Videogame mobile, vince lo smartphone

Apple e Android dominano il mercato dei giochi mobile. In poco meno di 3 anni Nintendo DS è crollata dal 70 al 36 per cento

Roma – Secondo una statistica compilata dalla società di analisi Flurry su dati raccolti da NPD e relativa al settore mobile, per quanto riguarda i videogame la starebbero facendo da padrone gli smartphone e i tablet, iOS e Android in testa.

usb

I numeri, che si sono concentrati su più di 125mila applicazioni su oltre 330 milioni di dispositivi unici al mese, mostrerebbero addirittura che l’evoluzione dei dispositivi mobile ha avuto il maggior impatto proprio nel settore dei videogiochi: grazie ai canali di distribuzione, ad applicazioni ludiche gratuite o a basso prezzo o distribuite con il modello freemium , hanno rosicchiato il mercato delle console mobile togliendogli milioni di dollari di introiti.

A rimetterci sono principalmente Nintendo e Sony che finora avevano dominato il settore. Dal 2009 ad oggi, in particolare, iOS e Android insieme sarebbero passati dal valere il 19 per cento del market share a contare per il 58 per cento del totale degli introiti del settore videogame mobile statunitense che vale oggi circa 3,3 miliardi di dollari. Al contrario Sony PSP è passata dall’11 al 6 per cento e Nintendo DS è crollata dal 70 al 36 per cento.

Insomma, iOS e Android hanno triplicato la loro quota di mercato: di conseguenza Nintendo ha registrato un’ ultima trimestrale in perdita di 1,3 miliardi di dollari, mentre quella che ci ha rimesso maggiormente, Sony, ha annunciato una perdita potenziale di 1,5 miliardi di dollari, su cui però pesano maggiormente i disastri naturali che hanno colpito il Giappone e il calo del comparto televisivo.

Per rilanciarsi Sony punta sull’esordio (previsto per il prossimo anno) di PSP Vita, così come punta sui prossimi dispositivi mobile Nintendo, che ha espressamente detto di non volersi snaturare esordendo su smartphone.

A dare un vantaggio competitivo ai dispositivi mobile con giochi via app sono i costi : da un lato il modello freemium che permette di far provare gratuitamente un nuovo gioco, dall’altro costi che si aggirano attorno a pochi dollari e che comunque non raggiungono quanto richiesto per nuovi videogame su console portatili. Su Nintendo DS e Sony PSP, al contrario, dopo la spesa di circa 200 dollari per le console, gli utenti devono spendere circa 30-40 dollari per ogni nuovo gioco.

Inoltre, i videogame formato app stanno arrivando ad incalzare anche le console da salotto: Apple TV e Google TV stanno facendo i primi passi nel settore.

Claudio Tamburrino

fonte Immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • buuuuu scrive:
    installofobia
    e' verissimo che sul desktop di windows praticamente non si riesce a lavorare tranquilli con updates, caccia al driver, e interfaccia alla merce' di MS (per la gioia di chi ha diverse versioni di os o office).Ipad e android risolvono in parte, con gli app store. Diventeranno basilari anche su mac e win 8. Spero per gli utenti che l'ammontare di controllo lasciato al produttore del giocattolo di turno non degeneri come e' sucXXXXX con la microsoft dei tempi.Ma la soluzione completa è il package manager e l'ecosistema di software libero. Un comando per aggiornare tutto il sistema, con i tempi decisi dall'utente o dell'amministratore, programmi he nel limite del possibile coesistono, banda necessaria ad aggiornare tanti pc ridotta al minimo con semplici accorgimenti, pacchetti firmati crittograficamente, operazioni identiche per il pc, server, netbook, cellulare (se hai un n900).Che poi uno si senta di affrontare l'onere di entrare in possesso del proprio pc e' un altro discorso (un po' di fatica la si fara' sempre perche' il pc perfettamente supportato sotto linux e' virtualmente eterno, il produttore forse preferisce l'alternarsi di sistemi operativi incompatibili quanto basta per far cambiare periferiche).
  • xav scrive:
    Grazie
    Condivido ogni parola, pur non essendo un apple fan, pur essendo un programmatore... Meno male che c'è ancora qualcuno che riesce a vedere quello che sta succedendo, e non badare a chi ti attacca..Quando uscirono i primi sistemi a finestre i "grandi esperti" dissero che era solo fuffa che per fare realmente le cose serviva la riga di comando. Poi ci sono stati quelli che hanno detto che iphone era un telefono come gli altri... anzi che faceva meno cose! :) (ma oggi hanno tutti almeno un android in tasca).Alcune persone non vogliono capire che i programmatori devono fare i programmatori e l'utilizzatore non deve avere problemi. Invece si continua a fare una gran confusione. Programmatori che lavorano con i piedi e utenti che si devono sbattere per riuscire a far funzionare software complicati e mal scritti.Se la mia macchina si fermasse ogni 1000km e dovessi preoccuparmi di rabboccare l'olio, tirare la cinghia, rifare la convergenza... mi incazzerei non poco. Invece qui c'è gente che crede ancora che questo sia "normale". E che se non lo sai fare e soprattutto se pretendi di non farlo... sei un ignorante!Quanta miopia.. incredibile!
  • Robot Rock scrive:
    Android Apk
    Android News. DAILY. http://www.searcheeze.com/it/p/Tsubai/robot-rock-everything-you-need-to-know-on-android-daily:)
  • rudy scrive:
    miti
    Che gli ipad siano acqistati da persone che non sanno usare un pc temo sia proprio proprio un falso.. peraltro oggi internet lo mettono dei televisori, e mia madre casalinga 85enne non ha avuto grosse difficolta a navigare moderatamente su internet e a scriversi semplici email o lettere.. (i solitari restano ovviamente il suo top) Discutere poi se un tablet o uno smartphone siano un pc mi sembra poco produttivo, al di la di un interesse di mercato.Insomma sarebbe il caso di scrivere articoli filosofici che partano da una base di dati vera, e non da altra filosofia..
  • anonimo scrive:
    traduzione sbagliata
    Secondo me la traduzione e' sbagliata.Il senso della frase e' "non c'e' ragione perche' ognuno abbia un computer in casa". Il che significa che non tutti sono tenuti ad avere in casa un computer ma qualcuno lo avra'. La traduzione proposta "Nessun individuo ha alcun motivo per avere un computer in casa propria" invece ha piu' il senso di "non c'e' ragione perche' qualcuno abbia un computer in casa", il che vale a dire che nessuno dovrebbe avere un computer in casa.
  • TADsince1995 scrive:
    Programmazione anni 90
    Bell'articolo, uno dei migliori che abbia letto su PI negli ultimi anni. Leggendolo ho ricordato una cosa che, quando ci penso, mi gira la testa, perché è, secondo me, una delle cose che maggiormente hanno significato un cambiamento dei tempi.Chi è stato Amighista smanettone in quegli anni, dovrebbe ricordarsi di AMOS, era un vero e proprio interprete basic (ma c'era anche il compilatore venduto separatamente) tagliato su misura per l'hardware dell'Amiga. (anche se in realtà derivava da STOS per Atari ST)Fino a qui non sembrerebbe esserci nulla di strano. Se non fosse che all'epoca era venduto (un linguaggio di programmazione) nei comuni megastore dell'elettronica dove oggi, al massimo, trovi l'antivirus a fianco dei cassoni acer...
    • logicamente non loggato scrive:
      Re: Programmazione anni 90
      - Scritto da: TADsince1995
      Fino a qui non sembrerebbe esserci nulla di
      strano. Se non fosse che all'epoca era venduto
      (un linguaggio di programmazione) nei comuni
      megastore dell'elettronica dove oggi, al massimo,
      trovi l'antivirus a fianco dei cassoni
      acer...Era l'epoca in cui, sulle riviste di informatica, trovavi i listati stampati (da ricopiare a manina) per implementare nuove funzionalità mentre oggi, al massimo, trovi il dvd con le demo dei soliti giochini e programmini crapware...Evoluzione ed involuzione: quale ha avuto la meglio?
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Programmazione anni 90
        - Scritto da: logicamente non loggato
        - Scritto da: TADsince1995


        Fino a qui non sembrerebbe esserci nulla di

        strano. Se non fosse che all'epoca era
        venduto

        (un linguaggio di programmazione) nei comuni

        megastore dell'elettronica dove oggi, al
        massimo,

        trovi l'antivirus a fianco dei cassoni

        acer...

        Era l'epoca in cui, sulle riviste di informatica,
        trovavi i listati stampati (da ricopiare a
        manina) per implementare nuove funzionalità
        mentre oggi, al massimo, trovi il dvd con le demo
        dei soliti giochini e programmini
        crapware...Quelli erano addirittura gli anni 80. Io ho ancora dei supercommodore in armadio!
        Evoluzione ed involuzione: quale ha avuto la
        meglio?Che sia stata evoluzione o involuzione dipende dai punti di vista...
        • sbrotfl scrive:
          Re: Programmazione anni 90
          - Scritto da: TADsince1995
          - Scritto da: logicamente non loggato

          - Scritto da: TADsince1995




          Fino a qui non sembrerebbe esserci
          nulla
          di


          strano. Se non fosse che all'epoca era

          venduto


          (un linguaggio di programmazione) nei
          comuni


          megastore dell'elettronica dove oggi, al

          massimo,


          trovi l'antivirus a fianco dei cassoni


          acer...



          Era l'epoca in cui, sulle riviste di
          informatica,

          trovavi i listati stampati (da ricopiare a

          manina) per implementare nuove funzionalità

          mentre oggi, al massimo, trovi il dvd con le
          demo

          dei soliti giochini e programmini

          crapware...

          Quelli erano addirittura gli anni 80. Io ho
          ancora dei supercommodore in
          armadio!


          Evoluzione ed involuzione: quale ha avuto la

          meglio?

          Che sia stata evoluzione o involuzione dipende
          dai punti di
          vista...Beh...non è stata involuzione dai... Seguendo darwin il proXXXXX evolutivo è statoScimmia -
          Ominide -
          Uomo (molto riassuntivo)oggi succede cosi'Scimmia -
          Ominide -
          Uomo -
          PecoraNon siamo tornati a ominide... quindi non è stata un involuzione
  • manuel scrive:
    computer ovunque
    iphone è un computertutto è un computer, si stanno solo miniaturizando e infilandosi ovunquequindi non sono d'accordo
    • pietro scrive:
      Re: computer ovunque
      - Scritto da: manuel
      iphone è un computer
      tutto è un computer, si stanno solo
      miniaturizando e infilandosi
      ovunque
      quindi non sono d'accordonon sei d'accordo con cosa?che i "computer " tablet a poco a poco sostituiranno al 99% i "computer" personal?perché questa era la tesi dell'articolo, la tua affermazione "tutto è computer" non ha nulla a che fare con questa, anzi..
      • Osvy scrive:
        Re: computer ovunque
        - Scritto da: pietro
        - Scritto da: manuel

        iphone è un computer

        tutto è un computer, si stanno solo

        miniaturizando e infilandosi

        ovunque

        quindi non sono d'accordo
        non sei d'accordo con cosa?Immagino non sia d'accordo con questa parte dell'articolo..:"iPad (che a mio modo di vedere non è un computer)"
        che i "computer " tablet a poco a poco
        sostituiranno al 99% i "computer" personal?
        perché questa era la tesi dell'articolo, la tua
        affermazione "tutto è computer" non ha nulla a
        che fare con questa, anzi..Credo che abbia "compreso" benissimo, è a te che è sfuggita quella riga ;-)
      • Funz scrive:
        Re: computer ovunque
        - Scritto da: pietro
        - Scritto da: manuel

        iphone è un computer

        tutto è un computer, si stanno solo

        miniaturizando e infilandosi

        ovunque

        quindi non sono d'accordo
        non sei d'accordo con cosa?
        che i "computer " tablet a poco a poco
        sostituiranno al 99% i "computer"
        personal?
        perché questa era la tesi dell'articolo, la tua
        affermazione "tutto è computer" non ha nulla a
        che fare con questa,
        anzi.."tutto è numero"Cavolo, aveva ragione Pitagora!(pensiero frivolo delle 17:12)
  • alcol11 scrive:
    Lasciate che i bambini...
    si fottano il cervello, cosí diventerá sempre piú facile.A parte qualche leggerezza storica, letture parziali che sono inevitabili dato che siamo umani e per fortuna tutti diversi, ecc., ecc., l'articolo non affronta la questione a mio parere piú importante, ovvero che, al contrario delle idee fondamentali da cui parte l'informatica personale, i tablet tutti e l'ipad per primissimo, vogliono che l'utente consumi e, assolutamente, NON produca.esempiucci?http://gadgetwise.blogs.nytimes.com/2010/04/20/apple-removes-teaching-app-from-app-store-and-educators-complain/http://scratch.mit.edu/forums/viewtopic.php?pid=367528In sintesi e visto che posso basarmi soprattutto sulla mia esperienza sperando possa risultare alla riflessione, la mia trasformazione da envagelista della mela multicolore che regalava Hypercard (ma solo fino a quando da redmond non hanno chiarito che l'oggetto da vendere si chiamava pauerpoinz), ad antagonista della mela marcia, lo reputo un banalissimo passaggio naturale: la naturale evoluzione di un organismo complesso che non ama farsi prendere per il XXXX, proprio come quell'altro Steve che giá nel 1987 (strano, lo stesso anno in cui hanno smesso di regalare Hypercard... - e senza nessunissimo paragone tra il sottoscritto e cotanto genio barbuto) se l'é data a gambe levate.Insomma, guardate (bene) un bambino giocare col nuovo coso della mela e chiedetevi se gli fa bene o meno, in base alla vostra risposta mi auguro per semplice egoismo e per il bene dei miei (di figli) che la natura decida se lasciarvi duplicare o meno, e/o se fare in modo che i vostri figli scappino di casa prima delle medie.
    • sadness with you scrive:
      Re: Lasciate che i bambini...
      - Scritto da: alcol11
      l'articolo non affronta la questione a mio parere
      piú importante, ovvero che, al contrario delle
      idee fondamentali da cui parte l'informatica
      personale, i tablet tutti e l'ipad per
      primissimo, vogliono che l'utente consumi e,
      assolutamente, NON produca.Secondo me invece tu non hai capito il concetto che, IMHO, sta alla base dell'articolo:-Per chi deve produrre (pochi), c'è e ci sarà sempre il computer-Per chi deve consumare, o "usare" (tanti), è arrivato il più semplice tabletTutto questo in linea di massima, perché poi anche con un tablet si può "creare", visto che "creare" no significa solo "programmare": c'è gente che sul tablet scrive libri, chi elabora foto e monta filmati, chi disegna, chi archivia, chi, in generale, lavora...
      • pietro scrive:
        Re: Lasciate che i bambini...
        - Scritto da: sadness with you...
        Tutto questo in linea di massima, perché poi
        anche con un tablet si può "creare", visto che
        "creare" no significa solo "programmare": c'è
        gente che sul tablet scrive libri, chi elabora
        foto e monta filmati, chi disegna, chi archivia,
        chi, in generale,
        lavora...fiato sprecato, qui solo quelli che programmano "lavorano" con un computer, tutti gli altri si limitano al cazzeggio
      • gnammolo scrive:
        Re: Lasciate che i bambini...

