- Riformulo la domanda.DA CHE COSA SI CAPISCE CHE QUESTI SITI SONO ILLEGALI?Tu sostieni che si capisce.Io purtroppo per te sono scemo e non capisco.Forniscimi uno strumento che mi consenta di discernere.Io quello che so e' che PI e' un sito accessibile e quindi presumo sia LEGALE.E altrettanto deduco che ogni sito accessibile sia legale.Quei siti di scommesse che stanno in inghilterra, da quando sono illegali, non sono piu' accessibili dall'italia.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41






            Guarda, facciamo cosi'.


            Scrivi un link di uno di questi siti

            illegali

            e


            andiamo a vedere come si


            presenta.


            Cosi' risolviamo il problema.



            Qui ne trovi parecchi che offrono
            gratuitamente

            streaming senza alcuna garanzia che non
            violi
            il

            copyright (su gentile segnalazione di

            Krane).




            http://blog.buttermouth.com/2007/06/top-25-places-


            Riformulo la domanda.
            DA CHE COSA SI CAPISCE CHE QUESTI SITI SONO
            ILLEGALI?Per la precisione i siti in questione linkano molto materiale che infrange il copyright, e se invece di star tanto a cavillare leggevi il mio "suggerimento" sicuramente lo capivi (ma tanto so che lo hai ben capito, troll della malora! ;-)).
            Tu sostieni che si capisce.
            <b
            Io purtroppo per te sono scemo e non capisco </b
            .Frase non vera, ma da gustare...
            Forniscimi uno strumento che mi consenta di
            discernere.Leggiti il mio "suggerimento" senza star tanto a cavillare.
            Io quello che so e' che PI e' un sito accessibile
            e quindi presumo sia LEGALE.Hai provato ad applicarci le semplici regolette del "suggerimento"?
            E altrettanto deduco che ogni sito accessibile
            sia legale.Deduzione azzardata. Non tutti lo sono.
            Quei siti di scommesse che stanno in inghilterra,
            da quando sono illegali, non sono piu'
            accessibili dall'italia.Erano in aperto conflitto col monopolio di Stato sulle scommesse, e lo Stato ha prontamente reagito.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            Quei siti di scommesse che stanno in
            inghilterra,

            da quando sono illegali, non sono piu'

            accessibili dall'italia.
            Erano in aperto conflitto col monopolio di Stato
            sulle scommesse, e lo Stato ha prontamente
            reagito.Analogamente questi siti di download illegale di cui tu ipotizzi l'esistenza, se ci fossero, sarebbero il aperto conflitto con altri interessi dello stato, e lo stato reagirebbe prontamente, oscurandoli.Pertanto quelli che restano vuol dire che sono perfettamente legali.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Nella home page del sito con i link a contenuti
            di legalità dubbia - film, telefilm, musica,
            programmi completi per elaboratore, etc. tutte
            cose che normalmente si dovrebbero pagare (o nel
            caso di tv e radio: sorbirsi la pubblicità) ma
            che qui si possono scaricare o vedere in
            streaming gratis - si cerca (solitamente in cima
            o in fondo alla pagina, raramente a lato) e si fa
            clic su uno o più link del
            tipo:

            Disclaimer - Copyright - Terms of Service - Legal
            - FAQ - About
            us

            Anche una rapida lettura permette di cogliere che
            non ospitano i contenuti né ne effettuano
            l'upload, e soprattutto fanno ricadere tutta la
            responsabilità delle eventuali violazioni di
            copyright sugli upper protetti
            dall'anonimato;
            (variante italica: far ricadere tutta la
            responsabilità delle eventuali violazioni di
            copyright sui
            visitatori-downloader)

            Indicativa è pure la presenza del link "DMCA":
            chi ha acquisito legalmente i diritti di
            trasmissione in streaming non ha necessità di
            recepire simili segnalazioni in "quantità
            industriali".

            L'utente che visita questi siti non ha la
            garanzia che il materiale che visiona/scarica da
            essi non infranga il copyright.Ma nemmeno ha la garanzia che lo infranga. Quindi?E comunque un utente, in linea generale, non è tenuto a sapere tutte quelle cose. Altrimenti citami la legge o la norma che obbliga l'utente finale a sapere tutto sul DMCA, Content ID, ecc.
            Il semplice fatto che il sito sia ancora operante
            non implica necessariamente che sia
            legale.Così come non implica necessariamente che sia illegale. Quindi?
            Come può un fruitore di youtube distinguere la
            liceità o meno del video?

            Innanzitutto col <b
            buon senso </b
            :Ma se solo poco più sopra mi avevi detto, cito testuali parole: che il <i
            "senso comune spesso non c'azzecca" </i
            .Allora deciditi, o il senso comune funziona ed è utile, o non lo è.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Nella home page del sito con i link a
            contenuti

            di legalità dubbia - film, telefilm, musica,

            programmi completi per elaboratore, etc.
            tutte

            cose che normalmente si dovrebbero pagare (o
            nel

            caso di tv e radio: sorbirsi la pubblicità)
            ma

            che qui si possono scaricare o vedere in

            streaming gratis - si cerca (solitamente in
            cima

            o in fondo alla pagina, raramente a lato) e
            si
            fa

            clic su uno o più link del

            tipo:



            Disclaimer - Copyright - Terms of Service -
            Legal

            - FAQ - About

            us



            Anche una rapida lettura permette di
            cogliere
            che

            non ospitano i contenuti né ne effettuano

            l'upload, e soprattutto fanno ricadere tutta
            la

            responsabilità delle eventuali violazioni di

            copyright sugli upper protetti

            dall'anonimato;

            (variante italica: far ricadere tutta la

            responsabilità delle eventuali violazioni di

            copyright sui

            visitatori-downloader)



            Indicativa è pure la presenza del link
            "DMCA":

            chi ha acquisito legalmente i diritti di

            trasmissione in streaming non ha necessità di

            recepire simili segnalazioni in "quantità

            industriali".



            L'utente che visita questi siti non ha la

            garanzia che il materiale che
            visiona/scarica
            da

            essi non infranga il copyright.

            Ma nemmeno ha la garanzia che lo infranga. Quindi?Quindi quanto ho scritto: l'utente che visita questi siti non ha la garanzia che il materiale che visiona/scarica da essi non infranga il copyright.Stavo rispondendo a domande del tipo:E io che ne so se dall'altra parte del sito c'e' qualcuno in giacca e cravatta che detiene i diritti o uno spacciatore cattivo sfregiato e con la voce grossa ???(http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=3630178#p3630178)E lei cosa suggerisce per riconoscere certi siti ? Qual'e' la discriminante, lei continua a sostenere che tutti dovrebbero riconoscerli senza spiegare come.(http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=3630878#p3630878)
            E comunque un utente, in linea generale, non è
            tenuto a sapere tutte quelle cose. Altrimenti
            citami la legge o la norma che obbliga l'utente
            finale a sapere tutto sul DMCA, Content ID,
            ecc.È stata fatta una campagna di informazione, dai toni oltremodo discutibili ma che ha ribadito l'illegalità della pirateria audiovisiva.Quando si intende svolgere un'attività regolata dalla legge, bisogna informarsi (art. 5 del Codice Penale: "Nessuno può invocare a propria scusa l'ignoranza della legge penale.").

            Il semplice fatto che il sito sia ancora
            operante

            non implica necessariamente che sia

            legale.

            Così come non implica necessariamente che sia
            illegale.
            Quindi?Quindi non è vera l'affermazione: sito ancora operante =
            sito che linka contenuti tutti legali.

            Come può un fruitore di youtube distinguere
            la

            liceità o meno del video?



            Innanzitutto col <b
            buon senso
            </b

            :

            Ma se solo poco più sopra mi avevi detto, cito
            testuali parole: che il "senso comune
            spesso non c'azzecca".

            Allora deciditi, o il senso comune funziona ed è
            utile, o non lo è.Non perdere di vista il contesto: là si parlava delle norme della legge (ricorso agli avvocati, ecc. ricordi?), qui si sta parlando di distinguere un filmino amatoriale da un film completo. Sono ambiti molto diversi.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Non perdere di vista il contesto: là si parlava
            delle norme della legge (ricorso agli avvocati,
            ecc. ricordi?), qui si sta parlando di
            distinguere un filmino amatoriale da un film
            completo. Sono ambiti molto
            diversi.Ecco! Finalmente abbiamo un metro di rilevazione.Un film completo e' SEMPRE illegale scaricarlo.E ci voleva tanto?Ora sappiamo che se c'e' scritto "FILM COMPLETO" bisogna stare alla larga, mentre se c'e' scritto "FILM AMATORIALE" possiamo scaricare senza indugio.Giusto?http://www.downloadblog.it/post/8082/torno-subito-il-primo-film-italiano-scaricabile-gratuitamente
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            Non perdere di vista il contesto: là si
            parlava

            delle norme della legge (ricorso agli
            avvocati,

            ecc. ricordi?), qui si sta parlando di

            distinguere un filmino amatoriale da un film

            completo. Sono ambiti molto

            diversi.

            Ecco! Finalmente abbiamo un metro di rilevazione.

            Un film completo e' SEMPRE illegale scaricarlo.
            E ci voleva tanto?
            Ora sappiamo che se c'e' scritto "FILM COMPLETO"
            bisogna stare alla larga, mentre se c'e' scritto
            "FILM AMATORIALE" possiamo scaricare senza
            indugio.

            Giusto?

            http://www.downloadblog.it/post/8082/torno-subito-Io non mi fiderei: non vedo tutti i bollini di cui parlava 633.41, secondo me dietro al sito si nasconde un cattivo, sfregiato e con la voce grossa...
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Quindi quanto ho scritto: l'utente che visita
            questi siti non ha la garanzia che il materiale
            che visiona/scarica da essi non infranga il
            copyright.L'utente non ha né la certezza che il materiale infranga il copyright, né la certezza che non lo infranga. In parole povere: l'utente finale non ha la certezza di niente.E se non ha la certezza di niente, l'unica cosa che può fare -nel dubbio- è scaricare (in buona fede, ovviamente) e sperare di non aver commesso nessuna infrazione.Esempio: Su un lato di una strada viene abbattuto un cartello di divieto di sosta a causa di un incidente, cartello che ora quindi non è più presente. Ipotizziamo ora che io mi trovi a passare proprio per quella strada e che abbia urgente bisogno di fare una sosta: guardandomi attorno non vedo segnali divieto, quindi assumo che si possa fare. Perciò, procedo e la faccio. In buona fede, naturalmente.Mica mi posso sognare che il cartello è stato abbattuto il giorno prima, eh!Stesso discorso vale per i siti, ecc. L'utente non è tenuto a controllare la liceità di quello che scarica, soprattutto in mancanza di avvisi e/o segnali adeguati. Tale controllo è compito della Stato o delle autorità preposte.L'utente, in buona fede, non può far altro che fidarsi e procedere al download.
            È stata fatta una campagna di informazione,
            dai toni oltremodo discutibili ma che ha ribadito
            l'illegalità della pirateria audiovisiva.Potrà sembrarti uno shock, ma non tutti si tengono aggiornati sulle ultime campagne d'informazione fatte in materia di copyright, né sono tenuti a farlo.
            Quando si intende svolgere un'attività regolata
            dalla legge, bisogna informarsi (art. 5 del
            Codice Penale: "Nessuno può invocare a propria
            scusa l'ignoranza della legge
            penale.")L'ignoranza delle legge no, ma l'ignoranza dell'informatica sì.L'utente può non sapere (né è tenuto a sapere) come avvenga nei dettagli tecnici un download, né se ciò che sta scaricando sia legale o meno. Questo, almeno, fino a quando non avrà completato il download per constatarne l'eventuale illiceità.Ma questo la legge non lo contempla e punisce indiscriminatamente chiunque effettui download di materiale coperto da copyright senza averne autorizzazione, ignorando il fatto che l'utente NON può sapere a priori se quello che sta scaricando sia legale o meno; perché l'unico modo per accertarsene è completare il download e verificare. Ma effettuando il download hai già violato la legge con quella semplice azione... Ergo, la legge è ingiusta, e se è ingiusta non va rispettata.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Quindi quanto ho scritto: l'utente che visita

            questi siti non ha la garanzia che il
            materiale

            che visiona/scarica da essi non infranga il

            copyright.

            L'utente non ha né la certezza che il materiale
            infranga il copyright, né la certezza che non lo
            infranga.
            In parole povere: l'utente finale non
            ha la certezza di niente.Capiamoci: quando l'utente trova linkati in quei siti lì film completi delle major, tranne qualche rara eccezione tale materiale infrange il copyright.Ci sono invece altri siti, e sono molti, in cui l'utente ha la ragionevole certezza che quel che scarica non è piratato (creative commons, open source, freeware, public domain, ecc.).
            E se non ha la certezza di niente, l'unica cosa
            che può fare -nel dubbio- è scaricare (in buona
            fede, ovviamente) e sperare di non aver commesso
            nessuna infrazione.Quando l'utente scarica da quei siti in cui la gran maggioranza del materiale linkato infrange il copyright, non può invocare la buona fede. Tranne ovviamente i casi in cui si possa dimostrare che l'utente non abbia la consapevolezza del suo agire.
            Esempio: Su un lato di una strada viene abbattuto
            un cartello di divieto di sosta a causa di un
            incidente, cartello che ora quindi non è più
            presente. Ipotizziamo ora che io mi trovi a
            passare proprio per quella strada e che abbia
            urgente bisogno di fare una sosta: guardandomi
            attorno non vedo segnali divieto, quindi assumo
            che si possa fare. Perciò, procedo e la faccio.
            In buona fede, naturalmente.
            Mica mi posso sognare che il cartello è stato
            abbattuto il giorno prima, eh!Se però l'entità della sanzione per divieto di sosta fosse pari alle sanzioni previste dal 171-ter della 633/41, credo che ti accerteresti molto bene prima di lasciar parcheggiata l'auto! ;-)
            Stesso discorso vale per i siti, ecc. L'utente
            non è tenuto a controllare la liceità di quello
            che scarica, soprattutto in mancanza di avvisi
            e/o segnali adeguati.È da un bel po' che stanno martellando con l'"avviso adeguato" contro la pirateria audiovisiva. Puoi giurare di non averlo mai visto?
            Tale controllo è compito
            della Stato o delle autorità preposte.

            L'utente, in buona fede, non può far altro che
            fidarsi e procedere al download.È da un bel po' che stanno martellando con l'"avviso adeguato" contro la pirateria audiovisiva. Puoi giurare di non averlo mai visto?

            È stata fatta una campagna di
            informazione,

            dai toni oltremodo discutibili ma che ha
            ribadito

            l'illegalità della pirateria audiovisiva.

            Potrà sembrarti uno shock, ma non tutti si
            tengono aggiornati sulle ultime campagne
            d'informazione fatte in materia di copyright, né
            sono tenuti a farlo.Spot televisivi, al cinema, sui giornali... Puoi davvero giurare di non averlo mai visto?

            Quando si intende svolgere un'attività
            regolata

            dalla legge, bisogna informarsi (art. 5 del

            Codice Penale: "Nessuno può invocare a
            propria

            scusa l'ignoranza della legge

            penale.")

            L'ignoranza delle legge no, ma l'ignoranza
            dell'informatica sì.

            L'utente può non sapere (né è tenuto a sapere)
            come avvenga nei dettagli tecnici un download, né
            se ciò che sta scaricando sia legale o meno.La campagna informativa contro la pirateria audiovisiva è stata oggetto di critiche da parte degli "esperti" anche perché il messaggio era adeguato anche alla comprensione da parte dei "meno tecnici".
            Questo, almeno, fino a quando non avrà completato
            il download per constatarne l'eventuale
            illiceità.Nella maggior parte dei casi sai già prima del download quel che stai per scaricare. E se proprio nonostante la cautela preventiva ne constati a posteriori l'illiceità, basta cancellarlo (consigliabile Eraser o simili) in modo da non totalizzarne un numero superiore a 50.
            Ma questo la legge non lo contemplain realtà la norma prevede "oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi", quindi lascia un notevole margine per esercitare la "buona fede".
            e punisce
            indiscriminatamente chiunque effettui download di
            materiale coperto da copyright senza averne
            autorizzazione,oltre il 50, però
            ignorando il fatto che l'utente
            NON può sapere a priori se quello che sta
            scaricando sia legale o meno; perché l'unico modo
            per accertarsene è completare il download e
            verificare. Ma effettuando il download hai già
            violato la legge con quella semplice azione...Per violare la legge ne devi accumulare oltre 50, quindi se nonostante la cautela preventiva ne constati a posteriori l'illiceità, basta cancellarlo (consigliabile Eraser o simili) in modo da non totalizzarne un numero superiore a 50. Cosa non difficile per chi è davvero in buona fede.
          • Net Fix scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: 633.41


            Quindi quanto ho scritto: l'utente


            che visita questi siti non ha la


            garanzia che il materiale che


            visiona/scarica da essi non infranga


            il copyright.

            L'utente non ha né la certezza che

            il materiale infranga il copyright, né

            la certezza che non lo infranga.

            In parole povere: l'utente finale

            non ha la certezza di niente.
            Capiamoci: quando l'utente trova linkati in quei
            siti lì film completi delle major, tranne qualche
            rara eccezione tale materiale infrange il
            copyright.Ma tu sei un terrorista, ora capisco come mai netfix non viene in italia !Con gente del genere ! se tu abitassi fuori da quel paesello che e' l'italia vedresti che l'offerta di siti legali e' ampissima, informati, vieni anche solo qua in uk se hai paura di uscire dall'Europa.Il resto con una premessa del genere non lo leggo neanche.
            Ci sono invece altri siti, e sono molti, in cui
            l'utente ha la ragionevole certezza che quel che
            scarica non è piratato (creative commons, open
            source, freeware, public domain,
            ecc.).Ah, ho capito: un videotecaro che ha paura della rete e viene a trollare qua.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Net Fix
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: 633.41




            Quindi quanto ho scritto: l'utente



            che visita questi siti non ha la



            garanzia che il materiale che



            visiona/scarica da essi non
            infranga



            il copyright.



            L'utente non ha né la certezza che


            il materiale infranga il copyright, né


            la certezza che non lo infranga.


            In parole povere: l'utente finale


            non ha la certezza di niente.


            Capiamoci: quando l'utente trova linkati

            <b
            in quei siti lì </b


            film completi delle major, tranne
            qualche

            rara eccezione tale materiale infrange il

            copyright.

            Ma tu sei un terrorista, ora capisco come mai
            netfix non viene in italia ! :| :| :|Ma hai la più pallida idea di cosa stavo parlando, ovvero a quale categoria di siti mi stavo riferendo? Pare proprio di no!http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=3631281#p3631281Ti pare che Netfix e siti analoghi rispondano ai requisiti indicati???Ti pare che Netfix e siti analoghi facciano ricadere tutta la responsabilità delle eventuali violazioni di copyright su upper protetti dall'anonimato??? È tutta un'altra cosa!
            Con gente del genere
            ! se tu abitassi fuori da quel paesello che e'
            l'italia vedresti che l'offerta di siti legali e'
            ampissima, informati, vieni anche solo qua in uk
            se hai paura di uscire dall'Europa.


            Il resto con una premessa del genere non lo leggo
            neanche.Se magari prima di sputar sentenze avventate ti prendessi la briga di informarti di quel che si sta parlando risalendo il thread, eviteresti di prendere simili cantonate.

            Ci sono invece altri siti, e sono molti, in
            cui

            l'utente ha la ragionevole certezza che quel
            che

            scarica non è piratato (creative commons,
            open

            source, freeware, public domain,

            ecc.).

            Ah, ho capito:Non hai proprio capito <b
            NULLA </b
            !
            un videotecaroNo!
            che ha paura della reteNo!
            e viene a trollare qua.No!Tre su tre: ottima media! (rotfl)
          • Net Fix scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Net Fix

            - Scritto da: 633.41


            - Scritto da: anon



            - Scritto da: 633.41






            Quindi quanto ho scritto:
            l'utente




            che visita questi siti non ha
            la




            garanzia che il materiale che




            visiona/scarica da essi non

            infranga




            il copyright.



            L'utente non ha né la certezza che



            il materiale infranga il
            copyright, né



            la certezza che non lo infranga.



            In parole povere: l'utente finale



            non ha la certezza di niente.


            Capiamoci: quando l'utente trova linkati


            <b
            in quei siti lì </b



            film completi delle major, tranne

            qualche


            rara eccezione tale materiale infrange
            il


            copyright.



            Ma tu sei un terrorista, ora capisco come mai

            netfix non viene in italia !
            :| :| :|
            Ma hai la più pallida idea di cosa stavo
            parlando, ovvero a quale categoria di siti mi
            stavo riferendo? Pare proprio di
            no!
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=363
            Ti pare che Netfix e siti analoghi rispondano ai
            requisiti
            indicati???Ho forse parlato di Netfix io ? E' solo ilmio nick; si ho letto tutto il tread ed e' ridicolo quello che sostieni, se cerchi film in rete e' facilissimo trovare siti legali, non vedo perche' farsi tanti problemi come te ne fai tu.La possibilita' di ricadere in un sito pirata e' la stessa di trovare un DVD illegale in un distributore da videoteca e capitava o se capitava...
            Ti pare che Netfix e siti analoghi facciano
            ricadere tutta la responsabilità delle eventuali
            violazioni di copyright su upper protetti
            dall'anonimato??? È tutta un'altra
            cosa!Per finire su un upper protetto da anonimato devi andartelo a cercare, e' come andare a comprare il fumo al porto.

            Con gente del genere

            ! se tu abitassi fuori da quel paesello che
            e'

            l'italia vedresti che l'offerta di siti
            legali
            e'

            ampissima, informati, vieni anche solo qua
            in
            uk

            se hai paura di uscire dall'Europa.





            Il resto con una premessa del genere non lo
            leggo

            neanche.
            Se magari prima di sputar sentenze avventate ti
            prendessi la briga di informarti di quel che si
            sta parlando risalendo il thread, eviteresti di
            prendere simili cantonate.
            E' proprio l'averlo risalito che mi ha fatto dire quello che ho detto: continui a sostenere quando sia pericoloso andare su in rete a guardare film facendo credere alla gente che trovarsi su un sito illegale sia piu' facile di trovarne di legali, quando un qualsiasi Itunes e' li' bello grosso a dimostrare il contrario.



            Ci sono invece altri siti, e sono
            molti,
            in

            cui


            l'utente ha la ragionevole certezza che
            quel

            che


            scarica non è piratato (creative
            commons,

            open


            source, freeware, public domain,


            ecc.).

            Ah, ho capito:
            Non hai proprio capito <b
            NULLA
            </b
            !
            Eppure citare solo i film in pubblico dominio fa molto videotecaro, sai hanno paura di questi: https://itunes.apple.com/it/genre/film-azione-e-avventura/id4401


            un videotecaro

            No!


            che ha paura della rete

            No!


            e viene a trollare qua.

            No!

            Tre su tre: ottima media! (rotfl)
          • Appassionat o scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Net Fix
            - Scritto da: 633.41
            La possibilita' di ricadere in un sito pirata e'
            la stessa di trovare un DVD illegale in un
            distributore da videoteca e capitava o se
            capitava...Quoto: http://www.tomshw.it/cont/news/offerte-vodafone-lte-con-i-film-in-streaming-killer-app/40698/1.htmlE' solo un terrorista.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Appassionat o
            - Scritto da: Net Fix

            - Scritto da: 633.41


            La possibilita' di ricadere in un sito
            pirata
            e'

            la stessa di trovare un DVD illegale in un

            distributore da videoteca e capitava o se

            capitava...

            Quoto:
            http://www.tomshw.it/cont/news/offerte-vodafone-ltTutto gratis??? Cerrrto! (rotfl)
            E' solo un terrorista.Non è colpa tua, poverino, se quando ti hanno detto che hai un Q.I. inferiore a 80 non hanno pure specificato che è meglio ti astenga da hobby quali lo scrivere nel forum di PI... (rotfl)
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere

            - Scritto da: Appassionat o

            - Scritto da: Net Fix


            - Scritto da: 633.41


            La possibilita' di ricadere in un


            sito pirata e' la stessa di trovare


            un DVD illegale in un distributore


            da videoteca e capitava o se


            capitava...

            Quoto:
            http://www.tomshw.it/cont/news/offerte-vodafone-lt
            Tutto gratis??? Cerrrto! (rotfl)Megaupload non era gratis se volevi vederti un film completo, a meno di non cambiare IP a meta'.Neanche Hotfile ne' Rapidshare, che c'entra il gratis adesso ?

            E' solo un terrorista.
            Non è colpa tua, poverino, se quando ti hanno
            detto che hai un Q.I. inferiore a 80 non hanno
            pure specificato che è meglio ti astenga da hobby
            quali lo scrivere nel forum di PI...Chi insulta di solito ha 20, e una scimmia arriva a 30.
            (rotfl)A seconda del dispositivo è previsto un esborso una tantum rispettivamente di 49 e 99 euro.Vediamo megaupload quanto costava... Leggo al 2 gennaio costa 8 al mese, praticamente come netfix.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Appassionat o


            - Scritto da: Net Fix



            - Scritto da: 633.41




            La possibilita' di ricadere in un



            sito pirata e' la stessa di
            trovare




            un DVD illegale in un distributore



            da videoteca e capitava o se



            capitava...



            Quoto:



            http://www.tomshw.it/cont/news/offerte-vodafone-lt


            Tutto gratis??? Cerrrto! (rotfl)

            Megaupload non era gratis se volevi vederti un
            film completo, a meno di non cambiare IP a
            meta'.Quello col blocco a metà film era Megavideo, non MU.Megaupload consentiva agli utenti free di scaricare alla massima velocità. Il premium di MU riguardava di più gli upper, sia per le dimensioni max che per il tempo di permanenza dei file sui server.
            Neanche Hotfile ne' Rapidshare, che c'entra il
            gratis adesso?Si scaricava a gratis anche da quelle piattaforme, seppur a velocità ridotta. Da Rapidshare pure adesso.


            E' solo un terrorista.

            Non è colpa tua, poverino, se quando ti hanno

            detto che hai un Q.I. inferiore a 80 non
            hanno

            pure specificato che è meglio ti astenga da
            hobby

            quali lo scrivere nel forum di PI...

            Chi insulta di solito ha 20, e una scimmia arriva
            a
            30.Non ho voluto infierire ed ho usato un generico "inferiore ad 80". ;)


            (rotfl)

            A seconda del dispositivo è previsto un esborso
            una tantum rispettivamente di 49 e 99
            euro.E un limite di 15 GB mensili...
            Vediamo megaupload quanto costava...costava esattamente zero euro al mese e scaricavi alla massima velocità.
            Leggo al 2
            gennaio costa 8 al mese, praticamente come
            netfix.Ma non si chiama Netflix quella piattaforma? La differenza notevole rispetto a Megavideo è che su Netflix i contenuti non li forniscono gli utenti fregandose bellamente del (C), ma i gestori stessi del sito di streaming che pagano i diritti di trasmissione in streaming, per cui l'utente ha la garanzia di accedere a contenuti che non violano il (C).
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: krane


            - Scritto da: Appassionat o



            - Scritto da: Net Fix




            - Scritto da: 633.41


            Tutto gratis??? Cerrrto! (rotfl)

            Megaupload non era gratis se volevi

            vederti un film completo, a meno di

            non cambiare IP a meta'.
            Quello col blocco a metà film era
            Megavideo, non MU.Sempre lo stesso circuito comunq, pensa che io ho scoperto della sua esistenza quando l'hanno chiuso (rotfl)
            Megaupload consentiva agli utenti free
            di scaricare alla massima velocità.Stavamo parlando di streaming no ?

            Neanche Hotfile ne' Rapidshare, che

            c'entra il gratis adesso?
            Si scaricava a gratis anche da quelle
            piattaforme, seppur a velocità ridotta. Da
            Rapidshare pure adesso.E pure dal mulo, ma quello e' uno scambio tra privato e si sta andando OT, parlavamo di streaming no ?
            Non ho voluto infierire ed ho usato un generico
            "inferiore ad 80".Io ho infierito dandoti del 20.

            A seconda del dispositivo è previsto

            un esborso una tantum rispettivamente

            di 49 e 99 euro.
            E un limite di 15 GB mensili...Da vedere se contano i film in quei 15Gb.

            Vediamo megaupload quanto costava...
            costava esattamente zero euro al mese e
            scaricavi alla massima velocità.Ma si parlava di streaming, quindi Megavideo

            Leggo al 2 gennaio costa 8 al

            mese, praticamente come netfix.
            Ma non si chiama Netflix quella piattaforma? La
            differenza notevole rispetto a Megavideo è che su
            Netflix i contenuti non li forniscono gli utenti
            fregandose bellamente del (C), ma i gestori
            stessi del sito di streaming che pagano i diritti
            di trasmissione in streaming, per cui l'utente ha
            la garanzia di accedere a contenuti che non
            violano il (C).Quello non e' un problema dell'utente, cosi' come non e' un problema dell'utente verificare identita' di negoziante e commessi, ne' verificare la provenienza della roba in magazzino e sugli scaffali.Saranno problemi del responsabile della piattaforma, della GdF e dei suoi legali.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: krane



            - Scritto da: Appassionat o




            - Scritto da: Net Fix





            - Scritto da: 633.41




            Tutto gratis??? Cerrrto! (rotfl)



            Megaupload non era gratis se volevi


            vederti un film completo, a meno di


            non cambiare IP a meta'.


            Quello col blocco a metà film era

            Megavideo, non MU.

            Sempre lo stesso circuito comunq, pensa che io ho
            scoperto della sua esistenza quando l'hanno
            chiuso (rotfl)Frequenti il forum di PI come minimo dal 2007 e non sapevi dell'esistenza di Megaupload???

            Megaupload consentiva agli utenti free

            di scaricare alla massima velocità.

            Stavamo parlando di streaming no ?Sei tu che hai citato Megaupload, Hotfile e Rapidshare, tutte piattaforme per il download.


            Neanche Hotfile ne' Rapidshare, che


            c'entra il gratis adesso?

            Si scaricava a gratis anche da quelle

            piattaforme, seppur a velocità ridotta. Da

            Rapidshare pure adesso.

            E pure dal mulo, ma quello e' uno scambio tra
            privato e si sta andando OT, parlavamo di
            streaming no ?Sei tu che hai citato Megaupload, Hotfile e Rapidshare, tutte piattaforme per il download.


            A seconda del dispositivo è previsto


            un esborso una tantum rispettivamente


            di 49 e 99 euro.

            E un limite di 15 GB mensili...

            Da vedere se contano i film in quei 15Gb.Figurati se non li contano.


            Vediamo megaupload quanto costava...

            costava esattamente zero euro al mese e

            scaricavi alla massima velocità.

            Ma si parlava di streaming, quindi Megavideo.Se IP dinamico, sai che fatica averlo gratis...


            Leggo al 2 gennaio costa 8 al


            mese, praticamente come netfix.


            Ma non si chiama Netflix quella piattaforma?
            La

            differenza notevole rispetto a Megavideo è
            che
            su

            Netflix i contenuti non li forniscono gli
            utenti

            fregandose bellamente del (C), ma i gestori

            stessi del sito di streaming che pagano i
            diritti

            di trasmissione in streaming, per cui
            l'utente
            ha

            la garanzia di accedere a contenuti che non

            violano il (C).
            Quello non e' un problema dell'utente, cosi' come
            non e' un problema dell'utente verificare
            identita' di negoziante e commessi, ne'
            verificare la provenienza della roba in magazzino
            e sugli scaffali.
            Saranno problemi del responsabile della
            piattaforma, della GdF e dei suoi
            legali.Diviene problema dell'utente se la GdF o la Postale gli contestano, tabulati del traffico internet alla mano, l'art. 174-ter della 633/41 e trovano conferme nella cronologia e/o nella cache del browser dell'utente.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: krane



            Megaupload non era gratis se



            volevi vederti un film



            completo, a meno di non



            cambiare IP a meta'.


            Quello col blocco a metà film


            era Megavideo, non MU.

            Sempre lo stesso circuito comunq, pensa

            che io ho scoperto della sua esistenza

            quando l'hanno chiuso (rotfl)
            Frequenti il forum di PI come minimo dal
            2007 e non sapevi dell'esistenza di
            Megaupload???Esatto: 'zo mene a me dei film ??Sono molto piu' interessato a cio' che c'e' dietro a livello tecnico, sociale e legale.


            Megaupload consentiva agli utenti


            free di scaricare alla massima


            velocità.

            Stavamo parlando di streaming no ?
            Sei tu che hai citato Megaupload, Hotfile e
            Rapidshare, tutte piattaforme per il
            download.Infatti, ho sbagliato, cito solo MegaVideo e piattaforme simili.

            Ma si parlava di streaming, quindi Megavideo.
            Se IP dinamico, sai che fatica averlo gratis...Come faranno quelli che hanno fastweb ??Chi ha fastweb e mi sa dire ?



            Leggo al 2 gennaio costa 8 al



            mese, praticamente come netfix.




            Ma non si chiama Netflix quella
            piattaforma?

            La


            differenza notevole rispetto a
            Megavideo
            è

            che

            su


            Netflix i contenuti non li forniscono
            gli

            utenti


            fregandose bellamente del (C), ma i
            gestori


            stessi del sito di streaming che pagano
            i

            diritti


            di trasmissione in streaming, per cui

            l'utente

            ha


            la garanzia di accedere a contenuti che
            non


            violano il (C).


            Quello non e' un problema dell'utente, cosi'
            come

            non e' un problema dell'utente verificare

            identita' di negoziante e commessi, ne'

            verificare la provenienza della roba in
            magazzino

            e sugli scaffali.

            Saranno problemi del responsabile della

            piattaforma, della GdF e dei suoi

            legali.
            Diviene problema dell'utente se la GdF o la
            Postale gli contestano, tabulati del traffico
            internet alla mano, l'art. 174-ter della 633/41 e
            trovano conferme nella cronologia e/o nella cache
            del browser dell'utente.Come ti ha detto panda rossa trovo difficile che riescano effettivamente ad accusare il downloader di qualcosa, tanto e' vero che mai c'e' stato un caso in italia che mi risulti.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Diviene problema dell'utente se la GdF o la
            Postale gli contestano, tabulati del traffico
            internet alla mano, l'art. 174-ter della 633/41 e
            trovano conferme nella cronologia e/o nella cache
            del browser dell'utente.La cronologia e/o la cache del browser, di per sé stesse, non sono prova di niente. Per esempio: potrei essere accidentalmente finito su un sito che offre materiale pirata, la visita viene loggata in cache e nella cronologia, ma questo non vuol dire che io abbia effettivamente effettuato download/upload di materiale da quel sito.Un conto è visitare un sito (magari anche per sbaglio), un altro è scaricare il materiale che il sito stesso offre. Sono due cose ben diverse.Conclusione: quello che c'è nella mia cache/cronologia non è di nessuna rilevanza, e non costituisce prova di nulla. Al massimo è solo un buon punto da cui partire per ulteriori e più approfondite indagini.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Net Fix
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: Net Fix


            - Scritto da: 633.41



            - Scritto da: anon




            - Scritto da: 633.41








            Quindi quanto ho scritto:

            l'utente






            che visita questi siti
            non
            ha

            la





            garanzia che il
            materiale che






            visiona/scarica da essi
            non


            infranga





            il copyright.




            L'utente non ha né la
            certezza che





            il materiale infranga il

            copyright, né




            la certezza che non lo
            infranga.




            In parole povere: l'utente
            finale





            non ha la certezza di niente.



            Capiamoci: quando l'utente trova
            linkati



            <b
            in quei siti lì
            </b





            film completi delle major, tranne


            qualche



            rara eccezione tale materiale
            infrange

            il



            copyright.





            Ma tu sei un terrorista,No, è tu che sei un diffamatore con gravi deficit mentali.


            ora capisco come mai


            netfix non viene in italia !

            :| :| :|


            Ma hai la più pallida idea di cosa stavo

            parlando, ovvero a quale categoria di siti mi

            stavo riferendo? Pare proprio di

            no!


            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=363


            Ti pare che Netfix e siti analoghi
            rispondano
            ai

            requisiti

            indicati???

            Ho forse parlato di Netfix io ? E' solo ilmio
            nick;Parli di te in terza persona? Fatti visitare da uno bravo, va!


            ora capisco come mai


            netfix non viene in italia !Grazie alla tua ortografia zoppicante, sembrava ti riferissi alla piattaforma di streaming Netflix che attualmente non offre i suoi servizi (convenienti, ma comunque a pagamento) in Italia.
            si ho letto tutto il treadcapito però pare prorio di no.
            ed e' ridicolo
            quello che sostieni, se cerchi film in rete e'
            facilissimo trovare siti legali,Totalmente gratuiti (mica un breve free trial iniziale) e con la garanzia che tutti i loro contenuti non violino il copyright secondo le leggi italiane vigenti?Visto che secondo te è "facilissimo", posta una lunga serie di link a questi siti sedicenti legali che vediamo se è vero. Ah, mi raccomando, film "veri" e non schifezzine.
            non vedo perche'
            farsi tanti problemi come te ne fai tu.E chi si fa tanti problemi? Io? Ma fammi il piacere, va!Il fatto è che le leggi che vietano in Italia il download di audiovisivi piratati sono in vigore, e prevedono pesanti sanzioni per i trasgressori.
            La possibilita' di ricadere in un sito pirata e'
            la stessa di trovare un DVD illegale in un
            distributore da videoteca e capitava o se
            capitava...Allora posta una lunga serie di link a siti che permettono di usufruire gratuitamente di film (mi raccomando, film "veri" e non schifezzine) e vediamo se è vero che non sono film piratati.

            Ti pare che Netflix e siti analoghi facciano

            ricadere tutta la responsabilità delle
            eventuali

            violazioni di copyright su upper protetti

            dall'anonimato??? È tutta un'altra

            cosa!

            Per finire su un upper protetto da anonimato devi
            andartelo a cercare, e' come andare a comprare il
            fumo al porto.Ma cosa scrivi? Il soggetto è "la responsabilità delle eventuali violazioni di copyright", NON "l'utente".


            Con gente del genere !Prima guardati allo specchio, che non capisci quel che leggi e scrivi stupidate.


            se tu abitassi fuori da quel paesello
            che

            e'


            l'italia vedresti che l'offerta di siti

            legali

            e'


            ampissima, informati, vieni anche solo
            qua

            in ukE pure ti vanti di essere in Inghilterra... (rotfl)


            se hai paura di uscire dall'Europa.








            Il resto con una premessa del genere
            non
            lo

            leggo


            neanche.


            Se magari prima di sputar sentenze avventate

            ti prendessi la briga di informarti di quel che

            si sta parlando risalendo il thread, eviteresti

            di prendere simili cantonate.


            E' proprio l'averlo risalito che mi ha fatto dire
            quello che ho detto: continui a sostenere quando
            sia pericoloso andare su in rete a guardare film
            facendo credere alla gente che trovarsi su un
            sito illegale
            sia piu' facile di trovarne di
            legali, quando un qualsiasi Itunes e' li' bello
            grosso a dimostrare il contrario.Itunes a gratis? (rotfl)Film completi in rete gratis e che non violano il copyright secondo le leggi italiane vigenti? Sono solo rare eccezioni. "Rare" ovviamente relativamente rispetto all'enorme numero di film completi in rete gratis che violano il copyright secondo le leggi italiane vigenti.





            Ci sono invece altri siti, e sono

            molti,

            in


            cui



            l'utente ha la ragionevole
            certezza
            che

            quel


            che



            scarica non è piratato (creative

            commons,


            open



            source, freeware, public domain,



            ecc.).



            Ah, ho capito:


            Non hai proprio capito <b
            NULLA

            </b
            !


            Eppure citare solo i film in pubblico dominio1. parlavo di download in generale e di siti realmente legali;2. non mi sono certo limitato al public domain.
            fa molto videotecaro, sai hanno paura di questi:

            https://itunes.apple.com/it/genre/film-azione-e-avEh sì, come no, adesso Apple regala. (rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Film completi in rete gratis e che non violano il
            copyright secondo le leggi italiane vigenti? Sono
            solo rare eccezioni. "Rare" ovviamente
            relativamente rispetto all'enorme numero di film
            completi in rete gratis che violano il copyright
            secondo le leggi italiane
            vigenti.Te lo hanno detto che il copyright ad un certo punto SCADE ?Da quel momento in poi il film diventa libero secondo le leggi italiane vigenti.E quindi scaricabile.Nei prossimi 50 anni sara' liberamente disponibile un enorme quantitativo di titoli, il cui copyright e' scaduto.E ogni anno che passa il numero di titoli aumentera' sempre di piu', altro che "rare".E' inevitabile.E' solo questione di tempo.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            Film completi in rete gratis e che non
            violano
            il

            copyright secondo le leggi italiane vigenti?
            Sono

            solo rare eccezioni. "Rare" ovviamente

            relativamente rispetto all'enorme numero di
            film

            completi in rete gratis che violano il
            copyright

            secondo le leggi italiane

            vigenti.

            Te lo hanno detto che il copyright ad un certo
            punto SCADE
            ?
            Da quel momento in poi il film diventa libero
            secondo le leggi italiane
            vigenti.
            E quindi scaricabile.
            Nei prossimi 50 anni sara' liberamente
            disponibile un enorme quantitativo di titoli, il
            cui copyright e'
            scaduto.
            E ogni anno che passa il numero di titoli
            aumentera' sempre di piu', altro che
            "rare".
            E' inevitabile.
            E' solo questione di tempo.Facciamo prima a convincere il legislatore a reintrodurre i "fini di lucro" nei vari articoli della 633/41 che ne sono sprovvisti. E magari far specificare nella stessa legge che per "fini di lucro" non si intende "coprire a malapena le spese".
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Quando l'utente scarica da quei siti in cui la
            gran maggioranza del materiale linkato infrange
            il copyright, non può invocare la buona fede.In teoria può sempre. Bisogna solo vedere se la sua invocazione viene poi ritenuta valida oppure no.
            Tranne ovviamente i casi in cui si possa
            dimostrare che l'utente non abbia la
            consapevolezza del suo agire. Cioè quasi sempre.Guarda che esistono anche i fake, eh. L'utente, anche se il sito si presenta come il solito sito pirata, non è detto che non sia pieno zeppo di fake.L'utente potrebbe pensare che le sue azioni abbiano una ben determinata conseguenza, e invece quel che poi succede è altro.Ergo, l'utente non sa e han ben poca (se non nulla) consapevolezza del suo agire.
            Se però l'entità della sanzione per divieto di
            sosta fosse pari alle sanzioni previste dal
            171-ter della 633/41, credo che ti accerteresti
            molto bene prima di lasciar parcheggiata l'auto!
            ;-)Guarda che se il cartello è caduto, danneggiato, illeggibile, ecc.l'autista non ne ha nessuna colpa. è scritto pure sul codice della strada.
            È da un bel po' che stanno martellando con
            l'"avviso adeguato" contro la pirateria
            audiovisiva. Puoi giurare di non averlo mai
            visto?
            Spot televisivi, al cinema, sui giornali... Puoi
            davvero giurare di non averlo mai
            visto?La TV non la guardo più da anni, al cinema non ci vado quasi mai, i giornali non li leggo, la radio praticamente non l'ascolto, e su internet vado solo sui siti anti-copyright.Quindi posso tranquillamente giurare di non aver mai visto né sentito parlare di niente del genere.
            Nella maggior parte dei casi sai già prima del
            download quel che stai per scaricare.La maggior parte dei casi != tutti i casi.
            E se
            proprio nonostante la cautela preventiva ne
            constati a posteriori l'illiceità, basta
            cancellarlo (consigliabile Eraser o simili) in
            modo da non totalizzarne un numero superiore a
            50.Le tracce dei file cancellati sul disco rimangono lo stesso.
            in realtà la norma prevede "oltre cinquanta copie
            o esemplari di opere tutelate dal diritto
            d'autore e da diritti connessi", quindi lascia un
            notevole margine per esercitare la "buona
            fede".e secondo te 50 è un notevole margine?! Suvvia, non scherziamo...
            Per violare la legge ne devi accumulare oltre 50,
            quindi se nonostante la cautela preventiva ne
            constati a posteriori l'illiceità, basta
            cancellarlo (consigliabile Eraser o simili) in
            modo da non totalizzarne un numero superiore a
            50. Cosa non difficile per chi è davvero in buona
            fede.Come ti ho detto, i file cancellati sono comunque ancora recuperabili nella maggior parte dei casi. La legge non dice nulla a riguardo. Contano tutti i file (eventualmente anche quelli cancellati, ma recuperabili) oppure solo quelli non cancellati?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Quando l'utente scarica da quei siti in cui
            la

            gran maggioranza del materiale linkato
            infrange

            il copyright, non può invocare la buona fede.

            In teoria può sempre. Bisogna solo vedere se la
            sua invocazione viene poi ritenuta valida oppure
            no.Ma chi sei? Capitan Obvious? ;)

            Tranne ovviamente i casi in cui si possa

            dimostrare che l'utente non abbia la

            consapevolezza del suo agire.

            Cioè quasi sempre.Intendevo: quando si tratta di un bambino piccolo o di persona affetta da gravi e documentati deficit mentali.
            Guarda che esistono anche i fake, eh.Se un sito distribuisce fake, cambi sito, no?

            È da un bel po' che stanno martellando
            con

            l'"avviso adeguato" contro la pirateria

            audiovisiva. Puoi giurare di non averlo mai

            visto?


            Spot televisivi, al cinema, sui giornali...

            Puoi davvero giurare di non averlo

            mai visto?

            La TV non la guardo più da anni, al cinema non ci
            vado <u
            quasi </u
            mai, i giornali non li leggo, la radio
            praticamente non l'ascolto, e su internet vado
            solo sui siti anti-copyright.

            Quindi posso tranquillamente giurare di non aver
            mai visto né sentito parlare di niente del
            genere.Però ammetti di esser stato qualche volta al cinema negli ultimi anni, e quel fastidioso spot non passa inosservato...Ma comunque ora hai letto nei miei post che per la legge italiana vigente il download di materiale piratato è illegale. ;)

            Nella maggior parte dei casi sai già prima
            del

            download quel che stai per scaricare.

            La maggior parte dei casi != tutti i casi.Vogliamo lasciarlo o no qualche appiglio all'avvocato difensore? :)

            E se

            proprio nonostante la cautela preventiva ne

            constati a posteriori l'illiceità, basta

            cancellarlo (consigliabile Eraser o simili)
            in

            modo da non totalizzarne un numero superiore
            a

            50.

            Le tracce dei file cancellati sul disco rimangono
            lo stesso.Dopo la cancellazione con Eraser? Non fare disinformazione!Le tracce che eventualmente restano sono quelle del traffico internet presso il tuo ISP (rimedio: Tor) e localmente nella cronologia (rimedio con Firefox: Strumenti
            Opzioni
            Privacy
            Utilizza sempre la modalità di navigazione anonima) e nella cache del browser (rimedio con Firefox: Strumenti
            Opzioni
            Avanzate
            Rete
            Non utilizzare la gestione automatica della cache
            Limita la cache a 0 MB di spazio).

            in realtà la norma prevede "oltre cinquanta
            copie

            o esemplari di opere tutelate dal diritto

            d'autore e da diritti connessi", quindi
            lascia
            un

            notevole margine per esercitare la "buona

            fede".

            e secondo te 50 è un notevole margine?! Suvvia,
            non scherziamo...Si stava parlando di Tizio che è in buona fede e che se si accorge di aver scaricato un file piratato lo cancella quanto prima.

            Per violare la legge ne devi accumulare
            oltre
            50,

            quindi se nonostante la cautela preventiva ne

            constati a posteriori l'illiceità, basta

            cancellarlo (consigliabile Eraser o simili)
            in

            modo da non totalizzarne un numero superiore
            a

            50. Cosa non difficile per chi è davvero in
            buona

            fede.

