L'attacco a ViaSat è stato il primo atto di guerra

L'attacco a ViaSat è stato il primo atto di guerra

ViaSat ha subito un pesante attacco cracker proprio nelle ore in cui la Russia invadeva l'Ucraina: i sospetti sul caso sono forti e si sta indagando.
ViaSat ha subito un pesante attacco cracker proprio nelle ore in cui la Russia invadeva l'Ucraina: i sospetti sul caso sono forti e si sta indagando.

Nelle stesse ore in cui i carri armati russi varcavano i confini ucraini, la connettività con il sistema di connettività satellitare statunitense ViaSat cadeva sotto i colpi di un attacco cracker. La vicenda si è fatta oltremodo dubbia con il passare dei giorni proprio in virtù della particolare concomitanza dei tempi. Il sospetto era quello che la Russia potesse aver perpetrato l’attacco informatico al fine di creare caos nella connettività e meglio sfruttare i concitati momenti della prima escalation. Con il passare dei giorni il sospetto iniziale si è fatto sempre più concreto e oggi la sensazione è che quell’avvisaglia sia stata il primo vero atto di guerra portato avanti dalla Russia in questo affondo contro l’Ucraina.

Viasat down

Secondo quanto rivelato da Reuters, anche NSA e ANSSI (Agence nationale de la sécurité des systèmes d’information) starebbero indagando sull’attacco al satellite KA-SAT in collaborazione con l’intelligence ucraina e Mandiant per determinare in che misura il sabotaggio del sistema satellitare possa essere ricollegabile a cracker supportati dalle istituzioni russe.

ViaSat fa sapere come decine di migliaia di utenti in tutta Europa siano stati coinvolti dal problema e per molti ancora il servizio non è stato riattivato. Il problema è chiaramente più importante in Ucraina, dove l’intervento dei tecnici è al momento del tutto improbabile e non è dunque possibile ripristinare i modem necessari per attingere a questa importante fonte di connettività (elemento essenziale per l’ottenimento di servizi e informazioni relativi agli eventi bellici).

Starlink è arrivato in supporto, ma le minacce russe hanno immediatamente spaventato gli utenti circa la possibilità di rintracciare e geolocalizzare il segnale. Se i sospetti precedenti non bastassero, questa minaccia a Starlink suona ora come una conferma ulteriore circa le responsabilità russe dell’affondo ai sistemi ViaSat. Se fosse confermata la responsabilità del Cremlino, questo attacco sarebbe pertanto il primo affondo ufficiale dell’evento bellico in atto tra Russia e  Ucraina.

I prodotti tech più venduti

Consulta tutte le ultime offerte di Punto Informatico.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Reuters
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 mar 2022
Link copiato negli appunti