        Tutto questo in linea di massima, perché poi
        anche con un tablet si può "creare", visto che
        "creare" no significa solo "programmare": c'è
        gente che sul tablet scrive libri, chi elabora
        foto e monta filmati, chi disegna, chi archivia,
        chi, in generale,
        lavora...Ma per favore... scrivere un libro con un tablet... chi è il genio?
        • malto scrive:
          Re: Lasciate che i bambini...
          - Scritto da: gnammolo

          Tutto questo in linea di massima, perché poi

          anche con un tablet si può "creare", visto
          che

          "creare" no significa solo "programmare": c'è

          gente che sul tablet scrive libri, chi
          elabora

          foto e monta filmati, chi disegna, chi
          archivia,

          chi, in generale,

          lavora...
          Ma per favore... scrivere un libro con un
          tablet... chi è il
          genio?quelli da colorare, che usa lui... :D
        • pietro scrive:
          Re: Lasciate che i bambini...
          - Scritto da: gnammolo

          Tutto questo in linea di massima, perché poi

          anche con un tablet si può "creare", visto
          che

          "creare" no significa solo "programmare": c'è

          gente che sul tablet scrive libri, chi
          elabora

          foto e monta filmati, chi disegna, chi
          archivia,

          chi, in generale,

          lavora...
          Ma per favore... scrivere un libro con un
          tablet... chi è il
          genio?perchè tu un libro lo scrivi tutto di un fiato?ci sono autori che impiegano anche un anno per scrivere un libro, Giuseppe Tomasi di Lampedusa ha scritto il Gattopardo in una decina d'anni.
        • Teo_ scrive:
          Re: Lasciate che i bambini...
          - Scritto da: gnammolo
          Ma per favore... scrivere un libro con un
          tablet... chi è il
          genio?Perché no? Per scrivere un romanzo lo vedo adatto, meglio di un laptop. Per qualcosa di illustrato già meno.
          • gnammolo scrive:
            Re: Lasciate che i bambini...
            ma quanti vi ci vuole a capire a voi applefan che per la produttività il tablet (fatte salvo alcune eccezioni) non va bene? non insisto neanche a discutere perché è una cosa talmente ridicola che mi fa pensare abbiate si e no la terza media e che un testo più lungo di 1000 parole (non un libro, 4 paginette) in vita vostra non abbiate neanche mai provato a scriverlo.
          • Teo_ scrive:
            Re: Lasciate che i bambini...
            - Scritto da: gnammolo
            ma quanti vi ci vuole a capire a voi applefan che
            per la produttività il tablet (fatte salvo alcune
            eccezioni) non va bene? non insisto neanche a
            discutere perché è una cosa talmente ridicola che
            mi fa pensare abbiate si e no la terza media e
            che un testo più lungo di 1000 parole (non un
            libro, 4 paginette) in vita vostra non abbiate
            neanche mai provato a
            scriverlo.Immagina di essere al lavoro su un libro e avere sempre con te e sempre pronto lo strumento per prendere appunti (che siano foto, appunti vocali, video, getoag, ecc.); vuoi buttare giù qualche paginetta al volo e usi la tastiera virtuale.Se è il momento di scrivere tanto, colleghi la tastiera buetooth e se proprio non ti basta lo schermo ne colleghi uno più grande.Hai anche la possibilità di avere backup automatici in casa e in remoto senza dovertene preoccupare.
          • gnammolo scrive:
            Re: Lasciate che i bambini...
            che mi risulti l'unico a scrivere così era bukowski noto alcolizzato che scriveva nei bar
          • Teo_ scrive:
            Re: Lasciate che i bambini...
            - Scritto da: gnammolo
            che mi risulti l'unico a scrivere così era
            bukowski noto alcolizzato che scriveva nei
            barÈ un peccato che non tu non ne conosca, perché per quanto si dica che gli scrittori di oggi siano pennivendoli rinchiusi nello sgabuzzino delleditore, di scrittori di qualità ancora ne esistono.
          • gnammolo scrive:
            Re: Lasciate che i bambini...
            ma esempi me ne fai o sono solo chiacchere alla ruppolo
          • gnammolo scrive:
            Re: Lasciate che i bambini...
            fammi esempi non chiacchere
          • Teo_ scrive:
            Re: Lasciate che i bambini...
            - Scritto da: gnammolo
            fammi esempi non chiacchereChe esempi vuoi? Di scrittori che non usano un fisso stando 8 ore in ufficio ma che girano per raccogliere spunti?
      • lul scrive:
        Re: Lasciate che i bambini...
        - Scritto da: sadness with you
        - Scritto da: alcol11


        l'articolo non affronta la questione a mio
        parere

        piú importante, ovvero che, al
        contrario
        delle

        idee fondamentali da cui parte l'informatica

        personale, i tablet tutti e l'ipad per

        primissimo, vogliono che l'utente consumi e,

        assolutamente, NON produca.

        Secondo me invece tu non hai capito il concetto
        che, IMHO, sta alla base
        dell'articolo:
        -Per chi deve produrre (pochi), c'è e ci sarà
        sempre il
        computer
        -Per chi deve consumare, o "usare" (tanti), è
        arrivato il più semplice
        tablet

        Tutto questo in linea di massima, perché poi
        anche con un tablet si può "creare", visto che
        "creare" no significa solo "programmare": c'è
        gente che sul tablet scrive libri, chi elabora
        foto e monta filmati, chi disegna, chi archivia,
        chi, in generale,
        lavora...quindi secondo te veramente ci sta gente che scrive libri su uno schermo da 10 oillici occupati in parte da una tastiera touch o chi fa fotoritocco sempre su un monitor da 10 pollici touch e che fa montaggio video su un unico monitor da 10 pollici con software fatti per essere usati su un tablet e chi fa archiviazione sul database di un tablet? e magari credi alla marmotta che incarta la cioccolata, sbaglio?
        • alcol11 scrive:
          Re: Lasciate che i bambini...
          Grazie (davvero!) a tutti, mica male che ogni tanto si discuta di qualcosa che non interessa solo a "noi" ma che impatta (appunto) tutti (futuro in primis). Scrivere con l'ipad o con altro sistema simile é assurdo per ipotesi, ma l'avete giá detto meglio di me, creare davvero quasi impossibile (per scelta dei produttori, ma non voglio insistere e/o convincere nessuno, basta leggersi qualcosa in giro e capire che é cosi, period.) si possono fare un sacco di cose, ma tutte molto simili e, soprattutto, identiche per modalitá operativa e sostanziale approccio all'interazione: tocca, striscia, ritocca, ristriscia, tocca con + dita, zooma come se lanciassi una caccola o giocassi a biglie... molto edificante e, soprattutto, molto ma molto adatto a "creare" (si, ma solo disegnini, cosine, faccine, commentini, and so on) e far diventare piú intelligenti i bambini. Ora, per farla breve e visto che parlo solo di cose che conosco, io lavoro da due decadi con bambini di tutte le forme e colori, culture e provenienze, a partire dall'89 con kidpix (ma anche disney magico artista o msft creative writer tuxtutto ecc.(...) perché schifo religioni e dogmi in generale, anche se basati su codice binario, quindi ho usato davvero di tutto e con tutti gli utenti che passano per una scuola) e solo poco tempo fa mi sono messo a pistolare con lo schermone giocherelloso scoprendo che: é bellissimo e ti tira subito in mezzo ma se non sei completamente bollito ti accorgi subito che fai tutto nello stesso modo (vedi sopra, e qualcosa dovrebbe giá significare) ma che se sei un grafico, architetto, arredatore, marchettaro di vario tipo, puoi andare in giro con tutto quello che ti serve per incantare i serpenti. Un mio amico architetto, ad esempio, lo trova giá insostituibile, ma alla mia domanda "cosa ci fai con tuo figlio" ha preferito glissare e non rispondere al mio incalzare su i vari uccellini e gatti che rispondono alle frasi ripetendole e altre XXXXXXXte che sono fatte apposta per i californiani che studiano con un occhio fisso al monitor e una mano fissa sul bong. Se proprio devo dire la veritá, passata la libidine iniziale, ho rapidamente rivalutato le possibilitá di un comune nintendo DS (meglio l'XL) da cui apple ha copiato a piene mani e con cui a fronte di un minimo sbattimento puoi fare molto di piú che con il giocattolone della mela. Se peró qualcuno avesse voglia di illuminarmi, e non é una semplice provocazione o una sfida da giardinetti anni '70, sono tutto orecchi per scoprire cosa davvero si puó fare di fico, magari in una scuola o con utenti in etá scolare, che non si faccia meglio con un PC neppure troppo recente, meglio se con una bella distro standard e poche altre pugnette. Pensateci, e se qualcuno avesse buone idee prometto di inserirlo nel mio prossimo progetto di ricerca, ovviamente per la gloria e, volendo, una foto con il mio appleII, oppure con il mio mac-giallo-con-tanto-di-firme-e-impronta-nella-grafite... ma datevi una mossa, perché sono due mesi che un preside mi chiede cosa diavolo fare con i tavolozzi in un liceo e io non so cosa dirgli perché ad ogni idea che mi viene, arriva anche un senso di nausea perché nulla giustifica davvero l'uso di cotanta, scintillante e (troppo) costosa stupidaggine.
    • asd scrive:
      Re: Lasciate che i bambini...
      infatti nessuno si preoccupa dei bambini che diventano dei deficenti alienati..... c'e' addirittura qualcuno che chiede come facevano neglia nni 80 senza pc a parlare..... mio dio la gente non si rende conto, io penso che a casam ia non cisara' mai nulla di tutto cio'0 al massimo per fare musica, preferisco che i miei figli giochino all'area aperta
      • Funz scrive:
        Re: Lasciate che i bambini...
        - Scritto da: asd
        infatti nessuno si preoccupa dei bambini che
        diventano dei deficenti alienati..... c'e'
        addirittura qualcuno che chiede come facevano
        neglia nni 80 senza pc a parlare..... mio dio la
        gente non si rende conto, io penso che a casam ia
        non cisara' mai nulla di tutto cio'0 al massimo
        per fare musica, preferisco che i miei figli
        giochino all'area
        apertaa casa tua preferiresti ci fosse un dizionario di italiano, anche uno di quelli prismatici di carta andrebbe bene :pcommento contrario alla policy, MCSNF :p
  • alcol11 scrive:
    Lasciate che i bambini...
    sorry, aggiunto link, duplicato post...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 novembre 2011 11.17-----------------------------------------------------------
  • Robot Rock scrive:
    Android
    Check out il lato oscuro della telefonia. http://www.searcheeze.com/it/p/Tsubai/robot-rock-everything-you-need-to-know-on-android-daily Everything you need to know on Android. Daily.
  • ishitawa scrive:
    amarcord
    LOL...anch io ho avito come primo personal lo ZXe ho programmato su uno dei primi PC i frattali (tesina per il corso di computer graphic all universita....)
  • MeX scrive:
    perchè il tablet è il futuro?
    perhcè permette nuove interazioni.http://9to5mac.com/2011/11/11/condition-one-first-person-immersive-video-ipad-app-lands-on-app-store/[yt]k7YOSDLOW2k[/yt]
    • FinalCut scrive:
      Re: perchè il tablet è il futuro?
      - Scritto da: MeX
      perhcè permette nuove interazioni.

      http://9to5mac.com/2011/11/11/condition-one-first-
      Perdi tempo, ti risponderanno che si può fare anche con Android... magari passa Fiber a dirti che lui l'avevi visto su un Tablet PC con Windows Settete già anni fa...(apple)(linux)
      • MeX scrive:
        Re: perchè il tablet è il futuro?
        FinaCut ma tu prevedi davvero il futuro!http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3332545&m=3334419#p3334419LOL!
      • gnammolo scrive:
        Re: perchè il tablet è il futuro?
        solito ragionamento da fan, almeno mex era rimasto neutro rispetto al tablet utlizzato e certo anche android puo farlo (a patto ovviamente di avere banda a sufficienza ma vale anche per apple)
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: perchè il tablet è il futuro?
      Sarebbe una novità? Un video ripreso con obbiettivo fisheye, e usato come texture per una sfera? Non è altro che la versione animata delle foto a 360° usate, ad esempio, per street view. Si usava già nei giochi della serie Myst, ad esempio.
    • lul scrive:
      Re: perchè il tablet è il futuro?
      - Scritto da: MeX
      perhcè permette nuove interazioni.

      http://9to5mac.com/2011/11/11/condition-one-first-

      [yt]k7YOSDLOW2k[/yt]che intelligenti che sono questi applefans, ma secondo me gli conveniva guardarselo alla giusta risoluzione, in questo modo non perdeva nulla del filmato, dammi retta se è questa l'innovazione è giusto che apple muoia
    • gnammolo scrive:
      Re: perchè il tablet è il futuro?
      quando ci saranno connessioni a 100 mb....
  • Nome Nome scrive:
    E dopo che ruppolo afferma...
    ..."Del resto il personal computer non è forse uno strumento molto limitato rispetto un computer?" cercando di replicare a chi gli dice che un iPad é uno strumento interessante ma limitato...concludo che ruppolo spara str0nz@te!e via 90 minuti di applausi!
    • panda rossa scrive:
      Re: E dopo che ruppolo afferma...
      - Scritto da: Nome Nome
      ..."Del resto il personal computer non è forse
      uno strumento molto limitato rispetto un
      computer?"

      cercando di replicare a chi gli dice che un iPad
      é uno strumento interessante ma
      limitato...

      concludo che ruppolo spara str0nz@te!Hai avuto bisogno di quella risposta li' per arrivare a tale conclusione?
      • Nome Nome scrive:
        Re: E dopo che ruppolo afferma...
        - Scritto da: panda rossa

        ruppolo spara str0nz@te!