            Come ti ho detto, i file cancellati sono comunque
            ancora recuperabili nella maggior parte dei casi.Ho ripetuto "Eraser". Una volta cancellati non sono più recuperabili.
            La legge non dice nulla a riguardo. Contano tutti
            i file (eventualmente anche quelli cancellati, ma
            recuperabili) oppure solo quelli non cancellati?Nel dubbio, usa Eraser.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Capiamoci: quando l'utente trova linkati in quei
            siti lì film completi delle major, tranne qualche
            rara eccezione tale materiale infrange il
            copyright.E il principio di "PRESUNZIONE DI INNOCENZA" e quell'altro che dice "IN DUBIO PRO REO" si applicano SEMPRE proprio perche' ci sono quelle RARE ECCEZIONI che hai giustamente messo in evidenza.
            Quando l'utente scarica da quei siti in cui la
            gran maggioranza del materiale linkato infrange
            il copyright, non può invocare la buona fede.Da quale bollino dicevi che si riconoscevano quei siti qua?Potresti gentilmente linkarne uno che cosi' lo vediamo e ci facciamo un'idea.E quindi tu affermi che se uno scaricasse da questi siti qua, il beneficio del dubbio non si applica, nonostante solo la gran maggioranza del materiale linkato sia illegale?Molto curioso il tuo concetto di legge e di democrazia.
            Tranne ovviamente i casi in cui si possa
            dimostrare che l'utente non abbia la
            consapevolezza del suo
            agire.Questo e' facile.Basta avere un virus in windows.Quindi basta avere windows.
            Se però l'entità della sanzione per divieto di
            sosta fosse pari alle sanzioni previste dal
            171-ter della 633/41, credo che ti accerteresti
            molto bene prima di lasciar parcheggiata l'auto!
            ;-)Deve proprio essere per la paura delle sanzioni della 633/41 che la gente ha smesso di scaricare e le videoteche sono tornate a riempirsi di clienti.
            È da un bel po' che stanno martellando con
            l'"avviso adeguato" contro la pirateria
            audiovisiva. Puoi giurare di non averlo mai
            visto?Quale, quello che si avvale di una colonna sonora per la quale non sono stati pagati i diritti d'autore, per caso?
            È da un bel po' che stanno martellando con
            l'"avviso adeguato" contro la pirateria
            audiovisiva. Puoi giurare di non averlo mai
            visto?Quale, quello che si avvale di una colonna sonora per la quale non sono stati pagati i diritti d'autore, per caso?
            Spot televisivi, al cinema, sui giornali... Puoi
            davvero giurare di non averlo mai
            visto?Posso anche averlo visto, ma posso dare credibilita' ad un promo sicuramente illegale visto che non ha pagato i diritti per la colonna sonora?
            La campagna informativa contro la pirateria
            audiovisiva è stata oggetto di critiche da parte
            degli "esperti" anche perché il messaggio era
            adeguato anche alla comprensione da parte dei
            "meno tecnici".Il messaggio era un concentrato di balle.
            Nella maggior parte dei casi sai già prima del
            download quel che stai per scaricare.Ma nella restante parte dei casi no.
            E se
            proprio nonostante la cautela preventiva ne
            constati a posteriori l'illiceità, basta
            cancellarlo (consigliabile Eraser o simili) in
            modo da non totalizzarne un numero superiore a
            50.Non c'e' pericolo.Per essere proprio sicuro che sia effettivamente illegale lo riguardo almeno tre o quattro volte, anche chiamando amici e parenti.E poi se lo riteniamo illegale, cancelliamo.Altrimenti se restano ancora dei dubbi ne passiamo una copia ad amici e colleghi per avere il loro parere.E comunque si', quando ne abbiamo accumulati una quarantina, cominciamo a cancellare i piu' vecchi per far posto ai nuovi.Ci atteniamo scrupolosamente alle leggi, noi!
            in realtà la norma prevede "oltre cinquanta copie
            o esemplari di opere tutelate dal diritto
            d'autore e da diritti connessi", quindi lascia un
            notevole margine per esercitare la "buona
            fede".Naturalmente si parla di 50 copie a testa.Quindi una famiglia di 4 persone puo' tranqullamente detenere circa 200 files, purche' conservati separatamente su 4 memorie di massa diverse, una per ogni membro della famiglia.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            Naturalmente si parla di 50 copie a testa.Per il comma 2 dell'art. 171-ter sì, ma non è l'unico articolo pertinente.
            Quindi una famiglia di 4 persone puo'
            tranqullamente detenere circa 200 files, purche'
            conservati separatamente su 4 memorie di massa
            diverse, una per ogni membro della
            famiglia.tranqullamente detenere... (rotfl)Art. 174-ter1. Chiunque abusivamente utilizza, anche via etere o via cavo, duplica, riproduce, in tutto o in parte, con qualsiasi procedimento, anche avvalendosi di strumenti atti ad eludere le misure tecnologiche di protezione, opere o materiali protetti, oppure acquista o noleggia supporti audiovisivi, fonografici, informatici o multimediali non conformi alle prescrizioni della presente legge, ovvero attrezzature, prodotti o componenti atti ad eludere misure di protezione tecnologiche è punito, purché il fatto non concorra con i reati di cui agli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 171-­quater, 171-quinquies, 171-septies e 171-octies, con la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 154 e con le sanzioni acXXXXXrie della confisca del materiale e della pubblicazione del provvedimento su un giornale quotidiano a diffusione nazionale.2. In caso di recidiva o di fatto grave per la quantità delle violazioni o delle copie acquistate o noleggiate, la sanzione amministrativa è aumentata sino ad euro 1032,00 ed il fatto è punito con la confisca degli strumenti e del materiale, con la pubblicazione del provvedimento su due o più giornali quotidiani a diffusione nazionale o su uno o più periodici specializzati nel settore dello spettacolo e, se si tratta di attività imprenditoriale, con la revoca della concessione o dell'autorizzazione di diffusione radiotelevisiva o dell'autorizzazione per l'esercizio dell'attività produttiva o commerciale.Se invece il fatto concorre(
            [...] ne passiamo una copia ad amici e colleghi [...])con i reati di cui agli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 171-­quater, 171-quinquies, 171-septies e 171-octies:Art. 174-bis1. Ferme le sanzioni penali applicabili, la violazione delle disposizioni previste nella presente sezione è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria pari al doppio del prezzo di mercato dell'opera o del supporto oggetto della violazione, in misura comunque non inferiore a euro 103,00. Se il prezzo non è facilmente determinabile, la violazione è punita con la sanzione amministrativa da euro 103,00 a euro 1032,00. La sanzione amministrativa si applica nella misura stabilita per ogni violazione e per ogni esemplare abusivamente duplicato o riprodotto.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Certo che quelli come voi sanno solo ripetere i soliti 4 articoli di legge a mo' di pappagallo... impegnarsi un po' di più no, eh?
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            Certo che quelli come voi sanno solo ripetere i
            soliti 4 articoli di legge a mo' di pappagallo...repetita iuvant.
            impegnarsi un po' di più no, eh?si lascerebbe troppo spazio ai troll.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            repetita iuvant.Repetita <b
            magno taedio </b
            afficiunt.
            si lascerebbe troppo spazio ai troll.come te, per esempio?
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: ora lo sai


            repetita iuvant.Ci sono ancora assidui frequentatori di PI che certe cose non le sanno:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=3635381#p3635381
            Repetita <b
            magno taedio </b

            afficiunt."Quando ci vuole, ci vuole!"

            si lascerebbe troppo spazio ai troll.

            come te, per esempio?Non lo sono.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai

            Repetita <b
            magno taedio </b


            afficiunt.

            "Quando ci vuole, ci vuole!"E chi lo decide "quando ci vuole"? Tu??A me sembra che il limite del "quando ci vuole, ci vuole" sia già stato ampiamente superato, e siamo ormai nel campo del molto meno nobile "quel che è troppo, stroppia".
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Infatti, finanzieri e forze dell'ordine sono i primi a fregarsene di queste norme e a scaricare di tutto e di più; figuriamoci se poi le fanno rispettare...
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            link, link!! (rotfl)
            (in assenza di oggettivi riscontri non posso
            certo prenderla per buona)Non servono i link. Vai dal primo finanziere o carabiniere che trovi e te ne accorgerai tu stesso.
            Un po' contraddittorio, non ti pare, il parere di
            costui?
            "mai stata nessuna causa" vs. "viene applicata"...No. Perché intendeva chiaramente "nessuna causa che abbia avuto come oggetto l'esclusiva violazione degli art. di legge da te citati" e non la sua applicazione acXXXXXria.Impara a leggere prima di scrivere.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: ora lo sai


            link, link!! (rotfl)

            (in assenza di oggettivi riscontri non posso

            certo prenderla per buona)

            Non servono i link.cc? (rotfl) Era una battuta.
            Vai dal primo finanziere o
            carabiniere che trovi e te ne accorgerai tu
            stesso.Meglio di no. Per lui, eh? ;)

            Un po' contraddittorio, non ti pare, il
            parere
            di

            costui?

            "mai stata nessuna causa" vs. "viene
            applicata"...

            No. Perché intendeva chiaramente "nessuna causa
            che abbia avuto come oggetto l'esclusiva
            violazione degli art. di legge da te citati" e
            non la sua applicazione
            acXXXXXria.

            Impara a leggere prima di scrivere.Impara a leggere TU prima di scrivere: " <u
            Un po' </u
            contraddittorio".
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            Impara a leggere TU prima di scrivere: "
            <u
            Un po' </u

            contraddittorio".No, perché <b
            non è per niente </b
            contraddittorio. Nemmeno un po'.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            Capiamoci: quando l'utente trova linkati in
            quei

            siti lì film completi delle major, tranne
            qualche

            rara eccezione tale materiale infrange il

            copyright.

            E il principio di "PRESUNZIONE DI INNOCENZA" e
            quell'altro che dice "IN DUBIO PRO REO" si
            applicano SEMPRE proprio perche' ci sono quelle
            RARE ECCEZIONI che hai giustamente messo in
            evidenza.E che c'entra? Era per riconoscere un sito di materiale piratato. Cosa che ben sai fare, ma ti va solo di trollare.

            Se però l'entità della sanzione per divieto
            di

            sosta fosse pari alle sanzioni previste dal

            171-ter della 633/41, credo che ti
            accerteresti

            molto bene prima di lasciar parcheggiata
            l'auto!

            ;-)

            Deve proprio essere per la paura delle sanzioni
            della 633/41 che la gentese proprio lo vuol fare, almeno inizia a prendere le sue precauzioni: Tor, no cronologia, no cache, ecc.
            <s
            ha smesso di scaricare
            e le videoteche sono tornate a riempirsi di
            clienti. </s


            È da un bel po' che stanno martellando
            con

            l'"avviso adeguato" contro la pirateria

            audiovisiva. Puoi giurare di non averlo mai

            visto?

            Quale, quello che si avvale di una colonna sonora
            per la quale non sono stati pagati i diritti
            d'autore, per caso?Due pesi e due misure...

            Spot televisivi, al cinema, sui giornali...
            Puoi

            davvero giurare di non averlo mai

            visto?

            Posso anche averlo visto, ma posso dare
            credibilita' ad un promo sicuramente illegale
            visto che non ha pagato i diritti per la colonna
            sonora?Però almeno ne hai sentore e ti informi su come stiano realmente le cose, ad esempio leggendoti personalmente cosa prevede la legge italiana vigente al riguardo.

            Nella maggior parte dei casi sai già prima
            del

            download quel che stai per scaricare.

            Ma nella restante parte dei casi no.


            E se

            proprio nonostante la cautela preventiva ne

            constati a posteriori l'illiceità, basta

            cancellarlo (consigliabile Eraser o simili)
            in

            modo da non totalizzarne un numero superiore
            a

            50.

            Non c'e' pericolo.
            Per essere proprio sicuro che sia effettivamente
            illegale lo riguardo almeno tre o quattro volte,
            anche chiamando amici e parenti.
            E poi se lo riteniamo illegale, cancelliamo.
            Altrimenti se restano ancora dei dubbi ne
            passiamo una copia ad amici e colleghi per avere
            il loro parere.
            E comunque si', quando ne abbiamo accumulati una
            quarantina, cominciamo a cancellare i piu' vecchi
            per far posto ai
            nuovi.

            Ci atteniamo scrupolosamente alle leggi, noi!Eh sì, certo, in particolare alla legge 633/41 Artt. 174-ter e 174-bis.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            E il principio di "PRESUNZIONE DI INNOCENZA"
            e

            quell'altro che dice "IN DUBIO PRO REO" si

            applicano SEMPRE proprio perche' ci sono
            quelle

            RARE ECCEZIONI che hai giustamente messo in

            evidenza.
            E che c'entra? Era per riconoscere un sito di
            materiale piratato. Cosa che ben sai fare, ma ti
            va solo di
            trollare.C'entra, c'entra.Tu pretendi di far passare il messaggio che nel dubbio e' meglio allontanarsi da quel sito dubbio, io invece sto affermando che un sito dubbio non e' un sito illegale (se lo fosse sarebbe chiuso), e quindi applicando la presunzione di innocenza, si puo' e si deve scaricare.

            Deve proprio essere per la paura delle
            sanzioni

            della 633/41 che la gente
            se proprio lo vuol fare, almeno inizia a prendere
            le sue precauzioni: Tor, no cronologia, no cache,
            ecc.Avevo proprio bisogno dei tuoi consigli, guarda.

            <s
            ha smesso di scaricare

            e le videoteche sono tornate a riempirsi di

            clienti. </s




            È da un bel po' che stanno
            martellando

            con


            l'"avviso adeguato" contro la pirateria


            audiovisiva. Puoi giurare di non averlo
            mai


            visto?



            Quale, quello che si avvale di una colonna
            sonora

            per la quale non sono stati pagati i diritti

            d'autore, per caso?
            Due pesi e due misure...Un peso e una misura: io non do' alcun credito ai pirati.

            Posso anche averlo visto, ma posso dare

            credibilita' ad un promo sicuramente illegale

            visto che non ha pagato i diritti per la
            colonna

            sonora?
            Però almeno ne hai sentore e ti informi su come
            stiano realmente le cose, ad esempio leggendoti
            personalmente cosa prevede la legge italiana
            vigente al riguardo.Che c'entra la legge italiana?In svizzera scaricare non e' illegale.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            PI ha deciso che la risposta doveva finire lì:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=3637025#p3637025
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Chiarisciti un po' le idee. In ogni duplicazione
            di un file, prima hai un solo file che assume il
            ruolo di originale ed è detto appunto originale,
            poi, se il procedimento è svolto correttamente,
            hai due file identici; al secondo file, quello
            prodotto dall'operazione, si dà il nome di copia.
            Chiaro?No, l'originale è solo uno, ed è quello approvato e stampato dalla major di turno (cd, vinile, ecc.) e la duplicazione può essere fatta solo a partire da quel tipo di originale.Tutto il resto sono solo copie di file, che a loro volta non sono altro che degradazioni dell'originale. Altro che copia 1:1...
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Chiarisciti un po' le idee. In ogni
            duplicazione

            di un file, prima hai un solo file che
            assume
            il

            ruolo di originale ed è detto appunto
            originale,

            poi, se il procedimento è svolto
            correttamente,

            hai due file identici; al secondo file,
            quello

            prodotto dall'operazione, si dà il nome di
            copia.

            Chiaro?

            No, l'originale è solo uno, ed è quello approvato
            e stampato dalla major di turno (cd, vinile,
            ecc.) e la duplicazione può essere fatta solo a
            partire da quel tipo di
            originale.
            Tutto il resto sono solo copie di file, che a
            loro volta non sono altro che degradazioni
            dell'originale. Altro che copia
            1:1...Ti ho risposto qui:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=3630283#p3630283
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Bubbole e pinzillacchere
        Art. 71-sexies1. E' consentita la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi su qualsiasi supporto, effettuata da una persona fisica per uso esclusivamente personale, purché senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali, nel rispetto delle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater.
        • 633.41 scrive:
          Re: Bubbole e pinzillacchere
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Art. 71-sexies

          1. E' consentita la riproduzione privata di
          fonogrammi e videogrammi su qualsiasi supporto,
          effettuata da una persona fisica per uso
          esclusivamente personale, purché senza scopo di
          lucro e senza fini direttamente o indirettamente
          commerciali, nel rispetto delle misure
          tecnologiche di cui all'articolo
          102-quater.Dato che anche i commi successivi al primo sono essenziali, ecco tutto l'articolo 71-sexies della 633/41:1. E' consentita la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi su qualsiasi supporto, effettuata da una persona fisica per uso esclusivamente personale, purché senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali, nel rispetto delle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater.2. La riproduzione di cui al comma 1 <b
          non può essere effettuata da terzi </b
          . La prestazione di servizi finalizzata a consentire la riproduzione di fonogrammi e videogrammi da parte di persona fisica per uso personale costituisce attività di riproduzione soggetta alle disposizioni di cui agli articoli 13, 72, 78-bis, 79 e 80.3. La disposizione di cui al comma 1 non si applica alle opere o ai materiali protetti messi a disposizione dei pubblico in modo che ciascuno possa avervi acXXXXX dal luogo e nel momento scelti individualmente, quando l'opera è protetta dalle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater ovvero quando l'acXXXXX è consentito sulla base di accordi contrattuali.4. Fatto salvo quanto disposto dal comma 3, i titolari dei diritti sono tenuti a consentire che, nonostante l'applicazione delle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater, la persona fisica che <b
          abbia acquisito il possesso legittimo </b
          di esemplari dell'opera o del materiale protetto, ovvero vi abbia avuto acXXXXX legittimo, possa effettuare una copia privata, anche solo analogica, per uso personale, a condizione che tale possibilità non sia in contrasto con lo sfruttamento normale dell'opera o degli altri materiali e non arrechi ingiustificato pregiudizio ai titolari dei diritti.L'upper fa il rip, poi lo mette in rete, poi tu scarichi il file, ma:"La riproduzione di cui al comma 1 <u
          non </u
          può essere effettuata da terzi"Affinché sia consentita la copia privata, devi aver conseguito il possesso legittimo di esemplari dell'opera o del materiale protetto.Inoltre da https://it.wikipedia.org/wiki/Copia_privata:Nell'ambito giuridico, la copia privata consiste nella legalità della riproduzione di un'opera dell'ingegno a scopi personali, da parte colui che ne detiene una copia originale.La copia privata non ha nulla a che vedere con la pirateria informatica: con il termine "pirateria" infatti ci si riferisce alla «riproduzione e distribuzione di esemplari di opere protette senza il consenso degli aventi diritto», ben diverso quindi da una copia privata che «non ha nulla della intermediazione imprenditoriale» ed è quindi «funzionale all'autoconsumo».
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere

            4. Fatto salvo quanto disposto dal comma 3, i
            titolari dei diritti sono tenuti a consentire
            che, nonostante l'applicazione delle misure
            tecnologiche di cui all'articolo 102-quater, la
            persona fisica che <b
            abbia acquisito il
            possesso legittimo </b
            di esemplari
            dell'opera o del materiale protetto, <b
            ovvero vi
            abbia avuto acXXXXX legittimo </b
            , possa effettuare
            una copia privata, anche solo analogica, per uso
            personale, a condizione che tale possibilità non
            sia in contrasto con lo sfruttamento normale
            dell'opera o degli altri materiali e non arrechi
            ingiustificato pregiudizio ai titolari dei
            diritti.

            Affinché sia consentita la copia privata, devi
            aver conseguito il possesso legittimo di
            esemplari dell'opera o del materiale
            protetto. <b
            OPPURE </b
            devo aver avuto acXXXXX legittimo ad essa: tu puoi registrare un film dalla televisione, ad esempio: non possiedi un'esemplare dell'opera (ce l'ha l'emittente televisiva, non tu), ma hai legittimo acXXXXX e quindi puoi registrarla.Ed io ho legittimo acXXXXX ad un file che si trova su un sito (visto che il sito non è stato oscurato, posso supporre che tale sito sia lecito fino a prova contraria, e io non ho in alcun modo forzato il sito per accedere ad esso, ergo il mio acXXXXX è stato perfettamente legittimo)

            Nell'ambito giuridico, la copia privata consiste
            nella legalità della riproduzione di un'opera
            dell'ingegno a scopi personali, da parte colui
            che ne detiene una copia
            originale.Errato (o per lo meno incompleto): infatti, se così fosse, non sarebbe permesso videoregistrare una trasmissione televisiva, mentre invece ciò è perfettamente lecito.

            La copia privata non ha nulla a che vedere con la
            pirateria informatica: con il termine "pirateria"
            infatti ci si riferisce alla «riproduzione e
            distribuzione di esemplari di opere protette
            senza il consenso degli aventi diritto», ben
            diverso quindi da una copia privata Appunto: scaricando un file da internet non lo distribuisci. Quindi, il download non rientra nella pirateria.
            che «non
            ha nulla della intermediazione
            imprenditoriale» ed è quindi
            «funzionale
            all'autoconsumo».Il download di un file è funzionale all'autoconsumo: quindi, hai appena dimostrato che scaricare un file è da considerarsi copia privata, non pirateria.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi

            4. Fatto salvo quanto disposto dal comma 3, i

            titolari dei diritti sono tenuti a consentire

            che, nonostante l'applicazione delle misure

            tecnologiche di cui all'articolo 102-quater,
            la

            persona fisica che <b
            abbia
            acquisito
            il

            possesso legittimo </b
            di esemplari

            dell'opera o del materiale protetto,
            <b
            ovvero
            vi

            abbia avuto acXXXXX legittimo </b
            ,
            possa
            effettuare

            una copia privata, anche solo analogica, per
            uso

            personale, a condizione che tale possibilità
            non

            sia in contrasto con lo sfruttamento normale

            dell'opera o degli altri materiali e non
            arrechi

            ingiustificato pregiudizio ai titolari dei

            diritti.







            Affinché sia consentita la copia privata,
            devi

            aver conseguito il possesso legittimo di

            esemplari dell'opera o del materiale

            protetto.

            <b
            OPPURE </b
            devo aver avuto
            acXXXXX legittimo ad essa: tu puoi registrare un
            film dalla televisione, ad esempio: non possiedi
            un'esemplare dell'opera (ce l'ha l'emittente
            televisiva, non tu), ma hai legittimo acXXXXX e
            quindi puoi registrarla.Cosa espressamente consentita dalla 633/41.
            Ed io ho legittimo acXXXXX ad un file che si
            trova su un sito (visto che il sito non è stato
            oscurato, posso supporreMi stai dicendo che se vai da un ricettatore, per il semplice fatto che è ancora in attività visto che non è stato ancora incarcerato, allora hai "legittimo acXXXXX" al materiale che detiene? Ci vuole un'ingenuità alla Forrest Gump! :)È un esempio, eh? ;)
            che tale sito sia lecito
            fino a prova contraria, e io non ho in alcun modo
            forzato il sito per accedere ad esso, ergo il mio
            acXXXXX è stato perfettamente
            legittimo)qualche "ergo" di troppo...



            Nell'ambito giuridico, la copia privata
            consiste

            nella legalità della riproduzione di un'opera

            dell'ingegno a scopi personali, da parte
            colui

            che ne detiene una copia

            originale.

            Errato (o per lo meno incompletoSull'incompletezza sono daccordo.
            ): infatti, se
            così fosse, non sarebbe permesso videoregistrare
            una trasmissione televisiva, mentre invece ciò è
            perfettamente
            lecito.





            La copia privata non ha nulla a che vedere
            con
            la

            pirateria informatica: con il termine
            "pirateria"

            infatti ci si riferisce alla
            «riproduzione
            e

            distribuzione di esemplari di opere protette

            senza il consenso degli aventi
            diritto»,
            ben

            diverso quindi da una copia privata

            Appunto: scaricando un file da internet non lo
            distribuisci.Embè? Ci son di mezzo i terzi che han fatto il rip e quindi la concessione fatta dall'Art. 71-sexies non è applicabile.
            Quindi, il download non rientra
            nella pirateria.Il download abusivo vi rientra eccome: sei l'utente finale.

            che «non

            ha nulla della intermediazione

            imprenditoriale» ed è quindi

            «funzionale

            all'autoconsumo».

            Il download di un file è funzionale
            all'autoconsumo:ma ci sono i fini indirettamente commerciali, inoltre è in contrasto con lo sfruttamento normale dell'opera o degli altri materiali e arreca ingiustificato pregiudizio ai titolari dei diritti.
            quindi, hai appena dimostratoma quando mai? (rotfl)
            che scaricare un file è da considerarsi copia
            privata, non pirateria.Non l'hai ancora capito? Nel download da siti di materiale piratato ci son (per lo meno) di mezzo i terzi che han fatto il rip e quindi il beneficio conXXXXX dall'Art. 71-sexies non è applicabile. Quindi non è legittima copia privata.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: uno qualsiasi

            <b
            OPPURE </b
            devo aver avuto

            acXXXXX legittimo ad essa: tu puoi
            registrare
            un

            film dalla televisione, ad esempio: non
            possiedi

            un'esemplare dell'opera (ce l'ha l'emittente

            televisiva, non tu), ma hai legittimo
            acXXXXX
            e

            quindi puoi registrarla.
            Cosa espressamente consentita dalla 633/41.



            Ed io ho legittimo acXXXXX ad un file che si

            trova su un sito (visto che il sito non è
            stato

            oscurato, posso supporre
            Mi stai dicendo che se vai da un ricettatore, per
            il semplice fatto che è ancora in attività visto
            che non è stato ancora incarcerato, allora hai
            "legittimo acXXXXX" al materiale che detiene? Ci
            vuole un'ingenuità alla Forrest Gump!
            :)
            È un esempio, eh? ;)E io che ne so se dall'altra parte del sito c'e' qualcuno in giacca e cravatta che detiene i diritti o uno spacciatore cattivo sfregiato e con la voce grossa ???-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 ottobre 2012 18.46-----------------------------------------------------------
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: uno qualsiasi



            <b
            OPPURE </b
            devo aver
            avuto


            acXXXXX legittimo ad essa: tu puoi

            registrare

            un


            film dalla televisione, ad esempio: non

            possiedi


            un'esemplare dell'opera (ce l'ha
            l'emittente


            televisiva, non tu), ma hai legittimo

            acXXXXX

            e


            quindi puoi registrarla.

            Cosa espressamente consentita dalla 633/41.






            Ed io ho legittimo acXXXXX ad un file
            che
            si


            trova su un sito (visto che il sito non
            è

            stato


            oscurato, posso supporre

            Mi stai dicendo che se vai da un
            ricettatore,
            per

            il semplice fatto che è ancora in attività
            visto

            che non è stato ancora incarcerato, allora
            hai

            "legittimo acXXXXX" al materiale che
            detiene?
            Ci

            vuole un'ingenuità alla Forrest Gump!

            :)

            È un esempio, eh? ;)

            E io che ne so se dall'altra parte del sito c'e'
            qualcuno in giacca e cravatta che detiene i
            diritti o uno spacciatore cattivo sfregiato e con
            la voce grossa
            ???
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 19 ottobre 2012 18.46
            --------------------------------------------------Affinché la tua domanda possa esser presa in considerazione, devi prima cambiare nick in Forrest Gump (o simili).
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: 633.41


            - Scritto da: uno qualsiasi





            <b
            OPPURE </b
            devo
            aver

            avuto



            acXXXXX legittimo ad essa: tu puoi


            registrare


            un



            film dalla televisione, ad
            esempio:
            non


            possiedi



            un'esemplare dell'opera (ce l'ha

            l'emittente



            televisiva, non tu), ma hai
            legittimo


            acXXXXX


            e



            quindi puoi registrarla.


            Cosa espressamente consentita dalla
            633/41.









            Ed io ho legittimo acXXXXX ad un
            file

            che

            si



            trova su un sito (visto che il
            sito
            non

            è


            stato



            oscurato, posso supporre


            Mi stai dicendo che se vai da un

            ricettatore,

            per


            il semplice fatto che è ancora in
            attività

            visto


            che non è stato ancora incarcerato,
            allora

            hai


            "legittimo acXXXXX" al materiale che

            detiene?

            Ci


            vuole un'ingenuità alla Forrest Gump!


            :)


            È un esempio, eh? ;)



            E io che ne so se dall'altra parte del sito
            c'e'

            qualcuno in giacca e cravatta che detiene i

            diritti o uno spacciatore cattivo sfregiato
            e
            con

            la voce grossa

            ???


            --------------------------------------------------

            Modificato dall' autore il 19 ottobre 2012
            18.46


            --------------------------------------------------
            Affinché la tua domanda possa esser presa in
            considerazione, devi prima cambiare nick in
            Forrest Gump (o simili).Ok, ti sei qualificato: XXXXXXX
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Eddai, Krane, sei un volpone smaliziato che ben conosce la rete e vuoi fare il finto tonto?
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Eddai, Krane, sei un volpone smaliziato che ben
            conosce la rete e vuoi fare il finto
            tonto?Se si parlasse di volponi smaliziati il problema non esisterebbe: non si fanno beccare (rotfl)Pero' vale quel che ho detto: il nome del sito non basta a sapere se e' legale o meno, soprattutto ora che ci sono diversi portali legali che offrono film in streaming.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: 633.41

            Eddai, Krane, sei un volpone smaliziato che
            ben

            conosce la rete e vuoi fare il finto

            tonto?

            Se si parlasse di volponi smaliziati il problema
            non esisterebbe: non si fanno beccare
            (rotfl)

            Pero' vale quel che ho detto: il nome del sito
            non basta a sapere se e' legale o meno,
            soprattutto ora che ci sono diversi portali
            legali che offrono film in streaming.P.S. e scusa l'ecXXXXX
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: 633.41

            Eddai, Krane, sei un volpone smaliziato che
            ben

            conosce la rete e vuoi fare il finto

            tonto?

            Se si parlasse di volponi smaliziati il problema
            non esisterebbe: non si fanno beccare (rotfl)E perché dovrebbero "beccare" l'utente se scaricare contenuti piratati non fosse illegale?
            Pero' vale quel che ho detto: il nome del sito
            non basta a sapere se e' legale o meno,Il nome forse no (a volte però potrebbe essere un indizio), ma c'è sono tutta una serie di elementi che li rendono riconoscibili, come tu ben sai.
            soprattutto ora che ci sono diversi portali
            legali che offrono film in streaming.Per evitare fraintendimenti, meglio che chiarisci a quali siti ti riferisci.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: 633.41


            Eddai, Krane, sei un volpone smaliziato
            che

            ben


            conosce la rete e vuoi fare il finto


            tonto?



            Se si parlasse di volponi smaliziati il
            problema

            non esisterebbe: non si fanno beccare (rotfl)
            E perché dovrebbero "beccare" l'utente se
            scaricare contenuti piratati non fosse
            illegale?


            Pero' vale quel che ho detto: il nome del
            sito

            non basta a sapere se e' legale o meno,
            Il nome forse no (a volte però potrebbe essere un
            indizio), ma c'è sono tutta una serie di elementi
            che li rendono riconoscibili, come tu ben
            sai.


            soprattutto ora che ci sono diversi portali

            legali che offrono film in streaming.
            Per evitare fraintendimenti, meglio che chiarisci
            a quali siti ti
            riferisci.Vediamo....Questi sono tutti illegali ?http://blog.buttermouth.com/2007/06/top-25-places-to-watch-free-movies-and.html
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Eddai, Krane, sei un volpone smaliziato che ben
            conosce la rete e vuoi fare il finto tonto?Se qualcuno mi accusa di qualcosa, sono liberissimo di difendermi come più mi aggrada. Anche facendo il "finto tonto", se necessario.Starà poi a te o a chi di dovere, dimostrare il contrario (cioè: che io non sono un finto tonto) in un aula di tribunale. -Good luck.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Eddai, Krane, sei un volpone smaliziato che
            ben

            conosce la rete e vuoi fare il finto tonto?

            Se qualcuno mi accusa di qualcosa,al massimo in questa sede ti posso accusare di scrivere cose non vere.
            sono
            liberissimo di difendermi come più mi aggrada.
            Anche facendo il "finto tonto", se
            necessario.
            Starà poi a te o a chi di dovere, dimostrare il
            contrario (cioè: che iosei forse Krane?
            non sono un finto tonto)Krane, utente registrato, è ben noto dai suoi molteplici interventi su PI come un esperto di computer e di internet ed è perfettamente in grado di cogliere la liceità o meno di siti e contenuti.
            in un aula di tribunale.Qui però cadi nel ridicolo. Addirittura in tribunale... (rotfl)(rotfl)
            -Good luck.Altrettanto a te.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            sei forse Krane?No, era solo per dire... Puoi sostituire quell' "io" con qualsiasi altro pronome tu voglia. Il ragionamento non cambia.
            Krane, utente registrato, è ben noto dai suoi
            molteplici interventi su PI come un esperto di
            computer e di internet ed è perfettamente in
            grado di cogliere la liceità o meno di siti e
            contenuti.Il fatto che sia <i
            "perfettamente in grado di cogliere la liceità o meno di siti e contenuti" </i
            non significa che non possa mai sbagliarsi o cadere in errore.Nessuno è perfetto, e anche i saggi sbagliano a volte.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere

            Mi stai dicendo che se vai da un ricettatore, per
            il semplice fatto che è ancora in attività visto
            che non è stato ancora incarcerato, allora hai
            "legittimo acXXXXX" al materiale che detiene? Ci
            vuole un'ingenuità alla Forrest Gump!
            :)
            È un esempio, eh? ;)Un esempio privo di senso, visto che non c'è nessun furto nel download, e quindi nessuna ricettazione.


            che tale sito sia lecito

            fino a prova contraria, e io non ho in alcun
            modo

            forzato il sito per accedere ad esso, ergo
            il
            mio

            acXXXXX è stato perfettamente

            legittimo)
            qualche "ergo" di troppo...Uno solo.Comunque, se non sai cosa vuol dire ci sono i dizionari, lo sapevi?

            Appunto: scaricando un file da internet non
            lo

            distribuisci.
            Embè? Ci son di mezzo i terzi che han fatto il
            rip e quindi la concessione fatta dall'Art.
            71-sexies non è
            applicabile.Perchè mai non sarebbe applicabile?Tu che ne sai se i terzi che hanno fatto il rip hanno violato la legge o no? La legge italiana lo vieta, ma chi ha fatto il rip magari non si trovava in italia, e quindi non era soggetto a tale legge.


            Quindi, il download non rientra

            nella pirateria.
            Il download abusivo vi rientra eccome: sei
            l'utente
            finale.L'utente finale, per definizione, è colui che fa un uso personale del file. Quindi, la sua è una copia personale.

            Il download di un file è funzionale

            all'autoconsumo:
            ma ci sono i fini indirettamente commerciali,Non da parte dell'utente finale
            inoltre è in contrasto con lo sfruttamento
            normale dell'opera Lo sfruttamento normale dell'opera è la visione di essa. Non è in contrasto.
            o degli altri materiali e
            arreca ingiustificato pregiudizio ai titolari dei
            diritti.Anche le fotocamere digitali arrecano ingiustificato pregiudizio a chi sviluppava le foto su pellicola, e allora?


            quindi, hai appena dimostrato
            ma quando mai? (rotfl)


            che scaricare un file è da considerarsi copia

            privata, non pirateria.
            Non l'hai ancora capito? Nel download da siti di
            materiale piratato ci son (per lo meno) di mezzo
            i terzi che han fatto il rip e quindi il
            beneficio conXXXXX dall'Art. 71-sexies non è
            applicabile.Non è applicabile a chi ha fatto il rip, ma è applicabile all'utente finale, e questo basta.Chi ha fatto il rip e l'ha distribuito ha violato la legge italiana, siamo d'accordo. Ma non sappiamo nemmeno se lui era soggetto o meno alla legge italiana (metti che viva in russia, ad esempio, o in svizzera)
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Mi stai dicendo che se vai da un
            ricettatore,
            per

            il semplice fatto che è ancora in attività
            visto

            che non è stato ancora incarcerato, allora
            hai

            "legittimo acXXXXX" al materiale che
            detiene?
            Ci

            vuole un'ingenuità alla Forrest Gump!

            :)

            È un esempio, eh? ;)

            Un esempio <s
            privo di senso </s
            ben azzeccato,
            visto che non c'è
            nessun furto nel download,
            e quindi nessuna
            ricettazione.Ma ti smonta la tesi del libero acXXXXX al sito non ancora chiuso.






            che tale sito sia lecito


            fino a prova contraria, e io non ho in
            alcun

            modo


            forzato il sito per accedere ad esso,
            ergo

            il

            mio


            acXXXXX è stato perfettamente


            legittimo)

            qualche "ergo" di troppo...

            Uno solo.
            Comunque, se non sai cosa vuol dire ci sono i
            dizionari, lo sapevi?ricomprendeva pure i sinonimi e si riferiva a errati rapporti di causalità.






            Appunto: scaricando un file da internet
            non

            lo


            distribuisci.

            Embè? Ci son di mezzo i terzi che han fatto
            il

            rip e quindi la concessione fatta dall'Art.

            71-sexies non è

            applicabile.

            Perchè mai non sarebbe applicabile?per il comma 2 del 71-sexies, visto che ti appellavi al comma 1 dello stesso.
            Tu che ne sai se i terzi che hanno fatto il rip
            hanno violato la legge o no?irrilevante, visto che intendevi avvalerti del comma 1 dell'art. 71-sexies.
            La legge italiana lo
            vieta, ma chi ha fatto il rip magari non si
            trovava in italia, e quindi non era soggetto a
            tale
            legge.






            Quindi, il download non rientra


            nella pirateria.


            Il download abusivo vi rientra eccome: sei

            l'utente

            finale.

            L'utente finale, per definizione, è colui che fa
            un uso personale del file. Quindi, la sua è una
            copia personale.illegittima.





            Il download di un file è funzionale


            all'autoconsumo:


            ma ci sono i fini indirettamente commerciali,

            Non da parte dell'utente finaleusa il summenzionato dizianario, o google.


            inoltre è in contrasto con lo sfruttamento

            normale dell'opera

            Lo sfruttamento normale dell'opera è <b
            farsi pagare per </b
            la visione
            di essa.fixed!
            Non è in contrasto.



            o degli altri materiali e

            arreca ingiustificato pregiudizio ai
            titolari
            dei

            diritti.

            Anche le fotocamere digitali arrecano
            ingiustificato pregiudizio a chi sviluppava le
            foto su pellicola, e
            allora?esempio non pertinente.






            quindi, hai appena dimostrato

            ma quando mai? (rotfl)




            che scaricare un file è da considerarsi
            copia


            privata, non pirateria.

            Non l'hai ancora capito? Nel download da
            siti
            di

            materiale piratato ci son (per lo meno) di
            mezzo

            i terzi che han fatto il rip e quindi il

            beneficio conXXXXX dall'Art. 71-sexies non è

            applicabile.

            Non è applicabile a chi ha fatto il rip, ma è
            applicabile all'utente finale, e questo
            basta.Leggiti bene il comma 2 del 71-sexies: <b
            2. La riproduzione di cui al comma 1 non può essere effettuata da terzi. </b
            QUINDI il tuo cavallo di battaglia si è azzoppato. ;)QUINDI tali copie private, non essendo legittime, se proprio le abbiamo, mettiamole ben al riparo da occhi indiscreti! ;)
            Chi ha fatto il rip e l'ha distribuito ha violato
            la legge italiana, siamo d'accordo.ok
            Ma non
            sappiamo nemmeno se lui era soggetto o meno alla
            legge italiana (metti che viva in russia, ad
            esempio, o in
            svizzera)buon per lui.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere


            Un esempio <s
            privo di senso
            </s
            <s
            ben azzeccato </s
            idiota fatto da un mentecatto,

            visto che non c'è

            nessun furto nel download,

            e quindi nessuna

            ricettazione.
            Ma ti smonta la tesi del libero acXXXXX al sito
            non ancora
            chiuso.Non smonta proprio nulla. Stai confrontando pere e cornetti alla crema, nemmeno pere e arance.

            Uno solo.

            Comunque, se non sai cosa vuol dire ci sono i

            dizionari, lo sapevi?
            ricomprendeva pure i sinonimi e si riferiva a
            errati rapporti di
            causalità.Certo, i tuoi.

            Perchè mai non sarebbe applicabile?
            per il comma 2 del 71-sexies, visto che ti
            appellavi al comma 1 dello
            stesso.Il comma 2 non è applicabile nel caso specifico.


            Tu che ne sai se i terzi che hanno fatto il
            rip

            hanno violato la legge o no?
            irrilevante, visto che intendevi avvalerti del
            comma 1 dell'art. 71-sexies.Per il downloader, non per i terzi. Se i terzi sono fuori dall'italia la legge italiana non si applica a loro.Stai cercando di confrontare pere e banane.

            L'utente finale, per definizione, è colui
            che
            fa

            un uso personale del file. Quindi, la sua è
            una

            copia personale.
            illegittima.legittima.









            Il download di un file è funzionale



            all'autoconsumo:




            ma ci sono i fini indirettamente
            commerciali,



            Non da parte dell'utente finale
            usa il summenzionato dizianario, o google.




            inoltre è in contrasto con lo
            sfruttamento


            normale dell'opera



            Lo sfruttamento normale dell'opera è
            <b
            farsi pagare per </b
            la
            visione

            di essa.
            fixed!Farsi pagare non è necessario: la fruizione dell'opera non richiede nessun lavoro ulteriore da parte dell'autore, quindi cosa andrebbe pagato? Cosa si otterrebbe in cambio dei soldi? Nulla.

            Anche le fotocamere digitali arrecano

            ingiustificato pregiudizio a chi sviluppava
            le

            foto su pellicola, e

            allora?
            esempio non pertinente.Molto più pertinente del tuo esempio del ricettatore.

            Non è applicabile a chi ha fatto il rip, ma è

            applicabile all'utente finale, e questo

            basta.
            Leggiti bene il comma 2 del 71-sexies:
            <b
            2. La riproduzione di cui al comma 1
            non può essere effettuata da terzi. </b
            Mica la fanno i terzi. La fa l'utente finale (copia un file presente su un sito di hosting sul suo computer)

            QUINDI il tuo cavallo di battaglia si è
            azzoppato.
            ;)
            QUINDI tali copie private, non essendo legittime,
            se proprio le abbiamo, mettiamole ben al riparo
            da occhi indiscreti!
            ;)I tuoi "quindi" non hanno senso perchè partono da una premessa errata.Ritenta, sarai più fortunato.Oppure... non ritentare.

            Ma non

            sappiamo nemmeno se lui era soggetto o meno
            alla

            legge italiana (metti che viva in russia, ad

            esempio, o in

            svizzera)
            buon per lui.Quindi ammetti che ho ragione: il comma 2 diventa irrilevante, per lui.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Un esempio <s
            privo di senso </s


            <s
            ben azzeccato </s

            idiota fatto da un mentecatto,Zero argomenti e passi agli insulti? vergognati, cafone! :@


            visto che non c'è


            nessun furto nel download,


            e quindi nessuna


            ricettazione.

            Ma ti smonta la tesi del libero acXXXXX al
            sito

            non ancora

            chiuso.

            Non smonta proprio nulla. Stai confrontando pere
            e cornetti alla crema, nemmeno pere e
            arance.Zero argomenti. Obiezione inefficace. 8)


            Uno solo.


            Comunque, se non sai cosa vuol dire ci
            sono
            i


            dizionari, lo sapevi?

            ricomprendeva pure i sinonimi e si riferiva a

            errati rapporti di

            causalità.

            Certo, i tuoi.






            Perchè mai non sarebbe applicabile?

            per il comma 2 del 71-sexies, visto che ti

            appellavi al comma 1 dello

            stesso.

            Il comma 2 non è applicabile nel caso specifico.E invece sì: i terzi hanno fatto il rip e l'upload, il downloader non può appellarsi al comma 1 dell'art. 71-sexies per la legittimità della sua copia stante il comma 2 dello stesso articolo:2. La riproduzione di cui al comma 1 non può essere effettuata da terzi.che è chiarissimo al riguardo.





            Tu che ne sai se i terzi che hanno
            fatto
            il

            rip


            hanno violato la legge o no?

            irrilevante, visto che intendevi avvalerti
            del

            comma 1 dell'art. 71-sexies.

            Per il downloader, non per i terzi.Ovvio che si parlava del downloader e del suo presunto diritto di farsi la copia privata in base al comma 1 dell'art. 71-sexies. Il fatto che la riproduzione (il rip, per intenderci) l'abbiano effettuata "terzi" fa decadere (comma 2: "La riproduzione di cui al comma 1 non può essere effettuata da terzi") il diritto conXXXXX dal comma 1.
            Se i terzi
            sono fuori dall'italia la legge italiana non si
            applica a
            loro.Un bel chissenefrega qui ci sta proprio tutto, visto che stiamo parlando del downloader.
            Stai cercando di confrontare pere e banane.Da che pulpito...


            L'utente finale, per definizione, è
            colui

            che

            fa


            un uso personale del file. Quindi, la
            sua
            è

            una


            copia personale.

            illegittima.

            legittima.In base al comma 1 dell'art. 71-sexies di certo no, perché il comma 2 lo esclude esplicitamente: "La riproduzione di cui al comma 1 non può essere effettuata da terzi".















            Il download di un file è
            funzionale




            all'autoconsumo:






            ma ci sono i fini indirettamente

            commerciali,





            Non da parte dell'utente finale

            usa il summenzionato dizianario, o google.






            inoltre è in contrasto con lo

            sfruttamento



            normale dell'opera





            Lo sfruttamento normale dell'opera è

            <b
            farsi pagare per </b
            la

            visione


            di essa.

            fixed!

            Farsi pagare non è necessario:Vai al cinema e non paghi il biglietto? Ah, un momento, in effetti c'è qualcuno che non paga il biglietto ma mostra un tesserino... È il tuo caso?
            la fruizione
            dell'opera non richiede nessun lavoro ulteriore
            da parte dell'autore,
            quindi cosa andrebbe
            pagato?Viene pagato dopo, a lavoro ultimato e pubblicato, in piccolissime quote, da ciascun utente dell'opera.


            Anche le fotocamere digitali arrecano


            ingiustificato pregiudizio a chi
            sviluppava

            le


            foto su pellicola, e


            allora?

            esempio non pertinente.

            Molto più pertinente del tuo esempio del
            ricettatore.






            Non è applicabile a chi ha fatto il
            rip, ma
            è


            applicabile all'utente finale, e questo


            basta.

            Leggiti bene il comma 2 del 71-sexies:

            <b
            2. La riproduzione di cui al
            comma
            1

            non può essere effettuata da terzi.
            </b


            Mica la fanno i terzi. La fa l'utente finale
            (copia un file presente su un sito di hosting sul
            suo computer)Il ripping dalla "copia originale" lo fanno i terzi. Tanto difficile da capire?



            QUINDI il tuo cavallo di battaglia si è

            azzoppato.

            ;)

            QUINDI tali copie private, non essendo
            legittime,

            se proprio le abbiamo, mettiamole ben al
            riparo

            da occhi indiscreti!

            ;)

            I tuoi "quindi" non hanno senso perchè partono da
            una premessa
            errata.
            Ritenta, sarai più fortunato.E perché mai dovrei ritentare? L'art. 71-sexies non autorizza lo scaricamento di copie piratate. Fattene una ragione.

            Oppure... non ritentare.Se insisti a negare l'evidenza, potrei anche seguire il tuo consiglio. :)


            Ma non


            sappiamo nemmeno se lui era soggetto o
            meno

            alla


            legge italiana (metti che viva in
            russia,
            ad


            esempio, o in


            svizzera)

            buon per lui.

            Quindi ammetti che ho ragione:Che viziaccio che hai di mettere i "quindi" a sproposito. :)
            il comma 2 diventa
            irrilevante, per
            lui.Ma sei duro di comprendonio? Non stiamo parlando degli eventuali reati commessi dal terzo che effettua il rip e l'upload, ma del fatto che l'art. 71-sexies non autorizza lo scaricamento di copie piratate. E per il downloader il comma 2 è molto rilevante.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Non hai ancora imparato a quotare, vedo.Inoltre, hai dimostrato di non capire nulla: non ti sei accorto che avvengono DUE duplicazioni? La prima dall'originale alla copia sul server, la seconda dalla copia sul server alla copia sul computer dell'utente finale.Ed il comma 1, pur applicandosi alla prima duplicazione, non si applica alla seconda.Hai detto che potresti seguire il mio consiglio di non ritentare? Benissimo, fallo pure. I trolletti scadenti come te sono molto abbondanti, qui, e nessuno sentirà la tua mancanza.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere

            Ed il comma 1, pur applicandosi alla prima
            duplicazione, non si applica alla
            seconda.Ops, volevo scrivere il comma 2
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Inoltre, hai dimostrato di non capire nulla: non
            ti sei accorto che avvengono DUE duplicazioni? La
            prima dall'originale alla copia sul server, la
            seconda dalla copia sul server alla copia sul
            computer dell'utente finale.E' quello che ho cercato di spiegargli anch'io, ma sembra che non ne voglia sentire. Mah...
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Visto che sei partito sparando una razzata quale:"No, l'originale è solo uno, ed è quello approvato e stampato dalla major di turno (cd, vinile, ecc.) e <b
            la duplicazione può essere fatta <u
            solo </u
            a partire da quel tipo di originale </b
            .(http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=3630263#p3630263ricordi?)- Scritto da: anon
            - Scritto da: uno qualsiasi

            non ti sei accorto che avvengono DUE duplicazioni?

            La prima dall'originale alla copia sul server,

            la seconda dalla copia sul server alla copia sul

            computer dell'utente finale.

            E' quello che ho cercato di spiegargli anch'io,Eh, sì, certo... però sembra che almeno hai capito finalmente cosa s'intende per duplicazione, e pure che il download è una duplicazione. :) Pensa un po': Luco ancora non ci arriva... (rotfl)
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Visto che sei partito sparando una razzata quale:
            "No, l'originale è solo uno, ed è quello
            approvato e stampato dalla major di turno (cd,
            vinile, ecc.) e <b
            la duplicazione può
            essere fatta <u
            solo </u
            a
            partire da quel tipo di originale </b

            .
            (http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=36
            ricordi?)Non è una razzata, quella è la mia personale interpretazione del concetto di duplicazione.Interpretazione di cui sono ancora fermamente convinto.
            Eh, sì, certo... però sembra che almeno hai
            capito finalmente cosa s'intende per
            duplicazione, e pure che il download è una
            duplicazione. :)Ho solo capito quello che un manipolo di giudici intende per duplicazione, che stranamente differisce dal senso che la maggior parte della gente dà al termine.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Visto che sei partito sparando una razzata
            quale:

            "No, l'originale è solo uno, ed è quello

            approvato e stampato dalla major di turno
            (cd,

            vinile, ecc.) e <b
            la duplicazione
            può

            essere fatta <u
            solo </u
            a

            partire da quel tipo di originale </b


            .


            (http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=36

            ricordi?)

