uTorrent, polemiche da crapware

Il client BitTorrent nel mirino delle polemiche per la presunta installazione "silenziosa" di un software di mining per criptovalute e affini. Nessuna installazione forzata, si difende BitTorrent Inc., la colpa è degli utenti

Roma – Nuovo caso “crapware” di alto profilo dopo lo scandalo Lenovo per SuperFish , e questa volta dall’hardware si passa al software per la condivisione di file sulla rete BitTorrent: uTorrent, si lamentano gli utenti in rete, ha cominciato a installare il tool di mining di Epic Scale senza aver prima ricevuto alcuna autorizzazione in tal senso.

Epic Scale usa la potenza di calcolo dei componenti del PC (CPU e GPU) non sfruttati al momento per gestire calcoli distribuiti, simulazioni fisiche, previsioni meteorologiche e mining di criptovalute come Bitcoin, una pratica che mette evidentemente sotto pressione l’hardware degli utenti.

uTorrent è (ancora) uno dei client BitTorrent più popolari, ma dopo l’acquisizione da parte di BitTorrent Inc. – la società creata da chi il protocollo BT lo ha creato – il software si sarebbe trasformato in un ricettacolo di advertising “offerte speciali” e bundle adware/crapware nello spirito di una monetizzazione che non è mai andata particolarmente a genio agli aficionado del tool.

Nel caso di Epic Scale, a ogni modo, BT Inc. rifiuta l’ipotesi dell’installazione silenziosa all’insaputa dell’utente: la società americana sostiene di aver indagato e conferma che il problema è imputabile agli utenti, rei di aver accettato una delle “offerte” di uTorrent prima dell’installazione del tool di calcolo distribuito. Il crapware che ha ingolfato il client di P2P è (ancora) del tutto opzionale.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • claudio scrive:
    la solita verdoskata
    Se lo guardiamo come impresa ha molto senso, come del resto l'aereo a pedali che attracerso' la manica nel 1980circa.Se pero' lo consideriamo diverso o eCColoGGico allora e' come il WC planet solar: un attiragonzi.http://allarovescia.blogspot.it/2012/04/big-water-closet.html
  • ... scrive:
    appero'
    insomma un accrocchio di carta, filo e sputi pronto ad essere buttato giu' da un peto di un 747....un plauso al temerario che lo pilota.
    • Scorreggion e scrive:
      Re: appero'
      Certo il 747 con quello che consuma ha ben altro da fare che andare a XXXXXXXXXXre sul trabiccolo è già grasso che cola coi chiari di luna che corrono se gli basta il kerosene per arrivare a destinazione tirando dritto per la sua strada.
      • MacGeek scrive:
        Re: appero'
        Un Boing 747 porta 400 passeggeri (400x) 7 volte più rapidamente con la stessa (anzi minore) apertura alare. Quell'affare è solo un'aliante a motore. Un oggetto fine a se stesso con scalabilità zero, perché l'energia del sole quella è. E già per farlo volare l'hanno dovuto fare enorme per poter mettere abbastanza pannelli.
        • MacGeek scrive:
          Re: appero'
          Ops. 20 volte la velocità. Avevo letto la velocità probabilmente massima da un'altra parte.
          • Robotto scrive:
            Re: appero'
            Cosa non ti é piaciuto de "Il giro del mondo in 80 giorni" ?
          • ... scrive:
            Re: appero'
            - Scritto da: Robotto
            Cosa non ti é piaciuto de "Il giro del mondo in
            80 giorni"
            ?a me, quella puzza sotto il naso da britannico imperiale "io so er mejo" di Fog.
        • ... scrive:
          Re: appero'
          - Scritto da: MacGeek
          Un Boing 747 porta 400 passeggeri (400x) 7 volte
          più rapidamente con la stessa (anzi minore)
          apertura alare. Quell'affare è solo un'aliante a
          motore. Un oggetto fine a se stesso con
          scalabilità zero, perché l'energia del sole
          quella è. E già per farlo volare l'hanno dovuto
          fare enorme per poter mettere abbastanza
          pannelli.fine a se stesso mica tanto, secondo me i guerrafondai Ammarakani ci hanno gia' messo gli occhi addosso. immaginatelo a 8-9000 metri di quota che gira in tondo sopra un bersaglio sensibile, con autonomia illimitata, sempre li' a spiare il nemico o l'amico-che-prima-o-poi-bombardiamo-uguale-qundi-meglio-tenerlo-controllato. Telecamere superprecise che vedono se hai il prezzemolo tra i denti, e perche' no, un paio di missilucci pronti a essere innescati da quache base in Texas e sparati contro il "il-mediorientale-che-abbiamo-finanziato-due-anni-fa ma-che-adesso-è-scomodo quindi-lo-bombardiamo-dopo-averlo-rinominato-terrorista cosi-la-cnn-non-scassa-il-XXXXX."
          • Bic Indolor scrive:
            Re: appero'
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: MacGeek

            Un Boing 747 porta 400 passeggeri (400x) 7 volte

            più rapidamente con la stessa (anzi minore)

            apertura alare. Quell'affare è solo un'aliante a

            motore. Un oggetto fine a se stesso con

            scalabilità zero, perché l'energia del sole

            quella è. E già per farlo volare l'hanno dovuto

            fare enorme per poter mettere abbastanza

            pannelli.