        Hai avuto bisogno di quella risposta li' per
        arrivare a tale
        conclusione?No! Ma non avevo ancora le "prove"... :D
  • hermanhesse scrive:
    Bell'articolo...
    ... o bella pubblicità?La morale è sempre quella, fai merenda con Girella. (rotfl)Ecco il succo dell'articolo. Difatti guarda a caso il plauso è arrivato dai soliti macachi.
    • Golosastro scrive:
      Re: Bell'articolo...
      - Scritto da: hermanhesse
      ... o bella pubblicità?


      La morale è sempre quella, fai merenda con
      Girella.
      (rotfl)E questa me la pappo io! (cit)
    • sadness with you scrive:
      Re: Bell'articolo...
      Che ti piaccia o meno, l'iPad ha il 75% del mercato di tablet, e visto che di tablet si parla (nell'ottica che possano sostituire i computer "domestici") mi pare ovvio il riferimento all'iPad... e comunque Galimberti dice " <i
      iPad o un altro tablet con Andoid </i
      "
      • panda rossa scrive:
        Re: Bell'articolo...
        - Scritto da: sadness with you
        Che ti piaccia o meno, l'iPad ha il 75% del
        mercato di tablet,...avendo impedito alla concorrenza di proporsi, a suon di carte bollate e brevetti sul rettangolo stondato.
        • sadness with you scrive:
          Re: Bell'articolo...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: sadness with you

          Che ti piaccia o meno, l'iPad ha il 75% del

          mercato di tablet,

          ...avendo impedito alla concorrenza di proporsi,
          a suon di carte bollate e brevetti sul rettangolo
          stondato.bullshit...-Gli "altri" hanno annunciato per un anno senza far uscire niente sul mercato, mentre Apple ha presentato ed ha lanciato-Gli altri hanno prodotto dispositivi che si sono rivelati un flop (devo ricordarti l'HP slate?) o dispositivi che a partià di prezzo dell'iPad, erano meno usabili (con vecchie versioni di Android) o non avevano software.-Apple ha fermato solo recentemente le vendite di alcuni modelli Samsung in alcuni paesi... e gli altri? dove sono?
          • hermanhesse scrive:
            Re: Bell'articolo...
            Basta aspettare. O credi che iPad rimarrà in eterno l'unico castratissimo tablet di questo povero pianeta popolato da gente come te?
          • sadness with you scrive:
            Re: Bell'articolo...
            - Scritto da: hermanhesse
            Basta aspettare. Aspetta pure...
            O credi che iPad rimarrà in
            eterno l'unico castratissimo tablet di questo
            povero pianeta popolato da gente come te?Credo semplicemente nei dati di fatto, ovvero che l'iPad è il tablet più venduto
  • Faffo scrive:
    Fuffa
    FUFFA.
  • ANTI apple scrive:
    Ladies and gentlemen, the future...
    Ladies and gentlemen, the future... <b
    ANDROID </b
    <b
    http://www.android.com </b
    8-)
    • bertuccia scrive:
      Re: Ladies and gentlemen, the future...
      - Scritto da: ANTI apple
      Ladies and gentlemen, the future...

      <b
      ANDROID </b


      <b
      http://www.android.com </b


      8-)il video in homefa riferimento a un film degli anni 80un film, per l'appunto, già visto....se queste sono le premesse........
      • sbrotfl scrive:
        Re: Ladies and gentlemen, the future...
        - Scritto da: bertuccia
        - Scritto da: ANTI apple

        Ladies and gentlemen, the future...



        <b
        ANDROID </b




        <b
        http://www.android.com
        </b





        8-)

        il video in home
        fa riferimento a un film degli anni 80

        un film, per l'appunto, già visto.

        ...se queste sono le premesse........Di un po'... hai mai provato l'esperienza dell'autocombustione? :DCon affetto. :D
        • bertuccia scrive:
          Re: Ladies and gentlemen, the future...
          - Scritto da: sbrotfl

          Di un po'... hai mai provato l'esperienza
          dell'autocombustione?più volte.poi sono passato ad Apple :)
          • Fiffu scrive:
            Re: Ladies and gentlemen, the future...
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: sbrotfl



            Di un po'... hai mai provato l'esperienza

            dell'autocombustione?

            più volte.

            poi sono passato ad Apple :):O
          • sbrotfl scrive:
            Re: Ladies and gentlemen, the future...
            - Scritto da: Fiffu
            - Scritto da: bertuccia

            - Scritto da: sbrotfl





            Di un po'... hai mai provato
            l'esperienza


            dell'autocombustione?



            più volte.



            poi sono passato ad Apple :)

            :O Sono io
            .<
          • hermanhesse scrive:
            Re: Ladies and gentlemen, the future...
            Preferisci essere sodomizzato, quindi.
          • beebox scrive:
            Re: Ladies and gentlemen, the future...
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: sbrotfl



            Di un po'... hai mai provato l'esperienza

            dell'autocombustione?

            più volte.

            poi sono passato ad Apple :)Risoluzione fallimentare, come le delusioni da cui ha avuto origine :-) Le mie esperienze sono state più felici, e infatti non ho mai comprato un Apple (ma mi piacerebbe comprare un Apple II, quella cosa buona fatta dal migliore fra i due Steve, se non fosse che su eBay hanno ormai raggiunto prezzi insensati).
          • lul scrive:
            Re: Ladies and gentlemen, the future...
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: sbrotfl



            Di un po'... hai mai provato l'esperienza

            dell'autocombustione?

            più volte.

            poi sono passato ad Apple :)e hai comprato ipod nano perchè affezionato all'autocombustione
  • lurker scrive:
    Ma serve sempre dividersi ?
    Dopo aver letto un po' di commenti mi sono andato a rileggere l'articolo per vedere se per caso l'avevo letto male.Ammetto che sia scritto un po' troppo intorno all'iPad. D'altronde non c'è (ad oggi) un altro device confrontabile non come prestazioni, ma come diffusione.Bisogna ammetterlo, iPad è sinonimo di Tablet, come iPhone è sinonimo di smartphone, così come se uno dice Personal computer, la gente pensa a windows e non certo a linux o lion.Io invece credo che l'articolo sia corretto e scorretto insieme.Corretto perchè penso anche io che il Tablet guadagni in diffusione proprio perchè a chi lo compra per buona parte serve un elettrodomestico per mandare mail, aggiornare il profilo su facebook e con cui possa anche giocare o scrivere due righe se proprio deve e non un personal computer, che è sicuramente meno user-friendly.Scorretto perchè fa un'analisi del passato (i 5 pc al mondo, ed i 640k per fare un'esempio) che tiene conto di "oggi" e non del futuro. per cui nel '43, al mondo non c'era spazio per più di 5 computer, negli anni 80, 640k bastavano per tutto, oggi c'è il tablet, ma non è la soluzione finale, domani magari avremo direttamente interfacce neurali, e sXXXXXXXmo i tablet. Il tablet è la soluzione di oggi.Purtroppo l'informatica è fatta così, cambia nel tempo.Fan dell'uno o dell'altro prodotto (o haters dell'uno o dell'altro prodotto) tendono troppo a ridurre la loro visione nel tempo, ed anche nello spazio mi sa.
    • ruppolo scrive:
      Re: Ma serve sempre dividersi ?
      - Scritto da: lurker
      Il tablet è la soluzione di oggi.Esatto.
      Purtroppo l'informatica è fatta così, cambia nel
      tempo.Esatto, ma la maggior parte qui è refrattaria al cambiamento.
      Fan dell'uno o dell'altro prodotto (o haters
      dell'uno o dell'altro prodotto) tendono troppo a
      ridurre la loro visione nel tempo, ed anche nello
      spazio mi
      sa.Chi oggi è fan dei tablet non ha la visione ridotta del tempo, ha capito che il tablet è il presente e futuro dei computer. Futuro ovviamente non proiettato a 100 o 1000 anni, ma certamente futuro per i prossimi 10 anni, forse 20. Di certo il mouse è arrivato alla fine dei suoi giorni, sostituito (per chi ha la fortuna di avere prodotti Apple) dal trackpad.
      • gnammolo scrive:
        Re: Ma serve sempre dividersi ?

        il mouse è arrivato alla fine dei suoi giorni,
        sostituito (per chi ha la fortuna di avere
        prodotti Apple) dal
        trackpad. :| :| :| :|precisione millimetrica! relax incredibile per il polso! come farne a meno!
      • lurker scrive:
        Re: Ma serve sempre dividersi ?
        Si, non parlavo tanto di fan o haters dei tablet quanto dei singoli "prodotti" o marchi.Il tablet ha un futuro, ma tutto dipende dall'evoluzione.I display flessibili sono dietro l'angolo, quindi forse non c'è poi così tanto tempo, d'altronde purtroppo la tecnologia si evolve così rapidamente oggi che si fatica a tenere il passo.E' comunque vero che conosco tante persone che hanno dei pc e che per l'uso che ne fanno, potrebbero tranquillamente usare un tablet e trovarne credo soddisfazioni maggiori grzie alla semplicità d'uso.
        • malto scrive:
          Re: Ma serve sempre dividersi ?
          - Scritto da: lurker
          Si, non parlavo tanto di fan o haters dei tablet
          quanto dei singoli "prodotti" o
          marchi.
          Il tablet ha un futuro, ma tutto dipende
          dall'evoluzione.

          I display flessibili sono dietro l'angolo, quindi
          forse non c'è poi così tanto tempo, d'altronde
          purtroppo la tecnologia si evolve così
          rapidamente oggi che si fatica a tenere il
          passo.Per non parlare di questo:http://research.microsoft.com/en-us/news/features/touch-101711.aspx
          • lurker scrive:
            Re: Ma serve sempre dividersi ?
            L'avevo visto, notevole così come il progetto holodesk. (è strano per me dire notevole per qualcosa di mamma microsoft, ma la strada non è male).Ovvio che siamo davanti a prototipi ed ad alcune indicazioni di nuove strade. Speriamo solo in qualche egregia revisione del sistema di patent che possa tutelare le cose per tempi ragionevoli vista la velocità attuale di evouzione.
          • malto scrive:
            Re: Ma serve sempre dividersi ?
            - Scritto da: lurker
            L'avevo visto, notevole così come il progetto
            holodesk. (è strano per me dire notevole per
            qualcosa di mamma microsoft, ma la strada non è
            male).Non sono mica tutti fessi da quelle parti, anzi ;)
            Ovvio che siamo davanti a prototipi ed ad alcune
            indicazioni di nuove strade.Tieni conto che è un lavoro fatto da un team piccolissimo e l'hardware necesssario sembra veramente a portata di tutti, forse stavolta arriveranno presto ;)
          • sadness with you scrive:
            Re: Ma serve sempre dividersi ?
            - Scritto da: malto
            - Scritto da: lurker

            Si, non parlavo tanto di fan o haters dei
            tablet

            quanto dei singoli "prodotti" o

            marchi.

            Il tablet ha un futuro, ma tutto dipende

            dall'evoluzione.



            I display flessibili sono dietro l'angolo,
            quindi

            forse non c'è poi così tanto tempo,
            d'altronde

            purtroppo la tecnologia si evolve così

            rapidamente oggi che si fatica a tenere il

            passo.

            Per non parlare di questo:
            http://research.microsoft.com/en-us/news/features/Ecco perché MS spende tanto in ricerca... butta soldi dietro progetti inutili
          • malto scrive:
            Re: Ma serve sempre dividersi ?
            - Scritto da: sadness with you
            Ecco perché MS spende tanto in ricerca... butta
            soldi dietro progetti
            inutiliPerò non hanno problemi di antenne per mancini o batterie che tengono poco...
        • sadness with you scrive:
          Re: Ma serve sempre dividersi ?
          - Scritto da: lurker
          Il tablet ha un futuro, ma tutto dipende
          dall'evoluzione.