            Non è una razzata, quella è la mia personale
            interpretazione del concetto di duplicazione.
            Interpretazione di cui sono ancora fermamente
            convinto.Quella è giusta, ma non è l'unica. Dipende dal contesto.


            Eh, sì, certo... però sembra che almeno hai

            capito finalmente cosa s'intende per

            duplicazione, e pure che il download è una

            duplicazione. :)

            Ho solo capito quello che un manipolo di giudici
            intende per duplicazione,se ci pensi, son loro che alla fin fine interpretano la legge; un'interpretazione alternativa può anche essere affascinante o sembrare più di buon senso, ma purtroppo non è quella che conta.
            che stranamente
            differisce dal senso che la maggior parte della
            gente dà al termine.Su questo sono daccordo con te: mi pareva pure strano quando ne sono venuto a conoscenza e sono andato a verificare.Se poni attenzione, anche 'uno qualsiasi' si riferisce al download come ad una duplicazione.Se uno è consapevole dei rischi che comporta un'attività che sembra (o qualcuno vuol far sembrare) innocua, e prende le dovute precauzioni, è meglio. ;)
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            se ci pensi, son loro che alla fin fine
            interpretano la legge; un'interpretazione
            alternativa può anche essere affascinante o
            sembrare più di buon senso, ma purtroppo non è
            quella che conta.Beh, ma non esistono mica solo i giudici di quella sentenza che hai linkato prima. Altri giudici potrebbero pareri molto diversi a riguardo...
            Se uno è consapevole dei rischi che comporta
            un'attività che sembra (o qualcuno vuol far
            sembrare) innocua, e prende le dovute
            precauzioni, è meglio.
            ;)Il punto è che la "massa" non percepisce il download di materiale coperto da copyright come un reato, ed è su questo che bisogna riflettere.Ci possono essere tutte le leggi che vuoi, ma se la gente non le condivide, non le rispetterà.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            se ci pensi, son loro che alla fin fine

            interpretano la legge; un'interpretazione

            alternativa può anche essere affascinante o

            sembrare più di buon senso, ma purtroppo non
            è

            quella che conta.

            Beh, ma non esistono mica solo i giudici di
            quella sentenza che hai linkato prima. Altri
            giudici potrebbero pareri molto diversi a
            riguardo...Se ne trovi traccia, è gradito il link.

            Se uno è consapevole dei rischi che comporta

            un'attività che sembra (o qualcuno vuol far

            sembrare) innocua, e prende le dovute

            precauzioni, è meglio.

            ;)

            Il punto è che la "massa" non percepisce il
            download di materiale coperto da copyright come
            un reato, ed è su questo che bisogna
            riflettere.'Sta norma non l'ha certo stabilita la "massa" e sicuramente andrebbe riformata, ma al momento ci grava tra capo e collo. Volenti o nolenti. Sapere che c'è è un vantaggio, in tutti i casi.
            Ci possono essere tutte le leggi che vuoi, ma se
            la gente non le condivide, non le rispetterà.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            'Sta norma non l'ha certo stabilita la "massa" e
            sicuramente andrebbe riformata, ma al momento ci
            grava tra capo e collo. Volenti o nolenti. Sapere
            che c'è è un vantaggio, in tutti i casi.Tranquillo, ho il sentore che sarà riformata presto.D'altronde, negli ultimi 20/30 anni, l'art 171-ter e seguenti sono stati riscritti e riformulati decine di volte. E' solo questione di tempo prima che accada di nuovo.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            'Sta norma non l'ha certo stabilita la
            "massa"
            e

            sicuramente andrebbe riformata, ma al
            momento
            ci

            grava tra capo e collo. Volenti o nolenti.
            Sapere

            che c'è è un vantaggio, in tutti i casi.

            Tranquillo, ho il sentore che sarà riformata
            presto.
            D'altronde, negli ultimi 20/30 anni, l'art
            171-ter e seguenti sono stati riscritti e
            riformulati decine di volte. E' solo questione di
            tempo prima che accada di nuovo.Speriamo stavolta lo facciano con maggior buon senso, e tenendo in maggior conto le esigenze della collettività e l'evoluzione tecnologica.E magari utilizzando termini non ambigui ma inequivocabili.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Speriamo stavolta lo facciano con maggior buon
            senso, e tenendo in maggior conto le esigenze
            della collettività e l'evoluzione
            tecnologica.
            E magari utilizzando termini non ambigui ma
            inequivocabili.E qui siamo d'accordo! ;)
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: 633.41




            Visto che sei partito sparando una
            razzata

            quale:


            "No, l'originale è solo uno, ed è quello


            approvato e stampato dalla major di
            turno

            (cd,


            vinile, ecc.) e <b
            la
            duplicazione

            può


            essere fatta <u
            solo </u


            a


            partire da quel tipo di originale
            </b



            .





            (http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=36


            ricordi?)



            Non è una razzata, quella è la mia personale

            interpretazione del concetto di duplicazione.

            Interpretazione di cui sono ancora fermamente

            convinto.
            Quella è giusta, ma non è l'unica. Dipende dal
            contesto.




            Eh, sì, certo... però sembra che almeno
            hai


            capito finalmente cosa s'intende per


            duplicazione, e pure che il download è
            una


            duplicazione. :)



            Ho solo capito quello che un manipolo di
            giudici

            intende per duplicazione,
            se ci pensi, son loro che alla fin fine
            interpretano la legge; un'interpretazione
            alternativa può anche essere affascinante o
            sembrare più di buon senso, ma purtroppo non è
            quella che
            conta.


            che stranamente

            differisce dal senso che la maggior parte
            della

            gente dà al termine.
            Su questo sono daccordo con te: mi pareva pure
            strano quando ne sono venuto a conoscenza e sono
            andato a
            verificare.

            Se poni attenzione, anche 'uno qualsiasi' si
            riferisce al download come ad una
            duplicazione.

            Se uno è consapevole dei rischi che comporta
            un'attività che sembra (o qualcuno vuol far
            sembrare) innocua, e prende le dovute
            precauzioni, è meglio.
            ;)Ancora stiamo aspettando una sentenza di CONDANNA di un UTENTE che abbia SCARICATO materiale coperto da copyright.In sua mancanza, non sei in grado di smentire la seguente frase:IN ITALIA NESSUNO VIENE CONDANNATO SE SCARICA MATERIALE COPERTO DA COPYRIGHT.Quindi si può benissimo scaricare materiale coperto da copyright, perché non si viene condannati.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Sará un videotecaro in bancarotta...
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Sará un videotecaro in bancarotta...Una palese falsità. Un'altra...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Allora sei semplicemente un moccioso frignone ed ignorante.Eri stato invitato a sostenere il tuo punto di vista con dei fatti, e non ci sei riuscito. Eppure continui a strillare dicendo che hai ragione tu.Hai torto, invece.Ti chiedo... hai qualche motivo per sostenere la tua posizione, o cerchi solo di farti insultare?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Non hai ancora imparato a quotare, vedo.Detto da te che quoti in maniera abominevole, è un complimento.
            Inoltre, hai dimostrato di non capire nulla:Ha parlato il genialoide caratterizzato da un'ottusità a dir poco irritante!
            non
            ti sei accorto che avvengono DUE duplicazioni? La
            prima dall'originale alla copia sul server, la
            seconda dalla copia sul server alla copia sul
            computer dell'utente finale.Non ti sei accorto che tra l'originale e la copia sul server c'è pure un rip, e questo rip viene effettuato da terzi? Quindi si applica il comma 2.
            Ed il comma 2, pur applicandosi alla prima
            duplicazione, non si applica alla
            seconda.(rotfl) Ma ci fai o ci sei? Spero per te nella prima ipotesi, perché altrimenti saresti davvero mal messo! (rotfl)comma 2: "La riproduzione di cui al comma 1 non può essere effettuata da terzi. [...]"Significa chiaramente che per beneficiare del diritto conXXXXX al comma 1 il rip dal proprio disco originale legittimamente acquisito deve farselo l'utente stesso.
            Hai detto che potresti seguire il mio consiglio
            di non ritentare? Benissimo, fallo pure. I
            trolletti scadenti come te sono molto abbondanti,detto da un troll (troll), come hai ampiamente dimostrato di essere in questo thread in cui ti sei cimentato in un'arrampicata su specchi davvero molto scivolosi per sostenere una palese falsità.
            qui, e nessuno sentirà la tua
            mancanza.e chissenefrega?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Il comma 2 non si applica, perchè se il rip viene fatto fuori dall'italia non è soggetto alla giurisdizione italiana.Se non sei d'accordo, cita qualcuno che sia stato condannato per aver scaricato. Non puoi farlo.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Il comma 2 non si applica, perchè se il rip viene
            fatto fuori dall'italia non è soggetto alla
            giurisdizione
            italiana.comma 2: "La riproduzione di cui al comma 1 non può essere effettuata da terzi. [...]"Significa chiaramente che per beneficiare del diritto conXXXXX al comma 1 dell'art. 71-sexies la riproduzione dal proprio disco originale legittimamente acquisito deve farselo l'utente stesso.
            Se non sei d'accordo, cita qualcuno che sia stato
            condannato per aver scaricato.Per sbugiardare le palesi falsità che propini riguardo la LDA vigente non serve affatto. Non metti tu le condizioni, chiaro?!?
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Per sbugiardare le palesi falsità che propini
            riguardo la LDA vigente non serve affatto. Non
            metti tu le condizioni,
            chiaro?!?Ancora stiamo aspettando una sentenza di CONDANNA di un UTENTE che abbia SCARICATO materiale coperto da copyright.In sua mancanza, non sei in grado di smentire la seguente frase:IN ITALIA NESSUNO VIENE CONDANNATO SE SCARICA MATERIALE COPERTO DA COPYRIGHT.Quindi si può benissimo scaricare materiale coperto da copyright, perché non si viene condannati.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            comma 2: "La riproduzione di cui al comma 1 non
            può essere effettuata da terzi.
            [...]"
            Significa chiaramente che per beneficiare del
            diritto conXXXXX al comma 1 dell'art. 71-sexies
            la riproduzione dal proprio disco originale
            legittimamente acquisito deve farselo l'utente
            stesso.Ma sei io asserisco che la copia presente sul mio hard-disk me la sono fatta io stesso? Come fai a dimostrare il contrario?e visto che l'onere della prova spetta all'accusa...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere

            comma 2: "La riproduzione di cui al comma 1 non
            può essere effettuata da terzi.
            [...]"
            Significa chiaramente che per beneficiare del
            diritto conXXXXX al comma 1 dell'art. 71-sexies
            la riproduzione dal proprio disco originale
            legittimamente acquisito deve farselo l'utente
            stesso.Ed infatti è l'utente stesso a farsi la copia del file scaricato da un server a cui ha legittimamente avuto acXXXXX.Come il server si sia procurato il file (mediante un rip illecito, ad esempio) è irrilevante, visto che il server non è soggetto alla legge italiana.L'utente poteva collegarsi legittimamente a quel server? Sì.Poteva scaricare i files che il server metteva a disposizione? Sì.Quindi, ha avuto acXXXXX legittimo al file, e può farne una copia.



            Se non sei d'accordo, cita qualcuno che sia
            stato

            condannato per aver scaricato.
            Per sbugiardare le palesi falsità che propini
            riguardo la LDA vigente non serve affatto. Non
            metti tu le condizioni,
            chiaro?!?È inutile che tu faccia l'offeso. I fatti ti danno torto.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            In base al comma 1 dell'art. 71-sexies di certo
            no, perché il comma 2 lo esclude esplicitamente:
            "La riproduzione di cui al comma 1 non può essere
            effettuata da terzi".Hai detto che la RIPRODUZIONE è solo quella effettuata dall'uploader mentre gli altri fanno DUPLICAZIONE.Ora deciditi, l'UTENTE FINALE fa RIPRODUZIONE o fa DUPLICAZIONE?O una o l'altra.Se fa RIPRODUZIONE, allora è proprio lui che la effettua, quindi non è effettuata da terzi, è effettuata da lui.Se fa DUPLICAZIONE, allora il comma 2 non si applica perché non si parla di duplicazione ma di riproduzione.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Il comma 2 non si applica, perchè il rip potrebbe non essere avvenuto in italia.E farsi pagare per la visione di un'opera va contro il libero acXXXXX alla conoscenza, sancito dalla dichiarazione universale dei diritti umani.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Il comma 2 non si applica, perchè il rip potrebbe
            non essere avvenuto in
            italia.comma 2: "La riproduzione di cui al comma 1 non può essere effettuata da terzi. [...]"Significa chiaramente che per beneficiare del diritto conXXXXX al comma 1 il rip dal proprio disco originale legittimamente acquisito deve farselo l'utente stesso.
            E farsi pagare per la visione di un'opera va
            contro il libero acXXXXX alla conoscenza, sancito
            dalla dichiarazione universale dei diritti
            umani.Mi sa che chi ha scritto l'articolo 27 la pensava un po' diversamente da te, visto che c'è pure un comma 2.Articolo 271. Ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico ed ai suoi benefici.2. Ogni individuo ha diritto alla protezione degli interessi morali e materiali derivanti da ogni produzione scientifica, letteraria e artistica di cui egli sia autore....un "comma 2"... (rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Il comma 2 non si applica, perchè il rip
            potrebbe

            non essere avvenuto in

            italia.

            comma 2: "La riproduzione di cui al comma 1 non
            può essere effettuata da terzi.
            [...]"
            Significa chiaramente che per beneficiare del
            diritto conXXXXX al comma 1 il rip dal proprio
            disco originale legittimamente acquisito deve
            farselo l'utente
            stesso.L'utente stesso ti dira' che lo ha fatto da se'.Ha cliccato qualcosa sul suo computer, e si e' ritrovato con la copia.Che cosa sia avvenuto da un punto di vista tecnico dietro quel click all'utente non frega, non sa e non e' tenuto a dovertelo spiegare.

            E farsi pagare per la visione di un'opera va

            contro il libero acXXXXX alla conoscenza,
            sancito

            dalla dichiarazione universale dei diritti

            umani.

            Mi sa che chi ha scritto l'articolo 27 la pensava
            un po' diversamente da te, visto che c'è pure un
            comma
            2.

            Articolo 27
            1. Ogni individuo ha diritto di prendere parte
            liberamente alla vita culturale della comunità,
            di godere delle arti e di partecipare al
            progresso scientifico ed ai suoi
            benefici.

            2. Ogni individuo ha diritto alla protezione
            degli interessi morali e materiali derivanti da
            ogni produzione scientifica, letteraria e
            artistica di cui egli sia
            autore.


            ...un "comma 2"... (rotfl)Quel comma due vale per tutta l'eternita', o il legislatore ha pensato ad un periodo ancora piu' lungo?Sai, non vorrei che arrivasse Omero a chiedermi interessi morali e materiali sull'Odissea che mi sono scaricato l'altro giorno.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Il comma 2 non si applica, perchè il rip
            potrebbe

            non essere avvenuto in

            italia.

            comma 2: "La riproduzione di cui al comma 1 non
            può essere effettuata da terzi.
            [...]"
            Significa chiaramente che per beneficiare del
            diritto conXXXXX al comma 1 il rip dal proprio
            disco originale legittimamente acquisito deve
            farselo l'utente
            stesso.
            No.Esempio pratico: se registri una trasmissione televisiva, hai forse un disco originale? No. Eppure fai una copiaQuindi la tua affermazione crolla.
            Articolo 27
            1. Ogni individuo ha diritto di prendere parte
            liberamente alla vita culturale della comunità,
            di godere delle arti e di partecipare al
            progresso scientifico ed ai suoi
            benefici.

            2. Ogni individuo ha diritto alla protezione
            degli interessi morali e materiali derivanti da
            ogni produzione scientifica, letteraria e
            artistica di cui egli sia
            autore.


            ...un "comma 2"... (rotfl)Che però non può negare il comma 1 (e inoltre non afferma che gli interessi morali e materiali consistano nel farsi pagare per la visione: interessi morali e materiali sono l'attribuzione e basta): e comunque proibisce di impedire la visione a chi non paga.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: uno qualsiasi


            Il comma 2 non si applica, perchè il rip

            potrebbe


            non essere avvenuto in


            italia.



            comma 2: "La riproduzione di cui al comma 1
            non

            può essere effettuata da terzi.

            [...]"

            Significa chiaramente che per beneficiare del

            diritto conXXXXX al comma 1 il rip dal
            proprio

            disco originale legittimamente acquisito deve

            farselo l'utente

            stesso.



            No.
            Esempio pratico: se registri una trasmissione
            televisiva, hai forse un disco originale?
            No.
            Eppure fai una copiaTale attività è regolata dalla stessa legge 633/41, ma in un articolo diverso da quelli che stiamo discutendo (71-sexies e 171-ter,comma 2). Tale diritto è conXXXXX all'utente, quindi chi effettua tale copia-riproduzione non lo fa abusivamente.
            Quindi la tua affermazione crolla.(rotfl)(rotfl)(rotfl)

            Articolo 27

            1. Ogni individuo ha diritto di prendere
            parte

            liberamente alla vita culturale della
            comunità,

            di godere delle arti e di partecipare al

            progresso scientifico ed ai suoi

            benefici.



            2. Ogni individuo ha diritto alla protezione

            degli interessi morali e materiali derivanti
            da

            ogni produzione scientifica, letteraria e

            artistica di cui egli sia

            autore.





            ...un "comma 2"... (rotfl)

            Che però non può negare il comma 1I due commi vanno letti insieme e si dovrebbe giungere ad una soluzione di compromesso che soddisfi entrambi.
            (e inoltre non
            afferma che gli interessi morali e materiali
            consistano nel farsi pagare per la visione:
            interessi morali e materiali sono l'attribuzione
            e basta):Caro 'uno qualsiasi', gli interessi morali riguardano l'attribuzione (ecc.), ma quelli materiali riguardano proprio i soldi (ecc.).
            e comunque proibisce di impedire la
            visione a chi non paga.Nel comma 1 c'è scritto "liberamente", non "gratuitamente". Ipotizzando che Tizio non sia sottoposto a restrizioni tipo carcere, arresti domiciliari, ecc., Tizio è libero di andare al cinema? Certo che sì. Deve pagare il biglietto? Pure.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Nel comma 1 c'è scritto "liberamente", non
            "gratuitamente". Non fa nessuna differenza: si dice sempre "free".
            Ipotizzando che Tizio non sia
            sottoposto a restrizioni tipo carcere, arresti
            domiciliari, ecc., Tizio è libero di andare al
            cinema? Certo che sì. Deve pagare il biglietto?
            Pure.Nel carcere proiettano film ogni tanto.Agli arresti domiciliari non e' vietato vedersi un film.E ci sono pure delle proiezioni gratuite in alcune circostanze, dove il biglietto non si paga.Quindi le tue affermazioni sono false come al solito.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            Nel comma 1 c'è scritto "liberamente", non

            "gratuitamente".

            Non fa nessuna differenza: si dice sempre "free".Consulta un buon dizionario di lingua italiana e non quell'inglese che affermi di non conoscere.

            Ipotizzando che Tizio non sia

            sottoposto a restrizioni tipo carcere,
            arresti

            domiciliari, ecc., Tizio è libero di andare
            al

            cinema? Certo che sì. Deve pagare il
            biglietto?

            Pure.

            Nel carcere proiettano film ogni tanto.Ecchissene...: caso escluso dall'ipotesi riguardo Tizio.
            Agli arresti domiciliari non e' vietato vedersi
            un film.Ecchissene...: caso escluso dall'ipotesi riguardo Tizio.e comunque l'"andare al cinema" gli è vietato.
            E ci sono pure delle proiezioni gratuite in
            alcune circostanze, dove il biglietto non si
            paga.Ma nella maggioranza dei casi al cinema Tizio è libero di andarci, ma deve pagare il biglietto. A rigor di logica mi bastava citare anche un solo caso per dimostrare l'assunto, e qui sono addirittura la maggioranza.
            Quindi le tue affermazioni sono <s
            false </s
            esatte come al
            solito.fixed!
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: 633.41




            Nel comma 1 c'è scritto "liberamente",
            non


            "gratuitamente".



            Non fa nessuna differenza: si dice sempre
            "free".
            Consulta un buon dizionario di lingua italiana e
            non quell'inglese che affermi di non
            conoscere.L'inglese e' piu' cool. La lingua italiana invece e' choosy.Quindi, che ti piaccia o no, io uso l'inglese anche a sproposito (tanto sono in ottima compagnia).Free!


            Ipotizzando che Tizio non sia


            sottoposto a restrizioni tipo carcere,

            arresti


            domiciliari, ecc., Tizio è libero di
            andare

            al


            cinema? Certo che sì. Deve pagare il

            biglietto?


            Pure.



            Nel carcere proiettano film ogni tanto.
            Ecchissene...: caso escluso dall'ipotesi riguardo
            Tizio.Comodo ragionare in questo modo, escludendo i casi che non si riescono a gestire.

            Agli arresti domiciliari non e' vietato
            vedersi

            un film.
            Ecchissene...: caso escluso dall'ipotesi riguardo
            Tizio.
            e comunque l'"andare al cinema" gli è vietato.Andare al cinema e' un concetto del secolo scorso.Oggi non si va al cinema, si fruisce di un film.E la fruizione puo' avvenire in tantissimi modi, e molti di questi pure da parte di chi sta in carcere, ai domiciliari o altre forme di limitazone della liberta'.

            E ci sono pure delle proiezioni gratuite in

            alcune circostanze, dove il biglietto non si

            paga.
            Ma nella maggioranza dei casi al cinema Tizio è
            libero di andarci, ma deve pagare il biglietto.Maggioranza, rari casi, sempre approssimazioni e mai una volta che trovi una situazione assoluta.Semplicemente perche' NON C'E'.E negli spiragli ci possiamo tranquillamente infilare, e tu e quelli che difendi, invece vi potete infilare altro.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: 633.41






            Nel comma 1 c'è scritto
            "liberamente",

            non



            "gratuitamente".





            Non fa nessuna differenza: si dice
            sempre

            "free".

            Consulta un buon dizionario di lingua
            italiana
            e

            non quell'inglese che affermi di non

            conoscere.

            L'inglese e' piu' cool. La lingua italiana invece
            e'
            choosy.
            Quindi, che ti piaccia o no, io uso l'inglese
            anche a sproposito (tanto sono in <s
            ottima </s

            compagnia).Ah, ecco il perché delle tue risposte a sproposito. :)




            Ipotizzando che Tizio non sia



            sottoposto a restrizioni tipo
            carcere,


            arresti



            domiciliari, ecc., Tizio è libero
            di

            andare


            al



            cinema? Certo che sì. Deve pagare
            il


            biglietto?



            Pure.





            Nel carcere proiettano film ogni tanto.

            Ecchissene...: caso escluso dall'ipotesi
            riguardo

            Tizio.

            Comodo ragionare in questo modo, escludendo i
            casi che non si riescono a
            gestire.maestro: "Ragazzi, oggi vi spiego il teorema di Pitagora. Consideriamo un triangolo rettangolo..."panda rossa da piccolo: "Ma come? Niente pentagoni, esagoni, sfere e parallelepipedi rettangoli? Comodo ragionare in questo modo, escludendo i casi che non si riescono a gestire!"maestro: "Panda rossa, smettila di trollare! Dicevo... consideriamo un triangolo rettangolo..."
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere

            Nel comma 1 c'è scritto "liberamente", non
            "gratuitamente". Ipotizzando che Tizio non sia
            sottoposto a restrizioni tipo carcere, arresti
            domiciliari, ecc., Tizio è libero di andare al
            cinema? Certo che sì. Deve pagare il biglietto?
            Pure.Liberamente implica che possa vederlo anche se non ha pagato il biglietto. Non c'è scritto da nessuna parte "solo per spettatori paganti"
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Nel comma 1 c'è scritto "liberamente", non

            "gratuitamente". Ipotizzando che Tizio non
            sia

            sottoposto a restrizioni tipo carcere,
            arresti

            domiciliari, ecc., Tizio è libero di andare
            al

            cinema? Certo che sì. Deve pagare il
            biglietto?

            Pure.

            Liberamente implica che possa vederlo anche se
            non ha pagato il biglietto."liberamente" e "non gratuitamente" convivono pacificamente nel mondo reale. Fattene una ragione.
            Non c'è scritto da
            nessuna parte "solo per spettatori
            paganti"e come scrive panda rossa:
            E ci sono pure delle proiezioni gratuite in
            alcune circostanze, dove il biglietto non si
            paga.Quindi vai lì e stai contento. ;)
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi
            interessi morali e materiali sono l'attribuzione
            e basta(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            ma ci sono i fini indirettamente commerciali,
            inoltre è in contrasto con lo sfruttamento
            normale dell'opera o degli altri materiali e
            arreca ingiustificato pregiudizio ai titolari dei
            diritti.Danno non dimostrabile mentre io sono in grado di dimostrare che i soldi a mia disposizione non sono sufficienti ad acquistare tutto quello che scarico, perché non guadagno 480.000 euro al mese (tanti me ne servirebbero per pagare tutto). Quindi se vuoi che pago mi dai uno stipendio di 480.000 euro al mese, poi ne riparleremo.Altrimenti, in mancanza del download non avrei comunque potuto comprare: quindi non c'è nessun danno.In compenso FORSE potrei pensare di andare a vedere dal vivo il concerto dal musicista, o la commedia dell'attore o del regista.Certo, se hai scelto in pieno terzo millennio di lavorare producendo o vendendo o noleggiando delle <b
            COPIE </b
            di cose fatte da altri (cioè quello di cui accusi me, in più tu ci metti il LUCRO), allora sei un ladro. VENDERE COPIE E' COME RUBARE! RUBARE E' CONTRARIO ALLA LEGGE!
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: 633.41

            ma ci sono i fini indirettamente commerciali,

            inoltre è in contrasto con lo sfruttamento

            normale dell'opera o degli altri materiali e

            arreca ingiustificato pregiudizio ai

            titolari dei diritti.
            quindi la concessione fatta dall'Art. 71-sexies non è applicabile.


            Danno non dimostrabile mentre io sono in grado di
            dimostrare che i soldi a mia disposizione non
            sono sufficienti ad acquistare tutto quello che
            scarico, perché non guadagno 480.000 euro al mese
            (tanti me ne servirebbero per pagare tutto).Eccoli, "i fini indirettamente commerciali".E complimenti per l'"outing"! (rotfl)
            Quindi se vuoi che pago mi dai uno stipendio di
            480.000 euro al mese, poi ne
            riparleremo.Apetta e spera...
            Altrimenti, in mancanza del download non avrei
            comunque potuto comprare: quindi non c'è nessun
            danno.Ma ci sono "i fini indirettamente commerciali".
            In compenso FORSE potrei pensare di andare a
            vedere dal vivo il concerto dal musicista, o la
            commedia dell'attore o del regista.E chissenefrega!
            Certo, se hai sceltoIo?!? Ma che fesserie stai dicendo?!? Ah, ma tu sei un'esperto nello scrivere simili XXXXXXcce!
            in pieno terzo millennio di
            lavorare producendo o vendendo o noleggiando
            delle <b
            COPIE </b
            di cose fatte
            da altri
            (cioè quello di cui accusi me,IO TI ACCUSO DI SCRIVERE FALSITÀ, CHIARO?!?!?E se mi prendo la briga di chiarire che la legge italiana vigente vieta la pirateria informatica e audiovisiva non faccio altro che scrivere una cosa che sai benissimo esser vera, visto il tuo ricorso alla crittazione delle memorie di massa, alle reti criptate, a tor per l'anonimato, etc.
            in più tu ci metti il LUCRO),Ma con chi c4zzo credi di dialogare?!? Sveglia, Luco, sveglia!
            allora sei un ladro.Ma ti sei rXXXXXXXXXto? Lanci accuse infondate!
            VENDERE COPIE E' COME RUBARE!No. Proprio la 633/41 li autorizza a farlo.
            RUBARE E' CONTRARIO ALLA LEGGE!Almeno una giusta l'hai scritta...
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            VENDERE COPIE E' COME RUBARE!
            No. Proprio la 633/41 li autorizza a farlo.Anche io mi autorizzo a vendere ciò che COMPRO.Io vendo ciò che COMPRO. Ciò che si compra è un FILM, quindi l'opera intera, non un diritto: e sono le major a dirlo nello spot antipirateria in cui si vede quello che ruba il dvd e viene scritto (DALLE MAJOR) "Non ruberesti mai un FILM" (e non "non ruberesti mai un dvd")Il FILM è l'opera filmica, o, tutt'al più, la pellicola.Io vendo.Prezzo ZERO EURO.Se vuoi ti faccio pure la fattura e lo scontrino fiscale. Con tanto di IVA al 40%.Visto che l'opera è MIA (l'ho COMPRATA, pagando il prezzo che la major ha chiesto e imposto, non l'ho scelto io il prezzo; e se la major vende sottocosto a 20 euro ciò che a lei costa 10 milioni, è un suo problema: ma vendere sottocosto non è illegale) sono libero di farci quello che voglio compreso venderla a ZERO EURO a chi mi pare.

            RUBARE E' CONTRARIO ALLA LEGGE!
            Almeno una giusta l'hai scritta...Quindi tutto a posto, se la gente compra FILM e non DIRITTI DI VISIONE. Se invece qualcuno vende DIRITTI DI VISIONE e dice che vende FILM, allora è un LADRO e TRUFFATORE.E deve fallire.Se la pirateria su internet può aiutare a far fallire i truffatori, così come ha eliminato la MAFIA da questo settore, che ben venga.Altrimenti, vuol dire che vuoi far bene alla MAFIA, come vogliono i videotechini che dicono "magari si tornasse ai dvd venduti per strada". E in tal caso NESSUNO mai ti appoggerà.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 ottobre 2012 23.16-----------------------------------------------------------
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Mi stai dicendo che se vai da un ricettatore, per
            il semplice fatto che è ancora in attività visto
            che non è stato ancora incarcerato, allora hai
            "legittimo acXXXXX" al materiale che detiene?Domanda: se non è stato ancora incarcerato né indagato, tu come fai a saperlo che è un ricettatore? Un angelo te l'ha rivelato in sogno di notte? Suvvia... non facciamo i ridicoli.
            Embè?
            Ci son di mezzo i terzi che han fatto il ripAppunto. Il rip è stato effettuato da terzi, e non dall'utente finale. Che non può quindi essere accusato di nulla. (Non avendo lui stesso fatto il rip, né immesso il file in rete)
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Mi stai dicendo che se vai da un
            ricettatore,
            per

            il semplice fatto che è ancora in attività
            visto

            che non è stato ancora incarcerato, allora
            hai

            "legittimo acXXXXX" al materiale che detiene?

            Domanda: se non è stato ancora incarcerato né
            indagato, tu come fai a saperlo che è un
            ricettatore?Nell'esempio, ci sta andando apposta per il tipo di materiale che il tizio tratta, che ha un prezzo moooolto più conveniente di quello dei normali negozi. Fuor di metafora, va sul sito di materiale piratato.

            Embè?

            Ci son di mezzo i terzi che han fatto il rip

            Appunto. Il rip è stato effettuato da terzi, e
            non dall'utente finale.Ciò significa che l'utente finale non può appellarsi al comma 1 dell'artico 71-sexies e dichiarare che i file in suo possesso sono "legittima copia privata", in quanto vige il comma 2 che esplicitamente nega tale possibilità se il rip è effettuato da terzi. Che è quello di cui si stava discutendo con 'uno qualsiasi'.
            Che non può quindi essere
            accusato di nulla.L'utente ha duplicato abusivamente, e se viene beccato con più di 50 di tali file rischia parecchio (Art. 171-ter, comma 2, lettera a); se invece deve rispondere di "modiche quantità": Art. 174-ter.http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm
            (Non avendo lui stesso fatto
            il rip, né immesso il file in rete)Quelli sono altri reati.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Ancora stiamo aspettando una sentenza di CONDANNA di un UTENTE che abbia SCARICATO materiale coperto da copyright.In sua mancanza, non sei in grado di smentire la seguente frase:IN ITALIA NESSUNO VIENE CONDANNATO SE SCARICA MATERIALE COPERTO DA COPYRIGHT.Quindi si può benissimo scaricare materiale coperto da copyright, perché non si viene condannati.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Ancora stiamo aspettando una sentenza di CONDANNA
            di un UTENTE che abbia SCARICATO materiale
            coperto da copyright.Io affermavo e affermo che la legge italiana vigente vieta il download di materiale piratato, che quindi è illegale. Legge 633/1941, Art. 171-ter, comma 2:2. È punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da euro 2.582 a euro 15.493 <b
            chiunque </b
            :a) riproduce, <b
            duplica </b
            , trasmette o diffonde <b
            abusivamente </b
            , vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente <b
            oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi </b
            ;
            In sua mancanza, non sei in grado di smentire la
            seguente frase:
            IN ITALIA NESSUNO VIENE CONDANNATO SE SCARICA
            MATERIALE COPERTO DA COPYRIGHT.Se intendi: "in Italia nessuno è stato finora condannato per aver scaricato materiale coperto da copyright per uso personale e senza fini di lucro."non ho nessun interesse a smentirla, perché è cosa ben diversa da quanto da me affermato.
            Quindi si può benissimo scaricare materiale
            coperto da copyright, perché non si viene
            condannati.Però è illegale in quanto vietato dalla legge vigente. E fin che non l'abrogano c'è 'sta spada di Damocle...Vietato ma impunito != legale.(idea)Però questo fatto, che la legge lo vieti (ed è ormai ben assodato anche per i più ostinati a negare l'evidenza), ma che pure a detta vostra non ci sia alcun condannato in Italia per lo specifico reato, merita una riflessione.Ok, visti i post precedenti non ci sarebbe molto da fidarsi delle vostre affermazioni, ma non avendo T&V per svolgere specifiche ricerche al riguardo devo ammettere che, se anche fosse sucXXXXX, comunque una simile condanna non ha avuto la risonanza che ci si aspetterebbe, vista la massa di possibili "condannabili". Dunque, la norma è in vigore e, ammesso <u
            e non conXXXXX </u
            che in Italia non ci sia alcun condannato per il download di materiale piratato per uso personale e senza fini di lucro, proviamo a capire il perché.Che la norma ci sia ma non venga applicata sembrerebbe un compromesso all'italiana, che cerca di accontentare un po' tutti.Sono soddisfatte le major: il divieto c'è e le sanzioni previste sono molto pesanti, chi ha potere d'acquisto sa che è meglio acquistare legalmente almeno quel che poi si vuol liberamente esibire e che non val la pena rovinarsi (reclusione da uno a quattro anni e multa da euro 2.582 a euro 15.493!), chi ha scarso potere d'acquisto comunque non acquisterebbe (e questo lo sanno benissimo, nonostante lagnanze d'ufficio condite di statistiche farlocche).Sono soddisfatti gli utenti "scariconi" (detto con simpatia, eh?) perché nonostante sia vietato nessuno di loro viene beccato.Sono soddisfatti i genitori di figli potenzialmente "scariconi", perché l'hobby informatico del pargoletto potrebbe costar loro molto caro.Sono soddisfatte le forze dell'ordine, perché ad applicare tale norma diverrebbero mooooolto impopolari (pure a casa loro).Sono soddisfatti i paladini della privacy.Sono soddisfatti gli "spioni": finché non viene recepito il pericolo come reale, ben pochi ricorrono a crittatura, anonimizzazione, etc.È infine soddisfatto lo Stato: accontentati un po' tutti. Sembrerebbe incredibile riuscire ad accontentare esigenze così contrastanti, ma ci sono riusciti promulgando la norma ma senza applicarla. Ulteriore "bonus" per lo Stato: tanto "circenses" gratis per tener buone le masse di scontenti che, disponendo di internet ma sprecando un sacco di tempo con gli audiovisivi piratati, sono molto meno pericolosi.Se iniziassero ad applicarla, che succederebbe?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            ops (scrivendo un papiro...)non ho nessun interesse a smentirla, perché <s
            è cosa ben diversa da </s
            <b
            non è in conflitto con </b
            quanto da me affermato.fixed.
          • Passante scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Io affermavo e affermo che la legge italiana
            vigente vieta il download di materiale piratato,
            che quindi è illegale.Gentile signor 633.41Lei che e' esperto forse puo' rispondere a questa domanda: so che youtube ha degli accordi con alcune case di produzione per trasmettere film; come faccio su youtube a distinguere quali sono legai e quali caricati illegalmente ? C'e' un bollino ? Un canale ?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Passante
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


            Io affermavo e affermo che la legge italiana

            vigente vieta il download di materiale
            piratato,

            che quindi è illegale.

            Gentile signor 633.41
            Lei che e' espertoSpiacente, non sono un esperto. Ho solo ricordato un pericolo che corrono gli utenti della rete. Ma qualcuno ha interesse che non si sappia.
          • Passante scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Passante

            - Scritto da: 633.41


            - Scritto da: Luco, giudice di linea
            mancato




            Io affermavo e affermo che la legge
            italiana


            vigente vieta il download di materiale

            piratato,


            che quindi è illegale.



            Gentile signor 633.41

            Lei che e' esperto
            Spiacente, non sono un esperto. E allora come mai non si cambia il link in forrest gump come suggeriva agli altri ?
            Ho solo ricordato
            un pericolo che corrono gli utenti della rete. Ma
            qualcuno ha interesse che non si sappia.Ma lei scriveva prima che solo un forrest gump non sarebbe riuscito a distinguere tra film legali o illegali; a me sembra che invece sia lei a voler spargere disinformazione, ha interesse a far credere alla gente che non esiste lo streaming legale in rete ?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Passante
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: Passante


            - Scritto da: 633.41



            - Scritto da: Luco, giudice di
            linea

            mancato






            Io affermavo e affermo che la legge

            italiana



            vigente vieta il download di
            materiale


            piratato,



            che quindi è illegale.





            Gentile signor 633.41


            Lei che e' esperto

            Spiacente, non sono un esperto.

            E allora come mai non si cambia il link in
            forrest gump come suggeriva agli altri?E perché mai? Da esperto a "utonto" ci sono livelli di conoscenza intermedi, non crede? E quando un noto esperto come Krane fa il finto tonto nel non riconoscere certi siti...

            Ho solo ricordato

            un pericolo che corrono gli utenti della
            rete.
            Ma

            qualcuno ha interesse che non si sappia.

            Ma lei scriveva prima che solo un forrest gump
            non sarebbe riuscito a distinguere tra film
            legali o illegali;Nel caso specifico la distinzione era tra <u
            siti </u
            , decisamente molto più agevole.
            a me sembra che invece sia lei
            a voler spargere disinformazione,Disinformazione? Segnalare uno o più articoli della legge vigente sul diritto d'autore, in modo che chi è interessato possa prenderne visione diretta ed essere consapevole dei rischi?
            ha interesse a
            far credere alla gente che non esiste lo
            streaming legale in rete?Ovvio che no.A proposito di streaming, Krane, perché non riposti la lista che vediamo insieme se ce n'è qualcuno coi contenuti fruibili legalmente anche dall'Italia? Il T1000 l'ha spazzata via causa precedente tua "piccola" intemperanza e non sono riuscito a dare un'occhiata ai disclaimer di tutti e 25. Ne potrebbe nascere un'interessante discussione.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Passante

            - Scritto da: 633.41
            A proposito di streaming, Krane, perché non
            riposti la lista che vediamo insieme se ce n'è
            qualcuno coi contenuti fruibili legalmente anche
            dall'Italia ?Perche' specifichi dall'italia visto che si parla di rete mondiale ? Non ci avevo pensato visto che non sono in italia in questo periodo.
            Il T1000 l'ha spazzata via causa
            precedente tua "piccola" intemperanza e non sono
            riuscito a dare un'occhiata ai disclaimer di
            tutti e 25. Ne potrebbe nascere un'interessante
            discussione.L'ho trovata su google eh, nulla di particolare, vediamo se la ribecco:http://blog.buttermouth.com/2007/06/top-25-places-to-watch-free-movies-and.html
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: Passante


            - Scritto da: 633.41


            A proposito di streaming, Krane, perché non

            riposti la lista che vediamo insieme se ce
            n'è

            qualcuno coi contenuti fruibili legalmente
            anche

            dall'Italia ?

            Perche' specifichi dall'italia visto che si parla
            di rete mondiale ?Perché ad esempio Hulu dice di aver acquisito i diritti, ma solo per USA e Giappone.Poi sarebbe interessante scoprire se il "fair use" invocato dal sito dei documentari (riferito alla legislazione USA) possa valere anche qui da noi, in mancanza del decreto ministeriale attuattivo.
            Non ci avevo pensato visto che
            non sono in italia in questo
            periodo.


            Il T1000 l'ha spazzata via causa

            precedente tua "piccola" intemperanza e non
            sono

            riuscito a dare un'occhiata ai disclaimer di

            tutti e 25. Ne potrebbe nascere
            un'interessante

            discussione.

            L'ho trovata su google eh, nulla di particolare,
            vediamo se la
            ribecco:
            http://blog.buttermouth.com/2007/06/top-25-places-Grazie.A domani.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Perché ad esempio Hulu dice di aver acquisito i
            diritti, ma solo per USA e
            Giappone.Io vado in Giappone per lavoro.Scarico legalmente da Hulu.E poi torno in europa.Posso godermi il mio film o no?
            Poi sarebbe interessante scoprire se il "fair
            use" invocato dal sito dei documentari (riferito
            alla legislazione USA) possa valere anche qui da
            noi, in mancanza del decreto ministeriale
            attuattivo.Noi presumiamo di si.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            Perché ad esempio Hulu dice di aver
            acquisito
            i

            diritti, ma solo per USA e

            Giappone.

            Io vado in Giappone per lavoro.
            Scarico legalmente da Hulu.Lo vedi legalmente in streaming, visto che Hulu è solo streaming.
            E poi torno in europa.
            Posso godermi il mio film o no?Leggiti le clausole del servizio offerto da Hulu e vedi se puoi "registrartelo" senza infrangere il contratto.

            Poi sarebbe interessante scoprire se il "fair

            use" invocato dal sito dei documentari
            (riferito

            alla legislazione USA) possa valere anche
            qui
            da

            noi, in mancanza del decreto ministeriale

            attuattivo.

            Noi presumiamo di si.Comunque è un fatto a dir poco vergognoso che non vi abbiano provveduto in tutti questi anni. Quindi mi associo e presumo anch'io di sì.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: 633.41




            Perché ad esempio Hulu dice di aver

            acquisito

            i


            diritti, ma solo per USA e


            Giappone.



            Io vado in Giappone per lavoro.

            Scarico legalmente da Hulu.
            Lo vedi legalmente in streaming, visto che Hulu è
            solo
            streaming.Come ti pare.Il concetto non cambia.Vado in giappone, installo un proxy che riceve legalmente lo streaming, e poi me lo rigira permettendomi la fruizione dall'europa.

            E poi torno in europa.

            Posso godermi il mio film o no?
            Leggiti le clausole del servizio offerto da Hulu
            e vedi se puoi "registrartelo" senza infrangere
            il contratto.Quale contratto?Secondo te io so distinguere una scritta in giapponese da degli scarabocchi?

            Noi presumiamo di si.
            Comunque è un fatto a dir poco vergognoso che non
            vi abbiano provveduto in tutti questi anni.
            Quindi mi associo e presumo anch'io di
            sì.E allora se tutti presumiamo di si, tutti fruiamo fino a che il server non verra' chiuso.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: 633.41






            Perché ad esempio Hulu dice di aver


            acquisito


            i



            diritti, ma solo per USA e



            Giappone.





            Io vado in Giappone per lavoro.


            Scarico legalmente da Hulu.

            Lo vedi legalmente in streaming, visto che
            Hulu
            è

            solo

            streaming.

            Come ti pare.
            Il concetto non cambia.
            Vado in giappone, installo un proxy che riceve
            legalmente lo streaming, e poi me lo rigira
            permettendomi la fruizione dall'europa.Tecnicamente fattibile. Ma dal punto di vista legale?



            E poi torno in europa.


            Posso godermi il mio film o no?

            Leggiti le clausole del servizio offerto da
            Hulu

            e vedi se puoi "registrartelo" senza
            infrangere

            il contratto.

            Quale contratto?
            Secondo te io so distinguere una scritta in
            giapponese da degli
            scarabocchi?Ma perché non ti informi almeno un minimo prima si sparare cose a casaccio? Il sito è statunitense e le informazioni sono tutte in inglese. Lo trovi in cima alla lista dei link di streaming gratis che ha segnalato Krane.


            Noi presumiamo di si.

            Comunque è un fatto a dir poco vergognoso
            che
            non

            vi abbiano provveduto in tutti questi anni.

            Quindi mi associo e presumo anch'io di

            sì.

            E allora se tutti presumiamo di si, tutti fruiamo
            fino a che il server non verra' chiuso.Era il sito dei documentari in inglese.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            Vado in giappone, installo un proxy che
            riceve

            legalmente lo streaming, e poi me lo rigira

            permettendomi la fruizione dall'europa.
            Tecnicamente fattibile. Ma dal punto di vista
            legale?Dal punto di vista legale di quale nazione?


            e vedi se puoi "registrartelo" senza

            infrangere


            il contratto.Posso vederlo in "differita". Lo streaming e' una differita, per via dei tempi di latenza.Se aggiungo alla connessione un mio substrato di buffering, posso allungare la differita quanto voglio.A meno che tu non venga a dirmi che il buffering e' una registrazione, nel qual caso ti informo che gia' avviene.

            Quale contratto?

            Secondo te io so distinguere una scritta in

            giapponese da degli

            scarabocchi?
            Ma perché non ti informi almeno un minimo prima
            si sparare cose a casaccio? Io sono gia' informato.Sei tu che stai portando avanto una personalissima battaglia contro i mulini a vento.Quindi e' onere tuo portare prove inconfutabili.Fino ad ora te le abbiamo smontate tutte.
            Il sito è
            statunitense e le informazioni sono tutte in
            inglese. Lo trovi in cima alla lista dei link di
            streaming gratis che ha segnalato
            Krane.E quindi.Posso fruire o non posso fruire?



            Noi presumiamo di si.


            Comunque è un fatto a dir poco
            vergognoso

            che

            non


            vi abbiano provveduto in tutti questi
            anni.


            Quindi mi associo e presumo anch'io di


            sì.



            E allora se tutti presumiamo di si, tutti
            fruiamo

            fino a che il server non verra' chiuso.
            Era il sito dei documentari in inglese.E quindi?
          • Passante scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Passante

            - Scritto da: 633.41


            - Scritto da: Passante



            - Scritto da: 633.41




            - Scritto da: Luco, giudice di

            linea


            mancato




            Io affermavo e affermo che




            la legge italiana




            vigente vieta il download di

            materiale



            piratato,




            che quindi è illegale.



            Gentile signor 633.41



            Lei che e' esperto


            Spiacente, non sono un esperto.

            E allora come mai non si cambia il link in

            forrest gump come suggeriva agli altri?
            E perché mai? Da esperto a "utonto" ci sono
            livelli di conoscenza intermedi, non crede? E
            quando un noto esperto come Krane fa il finto
            tonto nel non riconoscere certi siti...E lei cosa suggerisce per riconoscere certi siti ? Qual'e' la discriminante, lei continua a sostenere che tutti dovrebbero riconoscerli senza spiegare come.


            Ho solo ricordato


            un pericolo che corrono gli

            utenti della rete.

            Ma


            qualcuno ha interesse che non si sappia.



            Ma lei scriveva prima che solo un forrest
            gump

            non sarebbe riuscito a distinguere tra film

            legali o illegali;
            Nel caso specifico la distinzione era tra
            <u
            siti </u
            , decisamente molto più
            agevole.A me non sembra assolutamente, ad esempio come posso essere sicuro che quello che vedo su youtube e' legale ?

            a me sembra che invece sia lei

            a voler spargere disinformazione,
            Disinformazione? Segnalare uno o più articoli
            della legge vigente sul diritto d'autore, in modo
            che chi è interessato possa prenderne visione
            diretta ed essere consapevole dei
            rischi ?Allora ricordiamo anche della possibilita' di essere trovati con del denaro falso in tasca dopo essere passati in un qualsiasi negozio, oppure che girando per strada ti possono rapinare e che rapinare e' illegale; insomma citiamo a caso un po' tutti gli articoli del codice per ricordarceli, anche se alla fine non essendo noi tutori dell'ordine non possiamo agire per fermare i suddetticrimini e possiamo solo molto limitatamente agire per evitare che fengano commessi (anche contro di noi).

            ha interesse a

            far credere alla gente che non esiste

            lo streaming legale in rete?
            Ovvio che no.Eppure sta facendo terrorismo in quel senso.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Passante
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: Passante


            - Scritto da: 633.41



            - Scritto da: Passante




            - Scritto da: 633.41





            - Scritto da: Luco,
            giudice
            di


            linea



            mancato






            Io affermavo e affermo
            che






            la legge italiana





            vigente vieta il
            download
            di


            materiale




            piratato,





            che quindi è illegale.





            Gentile signor 633.41




            Lei che e' esperto



            Spiacente, non sono un esperto.



            E allora come mai non si cambia il link
            in


            forrest gump come suggeriva agli altri?


            E perché mai? Da esperto a "utonto" ci sono

            livelli di conoscenza intermedi, non crede? E

            quando un noto esperto come Krane fa il finto

            tonto nel non riconoscere certi siti...