            fine a se stesso mica tanto, secondo me i
            guerrafondai Ammarakani ci hanno gia' messo gli
            occhi addosso. immaginatelo a 8-9000 metri di
            quota che gira in tondo sopra un bersaglio
            sensibile, con autonomia illimitata, sempre li' a
            spiare il nemico o
            l'amico-che-prima-o-poi-bombardiamo-uguale-qundi-mMah! non credo sia il suo scopo, verrebbe abbattuto prima e con molta più facilità rispetto ad un AWACS, considerando inoltre che non è abbastanza veloce per poter essere scortato dai caccia. Quello che lascia perplessi un po' tutti è: per quanto sia interessante l'idea di un velivolo che funziona senza carburante, il risultato ottenuto finora è il seguente:1) Un aeromobile largo come un 747 (servono delle belle piste per decollare e atterrare)2) le cui parti più pesanti sono i piloti (un colpo di vento lo spazza via come niente)3) che viaggia a una velocità da scooter4) che può trasportare al massimo due persone, altamente preparate nelle dinamiche del volo, fisicamente e psicologicamente resilienti, ben motivate ed equipaggiate per ogni emergenza.Se per arrivare a questi risultati ci son voluti più di dieci anni, quanto ci vorrà per arrivare a ciò che serve davvero, cioè:1) Un aeromobile delle dimensioni dell'A3202) Stabile e sicuro anche in condizioni meteo non ottimali (es. forti piogge)3) in grado di attraversare paesi come l'Italia, la Gran Bretagna o il Giappone in non più di due ore4) in grado di trasportare 200 persone senza che sia loro richiesta alcuna preparazione tecnico-psico-fisica, alle quali interessi solo arrivare a una certa destinazione e che non portino con loro nulla che non porterebbero se viaggiassero in treno o pullman.?
          • Hop scrive:
            Re: appero'
            - Scritto da: Bic Indolor
            Quello che lascia perplessi un po' tutti è: per
            quanto sia interessante l'idea di un velivolo che
            funziona senza carburante, il risultato ottenuto
            finora è il
            seguente:
            1) Un aeromobile largo come un 747 (servono delle
            belle piste per decollare e
            atterrare)
            2) le cui parti più pesanti sono i piloti (un
            colpo di vento lo spazza via come
            niente)
            3) che viaggia a una velocità da scooter
            4) che può trasportare al massimo due persone,
            altamente preparate nelle dinamiche del volo,
            fisicamente e psicologicamente resilienti, ben
            motivate ed equipaggiate per ogni
            emergenza.

            Se per arrivare a questi risultati ci son voluti
            più di dieci anni, quanto ci vorrà per arrivare a
            ciò che serve davvero,
            cioè:
            1) Un aeromobile delle dimensioni dell'A320
            2) Stabile e sicuro anche in condizioni meteo non
            ottimali (es. forti
            piogge)
            3) in grado di attraversare paesi come l'Italia,
            la Gran Bretagna o il Giappone in non più di due
            ore
            4) in grado di trasportare 200 persone senza che
            sia loro richiesta alcuna preparazione
            tecnico-psico-fisica, alle quali interessi solo
            arrivare a una certa destinazione e che non
            portino con loro nulla che non porterebbero se
            viaggiassero in treno o
            pullman.
            I passeggeri che scendono a spingere perché il kerosene è finito...
          • ... scrive:
            Re: appero'
            - Scritto da: Bic Indolor
            - Scritto da: ...

            - Scritto da: MacGeek


            Un Boing 747 porta 400 passeggeri (400x) 7
            volte


            più rapidamente con la stessa (anzi minore)


            apertura alare. Quell'affare è solo
            un'aliante
            a


            motore. Un oggetto fine a se stesso con


            scalabilità zero, perché l'energia del sole


            quella è. E già per farlo volare l'hanno
            dovuto


            fare enorme per poter mettere abbastanza


            pannelli.



            fine a se stesso mica tanto, secondo me i

            guerrafondai Ammarakani ci hanno gia' messo gli

            occhi addosso. immaginatelo a 8-9000 metri di

            quota che gira in tondo sopra un bersaglio

            sensibile, con autonomia illimitata, sempre li'
            a

            spiare il nemico o


            l'amico-che-prima-o-poi-bombardiamo-uguale-qundi-m


            Mah! non credo sia il suo scopo, verrebbe
            abbattuto prima e con molta più facilità rispetto
            ad un AWACS, considerando inoltre che non è
            abbastanza veloce per poter essere scortato dai
            caccia.

            Quello che lascia perplessi un po' tutti è: per
            quanto sia interessante l'idea di un velivolo che
            funziona senza carburante, il risultato ottenuto
            finora è il
            seguente:
            1) Un aeromobile largo come un 747 (servono delle
            belle piste per decollare e
            atterrare)
            2) le cui parti più pesanti sono i piloti (un
            colpo di vento lo spazza via come
            niente)
            3) che viaggia a una velocità da scooter
            4) che può trasportare al massimo due persone,
            altamente preparate nelle dinamiche del volo,
            fisicamente e psicologicamente resilienti, ben
            motivate ed equipaggiate per ogni
            emergenza.

            Se per arrivare a questi risultati ci son voluti
            più di dieci anni, quanto ci vorrà per arrivare a
            ciò che serve davvero,
            cioè:
            1) Un aeromobile delle dimensioni dell'A320
            2) Stabile e sicuro anche in condizioni meteo non
            ottimali (es. forti
            piogge)
            3) in grado di attraversare paesi come l'Italia,
            la Gran Bretagna o il Giappone in non più di due
            ore
            4) in grado di trasportare 200 persone senza che
            sia loro richiesta alcuna preparazione
            tecnico-psico-fisica, alle quali interessi solo
            arrivare a una certa destinazione e che non
            portino con loro nulla che non porterebbero se
            viaggiassero in treno o
            pullman.

            ?per tua cultura, ti avviso che moltissimi progetti non sono andati oltre il proof-of-concept o addirittura non sono mai andati oltre il disegno del progetto.Si chiama "sperimentazione".
Chiudi i commenti