          I display flessibili sono dietro l'angolo,Si, ma devi rendere flessibile anche tutto il resto... ammesso che poi abbia senso e che sia economicamente proponibile
          quindi
          forse non c'è poi così tanto tempo, d'altronde
          purtroppo la tecnologia si evolve così
          rapidamente oggi che si fatica a tenere il
          passo.Figurati chi non ci prova nemmeno
          E' comunque vero che conosco tante persone che
          hanno dei pc e che per l'uso che ne fanno,
          potrebbero tranquillamente usare un tablet e
          trovarne credo soddisfazioni maggiori grzie alla
          semplicità d'uso.Credo che, al di là delle frasi iniziali e dei raccontini personali, il senso dell'articolo sia proprio questo
      • ANTI apple scrive:
        Re: Ma serve sempre dividersi ?

        la maggior parte qui è refrattaria al cambiamento.Refrattaria al cambiamento in peggio, e aifon e aipad sono il peggio.
        per chi ha la <s
        fortuna </s
        sfiga/rogna di avere prodotti applefixed
      • FDG scrive:
        Re: Ma serve sempre dividersi ?
        - Scritto da: ruppolo
        Di certo il mouse è arrivato alla fine dei suoi giorni,
        sostituito (per chi ha la fortuna di avere prodotti Apple)
        dal trackpad.Ah, ho capito il senso della "fine dei suoi giorni". Io però considero il trackpad un device di fortuna. Cioè, in mancanza d'altro è meglio il trackpad. Ma trovo molto più comodo il mouse.
      • Osvy scrive:
        Re: Ma serve sempre dividersi ?
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: lurker

        Il tablet è la soluzione di oggi.
        Esatto.Appunto. Di oggi.
        Chi oggi è fan dei tablet non ha la visione
        ridotta del tempo, ha capito che il tablet è il
        presente e futuro dei computer. Futuro ovviamente
        non proiettato a 100 o 1000 anni, ma certamente
        futuro per i prossimi 10 anni, forse 20.Prossimi 10 anni? in informatica?...e poi scusa, vuoi che Jobs non abbia lasciato qualcosa in pentola?.. e non è una battuta
        Di certo
        il mouse è arrivato alla fine dei suoi giorni,
        sostituito (per chi ha la fortuna di avere
        prodotti Apple) dal trackpad.Non ho capito se stai parlando di tablet o di PC, in questo caso direi di PC? Perché (chiedo), Apple non mette più il mouse sugli iMac?Per quanto riguarda gli smartphone, e probabilmente a breve i tablet, la reintroduzione del "pennino" da parte di Samsung (vedi Galaxy Note) può essere una "novità" non da poco, sul piano delle possibilità. ciao
    • ANTI apple scrive:
      Re: Ma serve sempre dividersi ?

      iPad è sinonimo di Tablet,
      come iPhone è sinonimo di smartphoneMa neanche per sogno.aifon e aipad sono già di nicchia (la nicchia di quelli a cui piace essere cornuti e mazziati, alias pago tanto ottengo poco) e lo saranno sempre di più.
      • lurker scrive:
        Re: Ma serve sempre dividersi ?
        guarda, io sinceramente ho un iPod (che uso poco e solo come player mp3, ieri ho cercato di copiarci su un file avi, l'ho accantonato in poco tempo e me lo sono copiato sul cellulare (Android). Non mi ritengo proprio un applefan. Però (cambieranno le cose ? non so, non voglio mettermi a fare previsioni) ma per ora per tanti sono sinonimi. (non parlo di chi per passione o per lavoro se ne informa, ma di quelli che per telefonare usano i cellulari ad esempio)
      • FDG scrive:
        Re: Ma serve sempre dividersi ?
        - Scritto da: ANTI apple
        Ma......che bel commento trollesco"Fama di loro il mondo esser non lassa;misericordia e giustizia li sdegna:non ragioniam di lor, ma guarda e passa."
        • ANTI apple scrive:
          Re: Ma serve sempre dividersi ?

          ...che bel commento trollescoNon è una trollata ma un dato di fatto. aifon e aipad sono di nicchia e lo saranno sempre più!
      • sadness with you scrive:
        Re: Ma serve sempre dividersi ?
        - Scritto da: ANTI apple
        aifon e aipad sono già di nicchia se il 75% del mercato dei tablet per te è una nicchia...
    • bubba scrive:
      Re: Ma serve sempre dividersi ?
      - Scritto da: lurker
      Dopo aver letto un po' di commenti mi sono andato
      a rileggere l'articolo per vedere se per caso
      l'avevo letto
      male.
      Ammetto che sia scritto un po' troppo intorno
      all'iPad. D'altronde non c'è (ad oggi) un altro
      device confrontabile non come prestazioni, ma
      come
      diffusione.
      Bisogna ammetterlo, iPad è sinonimo di Tablet,
      come iPhone è sinonimo di smartphone,ma quando mai? forse per gli spettatori di StudioAperto o di altre simili trasmissioni di divulgazione scientifica..
      • Lucatortuga scrive:
        Re: Ma serve sempre dividersi ?
        Appunto, vale a dire per la maggior parte dei "non addetti ai lavori".. Proprio come "Walkman" diventò sinonimo di "lettore portatile di musicassette" nonostante lo specifico prodotto Sony non fosse affatto il più diffuso sul mercato.
    • sadness with you scrive:
      Re: Ma serve sempre dividersi ?
      - Scritto da: lurker
      Scorretto perchè fa un'analisi del passato (i 5
      pc al mondo, ed i 640k per fare un'esempio) ma che analisi... sono frasi "storiche" riportate a titolo di esempio
    • Carlo scrive:
      Re: Ma serve sempre dividersi ?
      - Scritto da: lurker
      Il tablet è la soluzione di oggi.La soluzione a quale problema ? Non esiste una soluzione buona per tutto, il mondo reale è più complicato. Personalmente ad esempio lo trovo scomodo perché è troppo grande per essere portatile, è toppo piccolo per essere un fisso e il fatto che non abbia una vera tastiera lo rende scomodo per un uso un po' intensivo. Forse chi il computer lo usa poco ci si troverà bene, non so, ma devo ancora trovare qualcuno che possiede un tablet che non abbia anche un PC fisso a casa e un cellulare più o meno "smart" in tasca.
  • ruppolo scrive:
    Bell'articolo
    Ma qui nel forum son ben pochi in grado di vedere oltre la propria cameretta, in parte anche grazie al lavaggio di cervello operato da Microsoft.Col senno di poi il personal computer ha fallito la sua missione. Quando nacque voleva essere il computer per tutti, e non per i "camici bianchi"Sappiamo com'è andata, non solo i personal computer sono macchine da "camici bianchi", ma quegli stessi camici bianchi si permettono pure di deridere chi non sa usare il personal computer, dimostrando di essere camici bianchi XXXXXXXXX (a differenza di quelli degli anni '60 e '70).iPad è il primo computer usabile da tutti, lo abbiamo visto (tranne i camici bianchi XXXXXXXXX, sopra menzionati).Finalmente.
    • bertuccia scrive:
      Re: Bell'articolo
      - Scritto da: ruppolo

      quegli stessi camici bianchi si permettono pure
      di deridere chi non sa usare il personal
      computer, dimostrando di essere camici bianchi
      XXXXXXXXX ( <b
      a differenza di quelli degli anni '60 </b

      <b
      e '70 </b
      )*
    • uid99 scrive:
      Re: Bell'articolo
      - Scritto da: ruppolo
      Ma qui nel forum son ben pochi in grado di vedere
      oltre la propria cameretta, in parte anche grazie
      al lavaggio di cervello operato da
      Microsoft.Beh..a me sembra che tu il lavaggio del cervello te lo sei fatto fare da Apple. Ho letto un po' dei tuoi commenti, e ti considero uguale agli altri. Quindi non ti elevare a giudice, perche' non te lo puoi permettere proprio.
      • ruppolo scrive:
        Re: Bell'articolo
        - Scritto da: uid99
        - Scritto da: ruppolo

        Ma qui nel forum son ben pochi in grado di
        vedere

        oltre la propria cameretta, in parte anche
        grazie

        al lavaggio di cervello operato da

        Microsoft.

        Beh..a me sembra che tu il lavaggio del cervello
        te lo sei fatto fare da Apple. Ho letto un po'
        dei tuoi commenti, e ti considero uguale agli
        altri. Quindi non ti elevare a giudice, perche'
        non te lo puoi permettere
        proprio.Io mi elevo a colui che ha vissuto la nascita del personal computer, da persona maggiorenne.Qualcun altro qui mi fa compagnia?
        • sbrotfl scrive:
          Re: Bell'articolo
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: uid99

          - Scritto da: ruppolo


          Ma qui nel forum son ben pochi in grado
          di

          vedere


          oltre la propria cameretta, in parte
          anche

          grazie


          al lavaggio di cervello operato da


          Microsoft.



          Beh..a me sembra che tu il lavaggio del
          cervello

          te lo sei fatto fare da Apple. Ho letto un
          po'

          dei tuoi commenti, e ti considero uguale agli

          altri. Quindi non ti elevare a giudice,
          perche'

          non te lo puoi permettere

          proprio.

          Io mi elevo a colui che ha vissuto la nascita del
          personal computer, da persona
          maggiorenne.
          Qualcun altro qui mi fa compagnia?No ruppolo... nessuno ha voglia di starti vicino...
        • Giorgio46 scrive:
          Re: Bell'articolo
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: uid99

          - Scritto da: ruppolo


          Ma qui nel forum son ben pochi in grado
          di

          vedere


          oltre la propria cameretta, in parte
          anche

          grazie


          al lavaggio di cervello operato da


          Microsoft.



          Beh..a me sembra che tu il lavaggio del
          cervello

          te lo sei fatto fare da Apple. Ho letto un
          po'

          dei tuoi commenti, e ti considero uguale agli

          altri. Quindi non ti elevare a giudice,
          perche'

          non te lo puoi permettere

          proprio.

          Io mi elevo a colui che ha vissuto la nascita del
          personal computer, da persona
          maggiorenne.
          Qualcun altro qui mi fa compagnia?
          • sbrotfl scrive:
            Re: Bell'articolo
            - Scritto da: Giorgio46
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: uid99


            - Scritto da: ruppolo



            Ma qui nel forum son ben pochi in
            grado

            di


            vedere



            oltre la propria cameretta, in parte

            anche


            grazie



            al lavaggio di cervello operato da



            Microsoft.





            Beh..a me sembra che tu il lavaggio del

            cervello


            te lo sei fatto fare da Apple. Ho letto un

            po'


            dei tuoi commenti, e ti considero uguale
            agli


            altri. Quindi non ti elevare a giudice,

            perche'


            non te lo puoi permettere


            proprio.



            Io mi elevo a colui che ha vissuto la nascita
            del

            personal computer, da persona

            maggiorenne.

            Qualcun altro qui mi fa compagnia?Hai ragione...basta quotare le sue stessa parole per umiliarlo :D
        • Prozac scrive:
          Re: Bell'articolo
          - Scritto da: ruppolo
          Io mi elevo a colui che ha vissuto la nascita del
          personal computer, da persona
          maggiorenne.
          Qualcun altro qui mi fa compagnia?Mio padre. E pure lui, come te, non ci capisce nulla di informatica.
      • malto scrive:
        Re: Bell'articolo
        - Scritto da: uid99
        - Scritto da: ruppolo

        Ma qui nel forum son ben pochi in grado di
        vedere

        oltre la propria cameretta, in parte anche
        grazie

        al lavaggio di cervello operato da

        Microsoft.

        Beh..a me sembra che tu il lavaggio del cervello
        te lo sei fatto fare da Apple.Lavare un'oggetto immaginario? :DSon proprio bravi alla apple!
    • gnammolo scrive:
      Re: Bell'articolo
      vedremo chi è l'XXXXXXXXX nei prossimi anni, vedremo quanti uffici adotteranno tablet per contabilità, progettazione, fatturazione, gestione magazzino, attività multimediali (robe notoriamente da camici bianchi)vedremo in quante case i tablet entreranno come unico mezzo informatico o come complemento ad un notebook o pc desktop.vedremo quanti XXXXXXXXX scriveranno la tesi su un pc con tastiera e schermo da 20" e quanti illuminati lo faranno con un tablet da 10" e tastiera touch.
      • lurker scrive:
        Re: Bell'articolo
        - Scritto da: gnammolo
        vedremo chi è l'XXXXXXXXX nei prossimi anni,
        vedremo quanti uffici adotteranno tablet per
        contabilità, progettazione, fatturazione,
        gestione magazzino, attività multimediali (robe
        notoriamente da camici
        bianchi)
        vedremo in quante case i tablet entreranno come
        unico mezzo informatico o come complemento ad un
        notebook o pc
        desktop.
        vedremo quanti XXXXXXXXX scriveranno la tesi su
        un pc con tastiera e schermo da 20" e quanti
        illuminati lo faranno con un tablet da 10" e
        tastiera
        touch.Entreranno come complemento, poi pian piano come alternativa nelle case, alcuni nostri clienti li usano già ora come strumenti di lavoro, e spero che i miei nipoti possano dettare la loro tesi, forse non ad un tablet perchè sarà obsoleto ma ad un dispositivo indossabile.Il pc è grande, è il papà dei tablet, io non credo rinuncerò mai ad averne uno, ma non lo considero lo step finale dell'evoluzione informatica.E spero di vedere prima o poi un dispositivo in cui mi basterà pensare, a ben pensarci la tastiera è scomoda e lenta rispetto alle nostre potenzialità.
        • gnammolo scrive:
          Re: Bell'articolo
          e le auto volanti niente? perché è questo che stai prospettando
          • bertuccia scrive:
            Re: Bell'articolo
            - Scritto da: gnammolo

            e le auto volanti niente? perché è questo che
            stai prospettandosei abbastanza fastidioso, dal momento che si è degnato di risponderti seriamente potresti mostrare un minimo di rispettops. sulla tastiera e i pc indossabili ha pienamente ragione, e non siamo nemmeno così lontani come vorresti far credere, vedi iPhone + Siri
          • gnammolo scrive:
            Re: Bell'articolo
            con te non perdo tempo
          • sbrotfl scrive:
            Re: Bell'articolo
            - Scritto da: gnammolo
            con te non perdo tempoNOOOOOOOOOOOOOOO avevo giusto voglia di leggere un po' di flame :D
          • gnammolo scrive:
            Re: Bell'articolo
            non oggi, c'è lurker che è un utente che ragiona!
          • sbrotfl scrive:
            Re: Bell'articolo
            - Scritto da: gnammolo
            non oggi, c'è lurker che è un utente che ragiona!:'(:'(:'(:'(:'(:'(
          • lurker scrive:
            Re: Bell'articolo
            azz.. mi spiace ... :P
          • Fiffu scrive:
            Re: Bell'articolo
            - Scritto da: lurker
            azz.. mi spiace ...