            E lei cosa suggerisce per riconoscere certi siti
            ? Qual'e' la discriminante, lei continua a
            sostenere che tutti dovrebbero riconoscerli senza
            spiegare come.A parte qualche sito che lo dice chiaro e tondo di essere un covo di pirati informatici, occupiamoci di quelli che si atteggiano a siti legali.Nella home page del sito con i link a contenuti di legalità dubbia - film, telefilm, musica, programmi completi per elaboratore, etc. tutte cose che normalmente si dovrebbero pagare (o nel caso di tv e radio: sorbirsi la pubblicità) ma che qui si possono scaricare o vedere in streaming gratis - si cerca (solitamente in cima o in fondo alla pagina, raramente a lato) e si fa clic su uno o più link del tipo:Disclaimer - Copyright - Terms of Service - Legal - FAQ - About usAnche una rapida lettura permette di cogliere che non ospitano i contenuti né ne effettuano l'upload, e soprattutto fanno ricadere tutta la responsabilità delle eventuali violazioni di copyright sugli upper protetti dall'anonimato;(variante italica: far ricadere tutta la responsabilità delle eventuali violazioni di copyright sui visitatori-downloader)Indicativa è pure la presenza del link "DMCA": chi ha acquisito legalmente i diritti di trasmissione in streaming non ha necessità di recepire simili segnalazioni in "quantità industriali".L'utente che visita questi siti non ha la garanzia che il materiale che visiona/scarica da essi non infranga il copyright.




            Ho solo ricordato



            un pericolo che corrono gli


            utenti della rete.


            Ma



            qualcuno ha interesse che non si
            sappia.





            Ma lei scriveva prima che solo un
            forrest

            gump


            non sarebbe riuscito a distinguere tra
            film


            legali o illegali;

            Nel caso specifico la distinzione era tra

            <u
            siti </u
            , decisamente
            molto
            più

            agevole.

            A me non sembra assolutamente, ad esempio come
            posso essere sicuro che quello che vedo su
            youtube e' legale ?Innanzitutto col buon senso: ci son video che non hanno nulla a che fare con le major, altri immessi dal detentore stesso dei diritti. In caso di reale dubbio (es.: film completo) col sistema Content ID: se il detentore dei diritti acconsente alla visione su youtube, allora lo si riconosce da un annuncio pubblicitario in testa ai video.



            a me sembra che invece sia lei


            a voler spargere disinformazione,

            Disinformazione? Segnalare uno o più articoli

            della legge vigente sul diritto d'autore, in
            modo

            che chi è interessato possa prenderne visione

            diretta ed essere consapevole dei

            rischi ?

            Allora ricordiamo anche della possibilita' di
            essere trovati con del denaro falso in tasca dopo
            essere passati in un qualsiasi negozio, oppure
            che girando per strada ti possono rapinare e che
            rapinare e' illegale;E sarebbe un OT, visto che il tema dell'articolo di PI che stiamo commentando è lo scaricamento e la LDA è pertinente.
            insomma citiamo a casoNon ho affatto citato a caso: ho citato la norma della legge italiana vigente che smentisce l'affermazione che in Italia il download non sia illegale.
            un po' tutti gli articoli del codice per
            ricordarceli, anche se alla fine non essendo noi
            tutori dell'ordine non possiamo agire per fermare
            i suddetti crimini e possiamo solo molto
            limitatamente agire per evitare che fengano
            commessi (anche contro di noi).




            ha interesse a


            far credere alla gente che non esiste


            lo streaming legale in rete?

            Ovvio che no.

            Eppure sta facendo terrorismo in quel senso.Un'accusa molto pesante, oltre che palesemente infondata.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            A parte qualche sito che lo dice chiaro e tondo
            di essere un covo di pirati informatici,
            occupiamoci di quelli che si atteggiano a siti
            legali.Anche questi lo dicono chiaro e tondo di essere pirati.Posso andare a mangiare in questo locale o no?[img]http://www.hotelditalia.com/foto_clienti/ristorante_al_pirata_taranto_5_Taranto__1.jpg[/img]
            Nella home page del sito con i link a contenuti
            di legalità dubbia dubbia? Sulla base di che cosa e' dubbia?
            - film, telefilm, musica,
            programmi completi per elaboratore, etc. tutte
            cose che normalmente si dovrebbero pagare (o nel
            caso di tv e radio: sorbirsi la pubblicità)iTunes e' illegale?Canonical e' illegale?Youtube e' illegale?E perche' piratebay dovrebbe esserlo?Chi sono io per sapere le cose?
            ma
            che qui si possono scaricare o vedere in
            streaming gratis - si cerca (solitamente in cima
            o in fondo alla pagina, raramente a lato) e si fa
            clic su uno o più link del
            tipo:
            Disclaimer - Copyright - Terms of Service - Legal
            - FAQ - About
            usIo non perdo tempo a cliccare su quello che non mi interessa.Tu si?
            Anche una rapida lettura permette di cogliere che
            non ospitano i contenuti né ne effettuano
            l'upload, e soprattutto fanno ricadere tutta la
            responsabilità delle eventuali violazioni di
            copyright sugli upper protetti
            dall'anonimato;A me non interessano mica i rapporti che intercorrono tra il negoziante e i suoi fornitori.
            (variante italica: far ricadere tutta la
            responsabilità delle eventuali violazioni di
            copyright sui
            visitatori-downloader)L'eula lascia tutto il tempo che trova.Possono scrivere quello che vogliono, tanto non conta.
            Indicativa è pure la presenza del link "DMCA":
            chi ha acquisito legalmente i diritti di
            trasmissione in streaming non ha necessità di
            recepire simili segnalazioni in "quantità
            industriali".Parli di cose che ignoro e di cui non mi frega.
            L'utente che visita questi siti non ha la
            garanzia che il materiale che visiona/scarica da
            essi non infranga il
            copyright.L'utente che visita quei siti non gliene frega niente.Il sito e' accessibile? SI.Ok si presume che sia tutto legale.Se fosse illegale lo chiuderebbero.E' aperto: e' legale.E' gratis: scarico.

            A me non sembra assolutamente, ad esempio
            come

            posso essere sicuro che quello che vedo su

            youtube e' legale ?

            Innanzitutto col buon senso: ci son video che non
            hanno nulla a che fare con le major,Che significa?Che cosa ne so io se quello e' un video amatoriale o un video virale o chi lo ha fatto e perche'?A me piace, lo scarico e me lo guardo.
            altri
            immessi dal detentore stesso dei diritti. Come sopra: io non lo so e non me ne frega niente.Leggiti questa storia.http://punto-informatico.it/3627658/PI/News/pirati-negozi-musicali-remix-sospetti.aspx
            In caso
            di reale dubbio (es.: film completo) col sistema
            Content ID: se il detentore dei diritti
            acconsente alla visione su youtube, allora lo si
            riconosce da un annuncio pubblicitario in testa
            ai video.Nei video che scarico io non c'e' alcun annuncio pubblicitario.Quindi?

            insomma citiamo a caso
            Non ho affatto citato a caso: ho citato la norma
            della legge italiana vigente che smentisce
            l'affermazione che in Italia il download non sia
            illegale.Ed e' la solita panzana.Il download e' legalissimo.

            Eppure sta facendo terrorismo in quel senso.
            Un'accusa molto pesante, oltre che palesemente
            infondata.Lascialo decidere a noi se e' infondata.Sono giorni che vieni qui a petulare cose assurde come se fossi un antiabortista che pretende di convincere che l'aborto sia un omicidio.Se sei contro l'aborto sei libero di NON ABORTIRE.Se sei contro il download sei libero di NON SCARICARE.Ma non puoi decidere della liberta' degli altri.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41

            A parte qualche sito che lo dice chiaro e

            tondo di essere un covo di pirati informatici,

            occupiamoci di quelli che si atteggiano a

            siti legali.
            Anche questi lo dicono chiaro e tondo di essere
            pirati.
            Posso andare a mangiare in questo locale o no?
            [img]http://www.hotelditalia.com/foto_clienti/ristMa sei fuori ? Vuoi finire appiccato all'albero di maestra e derubato ?Piuttosto denunciali subito che con un nome del genere di sicuro non possono essere che taglieggiatori !!! O no ? (rotfl)(rotfl)
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            A parte qualche sito che lo dice chiaro e
            tondo

            di essere un covo di pirati informatici,

            occupiamoci di quelli che si atteggiano a
            siti

            legali.

            Anche questi lo dicono chiaro e tondo di essere
            pirati.informatici? (rotfl)

            Nella home page del sito con i link a
            contenuti

            di legalità dubbia

            dubbia?
            Sulla base di che cosa e' dubbia?Che a priori non si sa se tali contenuti infrangano o meno il copyright.


            - film, telefilm, musica,

            programmi completi per elaboratore, etc.
            tutte

            cose che normalmente si dovrebbero pagare (o
            nel

            caso di tv e radio: sorbirsi la pubblicità)

            Youtube e' illegale?Youtube ospita anche materiale che viola il copyright, e hanno messo in atto sistemi per arginare tale fenomeno.
            E perche' piratebay dovrebbe esserlo?Violazione di copyright?
            Chi sono io per sapere le cose?Un tecnico che afferma di non conoscere l'inglese.


            ma

            che qui si possono scaricare o vedere in

            streaming gratis - si cerca (solitamente in
            cima

            o in fondo alla pagina, raramente a lato) e
            si
            fa

            clic su uno o più link del

            tipo:

            Disclaimer - Copyright - Terms of Service -
            Legal

            - FAQ - About

            us

            Io non perdo tempo a cliccare su quello che non
            mi interessa.
            Tu si?Hai letto la domanda cui rispondevo? Parrebbe proprio di no.

            Anche una rapida lettura permette di
            cogliere
            che

            non ospitano i contenuti né ne effettuano

            l'upload, e soprattutto fanno ricadere tutta
            la

            responsabilità delle eventuali violazioni di

            copyright sugli upper protetti

            dall'anonimato;
            A me non interessano mica i rapporti che
            intercorrono tra il negoziante e i suoi
            fornitori.In questo caso invece ha una notevole importanza.

            (variante italica: far ricadere tutta la

            responsabilità delle eventuali violazioni di

            copyright sui

            visitatori-downloader)

            L'eula lascia tutto il tempo che trova.
            Possono scrivere quello che vogliono, tanto non
            conta.Ma ti fa capire che quel sito ospita anche materiale in violazione del copyright.


            Indicativa è pure la presenza del link
            "DMCA":

            chi ha acquisito legalmente i diritti di

            trasmissione in streaming non ha necessità di

            recepire simili segnalazioni in "quantità

            industriali".

            Parli di cose che ignorodavvero? (rotfl)
            e di cui non mi frega.


            L'utente che visita questi siti non ha la

            garanzia che il materiale che
            visiona/scarica
            da

            essi non infranga il

            copyright.

            L'utente che visita quei siti non gliene frega
            niente.La domanda era: come si riconoscono quei siti?
            Il sito e' accessibile? SI.
            Ok si presume che sia tutto legale.Presunzione azzardata.
            Se fosse illegale lo chiuderebbero.Il materiale che lì trovi è anche del tipo illegale.
            E' aperto: e' legale.No.
            E' gratis: scarico.E scarica, ma sappi che rischi di scaricare materiale che infrange il copyright.


            A me non sembra assolutamente, ad
            esempio

            come


            posso essere sicuro che quello che vedo
            su


            youtube e' legale ?



            Innanzitutto col buon senso: ci son video
            che
            non

            hanno nulla a che fare con le major,

            Che significa?
            Che cosa ne so io se quello e' un video
            amatoriale o un video virale o chi lo ha fatto e
            perche'?Prendiamo atto della tua mancanza di buon senso.
            A me piace, lo scarico e me lo guardo.


            altri

            immessi dal detentore stesso dei diritti.

            Come sopra: io non lo so e non me ne frega niente.
            Leggiti questa storia.
            http://punto-informatico.it/3627658/PI/News/pirati


            In caso

            di reale dubbio (es.: film completo) col
            sistema

            Content ID: se il detentore dei diritti

            acconsente alla visione su youtube, allora
            lo si

            riconosce da un annuncio pubblicitario in
            testa

            ai video.

            Nei video che scarico io non c'e' alcun annuncio
            pubblicitario.
            Quindi?Quindi non rientra nel caso del detentore dei diritti che acconsente.


            insomma citiamo a caso

            Non ho affatto citato a caso: ho citato la
            norma

            della legge italiana vigente che smentisce

            l'affermazione che in Italia il download non
            sia

            illegale.

            Ed e' la solita panzana.
            Il download e' legalissimo.Sempre e comunque, vero?Legge 633/1941, Art. 171-ter, comma 2:È punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da euro 2.582 a euro 15.493 chiunque:a) riproduce, duplica, trasmette o diffonde abusivamente, vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi;



            Eppure sta facendo terrorismo in quel
            senso.

            Un'accusa molto pesante, oltre che

            palesemente infondata.

            Lascialo decidere a noi se e' infondata.No che non te lo lascio, visto che tra l'altro sei propenso a negare l'evidenza dei fatti.
            Sono giorni che vieni qui a petulare cose assurdeE te son anni che trolli su PI...
            come se fossi un antiabortista che pretende di
            convincere che l'aborto sia un omicidio.

            Se sei contro l'aborto sei libero di NON ABORTIRE.L'aborto in Italia è legale, a differenza della pirateria informatica.
            Se sei contro il download sei libero di NON SCARICARE.Pro o contro che sia nei riguardi del download, sono pure libero di citare una norma della legge italiana vigente quando leggo falsità al riguardo.
            Ma non puoi decidere della liberta' degli altri.Tantomeno tu.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: 633.41

            Il sito e' accessibile? SI.

            Ok si presume che sia tutto legale.
            Presunzione azzardata.Anche che in un negozio ti diano soldi falsi e' possibile; quindi occorre anche specificare che presumere che un negoziante sia onesto e' una "presunzione azzardata" ?

            Se fosse illegale lo chiuderebbero.
            Il materiale che lì trovi è anche del tipo
            illegale.Quindi ogni volta che entri in un negozio tu pretendi di guardare la bolla di acquisto dal fornitore del negoziante ? E se e' falsa ??

            E' aperto: e' legale.
            No.

            E' gratis: scarico.
            E scarica, ma sappi che rischi di scaricare
            materiale che infrange il copyright.Beh, cosi' come rischi di essere rapinato girando per strada, la soluzione non e' che la polizia inviti la gente a chiudersi in casa.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 ottobre 2012 12.59-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            Anche questi lo dicono chiaro e tondo di
            essere

            pirati.
            informatici? (rotfl)Che cosa cambia?E' una insegna.Come quelle dei siti.La parola "pirata" per un ristorante va bene e per un sito no?

            Sulla base di che cosa e' dubbia?
            Che a priori non si sa se tali contenuti
            infrangano o meno il copyright.Quindi anche PI e' un sito dubbio?Vorresti fare la cortesia di citare un sito NON DUBBIO?

            Youtube e' illegale?
            Youtube ospita anche materiale che viola il
            copyright, e hanno messo in atto sistemi per
            arginare tale
            fenomeno.Quindi devo concludere che se un video lo vedo non e' illegale, perche' hanno messo in atto sistemi per arginare il fenomeno.Quindi tutto quello che scarico da YT e' lecito.

            E perche' piratebay dovrebbe esserlo?
            Violazione di copyright?Sei tu il giudice che ha sentenziato?O stai facendo semplicemente ginnastica alle dita?

            Chi sono io per sapere le cose?
            Un tecnico che afferma di non conoscere l'inglese.Dimostrami che so l'inglese, invece di arrampicarti sui vetri.

            Io non perdo tempo a cliccare su quello che
            non

            mi interessa.

            Tu si?
            Hai letto la domanda cui rispondevo? Parrebbe
            proprio di no.Te l'ho detto che sono scemo, che non so l'inglese e che neanche so leggere.Non puoi pretendere troppo da me.

            A me non interessano mica i rapporti che

            intercorrono tra il negoziante e i suoi

            fornitori.
            In questo caso invece ha una notevole importanza.Ma a me continua a non fregarmene di meno.Se l'importanza ce l'ha per te, attivati tu.

            L'eula lascia tutto il tempo che trova.

            Possono scrivere quello che vogliono, tanto
            non

            conta.
            Ma ti fa capire che quel sito ospita anche
            materiale in violazione del
            copyright.Pazienza. Non e' compito mio determinarlo. Non e' compito mio provvedere in merito.Io posso scaricare, ergo scarico.

            L'utente che visita quei siti non gliene
            frega

            niente.
            La domanda era: come si riconoscono quei siti?E la risposta dov'e'?

            Il sito e' accessibile? SI.

            Ok si presume che sia tutto legale.
            Presunzione azzardata.Allora io applico il tuo metro e presumo che tu sia un contaballe.A priori!

            Se fosse illegale lo chiuderebbero.
            Il materiale che lì trovi è anche del tipo
            illegale.Pazienza.

            E' aperto: e' legale.
            No.

            E' gratis: scarico.
            E scarica, ma sappi che rischi di scaricare
            materiale che infrange il
            copyright.Capirai che rischio... se mi accorgo che era sotto copyright, dopo averlo visto lo cancello. Va bene?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41



            Anche questi lo dicono chiaro e tondo di

            essere


            pirati.

            informatici? (rotfl)

            Che cosa cambia?


            Sulla base di che cosa e' dubbia?

            Che a priori non si sa se tali contenuti

            infrangano o meno il copyright.

            Quindi anche PI e' un sito dubbio?I link ai video nei post degli utenti di PI...
            Vorresti fare la cortesia di citare un sito NON
            DUBBIO?http://www.programmifree.comhttp://www.portablefreeware.com



            Youtube e' illegale?

            Youtube ospita anche materiale che viola il

            copyright, e hanno messo in atto sistemi per

            arginare tale

            fenomeno.

            Quindi devo concludere che se un video lo vedo
            non e' illegale, perche' hanno messo in atto
            sistemi per arginare il fenomeno.No, perché arginare != stroncare.
            Quindi tutto quello che scarico da YT e' lecito.Quindi un'altra tua frase sbagliata.


            Io non perdo tempo a cliccare su quello
            che

            non


            mi interessa.


            Tu si?

            Hai letto la domanda cui rispondevo? Parrebbe

            proprio di no.

            Te l'ho detto che sono scemo, che non so
            l'inglese e che neanche so
            leggere.
            Non puoi pretendere troppo da me.Ok, ne prendo atto.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            E perche' piratebay dovrebbe esserlo?
            Violazione di copyright?1) Pirate Bay ha solo link magnet2) Puoi scaricare pure il magnet ma se non ci sono seed o perlomeno, mettendo insieme tutti i peer, non riesci a ottenere il file completo, non finirai mai di scaricare3) Il magnet contiene solo un MD5 cioè un numero4) I NUMERI non sono soggetti a copyright-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 ottobre 2012 15.31-----------------------------------------------------------
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: 633.41


            E perche' piratebay dovrebbe esserlo?

            Violazione di copyright?

            1) Pirate Bay ha solo link magnet
            2) Puoi scaricare pure il magnet ma se non ci
            sono seed o perlomeno, mettendo insieme tutti i
            peer, non riesci a ottenere il file completo, non
            finirai mai di
            scaricare
            3) Il magnet contiene solo un MD5 cioè un numero
            4) I NUMERI non sono soggetti a copyright
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 26 ottobre 2012 15.31
            --------------------------------------------------A che servono quei link magnet? A scaricare abusivamente opere tutelate da copyright.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            A che servono quei link magnet? A scaricare
            abusivamente opere tutelate da
            copyright.Non e' che siccome tu ne fai quell'uso allora lo devono fare tutti.Il link di per se non e' abusivo di niente.E' un dito che indica la luna.Vai cortesemente a guardare la luna.E poi l'"abusivamente" e' tutto da dimostrare.Anche tu stai rispondendo abusivamente a questo post.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ora lo sai


            A che servono quei link magnet? A scaricare

            abusivamente opere tutelate da

            copyright.

            Non e' che siccome tu ne fai quell'uso allora lo
            devono fare tutti.Ti sbagli: non ne ho mai fatto quell'uso.
            Il link di per se non e' abusivo di niente.E dove l'avresti letto nella mia frase? L'abusivamente è riferito allo scaricamento.
            E' un dito che indica la luna.
            Vai cortesemente a guardare la luna.Luna che, fuor di metafora, è proprio l'opera tutelata da copyright.
            E poi l'"abusivamente" e' tutto da dimostrare.La legge ti concede il diritto di scaricare quel file piratato? No. Quindi se lo fai, lo fai abusivamente.CVD
            Anche tu stai rispondendo abusivamente a questo
            post.No.Quanti sbagli che hai fatto in poche righe, panda rossa! (rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            La legge ti concede il diritto di scaricare quel
            file piratato? No. Quindi se lo fai, lo fai
            abusivamente.
            CVDIO NON LO POSSO SAPERE SE QUEL FILE E' PIRATATO.Quel file e' scaricabile e quindi io retengo che sia lecito scaricarlo.Se un bar e' noto per essere un ritrovo di spacciatori, niente mi puo' impedire di entrarci per bere un caffe'.

            Anche tu stai rispondendo abusivamente a
            questo

            post.

            No.
            Quanti sbagli che hai fatto in poche righe, panda
            rossa!
            (rotfl)Invece si. Io ti ho scritto che la tua risposta era abusiva e tu, incurante del mio avviso, hai risposto.Stessa cosa faccio io coi files in rete.Se una cosa' si puo' fare, e' lecita.Se fosse illecita, compito tuo provvedere ad impedirmelo, con gli strumenti che la legge ti mette a disposizione.Altrimenti spostati e lascia passare.Grazie.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ora lo sai


            La legge ti concede il diritto di scaricare
            quel

            file piratato? No. Quindi se lo fai, lo fai

            abusivamente.

            CVD

            IO NON LO POSSO SAPERE SE QUEL FILE E' PIRATATO.Smettila di fare lo gnorri, che non sei credibile.
            Quel file e' scaricabile e quindi io retengo che
            sia lecito scaricarlo.
            Se un bar e' noto per essere un ritrovo di
            spacciatori, niente mi puo' impedire di entrarci
            per bere un caffe'.Se ti limiti al caffè, no problem.


            Anche tu stai rispondendo abusivamente a

            questo


            post.



            No.

            Quanti sbagli che hai fatto in poche righe,
            panda

            rossa!

            (rotfl)

            Invece si. Io ti ho scritto che la tua risposta
            era abusiva e tu, incurante del mio avviso, hai
            risposto.
            Stessa cosa faccio io coi files in rete.Il tuo avviso non ha certo valore di legge, a differenza degli articoli della 633/41.
            Se una cosa' si puo' fare, e' lecita.Non giocare con l'ambiguità del verbo "potere".
            Se fosse illecita, compito tuo provvedere ad
            impedirmelo, con gli strumenti che la legge ti
            mette a disposizione.Non è compito mio, e neanche mio interesse.
            Altrimenti spostati e lascia <s
            passare </s
            trollare.fixed.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            Smettila di fare lo gnorri, che non sei credibile.Che io sappia, ognuno è libero di difendersi come meglio crede.Anche facendo lo gnorri o mentendo spudoratamente, se gli va'.
            Non giocare con l'ambiguità del verbo "potere".E' la legge semmai che gioca sull'ambiguità del verbo "duplicare".
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ora lo sai




            La legge ti concede il diritto di
            scaricare

            quel


            file piratato? No. Quindi se lo fai, lo
            fai


            abusivamente.


            CVD



            IO NON LO POSSO SAPERE SE QUEL FILE E'
            PIRATATO.

            Smettila di fare lo gnorri, che non sei credibile.


            Quel file e' scaricabile e quindi io retengo
            che

            sia lecito scaricarlo.

            Se un bar e' noto per essere un ritrovo di

            spacciatori, niente mi puo' impedire di
            entrarci

            per bere un caffe'.

            Se ti limiti al caffè, no problem.Esattamente come mi limito a dire che ho scaricato l'unico file lecito da quel sito che dici tu.L'onere della prova e' tuo.E il diritto di una controquerela per calunnia e' mio.
            Il tuo avviso non ha certo valore di legge, a
            differenza degli articoli della
            633/41.Il principio e' il medesimo.E comunque ti continua a sfuggire un limite piccolo piccoloQuella legge li vale solo per l'italia, per cittadini italiani che dall'italia si collegano ad un server italiano.

            Se una cosa' si puo' fare, e' lecita.

            Non giocare con l'ambiguità del verbo "potere".Senti da quale pulpito arriva l'ambigita'.

            Se fosse illecita, compito tuo provvedere ad

            impedirmelo, con gli strumenti che la legge
            ti

            mette a disposizione.

            Non è compito mio, e neanche mio interesse.E allora che vuoi?Ti ripeto il concetto.Come il sito di PI e' accessibile e quindi si presume che sia lecito, analogamente tutti gli altri siti accessibili hanno presunzione di legalita', quindi io ci accedo e fruisco in perfetta buona fede, con l'intento del buon padre di famiglia che deve procurare i cartoni animati che chiedono i figli.La gente scarica e se ne sbatte! Fattene una ragione!
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            A che servono quei link magnet?Servono solo ad indirizzare il client verso il file/contenuto da scaricare.Di per sé sono innocui, e di sicuro NON illegali.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: ora lo sai


            A che servono quei link magnet?

            Servono solo ad indirizzare il client verso il
            file/contenutoopera tutelata da copyright
            da scaricare.abusivamente
            Di per sé sono innocui, e di sicuro NON illegali.se non consentono di scaricare abusivamente opere tutelate da copyright.Per la legislazione italiana vigente:Art. 171Salvo quanto disposto dall'art. 171-bis e dall'articolo 171-ter è punito con la multa da euro 51 a euro 2.065 chiunque, senza averne diritto, a qualsiasi scopo e in qualsiasi forma:a-bis) mette a disposizione del pubblico, immettendola in un sistema di reti telematiche, mediante connessioni di qualsiasi genere, un'opera dell'ingegno protetta, o parte di essa;Art. 174-bis1. Ferme le sanzioni penali applicabili, la violazione delle disposizioni previste nella presente sezione è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria pari al doppio del prezzo di mercato dell'opera o del supporto oggetto della violazione, in misura comunque non inferiore a euro 103,00. Se il prezzo non è facilmente determinabile, la violazione è punita con la sanzione amministrativa da euro 103,00 a euro 1032,00. La sanzione amministrativa si applica nella misura stabilita per ogni violazione e per ogni esemplare abusivamente duplicato o riprodotto.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: ora lo sai




            A che servono quei link magnet?



            Servono solo ad indirizzare il client verso
            il

            file/contenuto

            opera tutelata da copyright


            da scaricare.

            abusivamente




            Di per sé sono innocui, e di sicuro NON
            illegali.
            se non consentono di scaricare abusivamente opere
            tutelate da
            copyright.

            Per la legislazione italiana vigente:

            Art. 171
            Salvo quanto disposto dall'art. 171-bis e
            dall'articolo 171-ter è punito con la multa da
            euro 51 a euro 2.065 chiunque, senza averne
            diritto, a qualsiasi scopo e in qualsiasi
            forma:
            a-bis) mette a disposizione del pubblico,
            immettendola in un sistema di reti telematiche,
            mediante connessioni di qualsiasi genere,
            un'opera dell'ingegno protetta, o parte di
            essa;In Italia.Se chi lo fa, lo fa fuori dall'Italia, con l'articolo 171 ci fa carta igienica.Lo sai che cosa dovresti fare invece? Andare in mezzo all'autostrada, in terza corsia, con un bel cartello sopra la testa a ricordare che il limite e' 130, citando gli articoli del codice.Se poi sopravvivi dopo che ti avranno stirato in 100 vengo a portarti i cioccolatini in ospedale.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ora lo sai

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: ora lo sai






            A che servono quei link magnet?





            Servono solo ad indirizzare il client
            verso

            il


            file/contenuto



            opera tutelata da copyright




            da scaricare.



            abusivamente








            Di per sé sono innocui, e di sicuro NON

            illegali.

            se non consentono di scaricare abusivamente
            opere

            tutelate da

            copyright.



            Per la <u
            legislazione italiana vigente </u
            :



            Art. 171

            Salvo quanto disposto dall'art. 171-bis e

            dall'articolo 171-ter è punito con la multa
            da

            euro 51 a euro 2.065 chiunque, senza averne

            diritto, a qualsiasi scopo e in qualsiasi

            forma:

            a-bis) mette a disposizione del pubblico,

            immettendola in un sistema di reti
            telematiche,

            mediante connessioni di qualsiasi genere,

            un'opera dell'ingegno protetta, o parte di

            essa;

            In Italia.Bravo! ;)
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            opera tutelata da copyrightopera tutelata da copyright != da mezzo per ottenerla
            se non consentono di scaricare abusivamente opere
            tutelate da copyright.Ma guarda, in teoria tutto può consentire di scaricare abusivamente opere protette. Anche il PC che stai usando è in grado di consentirti di scaricare abusivamente, e allora? che facciamo, vietiamo i PC?
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: ora lo sai


            opera tutelata da copyright

            opera tutelata da copyright != da mezzo per
            ottenerla


            se non consentono di scaricare abusivamente
            opere

            tutelate da copyright.

            Ma guarda, in teoria tutto può consentire di
            scaricare abusivamente opere protette. Anche il
            PC che stai usando è in grado di consentirti di
            scaricare abusivamente, e allora? che facciamo,
            vietiamo i PC?La legge vieta azioni che è possibile compiere. In questo caso vieta di scaricare abusivamente. Nel caso specifico, quei link hanno la concreta capacità di provocare l'immediata esecuzione del reato.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            A me non sembra assolutamente, ad esempio
            come

            posso essere sicuro che quello che vedo su

            youtube e' legale ?

            Innanzitutto col buon senso: ci son video che non
            hanno nulla a che fare con le major, altri
            immessi dal detentore stesso dei diritti. In caso
            di reale dubbio (es.: film completo) col sistema
            Content ID: se il detentore dei diritti
            acconsente alla visione su youtube, allora lo si
            riconosce da un annuncio pubblicitario in testa
            ai video.Facciamo un esempio pratico:[yt]fJ9rUzIMcZQ[/yt][yt]jHbCE53s9hQ[/yt]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 ottobre 2012 15.27-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            Facciamo un esempio pratico:Dov'e' andato invece di rispondere?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            Embè?
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Passante
            Eppure sta facendo terrorismo in quel senso.Dire che sta facendo terrorismo in tal senso, mi sembra un'esagerazione.Sinceramente, apprezzo quello che <b
            633.41 </b
            sta facendo (far conoscere la normativa vigente, ecc.) - Il punto è che tutto il suo discorso ruota attorno ad una <b
            singola </b
            sentenza (tra l'altro rivelatasi favorevole agli imputati), ed all'interpretazione che un <b
            gruppo ristretto </b
            di giudici dà al concetto di "duplicazione" in ambito informatico.Troppo poco per trarre delle conclusioni. Una sola sentenza non fa giurisprudenza, bisognerà attendere il pronunciarsi di altri giudici in materia (diversi da quelli della summenzionata sentenza), prima di mettersi a gridare: ATTENTI A QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: Passante


            Eppure sta facendo terrorismo in quel senso.

            Dire che sta facendo terrorismo in tal senso, mi
            sembra un'esagerazione.


            Sinceramente, apprezzo quello che <b

            633.41 </b
            sta facendo (far conoscere la
            normativa vigente, ecc.)Ti ringrazio del sostegno morale!
            Il punto è che tutto
            il suo discorso ruota attorno ad una <b

            singola </b
            sentenza (tra l'altro
            rivelatasi favorevole agli imputati),assolti soprattutto perché all'epoca dei fatti loro contestati il "solito" articolo 173-ter vigeva in una diversa forma che richiedeva espressamente i fini di lucro.
            ed
            all'interpretazione che un <b
            gruppo
            ristretto </b
            di giudici dà al concetto
            di "duplicazione" in ambito informatico.Se qualcun altro trova altre interpretazioni di giudici e giuristi italiani su tale concetto, concordi o meno con quella citata, sarò ben lieto di prenderne visione. Lo speravo già durante questa discussione, ma finora non ne ho viste.
            Troppo poco per trarre delle conclusioni. Una
            sola sentenza non fa giurisprudenza, bisognerà
            attendere il pronunciarsi di altri giudici in
            materia (diversi da quelli della summenzionata
            sentenza),Magari si sono già pronunciati, ma in questo thread non sono stati citati.
            prima di mettersi a gridare: ATTENTI A
            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!Il problema è che sul forum di PI ci son molti che gridano: "il download di materiale piratato non è illegale in Italia".
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: Passante

            prima di mettersi a gridare: ATTENTI A

            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!
            Il problema è che sul forum di PI ci son molti
            che gridano: "il download di materiale piratato
            non è illegale in
            Italia".Mentre tu vai gridando che tutto il download pirata, visto che son dovuto essere io a dirti che esistono portali e portali legali.Ricordiamo anche che i negozianti potrebbero dare alla gente delle monete false di resto: e' sucXXXXX, quindi non andate piu' nei negozi.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: Passante



            prima di mettersi a gridare: ATTENTI A


            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!

            Il problema è che sul forum di PI ci son
            molti

            che gridano: "il download di materiale
            piratato

            non è illegale in

            Italia".

            Mentre tu vai gridando che tutto il download
            pirata, visto che son dovuto essere io a dirti
            che esistono portali e portali
            legali.Ti avevo chiesto di che "siti legali" di streaming stavi parlando ed ho constatato che la maggior parte dei siti di quella lista non offrono alcuna garanzia di non linkare materiale che infrange il diritto d'autore.

            Ricordiamo anche che i negozianti potrebbero dare
            alla gente delle monete false di resto: e'
            sucXXXXX, quindicontrollate le banconote che vi danno di resto.
            non andate piu' nei negozi.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: 633.41


            - Scritto da: anon



            - Scritto da: Passante





            prima di mettersi a gridare:
            ATTENTI
            A



            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE
            GROSSO!


            Il problema è che sul forum di PI ci son

            molti


            che gridano: "il download di materiale

            piratato


            non è illegale in


            Italia".



            Mentre tu vai gridando che tutto il download

            pirata, visto che son dovuto essere io a
            dirti

            che esistono portali e portali

            legali.
            Ti avevo chiesto di che "siti legali" di
            streaming stavi parlando ed ho constatato che la
            maggior parte dei siti di quella lista non
            offrono alcuna garanzia di non linkare materiale
            che infrange il diritto
            d'autore.




            Ricordiamo anche che i negozianti potrebbero
            dare

            alla gente delle monete false di resto: e'

            sucXXXXX, quindi
            controllate le banconote che vi danno di resto.Ma attenzione che un controllo visivo puo' non essere sufficiente: dovreste quanto meno portarvi uno di quegli apparecchi a ultravioletto, sicuramente se il negoziante non ha nulla da nascondere vi fara' utilizzare la corrente elettrica per l'apparecchio.Attenzione negozianti !!!!E' sucXXXXX che dei clienti abbiano danneggiato dei negozi, anche provocando incendi, utilizzando degli apparecchi personali, se non volete correre rischi del genere non permettere a nessun cliente di collegare apparecchiature elettriche ai vostri impianti.

            non andate piu' nei negozi.Non andate piu' nei negozi e chiudete i negozi presto !!!!
          • lettore scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            troll OT! (troll2)(troll2)(troll2)
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: lettore
            troll OT! (troll2)(troll2)(troll2)Fine delle argomentazioni?O resa incondizionata di fronte all'evidenza?
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: lettore

            troll OT! (troll2)(troll2)(troll2)

            Fine delle argomentazioni?
            O resa incondizionata di fronte all'evidenza?Resa incondizionata di fronte all'evidenza che è un troll! (rotfl)
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            controllate le banconote che vi danno di resto.Non è una soluzione praticabile. Se sono di fretta, non ho il tempo di controllare e mi devo fidare. Stesso discorso vale per i download online.Non si può pretendere che uno passi giornate intere (o comunque una parte considerevole del proprio tempo) ad accertarsi della liceità o meno dei siti che visita, così come non si può pretendere che uno si fermi ogni volta a controllare i resti al negozio.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            controllate le banconote che vi danno di
            resto.

            Non è una soluzione praticabile. Se sono di
            fretta, non ho il tempo di controllare e mi devo
            fidare.Anche se sei di fretta ti tocca comunque aspettare che loro controllino le banconote che tu dai loro. Penso che questo tu lo abbia già constatato. E poi questo controllo ti porta via solo pochi secondi mentre controlli che il resto sia giusto.
            Stesso discorso vale per i download
            online.
            Non si può pretendere che uno passi giornate
            intere (o comunque una parte considerevole del
            proprio tempo) ad accertarsi della liceità o meno
            dei siti che visita,Forse la prima volta che metti in pratica il "suggerimento" (Disclaimer, DMCA, ecc.) di porterà via un po' di tempo (una decina di minuti, mica giornate intere), ma poi stai un attimo a riconoscerli perché 'sti siti son proprio fatti "con lo stampino". :)
            così come non si può
            pretendere che uno si fermi ogni volta a
            controllare i resti al negozio.Se non controlli il resto, poi non lamentarti se ti fregano, eh? ;)
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Anche se sei di fretta ti tocca comunque
            aspettare che loro controllino le banconote che
            tu dai loro. Penso che questo tu lo abbia già
            constatato.Quasi mai accaduto, a parte rari casi. Di solito prendono i soldi che gli do e li mettono immediatamente in cassa senza nemmeno guardarli.Chi fa quei controlli è solo perché non si fida o perché han già avuto casi di gente che ha pagato con banconote false.
            Forse la prima volta che metti in pratica il
            "suggerimento" (Disclaimer, DMCA, ecc.) di
            porterà via un po' di tempo (una decina di
            minuti, mica giornate intere), ma poi stai un
            attimo a riconoscerli perché 'sti siti son
            proprio fatti "con lo stampino".
            :)E se non si tratta di siti? Ad esempio come distinguo un video lecito e uno o no su YT? Non è forse compito di YT, quello?E come distinguo un .torrent lecito o uno no?Come vedi, la casistica è immane. E giustamente uno non ha tempo ne voglia di star lì a controllare tutto.
            Se non controlli il resto, poi non lamentarti se
            ti fregano, eh? ;)Esiste anche una cosa che si chiama "buona fede". Io mi fido che mi diano il resto giusto o che non mi diano banconote false.Se poi, dopo essermi fidato, mi accorgo che mi hanno fregato... Quel negozio ha perso un cliente, cioè ME. Semplice, no?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Anche se sei di fretta ti tocca comunque

            aspettare che loro controllino le banconote
            che

            tu dai loro. Penso che questo tu lo abbia già

            constatato.

            Quasi mai accaduto, a parte rari casi. Di solito
            prendono i soldi che gli do e li mettono
            immediatamente in cassa senza nemmeno
            guardarli.Ho visto che all'Ipercoop adottano come procedura standard di passare tutte le banconote ricevute sotto la macchinetta.
            Chi fa quei controlli è solo perché non si fida o
            perché han già avuto casi di gente che ha pagato
            con banconote false.Oppure perché deve rispettare una procedura.

            Forse la prima volta che metti in pratica il

            "suggerimento" (Disclaimer, DMCA, ecc.) di

            porterà via un po' di tempo (una decina di

            minuti, mica giornate intere), ma poi stai un

            attimo a riconoscerli perché 'sti siti son

            proprio fatti "con lo stampino".

            :)
            E se non si tratta di siti? Ad esempio come
            distinguo un video lecito e uno o no su YT? Non è
            forse compito di YT, quello?In linea di massima no. Attendono la segnalazione da parte del detentore dei diritti, o che il sitema Content ID segnali una corrispondenza con quanto già depositato.
            E come distinguo un .torrent lecito o uno no?Cosa linka? Le major non regalano.
            Come vedi, la casistica è immane.Le major non regalano.
            E giustamente
            uno non ha tempo ne voglia di star lì a
            controllare tutto.Le major non regalano.

            Se non controlli il resto, poi non
            lamentarti
            se

            ti fregano, eh? ;)

            Esiste anche una cosa che si chiama "buona fede".
            Io mi fido che mi diano il resto giusto o che non
            mi diano banconote false.

            Se poi, dopo essermi fidato, mi accorgo che mi
            hanno fregato... Quel negozio ha perso un
            cliente, cioè ME. Semplice, no?Se ti hanno rifilato banconote false, tu le spendi e chi le riceve se ne accorge, vedrai che non è proprio così "semplice".
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            E come distinguo un .torrent lecito o uno no?
            Cosa linka? Le major non regalano.Tu rappresenti tutte le major per poter affermare quello che dici?E anche ammettendo che sia vero, che cosa ne so io che quella e' un'opera di una major?Non puoi presumere niente! Rassegnati.
            Se ti hanno rifilato banconote false, tu le
            spendi e chi le riceve se ne accorge, vedrai che
            non è proprio così
            "semplice".Non e' semplice, naturalmente.Avro' delle grane.Ma potro' dimostrare la mia buona fede, potro' collaborare con le forze dell'ordine per ricostruire il percorso di quelle banconote, e sono convinto di poterne uscire pulito, esattamente come per i film scaricati.Con la non trascurabile differenza che i film scaricati non devo usarli per fare la spesa.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: 633.41


            Anche se sei di fretta ti tocca


            comunque aspettare che loro


            controllino le banconote che


            tu dai loro. Penso che questo


            tu lo abbia già constatato.

            Quasi mai accaduto, a parte rari casi. Di

            solito prendono i soldi che gli do e li

            mettono immediatamente in cassa senza

            nemmeno guardarli.
            Ho visto che all'Ipercoop adottano come
            procedura standard di passare tutte le
            banconote ricevute sotto la macchinetta.Quindi hanno un lettore collegato alla corrente, mi ricorda un esempio fatto qua.

            Chi fa quei controlli è solo perché

            non si fida o perché han già avuto

            casi di gente che ha pagato con

            banconote false.
            Oppure perché deve rispettare una procedura.Quindi tu mi stai confrontando un privato cittadino con una corporazione che possiede linee di cassiere il cui lavoro e' controllare banconote; probabilmente hanno anche un ufficio legale incaricato tutte le mattine di verificare che sulla gazzetta ufficiale non compaiono variazioni di leggi che possano influenzarli, insomma non e' un privato cittadino e' una corporazione.

            E se non si tratta di siti? Ad esempio

            come distinguo un video lecito e uno o

            no su YT ?
            Non è forse compito di YT, quello?
            In linea di massima no. Attendono la segnalazione
            da parte del detentore dei diritti, o che il
            sitema Content ID segnali una corrispondenza con
            quanto già depositato.Quindi finche' non li tolgono devo presumere che il video sia legale, mica si fa un servizio perche' poi tutti si astengano da guardare in attesa di bollino.

            E come distinguo un .torrent lecito o uno no?
            Cosa linka? Le major non regalano.

            Come vedi, la casistica è immane.
            Le major non regalano.I torrent sono uno scambio tra privati infatti, come le vecchie videocassette registrate dalla tv.

            E giustamente uno non ha tempo ne voglia

            di star lì a controllare tutto.
            Le major non regalano.Allora che mi offrano garanzie, altrimenti la gente contuniera' a conforndersi e non sapere se sta pagando uno stream legale o uno pirata, in fondo dovrebbe essere interesse delle major stesse.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Ho visto che all'Ipercoop adottano come procedura
            standard di passare tutte le banconote ricevute
            sotto la macchinetta.Mai stato all'Ipercoop.
            Oppure perché deve rispettare una procedura.E' chiaro ormai che frequentiamo negozi/posti diversi. Io tutte 'ste procedure di cui parli, non le ho quasi mai viste applicare.
            In linea di massima no. Attendono la segnalazione
            da parte del detentore dei diritti, o che il
            sitema Content ID segnali una corrispondenza con
            quanto già depositato.Una cosa è sicura: non è compito mio dirimere le pere dalle mele.Non sta a me! Punto.
            Cosa linka? Le major non regalano.Come ti ho già fatto notare, esistono anche i fakes. Un semplice .torrent potrebbe linkare di tutto e di più, e finché non completo il download non posso saperlo.
            Se ti hanno rifilato banconote false, tu le
            spendi e chi le riceve se ne accorge, vedrai che
            non è proprio così "semplice".Primo: Non credo gli convenga rifilarmi banconote false, perché una volta che scopro (o che mi viene fatto notare) che sono false, ci metto 2 secondi ad andare a denunciare il negozio che me le ha passate. Secondo: tutti i negozi ormai hanno telecamere al loro interno. Secondo te, i vari negozianti sono così stupidi da rifilarmi banconote false sotto gli occhi delle telecamere??
          • lettore scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: Passante




            Eppure sta facendo terrorismo in quel
            senso.



            Dire che sta facendo terrorismo in tal
            senso,
            mi

            sembra un'esagerazione.Concordo.





            Sinceramente, apprezzo quello che <b


            633.41 </b
            sta facendo (far
            conoscere
            la

            normativa vigente, ecc.)
            Ti ringrazio del sostegno morale!


            Il punto è che tutto

            il suo discorso ruota attorno ad una
            <b


            singola </b
            sentenza (tra l'altro

            rivelatasi favorevole agli imputati),
            assolti soprattutto perché all'epoca dei fatti
            loro contestati il "solito" articolo 173-ter
            vigeva in una diversa forma che richiedeva
            espressamente i fini di
            lucro."Scopo di lucro" che oggi quella norma non richiede più per essere applicata.

            ed

            all'interpretazione che un <b
            gruppo

            ristretto </b
            di giudici dà al
            concetto

            di "duplicazione" in ambito informatico.Massì, checcenefrega a noi delle sentenze della Cassazione riguardanti upload e download di file piratati! Quel che conta nella corretta interpretazione della legge sono le trollate e le arrampicate sugli specchi! :)
            Se qualcun altro trova altre interpretazioni di
            giudici e giuristi italiani su tale concetto,
            concordi o meno con quella citata, sarò ben lieto
            di prenderne visione. Lo speravo già durante
            questa discussione, ma finora non ne ho
            viste.Aspetta e spera...


            Troppo poco per trarre delle conclusioni.Più che sufficiente, per chi fosse interessato, per prenderne visione e poi approfondire le proprie conoscenze in merito per evitare brutte sorprese.
            Una

            sola sentenza non fa giurisprudenza,
            bisognerà

            attendere il pronunciarsi di altri giudici in

            materia (diversi da quelli della
            summenzionata

            sentenza),
            Magari si sono già pronunciati, ma in questo
            thread non sono stati
            citati.


            prima di mettersi a gridare: ATTENTI A

            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!
            Il problema è che sul forum di PI ci son molti
            che gridano: "il download di materiale piratato
            non è illegale in Italia".
            IMHO non vedo tutto questo tuo gran gridare di cui ti accusano: all'affermazione non corrispondente al vero hai risposto citando l'articolo pertinente attualmente in vigore, suffragato da un'interpretazione autorevole.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: lettore
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: Passante
            IMHO non vedo tutto questo tuo gran gridare di
            cui ti accusano: all'affermazione non
            corrispondente al vero hai risposto citando
            l'articolo pertinente attualmente in vigore,
            suffragato da un'interpretazione
            autorevole.Ma se manco sapeva che esistessero portali legali da cui vedere i film in streaming (rotfl)
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: lettore
            Massì, checcenefrega a noi delle sentenze della
            Cassazione riguardanti upload e download di file
            piratati! Quel che conta nella corretta
            interpretazione della legge sono le trollate e le
            arrampicate sugli specchi!Quello che conta è quello che la gente <b
            PERCEPISCE </b
            come reato o meno. Il resto sono ciance.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: lettore


            Massì, checcenefrega a noi delle sentenze
            della

            Cassazione riguardanti upload e download di
            file

            piratati! Quel che conta nella corretta

            interpretazione della legge sono le trollate
            e
            le

            arrampicate sugli specchi!

            Quello che conta è quello che la gente <b

            PERCEPISCE </b
            come reato o meno. Il
            resto sono
            ciance."Quello che conta è quello che la gente PERCEPISCE come reato o meno."Farebbe un figurone nei tribunali, al posto de "La legge è uguale per tutti". :)
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            "Quello che conta è quello che la gente
            PERCEPISCE come reato o
            meno."

            Farebbe un figurone nei tribunali, al posto de
            "La legge è uguale per tutti".
            :)Almeno non sarebbe più una palese ipocrisia (oltre che presa per il XXXX) come il tanto blasonato principio costituzionale da te appena citato...
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            "Quello che conta è quello che la gente
            PERCEPISCE come reato o
            meno."Quello che la gente percepisce come reato e' il dover pagare per dei files.Sai quante volte ho sentito la gente bestemmiare dicendo: "Quel ladro del videotecaro mi ha fatto pagare 3 euro in piu' perche' ho consegnato il film in ritardo, XXXXXXXX sua! Col cavolo che torno da lui a noleggiare, da domani scarico da internet."Oppure: "Che ladrata! 24 euro per un dvd che mi potevo scaricare gratis. Questo e' l'ultimo che compro. Da domani insegno al nonno come usare la chiavetta usb."Oppure: "Ma come mai il libro costa 20 euro e l'ebook 19 che manco lo posso prestare a mia cugina. Ma col cavolo che ne compro altri a questi ladri."Ecco! Questo e' cio' che la gente percepisce come reato.Il resto e' solo una conseguenza.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere

            Il problema è che sul forum di PI ci son molti
            che gridano: "il download di materiale piratato
            non è illegale in
            Italia".E non c'è stata una sola sentenza in cui si dimostrasse il contrario.Inoltre, la legge non lo vieta. Di come TU interpreti la legge non ce ne può XXXXXXX di meno.
          • lettore scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Il problema è che sul forum di PI ci son
            molti

            che gridano: "il download di materiale
            piratato

            non è illegale in

            Italia".

