VIA lancia una CPU-francobollo

Il chipmaker taiwanese sfida tutti in ambito embedded x86 lanciando un chippetto piccino picciò capace di consumare un massimo di 1 watt e di alloggiare all'interno di dispositivi ultra compatti
Il chipmaker taiwanese sfida tutti in ambito embedded x86 lanciando un chippetto piccino picciò capace di consumare un massimo di 1 watt e di alloggiare all'interno di dispositivi ultra compatti

Taipei (Taiwan) – Corteggiando uno dei comparti del mercato x86 che le sono più congeniali, quello dei dispositivi embedded e ultraportatili, VIA ha lanciato un nuovo pocessore ultra-low voltage (ULV) a raffreddamento passivo con frequenza di clock di 500 MHz e consumo massimo di 1 watt. Il nuovo chip appartiene alla famiglia di CPU Eden e rappresenta il modello con i minori consumi energetici.

Grazie ad un packaging ultra compatto NanoBGA di 21 x 21 millimetri, il chip è adatto per essere utilizzato sulle schede madri in formato Pico-ITX , che misurano 10 x 7,2 centimetri.

Via Eden ULV a 500 MHz Il processore può essere abbinato al chipset VIA CX700/M che, a fronte di un consumo massimo di 3,5 watt supporta funzioni multimediali, di connettività e di storage e consente la creazione di sistemi con un consumo massimo inferiore, sostiene il produttore, ai 10 watt.

Basato sull’architettura VIA CoolStream, principale artefice dei consumi estremamente ridotti, il processore Eden ULV a 500 MHz viene prodotto con un processo a 90 nanometri, utilizza un bus VIA V4 a 400 MHz, integra sedici livelli di pipeline, ed include una cache di secondo livello di 128 KB. Il consumo a riposo è di appena 0,1 watt.

Maggiori informazioni tecniche sul chip sono riportate in questo documento PDF di VIA.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 08 2007
Link copiato negli appunti