            :PSapevo che l'11 novembre succedeva qualcosa di brutto... :'( :'( :'( :'( :'( :'(Niente troll su pi :'( :'( :'( :'(
          • gnammolo scrive:
            Re: Bell'articolo
            è tutta colpa di uno che ha provato a ragionare qua dentro!
          • sbrotfl scrive:
            Re: Bell'articolo
            - Scritto da: gnammolo
            è tutta colpa di uno che ha provato a ragionare
            qua
            dentro!E' un alieno!!!
          • Osvy scrive:
            Re: Bell'articolo
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: gnammolo

            è tutta colpa di uno che ha provato a
            ragionare

            qua

            dentro!

            E' un alieno!!!Va soppresso!!!
          • Osvy scrive:
            Re: Bell'articolo
            - Scritto da: bertuccia
            ps. sulla tastiera e i pc indossabili ha
            pienamente ragione, e non siamo nemmeno così
            lontani come vorresti far credere, vedi iPhone +
            Sirimamma mia, un PC "indossabile"?.. già siamo circondati da questi aggeggi, pure addosso dobbiamo metterli? e poi pure sottopelle?L'unica utilità di un PC indossabile potrebbe essere come giubbotto antiproiettile.. speriamo che restino come sono, esterniPoi, se quando parlo mi scrive automaticamente, beh, questo non sarebbe affatto male eh.. quel che è "buono" ben venga
          • lurker scrive:
            Re: Bell'articolo
            Ma chissà, anche il teletrasporto.Sto prospettando solo che non so cosa inventeranno domani. E che mi pare che il tablet abbia ottime possibilità per sostituirsi in alcune funzionalità o per alcuni tipi di utenti, ai pc.I dispositivi Android già per alcune cose possono prendere il posto dei soldi o delle carte di credito mi pare no ?Chi avrebbe pensato 10-20 anni fa di pagare con il telefono ?
          • gnammolo scrive:
            Re: Bell'articolo
            il punto è l'ergonomia: che senso ha indossare un pc? quanto pratico è parlare ad un computer? Vediamolo subito: quanto sucXXXXX hanno avuto gli audiolibri (tecnologia di facilissima distribuzione e bassissimo costo)? Pochissimo rispetto al testo tradizionale che piuttosto è passato dalla carta allo schermo degli e-reader. Quanto sucXXXXX hanno avuto le videochiamate? Tempo fa sembravano il futuro della comunicazione mobile (implementata da diversi device e supportata da più compagnie, sopratutto 3) invece non ha avuto sucXXXXX da nessuna parte nel mondo.Quindi una tecnologia innovativa e originale non sempre è sinonimo di sucXXXXX, alcune entrano nell'uso del popolo altre, anche se con tutti i meriti, no. Perché? Perché poco pratiche, poco "cool".Veniamo dunque al pc a cui parli per dare comandi, partiamo da tecnologie che ci sono già: ma quanto coglixxne sembra qualcuno che si mette per strada a dare comandi vocali al telefono? La rubrica a chiamate vocali esiste da almeno 10 anni ed è abbastanza affidabile ma quanto sucXXXXX ha avuto? Nessuno proprio perché usarla in pubblico è da emeriti deficienti. Ora arriviamo al pc a comandi vocali: esiste da anni la lettura vocale degli output del pc, inutilizzato dalla massa per i motivi di prima, vediamo allora perché no all'input: te lo vedi un'ufficio dove tutti danno comandi vocali al proprio computer? Dai ridicolo, un manicomio peggio di un call center. Ma è poi così pratico? NO! Pensa al comando annulla, quanto è più veloce fare mela/crtl-Z rispetto a dirgli "annulla"? Certo alla dettatura dei testi questo gioverebbe ma un pc è molto più di questo.Quindi torniamo al tablet: si potra lavorare con loro? Secondo me no, se non in alcuni casi dove la portabilità è un vantaggio. Perché? Schermo troppo piccolo, mancanza di tastiera ne condannano l'uso ad essere relegato all'intrattenimento e piccoli compiti non gravosi (es. prenotare un aereo o appunto facebook)Potranno sostituire il pc casilingo? Forse in alcuni casi ma una minoranza, tra macchina per gamers, studenti universitari, chi si porta il lavoro a casa, un pc in carne e ossa serve sempre.Continuo a ripeterlo il tablet non sostituirà il pc ma lo affiancherà un po come (per chi ce l'ha) la moto affianca l'auto, sono pochi che si comprano SOLO la moto.
          • lurker scrive:
            Re: Bell'articolo
            Questa mi piace molto di più.Alcune parti mi trovano pienamente d'accordo, io con il pc ci lavoro e non mi sognerei mai di usare un tablet per fare quel che faccio.E' anche vero che, se sono in giro a qualche riunione, uno smartphone o un tablet mi possono tornare molto comodi quantomeno per leggere o rispondere ad una mail, collegarmi ad un collega con skype, spiegargli alcune cose, collegarmi al suo pc con vnc e guidarlo a fare alcune operazioni se serve. Devo ammettere che in quel caso un tablet è più comodo di un portatile.Sai cosa, viste le prestazioni del nuovo Tegra quad core, e visto che probabilmente a breve il grande gap computazionale pc vs dispositivi mobili sarà pareggiato, una soluzione tipo lo Spider pad (vedilo più evoluto, con cpu nuove, più veloce) mi piacerebbe. Un telefono con dentro tutto, un tablet per avere uno schermo decente quando serve pur mantenendo una notevole mobilità, un pc per lavorare (cui aggancere un mouse ed un monitor più grande) e via discorrendo.Insomma .. io ci vedo qualche discreta possibilità (però è plausibile che mi sbagli anche)
          • gnammolo scrive:
            Re: Bell'articolo
            ok, un device ultracompatto (smart/tablet) che con un dock o addirittura wireless si colleghi ad un monitor più grande, tastiera e mouse puo essere una soluzione pratica, lo sviluppo della potenza di calcolo nello spazio piccolo sta avendo un'accelerazione notevole, ci si puo arrivare in poco tempo.
          • malto scrive:
            Re: Bell'articolo
            - Scritto da: lurker
            Ma chissà, anche il teletrasporto.

            Sto prospettando solo che non so cosa
            inventeranno domani.

            E che mi pare che il tablet abbia ottime
            possibilità per sostituirsi in alcune
            funzionalità o per alcuni tipi di utenti, ai
            pc.

            I dispositivi Android già per alcune cose possono
            prendere il posto dei soldi o delle carte di
            credito mi pare no
            ?Pensa che bello: il tuo portafoglio in mano ai ladroni delle compagnie telefoniche, non vedo l'ora :|
          • lurker scrive:
            Re: Bell'articolo
            Hai ragione, ma d'altronde ad oggi mettiamo i nostri soldi in mano alle Banche, che credo abbiano fatto parecchi danni anche loro.Tutto è migliorabile e nulla è perfetto, e l'innovazione più grande credo sia sempre nella cultura e nella consapevolezza. Ma qui stavamo parlando di Innovazione tecnologica e poi si va OT.
        • Teo_ scrive:
          Re: Bell'articolo
          - Scritto da: lurker
          E spero di vedere prima o poi un dispositivo in
          cui mi basterà pensare, a ben pensarci la
          tastiera è scomoda e lenta rispetto alle nostre
          potenzialità.Qualcosa si muove da qualche anno http://thenextweb.com/apple/2011/11/13/did-hackers-really-control-siri-on-the-iphone-4s-using-their-mind-probably-not/
      • di passaggio scrive:
        Re: Bell'articolo

        vedremo quanti XXXXXXXXX scriveranno la tesi su
        un pc con tastiera e schermo da 20" Pochi. I PC desktop stanno già sparendo, sostituiti dai laptop.
        e quanti
        illuminati lo faranno con un tablet da 10" e
        tastiera
        touch.Ancora meno di quelli sopra. La tatiera touch va bene solo per brevi periodi, non per lavorarci ore. Resto convinto che si affermeranno sempre più i portatili, magari un po' diversi dagli attuali, magari col touch screen, ma comunque dotati di una vera tastiera.
    • ANTI apple scrive:
      Re: Bell'articolo

      iPad è il primo computer(rotfl)adesso aipad sarebbe addirittura un computer...(rotfl)al massimo va bene come vassoio
      usabile da tutti(rotfl)sei in vena di barzellette oggi...
    • di passaggio scrive:
      Re: Bell'articolo
      l'Ipad, come gli altri tablet vanno bene solo per l'intattenimento, non per lavorare.Ed il motivo principale è la mancanza di una tastiera, necessaria se ci devi lavorare per ore.E prima che mi rispondi che ce ne puoi mettere una esterna, ti rispondo io che a quel punto non c'è più una gran differenza con un laptop.
      • gnammolo scrive:
        Re: Bell'articolo
        c'è anche lo schermo da 10" che per starci ore davanti è massacrante per gli occhi per quanto bene sia fatto
    • panda rossa scrive:
      Re: Bell'articolo
      - Scritto da: ruppolo
      ma
      quegli stessi camici bianchi si permettono pure
      di deridere chi non sa usare il personal
      computer <b
      ma pretende di pontificare </b
      Fixed. 8)(Ogni riferimento a ruppolo non e' affatto casuale)
    • Funz scrive:
      Re: Bell'articolo
      Mi sembrava un articolo pieno di trite banalità, adesso ne ho la conferma :p
  • iupiter scrive:
    monopolio della semplicita
    si guarda che con android le fa meglio che con l'ipad...sembra che solo l'ipad ha il monopolio della semplicita'..concordo bella marketta pro apple
    • ruppolo scrive:
      Re: monopolio della semplicita
      - Scritto da: iupiter
      si guarda che con android le fa meglio che con
      l'ipad...sembra che solo l'ipad ha il monopolio
      della semplicita'..concordo bella marketta pro
      appleAndroid non sa nulla della semplicità, Android è solo un tentativo di imitazione. Non riuscito.
      • ANTI apple scrive:
        Re: monopolio della semplicita

        Android non sa nulla della semplicità, Android è
        solo un tentativo di imitazione. Non riuscito.Rosica, rosica, inventandoti assurdità.Ma devi rassegnarti, Android sta già facendo piazza pulita dei vari aicosi.
        • Osvy scrive:
          Re: monopolio della semplicita
          - Scritto da: ANTI apple

          Android non sa nulla della semplicità,
          Android
          è

          solo un tentativo di imitazione. Non
          riuscito.

          Rosica, rosica, inventandoti assurdità.