            E non c'è stata una sola sentenza in cui si
            dimostrasse il
            contrario.Te la sei letta la sentenza della Cassazione che aveva citato 633.41? Sì? Ti sei accorto che li hanno assolti solo perché all'epoca dei fatti contestati per esser comminata la sanzione dovevano esserci i fini di lucro che nel caso in esame non erano ravvisabili? Guarda che da allora la norma è cambiata proprio su quell'aspetto e non sono più richiesti i fini di lucro.
            Inoltre, la legge non lo vieta.Informati, va!
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: lettore
            - Scritto da: uno qualsiasi


            Il problema è che sul forum di PI ci son

            molti


            che gridano: "il download di materiale

            piratato


            non è illegale in


            Italia".



            E non c'è stata una sola sentenza in cui si

            dimostrasse il

            contrario.

            Te la sei letta la sentenza della Cassazione che
            aveva citato 633.41? Sì? Ti sei accorto che li
            hanno assolti solo perché all'epoca dei fatti
            contestati per esser comminata la sanzione
            dovevano esserci i fini di lucro che nel caso in
            esame non erano ravvisabili? Guarda che da allora
            la norma è cambiata proprio su quell'aspetto e
            non sono più richiesti i fini di lucro.Ma se sono stati assolti vuol dire che non c'è stata una sola sentenza in cui si dimostrasse il contrario.O sbaglio ?

            Inoltre, la legge non lo vieta.

            Informati, va!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere

            Guarda che da allora
            la norma è cambiata proprio su quell'aspetto e
            non sono più richiesti i fini di
            lucro.Allora non avrai difficoltà a citare una sentenza basata sulla nuova norma. Avanti, siamo curiosi.Hai appena ammesso che la sentenza citata da 633 non fa testo... e questo significa che non ha citato nessuna sentenza che sostenga il suo punto di vista.


            Inoltre, la legge non lo vieta.

            Informati, va!La diffusione è vietata, il download per uso personale no.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Magari si sono già pronunciati, ma in questo
            thread non sono stati citati.Se così fosse, qualcuno da qualche parte dovrà pur esserne a conoscenza no? Ed allora ecco che qualcuno ci avrebbe postato un link.Il fatto che in questo thread nessun altro link sia stato postato è un forte indizio che nessun altro si è pronunciato a riguardo.

            prima di mettersi a gridare: ATTENTI A

            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!
            Il problema è che sul forum di PI ci son molti
            che gridano: "il download di materiale piratato
            non è illegale in Italia".Può anche darsi che siano rimasti alla vecchia formulazione che prevedeva il fine di lucro, non fargliene una colpa...Rimane sempre il fatto che con una legge che cambia così rapidamente, uno non fa neanche in tempo ad informarsi su come stanno le cose, che le leggi nel frattempo sono già cambiate...Inoltre penso che molta gente quando grida che "il download non è illegale in Italia" in realtà intenda che "il download non è percepito come illegale" - checché ne dicano le leggi a riguardo.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Magari si sono già pronunciati, ma in questo

            thread non sono stati citati.

            Se così fosse, qualcuno da qualche parte dovrà
            pur esserne a conoscenza no? Ed allora ecco che
            qualcuno ci avrebbe postato un link. Quando avrò tempo vedrò se trovo qualcos'altro al riguardo. Cmq speravo nel contributo di Leguleio e ThenOra, solitamente ben documentati.
            Il fatto che in questo thread nessun altro link
            sia stato postato è un forte indizio che nessun
            altro si è pronunciato a riguardo.Vista l'assenza di interventi da parte di Leguleio e ThenOra, aspetterei prima di considerarlo un "forte indizio".


            prima di mettersi a gridare: ATTENTI A


            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!

            Il problema è che sul forum di PI ci son
            molti

            che gridano: "il download di materiale
            piratato

            non è illegale in Italia".

            Può anche darsi che siano rimasti alla vecchia
            formulazione che prevedeva il fine di lucro, non
            fargliene una colpa...Quelli che continuano a gridarlo in questo thread hanno avuto notizia della formulazione vigente come minimo dai miei post, in cui c'è il preciso riferimento per una personale verifica dello stato attuale della norma.
            Rimane sempre il fatto che con una legge che
            cambia così rapidamente, uno non fa neanche in
            tempo ad informarsi su come stanno le cose, che
            le leggi nel frattempo sono già cambiate...Quando però vengo a sapere che son state apportate modifiche al codice della strada, visto che riguarda un'attività che svolgo, mi informo di quali siano e me le leggo attentamente onde evitare brutte sorprese. Non fai anche tu così?
            Inoltre penso che molta gente quando grida che
            "il download non è illegale in Italia" in realtà
            intenda che "il download non è percepito come
            illegale" - checché ne dicano le leggi a
            riguardo.Un'azione è detta illegale quando è vietata da una legge vigente, indipendentemente dal fatto che tale legge venga percepita come giusta o ingiusta. Ed il primo passo per far modificare o abrogare una legge ritenuta ingiusta è sapere che c'è e cosa prevede, e farlo sapere. Chi ne nega l'esistenza o cosa prevede finisce per essere, malgrado le sue buone intenzioni, un difensore dello status quo.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Quando però vengo a sapere che son state
            apportate modifiche al codice della strada, visto
            che riguarda un'attività che svolgo, mi informo
            di quali siano e me le leggo attentamente onde
            evitare brutte sorprese. Non fai anche tu
            così?No, io di solito aspetto proprio le brutte sorprese. Perché se sto lì a leggermi tutto ed ad informarmi ad ogni nuovo cambiamento non finirei più; è solo uno spreco di tempo prezioso, tempo che non ho.
            Ed il primo passo per far modificare o
            abrogare una legge ritenuta ingiusta è sapere che
            c'è e cosa prevede, e farlo sapere.Il "primo passo" lo dovrebbe compiere il legislatore, pensandoci 10 volte prima di fare leggi in netto contrasto col volere popolare.
            Chi ne nega
            l'esistenza o cosa prevede finisce per essere,
            malgrado le sue buone intenzioni, un difensore
            dello status quo.Nessuno nega l'esistenza di niente qui. Dimmi dovrei che avrei negato l'esistenza di tale legge?Semplicemente, prima che tu la citassi in questo thread, nemmeno sapevo che c'era (ero rimasto alla vecchia formulazione col "fine di lucro") - ora che so che c'è, non è cambiato niente lo stesso.
          • Appassionat o Lettore scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: 633.41

            Rimane sempre il fatto che con una legge

            che cambia così rapidamente, uno non fa

            neanche in tempo ad informarsi su come

            stanno le cose, che le leggi nel frattempo

            sono già cambiate...
            Quando però vengo a sapere che son state
            apportate modifiche al codice della
            strada, visto che riguarda un'attività che
            svolgo, mi informo di quali siano e me le
            leggo attentamente onde evitare brutte
            sorprese. Non fai anche tu così?Scusa, ma quanto tempo ti porta via spulciarti ogni giorno la gazzetta ufficiale ?http://www.gazzettaufficiale.it/
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Appassionat o Lettore
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: 633.41



            Rimane sempre il fatto che con una legge


            che cambia così rapidamente, uno non fa


            neanche in tempo ad informarsi su come


            stanno le cose, che le leggi nel
            frattempo



            sono già cambiate...


            Quando però vengo a sapere che son state

            apportate modifiche al codice della

            strada, visto che riguarda un'attività che

            svolgo, mi informo di quali siano e me le

            leggo attentamente onde evitare brutte

            sorprese. Non fai anche tu così?

            Scusa, ma quanto tempo ti porta via spulciarti
            ogni giorno la gazzetta ufficiale
            ?
            http://www.gazzettaufficiale.it/Ma non serve proprio spulciarsi ogni giorno la gazzetta ufficiale!Quando vengono apportate modifiche al codice della strada (tra una modifica e l'altra passano solitamente mesi, se non anni), alla notizia viene data ampia rilevanza ad esempio sui quotidiani (anche nella versione on-line): basta leggersi l'articolo ed eventualmente risolvere qualche dubbio che resta usando il web.
          • Ma anche no... scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            - Scritto da: Appassionat o Lettore
            Ma non serve proprio spulciarsi ogni giorno la
            gazzetta ufficiale!
            Quando vengono apportate modifiche al codice
            della strada (tra una modifica e l'altra passano
            solitamente mesi, se non anni), alla notizia
            viene data ampia rilevanza ad esempio sui
            quotidiani (anche nella versione on-line): basta
            leggersi l'articolo ed eventualmente risolvere
            qualche dubbio che resta usando il web.Peccato che quando vengono fatte modifiche alle leggi riguardo il (C) nessun giornale dica niente oppure riportino cose sbagliate.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Ma anche no...
            - Scritto da: ora lo sai

            - Scritto da: Appassionat o Lettore


            Ma non serve proprio spulciarsi ogni giorno
            la

            gazzetta ufficiale!

            Quando vengono apportate modifiche al codice

            della strada (tra una modifica e l'altra
            passano

            solitamente mesi, se non anni), alla notizia

            viene data ampia rilevanza ad esempio sui

            quotidiani (anche nella versione on-line):
            basta

            leggersi l'articolo ed eventualmente
            risolvere

            qualche dubbio che resta usando il web.

            Peccato che quando vengono fatte modifiche alle
            leggi riguardo il (C) nessun giornale dica nienteCerto è che finora i giornali non hanno dato molta rilevanza a tali argomenti, specie se paragonata a quella che dedicano ad altri; mi ricordo però che al tempo del famigerato Decreto Urbani ne avevano parlato, e parecchio. Meglio comuque tener d'occhio l'home page di PI.
            oppure riportino cose sbagliate.Concordo in pieno, e qui si rende preziosa la Rete.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: Passante

            Eppure sta facendo terrorismo in quel senso.
            Dire che sta facendo terrorismo in tal senso, mi
            sembra un'esagerazione.
            Sinceramente, apprezzo quello che <b

            633.41 </b
            sta facendo (far conoscere la
            normativa vigente, ecc.) - Il punto è che tutto
            il suo discorso ruota attorno ad una <b

            singola </b
            sentenza (tra l'altro
            rivelatasi favorevole agli imputati), ed
            all'interpretazione che un <b
            gruppo
            ristretto </b
            di giudici dà al concetto
            di "duplicazione" in ambito
            informatico.

            Troppo poco per trarre delle conclusioni. Una
            sola sentenza non fa giurisprudenza, bisognerà
            attendere il pronunciarsi di altri giudici in
            materia (diversi da quelli della summenzionata
            sentenza), prima di mettersi a gridare: ATTENTI A
            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!E non e' fare terrorismo questo ?
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: Passante



            Eppure sta facendo terrorismo in quel
            senso.


            Dire che sta facendo terrorismo in tal
            senso,
            mi

            sembra un'esagerazione.


            Sinceramente, apprezzo quello che <b


            633.41 </b
            sta facendo (far
            conoscere
            la

            normativa vigente, ecc.) - Il punto è che
            tutto

            il suo discorso ruota attorno ad una
            <b


            singola </b
            sentenza (tra l'altro

            rivelatasi favorevole agli imputati), ed

            all'interpretazione che un <b
            gruppo

            ristretto </b
            di giudici dà al
            concetto

            di "duplicazione" in ambito

            informatico.



            Troppo poco per trarre delle conclusioni. Una

            sola sentenza non fa giurisprudenza,
            bisognerà

            attendere il pronunciarsi di altri giudici in

            materia (diversi da quelli della
            summenzionata

            sentenza), prima di mettersi a gridare:
            ATTENTI
            A

            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!

            E non e' fare terrorismo questo ?Oppure puo' essere procurato allarme.
          • lettore scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: Passante





            Eppure sta facendo terrorismo in
            quel

            senso.




            Dire che sta facendo terrorismo in tal

            senso,

            mi


            sembra un'esagerazione.




            Sinceramente, apprezzo quello che
            <b



            633.41 </b
            sta facendo (far

            conoscere

            la


            normativa vigente, ecc.) - Il punto è
            che

            tutto


            il suo discorso ruota attorno ad una

            <b



            singola </b
            sentenza (tra
            l'altro


            rivelatasi favorevole agli imputati), ed


            all'interpretazione che un <b

            gruppo


            ristretto </b
            di giudici dà al

            concetto


            di "duplicazione" in ambito


            informatico.





            Troppo poco per trarre delle
            conclusioni.
            Una


            sola sentenza non fa giurisprudenza,

            bisognerà


            attendere il pronunciarsi di altri
            giudici
            in


            materia (diversi da quelli della

            summenzionata


            sentenza), prima di mettersi a gridare:

            ATTENTI

            A


            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!



            E non e' fare terrorismo questo ?

            Oppure puo' essere procurato allarme."terrorismo", "procurato allarme" sono reati ben precisi: non ti pare di esagerare rischiando a tua volta di commettere il reato di diffamazione?
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: lettore


            E non e' fare terrorismo questo ?



            Oppure puo' essere procurato allarme.

            "terrorismo", "procurato allarme" sono reati ben
            precisi: non ti pare di esagerare rischiando a
            tua volta di commettere il reato di
            diffamazione?Diffamazione ai danni di chi?
          • lettore scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: Passante



            Eppure sta facendo terrorismo in quel
            senso.


            Dire che sta facendo terrorismo in tal
            senso,
            mi

            sembra un'esagerazione.


            Sinceramente, apprezzo quello che <b


            633.41 </b
            sta facendo (far
            conoscere
            la

            normativa vigente, ecc.) - Il punto è che
            tutto

            il suo discorso ruota attorno ad una
            <b


            singola </b
            sentenza (tra l'altro

            rivelatasi favorevole agli imputati), ed

            all'interpretazione che un <b
            gruppo

            ristretto </b
            di giudici dà al
            concetto

            di "duplicazione" in ambito

            informatico.



            Troppo poco per trarre delle conclusioni. Una

            sola sentenza non fa giurisprudenza,
            bisognerà

            attendere il pronunciarsi di altri giudici in

            materia (diversi da quelli della
            summenzionata

            sentenza), prima di mettersi a gridare:
            ATTENTI
            A

            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!

            E non e' fare terrorismo questo ?No. La norma c'è ed è in vigore. E non l'ha certo "gridata".
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: lettore
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: Passante


            sentenza), prima di mettersi a gridare:

            ATTENTI A QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE

            GROSSO!

            E non e' fare terrorismo questo ?
            No. La norma c'è ed è in vigore. E non l'ha certo
            "gridata".Anche la norma sul riciclaggio del denaro falso e in vigore, quindi meglio evitare di avere scambi di denaro con chicchessia no ?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: Passante



            Eppure sta facendo terrorismo in quel
            senso.


            Dire che sta facendo terrorismo in tal
            senso,
            mi

            sembra un'esagerazione.


            Sinceramente, apprezzo quello che <b


            633.41 </b
            sta facendo (far
            conoscere
            la

            normativa vigente, ecc.) - Il punto è che
            tutto

            il suo discorso ruota attorno ad una
            <b


            singola </b
            sentenza (tra l'altro

            rivelatasi favorevole agli imputati), ed

            all'interpretazione che un <b
            gruppo

            ristretto </b
            di giudici dà al
            concetto

            di "duplicazione" in ambito

            informatico.



            Troppo poco per trarre delle conclusioni. Una

            sola sentenza non fa giurisprudenza,
            bisognerà

            attendere il pronunciarsi di altri giudici in

            materia (diversi da quelli della
            summenzionata

            sentenza), prima di mettersi a gridare:
            ATTENTI
            A

            QUEL CHE FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!

            E non e' fare terrorismo questo ?Citare le norme italiane vigenti che riguardano il download di materiale piratato sarebbe fare terrorismo? Ma che ti sei fumato?
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: Passante


            Una sola sentenza non fa giurisprudenza,

            bisognerà attendere il pronunciarsi di

            altri giudici in materia (diversi da

            quelli della summenzionata sentenza), prima

            di mettersi a gridare: ATTENTI A QUEL CHE

            FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!

            E non e' fare terrorismo questo ?
            Citare le norme italiane vigenti che riguardano
            il download di materiale piratato sarebbe fare
            terrorismo? Ma che ti sei fumato?Ma che sei un prete che vai in giro a ricordare quel che c'e' scritto nella bibbia ? Il codice civile lo sappiamo trovare anche noi grazie, non c'e' bisogno di preti, c'e' gia' Leguleo che pappagalla i codici di legge.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: anon



            - Scritto da: Passante




            Una sola sentenza non fa
            giurisprudenza,


            bisognerà attendere il pronunciarsi di


            altri giudici in materia (diversi da


            quelli della summenzionata sentenza),
            prima



            di mettersi a gridare: ATTENTI A QUEL
            CHE



            FATE, PERCHé RISCHIATE GROSSO!



            E non e' fare terrorismo questo ?


            Citare le norme italiane vigenti che
            riguardano

            il download di materiale piratato sarebbe
            fare

            terrorismo? Ma che ti sei fumato?

            Ma che sei un prete che vai in giro a ricordare
            quel che c'e' scritto nella bibbia ?Ma che ti sei fumato? O sei così "al naturale"? A chi stai dando del "prete"?
            Il codice
            civile lo sappiamo trovare anche noi grazie,e il codice penale e la legge 633/41?No, sai com'è, si stava discutendo di download di materiale piratato, e ad un certo punto qualcuno ha avuto l'ardire di affermare che ciò non fosse illegale per la legge italiana vigente. Un paio di citazioni pertinenti hanno chiarito come stanno in realtà le cose.
            non
            c'e' bisogno di preti,fuor di metafora, servono eccome!
            c'e' gia' Leguleo che
            pappagalla i codici di
            legge.Leguleio in questo thread non ha ancora detto la sua. Peccato...
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: 633.41

            Ma che sei un prete che vai in

            giro a ricordare quel che c'e'

            scritto nella bibbia ?
            Ma che ti sei fumato? O sei così "al
            naturale"? A chi stai dando del "prete"?A te, che proprio come un pretazzo ripeti a pappagallo articoli del codice che si sa benissimo dove trovare e rifiuti di andare un po' oltre, esattamente come un prete.

            Il codice civile lo sappiamo trovare

            anche noi grazie,
            e il codice penale e la legge 633/41?
            No, sai com'è, si stava discutendo di download di
            materiale piratato, e ad un certo punto qualcuno
            ha avuto l'ardire di affermare che ciò non fosse
            illegale per la legge italiana vigente. Un paio
            di citazioni pertinenti hanno chiarito come
            stanno in realtà le cose.Hanno chiarito che e' contemplato nel codice, che nessuno sia mai finito dentro e' altrettanto realta'.

            non c'e' bisogno di preti,
            fuor di metafora, servono eccome! Ma anche no.

            c'e' gia' Leguleo che

            pappagalla i codici di

            legge.
            Leguleio in questo thread non ha
            ancora detto la sua.
            Peccato...E che vuoi che dica ? Pappagallamente riporta gli articoli di codice attuali senza possibilita' di discussione in acluna direzione.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            No, sai com'è, si stava discutendo di download di
            materiale piratato, e ad un certo punto qualcuno
            ha avuto l'ardire di affermare che ciò non fosse
            illegale per la legge italiana vigente. Un paio
            di citazioni pertinenti hanno chiarito come
            stanno in realtà le cose.Non dimentichiamoci che solo fino a poco tempo fa era previsto il <b
            fine di lucro </b
            per il download ad uso personale! Quindi l'ardire di cui parli, era pienamente giustificato.Poi è ovvio che uno non possa stare sempre aggiornato con le ultime leggi... mica sono un avvocato o un giudice io, eh.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Passante
            Eppure sta facendo terrorismo in quel senso.633.41 sta facendo solo un po' di informazione.Vuoi un bel brividino di terrore? Leggiti questo:Art. 174-bis della L. 633/41:1. Ferme le sanzioni penali applicabili, la violazione delle disposizioni previste nella presente sezione è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria pari al doppio del prezzo di mercato dell'opera o del supporto oggetto della violazione, in misura comunque non inferiore a euro 103,00. Se il prezzo non è facilmente determinabile, la violazione è punita con la sanzione amministrativa da euro 103,00 a euro 1032,00. La sanzione amministrativa si applica nella misura stabilita per ogni violazione e per ogni esemplare abusivamente duplicato o riprodotto.Altro che i film horror! @^
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: ora lo sai
            - Scritto da: Passante

            Eppure sta facendo terrorismo in quel senso.
            633.41 sta facendo solo un po' di informazione.
            Vuoi un bel brividino di terrore? Leggiti questo:
            Art. 174-bis della L. 633/41:Pochi spiccioli rispetto all'ergastolo, facciamo un po' di informazione: sai in che casi si applica l'ergastolo ?Omicidio volontario con premeditazione, omicidio volontario con crudeltà e aggravanti, omicidio a scopo di terrorismo, strage, epidemia causata volontariamente che uccida almeno una persona, avvelenamento volontario di acque e pozzi che causi la morte di almeno una persona, omicidio con associazione mafiosa, omicidio connesso a traffico di droga internazionale, traffico di esseri umani con circostanze aggravanti, alto tradimento, tradimento, tentativo di eversione dell'ordine democratico con gravi atti di violenza e atti correlati, attentato contro il Presidente della Repubblica (che ha sostituito il reato di regicidio, per effetto della caduta della monarchia), sequestro di persona a scopo di estorsione o di terrorismo con conseguente uccisione dell'ostaggio, spionaggio e rivelazione di segreti di stato, attentato contro capi di stato esteri, genocidio e altri gravi crimini contro l'umanità, crimini di guerra.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: ora lo sai

            - Scritto da: Passante


            Eppure sta facendo terrorismo in quel
            senso.


            633.41 sta facendo solo un po' di
            informazione.


            Vuoi un bel brividino di terrore? Leggiti
            questo:


            Art. 174-bis della L. 633/41:

            Pochi spiccioli rispetto all'ergastolo,[OT]
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            Pochi spiccioli rispetto all'ergastolo, facciamo
            un po' di informazione: sai in che casi si
            applica l'ergastolo
            ?

            Omicidio volontario con premeditazione, omicidio
            volontario con crudeltà e aggravanti, omicidio a
            scopo di terrorismo, strage, epidemia causata
            volontariamente che uccida almeno una persona,
            avvelenamento volontario di acque e pozzi che
            causi la morte di almeno una persona, omicidio
            con associazione mafiosa, omicidio connesso a
            traffico di droga internazionale, traffico di
            esseri umani con circostanze aggravanti, alto
            tradimento, tradimento, tentativo di eversione
            dell'ordine democratico con gravi atti di
            violenza e atti correlati, attentato contro il
            Presidente della Repubblica (che ha sostituito il
            reato di regicidio, per effetto della caduta
            della monarchia), sequestro di persona a scopo di
            estorsione o di terrorismo con conseguente
            uccisione dell'ostaggio, spionaggio e rivelazione
            di segreti di stato, attentato contro capi di
            stato esteri, genocidio e altri gravi crimini
            contro l'umanità, crimini di
            guerra.Quindi devo dedurre che, non essendo in questo elenco, per chi scarica un mp3 c'e' ancora la pena di morte.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Se iniziassero ad applicarla, che succederebbe?Che la gente farebbe quello che faceva prima: finanzierebbe mafia e camorra comprando cd e dvd masterizzati, perché dovrebbe venire beccata solo in flagranza e l'accusa sarebbe solo di ricettazione, e rischierebbe meno in caso di condanna.Il download gratuito ha tolto un fiorente business alla criminalità organizzata, ciò che magistratura e forze del'ordine non sono mai riusciti a fare per il narcotraffico, per la prostituzione, per il racket e via dicendo, i pirati online sono riusciti a farlo per la pirateria commerciale.Questo è un dato obiettivo e incontrovertibile.Se elimini la pirateria online, chi oggi scarica gratuitamente tenderà comunque a spendere il meno possibile, quindi inevitabilmente tornerà a finanziare la camorra e la mafia. Scegliere tra 0 euro, 2 euro e 20 euro, si sceglie sempre 0 euro. Ma se a 0 euro non c'è più, si sceglie 2 euro. E quello non puoi fermarlo perché non l'hai mai fatto in 40 anni (e più) non puoi farlo neanche adesso. Gli unici che li hanno fermati sono stati i pirati di internet. Togli loro il potere di dare le opere gratis, e in quel segmento di mercato ci tornano mafia e camorra.Questa è la realtà dei fatti, qualunque altra visione dei fatti è una visione puramente utopistica e accademica.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: 633.41

            Se iniziassero ad applicarla, che
            succederebbe?

            Che la gente farebbe quello che faceva prima:
            finanzierebbe mafia e camorra comprando cd e dvd
            masterizzati, perché dovrebbe venire beccata solo
            in flagranza e l'accusa sarebbe solo di
            ricettazione,non ti capisco: è roba rubata? ;)mi sembra più un caso da violazione della LDA, non trovi?
            e rischierebbe meno in caso di
            condanna.
            Il download gratuito ha tolto un fiorente
            business alla criminalità organizzata,
            ciò che
            magistratura e forze del'ordine non sono mai
            riusciti a fare per il narcotraffico, per la
            prostituzione, per il racket e via dicendo, i
            pirati online sono riusciti a farlo per la
            pirateria commerciale.Ha fatto sparire i cd "taroccati", questo è vero, ma chi ti dice che non siano rimasti nel fiorente business della pirateria audiovisiva in altro modo? Il giro d'affari è parecchio cospicuo e allettante, a veder le cifre del caso Megapload.
            Questo è un dato obiettivo e incontrovertibile.
            Se elimini la pirateria online, chi oggi scarica
            gratuitamente tenderà comunque a spendere il meno
            possibile, quindi inevitabilmente tornerà a
            finanziare la camorra e la mafia.Sei davvero sicuro che non la sta finanziando pure adesso?
            Scegliere tra 0
            euro, 2 euro e 20 euro, si sceglie sempre 0 euro.
            Ma se a 0 euro non c'è più, si sceglie 2 euro.ok il discorso in generale, ma a meno che il cd da 2 euro non crei troppe rogne.
            E quello non puoi fermarlo perché non l'hai mai
            fatto in 40 anni (e più) non puoi farlo neanche
            adesso. Gli unici che li hanno fermati sono stati
            i pirati di internet. Togli loro il potere di
            dare le opere gratis, e in quel segmento di
            mercato ci tornano mafia e camorra.Figurati se si son fatti sfuggire questo business.
            Questa è la realtà dei fatti, qualunque altra
            visione dei fatti è una visione puramente
            utopistica e accademica.Pensi davvero che se non fossero entrati pure loro nel nuovo business se ne sarebbero stati buoni con le mani in mano senza ostacolare di brutto la pirateria in rete che faceva una così feroce concorrenza?
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Pensi davvero che se non fossero entrati pure
            loro nel nuovo business se ne sarebbero stati
            buoni con le mani in mano senza ostacolare di
            brutto la pirateria in rete che faceva una così
            feroce
            concorrenza?Le chiacchere stanno a zero.Il marocchino coi DVD pezzotti non c'e' piu' alla bancarella della stazione.E questo e' un fatto.La tua invece e' una supposizione non ancora supportata dai fatti.Hai dei fatti?Senza altri fatti, l'evidenza delle cose dice che il download ha sottratto alle mafie una sicura fonte di reddito.E di questo andiamo fieri.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            Pensi davvero che se non fossero entrati pure

            loro nel nuovo business se ne sarebbero stati

            buoni con le mani in mano senza ostacolare di

            brutto la pirateria in rete che faceva una
            così

            feroce

            concorrenza?

            Le chiacchere stanno a zero.
            Il marocchino coi DVD pezzotti non c'e' piu' alla
            bancarella della
            stazione.
            E questo e' un fatto.

            La tua invece e' una supposizione non ancora
            supportata dai
            fatti.
            Hai dei fatti?Da quando quei personaggi si fanno sfuggire un lucroso business? Da quando hanno cambiato modus operandi? Hai tu a tal proposito dei fatti?
            Senza altri fatti, l'evidenza delle cose dice che
            il download ha sottratto <s
            alle mafie </s
            ai marocchini
            una sicura
            fonte di reddito.


            E di questo andiamo fieri.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            La tua invece e' una supposizione non ancora

            supportata dai

            fatti.

            Hai dei fatti?
            Da quando quei personaggi si fanno sfuggire un
            lucroso business? Da quando hanno cambiato modus
            operandi? Sarebbero questi i tuoi fatti?
            Hai tu a tal proposito dei fatti?I miei fatti sono i seguenti: 10 anni fa c'era un marocchino che vendeva dvd alla stazione, e oggi non c'e' piu'.Da questo fatto traggo le mie conclusioni che ti ho esposto.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: 633.41


            Pensi davvero che se non fossero


            entrati pure loro nel nuovo business


            se ne sarebbero stati buoni con le


            mani in mano senza ostacolare di


            brutto la pirateria in rete che faceva


            una così feroce concorrenza?

            Le chiacchere stanno a zero.

            Il marocchino coi DVD pezzotti non c'e'

            piu' alla bancarella della stazione.

            E questo e' un fatto.

            La tua invece e' una supposizione non

            ancora supportata dai fatti.

            Hai dei fatti ?
            Da quando quei personaggi si fanno sfuggire
            un lucroso business? Ma infatti: sparito il business spariti anche loro, mica sono videotecari.
            Da quando hanno cambiato modus operandi ?
            Hai tu a tal proposito dei fatti?Ma i vedi ancora bancherelle di neri che vendono CD o DVD ? Io me li ricordo che passavano anche nelle birrerie la sera, non li hai mai visti ? Li vedi ancora ?

            Senza altri fatti, l'evidenza delle

            cose dice che il download ha sottratto

            <s
            alle mafie </s


            ai marocchini una sicura

            fonte di reddito.

            E di questo andiamo fieri.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Da quando quei personaggi si fanno sfuggire un
            lucroso business?Forse perché non è così lucroso come dici? Altrimenti perché non lo sfruttano le major per guadagnare sulle proprie opere senza costringere chi vuole usufruirne a spendere soldi di tasca propria?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: 633.41

            Da quando quei personaggi si fanno sfuggire
            un

            lucroso business?

            Forse perché non è così lucroso come dici?È lucroso finché si tratta di materiale piratato per cui non si spende un soldo.
            Altrimenti perché non lo sfruttano le major per
            guadagnare sulle proprie opere senza costringere
            chi vuole usufruirne a spendere soldi di tasca
            propria?Proprio perché possono costringere chi vuole usufruirne a spendere soldi di tasca propria.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41

            Forse perché non è così lucroso come dici?
            È lucroso finché si tratta di materiale
            piratato per cui non si spende un
            soldo.Hai perso forse di vista il titolo dell'articolo?Oppure stai cercando di riproporre la solita tesi videotecara trita e ritrita che un download = un invenduto?

            Altrimenti perché non lo sfruttano le major
            per

            guadagnare sulle proprie opere senza
            costringere

            chi vuole usufruirne a spendere soldi di
            tasca

            propria?
            Proprio perché possono costringere chi vuole
            usufruirne a spendere soldi di tasca
            propria.Illuso.Questo potere non esiste piu'.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41



            Forse perché non è così lucroso come
            dici?

            È lucroso finché si tratta di materiale

            piratato per cui non si spende un

            soldo.

            Hai perso forse di vista il titolo dell'articolo?
            Oppure stai cercando di riproporre la solita tesi
            videotecara trita e ritrita che un download = un
            invenduto?La tesi qui è diversa: come mai il filehosting rende parecchio, sia in termini di abbonamenti premium che di pubblicità? Se non ci ospitassero materiale piratato in enormi quantità, materiale per cui non spendono un soldo, credi che attirerebbero ugualmente l'attenzione del grande pubblico? Nel caso di MU ho letto di un 3% del traffico internet mondiale.



            Altrimenti perché non lo sfruttano le
            major

            per


            guadagnare sulle proprie opere senza

            costringere


            chi vuole usufruirne a spendere soldi di

            tasca


            propria?

            Proprio perché possono costringere chi vuole

            usufruirne a spendere soldi di tasca

            propria.

            Illuso.
            Questo potere non esiste piu'.Non è un potere assoluto ma rende loro ancora cospicue entrate.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            La tesi qui è diversa: come mai il filehosting
            rende parecchio, sia in termini di abbonamenti
            premium che di pubblicità? Non ho idea: io ben me ne guardo dallo spendere un solo centesimo in abbonamenti, e la pubblicita' la skippo.
            Se non ci ospitassero
            materiale piratato in enormi quantità, materiale
            per cui non spendono un soldo, credi che
            attirerebbero ugualmente l'attenzione del grande
            pubblico? Il repository di canonical ospita giga e giga di software, non chiede un centesimo a nessuno, e il mondo intero attinge a piene mani.Quindi se loro possono, se ne deduce che chiunque puo' farlo.
            Nel caso di MU ho letto di un 3% del
            traffico internet
            mondiale.Letto dove? Su videoteche forum?Ad ogni modo non e' indicativo di niente: devi vedere che cosa viene scaricato fare una perizia e poi cercare l'eventuale detentore dei diritti prima di stabilire se vi sia qualche violazione.E poi devi anche dimostrare il dolo!
          • Passante scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: 633.41

            Il download gratuito ha tolto un fiorente

            business alla criminalità organizzata,

            ciò che magistratura e forze del'ordine

            non sono mai riusciti a fare per il

            narcotraffico, per la prostituzione, per il

            racket e via dicendo, i pirati online sono

            riusciti a farlo per la pirateria commerciale.
            Ha fatto sparire i cd "taroccati", questo è vero,
            ma chi ti dice che non siano rimasti nel fiorente
            business della pirateria audiovisiva in altro
            modo? Il giro d'affari è parecchio cospicuo e
            allettante, a veder le cifre del caso
            Megapload.E che c'entra la mafia italiana, quella che viveva sugli extracomunitari di qua facendogli vendere CD ?

            Questo è un dato obiettivo e

            incontrovertibile.

            Se elimini la pirateria online, chi

            oggi scarica gratuitamente tenderà comunque

            a spendere il meno possibile, quindi

            inevitabilmente tornerà a finanziare

            la camorra e la mafia.
            Sei davvero sicuro che non la sta finanziando
            pure adesso?E come ? Con le pubblicita' sul mulo ? (che ricordo non ha pubblicita)

            E quello non puoi fermarlo perché non

            l'hai mai fatto in 40 anni (e più) non

            puoi farlo neanche adesso. Gli unici che

            li hanno fermati sono stati i pirati di

            internet. Togli loro il potere di

            dare le opere gratis, e in quel segmento

            di mercato ci tornano mafia e camorra.
            Figurati se si son fatti sfuggire questo business.Sempre con i banner sul mulo vero ?Ma quale bisniss scusa se la gente si scarica la roba GRATIS ? Ce lo vuoi spiegare ?
            Pensi davvero che se non fossero entrati pure
            loro nel nuovo business se ne sarebbero stati
            buoni con le mani in mano senza ostacolare di
            brutto la pirateria in rete che faceva una così
            feroce concorrenza?Ma vuoi spiegarci come sarebbero e perche' si sarebbe dovuti entrare in un bisiniss del gratis regalato via rete ?
          • lettore scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Passante
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


            - Scritto da: 633.41

            Ha fatto sparire i cd "taroccati", questo è
            vero,

            ma chi ti dice che non siano rimasti nel
            fiorente

            business della pirateria audiovisiva in altro

            modo? Il giro d'affari è parecchio cospicuo e

            allettante, a veder le cifre del caso

            Megapload.

            Figurati se si son fatti sfuggire questo
            business.

            Sempre con i banner sul mulo vero ?Ah, è così che si è fatto tutti quei soldi Kim Dotcom??E sì che 633.41 ti ha citato Megapload.
            Ma quale bisniss scusa se la gente si scarica la
            roba GRATIS ?Mica tutti scaricano col mulo, sennò spiegacelo tu come si è fatto i soldi quello di Megapload.

            Pensi davvero che se non fossero entrati pure

            loro nel nuovo business se ne sarebbero stati

            buoni con le mani in mano senza ostacolare di

            brutto la pirateria in rete che faceva una

            così feroce concorrenza?Mmmh, "il cane che non ha abbaiato" di Sherlock Holmes...
            Ma vuoi spiegarci come sarebbero e perche' si
            sarebbe dovuti entrare in un bisiniss del gratis
            regalato via rete ?Cfr. Megapload.
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: lettore
            - Scritto da: Passante


            Figurati se si son fatti sfuggire questo

            business.

            Sempre con i banner sul mulo vero ?
            Ah, è così che si è fatto tutti quei soldi Kim
            Dotcom??
            E sì che 633.41 ti ha citato Megapload.E quali soldi si e' fatto ? Hai da mostrarci qualche dichiarazione dei redditi ? E se se li e' fatti con le operazioni precedenti ?Prove non pugnette.
          • panda rossa scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: lettore

            - Scritto da: Passante




            Figurati se si son fatti sfuggire
            questo


            business.



            Sempre con i banner sul mulo vero ?

            Ah, è così che si è fatto tutti quei soldi
            Kim

            Dotcom??

            E sì che 633.41 ti ha citato Megapload.

            E quali soldi si e' fatto ? Hai da mostrarci
            qualche dichiarazione dei redditi ? E se se li e'
            fatti con le operazioni precedenti
            ?

            Prove non pugnette.Ci sarebbero le dichiarazioni di quelli del videoteche forum.Valgono come prova?
          • krane scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: lettore


            - Scritto da: Passante






            Figurati se si son fatti
            sfuggire

            questo



            business.





            Sempre con i banner sul mulo vero ?


            Ah, è così che si è fatto tutti quei
            soldi

            Kim


            Dotcom??


            E sì che 633.41 ti ha citato Megapload.



            E quali soldi si e' fatto ? Hai da mostrarci

            qualche dichiarazione dei redditi ? E se se
            li
            e'

            fatti con le operazioni precedenti

            ?



            Prove non pugnette.

            Ci sarebbero le dichiarazioni di quelli del
            videoteche
            forum.
            Valgono come prova?Certo, sono anche molto affidabili, basta passarle per una porta NOT.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: lettore
            Mica tutti scaricano col mulo, sennò spiegacelo
            tu come si è fatto i soldi quello di Megapload.Insider trading, per cui peraltro già ha pagato.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: 633.41


            Se iniziassero ad applicarla, che

            succederebbe?



            Che la gente farebbe quello che faceva prima:

            finanzierebbe mafia e camorra comprando cd e
            dvd

            masterizzati, perché dovrebbe venire beccata
            solo

            in flagranza e l'accusa sarebbe solo di

            ricettazione,
            non ti capisco: è roba rubata? ;)La ricettazione non riguarda solo il furto ma l'acquisto di qualunque oggetto proveniente da qualunque reato.
            mi sembra più un caso da violazione della LDA,
            non trovi?Non c'è alcun articolo della LDA che indichi come illegale l'acquisto (né il possesso) di materiale piratato.E ora non parlare di nuovo di duplicazione o riproduzione, quelle le fa la camorra o la mafia che ha preparato il cd-r.
            Ha fatto sparire i cd "taroccati", questo è vero,
            ma chi ti dice che non siano rimasti nel fiorente
            business della pirateria audiovisiva in altro
            modo?Non c'è nessuna prova di ciò mentre ci sono prove che nessuno paga per scaricare. Se c'è chi guadagna lo stesso anche se nessuno paga, perché le major non fanno la stessa cosa?
            Il giro d'affari è parecchio cospicuo e
            allettante, a veder le cifre del caso
            Megapload.Quindi potrebbero benissimo farlo le major, perché non lo fanno? Mettessero in piedi un loro megaupload e ci guadagnassero sopra senza far pagare nula a chi vuole scaricare. L'hai detto tu, il giro d'affari è parecchio cospicuo e allettante. PAROLE TUE.
            Sei davvero sicuro che non la sta finanziando
            pure adesso?E le prove di ciò dove stanno?Io invece sono sicuro che la mafia e la camorra abbiano avuto rapporti coi collaboratori del presidente di Mediaset e con quelli del presidente della Filmauro. Ci sono sentenze passate in giudicato per il primo caso (Marcello Dell'Utri) e per il secondo ("giardiniere" dello statio San Paolo affiliato al clan Lo Russo) c'è un'inchiesta in corso della Procura di Napoli.E sono in grado di fornire tutti i riferimenti di ciò.Quindi fino a prova contraria sono le major che sono affini con le mafie, e non i pirati di internet.Ah e visto che l'hai citato nemmeno nelle ridicole accuse che l'FBI ha fatto a Kim Dotcom c'è la parola mafia, ora perché dovresti farlo tu? La tua è una calunnia bella e buona.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 ottobre 2012 15.07-----------------------------------------------------------
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Non c'è alcun articolo della LDA che indichi come
            illegale l'acquisto (né il possesso) di materiale
            piratato.legge 633/41, Art. 174-ter1. <b
            Chiunque abusivamente utilizza </b
            , anche via etere o via cavo, duplica, riproduce, in tutto o in parte, con qualsiasi procedimento, anche avvalendosi di strumenti atti ad eludere le misure tecnologiche di protezione, opere o materiali protetti, oppure <b
            acquista </b
            o noleggia supporti audiovisivi, fonografici, informatici o multimediali non conformi alle prescrizioni della presente legge, ovvero attrezzature, prodotti o componenti atti ad eludere misure di protezione tecnologiche è punito, purché il fatto non concorra con i reati di cui agli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 171­quater, 171-quinquies, 171-septies e 171-octies, con la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 154 e con le sanzioni acXXXXXrie della confisca del materiale e della pubblicazione del provvedimento su un giornale quotidiano a diffusione nazionale.2. In caso di recidiva o di fatto grave per la quantità delle violazioni o delle copie <b
            acquistate </b
            o noleggiate, la sanzione amministrativa è aumentata sino ad euro 1032,00 ed il fatto è punito con la confisca degli strumenti e del materiale, con la pubblicazione del provvedimento su due o più giornali quotidiani a diffusione nazionale o su uno o più periodici specializzati nel settore dello spettacolo e, se si tratta di attività imprenditoriale, con la revoca della concessione o dell'autorizzazione di diffusione radiotelevisiva o dell'autorizzazione per l'esercizio dell'attività produttiva o commerciale.
          • lettore scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            (idea)
            Però questo fatto, che la legge lo vieti (ed è
            ormai ben assodato anche per i più ostinati a
            negare l'evidenza), ma che pure a detta vostra
            non ci sia alcun condannato in Italia per lo
            specifico reato, merita una
            riflessione.
            Ok, visti i post precedenti non ci sarebbe molto
            da fidarsi delle vostre affermazioni, ma non
            avendo T&V per svolgere specifiche ricerche al
            riguardo devo ammettere che, se anche fosse
            sucXXXXX, comunque una simile condanna non ha
            avuto la risonanza che ci si aspetterebbe, vista
            la massa di possibili "condannabili". Dunque, la
            norma è in vigore e, ammesso <u
            e non
            conXXXXX </u
            che in Italia non ci sia
            alcun condannato per il download di materiale
            piratato per uso personale e senza fini di lucro,
            proviamo a capire il
            perché.
            Che la norma ci sia ma non venga applicata
            sembrerebbe un compromesso all'italiana, che
            cerca di accontentare un po'
            tutti.
            Sono soddisfatte le major: il divieto c'è e le
            sanzioni previste sono molto pesanti, chi ha
            potere d'acquisto sa che è meglio acquistare
            legalmente almeno quel che poi si vuol
            liberamente esibire e che non val la pena
            rovinarsi (reclusione da uno a quattro anni e
            multa da euro 2.582 a euro 15.493!), chi ha
            scarso potere d'acquisto comunque non
            acquisterebbe (e questo lo sanno benissimo,
            nonostante lagnanze d'ufficio condite di
            statistiche
            farlocche).
            Sono soddisfatti gli utenti "scariconi" (detto
            con simpatia, eh?) perché nonostante sia vietato
            nessuno di loro viene
            beccato.
            Sono soddisfatti i genitori di figli
            potenzialmente "scariconi", perché l'hobby
            informatico del pargoletto potrebbe costar loro
            molto
            caro.
            Sono soddisfatte le forze dell'ordine, perché ad
            applicare tale norma diverrebbero mooooolto
            impopolari (pure a casa
            loro).
            Sono soddisfatti i paladini della privacy.
            Sono soddisfatti gli "spioni": finché non viene
            recepito il pericolo come reale, ben pochi
            ricorrono a crittatura, anonimizzazione,
            etc.
            È infine soddisfatto lo Stato: accontentati
            un po' tutti. Sembrerebbe incredibile riuscire ad
            accontentare esigenze così contrastanti, ma ci
            sono riusciti promulgando la norma ma senza
            applicarla. Ulteriore "bonus" per lo Stato: tanto
            "circenses" gratis per tener buone le masse di
            scontenti che, disponendo di internet ma
            sprecando un sacco di tempo con gli audiovisivi
            piratati, sono molto meno
            pericolosi.
            Riflessione interessante.
          • anon scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Vietato ma impunito != legale.Peccato che quello che conta nei fatti è proprio l'impunità, e non l'illegalità.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            Però questo fatto, che la legge lo vieti (ed è
            ormai ben assodato anche per i più ostinati a
            negare l'evidenza), ma che pure a detta vostra
            non ci sia alcun condannato in Italia per lo
            specifico reato, merita una
            riflessione.
            Ok, visti i post precedenti non ci sarebbe molto
            da fidarsi delle vostre affermazioni, ma non
            avendo T&V per svolgere specifiche ricerche al
            riguardo devo ammettere che, se anche fosse
            sucXXXXX, comunque una simile condanna non ha
            avuto la risonanza che ci si aspetterebbe, vista
            la massa di possibili "condannabili". Dunque, la
            norma è in vigore e, ammesso <u
            e non
            conXXXXX </u
            che in Italia non ci sia
            alcun condannato per il download di materiale
            piratato per uso personale e senza fini di lucro,
            proviamo a capire il
            perché.
            Che la norma ci sia ma non venga applicata
            sembrerebbe un compromesso all'italiana, che
            cerca di accontentare un po'
            tutti.
            Sono soddisfatte le major: il divieto c'è e le
            sanzioni previste sono molto pesanti, chi ha
            potere d'acquisto sa che è meglio acquistare
            legalmente almeno quel che poi si vuol
            liberamente esibire e che non val la pena
            rovinarsi (reclusione da uno a quattro anni e
            multa da euro 2.582 a euro 15.493!e non dimentichiamoci dell'Art. 174-bis:1. Ferme le sanzioni penali applicabili, la violazione delle disposizioni previste nella presente sezione è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria pari al doppio del prezzo di mercato dell'opera o del supporto oggetto della violazione, in misura comunque non inferiore a euro 103,00. Se il prezzo non è facilmente determinabile, la violazione è punita con la sanzione amministrativa da euro 103,00 a euro 1032,00. La sanzione amministrativa si applica nella misura stabilita per ogni violazione e per ogni esemplare abusivamente duplicato o riprodotto.), chi ha
            scarso potere d'acquisto comunque non
            acquisterebbe (e questo lo sanno benissimo,
            nonostante lagnanze d'ufficio condite di
            statistiche
            farlocche).
            Sono soddisfatti gli utenti "scariconi" (detto
            con simpatia, eh?) perché nonostante sia vietato
            nessuno di loro viene
            beccato.
            Sono soddisfatti i genitori di figli
            potenzialmente "scariconi", perché l'hobby
            informatico del pargoletto potrebbe costar loro
            molto caro.
            Sono soddisfatte le forze dell'ordine, perché ad
            applicare tale norma diverrebbero mooooolto
            impopolari (pure a casa loro).Aggiungerei un ulteriore bonus: si evita di intasare ulteriormente i tribunali, che già non stanno messi bene.
            Sono soddisfatti i paladini della privacy.
            Sono soddisfatti gli "spioni": finché non viene
            recepito il pericolo come reale, ben pochi
            ricorrono a crittatura, anonimizzazione, etc.
            È infine soddisfatto lo Stato: accontentati
            un po' tutti. Sembrerebbe incredibile riuscire ad
            accontentare esigenze così contrastanti, ma ci
            sono riusciti promulgando la norma ma senza
            applicarla. Ulteriore "bonus" per lo Stato: tanto
            "circenses" gratis per tener buone le masse di
            scontenti che, disponendo di internet ma
            sprecando un sacco di tempo con gli audiovisivi
            piratati, sono molto meno pericolosi.

