Vestager: la concorrenza è innovazione

La donna chiave per l'antitrust in Europa se la prende con i colossi telematici, a suo dire responsabili di comportamenti monopolistici in grado di strozzare sul nascere le nuove imprese. Apple? È ancora sotto indagine per le tasse

Roma – La Commissaria per la concorrenza europea Margrethe Vestager è intervenuta al Web Summit di Lisbona con un discorso tutto incentrato su “competizione e innovazione”, due concetti che a suo dire vanno a braccetto e che oggigiorno rappresentano il bersaglio prediletto delle grandi corporation attive in campo tecnologico.


L’intervento di Vestager ha voluto inchiodare i colossi multinazionali dell’IT alle loro responsabilità , vale a dire l’abuso della loro posizione di mercato – spesso dominante come nei casi di Google, Facebook e Apple – per tagliare le gambe all’iniziativa delle startup innovative.

Oggi il mondo tecnologico è spesso in mano a dei veri e propri monopoli , ha accusato la commissaria, ed è per questo che le leggi sulla concorrenza vanno applicate e fatte rispettare in pieno per far passare il concetto che nessuno è “al di sopra della legge”.

“Nessuno ha il diritto di bloccare la concorrenza” da parte delle aziende nascenti, ha dichiarato Vestager alla platea di startupper intervenuti a Lisbona, e le uniche cose a essere in contrasto con l’innovazione dovrebbe essere la determinazione individuale piuttosto che l’azione di aziende potenti e con i portafogli pieni zeppi di miliardi.

La concorrenza permette all’innovazione di andare avanti e dare i propri frutti, ha spiegato la Commissaria nota per aver comminato multe piuttosto salate ai colossi tecnologici, e anche le regole sulla tassazione vanno rispettate senza inseguire “paradisi fiscali” fuori e dentro i confini europei.

In quest’ultimo caso si parla naturalmente di Paradise Papers e della nuova accusa nei confronti di Apple di aver cercato regimi fiscali alleggeriti passando dall’Irlanda al Baliato di Jersey . La Commissione per la concorrenza è in fase di valutazione del nuovo sviluppo, ha rivelato Vestager.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • danylo scrive:
    cappuccino

    la palla da baseball è stata classificata dalla rete neurale come del caffè espressoa me sembrava un cappuccino
  • panda di Italia 90 scrive:
    Però mi raccomando
    Continuate a credere che l'AI permetterà a tempi brevissimi di creare automobili che si guidano da sole praticamente infallibili. (rotfl)
  • umby scrive:
    Lo ciamavano trin.. no, robocop!
    "Gli adversarial attack di questo tipo non sono ancora un pericolo imminente per il grande pubblico; sono efficaci limitatamente a certe circostanze, ma sono comunque un segno della non infallibilità delle AI che, se non risolti, potrebbero in futuro creare danni in molti campi tra cui le tecniche di riconoscimento facciale e i sistemi di guida autonoma."Chissá perché mi ricorda la scena iniziale di robocop...
    • Alfredo Refrescio scrive:
      Re: Lo ciamavano trin.. no, robocop!
      Davvero. E pensa che oggi c'è già chi propone di usare 'ste tecnologie per compiti che in caso di errore si rivelerebbero sicuramente letali, inclusi molti dementi qui in questo forum. E ti tirano fuori che anche chi guida fa errori... certo, come no... infatti notoriamente c'è gente che guida che non sa distinguere da un metro di distanza una tartaruga grossa come il palmo una mano da un fucile... (rotfl)
      • Alvaro Vitali scrive:
        Re: Lo ciamavano trin.. no, robocop!
        Si, però, la ricerca fatta dal MIT sembra di quelle della categoria: grazie al c....
      • ... scrive:
        Re: Lo ciamavano trin.. no, robocop!
        - Scritto da: Alfredo Refrescio
        certo, come no... infatti notoriamente c'è gente
        che guida che non sa distinguere da un metro di
        distanza una tartaruga grossa come il palmo una
        mano da un fucile...Il problema della maggior parte della gente al volante non sta tanto nelle capacità di discernimento, ma nell`irresponsabilità. Nel senso che capiscono perfettamente la pericolosità di certe manovre o altro, ma se ne strabattono e fanno comunque come gli pare, incuranti dei rischi.Con delle IA semplicemente questo non potrebbe accadere.
      • HigherInt scrive:
        Re: Lo ciamavano trin.. no, robocop!
        Chi è che fa 1 milione e 200 mila morti all'anno? Le AI o gli idioti con un volante in mano?
Chiudi i commenti