          Ma devi rassegnarti, Android sta già facendo
          piazza pulita dei vari aicosi.Mi aggancio per "predire"... ho l'impressione che il Samsung Galaxy Note stia per creare un nuovo "segmento", uno schermo "inusuale" per un cellulare (quale è), meno ampio di un tablet ma però molto più portabile, e una nuova modalità, il pennino (strumento "vecchio", ma non sui touch di oggi), che amplia le possibilità rispetto al touch (e crea un'altra categoria di app, le app-pen appunto, o come le chiameranno)
          • Osvy scrive:
            Re: monopolio della semplicita
            - Scritto da: Osvy
            (e crea un'altra categoria di app, le
            app-pen appunto, o come le chiameranno)http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/tecnologia/grubrica.asp?ID_blog=30&ID_articolo=9726&ID_sezione=38
      • il signor rossi scrive:
        Re: monopolio della semplicita
        - Scritto da: ruppolo

        Android non sa nulla della semplicità, Android è
        solo un tentativo di imitazione. Non
        riuscito.ma chissenefrega... anche windows era un tentativo di imitazione non riuscito (almeno per i primi 20 anni di vita) del mac, ciò non gli ha impedito di diventare il sistema numero 1 al mondo grazie al fatto che era una piattaforma aperta (non intendo open source, ovviamente) che girava su ogni hardware e molto più customizzabile sia dagli utenti che dai produttori.E questo è ciò che sta diventando Android. Stesse funzionalità di iOS, qualcosa meglio qualcosa peggio, forse meno semplice da utilizzare in quanto non esiste un solo android ma tante personalizzazioni, ma molto più flessibile, aperto, customizzabile dagli stessi utenti, modificabile in ogni sua parte e componente da utenti (che sanno farlo...) e produttori. Il tutto con un'esperienza utente tranquillamente paragonabile a iOS, e comunque guarda che non è così vero che sia più complicato da usare di iOS, si parla di dettagli minimi.Sul fatto che sia non riuscito ho qualche dubbio visto che si sta avvicinando al 50% del mercato.iOS è ottimo, certo, ma la sua natura chiusa e legata solo a pochi prodotti apple ne limiterà la diffusione a una nicchia, proprio come è avvenuto per i computer con i macintosh. Alla gente piace la varietà, c'è chi il cell lo vuole da 150 euro, chi lo vuole con la tastiera slide o verticale, chi lo vuole con lo schermo piccolo, medio, grande e via dicendo. Apple non potrà mai coprire tutte le esigenze del mercato, e pertanto la sua percentuale resterà sotto un fisiologico 20%, che comunque è un'enormità per un singolo produttore.Ora arriverà windows phone e scombussolerà tutto, ancora non so dirti come. Resta il fatto che la varietà e customizzabilità di Android è una cosa fantastica nell'attuale panorama che non si vedeva dagli anni '80. E alla gente piace, fattene una ragione! :-)
  • norman scrive:
    "il computer invisibile" - d. norman
    vi invito a leggere questo libro, e' del '98 e praticamente ha descritto quello che sarebbe sucXXXXX fino a oggi.http://www.apogeonline.com/libri/9788850323555/scheda
    • ruppolo scrive:
      Re: "il computer invisibile" - d. norman
      - Scritto da: norman
      vi invito a leggere questo libro, e' del '98 e
      praticamente ha descritto quello che sarebbe
      sucXXXXX fino a
      oggi.

      http://www.apogeonline.com/libri/9788850323555/schDirei che già la prefazione dice tutto.
      • ANTI apple scrive:
        Re: "il computer invisibile" - d. norman

        Direi che già la prefazione dice tutto.Non illuderti, aifon e aipad non hanno nulla a che farci...
    • ANTI apple scrive:
      Re: "il computer invisibile" - d. norman
      Civilization advances by extending the number of important operations which we can perform without thinking of them.Alfred North Whitehead
    • bubba scrive:
      Re: "il computer invisibile" - d. norman
      - Scritto da: norman
      vi invito a leggere questo libro, e' del '98 e
      praticamente ha descritto quello che sarebbe
      sucXXXXX fino a
      oggi.

      http://www.apogeonline.com/libri/9788850323555/schNessun conflitto di interessi, ovviamente. (..)E' cofondatore, con Jakob Nielsen, del Nielsen Norman Group, una <s
      società di consulenza </s
      particolarmente focalizzata sui temi dell' <s
      usabilità </s
      . È stato <s
      Apple Fellow e Vicepresidente del gruppo per le tecnologie avanzate alla Apple Computer </s
      ,(...)
    • lurker scrive:
      Re: "il computer invisibile" - d. norman
      Non ho letto il libro ma solo la prefazione sul sito Feltrinelli.Parto dall'idea generale della prefazione quindi, ovvero che i pc possano diventare simili ad "elettrodomestici". La cosa mi trova d'accordo, è vero che un computer, oggi come oggi, utilizzato fuori da ambiti particolari di lavoro, è più ostile di un qualcosa che somiglia ad un elettrodomestico.Bisogna dire però che un computer raccoglie in se tante funzionalità, e le fa niente male. Oltre a lavorarci, a scriverci e/o a tenerci la contabilità o a progettarci qualcosa con un cad o altri usi professionali, un pc è un'ottimo videogioco, è una porta aperta su internet (tutto, non solo web), funziona benone per ascoltarci musica, per guardarci un film, per comunicare con qualcuno, per emulare o simulare altri apparecchi e via discorrendo.Tutte queste sono azioni complicate, e se è semplice realizzare un device che si occupa con sucXXXXX di un solo aspetto (penso al mio hd multimediale, o al mio ipod, o al mio smartphone) è difficile realizzare un singolo "elettrodomestico" che possa fare almeno buona parte delle cose con la medesima versatilità. E' anche vero che solo ora ci sono le prime generazioni nate con il browser, ad esempio, per le quali internet è una cosa normale come il televisore e per le quali si può forse cominciare a progettare un apparecchio unico con diverse funzionalità differente da un pc.Sinceramente voglio sperare che fra smartphone, tablet e simili l'evoluzione attuale prenda la strada di qualcosa di più user-friendly, ma spero sempre in qualcosa che, quando voglio spremerlo un po', quando ho voglia di "giocarci" o di vedere cosa ne posso ottenere, mi lasci la stessa facilità d'uso di un pc.Altrimenti la sostituzione sarà sempre un po' zoppa.(Per dire, se vuoi sviluppare su un tablet o uno smartphone, ad oggi, serve sempre dotarsi di un computer)
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: "il computer invisibile" - d. norman
      - Scritto da: norman
      vi invito a leggere questo libro, e' del '98 e
      praticamente ha descritto quello che sarebbe
      sucXXXXX fino a
      oggi.

      http://www.apogeonline.com/libri/9788850323555/schL'ha scritto Finacut, per caso? :D
  • Ill Informer scrive:
    E se ...
    E se Wozniak, invece di smanettare nel suo garage per costruire un computer fosse andato a lavorare all'IBM ?E se Edison invece di sbattersi a progettare la lampadina avesse comprato uno stock di candele ?E se Gutenberg invece di sprecare oro e risorse per inventare la stampa avesse assunto uno scrivano ?A proposito della stampa, mio onno era solito dire che "i giornali sono un'ottima invenzione, ma i giornalisti spesso sono totalmente inutili".Ride bene chi ride ultimo eh nonno ?
  • gnammolo scrive:
    una bella marketta
    ad apple, complimenti per l'analisi svolta guardando a tutti i sistemi operativi.PS: per fare i frattali quanto hai speso?
  • bertuccia scrive:
    Ride bene chi ride ultimo. Giusto, Ken?
    [img]http://i.imgur.com/IRDDt.png[/img]
  • Nome e cognome scrive:
    bella la premessa ma la conclusione...
    A me pare che il tablet non dia possibilità in più. Al contrario, impedisce moltissime cose. Non c'è alcun bisogno di uno strumento così limitato. Pensaticei, c'era veramente bisogno di togliere la tastiera? c'era veramente bisogno di politiche così aggressive sui vari store? c'era veramente bisogno di bloccare così tanto questi sistemi operativi "incompleti"?Facciamo un essempio. Per poter utilizzare l'iphone come router in america è necessario pagare un abbonamento ad at&t. Per pochi giorni sull'appstore è atata presente una app che permetteva di farlo gratis. Che vantaggio ne ha il consumatore a dover pagare qualcosa che il suo sistema potrebbe fare gratis? NESSUNOParlare di tablet non vuol dire nulla, si può parlare di sistemi onestamente al servizio dell'utente oppure di sistemi al servizio dell'industria. Entrambi possono essere semplicissimi da usare. Ma solo uno è realmente utile all'individuo. Invece ora si usa la scusa Idiota della semplicità per rendere appetibili blocchi e limitazioni, vendendoli come un male necessario perr avere vantaggi quali la semplicità d'uso. Ma si tratta di cose completamente scollegate. Ci paiono collegate perchè siamo troppo ignoranti per capiere che si tratta solo di fumo negli occhi. E QUI SI CHIUDE IL CERCHIO. L'utente troppo ignorante per avere un computer compra un tablet, il tablet non è fatto come potrebbe dovrebbe essere per essere veramente utile. E' fatto per servire l'industria (gli isp, i produttori di hardware, l'industria dei contenuti). Per fare questo costruisce blocchi, limitazioni e fa in modo che non sia necessario capire nulla per utilizzarlo. Addirituttra impedisce che si possano sfruttare a pieno tutte le potenzialita del proprio prodotto. In poche parole coltiva l'ignoranza degli utenti. L'utente ignorante compra un tablet.
    • Ill Informer scrive:
      Re: bella la premessa ma la conclusione...

      In poche parole coltiva l'ignoranza degli utenti.
      L'utente ignorante compra un
      tablet.Guarda che il messaggio dell'articolo era esattamente questo, la logica è : perché devi star lì a pensare quando puoi pagare altra gente perché pensi al posto tuo. E così da produttori si diventa consumatori, l'economia si sposta sui paesi asiatici dove pagare la gente costa poco, i tuoi dati personali e la storia tua vita finiscono in California, nessuno progetta più nulla di nuovo e falliscono tutti.È una idea geniale !
      • bertuccia scrive:
        Re: bella la premessa ma la conclusione...
        - Scritto da: Ill Informer

        Guarda che il messaggio dell'articolo era
        esattamente questoio avevo capito che il messaggio è che non tutti possono essere degli esperti in tutto!che stupido, grazie che mi hai spiegato!
        • Ill Informer scrive:
          Re: bella la premessa ma la conclusione...
          Di niente, transuillo ! Comunque se ti può servire, quello che dici tu si chiama Internet ed è un'altra cosa.
          io avevo capito che il messaggio è che non tutti
          possono essere degli esperti in
          tutto!

          che stupido, grazie che mi hai spiegato!
          • Ill Informer scrive:
            Re: bella la premessa ma la conclusione...
            azz tranQuillo ... maledetta tastiera virtuale !
    • ruppolo scrive:
      Re: bella la premessa ma la conclusione...
      - Scritto da: Nome e cognome
      A me pare che il tablet non dia possibilità in
      più.Anche l'automobile dà meno possibilità del cavallo.
      Al contrario, impedisce moltissime cose.Non importa.
      Non
      c'è alcun bisogno di uno strumento così limitato.Si che c'è, e il mercato lo dimostra.Del resto il personal computer non è forse uno strumento molto limitato rispetto un computer?
      Pensaticei, c'era veramente bisogno di togliere
      la tastiera?Oh si, ma non è ancora stata tolta abbastanza.
      c'era veramente bisogno di politiche
      così aggressive sui vari store?Oh si, c'era proprio bisogno di riunire i prodotti in solo grande store, con un unico sistema di pagamento.Immagina se quello che compri al supermercato lo dovessi comprare in negozi separati: il latte in un negozio, la mozzarella in un'altro, il detersivo per i piatti in un terzo, i biscotti in un quarto e così via.
      c'era veramente
      bisogno di bloccare così tanto questi sistemi
      operativi
      "incompleti"?Si, in modo da garantire la coerenza nell'utilizzo di questi sistemi.
      Facciamo un essempio. Per poter utilizzare
      l'iphone come router in america è necessario
      pagare un abbonamento ad at&t. Per pochi giorni
      sull'appstore è atata presente una app che
      permetteva di farlo gratis. Che vantaggio ne ha
      il consumatore a dover pagare qualcosa che il suo
      sistema potrebbe fare gratis?
      NESSUNOE dove sta scritto che ciò che consuma un consumatore debba essere gratis?Se io consumo 20 MB di banda al mese, devo pagare come chi ne consuma 20GB?Per caso al supermercato si paga un prezzo fisso a prescindere da quanta roba hai nel carrello?
      Parlare di tablet non vuol dire nulla, si può
      parlare di sistemi onestamente al servizio
      dell'utente oppure di sistemi al servizio
      dell'industria.Il che significa la stessa cosa, visto che l'industria è fatta di gente che lavora e che ha bisogno di lavorare per vivere. Tutto è al servizio della gente.
      Entrambi possono essere
      semplicissimi da usare.Ma anche no. Infatti nella realtà non lo sono.
      Ma solo uno è realmente
      utile all'individuo.Uno? Perché uno? E non dieci?
      Invece ora si usa la scusa
      Idiota della semplicità per rendere appetibili
      blocchi e limitazioni, Non è una scusa, è la realtà.
      vendendoli come un male
      necessarioAl contrario. Vengono venduti come vantaggi, e come vantaggi vengono recepiti dal cliente.
      perr avere vantaggi quali la
      semplicità d'uso.Un vantaggio imprescindibile.
      Ma si tratta di cose
      completamente scollegate. Ci paiono collegate
      perchè siamo troppo ignoranti per capiere che si
      tratta solo di fumo negli occhi.No, TU sei troppo ignorante per non capire che il computer deve essere al nostro servizio e non il contrario.
      E QUI SI CHIUDE
      IL CERCHIO. L'utente troppo ignorante per avere
      un computer compra un tablet,Quell'utente "troppo ignorante" potrebbe essere un chirurgo in grado di salvarti la pelle, uno che riesce a trapiantare un organo, ma che non trova il file che ha appena salvato, perché il sistema operativo usa ancora un obsoleto paradigma per cui i file hanno un luogo nell'hard disk e l'utente deve essere a conoscenza di questo luogo.
      il tablet non è
      fatto come potrebbe dovrebbe essere per essere
      veramente utile.Il tablet probabilmente no, iPad si.
      E' fatto per servire l'industria
      (gli isp, i produttori di hardware, l'industria
      dei contenuti).Industria fatta di persone, quindi è fatto per le persone.
      Per fare questo costruisce
      blocchi, limitazioni e fa in modo che non sia
      necessario capire nulla per utilizzarlo.Infatti, non è necessario. Come non è necessario conoscere il funzionamento di un motore a scoppio per viaggiare in automobile.
      Addirituttra impedisce che si possano sfruttare a
      pieno tutte le potenzialita del proprio prodotto.Al contrario, la sua semplicità di utilizzo permette proprio a chiunque di sfruttarlo.
      In poche parole coltiva l'ignoranza degli utenti.Anche tu sei ignorante, in quasi tutto lo scibile. Tu non sai trapiantare un organo umano, non sai come scavare un pozzo petrolifero, non sai come allevare una mucca... pensa quante cose non sai.La vita non è così lunga per imparare tutto, basta appena per imparare quattro cose. E imparare a usare il computer non è certo al primo posto delle cose più importanti da saper fare nella vita.
      L'utente ignorante compra un
      tablet.Quello invece colto (negli ambiti che si è scelto) compra iPad e lo sfrutta senza dover impiegare il suo limitato tempo nello studio di come si usa un computer.
      • Sgabbio scrive:
        Re: bella la premessa ma la conclusione...
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • ANTI apple scrive:
        Re: bella la premessa ma la conclusione...