            Se iniziassero ad applicarla, che succederebbe?In effetti questa tecnica del promulgare la norma ma non applicarla sta dando ottimi risultati. ;)
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            L'upper fa il rip, poi lo mette in rete, poi tu
            scarichi il file,
            ma:
            "La riproduzione di cui al comma 1 <u
            non
            </u
            può essere effettuata da terzi"Ma come, a me avevi detto che sono io che scarico ad effettuare la riproduzione, e ora invece dici che la fa l'uploader e quindi non è valida perché non può essere effettuata da terzi? (rotfl)Se anche la facessero entrambi (cosa non vera) conta comunque chi la fa per ultimo: quindi l'utente che scarica, che è lo stesso che usufruirà dell'opera.
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: 633.41

            L'upper fa il rip, poi lo mette in rete, poi
            tu

            scarichi il file,

            ma:

            "La riproduzione di cui al comma 1
            <u

            non

            </u
            può essere effettuata da terzi"

            Ma come, a me avevi detto che sono io che scarico
            ad effettuare la riproduzione,Quella era la duplicazione. Problemi con la memoria o con la comprensione del testo? (rotfl)
            e ora invece dici
            che la fa l'uploader e quindi non è validanon è valida come legittima copia privata ai sensi del comma 1 dell'art. 71-sexies della 633/41, in quanto vige pure il comma 2 che esplicitamente la esclude se effettuata da terzi.
            perché
            non può essere effettuata da terzi?L'art. 71-sexies non autorizza lo scaricamento di copie piratate. Non è difficile da capire, sai?
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: 633.41


            L'upper fa il rip, poi lo mette in
            rete,
            poi

            tu


            scarichi il file,


            ma:


            "La riproduzione di cui al comma 1

            <u


            non


            </u
            può essere effettuata da
            terzi"



            Ma come, a me avevi detto che sono io che
            scarico

            ad effettuare la riproduzione,
            Quella era la duplicazione. Problemi con la
            memoria o con la comprensione del testo?
            (rotfl)


            e ora invece dici

            che la fa l'uploader e quindi non è valida
            non è valida come legittima copia privata ai
            sensi del comma 1 dell'art. 71-sexies della
            633/41, in quanto vige pure il comma 2 che
            esplicitamente la esclude se effettuata da
            terzi.


            perché

            non può essere effettuata da terzi?
            L'art. 71-sexies non autorizza lo scaricamento di
            copie piratate. Non è difficile da capire,
            sai?CHE MODO MESCHINO DI QUOTARE, SPEZZANDO LE FRASI.Ti ricorda niente?
          • 633.41 scrive:
            Re: Bubbole e pinzillacchere
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


            - Scritto da: 633.41



            L'upper fa il rip, poi lo mette in

            rete,

            poi


            tu



            scarichi il file,



            ma:



            "La riproduzione di cui al comma 1


            <u



            non



            </u
            può essere effettuata
            da

            terzi"





            Ma come, a me avevi detto che sono io
            che

            scarico


            ad effettuare la riproduzione,

            Quella era la duplicazione. Problemi con la

            memoria o con la comprensione del testo?

            (rotfl)




            e ora invece dici


            che la fa l'uploader e quindi non è
            valida

            non è valida come legittima copia privata ai

            sensi del comma 1 dell'art. 71-sexies della

            633/41, in quanto vige pure il comma 2 che

            esplicitamente la esclude se effettuata da

            terzi.




            perché


            non può essere effettuata da terzi?

            L'art. 71-sexies non autorizza lo
            scaricamento
            di

            copie piratate. Non è difficile da capire,

            sai?

            CHE MODO MESCHINO DI QUOTARE, SPEZZANDO LE FRASI.
            Ti ricorda niente?Luco, ribadisco: hai problemi o di memoria o di comprensione del testo.L'originale era: "troncando la frase" ovvero non riportando la mia frase nella sua interezza e terminandola "ad libitum". Ed era rivolta ad un utente che non trovando argomentazioni a sostegno della sua tesi l'aveva buttata sul piano dell'insulto criticando precedentemente il mio quotare che, detto francamente, rientrava negli standard qualitativi dei post in questo forum.In questo caso invece ho riportato integralmente il brano cui intendevo rispondere, ed sono intervenuto quando mi pareva opportuno.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Thenora
    SUCCHIAMELO. TI PIACE VERO, MERDINA?
    • ThEnOra scrive:
      Re: Thenora
      Il tuo scritto dimostra la tua vera natura. T-1000, anziché cancellare, metti un lucchetto plz.
    • Il Principe scrive:
      Re: Thenora
      SegnalatoNon credo sia ammesso un linguaggio del genere se non allo zoo fra scimmie o allo stadioIl Principe
      • ThEnOra scrive:
        Re: Thenora
        Non lo dovevi segnalare! Dovrebbe essere diritto di tutti leggere questo suo post!
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Thenora
        - Scritto da: Il Principe
        Segnalato

        Non credo sia ammesso un linguaggio del genere se
        non allo zoo fra scimmie o allo
        stadio


        Il PrincipePerdi il tuo tempo. Questi messaggi li faccio allo scopo di far cancellare gli altri. Sono il primo ad autosegnalarmeli.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Allibito
    SEI DAVVERO UN ESSERE INUTILE. TI AUGURO CHE TUTTI I TUOI FAMILIARI ED AMICI ABBIANO UN TUMORE AL BUCO DEL XXXX. DEVI RIMANERE SOLO COME IL CANE CHE SEI, XXXXX!!!
    • ThEnOra scrive:
      Re: Allibito
      Ma non è che hai un procedimento aperto (o chiuso con sentenza definitiva di condanna) i cui capi d'accusa sono la violazione del 171, 171-bis e ter?Solo così riuscirei a capire il tuo... modo d'essere!Oppure, meglio ancora, il tutto è stato prescritto ma il tuo avvocato ti ha fatto un bel decreto ingiuntivo perchè non gli ha pagato gli onorari?Dai, i soldi li troverai, apri un kebab e vedi come ricco diventerai!
      • Guybrush scrive:
        Re: Allibito
        - Scritto da: ThEnOra
        Ma non è che hai un procedimento aperto (o chiuso
        con sentenza definitiva di condanna) i cui capi
        d'accusa sono la violazione del 171, 171-bis e
        ter?

        Solo così riuscirei a capire il tuo... modo
        d'essere!

        Oppure, meglio ancora, il tutto è stato
        prescritto ma il tuo avvocato ti ha fatto un bel
        decreto ingiuntivo perchè non gli ha pagato gli
        onorari?

        Dai, i soldi li troverai, apri un kebab e vedi
        come ricco
        diventerai!Hai pensato che potresti non avere a che fare con Luco, si?Non è che ci voglia tutta 'sta scienza per copiare una immagine e crearsi un account "registrato" su P.I. 'sti post non val neanche la pena segnalarli, basta ignorarli.GT
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Allibito
          - Scritto da: Guybrush
          Hai pensato che potresti non avere a che fare con
          Luco, si?Che intendi? C'è un utente che si è registrato su PI con quel nick lì, e a quell'utente si rivolgeva.
          Non è che ci voglia tutta 'sta scienza per
          copiare una immagine e crearsi un account
          "registrato" su P.I.Ma c'è un unico autore per i post con quel nick lì visto che è registrato, o no?
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Allibito
    Dovresti cambiare nick in FALLITO.Perché solo un FALLITO può PENSARE di tenere aperta una videoteca nel 2012.Com'è che sei sempre qua a scrivere? Hai così poca gente in negozio da trovare il tempo di scrivere qui in orari lavorativi?A FALLITO, vergognati di esistere, di rubare spazio agli extracomunitari che lo meriterebbero molto più di te, farebbero il pienone e non sarebbero lì ad occupare spazio con un locale vuoto.PIU' KEBAB E MENO VIDEOTECHE!
  • La SIAE scrive:
    SIAE, chi scarica compra di meno
    Un sondaggio smentisce la tesi sbandierata dall'industria. :oLa SIAE smentisce la tesi sbandierata dal sondaggio. :@Parola di SIAE
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: SIAE, chi scarica compra di meno
      Vero: chi scarica compra di meno. Così voi incasserete di meno e soffrirete la fame.La SIAE è già in perdita.Buon digiuno!
  • ThEnOra scrive:
    Chi ruba di più, spende di più!
    [img]http://piracy.americanassembly.org/wp-content/uploads/2012/10/Music-P2P.png[/img]Lo studio dunque vorrebbe sostenere che "io son meglio perchè rubo di più ma spendo di più di te che rubi poco e spendi meno". Dal grafico invece vedo che gli scariconi hanno meno file legali rispetto a chi non è scaricone. La verità è che quel 30% in più l'utente P2P lo avrebbe speso comunque, a prescindere dal P2P si o no, considerando il rapporto di file legali/illegali tra utenti P2P e non.Sostenere il contrario è essere in malafede.
    • Izio01 scrive:
      Re: Chi ruba di più, spende di più!
      - Scritto da: ThEnOra
      [img]http://piracy.americanassembly.org/wp-content

      Lo studio dunque vorrebbe sostenere che "io son
      meglio perchè rubo di più ma spendo di più di te
      che rubi poco e spendi meno". Dal grafico invece
      vedo che gli scariconi hanno meno file legali
      rispetto a chi non è scaricone.

      La verità è che quel 30% in più l'utente P2P lo
      avrebbe speso comunque, a prescindere dal P2P si
      o no, considerando il rapporto di file
      legali/illegali tra utenti P2P e
      non.

      Sostenere il contrario è essere in malafede.Non mi sembra proprio, su che base lo affermi? Come fai a dire che, in assenza di pirateria, gli scariconi manterrebbero comunque la base di 1400 file legali?Guarda che c'è gente che ha commentato che usa il P2P per conoscere musica e poi, se trova qualcosa che apprezza, compra. Non tutti faranno così ma nemmeno puoi decidere che non lo faccia nessuno, eh!Per cui una - a mio parere valida - spiegazione alternativa alla tua è che gli scariconi abbiano una quantità esagerata di musica di cui poi non usufruiscono realmente e un nocciolo duro di materiale legale che rappresenta ciò che hanno scoperto ed apprezzato. Dov'è la malafede?
      • ThEnOra scrive:
        Re: Chi ruba di più, spende di più!
        - Scritto da: Izio01

        Non mi sembra proprio, su che base lo affermi?
        Come fai a dire che, in assenza di pirateria, gli
        scariconi manterrebbero comunque la base di 1400
        file
        legali?A me bastano gli acquisti degli utenti non P2P. Poi non avrò scuse e voi non sentirete le major lamentarsi per la pirateria (e che non sia questo il punto vero della questione!)
        Guarda che c'è gente che ha commentato che usa il
        P2P per conoscere musica e poi, se trova qualcosa
        che apprezza, compra. Non tutti faranno così ma
        nemmeno puoi decidere che non lo faccia nessuno,
        eh!Secondo me è solo incidentale, per cui trascurabile.
        Per cui una - a mio parere valida - spiegazione
        alternativa alla tua è che gli scariconi abbiano
        una quantità esagerata di musica di cui poi non
        usufruiscono realmente e un nocciolo duro di
        materiale legale che rappresenta ciò che hanno
        scoperto ed apprezzato. Dov'è la
        malafede?L'acXXXXX a quel contenuto non ti è precluso (lasciamo stare il discorso dei prodotti non disoponibili nel tuo mercato: se non è disponibile retail, non lo potevi comprare! Punto! Chiuso il discorso). Se l'hai scaricato è perchè lo volevi (considerando le dinamiche per impostare il download). Il passo per comprarlo è successivo: l'hai apprezzato così tando da comprarlo.Il punto è che io comunque voglio guadagnare SOLO DAGLI UTENTI CHE NON SCARICANO E PRETENDO CHE COSI' SIA, PER RISPETTO DEL MIO LAVORO E PER CHI QUEI CONTENUTI LI PAGA! E' tanto difficile comprendere questo concetto? Si tratta di libertà, che per essere tale deve ESSERE RISPETTATA!
        • Sgabbio scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          no. Chi scarica compra anche.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            Compra anche, ma ruba anche!
          • krane scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            Compra anche, ma ruba anche!...E compra anche piu' di chi non ruba, quindi ? Meglio che rubi o no ?Se poi non c'e' sottrazione chi perde ? Chi guadagna ?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            Rubare..... Bene riproducibile all'infinito ergo non si sottrae nulla a chi l'ha fato....No veramente, stai scadendo e comunque sti rivoltando il risultato portando acqua al tuo mulino da heters.Ma rode il fatto che il p2p e affini faccia l'effeto opposto di quel che sbandierano le major da 10 anni ? SE fossi una major, sarei felice.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: Sgabbio
            Rubare..... Bene riproducibile all'infinito ergo
            non si sottrae nulla a chi l'ha
            fato....Questo discorso con me non attacca.
            No veramente, stai scadendo e comunque sti
            rivoltando il risultato portando acqua al tuo
            mulino da
            heters.Ho forse sostenuto che lo scaricone non compra? No!Di che parli?
            Ma rode il fatto che il p2p e affini faccia
            l'effeto opposto di quel che sbandierano le major
            da 10 anni ? SE fossi una major, sarei
            felice.Ci vuole poco: diventa azionista e poi sii felice.
          • krane scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: Sgabbio

            Rubare..... Bene riproducibile all'infinito

            ergo non si sottrae nulla a chi l'ha fato....
            Questo discorso con me non attacca.

            No veramente, stai scadendo e comunque sti

            rivoltando il risultato portando acqua al tuo

            mulino da heters.
            Ho forse sostenuto che lo scaricone non compra?
            No!
            Di che parli?


            Ma rode il fatto che il p2p e affini

            faccia l'effeto opposto di quel che

            sbandierano le majorda 10 anni ? SE fossi

            una major, sarei felice.
            Ci vuole poco: diventa azionista e poi sii felice.Ora come ora preferirei investire su un Megamusic.
          • dontfeed in sciopero scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            Ci vuole poco: diventa azionista e poi sii felice.Ma sempre a chiedere soldi senza dare niente in cambio? :D :D :D
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: dontfeed in sciopero
            - Scritto da: ThEnOra


            Ci vuole poco: diventa azionista e poi sii
            felice.

            Ma sempre a chiedere soldi senza dare niente in
            cambio? :D :D
            :DROTFL! (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            Compra anche, ma ruba anche!Finiamola con sta storia che scaricare=rubare!Visto che ti vanti tanto di conoscere le leggi in materia, dovresti saperlo meglio di altri che scaricare è tuttalpiù un illecito civile/amministrativo.Né più né meno di un parcheggio in divieto di sosta, e come tale va' trattato.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: ThEnOra


            Compra anche, ma ruba anche!

            Finiamola con sta storia che scaricare=rubare!Scaricare abusivamente e rubare sono considerati reati diversi.
            Visto che ti vanti tanto di conoscere le leggi in
            materia, dovresti saperlo meglio di altri che
            scaricare è tuttalpiù un illecito
            civile/amministrativo.Se ti beccano a scaricarne più di 50, vedrai il "tuttalpiù"! @^ <i
            Legge 633/1941, Art. 171-ter, comma 2: </i
            2. È punito con la <b
            reclusione </b
            da uno a quattro anni e con la <b
            multa </b
            da da euro 2.582 a euro 15.493 <b
            chiunque </b
            :a) riproduce, <b
            duplica </b
            , trasmette o diffonde <b
            abusivamente </b
            , vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente <b
            oltre cinquanta copie o esemplari </b
            di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi;
            Né più né meno di un parcheggio in divieto di
            sosta, e come tale va' trattato.Eh, sì, certo... peccato che la legislazione vigente, la GdF, la polizia postale e i giudici siano di diverso avviso. @^
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            a) riproduce, <b
            duplica </b
            ,
            trasmette o diffonde <b
            abusivamente
            </b
            , vende o pone altrimenti in
            commercio, cede a qualsiasi titolo o importa
            abusivamente <b
            oltre cinquanta copie o
            esemplari </b
            di opere tutelate dal
            diritto d'autore e da diritti connessi;Peccato solo che nello "scaricare" un file non viene compiuta nessuna delle azioni sopraccitate.Un utente qualsiasi che sta eseguendo un mero download (senza condivisione alcuna) di fatto: non sta <i
            riproducendo </i
            nulla, né sta <i
            duplicando </i
            nulla, né sta <i
            diffondendo </i
            nulla, né vende e/o commercia nulla, e nemmeno cede e/o importa nulla.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            a) riproduce, <b
            duplica </b
            ,

            trasmette o diffonde <b
            abusivamente

            </b
            , vende o pone altrimenti in

            commercio, cede a qualsiasi titolo o importa

            abusivamente <b
            oltre cinquanta
            copie
            o

            esemplari </b
            di opere tutelate dal

            diritto d'autore e da diritti connessi;

            Peccato solo che nello "scaricare" un file non
            viene compiuta nessuna delle azioni
            sopraccitate.
            Un utente qualsiasi che sta eseguendo un mero
            download (senza condivisione alcuna) di fatto:
            non sta <i
            riproducendo </i

            nulla, né sta <i
            duplicando </i

            nulla, né sta <i
            diffondendo </i

            nulla, né vende e/o commercia nulla, e nemmeno
            cede e/o importa nulla.E invece con il download l'utente sta proprio duplicando: si crea una copia 1:1 in locale di un originale in remoto. Questa tra l'altro è pure l'interpretazione dei giudici, che, come saprai, è quella che più conta.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: 633.41




            a) riproduce, <b
            duplica
            </b

            ,


            trasmette o diffonde <b

            abusivamente


            </b
            , vende o pone altrimenti in


            commercio, cede a qualsiasi titolo o
            importa


            abusivamente <b
            oltre cinquanta

            copie

            o


            esemplari </b
            di opere tutelate
            dal


            diritto d'autore e da diritti connessi;



            Peccato solo che nello "scaricare" un file
            non

            viene compiuta nessuna delle azioni

            sopraccitate.

            Un utente qualsiasi che sta eseguendo un mero

            download (senza condivisione alcuna) di
            fatto:

            non sta <i
            riproducendo </i


            nulla, né sta <i
            duplicando
            </i



            nulla, né sta <i
            diffondendo
            </i



            nulla, né vende e/o commercia nulla, e
            nemmeno

            cede e/o importa nulla.

            E invece con il download l'utente sta proprio
            duplicando: si crea una copia 1:1 in locale di un
            originale in remoto. Questa tra l'altro è pure
            l'interpretazione dei giudici, che, come saprai,
            è quella che più
            conta.Interpretazione dei giudici? Oh perché non rispondi, ti è stato chiesta UNA sentenza di UN utente <B
            ITALIANO </B
            che scaricava da internet materiale coperto da copyright, e non hai voluto fornirla continuando a dire le tue XXXXXXcce."L'interpretazione dei giudici" è quella che ho detto io. Le tue sono XXXXXXcce, NON suffragate da NESSUNA sentenza.Ripeto quanto ho già detto in un altro messaggio:Davvero? Dimmi <b
            UN </b
            caso di anche solo una persona condannata in Italia per aver <b
            SCARICATO </b
            musica o film coperti da copyright.Attenzione, ho scritto scaricato, non condiviso: quindi non da p2p, quindi non è un uploader, quindi senza scopo di <b
            lucro </b
            , quindi non è un webmaster di un sito/blog/forum in cui si diffondevano tali opere o link a tali opere.Non importa cosa succede all'estero, stiamo parlando della legge italiana quindi deve essere un caso italiano.Aspetto il link della sentenza, o almeno di un articolo che ne parla.In mancanza di un link con una SENTENZA, avrai dimostrato ancora una volta che dici XXXXXXcce e che SCARICARE OPERE PROTETTE DA COPYRIGHT ANCHE SENZA AVERNE DIRITTO NON E' ILLEGALE PER LE LEGGI ITALIANE.Puoi continuare a ripeterti che è illegale, a leggerti la LDA interpretandola a modo tuo, a illuderti sul "parere dei giudici" che in realtà è completamente diverso dal tuo, ma tanto finché non lo dimostri con una SENTENZA, le tue sono e saranno sempre delle XXXXXXCCE, caro il mio XXXXXXcciaro berlusconiano del piffero.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 ottobre 2012 20.37-----------------------------------------------------------
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: 633.41

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: 633.41






            a) riproduce, <b
            duplica

            </b


            ,



            trasmette o diffonde <b


            abusivamente



            </b
            , vende o pone
            altrimenti
            in



            commercio, cede a qualsiasi titolo
            o

            importa



            abusivamente <b
            oltre
            cinquanta


            copie


            o



            esemplari </b
            di opere
            tutelate

            dal



            diritto d'autore e da diritti
            connessi;





            Peccato solo che nello "scaricare" un
            file

            non


            viene compiuta nessuna delle azioni


            sopraccitate.


            Un utente qualsiasi che sta eseguendo
            un
            mero


            download (senza condivisione alcuna) di

            fatto:


            non sta <i
            riproducendo
            </i




            nulla, né sta <i
            duplicando

            </i





            nulla, né sta <i
            diffondendo

            </i





            nulla, né vende e/o commercia nulla, e

            nemmeno


            cede e/o importa nulla.



            E invece con il download l'utente sta proprio

            duplicando: si crea una copia 1:1 in locale
            di
            un

            originale in remoto. Questa tra l'altro è
            pure

            l'interpretazione dei giudici, che, come
            saprai,

            è quella che più

            conta.

            Interpretazione dei giudici? Oh perché non
            rispondi, ti è stato chiesta UNA sentenza di UN
            utente <B
            ITALIANO </B
            che
            scaricava da internet materiale coperto da
            copyright, e non hai voluto fornirla continuando
            a dire le tue
            XXXXXXcce.
            "L'interpretazione dei giudici" è quella che ho
            detto io. Le tue sono XXXXXXcce, NON suffragate
            da NESSUNA
            sentenza.Ingoiati le tue XXXXXte, mentecatto! @^C'è la sentenza del 9 gennaio 2007, n. 149 della terza sezione penale della Corte di Cassazionehttp://www.penale.it/page.asp?mode=1&IDPag=403che, pur essendosi (giustamente) rivelata favorevole agli imputati, fa capire come interpretano i giudici il nesso download-duplicazione:"È opportuno premettere che appare pienamente condivisibile, con riferimento all'elemento materiale della fattispecie delittuosa principale, l'affermazione della impugnata sentenza, secondo la quale <u
            le operazioni di download </u
            sul server ftp e dallo stesso sui computer delle persone che si collegavano al sito, <u
            implica necessariamente la duplicazione del materiale informativo e, più in generale, delle opere dell'ingegno protette dal diritto d'autore </u
            oggetto dell'operazione, sicché sotto il citato profilo vi è sostanziale coincidenza tra i fatti ascritti agli imputati e le ipotesi criminose ritenute dai giudici di merito."In questo caso sia i giudici di merito che quelli della Cassazione concordano sul fatto che le operazioni di download dal server sul computer dell'utente, implicano necessariamente la duplicazione del materiale informativo e, più in generale, delle opere dell'ingegno protette dal diritto d'autore.La duplicazione abusiva, anche se per uso personale e senza fini di lucro, è esplicitamente vietata dalla 633/41, in cui non compaiono espressamente termini quali scaricamento o download perché compresi nel concetto più ampio di duplicazione.
            Puoi continuare a ripeterti che è illegale, a
            leggerti la LDA interpretandola a modo tuo,(rotfl)(rotfl)(rotfl)
            a
            illuderti sul "parere dei giudici" che in realtà
            è completamente diverso dal tuo,(rotfl)(rotfl)(rotfl)
            ma tanto finché
            non lo dimostri con una SENTENZA,Vedi sopra, capra! :@
            le tue sono e
            saranno sempre delle XXXXXXCCE, caro il mio
            XXXXXXcciaro berlusconiano del
            piffero.berlusconiano a me????? Sei proprio un pagliaccio che non capisce un c4zzo!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!

            C'è la sentenza del 9 gennaio 2007, n. 149 della
            terza sezione penale della Corte di
            Cassazione
            http://www.penale.it/page.asp?mode=1&IDPag=403
            che, pur <b
            essendosi (giustamente) rivelata
            favorevole agli imputati </b
            , fa capire comefa capire come tu non sia riuscito a citare UN solo caso di utente condannato. E fa capire, perciò, che le tue sono solo XXXXXXcce, come ha detto luco.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: uno qualsiasi

            C'è la sentenza del 9 gennaio 2007, n. 149
            della

            terza sezione penale della Corte di

            Cassazione


            http://www.penale.it/page.asp?mode=1&IDPag=403

            che, pur <b
            essendosi (giustamente)
            rivelata

            favorevole agli imputati </b
            , fa
            capire
            comeChe maniera squallida di quotare che hai: troncando la frase! Forse perché riportandola nella sua interezza si sbugiardavano le XXXXXXcce che scrivi TU?La sentenza del 9 gennaio 2007, n. 149 della terza sezione penale della Corte di Cassazione (http://www.penale.it/page.asp?mode=1&IDPag=403), pur essendosi (giustamente) rivelata favorevole agli imputati, fa capire come interpretano i giudici il nesso download-duplicazione:"È opportuno premettere che <b
            appare pienamente condivisibile </b
            , con riferimento all'elemento materiale della fattispecie delittuosa principale, l'affermazione della impugnata sentenza, secondo la quale <b
            le operazioni di download </b
            sul server ftp e <b
            dallo stesso sui computer delle persone che si collegavano al sito, implica necessariamente la duplicazione del materiale informativo e, più in generale, delle opere dell'ingegno protette dal diritto d'autore </b
            oggetto dell'operazione, sicché sotto il citato profilo vi è sostanziale coincidenza tra i fatti ascritti agli imputati e le ipotesi criminose ritenute dai giudici di merito."
            fa capire come tu non sia riuscito a citare UN
            solo caso di utente condannato.Non l'hai ancora capito? Non me ne frega niente se qualcuno è stato condannato o meno per questo reato. Chiaro?!?Fatto sta però che la legge italiana vigente considera illegale la duplicazione abusiva, concetto che comprende il download di materiale piratato. Chi afferma il contrario mente sapendo di mentire.
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            Fatto sta però che la legge italiana vigente
            considera illegale la duplicazione abusiva,
            concetto che comprende il download di materiale
            piratato. Chi afferma il contrario mente sapendo
            di mentire.No, chi afferma il contrario è perché ha un'interpretazione diversa di suddetta legge e del termine "duplicare".Che importanza ha se 4 giudici da strapazzo non sono d'accordo? Quello che conta è l'interpretazione più comunemente diffusa ed accettata tra la gente. Che di sicuro NON è quella dei giudici da te citati. PUNTO.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Fatto sta però che la legge italiana vigente

            considera illegale la duplicazione abusiva,

            concetto che comprende il download di
            materiale

            piratato. Chi afferma il contrario mente
            sapendo

            di mentire.

            No, chi afferma il contrario è perché ha
            un'interpretazione diversa di suddetta legge e
            del termine "duplicare".Ci provo con un esempio.C'è un file zip su un server ed il link relativo a quel file lì è in una pagina web che il tuo browser sta visualizzando. Fai clic sul link, confermi e dopo un po' ti trovi la copia esatta di quel file lì sul tuo hard disk. Hai eseguito una duplicazione del file zip che prima era solo sul server e ora è sia sul server che sul tuo hard disk. Questa operazione è pure comunemente detta download o scaricamento.Poi questo file zip sul tuo hard disk lo copi anche in un'altra cartella del tuo hard disk. Hai ora eseguito una duplicazione, ma stavolta non è un download o scaricamento.Quindi il concetto di duplicazione comprende in sè il concetto di download o scaricamento, ma non si esaurisce ad esso.PUNTO. :)


            Che importanza ha se 4 giudici da strapazzo(rotfl)
            non sono d'accordo?
            Quello che conta è
            l'interpretazione più comunemente diffusa ed
            accettata tra la gente.Chissà perché poi ricorrono ad un avvocato se san già tutto di legge... :D
            Che <u
            di sicuro </u
            NON è
            quella dei giudici da te citati.
            PUNTO.(rotfl)
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            Chissà perché poi ricorrono ad un avvocato se san
            già tutto di legge... :DPrimo: perché NON sanno la legge, visto come spessa essa differisce dal senso comune. Tutta questa diatriba ne è un esempio, infatti.Secondo: non mi pare che in Italia ci si possa difendere da sé, senza l'ausilio di un legale. Da altre parti, si può.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Chissà perché poi ricorrono ad un avvocato
            se
            san

            già tutto di legge... :D

            Primo: perché NON sanno la legge, visto come
            spessa essa differisce dal senso comune. Tutta
            questa diatriba ne è un esempio,
            infatti.Appunto, la legge quella è, e spesso il senso comune non c'azzecca.
            Secondo: non mi pare che in Italia ci si possa
            difendere da sé, senza l'ausilio di un legale.Davanti al giudice di pace mi pare di sì. Cmq anche potendo, meglio affidarsi ad un esperto in materia, non credi?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!

            Non l'hai ancora capito? Non me ne frega niente
            se qualcuno è stato condannato o meno per questo
            reato.
            Chiaro?!?A me, invece, interessano i fatti: ed i fatti sono che non si viene condannati.Il resto sono solo chiacchiere, ed è l'unica cosa che sai portare tu: chiacchiere.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Non l'hai ancora capito? Non me ne frega
            niente

            se qualcuno è stato condannato o meno per
            questo

            reato.

            Chiaro?!?

            A me, invece, interessano i fatti: ed i fatti
            sono che non si viene condannati.Il FATTO è che la legge italiana vigente considera illegale la duplicazione abusiva, concetto che comprende il download di materiale piratato.
            Il resto sono solo chiacchiere, ed è l'unica cosa
            che sai portare tu: chiacchiere.Tu cosa porti? Affermazioni false, ovvero il maldestro travisamento di un'articolo di legge (71-sexies).
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: uno qualsiasi


            Non l'hai ancora capito? Non me ne frega

            niente


            se qualcuno è stato condannato o meno
            per

            questo


            reato.


            Chiaro?!?



            A me, invece, interessano i fatti: ed i fatti

            sono che non si viene condannati.

            Il FATTO è che la legge italiana vigente
            considera illegale la duplicazione abusiva,
            concetto che comprende il download di materiale
            piratato.In Thailandia è vietato uscire di casa se non si portano le mutande ed è obbligatorio indossare una camicia se ci si mette alla guida. In Italia è illegale la professione del ciarlatano.Crescono pure troppo, sono spesso in versione sadica, prendono lucciole per cicale alcune leggi di questo nostro pazzo pazzo mondo. Ce n'è per tutti: dagli Stati Uniti alla Thailandia, dalla Corea del Sud alla Danimarca. Non manca neppure l'Italia, entrata nel novero per ben due leggi: è illegale praticare la professione del ciarlatano (che ci fosse un albo?); un uomo che indossa una gonna è passibile d'arresto.Ma veniamo agli Usa. In Georgia non è consentito portare un cono gelato nella tasca posteriore dei pantaloni di domenica (tutti gli altri giorni sì). In California il sole è garantito alle masse (testuali parole) per legge. In Alaska è legale sparare a un orso, ma è proibito svegliarlo mentre dorme per fargli una foto. In Wyoming è vietato fotografare i conigli per tutto il mese di giugno (periodo di accoppiamento?). In Utah è proibito fare sesso nel retro di un'ambulanza durante una chiamata d'emergenza (e pensare che è un buon modo per scaricare la tensione.). In Pennsylvania è illegale dormire sdraiati su un frigorifero all'aperto, mentre alle casalinghe è stato espressamente vietato nascondere la polvere e lo sXXXXX sotto i tappeti.Anche il Canada non scherza: è vietato pagare in penny un articolo che costa 50 centesimi; le radio devono trasmettere almeno il 30% di contenuti canadesi; le bibite chiare non possono contenere caffeina; è proibito togliersi bende o fasciature in pubblico.In Marocco, invece, sono passibili d'arresto tutti coloro che possiedono narcotici o che frequentano, senza saperlo, persone che li possiedono (dimmi con chi vai.).Nel Victoria, Australia, solo elettricisti con tanto di licenza hanno il permesso di cambiare una lampadina.In Thailandia è vietato uscire di casa se non si portano le mutande ed è obbligatorio indossare una camicia se ci si mette alla guida.In Danimarca è vietato mettere in moto l'automobile e partire se qualcuno è sdraiato sotto di essa, tuttavia non è legale evadere dal carcere, ma se si viene scoperti si è obbligati (guarda un po') a tornare in cella per scontare la pena.In Inghilterra non è consentito alle donne mangiare cioccolatini su un mezzo di trasporto pubblico, così come è proibito appendere un letto fuori dalla finestra.In Francia è vietato baciarsi sulle rotaie e se per caso si possiede un maiale, è illegale chiamarlo Napoleone.In Svizzera è proibito stendere i panni o lavare l'auto di domenica. Non solo: non è consentito, a coloro che abitano in un appartamento, tirare lo sciacquone dopo le dieci di sera.In Scozia, invece, è proibito ubriacarsi se si possiede una mucca. In Israele è proibito mettersi le dita nel naso e scaccolarsi il sabato, mentre la città di Haifa vieta espressamente ai propri cittadini di portare orsi in spiaggia.In Messico le donne che lavorano per il Comune di Guadalajara non devono indossare minigonne, né indumenti provocanti.In Corea del Sud i vigili urbani sono tenuti a riferire ai loro superiori di tutte le bustarelle ricevute da automobilisti o motociclisti. Alle Hawaii è vietato infilare, o tentare di infilare, monetine nelle orecchie altrui (tempi duri per i prestigiatori).In Nevada è illegale cavalcare un cammello in autostrada.Nel Tennessee non è consentito praticare sesso orale.In Texas, invece, ci si può considerare legalmente coniugati se per tre volte di seguito si presenta il partner in pubblico dicendo che è il proprio marito o la propria moglie.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!

            Il FATTO è che la legge italiana vigente
            considera illegale la duplicazione abusiva,Questa è una tautologia. Ciò che è abusivo è illegale... ma non fai che rigirare la domanda.
            concetto che comprende il download di materiale
            piratato.Il download non è abusivo, quindi non è illegale. Fine.


            Il resto sono solo chiacchiere, ed è l'unica
            cosa

            che sai portare tu: chiacchiere.
            Tu cosa porti? Affermazioni false, ovvero il
            maldestro travisamento di un'articolo di legge
            (71-sexies).Noi affermiamo dei fatti: in italia nessuno è mai stato condannato per aver scaricato.Puoi smentire questo fatto? No, ci hai provato e non ci sei riuscito. Quindi hai torto.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!

            Non l'hai ancora capito? Non me ne frega niente
            se qualcuno è stato condannato o meno per questo
            reato.
            Chiaro?!?A me, invece, interessano i fatti: ed i fatti sono che non si viene condannati.Il resto sono solo chiacchiere, ed è l'unica cosa che sai portare tu: chiacchiere.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            - Scritto da: uno qualsiasi


            C'è la sentenza del 9 gennaio 2007, n.
            149

            della


            terza sezione penale della Corte di


            Cassazione





            http://www.penale.it/page.asp?mode=1&IDPag=403


            che, pur <b
            essendosi
            (giustamente)

            rivelata


            favorevole agli imputati </b
            , fa

            capire

            come

            Che maniera squallida di quotare che hai:
            troncando la frase! Forse perché riportandola
            nella sua interezza si sbugiardavano le XXXXXXcce
            che scrivi TU?Io ho chiesto una sentenza di un utente <b
            CONDANNATO </b
            .Tu per tutta risposta hai ripostato una sentenza che NON CONDANNA.Chi è che spara XXXXXXcce?
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            E invece con il download l'utente sta proprio
            duplicando: si crea una copia 1:1 in locale di un
            originale in remoto.No, con il download l'utente generalmente si ritrova in possesso di un file mp3/ogg/ecc. che NON è affatto una copia 1:1 dell'originale, bensì una versione notevolmente degradata ed inferiore.Inoltre, per poter essere accusato di duplicazione, l'utente dovrebbe essere in possesso egli stesso dell'originale ed effettuare lui stesso la copia 1:1.Attingere ad un file in rete, significa attingere ad copia <b
            duplicata da qualcun'altro </b
            , e NON dall'utente finale. Che ovviamente, quindi, non ha compiuto nessun atto di duplicazione, non essendo egli stesso nemmeno in possesso dell'originale (condizione necessaria al fine di poterlo duplicare)
            Questa tra l'altro è pure l'interpretazione dei giudici,
            che, come saprai, è quella che più conta.A parte il fatto che "l'interpretazione dei giudici" varia moltissimo da giudice a giudice, nonché nel corso del tempo... vorrei tanto sapere di quali giudici/sentenze stiamo parlando. Hai dei link, per caso?
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            E invece con il download l'utente sta proprio

            duplicando: si crea una copia 1:1 in locale
            di
            un

            originale in remoto.

            No, con il download l'utente generalmente si
            ritrova in possesso di un file mp3/ogg/ecc. che
            NON è affatto una copia 1:1 dell'originale, bensì
            una versione notevolmente degradata ed
            inferiore.La parola "originale" può creare dei fraintendimenti; per ovviarvi bisogna porre attenzione al contesto in cui appare.In ogni duplicazione di un file, prima hai un solo file che assume il ruolo di originale ed è detto appunto originale, poi, se il procedimento è svolto correttamente, hai due file identici; al secondo file, quello prodotto dall'operazione, si dà il nome di copia.Quando si effettua un download il file originale sta sul server, e al termine la copia sul computer dell'utente. È una duplicazione.Parlando di supporti di memorizzazione ci si imbatte in "copia originale": non è altro che il DVD (o CD o...) acquistato (o noleggiato o...).Quando si ottiene da una "copia originale" il contenuto, sia 1:1 che degradato, si parla di "riproduzione". Nel contesto della 633/41 la parola riproduzione, usata in senso assoluto, non assume il significato di "play".
            Inoltre, per poter essere accusato di
            duplicazione, l'utente dovrebbe essere in
            possesso egli stesso dell'originale ed effettuare
            lui stesso la copia 1:1.Guarda, se hai l'originale la legge stessa 633/41 concede il diritto di farsi tale copia, rispettando determinate condizioni.http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm#71-sexies(tutti e 4 i commi, eh, non solo il primo :) )
            Attingere ad un file in rete, significa attingere
            ad copia <b
            duplicatarippata (o riprodotta), solitamente con qualità degradata, e poi immessa nella rete informatica (upload)
            da qualcun'altro
            </b
            , e NON dall'utente finale.l'upper fa il rip (ecco la "riproduzione"), poi l'upload;sul server c'è un file di cui il downloader fa la duplicazione e ottiene la sua copia.
            Che
            ovviamente, quindi, non ha compiuto nessun atto
            di duplicazione, non essendo egli stesso nemmeno
            in possesso dell'originale (condizione necessaria
            al fine di poterlo duplicare)Spero di averti chiarito qui sopra.



            Questa tra l'altro è pure l'interpretazione
            dei
            giudici,

            che, come saprai, è quella che più conta.

            A parte il fatto che "l'interpretazione dei
            giudici" varia moltissimo da giudice a giudice,
            nonché nel corso del tempo... vorrei tanto sapere
            di quali giudici/sentenze stiamo parlando. Hai
            dei link, per
            caso?Ad esempio c'è la sentenza del 9 gennaio 2007, n. 149 della terza sezione penale della Corte di Cassazionehttp://www.penale.it/page.asp?mode=1&IDPag=403che, pur essendosi (giustamente) rivelata favorevole agli imputati, ci fa capire come interpretano i giudici il nesso download-duplicazione:"È opportuno premettere che appare pienamente condivisibile, con riferimento all'elemento materiale della fattispecie delittuosa principale, l'affermazione della impugnata sentenza, secondo la quale <u
            le operazioni di download </u
            sul server ftp e dallo stesso sui computer delle persone che si collegavano al sito, <u
            implica necessariamente la duplicazione del materiale informativo e, più in generale, delle opere dell'ingegno protette dal diritto d'autore </u
            oggetto dell'operazione, sicché sotto il citato profilo vi è sostanziale coincidenza tra i fatti ascritti agli imputati e le ipotesi criminose ritenute dai giudici di merito."In questo caso sia i giudici di merito che quelli della Cassazione concordano sul fatto che le operazioni di download dal server sul computer dell'utente, implicano necessariamente la duplicazione del materiale informativo e, più in generale, delle opere dell'ingegno protette dal diritto d'autore.La duplicazione abusiva, anche se per uso personale e senza fini di lucro, è esplicitamente vietata dalla 633/41, in cui non compaiono espressamente termini quali scaricamento o download perché compresi nel concetto più ampio di duplicazione.
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            La parola "originale" può creare dei
            fraintendimenti; per ovviarvi bisogna porre
            attenzione al contesto in cui appare.Non c'è nessun fraintendimento, se non al massimo quello dei giudici da te citati...Perché, nel campo delle opere audiovisive, la parola "originale" generalmente sta ad indicare un'unica e sola cosa, e l'hai detta anche tu stesso: <b


            </b
            Parlando di supporti di memorizzazione ci si <b


            </b
            imbatte in "copia originale": non è altro che il <b


            </b
            <b
            DVD </b
            (o <b
            CD </b
            o...) acquistato (o noleggiato)Esatto, DVD e CD.Di conseguenza...
            Quando si effettua un download il file originale sta sul server,No, il file sul server è esso stesso una copia (degradata oppure no) dell'originale (CD/DVD/BD).
            e al termine la copia sul computer dell'utente.La copia della copia, sta sul computer dell'utente.
            È una duplicazione.Una duplicazione di copie. Fatta a partire da una copia (il file sul server).L'originale -aka: la source/sorgente- ce l'ha solo il <b
            primo </b
            che ha fatto la <b
            prima copia </b
            e che l'ha messa online per tutti gli altri.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            La parola "originale" può creare dei

            fraintendimenti; per ovviarvi bisogna porre

            attenzione al contesto in cui appare.

            Non c'è nessun fraintendimento, se non al massimo
            quello dei giudici da te citati...ma figurati...
            Perché, nel campo delle opere audiovisive, la
            parola "originale" generalmente sta ad indicare
            un'unica e sola cosa,unica e sola, no: qui c'è di mezzo anche l'informatica, e c'è anche l'altra accezione del termine che riguarda la duplicazione di file.
            e l'hai detta anche tu
            stesso:

            <b


            </b
            Parlando di
            supporti di memorizzazione ci
            si
            <b


            </b
            imbatte in "copia
            originale": non è altro che
            il
            <b


            </b
            <b
            DVD
            </b
            (o <b
            CD </b
            o...)
            acquistato (o
            noleggiato)

            Esatto, DVD e CD.

            Di conseguenza...


            Quando si effettua un download il file
            originale sta sul
            server,

            No, il file sul server è esso stesso una copia
            (degradata oppure no) dell'originale
            (CD/DVD/BD).Invece sì: qui si sta parlando di informatica, e il file che si sta duplicando, in relazione all'operazione di duplicazione, è proprio l'originale.

            e al termine la copia sul computer
            dell'utente.

            La copia della copia, sta sul computer
            dell'utente.in relazione alla suddetta operazione di duplicazione, è solo la copia.Se poi duplichi il nuovo file appena ottenuto, rispetto alla nuova operazione di duplicazione assume il ruolo ed il nome di originale, il file ottenuto sarà la copia.

            È una duplicazione.

            Una duplicazione di copie. Fatta a partire da una
            copia (il file sul server).Se proprio vogliamo essere precisi, a partire dal rip sull'hdd dell'upper. Embè?


            L'originale -aka: la source/sorgente- ce l'ha
            solo il <b
            primo </b
            che ha fatto
            la <b
            prima copia </b
            e che l'ha
            messa online per tutti gli
            altri.Originale e copia sono relativi all'operazione di duplicazione.
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            Se poi duplichi il nuovo file appena ottenuto,
            rispetto alla nuova operazione di duplicazione
            assume il ruolo ed il nome di originale, il file
            ottenuto sarà la copia.A quanto pare d'informatica non te n'intendi.Se ho un file ottenuto da una copia, è già esso stesso una copia (copia-1); se poi prendo tale file e lo copio nuovamente, ottengo una copia della copia (copia-2), e così via. Ma di certo il file copia-1 nel frattempo non è diventato l'originale di niente: è, e sempre sarà, solo una copia.
            Originale e copia sono relativi all'operazione di
            duplicazione.No, "originale e copia" devono essere intesi in termini assoluti. Altrimenti tutto diventa relativo di tutto.Quindi, per riepilogare:- Originale = Source/Sorgente = CD/DVD/BD/TS/ecc.- Copia 1:1 = immagini ISO o similari- Copia non 1:1 (o degradata) = tutto il restoCome vedi, di "originale" uno solo ce ne sta.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Se poi duplichi il nuovo file appena
            ottenuto,

            <u
            rispetto alla nuova operazione di
            duplicazione </u


            assume il ruolo ed il nome di originale, il
            file

            ottenuto sarà la copia.

            A quanto pare d'informatica non te n'intendi.A quanto pare spari razzate... e non leggi con atttenzione.
            Se ho un file ottenuto da una copia, è già esso
            stesso una copia (copia-1); se poi prendo tale
            file e lo copio nuovamente, ottengo una copia
            della copia (copia-2), e così via. Ma di certo il
            file copia-1 nel frattempo non è diventato
            l'originale di niente: è, e sempre sarà, solo una
            copia."rispetto alla nuova operazione di duplicazione"...

            Originale e copia sono relativi
            all'operazione
            di

            duplicazione.

            No, "originale e copia" devono essere intesi in
            termini assoluti. Altrimenti tutto diventa
            relativo di tutto.Appunto, relativamente alla nuova operazione di duplicazione.


            Quindi, per riepilogare:
            - Originale = Source/Sorgente = CD/DVD/BD/TS/ecc.
            - Copia 1:1di che? del CD/DVD/ecc., qui: bisogna specificare di cos'è la copia 1:1 perché è un concetto relativo. Qui tu lo sottintendi perché ipotizzi un ben determinato contesto, ma si può tranquillamente parlare di copia 1:1 di un mp3 a 320 Kbps per distinguerla da un mp3 da esso derivato ma con qualità ridotta. Quel che caratterizza la copia 1:1 è che i due file, originale e copia, sono perfettamente identici bit per bit.
            = immagini ISO o similarie la Copia 1:1 della ISO come la chiameresti?
            - Copia non 1:1 (o degradata) = tutto il restoe la Copia 1:1 della Copia degradata come la chiameresti?
            Come vedi, di "originale" uno solo ce ne sta.Ho capito come la pensi.
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            di che? del CD/DVD/ecc., qui: bisogna specificare
            di cos'è la copia 1:1 perché è un concetto
            relativo. Qui tu lo sottintendi perché ipotizzi
            un ben determinato contesto,Il contesto è quello della pirateria audiovisiva, mi pare. E nella pirateria c'è una sola ed unica forma di originale (le copie autorizzate) vs le 'copie' propriamente dette (copie pirata, non autorizzate)
            ma si può
            tranquillamente parlare di copia 1:1 di un mp3 a
            320 Kbps per distinguerla da un mp3 da esso
            derivato ma con qualità ridotta.Certo, e allora?
            Quel che caratterizza la copia 1:1 è che i due file,
            originale e copia, sono perfettamente identici
            bit per bit.Sì, ma siamo fuori dal conteso della pirateria ora.
            e la Copia 1:1 della ISO come la chiameresti? <b
            Copia 1:1 della ISO </b
            - o più semplicemente <i
            copia </i
            .
            e la Copia 1:1 della Copia degradata come la
            chiameresti? <b
            Copia 1:1 della Copia degradata </b
            - o, per brevità, <i
            copia </i
            .
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41



            di che? del CD/DVD/ecc., qui: bisogna
            specificare

            di cos'è la copia 1:1 perché è un concetto

            relativo. Qui tu lo sottintendi perché
            ipotizzi

            un ben determinato contesto,

            Il contesto è quello della pirateria audiovisiva,
            mi pare.Il contesto era più generale: non è obbligatorio che il download riguardi esclusivamente roba piratata.
            E nella pirateria c'è una sola ed unica
            forma di originale (le copie autorizzate) vs le
            'copie' propriamente dette (copie pirata, non
            autorizzate)


            ma si può

            tranquillamente parlare di copia 1:1 di un
            mp3
            a

            320 Kbps per distinguerla da un mp3 da esso

            derivato ma con qualità ridotta.

            Certo, e allora?con la tua classificazione la copia 1:1 era una ISO... ora è un mp3 a 320 Kbps!


            Quel che caratterizza la copia 1:1 è che i
            due
            file,

            originale e copia, sono perfettamente
            identici

            bit per bit.

            Sì, ma siamo fuori dal conteso della pirateria
            ora.Ma siamo comunque nel contesto dell'informatica.
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            con la tua classificazione la copia 1:1 era una
            ISO... ora è un mp3 a 320 Kbps!Senti, allora è chiaro che mi vuoi prendere in giro. Qui sto solo perdendo tempo.In ambito p2p/pirateria informatica/chiamala come ti pare, sappiamo benissimo tutti a cosa ci si riferisce con la denominazione "copia 1:1".Se il giudice di turno non lo sa, e si diverte a fare astrattismi... beh, che s'informi!
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            con la tua classificazione la copia 1:1 era
            una

            ISO... ora è un mp3 a 320 Kbps!

            Senti, allora è chiaro che mi vuoi prendere in
            giro.No, cercavo solo di farti capire che il concetto di "copia 1:1" è più esteso di quanto hai affermato.
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            No, cercavo solo di farti capire che il concetto
            di "copia 1:1" è più esteso di quanto hai
            affermato.Non importa quanto il concetto possa essere esteso in generale, non è argomento di discussione. Qui si sta parlando di pirateria audiovisiva, delle leggi e delle sanzioni ad essa connesse. E in tale contesto, il concetto di "copia (pirata) 1:1" è uno, ed uno soltanto.Altrimenti anch'io ti posso dire che se faccio una copia 1:1 di uno spaghetto, ottengo come risultato uno spaghetto identico.Ma che c'azzecca con la pirateria? e che c'azzecca con l'informatica?
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            No, cercavo solo di farti capire che il
            concetto

            di "copia 1:1" è più esteso di quanto hai

            affermato.

            Non importa quanto il concetto possa essere
            esteso in generale, non è argomento di
            discussione. Qui si sta parlando di pirateria
            audiovisiva, delle leggi e delle sanzioni ad essa
            connesse. E in tale contesto, il concetto di
            "copia (pirata) 1:1" è uno, ed uno
            soltanto.
            Ma che c'azzecca con la pirateria? e che
            c'azzecca con l'informatica?Guarda che il download (o scaricamento) è un caso particolare di duplicazione anche nel caso in cui si tratti di materiale lecito, mica solo nel caso della pirateria. :)Ti ripropongo la frase originaria usando dei sinonimi (sinonimi per me, a quanto apprendo non certo per te e fonte di fraintendimenti):"E invece con il download l'utente sta proprio duplicando: si crea una copia <s
            1:1 </s
            <b
            esatta al singolo bit </b
            <s
            in locale </s
            <b
            nel proprio computer </b
            di un <s
            originale in remoto </s
            <b
            file sul server </b
            ."(http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=3629058#p3629058)Per maggior chiarezza e per chi non ha ancora capito che il download (o scaricamento) è un caso particolare di duplicazione, ecco un semplice esempio.C'è un file zip su un server ed il link relativo a quel file lì è in una pagina web che il tuo browser sta visualizzando. Fai clic sul link, confermi e dopo un po' ti trovi la copia esatta di quel file lì sul tuo hard disk. Hai eseguito una duplicazione del file zip che prima era solo sul server e ora è sia sul server che sul tuo hard disk. Questa operazione è pure comunemente detta download (o scaricamento).Poi questo file zip sul tuo hard disk lo copi anche in un'altra cartella del tuo hard disk. Hai ora eseguito una duplicazione, ma stavolta non è un download (o scaricamento).Quindi il concetto di duplicazione comprende in sè il concetto di download (o scaricamento), ma non si esaurisce ad esso. Ovvero il download (o scaricamento) è un caso particolare di duplicazione.Quindi se la legge italiana vigente vieta la duplicazione di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi ai soggetti che non hanno il diritto di effettuarla ("abusivamente"), allora automaticamente la legge italiana vigente vieta pure il caso particolare di duplicazione rappresentato dal download (o scaricamento) di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi a soggetti che non hanno il diritto di effettuarlo.Quando la legge italiana vigente vieta una certa azione, quell'azione è illegale in Italia.Legge 633/1941, Art. 171-ter, comma 2:2. È punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da euro 2.582 a euro 15.493 <b
            chiunque </b
            :a) riproduce, <b
            duplica </b
            , trasmette o diffonde <b
            abusivamente </b
            , vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente <b
            oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi </b
            ;Da notare che per l'applicabilità di questa norma non sono richiesti i fini di lucro.
          • panda rossa scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41

            Guarda che il download (o scaricamento) è un caso
            particolare di duplicazione anche nel caso in cui
            si tratti di materiale lecito, mica solo nel caso
            della pirateria.
            :)E' un caso estremamente particolare.Talmente particolare che, al termine della fruizione, la "copia" manco ci potrebbe essere piu', come nel caso dello streaming.
            Ti ripropongo la frase originaria usando dei
            sinonimi (sinonimi per me, a quanto apprendo non
            certo per te e fonte di
            fraintendimenti):Noi siamo tecnici, tu no.Quindi sei tu quello che fraintende il significato tecnico dei termini tecnici.
            "E invece con il download l'utente sta proprio
            duplicando: No.
            si crea una copia <s
            1:1
            </s
            <b
            esatta al singolo bit
            </b
            <s
            in locale </s

            <b
            nel proprio computer </b
            di un
            <s
            originale in remoto </s

            <b
            file sul server </b

            ."Solo se il download va a buon fine.Altrimenti no.Basta un solo bit di differenza e la copia non e' piu' 1:1 e quindi il tuo castello di carte crolla miseramente.
            (http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=36

            Per maggior chiarezza e per chi non ha ancora
            capito che il download (o scaricamento) è un caso
            particolare di duplicazione, ecco un semplice
            esempio.
            C'è un file zip su un server ed il link relativo
            a quel file lì è in una pagina web che il tuo
            browser sta visualizzando. Fai clic sul link,
            confermi e dopo un po' ti trovi la copia esatta
            di quel file lì sul tuo hard disk. Posso dimostrarti che quello che tu hai affermato e' falso.Io clicco sul link relativo, mi si apre un popup che mi chiede dove salvare e con che nome.Io <b
            CAMBIO IL NOME DEL FILE </b
            e il risultato e' che dopo un po' avro' sul mio disco un file con NOME DIVERSO, e DATA DIVERSA rispetto all'originale.Quindi non possoamo parlare di duplicazione 1:1
            Hai eseguito
            una duplicazione del file zip che prima era solo
            sul server e ora è sia sul server che sul tuo
            hard disk. Questa operazione è pure comunemente
            detta download (o scaricamento).Non e' lo stesso file.
            Poi questo file zip sul tuo hard disk lo copi
            anche in un'altra cartella del tuo hard disk. Hai
            ora eseguito una duplicazione, ma stavolta non è
            un download (o scaricamento).Anche in questo caso posso cambiare il nome nel compiere l'operazione.Anzi, posso fare di piu', posso UNZIPPARE lo zip, ed estrarne il contenuto, e neppure questa non e' una duplicazione 1:1
            Quindi il concetto di duplicazione comprende in
            sè il concetto di download (o scaricamento), ma
            non si esaurisce ad esso. Ovvero il download (o
            scaricamento) è un caso particolare di
            duplicazione.Fermo restando che mai in nessun caso, se io voglio, ottengo una copia 1:1Mi basta cambiare quasi niente per avere un risultato DIVERSO.
            Quindi se la legge italiana vigente vieta la
            duplicazione di opere tutelate dal diritto
            d'autore e da diritti connessi ai soggetti che
            non hanno il diritto di effettuarla
            ("abusivamente"), allora automaticamente la legge
            italiana vigente vieta pure il caso particolare
            di duplicazione rappresentato dal download (o
            scaricamento) di opere tutelate dal diritto
            d'autore e da diritti connessi a soggetti che non
            hanno il diritto di
            effettuarlo.Abbiamo appurato che vieta la copia esatta 1:1Non vieta quella in cui il risultato della copia e' una cosa diversa.
            Quando la legge italiana vigente vieta una certa
            azione, quell'azione è illegale in
            Italia.Quando l'esito non e' quello descritto, il reato non ha avuto luogo.
            Legge 633/1941, Art. 171-ter, comma 2:
            2. È punito con la reclusione da uno a
            quattro anni e con la multa da euro 2.582 a euro
            15.493 <b
            chiunque </b

            : :-o :-o :-oQui i casi sono due:1) o nessuno scarica niente2) o nessun download rientra nel caso da te indicato.Altrimenti citami un caso di luogo a procedere.Una legge che non viene mai applicata, e' una legge inutile.
            Da notare che per l'applicabilità di questa norma
            non sono richiesti i fini di
            lucro.Questa norma verra' abrogata prima o poi.Un inutile dinosauro che ostacola la diffusione della cultura e consente a gente come te di pavoneggiarsi.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41




            Guarda che il download (o scaricamento) è un
            caso

            particolare di duplicazione anche nel caso
            in
            cui

            si tratti di materiale lecito, mica solo nel
            caso

            della pirateria.

            :)

            E' un caso estremamente particolare.
            Talmente particolare che, al termine della
            fruizione, la "copia" manco ci potrebbe essere
            piu', come nel caso dello streaming.Confondi il download con lo streaming?
            Noi siamo tecnici, tu no.Ah, ecco... (rotfl)

            Ti ripropongo la frase originaria usando dei

            sinonimi (sinonimi per me, a quanto apprendo
            non

            certo per te e fonte di

            fraintendimenti):
            Noi siamo tecnici, tu no.
            Quindi sei tu quello che fraintende il
            significato tecnico dei termini
            tecnici.


            "E invece con il download l'utente sta
            proprio

            duplicando:

            No.


            si crea una copia <s
            1:1

            </s
            <b
            esatta al singolo bit

            </b
            <s
            in locale </s


            <b
            nel proprio computer </b

            di un


            <s
            originale in remoto </s


            <b
            file sul server </b


            ."

            Solo se il download va a buon fine.Ah, ma allora se va a buon fine cosa succede? Diccelo chiaro e tondo, "tennico"!
            Altrimenti no.Altrimenti si riscarica, no?
            Basta un solo bit di differenza e la copia non e'
            piu' 1:1 e quindi il tuo castello di carte crolla
            miseramente.Ma per fortuna la rete non è gestita da panda rossa, quindi il bit di differenza non c'è.



            (http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=36



            Per maggior chiarezza e per chi non ha ancora

            capito che il download (o scaricamento) è un
            caso

            particolare di duplicazione, ecco un semplice

            esempio.

            C'è un file zip su un server ed il link
            relativo

            a quel file lì è in una pagina web che il tuo

            browser sta visualizzando. Fai clic sul link,

            confermi e dopo un po' ti trovi la copia
            esatta

            di quel file lì sul tuo hard disk.

            Posso dimostrarti che quello che tu hai affermato
            e'
            falso.
            Io clicco sul link relativo, mi si apre un popup
            che mi chiede dove salvare e con che
            nome.
            Io <b
            CAMBIO IL NOME DEL FILE </b

            e il risultato e' che dopo un po' avro' sul mio
            disco un file con NOME DIVERSO, e DATA DIVERSA
            rispetto
            all'originale.
            Quindi non possoamo parlare di duplicazione 1:1Possiamo parlare però di duplicazione: i contenuti sono identici.

            Hai eseguito

            una duplicazione del file zip che prima era
            solo

            sul server e ora è sia sul server che sul tuo

            hard disk. Questa operazione è pure
            comunemente

            detta download (o scaricamento).

            Non e' lo stesso file.Quello resta sul server. E quello che arriva ha lo stesso contenuto.

            Poi questo file zip sul tuo hard disk lo copi

            anche in un'altra cartella del tuo hard
            disk.
            Hai

            ora eseguito una duplicazione, ma stavolta
            non
            è

            un download (o scaricamento).

            Anche in questo caso posso cambiare il nome nel
            compiere l'operazione.Ma anche no.
            Anzi, posso fare di piu', posso UNZIPPARE lo zip,
            ed estrarne il contenuto, e neppure questa non e'
            una duplicazione
            1:1


            Quindi il concetto di duplicazione comprende
            in

            sè il concetto di download (o scaricamento),
            ma

            non si esaurisce ad esso. Ovvero il download
            (o

            scaricamento) è un caso particolare di

            duplicazione.

            Fermo restando che mai in nessun caso, se io
            voglio, ottengo una copia
            1:1
            Mi basta cambiare quasi niente per avere un
            risultato DIVERSO.Ma devi intervenire per cambiare.

            Quindi se la legge italiana vigente vieta la

            duplicazione di opere tutelate dal diritto

            d'autore e da diritti connessi ai soggetti
            che

            non hanno il diritto di effettuarla

            ("abusivamente"), allora automaticamente la
            legge

            italiana vigente vieta pure il caso
            particolare

            di duplicazione rappresentato dal download (o

            scaricamento) di opere tutelate dal diritto

            d'autore e da diritti connessi a soggetti
            che
            non

            hanno il diritto di

            effettuarlo.

            Abbiamo appurato che vieta la copia esatta 1:1
            Non vieta quella in cui il risultato della copia
            e' una cosa diversa.Vieta pure la riproduzione. Casomai panda rossa voglia farci le sue piccole modifiche.

            Quando la legge italiana vigente vieta una
            certa

            azione, quell'azione è illegale in

            Italia.

            Quando l'esito non e' quello descritto, il reato
            non ha avuto luogo.



            Legge 633/1941, Art. 171-ter, comma 2:

            2. È punito con la reclusione da uno a

            quattro anni e con la multa da euro 2.582 a
            euro

            15.493 <b
            chiunque </b


            :

            :-o :-o :-o

            Qui i casi sono due:
            1) o nessuno scarica niente
            2) o nessun download rientra nel caso da te
            indicato.

            Altrimenti citami un caso di luogo a procedere.
            Una legge che non viene mai applicata, e' una
            legge inutile.Mica detto.

            Da notare che per l'applicabilità di questa
            norma

            non sono richiesti i fini di

            lucro.

            Questa norma verra' abrogata prima o poi.Ma non è facendo finta che non ci sia che scomparirà.
            Un inutile dinosauro che ostacolaTi contraddici parecchio... allora anche tu riconosci che ostacola.
            la diffusione
            della cultura e consente a gente come te di
            pavoneggiarsi.Ti sembra pavoneggiarsi lo scrivere: "occhio, ragazzi, che nonostante alcuni frequentatori abituali di PI dichiarino che il download di materiale piratato non sia illegale in Italia, in realtà questa spada di Damocle c'è; poi comportatevi come meglio credete"? A me, sinceramente, no.E se poi ti senti tanto "tecnico" e dotato di così tanto senso civico, perché non lo fai tu?
          • panda rossa scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            Confondi il download con lo streaming?Benissimo.Con questa domanda mi confermi che sono cose diverse.Prendo atto.

            Noi siamo tecnici, tu no.
            Ah, ecco... (rotfl)Ridi pure se ti fa sentire meglio.

            Solo se il download va a buon fine.
            Ah, ma allora se va a buon fine cosa succede?
            Diccelo chiaro e tondo,
            "tennico"!Se va a buon fine, ci potrebbe essere una remota possibilita' che la copia sia effettivamente 1:1Ma devi dimostrarlo a posteriori.

            Altrimenti no.
            Altrimenti si riscarica, no?No.

            Basta un solo bit di differenza e la copia
            non
            e'

            piu' 1:1 e quindi il tuo castello di carte
            crolla

            miseramente.
            Ma per fortuna la rete non è gestita da panda
            rossa, quindi il bit di differenza non
            c'è.Quindi stai affermando che laddove la rete e' gestita da Panda Rossa, il bit di differenza c'e', e la copia non e' 1:1Prendo atto pure di questo.

            e il risultato e' che dopo un po' avro' sul
            mio

            disco un file con NOME DIVERSO, e DATA
            DIVERSA

            rispetto

            all'originale.

            Quindi non possoamo parlare di duplicazione
            1:1
            Possiamo parlare però di duplicazione: i
            contenuti sono
            identici.Il nome del file e' un attributo dell'oggetto file, al pari del contenuto.Se il nome cambia il file e' diverso.


            Hai eseguito


            una duplicazione del file zip che prima
            era

            solo


            sul server e ora è sia sul server che
            sul
            tuo


            hard disk. Questa operazione è pure

            comunemente


            detta download (o scaricamento).



            Non e' lo stesso file.
            Quello resta sul server. E quello che arriva ha
            lo stesso contenuto.Il contenuto e' un SOTTINSIEME del file.Spesso pure contenente minore informazione del nome.

            Anche in questo caso posso cambiare il nome
            nel

            compiere l'operazione.
            Ma anche no.Ma io procedo cosi', quindi non duplico proprio niente.Oppure adesso ti metterai le ventose buone per dimostrare che estrarre da uno zip equivale a duplicare?

            Mi basta cambiare quasi niente per avere un

            risultato DIVERSO.
            Ma devi intervenire per cambiare.Lo fa il computer per me. Io non intervengo proprio.

            Abbiamo appurato che vieta la copia esatta
            1:1

            Non vieta quella in cui il risultato della
            copia

            e' una cosa diversa.
            Vieta pure la riproduzione. Casomai panda rossa
            voglia farci le sue piccole
            modifiche.Vieta pure di fumare nei cinema.E con questo?

            Qui i casi sono due:

            1) o nessuno scarica niente

            2) o nessun download rientra nel caso da te

            indicato.



            Altrimenti citami un caso di luogo a
            procedere.

            Una legge che non viene mai applicata, e' una

            legge inutile.
            Mica detto.No, no, e' proprio detto.


            Da notare che per l'applicabilità di
            questa

            norma


            non sono richiesti i fini di


            lucro.



            Questa norma verra' abrogata prima o poi.
            Ma non è facendo finta che non ci sia che
            scomparirà.Infatti mica facciamo finta.Facciamo delle belle campagne di sensibilizzazione per portare il problema all'attenzione dei media e dell'opinione pubblica.

            Un inutile dinosauro che ostacola
            Ti contraddici parecchio... allora anche tu
            riconosci che
            ostacola.Certo che ostacola.Anche la tua fastidiosa presenza qui, che pretende con nauseante saccenza di dimostrare l'indimostrabile e' un ostacolo.Quando tutti voi parassiti sarete estinti, e non ci sara' piu' nessun interesse parassitario da difendere, il problema si risolvera' da se'.

            la diffusione

            della cultura e consente a gente come te di

            pavoneggiarsi.
            Ti sembra pavoneggiarsi lo scrivere: "occhio,
            ragazzi, che nonostante alcuni frequentatori
            abituali di PI dichiarino che il download di
            materiale piratato non sia illegale in Italia, in
            realtà questa spada di Damocle c'è; poi
            comportatevi come meglio credete"? A me,
            sinceramente,
            no.A me pare che la realta' sia l'esatto opposto.Ci sono alcuni frequentatori abituali di PI che vengono qui a spargere fud per convincere la gente che e' sbagliato scambiarsi cultura.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            Confondi il download con lo streaming?

            Benissimo.
            Con questa domanda mi confermi che sono cose
            diverse.Anche per la legge italiana vigente lo sono, nel caso riguardino materiale protetto da diritti d'autore.
            Prendo atto.



            Noi siamo tecnici, tu no.

            Ah, ecco... (rotfl)

            Ridi pure se ti fa sentire meglio.Certo che rido: confondi il download con lo streaming, usi il plurale maiestatis per qualificarti quale tecnico, affermi con fastidiosa saccenza una cretinata riguardo la mia persona.


            Solo se il download va a buon fine.

            Ah, ma allora se va a buon fine cosa succede?

            Diccelo chiaro e tondo,

            "tennico"!

            Se va a buon fine, ci potrebbe essere una remota
            possibilita' che la copia sia effettivamente
            1:1
            Ma devi dimostrarlo a posteriori.Terminato il download so subito se il file mi è arrivato integro o no. Molto di rado mi arriva danneggiato e devo riscaricarlo."Remota possibilità"? Ma che schifezza di connessione a internet usi? :D


            Altrimenti no.

            Altrimenti si riscarica, no?

            No.Invece sì, se serviva quel file. Es. con la nuova versione di OpenOffice, che me ne faccio del file scaricato se contiene errori? Rifaccio subito il download, e magari cambio mirror. 8)


            Basta un solo bit di differenza e la
            copia

            non

            e'


            piu' 1:1 e quindi il tuo castello di
            carte

            crolla


            miseramente.

            Ma per fortuna la rete non è gestita da panda

            rossa, quindi il bit di differenza non

            c'è.

            Quindi stai affermando che laddove la rete e'
            gestita da Panda Rossa, il bit di differenza
            c'e', e la copia non e'
            1:1
            Prendo atto pure di questo.Quindi sto affermando che tramite internet il file arriva quasi sempre integro, e solo in rari casi danneggiato.


            e il risultato e' che dopo un po' avro'
            sul

            mio


            disco un file con NOME DIVERSO, e DATA

            DIVERSA


            rispetto


            all'originale.


            Quindi non possoamo parlare di
            duplicazione

            1:1

            Possiamo parlare però di duplicazione: i

            contenuti sono

            identici.

            Il nome del file e' un attributo dell'oggetto
            file, al pari del contenuto.
            Se il nome cambia il file e' diverso.Il nome glie l'hai voluto cambiare te, ricordi? Forse ti è sfuggito che nel mio esempio non c'era l'ipotesi di 'panda rossa' che pasticcia e poi cavilla sui pasticci che ha combinato. :



            Hai eseguito



            una duplicazione del file zip che
            prima

            era


            solo



            sul server e ora è sia sul server
            che

            sul

            tuo



            hard disk. Questa operazione è pure


            comunemente



            detta download (o scaricamento).





            Non e' lo stesso file.

            Quello resta sul server. E quello che arriva
            ha

            lo stesso contenuto.

            Il contenuto e' un SOTTINSIEME del file.
            Spesso pure contenente minore informazione del
            nome.Ciò però non avviene spesso nel caso dei file di cui si effettua il download.


            Anche in questo caso posso cambiare il
            nome

            nel


            compiere l'operazione.

            Ma anche no.

            Ma io procedo cosi',nel mio esempio non c'era l'ipotesi di 'panda rossa' che pasticcia e poi cavilla sui pasticci che ha combinato. :o
            quindi non duplico proprio
            niente.
            Oppure adesso ti metterai le ventose buone per
            dimostrare che estrarre da uno zip equivale a
            duplicare?



            Mi basta cambiare quasi niente per
            avere
            un


            risultato DIVERSO.

            Ma devi intervenire per cambiare.

            Lo fa il computer per me. Io non intervengo
            proprio.In contraddizione con la tua affermazione precedente "Anche in questo caso posso cambiare il nome nel compiere l'operazione." :o



            Abbiamo appurato che vieta la copia
            esatta

            1:1


            Non vieta quella in cui il risultato
            della

            copia


            e' una cosa diversa.

            Vieta pure la riproduzione. Casomai panda
            rossa

            voglia farci le sue piccole

            modifiche.

            Vieta pure di fumare nei cinema.Altro errore! Il comma 2 dell'art. 171-ter della legge 633/1941, la norma di cui stiamo discutendo, proprio non lo fa.



            Da notare che per l'applicabilità
            di

            questa


            norma



            non sono richiesti i fini di



            lucro.





            Questa norma verra' abrogata prima o
            poi.

            Ma non è facendo finta che non ci sia che

            scomparirà.

            Infatti mica facciamo finta.
            Facciamo delle belle campagne di
            sensibilizzazione per portare il problema
            all'attenzione dei media e dell'opinione
            pubblica.



            Un inutile dinosauro che ostacola

            Ti contraddici parecchio... allora anche tu

            riconosci che

            ostacola.

            Certo che ostacola.
            Anche la tua fastidiosa presenza qui, che
            pretende con nauseante saccenza di dimostrare
            l'indimostrabile e' un ostacolo.


            Quando tutti voi parassiti sarete estinti,Altro errore! Ma con chi ti credi di parlare?!? Con un videotechino???? :@
            e non
            ci sara' piu' nessun interesse parassitario da
            difendere, il problema si risolvera' da
            se'.



            la diffusione


            della cultura e consente a gente come
            te
            di


            pavoneggiarsi.

            Ti sembra pavoneggiarsi lo scrivere: "occhio,

            ragazzi, che nonostante alcuni frequentatori

            abituali di PI dichiarino che il download di

            materiale piratato non sia illegale in
            Italia,
            in

            realtà questa spada di Damocle c'è; poi

            comportatevi come meglio credete"? A me,

            sinceramente, no.

            A me pare che la realta' sia l'esatto opposto.Un altro errore che si somma ai precedenti errori, allo sterile cavillare e all'atteggiamento troppo spesso offensivo dei tuoi interventi.
          • panda rossa scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41

            Ridi pure se ti fa sentire meglio.
            Certo che rido: confondi il download con lo
            streaming,Non li confondo: li equiparo, visto che dal mio punto di vista il risultato e' lo stesso.
            usi il plurale maiestatis per
            qualificarti quale tecnico,Uso il plurale quando parlo a nome di altre persone che condividono l'opinione che sto esprimendo.
            affermi con
            fastidiosa saccenza una cretinata riguardo la mia
            persona.Non ho cominciato io la fastidiosa saccenza.Generalmente mi adeguo al tono dell'interlocutore.

            Ma devi dimostrarlo a posteriori.
            Terminato il download so subito se il file mi è
            arrivato integro o no.Complimenti. Io non sono cosi' bravo.Devo fare tutte le opportune verifiche e ci metto dei tempi tecnici piuttosto lunghi.Un giorno forse mi spiegherai come fai a sapere subito.
            Molto di rado mi arriva
            danneggiato e devo
            riscaricarlo.Il che conferma che il danneggiamento e' una opzione possibile.
            "Remota possibilità"? Ma che schifezza di
            connessione a internet usi?
            :DQuella che mi viene offerta dal digital divide.Oppure la legge tiene conto della qualita' delle connessoni?



            Basta un solo bit di differenza e
            la

            copia


            non


            e'



            piu' 1:1 e quindi il tuo castello
            di

            carte


            crolla



            miseramente.


            Ma per fortuna la rete non è gestita da
            panda


            rossa, quindi il bit di differenza non


            c'è.



            Quindi stai affermando che laddove la rete e'

            gestita da Panda Rossa, il bit di differenza

            c'e', e la copia non e'

            1:1

            Prendo atto pure di questo.
            Quindi sto affermando che tramite internet il
            file arriva quasi sempre integro, e solo in rari
            casi danneggiato.La legge che cosa dice a proposito di quel "quasi" e di quei "rari casi"?

            Il nome del file e' un attributo dell'oggetto

            file, al pari del contenuto.

            Se il nome cambia il file e' diverso.
            Il nome glie l'hai voluto cambiare te, ricordi?Magari me lo ha voluto cambiare il client, e io che sono ignorante ho cliccato OK.
            Forse ti è sfuggito che nel mio esempio non c'era
            l'ipotesi di 'panda rossa' che pasticcia e poi
            cavilla sui pasticci che ha combinato.
            :L'esempio e' che l'utonto clicca su OK.E anche in quel caso il file puo' arrivare sul computer dell'utonto modificato.Oppure il mio disco e' formattato FAT e il file VideoSottoCopyright.avi e' diventato VIDEOS~1.AVI

            Il contenuto e' un SOTTINSIEME del file.

            Spesso pure contenente minore informazione
            del

            nome.
            Ciò però non avviene spesso nel caso dei file di
            cui si effettua il
            download.Ripeto la domanda: la legge vale sempre oppure vale solo "spesso", "circa", "rari casi", etc.?Se vuoi insistere con le tue arrampicate sugli specchi, porta delle argomentazioni che valgono SEMPRE, e lascia perdere gli "spesso" e i "rari casi".Altrimenti ammetti che la legge e' INAPPLICABILE, rassegnati, e vivremo tutti meglio.Tu per primo.



            Anche in questo caso posso
            cambiare
            il

            nome


            nel



            compiere l'operazione.


            Ma anche no.



            Ma io procedo cosi',
            nel mio esempio non c'era l'ipotesi di 'panda
            rossa' che pasticcia e poi cavilla sui pasticci
            che ha combinato.
            :oNel mio esempio c'e' un file originario col nome lungo e un disco di destinazione formattato FAT.

            quindi non duplico proprio

            niente.

            Oppure adesso ti metterai le ventose buone
            per

            dimostrare che estrarre da uno zip equivale a

            duplicare?





            Mi basta cambiare quasi niente per

            avere

            un



            risultato DIVERSO.


            Ma devi intervenire per cambiare.



            Lo fa il computer per me. Io non intervengo

            proprio.
            In contraddizione con la tua affermazione
            precedente "Anche in questo caso posso cambiare
            il nome nel compiere l'operazione."
            :oCome vuoi. Io non cambio piu' niente.Io clicco su OK ogni volta che si apre un popup.E comunque oltre al nome cambia anche la data.



            Abbiamo appurato che vieta la copia

            esatta


            1:1



            Non vieta quella in cui il
            risultato

            della


            copia



            e' una cosa diversa.


            Vieta pure la riproduzione. Casomai
            panda

            rossa


            voglia farci le sue piccole


            modifiche.



            Vieta pure di fumare nei cinema.
            Altro errore! Il comma 2 dell'art. 171-ter della
            legge 633/1941, la norma di cui stiamo
            discutendo, proprio non lo
            fa.C'e' una legge che vieta di fumare nei cinema o non c'e'?

            Certo che ostacola.

            Anche la tua fastidiosa presenza qui, che

            pretende con nauseante saccenza di dimostrare

            l'indimostrabile e' un ostacolo.





            Quando tutti voi parassiti sarete estinti,
            Altro errore! Ma con chi ti credi di parlare?!?
            Con un videotechino????
            :@Se ti piace quell'appellativo, io non ho problemi ad applicartelo.Stai difendendo la categoria, del resto...
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41



            Ridi pure se ti fa sentire meglio.

            Certo che rido: confondi il download con lo

            streaming,

            Non li confondo: li equiparo, visto che dal mio
            punto di vista il risultato e' lo stesso.Dal punto di vista della legge italiana vigente sono cose ben diverse.
            Generalmente mi adeguo al tono dell'interlocutore.Allora dev'essermi scappata qualche frase con il tono del troll. ;)


            Ma devi dimostrarlo a posteriori.

            Terminato il download so subito se il file
            mi
            è

            arrivato integro o no.

            Complimenti. Io non sono cosi' bravo.
            Devo fare tutte le opportune verifiche e ci metto
            dei tempi tecnici piuttosto
            lunghi.
            Un giorno forse mi spiegherai come fai a sapere
            subito.Un giorno, forse.

            Molto di rado mi arriva

            danneggiato e devo

            riscaricarlo.

            Il che conferma che il danneggiamento e' una
            opzione possibile.
            La legge che cosa dice a proposito di quel
            "quasi" e di quei "rari casi"?Che se non è duplicazione del contenuto, allora è riproduzione del contenuto. Entrambi contemplati.


            Quando tutti voi parassiti sarete


            estinti,

            Altro errore! Ma con chi ti credi di
            parlare?!?

            Con un videotechino???? :@

            Se ti piace quell'appellativo, io non ho problemi
            ad applicartelo.
            Stai difendendo la categoriadei <b
            downloader </b

            del resto...
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            Guarda che il download (o scaricamento) è un caso
            particolare di duplicazione anche nel caso in cui
            si tratti di materiale lecito, mica solo nel caso
            della pirateria. :)Se si tratta di materiale lecito, non vedo dove sia il problema.Ad ogni modo, anche prendendo per buono il tuo concetto di duplicazione, rimane sempre il fatto che: se io mi ritrovo con un dato file sul computer - ad es. 1 mp3 - come fai tu a dire se io lo ho "duplicato" abusivamente oppure no? Potrei tranquillamente asserire che me lo sono fatto come "copia privata" per conto mio (aka: con i miei mezzi), e ho poi perduto l'originale regolarmente acquistato.Come fai a dimostrare il contrario?
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Guarda che il download (o scaricamento) è un
            caso

            particolare di duplicazione anche nel caso
            in
            cui

            si tratti di materiale lecito, mica solo nel
            caso

            della pirateria. :)

            Se si tratta di materiale lecito, non vedo dove
            sia il
            problema.

            Ad ogni modo, anche prendendo per buono il tuo
            concetto di duplicazione, rimane sempre il fatto
            che: se io mi ritrovo con un dato file sul
            computer - ad es. 1 mp3i problemi grossi iniziano quando il numero supera 50...
            - come fai tuio??? casomai il rappresentante delle forze dell'ordine.
            a dire se
            io lo ho "duplicato" abusivamente oppure no?
            Potrei tranquillamente asserirese si verifica il caso che te lo chiede il suddetto rappresentante delle forze dell'ordine, un buon motivo per porti tale domanda ce l'avrà, e me la immagino la tua "tranquillità nell'asserire"... :)
            che me lo sono
            fatto come "copia privata" per conto mio (aka:
            con i miei mezzi), e ho poi perduto l'originale
            regolarmente acquistato.Se riesci a convincerlo, buon per te. ;)
            Come fai a dimostrare il contrario?Non spetta a me dimostrare il contrario. Certo però che per te sarebbe più agevole esibire il CD originale per dimostrare la sussistenza del tuo diritto a detenere quei file quali copie private, specie se il suddetto rappresentante delle forze dell'ordine si presenta col tabulato del traffico internet relativo alla tua utenza e constata parecchie "coincidenze" tra link cliccati e contenuto delle memorie di massa.
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            i problemi grossi iniziano quando il numero
            supera 50...e infatti non ho ancora capito il perché di tale numero.
            io??? casomai il rappresentante delle forze dell'ordine.era un TU collettivo...
            e me la immagino la tua "tranquillità
            nell'asserire"... :)Per mia natura sono sempre molto tranquillo e rilassato, anche con le forze dell'ordine.
            Se riesci a convincerlo, buon per te. ;)Non devo convincerlo io, dev'essere lui a dimostrare che quello che dico non corrisponde al vero.
            Non spetta a me dimostrare il contrario. Certo
            però che per te sarebbe più agevole esibire il CD
            originale per dimostrare la sussistenza del tuo
            diritto a detenere quei file quali copie private,
            specie se il suddetto rappresentante delle forze
            dell'ordine si presenta col tabulato del traffico
            internet relativo alla tua utenza e constata
            parecchie "coincidenze" tra link cliccati e
            contenuto delle memorie di massa.Le coincidenze non sono prove, al massimo indizi.
          • ora lo sai scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            i problemi grossi iniziano quando il numero

            supera 50...

            e infatti non ho ancora capito il perché di tale
            numero.Perché è il numero previsto dal comma 2 dell'art. 171-ter della legge 633/41:È punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da euro 2.582 a euro 15.493 chiunque:a) riproduce, duplica, trasmette o diffonde abusivamente, vende o pone altrimenti in commercio, cede a qualsiasi titolo o importa abusivamente <b
            oltre cinquanta copie o esemplari </b
            di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi;Se il tuo dubbio invece riguarda il perché la legge sia scritta proprio così, vista la pesantezza della sanzione il legislatore non ha voluto lasciare nell'incertezza cosa intendesse per "se il fatto è di rilevante gravità", incertezza che avrebbe lasciato troppo spazio alle più disparate interpretazioni.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            i problemi grossi iniziano quando il numero

            supera 50...

            e infatti non ho ancora capito il perché di tale
            numero.Quoto la risposta di 'ora lo sai'.http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3626287&m=3635765#p3635765

            io??? casomai il rappresentante delle forze
            dell'ordine.

            era un TU collettivo...era un TU fastidioso.

            Se riesci a convincerlo, buon per te. ;)

            Non devo convincerlo io, dev'essere lui a
            dimostrare che quello che dico non corrisponde al
            vero.


            Non spetta a me dimostrare il contrario.
            Certo

            però che per te sarebbe più agevole esibire
            il
            CD

            originale per dimostrare la sussistenza del
            tuo

            diritto a detenere quei file quali copie
            private,

            specie se il suddetto rappresentante delle
            forze

            dell'ordine si presenta col tabulato del
            traffico

            internet relativo alla tua utenza e constata

            parecchie "coincidenze" tra link cliccati e

            contenuto delle memorie di massa.
            Le coincidenze non sono prove, al massimo indizi.Nel senso che i dati coincidono, non che si tratta di una coincidenza fortuita.prova n.1: il rappresentante delle forze dell'ordine ti trova i file piratati nell'hard disk, dei quali non sei in grado di esibire l'originale legalmente acquisito;prova n.2: il tabulato del traffico internet relativo alla tua utenza dimostra che per ciascuno di questi file piratati presenti sul tuo hard disk hai fatto clic in un ben preciso momento.
          • panda rossa scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            Nel senso che i dati coincidono, non che si
            tratta di una coincidenza
            fortuita.

            prova n.1: il rappresentante delle forze
            dell'ordine ti trova i file piratati nell'hard
            disk, dei quali non sei in grado di esibire
            l'originale legalmente
            acquisito;Io dico che non li trova.
            prova n.2: il tabulato del traffico internet
            relativo alla tua utenza dimostra che per
            ciascuno di questi file piratati presenti sul tuo
            hard disk hai fatto clic in un ben preciso
            momento.Quindi, non avendo trovato nessuno di quei files, automaticamente i sospetti cadono, e scatta la controquerela.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 633.41


            Nel senso che i dati coincidono, non che si

            tratta di una coincidenza

            fortuita.



            prova n.1: il rappresentante delle forze

            dell'ordine ti trova i file piratati
            nell'hard

            disk, dei quali non sei in grado di esibire

            l'originale legalmente

            acquisito;

            Io dico che non li trova.Vedo che finalmente cominci a capire quel che intendo. Perché prendersi la briga di criptare le memorie di massa? Mogli curiosone a parte, beninteso... ;)

            prova n.2: il tabulato del traffico internet

            relativo alla tua utenza dimostra che per

            ciascuno di questi file piratati presenti
            sul
            tuo

            hard disk hai fatto clic in un ben preciso

            momento.

            Quindi, non avendo trovato nessuno di quei files,
            automaticamente i sospetti cadono,con Tor il tabulato del traffico internet dell'utente non sarebbe stato particolarmente significativo. Ma Tor rallenta, costa un po' di fatica... perché utilizzarlo?
            e scatta la controquerela.Anche se c'è solo un mandato di perquisizione?
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            era un TU fastidioso.Non è colpa mia se non sai cos'è un TU generico-collettivo...studia un po' di grammatica va'.
            Nel senso che i dati coincidono, non che si
            tratta di una coincidenza fortuita.

            prova n.1: il rappresentante delle forze
            dell'ordine ti trova i file piratati nell'hard
            disk, dei quali non sei in grado di esibire
            l'originale legalmente acquisito;Cosa che potrebbe tranquillamente accadere a tutti. Molti CD comprati anni fa, ora non li ho più (in parte li ho persi/prestati, in parte si sono rovinati col tempo). Stesso dicasi per le "antiche" musicassette...Il solo fatto che io non sia in condizione di esibire gli originali "alla mano" <b
            non </b
            vuol dire che debba per forza aver ottenuto tale materiale per vie illecite.
            prova n.2: il tabulato del traffico internet
            relativo alla tua utenza dimostra che per
            ciascuno di questi file piratati presenti sul tuo
            hard disk hai fatto clic in un ben preciso
            momento.Sui tabulati d'internet, non c'è registrato nessun "click". C'è scritto solo che l'IP assegnato a me in un dato momento si è connesso ad un altro IP (presumibilmente quello detenente il materiale pirata) ed è stata avviata una comunicazione tra le due macchine (probabilmente al fine di trasferire files).Non bisogna però dimenticare che l'IP, soprattutto se dinamico, identifica una macchina NON la persona che ci sta dietro. Il solo fatto che sui tabulati ci sia il mio IP, <b
            non </b
            significa che sia stato veramente io a commettere quelle azioni. Chiunque, dai un mio amico a un mio parente, potrebbe aver avuto acXXXXX al mio PC e commesso il "fattaccio".E non dimentichiamoci del wi-fi...
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            "rispetto alla nuova operazione di
            duplicazione"...
            Appunto, relativamente alla nuova operazione di
            duplicazione.Relativamente a che?Che vuol dì cambiare punto di riferimento ogni volta che fai 'na copia? Non ha senso...Il punto di riferimento dev'essere fisso, unico ed assoluto.E tale punto di riferimento consiste nell'originale (aka: la sorgente), da cui poi derivano tutte le svariate forme di 'copie'.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            "rispetto alla nuova operazione di

            duplicazione"...


            Appunto, relativamente alla nuova operazione
            di

            duplicazione.

            Relativamente a che?
            Che vuol dì cambiare punto di riferimento ogni
            volta che fai 'na copia? Non ha
            senso...In informatica ce l'ha.
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            In informatica ce l'ha.No, non ce l'ha. Non nel senso comune dell'utente medio, almeno.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            In informatica ce l'ha.

            No, non ce l'ha. Non nel senso comune dell'utente
            medio, almeno.
            Ma per favore! Non selezioni uno o più file prima di dare il comando 'copia'? Quelli sono l'originale dell'operazione specifica di duplicazione che stai compiendo in quel momento lì.
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: 633.41
            Ma per favore! Non selezioni uno o più file prima
            di dare il comando 'copia'? Quelli sono
            l'originale dell'operazione specifica di
            duplicazione che stai compiendo in quel momento
            lì.A meno che non siano essi stessi già il risultato di una precedente copia."Copia" in ambito informatico non ha lo stesso significato di "duplicare" in ambito legale.
          • 633.41 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: 633.41


            Ma per favore! Non selezioni uno o più file
            prima

            di dare il comando 'copia'? Quelli sono

            l'originale dell'operazione specifica di

            duplicazione che stai compiendo in quel
            momento

            lì.

            A meno che non siano essi stessi già il risultato
            di una precedente copia.Sto parlando di normali file, sia chiaro, mica dell'"originale" = CD/DVD/ecc. E della consueta operazione di copia di uno o più file.
            "Copia" in ambito informatico non ha lo stesso
            significato di "duplicare" in ambito legale.E "copiare"?
          • FDG scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            Compra anche, ma ruba anche!Magari cose che non comprerebbe se non avesse la possibilità di scaricarle? Non è che la gente ha disponibilità di soldi infinita. Questo è un punto importante. Magari scarica di tutto ma si potrebbe solo permettere di comprare una minima parte delle cose che scarica... cioè magari quella che ora compra, no? :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 ottobre 2012 10.25-----------------------------------------------------------
          • FinalCut scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: ThEnOra


            Compra anche, ma ruba anche!

            Magari cose che non comprerebbe se non avesse la
            possibilità di scaricarle? Non è che la gente ha
            disponibilità di soldi infinita. Questo è un
            punto importante. Magari scarica di tutto ma si
            potrebbe solo permettere di comprare una minima
            parte delle cose che scarica... cioè magari
            quella che ora compra, no?
            :)E con quale diritto?Quindi stai dicendo che se desidero una pelliccia per la mia donna posso entrare in un negozio e uscire con una pelliccia a sbafo perché non posso permettermela? :o(newbie)
          • panda rossa scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: FinalCut
            Quindi stai dicendo che se desidero una pelliccia
            per la mia donna posso entrare in un negozio e
            uscire con una pelliccia a sbafo perché non posso
            permettermela?
            :o(newbie)Puoi entrare in un negozio, guardare la pelliccia, provarla, e poi replicartela uguale a quella, lasciando la pelliccia che hai preso come campione esattamente dove si trova, nello stato in cui si trova.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!

            E con quale diritto?

            Quindi stai dicendo che se desidero una pelliccia
            per la mia donna posso entrare in un negozio e
            uscire con una pelliccia a sbafo perché non posso
            permettermela?
            :o(newbie)La domanda, piuttosto, è: dopo che tu sei passato, al negoziante manca una pelliccia? Se la risposta è sì, tu sei un ladro. Ma se il negoziante ha esattamente le stesse pellicce che aveva prima, non vedo come possa accusarti di qualcosa.
          • FinalCut scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: uno qualsiasi

            E con quale diritto?



            Quindi stai dicendo che se desidero una
            pelliccia

            per la mia donna posso entrare in un negozio
            e

            uscire con una pelliccia a sbafo perché non
            posso

            permettermela?

            :o(newbie)

            La domanda, piuttosto, è: dopo che tu sei
            passato, al negoziante manca una pelliccia?No, la domanda giusta è: "tu" hai ripagato almeno in piccola parte il produttore del film dello sforzo di produrlo oppure te lo sei visto a sbafo?
            Se la risposta è sì, tu sei un ladro. Se la risposta è no, tu sei un ladro.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!


            La domanda, piuttosto, è: dopo che tu sei

            passato, al negoziante manca una pelliccia?

            No, la domanda giusta è: "tu" hai ripagato almeno
            in piccola parte il produttore del film dello
            sforzo di produrlo oppure te lo sei visto a
            sbafo?Pagare per cosa? Non ho chiesto io di produrlo. Se non vuoi lavorare gratis, non produrre più, non mi offendo.


            Se la risposta è sì, tu sei un ladro.

            Se la risposta è no, tu sei un ladro.Cerca di rileggere quando scrivi... altrimenti potrei dirti: la risposta è sì, me li sono visto gratis, quindi tu ammetti che non sono un ladro, visto che non ho risposto no.
          • Animal Rights scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!

            Quindi stai dicendo che se desidero una pelliccia
            per la mia donna posso entrare in un negozio e
            uscire con una pelliccia a sbafo perché non posso
            permettermela? Sai quanti animali non umani vengono uccisi, per realizzare quella pelliccia? Ti sembra giusto causare la morte di esseri senzienti solo per un rituale di corteggiamento?http://www.peta.org
          • panda rossa scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: Animal Rights

            Quindi stai dicendo che se desidero una
            pelliccia

            per la mia donna posso entrare in un negozio
            e

            uscire con una pelliccia a sbafo perché non
            posso

            permettermela?

            Sai quanti animali non umani vengono uccisi, per
            realizzare quella pelliccia?

            Ti sembra giusto causare la morte di esseri
            senzienti solo per un rituale di
            corteggiamento?

            http://www.peta.orgGrazie per l'OT, se ne sentiva davvero il bisogno.
          • FinalCut scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: Sgabbio
            no. Chi scarica compra anche.Forse, (ma proprio forse) se si parla di musica e andrebbe provata con fatti "reali".IMHO e per quello che mi è dato vedere con film e software NON è così.Chi ama il cinema fa un salto in videoteca, che scarica non compra e non noleggia MAI nulla, forse va al cinema con gli amici ma è incidentale.Stesso discorso con i software, un Photoshop crackato non si tradurrà mai in una nuova licenza.(apple)(linux)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!

            Chi ama il cinema fa un salto in videoteca, che
            scarica non compra e non noleggia MAI nulla,Magari compra, se gli interessa il cofanetto originale. Di certo non noleggia, che motivo avrebbe di farlo?
            forse va al cinema con gli amici ma è
            incidentale.Il cinema è un modo per passare una serata con gli amici. Non c'entra molto con la visione del film.
          • FinalCut scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Chi ama il cinema fa un salto in videoteca,
            che

            scarica non compra e non noleggia MAI nulla,

            Magari compra, se gli interessa il cofanetto
            originale. Di certo non noleggia, che motivo
            avrebbe di
            farlo?Ma LOL!!!! Chi compra i cofanetti sono i fansss (di Star Wars, Star Trek, ...), gli amanti del cinema, sono tutta un'altra cosa...Se mi hai risposto così significa che tu un amante del cinema non lo hai mai conosciuto neanche per sbaglio.


            forse va al cinema con gli amici ma è

            incidentale.

            Il cinema è un modo per passare una serata con
            gli amici. Non c'entra molto con la visione del
            film.Già... magari un bel cinepanettone eh.... che tristezza.... ricordati il cofanetto...
          • panda rossa scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: FinalCut
            Ma LOL!!!! Chi compra i cofanetti sono i fansss
            (di Star Wars, Star Trek, ...), gli amanti del
            cinema, sono tutta un'altra
            cosa...Sono quelli che noleggiano?
            Se mi hai risposto così significa che tu un
            amante del cinema non lo hai mai conosciuto
            neanche per
            sbaglio.Io ho conosciuto Alain Delon.E' un amante, e' uno del cinema...
        • dontfeed in sciopero scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          - Scritto da: ThEnOra
          - Scritto da: Izio01



          Non mi sembra proprio, su che base lo
          affermi?

          Come fai a dire che, in assenza di
          pirateria,
          gli

          scariconi manterrebbero comunque la base di
          1400

          file

          legali?

          A me bastano gli acquisti degli utenti non P2P.
          Poi non avrò scuse e voi non sentirete le major
          lamentarsi per la pirateria (e che non sia questo
          il punto vero della
          questione!)Quello che basta a te o le scuse di cui tu hai bisogno non interessano a nessuno.No dico, francamente, ti rendi conto di quello che dici?


          Guarda che c'è gente che ha commentato che
          usa
          il

          P2P per conoscere musica e poi, se trova
          qualcosa

          che apprezza, compra. Non tutti faranno così
          ma

          nemmeno puoi decidere che non lo faccia
          nessuno,

          eh!

          Secondo me è solo incidentale, per cui
          trascurabile.Secondo me, + stringi la vite + gente non comprerà per non finanziare un sistema che gli mette le mani alla gola.Da quando leggo le vostre reprimenda contro gli "scariconi" non ho + comprato un cd musicale o un dvd di un film. E non lo farò finchè il vostro atteggiamente sarà questo.Ecco dove vi conduce la vostra "politica", al vostro stesso impoverimento.Complimenti.
          Il punto è che io comunque voglio guadagnare SOLO
          DAGLI UTENTI CHE NON SCARICANO E PRETENDO CHE
          COSI' SIA, PER RISPETTO DEL MIO LAVORO E PER CHI
          QUEI CONTENUTI LI PAGA!L'erba voglio cresce solo nel giaridno del re.
          E' tanto difficile
          comprendere questo concetto?Sì, è delirante e francamente mi è impossibile comprenderlo.Quello che ti chiedo io è, possibile che tu non capisca che tutti i soldi miei che avrai sono quelli che ti voglio dare?
          Si tratta di
          libertà, che per essere tale deve ESSERE
          RISPETTATA!La libertà di tutti deve essere rispettata non solo la tua.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: dontfeed in sciopero

            La libertà di tutti deve essere rispettata non
            solo la
            tua.La tua libertà di scaricare aggratis, non si chiama libertà ma rubare. Punto. Mettitelo nella zucca!
          • krane scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: dontfeed in sciopero

            La libertà di tutti deve essere

            rispettata non solo la tua.
            La tua libertà di scaricare aggratis, non
            si chiama libertà ma rubare. Punto. Mettitelo
            nella zucca!Non hai risposto alla mia domanda sopra: preferiresti che la gente comprasse di meno non scaricando ?
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            Assolutamente si, così anche le major non avranno più scuse per piangere...!!!
          • krane scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            Assolutamente si, così anche le major non avranno
            più scuse per piangere...!!!Come no ?Piangeranno perche' vendono meno a causa della mancanza dello scaricamento.Ma veramente tu pensi che finita una scusa non se ne inventa un'altra ?
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            Assolutamente si, così anche le major non avranno
            più scuse per piangere...!!!Le major le scuse ce le avranno sempre, e quando non ce le hanno se le inventano. Tant'è che è stato spesso dimostrato che sono loro stessi ad immettere la roba sui canali p2p, al solo scopo di poter poi prendersela con chi scarica piangendo miseria.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            E io preferirei che tu andassi in giro bendato. E quindi?Se fai richieste assurde, nessuno ti ascolterà, sarai solo sbeffeggiato.Se non vuoi che vediamo o ascoltiamo una tua opera, non pubblicarla e smetti di piagnucolare.
          • dontfeed in sciopero scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: ThEnOra

            - Scritto da: dontfeed in sciopero



            La libertà di tutti deve essere


            rispettata non solo la tua.