        Il tablet probabilmente no, iPad si.
        Quello invece colto (negli ambiti che si è
        scelto) compra iPad... e bla bla bla.La cosa ironica è che hai pure affermato <i
        il computer deve essere al nostro servizio e non il contrario </i
        senza renderti conto il tuo santificare e adattarti in modo acritico a qualsiasi scelta di apple ti mette esattamente in quella condizione (della serie: apple toglie la tastiera? allora, per definizione, la tastiera non serve più, ecc.)Ma non ratristarti, è il destino di voi macachi dover rinunciare al senso critico... (rotfl)
      • malto scrive:
        Re: bella la premessa ma la conclusione...
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Nome e cognome

        E QUI SI CHIUDE

        IL CERCHIO. L'utente troppo ignorante per
        avere

        un computer compra un tablet,

        Quell'utente "troppo ignorante" potrebbe essere
        un chirurgo in grado di salvarti la pelle, uno
        che riesce a trapiantare un organo, ma che non
        trova il file che ha appena salvato, perché il
        sistema operativo usa ancora un obsoleto
        paradigma per cui i file hanno un luogo nell'hard
        disk e l'utente deve essere a conoscenza di
        questo
        luogo.Un chirurgo così è meglio che operi solo voi macachi :D
      • panda rossa scrive:
        Re: bella la premessa ma la conclusione...
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Nome e cognome

        A me pare che il tablet non dia possibilità
        in

        più.

        Anche l'automobile dà meno possibilità del
        cavallo.Tipo che si puo' salirci in 4, caricare il bagagliaio, viaggiare ininterrottamente per km e km, giorno e notte, col caldo e col freddo?Effettivamente hai ragione: l'automobile non defeca.
        Del resto il personal computer non è forse uno
        strumento molto limitato rispetto un
        computer?Non piu'. Anzi, ci sono certi personal con una potenza di calcolo e schede grafiche, al cui confronto un server e' poca cosa.

        Pensaticei, c'era veramente bisogno di
        togliere

        la tastiera?

        Oh si, ma non è ancora stata tolta abbastanza.Un bel giorno ci farai vedere come scrivere un'app senza tastiera.

        c'era veramente bisogno di politiche

        così aggressive sui vari store?

        Oh si, c'era proprio bisogno di riunire i
        prodotti in solo grande store, con un unico
        sistema di pagamento.
        Immagina se quello che compri al supermercato lo
        dovessi comprare in negozi separati: il latte in
        un negozio, la mozzarella in un'altro, il
        detersivo per i piatti in un terzo, i biscotti in
        un quarto e così via.Non lo immagino, lo faccio gia'. Compro dove costa meno.E quelli che cercano di rifilarmi un cavetto usb da 40 euro, li riconosci dalle due dita di polvere che hanno su quello scaffale.E qui mi fermo perche' devo correre in bagno o me la faccio addosso...
      • lul scrive:
        Re: bella la premessa ma la conclusione...


        Anche l'automobile dà meno possibilità del
        cavallo.l'automobile ha molti cavallirisposta nonsense vista l'affermazione di sopra


        Al contrario, impedisce moltissime cose.

        Non importa.si che importa


        Non

        c'è alcun bisogno di uno strumento così
        limitato.

        Si che c'è, e il mercato lo dimostra.il mercato quindi dimostra che le sigarette fanno bene alla salute visto che se ne vendono cosi tante, è questa la logica ruppolo?

        Del resto il personal computer non è forse uno
        strumento molto limitato rispetto un
        computer?lol ma sei certo di quello che dici? stai addentrandoti nei meandri della follia galoppante


        Pensaticei, c'era veramente bisogno di
        togliere

        la tastiera?

        Oh si, ma non è ancora stata tolta abbastanza.quando avremo connessioni neuronali ci si potrà pensare di toglierla, al momento serve
        Oh si, c'era proprio bisogno di riunire i
        prodotti in solo grande store, con un unico
        sistema di
        pagamento.
        Immagina se quello che compri al supermercato lo
        dovessi comprare in negozi separati: il latte in
        un negozio, la mozzarella in un'altro, il
        detersivo per i piatti in un terzo, i biscotti in
        un quarto e così
        via.quindi spiegami come mai ci stanno cosi tanti supermercati ch vendono tante belle cose invece di uno solo per tutti


        c'era veramente

        bisogno di bloccare così tanto questi sistemi

        operativi

        "incompleti"?

        Si, in modo da garantire la coerenza
        nell'utilizzo di questi
        sistemi.sembra una di quelle parole come "enfasi" o catarifrangente, non viene garantita nessuna coerenza, quale coerenza ci puo essere tra un sistema che permette di fare quasi tutto ed un altro che permette solo ciò che apple vuole, a meno che non convergano e ciò si traduce in un sistema che fa poche cose permesse da apple


        Facciamo un essempio. Per poter utilizzare

        l'iphone come router in america è necessario

        pagare un abbonamento ad at&t.

        E dove sta scritto che ciò che consuma un
        consumatore debba essere
        gratis?e cosa consuma? la banda la sta già pagando, al limite gli stai dicendo che la banda la puo usare solo come dici tu

        Se io consumo 20 MB di banda al mese, devo pagare
        come chi ne consuma
        20GB?

        Per caso al supermercato si paga un prezzo fisso
        a prescindere da quanta roba hai nel
        carrello?scusa ma che c'entra?


        Parlare di tablet non vuol dire nulla, si può

        parlare di sistemi onestamente al servizio

        dell'utente oppure di sistemi al servizio

        dell'industria.

        Il che significa la stessa cosa, visto che
        l'industria è fatta di gente che lavora e che ha
        bisogno di lavorare per vivere. Tutto è al
        servizio della
        gente.in realtà è la gente al servizio delle aziende, ecco perchè abbiamo un lavoro, perchè noi gli siamo utili


        Entrambi possono essere

        semplicissimi da usare.

        Ma anche no. Infatti nella realtà non lo sono.dimostralo


        Ma solo uno è realmente

        utile all'individuo.

        Uno? Perché uno? E non dieci?perchè non sono fatti per essere utili all'individuo ma per essere solo venduti


        Invece ora si usa la scusa

        Idiota della semplicità per rendere
        appetibili

        blocchi e limitazioni,

        Non è una scusa, è la realtà.no, la realtà è che in questo modo il controllo sul cliente è maggiore


        vendendoli come un male

        necessario

        Al contrario. Vengono venduti come vantaggi, e
        come vantaggi vengono recepiti dal
        cliente.infatti il termine utilizzato è fumo negli occhi, gli stai vendendo delle mancanze come se fossero features


        perr avere vantaggi quali la

        semplicità d'uso.

        Un vantaggio imprescindibile.no, imprescindibile è la libertà, dovresti vedere le tue priorità altrimenti diresti che sarebbe comodo se tu venissi alimentato da flebo e usassi un catetere, vivere senza pensare ad altro visto che non hai il fardello di mangiare e andare al bagno


        Ma si tratta di cose

        completamente scollegate. Ci paiono collegate

        perchè siamo troppo ignoranti per capiere
        che
        si

        tratta solo di fumo negli occhi.

        No, TU sei troppo ignorante per non capire che il
        computer deve essere al nostro servizio e non il
        contrario.esattamente, deve essere al mio servizio non di apple, e le scelte su che software usare deve essere mio, e la scelta di come installarlo e dove navigare e come navigare deve essere mia, il computer deve fare ciò che dico e come dico, non come dice apple


        E QUI SI CHIUDE

        IL CERCHIO. L'utente troppo ignorante per
        avere

        un computer compra un tablet,

        Quell'utente "troppo ignorante" potrebbe essere
        un chirurgo in grado di salvarti la pelle, uno
        che riesce a trapiantare un organo, ma che non
        trova il file che ha appena salvato, perché il
        sistema operativo usa ancora un obsoleto
        paradigma per cui i file hanno un luogo nell'hard
        disk e l'utente deve essere a conoscenza di
        questo
        luogo.sembra che questo paradigma funziona ancora benissimo visto che ancora è usato e solo una minoranza non usa tale paradigma tral'altro insensato


        il tablet non è

        fatto come potrebbe dovrebbe essere per
        essere

        veramente utile.

        Il tablet probabilmente no, iPad si.ma è il più castrato, come fai solo a pensarla una cosa simile?


        E' fatto per servire l'industria

        (gli isp, i produttori di hardware,
        l'industria

        dei contenuti).

        Industria fatta di persone, quindi è fatto per le
        persone.è fatto per esere venduto


        Per fare questo costruisce

        blocchi, limitazioni e fa in modo che non sia

        necessario capire nulla per utilizzarlo.

        Infatti, non è necessario. Come non è necessario
        conoscere il funzionamento di un motore a scoppio
        per viaggiare in
        automobile.te lo richiedono all'esame di guida, se non lo sai non ti danno la patentedimostri una totale ignoranza sull'argomento ma in compenso un notevole fanatismo ed una capacità di autoumiliazione innata
      • fiffu scrive:
        Re: bella la premessa ma la conclusione...
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Nome e cognome

        A me pare che il tablet non dia possibilità
        in

        più.

        Anche l'automobile dà meno possibilità del
        cavallo.Ecc Ecc Ecc...Ruppolo..cominci a fare tenerezza
        • malto scrive:
          Re: bella la premessa ma la conclusione...
          - Scritto da: fiffu
          - Scritto da: ruppolo

          - Scritto da: Nome e cognome


          A me pare che il tablet non dia
          possibilità

          in


          più.



          Anche l'automobile dà meno possibilità del

          cavallo.

          Ecc Ecc Ecc...

          Ruppolo..cominci a fare tenerezzanon è lui: è il gatto che passava sull'ipad... ;)
          • sbrotfl scrive:
            Re: bella la premessa ma la conclusione...
            - Scritto da: malto
            - Scritto da: fiffu

            - Scritto da: ruppolo


            - Scritto da: Nome e cognome



            A me pare che il tablet non dia

            possibilità


            in



            più.





            Anche l'automobile dà meno possibilità
            del


            cavallo.



            Ecc Ecc Ecc...



            Ruppolo..cominci a fare tenerezza
            non è lui: è il gatto che passava sull'ipad... ;)Ah... un gatto che scrive???? Incredibile! Persino il gatto è più intelligiente di ruppolo! (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
      • Funz scrive:
        Re: bella la premessa ma la conclusione...
        - Scritto da: ruppolo
        Anche l'automobile dà meno possibilità del
        cavallo.(rotfl)Da qui deduco che non sei mai salito su un'auto :p

        Al contrario, impedisce moltissime cose.

        Non importa.Altroché se importa, alla gente normale.

        Non

        c'è alcun bisogno di uno strumento così
        limitato.

        Si che c'è, e il mercato lo dimostra.Mangiate mer*a, il mercato delle mosche non può sbagliare!
        Del resto il personal computer non è forse uno
        strumento molto limitato rispetto un
        computer?No. l'unica differenza è in termini di FlOPS

        Pensaticei, c'era veramente bisogno di
        togliere

        la tastiera?

        Oh si, ma non è ancora stata tolta abbastanza.Fossi in te toglierei anche quella a schermo dall'ipad... a scalpellate :p

        c'era veramente bisogno di politiche

        così aggressive sui vari store?

        Oh si, c'era proprio bisogno di riunire i
        prodotti in solo grande store, con un unico
        sistema di
        pagamento.L'ignoranza è forza
        Immagina se quello che compri al supermercato lo
        dovessi comprare in negozi separati: il latte in
        un negozio, la mozzarella in un'altro, il
        detersivo per i piatti in un terzo, i biscotti in
        un quarto e così
        via.Ma guarda, come ai bei vecchi tempi delle interazioni umane...

        c'era veramente

        bisogno di bloccare così tanto questi sistemi

        operativi

        "incompleti"?

        Si, in modo da garantire la coerenza
        nell'utilizzo di questi
        sistemi.La libertà è schiavitù.Io prendo la libertà, tu tieniti pure la tua coerenza

        Facciamo un essempio. Per poter utilizzare

        l'iphone come router in america è necessario

        pagare un abbonamento ad at&t. Per pochi
        giorni

        sull'appstore è atata presente una app che

        permetteva di farlo gratis. Che vantaggio ne
        ha

        il consumatore a dover pagare qualcosa che
        il
        suo

        sistema potrebbe fare gratis?

        NESSUNO

        E dove sta scritto che ciò che consuma un
        consumatore debba essere
        gratis?il produttore dell'app ha deciso che è gratis. Chi sei tu per obiettare?
        Se io consumo 20 MB di banda al mese, devo pagare
        come chi ne consuma
        20GB?

        Per caso al supermercato si paga un prezzo fisso
        a prescindere da quanta roba hai nel
        carrello?Allora vai al buffet-mangia-tutto-quello-che-riesci :p

        Parlare di tablet non vuol dire nulla, si può

        parlare di sistemi onestamente al servizio

        dell'utente oppure di sistemi al servizio

        dell'industria.

        Il che significa la stessa cosa, visto che
        l'industria è fatta di gente che lavora e che ha
        bisogno di lavorare per vivere. Tutto è al
        servizio della
        gente.Sbagliato. Tu consumatore sei un portafoglio ambulante che i produttori vendono ai loro azionisti, e un paio di bulbi oculari che i produttori vendono agli inserzionisti.

        Entrambi possono essere

        semplicissimi da usare.