            La tua libertà di scaricare aggratis, non

            si chiama libertà ma rubare. Punto.
            Mettitelo


            nella zucca!

            Non hai risposto alla mia domanda sopra:
            preferiresti che la gente comprasse di meno non
            scaricando
            ?Non rispondono a nessuna domanda.Men che mai quando gli chiedo perchè dovrei comprare qualcosa che non voglio comprare.
          • krane scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: dontfeed in sciopero
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: ThEnOra


            - Scritto da: dontfeed in sciopero





            La libertà di tutti deve essere



            rispettata non solo la tua.




            La tua libertà di scaricare aggratis,
            non



            si chiama libertà ma rubare. Punto.

            Mettitelo




            nella zucca!



            Non hai risposto alla mia domanda sopra:

            preferiresti che la gente comprasse di meno
            non

            scaricando

            ?

            Non rispondono a nessuna domanda.
            Men che mai quando gli chiedo perchè dovrei
            comprare qualcosa che non voglio
            comprare.E invece ha risposto che preferirebbe vendere meno...(rotfl)
          • dontfeed in sciopero scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: dontfeed in sciopero

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: ThEnOra



            - Scritto da: dontfeed in sciopero







            La libertà di tutti deve
            essere





            rispettata non solo la tua.






            La tua libertà di scaricare
            aggratis,

            non





            si chiama libertà ma rubare. Punto.


            Mettitelo






            nella zucca!





            Non hai risposto alla mia domanda sopra:


            preferiresti che la gente comprasse di
            meno

            non


            scaricando


            ?



            Non rispondono a nessuna domanda.

            Men che mai quando gli chiedo perchè dovrei

            comprare qualcosa che non voglio

            comprare.

            E invece ha risposto che preferirebbe vendere
            meno...
            (rotfl)E chi ci crede?Questa gente è incredibile, è artigliata ai loro privilegi con le unghie e con i denti. Preferiscono vagheggiare un mondo capovolto, piuttosto che deicdersi a modificare il loro modello di business.
          • krane scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: dontfeed in sciopero
            - Scritto da: krane

            E invece ha risposto che preferirebbe vendere

            meno...

            (rotfl)
            E chi ci crede?Nessuno ovviamente (rotfl)
            Questa gente è incredibile, è artigliata ai loro
            privilegi con le unghie e con i denti.
            Preferiscono vagheggiare un mondo capovolto,
            piuttosto che deicdersi a modificare il loro
            modello di business.
          • dontfeed in sciopero scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: dontfeed in sciopero



            La libertà di tutti deve essere rispettata
            non

            solo la

            tua.

            La tua libertà di scaricare aggratis, non si
            chiama libertà ma rubare. Punto. Mettitelo nella
            zucca!La tua volontà di farmi pagare quello che non voglio comprare si chiama estorsione o truffa.E' questo è molto + vero delle vostre sciocchezze sul "rubare".Se volete i miei soldi dovete lavorare, è chiaro o no?LA VO RA RE.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            Citami la legge che considera li scaricamento come un furto.Altrimenti, avrai commesso reato di calunnia.
          • Izio01 scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: dontfeed in sciopero



            La libertà di tutti deve essere rispettata
            non

            solo la

            tua.

            La tua libertà di scaricare aggratis, non si
            chiama libertà ma rubare. Punto. Mettitelo nella
            zucca!Invece fregarsi un bel po' di soldi miei ogni volta che compro un cellulare, un PC o un hard disk non è rubare, no?Oppure vincolare con restrizioni assurde gli acquisti che ho pagato, sempre con la scusa della pirateria ma in realtà per obbligare la gente a pagare venti volte gli stessi contenuti o a non poterli rivendere una volta esaurito l'interesse: questo non è rubare?I ladri peggiori sono le major e non mi fanno alcuna pietà.
          • PCMaster scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            Assolutamente si, così anche le major non avranno
            più scuse per
            piangere...!!!Veramente stai dicendo il falso, si chiama violazione del diritto d'autore, diverso dal reato di furto, che riguarda situazioni diverse rispetto al download di copie non autorizzate.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 ottobre 2012 19.43-----------------------------------------------------------
        • NemoTizen scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          In verità le major continueranno a lamentarsi per il semplice fatto che il pianto frutta, vedi balzelli e amenità varie chi produce contenuti continua a guadagnare, se è bravo a sfruttarli.Il cinema è solo un esempio persino l'universal ha ammesso che l'hype generato dal p2p aumenta l'affluenza nei cinema, ti ricordo sempre che attualmente un film che esce al cinema ci mette nemmeno 2 giorni a coprire i costi di produzione...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: NemoTizen
            In verità le major continueranno a lamentarsi Quando falliranno, smetteranno. Questo è l'obiettivo a cui puntare.
      • FDG scrive:
        Re: Chi ruba di più, spende di più!
        - Scritto da: Izio01
        Non mi sembra proprio, su che base lo affermi?
        Come fai a dire che, in assenza di pirateria, gli
        scariconi manterrebbero comunque la base di 1400
        file legali?Questa è la questione. Non si può sostenere ne che chi scarica di più compra meno di quello che comprerebbe se non lo potesse scaricare ne il contrario. Bisognerebbe almeno capire cosa cambia in funzione della disponibilità di download o mettere in correlazione questi dati con la capacità di spesa dei soggetti.Certo, io ricordo che ai tempi del software su floppy o CD, la gente che piratava di tutto alla fine usava realmente solo una piccola percentuale del software piratato. E spendeva un sacco in supporti.
        • Izio01 scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          - Scritto da: FDG
          - Scritto da: Izio01


          Non mi sembra proprio, su che base lo
          affermi?

          Come fai a dire che, in assenza di
          pirateria,
          gli

          scariconi manterrebbero comunque la base di
          1400

          file legali?

          Questa è la questione. Non si può sostenere ne
          che chi scarica di più compra meno di quello che
          comprerebbe se non lo potesse scaricare ne il
          contrario. Bisognerebbe almeno capire cosa cambia
          in funzione della disponibilità di download o
          mettere in correlazione questi dati con la
          capacità di spesa dei
          soggetti.

          Certo, io ricordo che ai tempi del software su
          floppy o CD, la gente che piratava di tutto alla
          fine usava realmente solo una piccola percentuale
          del software piratato. E spendeva un sacco in
          supporti.Io personalmente apprezzo i servizi che mi fanno acquistare musica a prezzo conveniente e senza DRM ca2zuti. Da quando mi sono iscritto a uno di questi servizi spendo volentieri i miei soldi per scoprire nuova musica e ho scoperto che ci sono tanti gruppi poco conosciuti che mi piacciono.Per contro sono sempre più incavolato sul fronte videogiochi o più in generale software, perché sempre più passa il concetto che l'importante è avere i miei soldi e non fornirmi un prodotto funzionante. Nemmeno per problemi tecnici ma per questioni di protezione con controllo remoto, e questo non lo sopporto. Quando poco tempo fa è uscito Final Fantasy VII "remastered" sono andato subito alla pagina di acquisto con l'idea di comprarlo, anche solo per questioni nostalgiche, ma ho visto subito che era protetto con DRM. Una rapida ricerca in rete mi ha fatto scoprire che parecchia gente l'ha comprato e ha avuto svariati problemi con l'attivazione, morale: al diavolo Squaresoft, hanno perso un acquirente.La morale è: se invece di preoccuparsi tanto della pirateria si concentrassero sui loro utenti paganti, secondo me ci guadagnerebbero in termini di vendite assolute. Io credo che sia meglio vendere dieci milioni di copie in presenza di venti milioni di copie pirata, che vendere un milione di copie originali ma non avere pirateria.
          • n00b scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            Non solo, ma se pensi che la copia pirata è esente da DRM...Un altro incentivo a piratare; se no, oltre a pagare per il gioco, paghi anche per farti rompere le palle dal DRM.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Chi ruba di più, spende di più!
      - Scritto da: ThEnOra
      [img]http://piracy.americanassembly.org/wp-content

      Lo studio dunque vorrebbe sostenere che "io son
      meglio perchè rubo di più ma spendo di più di te
      che rubi poco e spendi meno". Dal grafico invece
      vedo che gli scariconi hanno meno file legali
      rispetto a chi non è scaricone.Chi ha mai parlato di rubare?Se tu rubi (ad esempio, vai nei negozi e ti prendi i dvd senza pagare) sei un caso isolato.Chi usa il p2p non ruba nulla.
      La verità è che quel 30% in più l'utente P2P lo
      avrebbe speso comunque, a prescindere dal P2P si
      o no, considerando il rapporto di file
      legali/illegali tra utenti P2P e
      non.E allora perchè gli vuoi rompere le scatole se usa il p2p?In tal caso ammetti che per l'utente sarebbe meglio se tu non esistessi.
      • Allibito scrive:
        Re: Chi ruba di più, spende di più!
        - Scritto da: uno qualsiasi
        - Scritto da: ThEnOra


        [img]http://piracy.americanassembly.org/wp-content



        Lo studio dunque vorrebbe sostenere che "io
        son

        meglio perchè rubo di più ma spendo di più
        di
        te

        che rubi poco e spendi meno". Dal grafico
        invece

        vedo che gli scariconi hanno meno file legali

        rispetto a chi non è scaricone.

        Chi ha mai parlato di rubare?

        Se tu rubi (ad esempio, vai nei negozi e ti
        prendi i dvd senza pagare) sei un caso
        isolato.
        Chi usa il p2p non ruba nulla.



        La verità è che quel 30% in più l'utente P2P
        lo

        avrebbe speso comunque, a prescindere dal
        P2P
        si

        o no, considerando il rapporto di file

        legali/illegali tra utenti P2P e

        non.

        E allora perchè gli vuoi rompere le scatole se
        usa il
        p2p?

        In tal caso ammetti che per l'utente sarebbe
        meglio se tu non
        esistessi.Parti male, chi scarica ruba, si appropria di beni altrui anche se immateriali e anche se riproducibili, quindi tutto quel che viene dopo non ha senso se parti al contrario.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          - Scritto da: Allibito
          Parti male, chi scarica ruba,Dimmelo, DILLO DOVE STA LA TUA VIDEOTECA DEL XXXXX, VENGO LI' A <B
          RUBARTI </B
          TUTTI I FILM COSI' FORSE QUANDO NON AVRAI PIU' NIENTE DA GUARDARE CAPIRAI LA DIFFERENZA TRA COPIA E FURTO.Magari ci cago pure dentro alla tua videoteca. Profumerà di più.
          si appropria di
          beni altrui anche se immateriali e anche se
          riproducibili,Non è così ma anche fosse dov'è il problema? L'hai detto tu SONO RIPRODUCIBILI: fattene un'altra copia quindi.QUELLI COME TE NON SONO BENE ACCETTI SU PUNTO INFORMATICO.DEVI ANDARE A FARE IN XXXX, TORNATENE SUL FOHE IN MEZZO ALLE MERDE TUE PARI.E CIUCCIAMI STO XXXXX!!!!!!!!!
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!


          In tal caso ammetti che per l'utente sarebbe

          meglio se tu non

          esistessi.
          Parti male, chi scarica rubaNo: rubare significa sottrarre qualcosa, e scaricando non si sottrae nulla.
          , si appropria di
          beni altrui anche se immaterialiSi appropria di beni altrui <b
          che gli sono stati ceduti volontariamente dal possessore </b
          .Se qualcuno mette un file a disposizione sul P2P, lo ha fatto <b
          volontariamente </b
          , e quindi se io lo prendo non rubo nulla: è lui che me lo ha dato.E se tu mi dici che chi l'ha messo online non doveva farlo perchè il file non era suo, io ti rispondo: tu glielo hai <b
          venduto </b
          , quindi ora è suo e non è più tuo. Se pretendi che sia ancora tuo gli devi restituire i soldi che ti ha pagato, più una mora.
        • dontfeed in sciopero scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          - Scritto da: Allibito
          Parti male, chi scarica ruba,Sciocchezza uno.
          si appropria di
          beni altrui anche se immateriali e anche se
          riproducibili, Sciocchezza due
          quindi tutto quel che viene dopo
          non ha senso se parti al
          contrario.Sciocchezza logica 3.Aggiudicato.
        • Free world scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!

          Parti male, chi scarica ruba, si appropria di
          beni altrui anche se immateriali e anche seahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    • panda rossa scrive:
      Re: Chi ruba di più, spende di più!
      - Scritto da: ThEnOra
      [img]http://piracy.americanassembly.org/wp-content

      Lo studio dunque vorrebbe sostenere che "io son
      meglio perchè rubo di più ma spendo di più di te
      che rubi poco e spendi meno". Dal grafico invece
      vedo che gli scariconi hanno meno file legali
      rispetto a chi non è scaricone.

      La verità è che quel 30% in più l'utente P2P lo
      avrebbe speso comunque, a prescindere dal P2P si
      o no, considerando il rapporto di file
      legali/illegali tra utenti P2P e
      non.

      Sostenere il contrario è essere in malafede.Guarda che la questione e' molto piu' semplice di come la poni tu.Punto primo: la musica si vende ancora oppure no?Se si vende ancora, e tu me lo puoi confermare, vuol dire che qualcuno la compra.Punto secondo: chi compra la musica? Chi ne fruisce o chi non la ascolta?Qualunque bimbo dell'asilo puo' rispondere a questa domanda.Quindi possiamo concludere che chi fruisce di musica, compra la musica.Cio' premesso, che ti frega sapere chi e' che scarica?E' ovvio che sara' comunque qualcuno che la musica la ascolta.Perche' se anche ci fosse qualcuno che scarica per scaricare e manco se la ascolta, che ti cambia?Quello che e' certo e' che chi la musica non la ascolta, sicuramente non la compra.Questo spiega il grafico, mica le arrampicate sugli specchi.
      • ThEnOra scrive:
        Re: Chi ruba di più, spende di più!
        - Scritto da: panda rossa

        Quindi possiamo concludere che chi fruisce di
        musica, compra la
        musica.Secondo questo studio no! Io ci leggo che molti utenti che scaricano comprano, ma altrettanto non comprano ciò che scaricano. Ergo, ascoltano di tutto ma comprano solo ciò che gli interessa AVERE LEGALMENTE. Il resto se lo procurano aggratis. E' QUESTO IL PUNTO: APPROPRIARSI DI UNA COSA CHE POTREBBERE AVERE SOLO PAGANDO, e ciò non mi sembra una condotta corretta!
        Cio' premesso, che ti frega sapere chi e' che
        scarica?Mi serve per calcolare il possibile DANNO da pratiche che in un MONDO REALE FISICO sarebbero effettive!
        E' ovvio che sara' comunque qualcuno che la
        musica la
        ascolta.
        Perche' se anche ci fosse qualcuno che scarica
        per scaricare e manco se la ascolta, che ti
        cambia?Non è logico.
        Quello che e' certo e' che chi la musica non la
        ascolta, sicuramente non la
        compra.Questo è logico.
        Questo spiega il grafico, mica le arrampicate
        sugli
        specchi.Lo studio dimostra invece che chi scarica ascolta, ma non compra tutto ciò che scarica, presumibilmente ascoltandolo... e non mi venite a dire che lo scaricone fa click click click su qualsiasi cosa che dice "download"!Vediamo ora come ti arrampichi te!
        • anon scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          - Scritto da: ThEnOra
          E' QUESTO IL PUNTO: APPROPRIARSI DI UNA
          COSA CHE POTREBBERE AVERE SOLO PAGANDO, e ciò non
          mi sembra una condotta corretta!Il mondo è pieno di condotte "scorrette". E' ora di crescere ed accettare la realtà per quella che è. Continuare a piagnucolare e lamentarsi non serve a niente, se non ad infastidire chi è costretto a sorbirsi suddette lamentele.
          Lo studio dimostra invece che chi scarica
          ascolta, ma non compra tutto ciò che scarica,
          presumibilmente ascoltandolo...E' anche ovvio che non si può pretendere che una persona normale, con uno stipendio normale, compri tutto ciò che gli capiti di ascoltare.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: ThEnOra


            E' QUESTO IL PUNTO: APPROPRIARSI DI UNA

            COSA CHE POTREBBERE AVERE SOLO PAGANDO, e
            ciò
            non

            mi sembra una condotta corretta!

            Il mondo è pieno di condotte "scorrette". E' ora
            di crescere ed accettare la realtà per quella che
            è. Continuare a piagnucolare e lamentarsi non
            serve a niente, se non ad infastidire chi è
            costretto a sorbirsi suddette lamentele.Voti PDL?

            Lo studio dimostra invece che chi scarica

            ascolta, ma non compra tutto ciò che scarica,

            presumibilmente ascoltandolo...

            E' anche ovvio che non si può pretendere che una
            persona normale, con uno stipendio normale,
            compri tutto ciò che gli capiti di
            ascoltare.Ti ritieni giustificato?
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            Voti PDL?Che c'entra?
            Ti ritieni giustificato?Giustificato nel far cosa? Io ti ho solo fatto notare una semplice ovvietà: e cioè che non puoi pretendere che uno paghi per ogni nota musicale passante attraverso le orecchie.Perché? Primo perché è un'utopia, e secondo perché non è fattibile.
        • rexy scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!

          Lo studio dimostra invece che chi scarica
          ascolta, ma non compra tutto ciò che scarica,
          presumibilmente ascoltandolo... e non mi venite a
          dire che lo scaricone fa click click click su
          qualsiasi cosa che dice
          "download"!

          Vediamo ora come ti arrampichi te!Davvero, non posso credere che tu non comprenda il concetto. credo che tu (punto nel vivo del tuo business probabilmente) non voglia sentire ragioni.Oltre al fatto che le discussione sono parecchio aspre.termino la frase che tu hai lasciato in sospeso.Lo studio dimostra invece che chi scaricaascolta, ma non compra tutto ciò che scarica,presumibilmente ascoltandolo... e reputandolo un XXXXX da non comprare e di conseguenza cancellandolo dalla propria collezione.Ecco perchè chi scarica "di più" prova statisticamente più nuovi artisti e trova statisticamente più nuovi brani/album da comprare.Questo dimostra lo studio. Semplicemente.Con rispetto, mi sembra ovvia come interpretazione dei dati.Tant'è vero che chi scarica "meno" prova meno artisti e ne trova meno di suo gradimento... è impensabile, come tu sostieni che questo "non downloader" compri tutti gli album/brani nuovi per cercare nuovi artisti e poi rivenda (ove conXXXXXgli) o "getti" gli album che non li piacciono.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!

          Il resto se lo procurano
          aggratis. E' QUESTO IL PUNTO: APPROPRIARSI DI UNA
          COSA CHE POTREBBERE AVERE SOLO PAGANDO, e ciò non
          mi sembra una condotta
          corretta!Il fatto non sussiste: un bene digitale non è una cosa che si potrebbe avere solo pagando, perchè è possibile farne infinite copie.Quindi, chi scarica non si appropria di qualcosa che potrebbe avere solo pagando, visto che il file non rientra in tale definizione.

          Mi serve per calcolare il possibile DANNO da
          pratiche che in un MONDO REALE FISICO sarebbero
          effettive!"Possibile".... "sarebbero"... visto che si tratta di pratiche che avvengono nel MONDO DIGITALE, e non sono effettive nel mondo reale fisico, il tuo calcolo del danno è privo di significato, perchè descrive una situazione irreale.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          - Scritto da: ThEnOra

          Secondo questo studio no! Io ci leggo che molti
          utenti che scaricano comprano, ma altrettanto non
          comprano ciò che scaricano. Ergo, ascoltano di
          tutto ma comprano solo ciò che gli interessa
          AVERE LEGALMENTE. Il resto se lo procurano
          aggratis. E' QUESTO IL PUNTO: APPROPRIARSI DI UNA
          COSA CHE POTREBBERE AVERE SOLO PAGANDO, e ciò non
          mi sembra una condotta
          corretta!Invece è più corretto buttare i soldi nel vuoto comprato cose che poi si rivelano delle XXXXXte assolute ? Non sai quanto il download per altre vie, mi ha salvato il portafoglio più di una volta.Tu saresti contento di comprare qualcosa a scatola chiusa, ma poi questa cosa si rivela un fregatura ?

          Mi serve per calcolare il possibile DANNO da
          pratiche che in un MONDO REALE FISICO sarebbero
          effettive!bla bla bla la solita storiella del "download = Mancato guadagno".
          Lo studio dimostra invece che chi scarica
          ascolta, ma non compra tutto ciò che scarica,
          presumibilmente ascoltandolo... e non mi venite a
          dire che lo scaricone fa click click click su
          qualsiasi cosa che dice
          "download"!Perchè mi pare ovvio che tutti hanno infiniti soldi per comprare al volo ciò che gli piace... dio mio questa ingenuità....
          • ThEnOra scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: Sgabbio

            Invece è più corretto buttare i soldi nel vuoto
            comprato cose che poi si rivelano delle XXXXXte
            assolute ? Non sai quanto il download per altre
            vie, mi ha salvato il portafoglio più di una
            volta.

            Tu saresti contento di comprare qualcosa a
            scatola chiusa, ma poi questa cosa si rivela un
            fregatura
            ?Io scopro la musica nuova, legittimamente, via YT... vedi te! Mica devo attingere alla cieca dal P2P, con i conseguenti tempi di attesa.




            Mi serve per calcolare il possibile DANNO da

            pratiche che in un MONDO REALE FISICO sarebbero

            effettive!

            bla bla bla la solita storiella del "download =
            Mancato
            guadagno".Su 10 brani che compro, non mi costa nulla avere l'11° aggratis. Con i soldi dell'11° risparmiato faccio altro.

            Lo studio dimostra invece che chi scarica

            ascolta, ma non compra tutto ciò che scarica,

            presumibilmente ascoltandolo... e non mi venite
            a

            dire che lo scaricone fa click click click su

            qualsiasi cosa che dice

            "download"!

            Perchè mi pare ovvio che tutti hanno infiniti
            soldi per comprare al volo ciò che gli piace...
            dio mio questa
            ingenuità....Il che giustifica scaricarli aggratis: guarda da domani destino tutto il mio bdgt per l'acquisto di musica su altre voci di costo domestiche (magari mi faccio lo jacuzzi). Mettiamoli così. Nessuno subisce danni, ovvio no!?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!

            Io scopro la musica nuova, legittimamente, via
            YT... vedi te!Pure io: e poi me la scarico gratis da YT, con gli appositi strumenti.
            Il che giustifica scaricarli aggratis: guarda da
            domani destino tutto il mio bdgt per l'acquisto
            di musica su altre voci di costo domesticheFai bene.
            (magari mi faccio lo jacuzzi).Ottimo: così magari ti lavi, poi.
          • dontfeed in sciopero scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Ottimo: così magari ti lavi, poi.Epic Win!
          • Allibito dove sei scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ThEnOra
            Su 10 brani che compro, non mi costa nulla avere
            l'11° aggratis. Con i soldi dell'11°
            risparmiato faccio altro.Non c'è più religione!!! :|Anche ThEnOra che ammette di fare lo scaricone! :o(rotfl) p) (rotfl) p) (rotfl)
        • panda rossa scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          - Scritto da: ThEnOra
          - Scritto da: panda rossa



          Quindi possiamo concludere che chi fruisce di

          musica, compra la

          musica.

          Secondo questo studio no! Io ci leggo che molti
          utenti che scaricano comprano, ma altrettanto non
          comprano ciò che scaricano.Comprano cio' che merita.Dovrebbe essere indicativo per chi produce.Certa XXXXX dovrebbero smettere di produrla, che tanto non vende, e spesso neanche viene scaricata.
          Ergo, ascoltano di
          tutto ma comprano solo ciò che gli interessa
          AVERE LEGALMENTE. Esatto!Tra parentesi, qualche giorno fa, un certo sig. Celentano ha riempito l'Arena di Verona per due giorni di seguito, e chi non ha trovato posto lo ha seguito in TV.No, sai, per dire...
          Il resto se lo procurano
          aggratis. E' QUESTO IL PUNTO: APPROPRIARSI DI UNA
          COSA CHE POTREBBERE AVERE SOLO PAGANDO, e ciò non
          mi sembra una condotta
          corretta!No, il punto e' concedere una seconda possibilita' a qualcosa che NON AVREBBERO MAI PAGATO PIU' DI UN CENTESIMO.Mi sembra invece un comportamento molto aperto.

          Cio' premesso, che ti frega sapere chi e' che

          scarica?

          Mi serve per calcolare il possibile DANNO da
          pratiche che in un MONDO REALE FISICO sarebbero
          effettive!Il danno lo fa chi produce XXXXX! E la tecnologia oggi consente alla gente di difendersi da questo abuso perpetrato per anni dalle major.Io scarico: se mi piace compro, se non mi piace concedo una seconda possibilita' e scarico un altra opera.Se pure la seconda fa schifo, con quell'artista ho chiuso e con quell'etichetta anche.Fattene una ragione, oppure riferisci ai piani alti questo semplice concetto.La gente compra! Il problema e' che cosa compra.Anzi, il tuo problema e' CHE COSA NON COMPRA. Fai fare una analisi agli uffici vendita, poi facci sapere le conclusioni, che facciamo scrivere un articolo a PI.

          E' ovvio che sara' comunque qualcuno che la

          musica la

          ascolta.

          Perche' se anche ci fosse qualcuno che
          scarica

          per scaricare e manco se la ascolta, che ti

          cambia?

          Non è logico.E' logico comprare a scatola chiusa e poi magari non fruirne perche' non piace?

          Quello che e' certo e' che chi la musica non
          la

          ascolta, sicuramente non la

          compra.

          Questo è logico.


          Questo spiega il grafico, mica le arrampicate

          sugli

          specchi.

          Lo studio dimostra invece che chi scarica
          ascolta, ma non compra tutto ciò che scarica,
          presumibilmente ascoltandolo... e non mi venite a
          dire che lo scaricone fa click click click su
          qualsiasi cosa che dice
          "download"!Secondo te la selezione dove avviene?Al momento di scegliere questo lo scarico, questo no?Oppure scarico tutto e poi questo lo tengo, questo lo cancello?Io punto sulla B.
          Vediamo ora come ti arrampichi te!Io non mi devo arrampicare.
        • dontfeed in sciopero scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          - Scritto da: ThEnOra
          - Scritto da: panda rossa



          Quindi possiamo concludere che chi fruisce di

          musica, compra la

          musica.

          Secondo questo studio no! Io ci leggo che molti
          utenti che scaricano comprano, ma altrettanto non
          comprano ciò che scaricano. Ergo, ascoltano di
          tutto ma comprano solo ciò che gli interessa
          AVERE LEGALMENTE. Che mi sembra molto LOGICO.Se mi interessa comprare un originale lo compro e se non mi interessa comprarlo, non lo compro. E' facile e lapalissiano.Perchè dovrei pagarti una cosa che non voglio comprare?Sono anni che non rispondete a questa semplice domanda.Io l'album X dell'autore Y non lo voglio comprare, non reputo che valga i soldi che mi costa. Ora tu vieni a casa mia a dirmi che te lo devo pagare lo stesso, solo perchè ho ascoltato tal album e ho deciso che non vale il mio denaro? Questa è pura follia.E' peggio, è una specie di taglieggiamento.Il resto se lo procurano
          aggratis. E' QUESTO IL PUNTO: APPROPRIARSI DI UNA
          COSA CHE POTREBBERE AVERE SOLO PAGANDO, e ciò non
          mi sembra una condotta
          corretta!
          Francamente, a me di cosa sembra o no nsembra corretto a te, non me ne può XXXXXXX di meno.Tu a me come devo spendere i miei soldi non me lo vieni a dire.Prima lo capisci, prima sarà meglio per te.

          Cio' premesso, che ti frega sapere chi e' che

          scarica?

          Mi serve per calcolare il possibile DANNO da
          pratiche che in un MONDO REALE FISICO sarebbero
          effettive!Ah ecco i soliti calcoli strampalati che non significano nulla.


          E' ovvio che sara' comunque qualcuno che la

          musica la

          ascolta.

          Perche' se anche ci fosse qualcuno che
          scarica

          per scaricare e manco se la ascolta, che ti

          cambia?

          Non è logico.Non è logico nemmeno aprire una videoteca, ma centinaia s enon migliaia di italiani lo fanno.
        • ... scrive:
          Re: Chi ruba di più, spende di più!
          - Scritto da: ThEnOra
          - Scritto da: panda rossa



          Quindi possiamo concludere che chi fruisce di

          musica, compra la

          musica.

          Secondo questo studio no! Io ci leggo che molti
          utenti che scaricano comprano, ma altrettanto non
          comprano ciò che scaricano. Ergo, ascoltano di
          tutto ma comprano solo ciò che gli interessa
          AVERE LEGALMENTE. Il resto se lo procurano
          aggratis. E' QUESTO IL PUNTO: APPROPRIARSI DI UNA
          COSA CHE POTREBBERE AVERE SOLO PAGANDO, e ciò non
          mi sembra una condotta
          corretta!


          Cio' premesso, che ti frega sapere chi e' che

          scarica?

          Mi serve per calcolare il possibile DANNO da
          pratiche che in un MONDO REALE FISICO sarebbero
          effettive!


          E' ovvio che sara' comunque qualcuno che la

          musica la

          ascolta.

          Perche' se anche ci fosse qualcuno che
          scarica

          per scaricare e manco se la ascolta, che ti

          cambia?

          Non è logico.


          Quello che e' certo e' che chi la musica non
          la

          ascolta, sicuramente non la

          compra.

          Questo è logico.


          Questo spiega il grafico, mica le arrampicate

          sugli

          specchi.

          Lo studio dimostra invece che chi scarica
          ascolta, ma non compra tutto ciò che scarica,
          presumibilmente ascoltandolo... e non mi venite a
          dire che lo scaricone fa click click click su
          qualsiasi cosa che dice
          "download"!

          Vediamo ora come ti arrampichi te!la gente muore di cancro! non e' giusto! si cercano cure ma il cancro c'e' ancora, non e' giusto.Caro ThEnOra, (lo dico senza ironia o intenti ovvensivi) non hai ancora capito la differenza tra cio' che "sarebbe giusto" e cio' che "accade indipendentemente dalla nostra (in questo caso, tua) volonta'"
          • krane scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: ThEnOra

            - Scritto da: panda rossa

            Lo studio dimostra invece che chi scarica

            ascolta, ma non compra tutto ciò che scarica,

            presumibilmente ascoltandolo... e non mi

            venite a dire che lo scaricone fa click click

            click su qualsiasi cosa che dice

            "download"!

            Vediamo ora come ti arrampichi te!
            la gente muore di cancro! non e' giusto! si
            cercano cure ma il cancro c'e' ancora, non e'
            giusto.
            Caro ThEnOra, (lo dico senza ironia o intenti
            ovvensivi) non hai ancora capito la differenza
            tra cio' che "sarebbe giusto" e cio' che "accade
            indipendentemente dalla nostra (in questo caso,
            tua) volonta'"E poi non capisco: secondo lo studio se si scaricasse meno si comprerebbe meno, thenora preferiresti ?
          • anon scrive:
            Re: Chi ruba di più, spende di più!
            - Scritto da: ...
            la gente muore di cancro! non e' giusto! si
            cercano cure ma il cancro c'e' ancora, non e'
            giusto.

            Caro ThEnOra, (lo dico senza ironia o intenti
            ovvensivi) non hai ancora capito la differenza
            tra cio' che "sarebbe giusto" e cio' che "accade
            indipendentemente dalla nostra (in questo caso,
            tua) volonta'"Che è poi il succo di quello che gli ho detto anche io.Il mondo è pieno d'ingiustizie, avvengono continuamente e dappertutto.Anche ammesso e non conXXXXX che scaricare sia un'ingiustizia - (e non lo è, perché un'ingiustizia è tale solo se condivisa dalla maggioranza) - di certo non ci si può illudere di poter combattere e risolvere tutte le ingiustizie di questo mondo.
    • Free world scrive:
      Re: Chi ruba di più, spende di più!
      Usare il termine rubare significa trollare.Plonk
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Chi ruba di più, spende di più!
      - Scritto da: ThEnOraChi ruba?[yt]tY2F1pxpzwk[/yt]
  • Allibito scrive:
    Fonte il Corriere di Paperopoli
    Mi domando come si possano prendere in esame statistiche assurde di questo tipo e non quelle basate sui fatturati che sono numeri certi, senza interpretazioni. Intervista telefonica: "Scusi lei scarica?" risposta:"si ma poco poco" domanda: ma poi li compra i cd che scarica? risposta: "cerrrto, una copia per casa, una per la macchina e una in ufficio". Ma sono articoli da scrivere questi?
    • Joe Tornado scrive:
      Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
      Certo, sono balle. Del resto hanno scritto "compra" e non "noleggia" !Pertanto, dall'elenco dei "remunerati dai downloaders", una categoria ben precisa è fuori, e, giustamente (in linea con lo scopo di tirare l'acqua al proprio mulino) contesta quanto scritto nell'articolo !
      • Allibito scrive:
        Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
        - Scritto da: Joe Tornado
        Certo, sono balle. Del resto hanno scritto
        "compra" e non "noleggia"
        !
        Pertanto, dall'elenco dei "remunerati dai
        downloaders", una categoria ben precisa è fuori,
        e, giustamente (in linea con lo scopo di tirare
        l'acqua al proprio mulino) contesta quanto
        scritto nell'articolo
        ! A me non interessa, se noleggio o acquisto, oltretutto nelle statistiche c'è molta musica che come saprai sicuramente, non è noleggiabile. Inoltre i dati relativi al noleggio sono solo "a naso" in quanto non esiste un dato ufficiale del rent out ma solo dati che si basano sugli acquisti dei beni noleggiabili seguiti da un calcolo un calcolo teorico. Diverso è per quello di cui mi occupo io, on-line i dati sono certi, non esiste acquisto ma royalty. Spero di esserti stato d'aiuto.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
          - Scritto da: Allibito
          A me non interessa, se noleggio o acquisto,
          oltretutto nelle statistiche c'è molta musica che
          come saprai sicuramente, non è noleggiabile.Dettaglio di poco contro.
          Inoltre i dati relativi al noleggio sono solo "a
          naso" in quanto non esiste un dato ufficiale del
          rent out ma solo dati che si basano sugli
          acquisti dei beni noleggiabili seguiti da un
          calcolo un calcolo teorico. Diverso è per quello
          di cui mi occupo io, on-line i dati sono certi,
          non esiste acquisto ma royalty. Spero di esserti
          stato
          d'aiuto.Arrampicata sugli specchi.
    • TThepasseng er scrive:
      Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
      Siccome è vero si che può, ma tu comunque hai numeri che dicono il contrario? Non dire che è falso se non lo puoi provare smentendo l'articolo altrimenti tu di per sè dici calunnie.- Scritto da: Allibito
      Mi domando come si possano prendere in esame
      statistiche assurde di questo tipo e non quelle
      basate sui fatturati che sono numeri certi, senza
      interpretazioni. Intervista telefonica: "Scusi
      lei scarica?" risposta:"si ma poco poco" domanda:
      ma poi li compra i cd che scarica? risposta:
      "cerrrto, una copia per casa, una per la macchina
      e una in ufficio". Ma sono articoli da scrivere
      questi?
      • ... scrive:
        Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
        - Scritto da: TThepasseng er
        Siccome è vero si che può, ma tu comunque hai
        numeri che dicono il contrario? Non dire che è
        falso se non lo puoi provare smentendo l'articolo
        altrimenti tu di per sè dici
        calunnie.dire che PI scrive XXXXXXXte vuol dire coglierci al 50% tutte le volte.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
      - Scritto da: Allibito
      Mi domando come si possano prendere in esame
      statistiche assurde di questo tipo e non quelle
      basate sui fatturati che sono numeri certi, senza
      interpretazioni. Intervista telefonica: "Scusi
      lei scarica?" risposta:"si ma poco poco" domanda:
      ma poi li compra i cd che scarica? risposta:
      "cerrrto, una copia per casa, una per la macchina
      e una in ufficio". Ma sono articoli da scrivere
      questi?Pirate haters: Se uno studio indipendente smendisce le nostre paranoie sulla piratiera, allora questo studio e nullo.Ahhhh non ti smentisci mai :D
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
      Se la gente non compra, vuol dire che i negozi non servono più ed è il caso di chiuderli.
    • Free world scrive:
      Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
      - Scritto da: Allibito
      Mi domando come si possano prendere in esameGiusto, valgono solo le cose dette da SIAE, FIMI, ANVI...
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
      - Scritto da: Allibito
      Mi domando come si possano prendere in esame
      statistiche assurde di questo tipo e non quelle
      basate sui fatturati che sono numeri certi, senza
      interpretazioni. Intervista telefonica: "Scusi
      lei scarica?" risposta:"si ma poco poco" domanda:
      ma poi li compra i cd che scarica? risposta:
      "cerrrto, una copia per casa, una per la macchina
      e una in ufficio". Ma sono articoli da scrivere
      questi?[yt]R8XAHNbyWIs[/yt]LA GENTE MICA LI FITTA I FILM, LI COMPRA IN EDICOLA O AL MEDIAWORLD!!!
    • dontfeed in sciopero scrive:
      Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
      - Scritto da: Allibito
      Mi domando come si possano prendere in esame
      statistiche assurde di questo tipo e non quelle
      basate sui fatturati che sono numeri certi, senza
      interpretazioni. Intervista telefonica: "Scusi
      lei scarica?" risposta:"si ma poco poco" domanda:
      ma poi li compra i cd che scarica? risposta:
      "cerrrto, una copia per casa, una per la macchina
      e una in ufficio". Ma sono articoli da scrivere
      questi?Insomma ogni studio che non da ragione alle vostre teorie deliranti non è valido?Che maturità e che intelligenza: complimenti!
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Fonte il Corriere di Paperopoli
      - Scritto da: Allibito[yt]tY2F1pxpzwk[/yt]
  • bubba scrive:
    cagata del giorno
    questa e' la notizia cagata del giorno , voi di punto informatico dovreste vergognarvi e mettere in rete queste notizie false .
    • TThepasseng er scrive:
      Re: cagata del giorno
      E tu non ti vergogni di dire cose senza provarle, aka una fonte che l'articolo è falso? Cresci.- Scritto da: bubba
      questa e' la notizia cagata del giorno , voi di
      punto informatico dovreste vergognarvi e mettere
      in rete queste notizie false
      .
    • ... scrive:
      Re: cagata del giorno
      - Scritto da: bubba
      questa e' la notizia cagata del giorno , voi di
      punto informatico dovreste vergognarvi e mettere
      in rete queste notizie false
      .e mica possono sempre insistrere che chi sacrica pirata poi gli puzzano i piedi, perde i capelli e diventa cieco. un po di cagate a favore, un po di cagate contro. voi videocotechini non li pagate abbastanza per essere sempre a vostro favore... spendete di piu videocontechini e vedrete PI zerbinata a vostri piedi. imparate da apple!
      • Claudio scrive:
        Re: cagata del giorno
        Ancora con ste videoteche? C'erano negozi che vendevano il carbone, i centro di sviluppo fotografico, un commerciante si deve adeguare al mercato, se la videoteca non rende più, a prescindere dal motivo, che cambiasse tipologia di negozio.In Inghilterra, lo stato europeo con i più alti tassi di vendita di musica e homevideo in Europa, non ha videoteche da 20 anni. Negli anni '90 si trovavano dei distributori automatici di videocassette all'ingresso dei supermercati, poi c'erano quelli dei DVD. Ai BlueRay non si è arrivati, perché i distributori già non li usava nessuno, e lì la pirateria è ai minimi termini. L'Italia è il paese con la più alta concentrazione di videoteche in Europa (si vede che continuano a guadagnare altrimenti sarebbero tutti falliti) ma anche il paese con la più alta concentrazione di pirateria. Le videoteche in europa sono sparite ad una velocità pari a quella della diffusione dell'utilizzo di Internet e di sistemi di diffusione pay-per-view, su abbonamento o on- domand dello stesso paese. LA Pirateria non centra nulla.Oggi le Videoteche domani l'Edicole, un altra impresa commerciale pronta a sparire. Me lo immagino che creeranno la "Lega dei Giornalari", che chiedera una legge che vieti la creazione di un sito di informazione se non ne è previsto anche uno cartaceo a pagamento...
        • Claudio scrive:
          Re: cagata del giorno
          dimenticavo i videogiochi, prima tutti scaricati poi iniziato a lavorare tutti comprati su steam sul quale ora ho 174 giochi
        • Allibito scrive:
          Re: cagata del giorno
          - Scritto da: Claudio
          Ancora con ste videoteche? C'erano negozi che
          vendevano il carbone, i centro di sviluppo
          fotografico, un commerciante si deve adeguare al
          mercato, se la videoteca non rende più, a
          prescindere dal motivo, che cambiasse tipologia
          di
          negozio.

          In Inghilterra, lo stato europeo con i più alti
          tassi di vendita di musica e homevideo in Europa,
          non ha videoteche da 20 anni. Negli anni '90 si
          trovavano dei distributori automatici di
          videocassette all'ingresso dei supermercati, poi
          c'erano quelli dei DVD. Ai BlueRay non si è
          arrivati, perché i distributori già non li usava
          nessuno, e lì la pirateria è ai minimi termini.
          L'Italia è il paese con la più alta
          concentrazione di videoteche in Europa (si vede
          che continuano a guadagnare altrimenti sarebbero
          tutti falliti) ma anche il paese con la più alta
          concentrazione di pirateria. Le videoteche in
          europa sono sparite ad una velocità pari a quella
          della diffusione dell'utilizzo di Internet e di
          sistemi di diffusione pay-per-view, su
          abbonamento o on- domand dello stesso paese. LA
          Pirateria non centra
          nulla.

          Oggi le Videoteche domani l'Edicole, un altra
          impresa commerciale pronta a sparire. Me lo
          immagino che creeranno la "Lega dei Giornalari",
          che chiedera una legge che vieti la creazione di
          un sito di informazione se non ne è previsto
          anche uno cartaceo a
          pagamento...Confondi le pere con le mele. Le edicole non protesteranno mai contro i siti UFFICIALI di informazione, ma sicuramente se un giorno, qualcuno si inventa di mettere online la scansione di ogni opera esistente scritta su carta, avranno tutte le ragioni per ribellarsi. Non confondere la tecnologia con l'illegalità, sono due cose ben diverse. Si alla tecnologia, no all'illegalità. da qui non si scappa.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: cagata del giorno

            Confondi le pere con le mele. Le edicole non
            protesteranno mai contro i siti UFFICIALI di
            informazione, ma sicuramente se un giorno,
            qualcuno si inventa di mettere online la
            scansione di ogni opera esistente scritta su
            carta, avranno tutte le ragioni per ribellarsi.Certo: ma l'unico modo che avranno di ribellarsi sarà di chiudere.
          • anon scrive:
            Re: cagata del giorno
            - Scritto da: Allibito
            Confondi le pere con le mele. Le edicole non
            protesteranno mai contro i siti UFFICIALI di
            informazione, ma sicuramente se un giorno,
            qualcuno si inventa di mettere online la
            scansione di ogni opera esistente scritta su
            carta, avranno tutte le ragioni per ribellarsi.No, anche in quel caso non avrebbero nessuna ragione di ribellarsi. Perché è una cosa a cui ci sarebbero dovuti arrivare prima loro stessi, e non lasciarsi bagnare il naso dal primo venuto.Troppo facile andare controtendenza (di proposito) insistendo col cartaceo quando ormai praticamente tutti sono online, per poi denunciare il primo che scansiona qualcosa.Non è molto diverso dal piazzare il proprio portafogli in mezzo alla strada, nascondersi in un angolino in attesa che qualcuno lo prenda, per poi denunciarlo seduta stante. Cosa che come ben saprai, è illegale.
    • prova123 scrive:
      Re: cagata del giorno
      Qui l'unica cagata documentata è la tua!Leggiti l'articolo:http://piracy.americanassembly.org/where-do-music-collections-come-from/... ammesso che tu sappia leggere un articolo in inglese.
    • bubba scrive:
      Re: cagata del giorno
      - Scritto da: bubba
      questa e' la notizia cagata del giorno , voi di
      punto informatico dovreste vergognarvi e mettere
      in rete queste notizie false
      .che tristezza avere un FAKE cosi' mediocre.... almeno facesse dei post di livello.( Si forse nel 2013 mi registrero' ..chissa :P) )
  • Alberto Bianchi scrive:
    Infatti..
    .. l'esposizione a un'ampia quantita' di materiale audiovisivo ha come unica e sola conseguenza logica un ampliamento dei propri interessi, con un successivo aumento degli acquisti. Solo le rape non sono in grado di comprendere (o di ammettere) un fenomeno cosi' semplice.. certo che se le 'rape' in questione, anziche' abbarbicarsi sul castello di sabbia delle loro fallaci convinzioni, lanciando ingiurie a destra e a manca e additando chiunque si pari di fronte come ladro o scaricone, si guardassero intorno, vedrebbero il mercato del 2012 tutto intorno a loro - mercato per cui pero' la loro attivita' e' fuffa vecchia e inutile. Se poi i nostri cari videotechini detestano tanto il progresso e i mutamenti del mercato (che lasciano indietro gli intermediari piu' inutili e parassitari), ci sono tante comunita' Amish pronte ad accoglierli..
    • Allibito scrive:
      Re: Infatti..
      - Scritto da: Alberto Bianchi
      .. l'esposizione a un'ampia quantita' di
      materiale audiovisivo ha come unica e sola
      conseguenza logica un ampliamento dei propri
      interessi, con un successivo aumento degli
      acquisti. Solo le rape non sono in grado di
      comprendere (o di ammettere) un fenomeno cosi'
      semplice.. certo che se le 'rape' in questione,
      anziche' abbarbicarsi sul castello di sabbia
      delle loro fallaci convinzioni, lanciando
      ingiurie a destra e a manca e additando chiunque
      si pari di fronte come ladro o scaricone, si
      guardassero intorno, vedrebbero il mercato del
      2012 tutto intorno a loro - mercato per cui pero'
      la loro attivita' e' fuffa vecchia e inutile.


      Se poi i nostri cari videotechini detestano tanto
      il progresso e i mutamenti del mercato (che
      lasciano indietro gli intermediari piu' inutili e
      parassitari), ci sono tante comunita' Amish
      pronte ad
      accoglierli..Sei uno che ha grossi problemi esistenziali e con i rapporti con il prossimo, dovuti provabilmente a forte frustazione. Non posso aiutarti online, ti serve qualcuno in carne e ossa.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Infatti..
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: Alberto Bianchi

        .. l'esposizione a un'ampia quantita' di

        materiale audiovisivo ha come unica e sola

        conseguenza logica un ampliamento dei propri

        interessi, con un successivo aumento degli

        acquisti. Solo le rape non sono in grado di

        comprendere (o di ammettere) un fenomeno cosi'

        semplice.. certo che se le 'rape' in questione,

        anziche' abbarbicarsi sul castello di sabbia

        delle loro fallaci convinzioni, lanciando

        ingiurie a destra e a manca e additando chiunque

        si pari di fronte come ladro o scaricone, si

        guardassero intorno, vedrebbero il mercato del

        2012 tutto intorno a loro - mercato per cui
        pero'

        la loro attivita' e' fuffa vecchia e inutile.





        Se poi i nostri cari videotechini detestano
        tanto

        il progresso e i mutamenti del mercato (che

        lasciano indietro gli intermediari piu' inutili
        e

        parassitari), ci sono tante comunita' Amish

        pronte ad

        accoglierli..
        Sei uno che ha grossi problemi esistenziali e con
        i rapporti con il prossimo, dovuti provabilmente
        a forte frustazione. Non posso aiutarti online,
        ti serve qualcuno in carne e
        ossa.TU SEI UNA XXXXX DI VIDEOTECHINO CHE NON HA DIRITTO DI PAROLE. XXXXX. MANGIATI LA XXXXX E DICCI DOV'E' LA TUA VIDEOTECA CHE VERRO' PERSONALMENTE A SPIEGARTI LA DIFFERENZA TRA COPIA E FURTO. E TI CAGO NEL NEGOZIO!!!! ALMENO LO PURIFICO!!!!
  • gio scrive:
    ma si facciano come i vinili
    chissà se le major si ricordano il periodo del vinile.All'ingresso del CD(supporto meno costoso del vinile) aumentano i prezzi per guadagnare di piu'...risultato?crollo delle vendite.Si puo' vivere anche senza internet e gli mp3....:)
  • Homo Polemicus scrive:
    Notiziona!
    Perchè una notizia del 2002-2003 è sotto la voce "attualità" con la data di oggi?
    • dalek scrive:
      Re: Notiziona!
      bello!io mi scarico gratis adobe cs6 master windows 8 e office 13 e compro solo musica originale (roma altamoda e milano fashion a soli 6 euro l'uno)con poki soldi posso avere tutto il mondo intero