        Ma anche no. Infatti nella realtà non lo sono.Per gli incapaci, concordo.

        Ma solo uno è realmente

        utile all'individuo.

        Uno? Perché uno? E non dieci?


        Invece ora si usa la scusa

        Idiota della semplicità per rendere
        appetibili

        blocchi e limitazioni,

        Non è una scusa, è la realtà.


        vendendoli come un male

        necessario

        Al contrario. Vengono venduti come vantaggi, e
        come vantaggi vengono recepiti dal
        cliente.Il lavaggio del cervello ti porta a pensare cose ben bizzarre!E' un peccato conservare il proprio raziocinio, ci è preclusa la beatitudine del macaco :p

        perr avere vantaggi quali la

        semplicità d'uso.

        Un vantaggio imprescindibile.Se semplicità vuol dire mancanza di funzioni indispensabili, no.

        Ma si tratta di cose

        completamente scollegate. Ci paiono collegate

        perchè siamo troppo ignoranti per capiere
        che
        si

        tratta solo di fumo negli occhi.

        No, TU sei troppo ignorante per non capire che il
        computer deve essere al nostro servizio e non il
        contrario.Tu invece non hai mai capito la differenza tra user friendly e idiot friendly.
        Quell'utente "troppo ignorante" potrebbe essere
        un chirurgo in grado di salvarti la pelle, uno
        che riesce a trapiantare un organo, ma che non
        trova il file che ha appena salvato, perché il
        sistema operativo usa ancora un obsoleto
        paradigma per cui i file hanno un luogo nell'hard
        disk e l'utente deve essere a conoscenza di
        questo
        luogo.Perché tutti sono XXXXXXXXX, e dopo la prima volta non capiscono che devono scegliere su quale scaffale posare il libro, anziché buttarlo nel cestone alla rinfusa...

        il tablet non è

        fatto come potrebbe dovrebbe essere per
        essere

        veramente utile.

        Il tablet probabilmente no, iPad si.ding! ding! ding! la marchetta frutta!

        E' fatto per servire l'industria

        (gli isp, i produttori di hardware,
        l'industria

        dei contenuti).

        Industria fatta di persone, quindi è fatto per le
        persone.Altro slogan vuoto adatto alle persone sciocche e facilmente influenzabili.

        Per fare questo costruisce

        blocchi, limitazioni e fa in modo che non sia

        necessario capire nulla per utilizzarlo.

        Infatti, non è necessario. Come non è necessario
        conoscere il funzionamento di un motore a scoppio
        per viaggiare in
        automobile.Con lo svantaggio che se ti si ferma non hai nessuna possibilità di farlo ripartire senza assistenza.

        Addirituttra impedisce che si possano
        sfruttare
        a

        pieno tutte le potenzialita del proprio
        prodotto.

        Al contrario, la sua semplicità di utilizzo
        permette proprio a chiunque di
        sfruttarlo."se fai un prodotto che anche un idiota può usare, solo un idiota vorrà usarlo".

        In poche parole coltiva l'ignoranza degli
        utenti.

        Anche tu sei ignorante, in quasi tutto lo
        scibile. Tu non sai trapiantare un organo umano,
        non sai come scavare un pozzo petrolifero, non
        sai come allevare una mucca... pensa quante cose
        non
        sai.
        La vita non è così lunga per imparare tutto,
        basta appena per imparare quattro cose. E
        imparare a usare il computer non è certo al primo
        posto delle cose più importanti da saper fare
        nella
        vita.Vai a un colloquio di lavoro e prova a dire che non sai usare il computer, ma hai un ipad :p
        Quello invece colto (negli ambiti che si è
        scelto) compra iPad e lo sfrutta senza dover
        impiegare il suo limitato tempo nello studio di
        come si usa un
        computer.Questa idea di non voler sapere niente di niente riguardo gli strumenti che si usano quotidianamente, è folle.
    • Funz scrive:
      Re: bella la premessa ma la conclusione...
      Quoto
  • iBurp scrive:
    Eccola qua!
    La marchetta quotidiana di Galimberti!Grazie per l'immenso contributo che dai con i tuoi <i
    articoli </i
    al mondo dell'informatica. :-o
  • say no scrive:
    suggerimento...
    sorvolando sull'ennesimo spot a favore della mela marcia, l'estensore dell'articolo mi permetta un semplice suggerimento: <b
    comprati una TV!... </b
    • malto scrive:
      Re: suggerimento...
      - Scritto da: say no
      sorvolando sull'ennesimo spot a favore della mela
      marcia, l'estensore dell'articolo mi permetta un
      semplice
      suggerimento:
      <b
      comprati una TV!... </b
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)sta aspettando l' iTV :D
  • Non Me scrive:
    Il punto che...
    ...l'articolo sembra voler sottolineare é come il computer sia diventato uno strumento per tutti, per farci qualcosa.Mi chiedo se questo qualcosa sia in tutti i casi "utile".IMHO (e parto anch'io dagli anni '80) chi usa il computer per "farci girare il suo algoritmo per generare i frattali" c'é ancora e ci sará sempre, ma il marketing ha capito che c'é anche un mercato di massa da sfruttare (parola non a caso). Voglio dire, un buon "PC" - al tempo direi perfino meglio dei primi Apple - era l'Amiga con cui l'underground (ancora presente :-)) si scatenó alla grande in algoritmi e ottimizzazioni software.Un grosso errore comunque é considerare alla portata di tutti i "nuovi" gadget: il costo rimane proibitivo come allora (con rare eccezioni).Certamente l'approccio di un iPad2 facilita l'approccio al computer della nonnina, ma per cosa lo userá mai? Per fare spese on-line con consegna a domicilio? (a parte che se vive in uno di quei comuni montani in estinzione, manco la connessione c'ha!) Telesorveglianza? Leggere le notizie online? Di sicuro ci sará un'applicazione utile, ma credetemi, la nonna "media" se ne sbatte altamente (ammesso che possa permettersi di investire 500-600 EUR + spese correnti in un iCoso per quanto facile da usare sia!) e cerca solo di sopravvivere in un mondo che non comprende, fatto di giovani che invece di bisticciare uno di fronte all'altro semplicemente rendono l'account privato a quel particolare utente.
  • yup scrive:
    Siamo seri dai
    Scommetto che <i
    quelli che possono trovarsi in difficoltà e chiamano in continuazione l'amico esperto di turno, il parente smanettone, o il vicino disponibile </i
    non chiamano lui.Se si fosse prestato ad aiutare parenti e amici avrebbe visto una realtá molto diversa.Quelli che non si preoccupano di capire come funziona un computer usano comunque applicazioni che su un tablet non ce la farebbero a girare.Mi ha chiesto aiuto tanta gente che lavora con Autocad o gente che scrive tonnellate di documenti. Medici e avvocati magari si comprano tutti un tablet per usarlo mentre si spostano. Ma per il lavoro serio poi si mettono al computer.Questo mi sembra tanto un articolo scritto da chi ha segue su internet troppi marchettari e si é messo a seguire la massa senza guardarsi intorno.
    • sadness with you scrive:
      Re: Siamo seri dai
      - Scritto da: yup
      Quelli che non si preoccupano di capire come
      funziona un computer usano comunque applicazioni
      che su un tablet non ce la farebbero a
      girare.Come FaceBook?mapperfavore...
      • malto scrive:
        Re: Siamo seri dai
        - Scritto da: sadness with you
        - Scritto da: yup


        Quelli che non si preoccupano di capire come

        funziona un computer usano comunque
        applicazioni

        che su un tablet non ce la farebbero a

        girare.

        Come FaceBook?
        mapperfavore...feisbuk la usi tu, tra un' ifart e l'altra...
        • sadness with you scrive:
          Re: Siamo seri dai
          - Scritto da: malto
          - Scritto da: sadness with you

          - Scritto da: yup




          Quelli che non si preoccupano di capire
          come


          funziona un computer usano comunque

          applicazioni


          che su un tablet non ce la farebbero a


          girare.



          Come FaceBook?

          mapperfavore...
          feisbuk la usi tu, tra un' ifart e l'altra...risposta errata... e secondo me non hai nemmeno capito la domanda
          • malto scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: malto

            - Scritto da: sadness with you


            - Scritto da: yup






            Quelli che non si preoccupano di
            capire

            come



            funziona un computer usano comunque


            applicazioni



            che su un tablet non ce la
            farebbero
            a



            girare.





            Come FaceBook?


            mapperfavore...

            feisbuk la usi tu, tra un' ifart e l'altra...

            risposta errata... e secondo me non hai nemmeno
            capito la
            domandatemo di si... ;)
      • sbrotfl scrive:
        Re: Siamo seri dai
        - Scritto da: sadness with you
        - Scritto da: yup


        Quelli che non si preoccupano di capire come

        funziona un computer usano comunque
        applicazioni

        che su un tablet non ce la farebbero a

        girare.

        Come FaceBook?
        mapperfavore...Chissà perchè quando si parla di utilità dei tablet si finisce sempre per tirare in ballo feisbuc
        • sadness with you scrive:
          Re: Siamo seri dai
          - Scritto da: sbrotfl


          Quelli che non si preoccupano di capire come


          funziona un computer usano comunque applicazioni


          che su un tablet non ce la farebbero a


          girare.



          Come FaceBook?

          mapperfavore...

          Chissà perchè quando si parla di utilità dei
          tablet si finisce sempre per tirare in ballo
          feisbucVeramente si parlava di persone che non sanno usare il computer e che chiedono aiuto agli altri, e qualcuno diceva che queste persone usano cose troppo potenti per andare su un tablet. Personalmente mi è capitato almeno 5 volte negli ultimi mesi (non vado più indietro) di aiutare:-un vecchio amico-quello del piano di sopra-mia cognata e suo marito-un mio collegaa configurare (nell'ordine) il loro nuovo computer-Un portatile Asus-Un vecchio tower della Dell-Un netbook (tristissimo) e un HP-Portatile DellTutte cose banali che loro non riuscivano a fare, e una delle prime cose che mi hanno chiesto (tutti) era come andare su FaceBook (in un caso proprio "come creare l'account" di Facebook), cosa che avrebber potuto fare con un qualsiasi tablet senza troppi impicci.
          • bubba scrive:
            Re: Siamo seri dai

            e una delle prime cose che mi hanno chiesto
            (tutti) era come andare su FaceBook (in un caso
            proprio "come creare l'account" di Facebook),
            cosa che avrebber potuto fare con un qualsiasi
            tablet senza troppi
            impicci.cioe sul pc non riuscivano a scrivere "www.facebook.com" e a riempire i form e clickare avanti... e invece sui tablet sarebbe stato una passeggiata? come mai? MAH
      • gerry scrive:
        Re: Siamo seri dai
        - Scritto da: sadness with you
        - Scritto da: yup


        Quelli che non si preoccupano di capire come

        funziona un computer usano comunque
        applicazioni

        che su un tablet non ce la farebbero a

        girare.

        Come FaceBook?
        mapperfavore...Secondo me ci si dovrebbe fare un'altra domanda: siamo sicuri che i "power users" siano (anche percentualmente) così pochi?
        • sadness with you scrive:
          Re: Siamo seri dai
          - Scritto da: gerry
          - Scritto da: sadness with you

          - Scritto da: yup




          Quelli che non si preoccupano di capire
          come


          funziona un computer usano comunque

          applicazioni


          che su un tablet non ce la farebbero a


          girare.



          Come FaceBook?

          mapperfavore...

          Secondo me ci si dovrebbe fare un'altra domanda:
          siamo sicuri che i "power users" siano (anche
          percentualmente) così pochi?Si
          • malto scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: gerry

            Secondo me ci si dovrebbe fare un'altra
            domanda:

            siamo sicuri che i "power users" siano (anche

            percentualmente) così pochi?

            SiQUOTO
          • la siae scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: gerry

            - Scritto da: sadness with you


            - Scritto da: yup






            Quelli che non si preoccupano di
            capire

            come



            funziona un computer usano comunque


            applicazioni



            che su un tablet non ce la
            farebbero
            a



            girare.





            Come FaceBook?


            mapperfavore...



            Secondo me ci si dovrebbe fare un'altra
            domanda:

            siamo sicuri che i "power users" siano (anche

            percentualmente) così pochi?

            SiRicordati che una volta spariti i power users lo sviluppo per iphone, android, mac, ecc... si blocca...
          • sadness with you scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: la siae
            - Scritto da: sadness with you

            - Scritto da: gerry


            - Scritto da: sadness with you



            - Scritto da: yup








            Quelli che non si preoccupano
            di

            capire


            come




            funziona un computer usano
            comunque



            applicazioni




            che su un tablet non ce la

            farebbero

            a




            girare.







            Come FaceBook?



            mapperfavore...





            Secondo me ci si dovrebbe fare un'altra

            domanda:


            siamo sicuri che i "power users" siano
            (anche


            percentualmente) così pochi?



            Si

            Ricordati che una volta spariti i power users lo
            sviluppo per iphone, android, mac, ecc... si
            blocca...Il fatto è che nessuno si auspica che sparicano i power user: si sta semplicemente constatando che, vista la diffusione sempre più vasta di strumenti informatici in "tutti" gli ambiti, la percentuale di power user è bassissima, e agli altri può bastare un tablet
          • hermanesse scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: la siae

            - Scritto da: sadness with you


            - Scritto da: gerry



            - Scritto da: sadness with you




            - Scritto da: yup










            Quelli che non si
            preoccupano

            di


            capire



            come





            funziona un computer
            usano

            comunque




            applicazioni





            che su un tablet non ce
            la


            farebbero


            a





            girare.









            Come FaceBook?




            mapperfavore...







            Secondo me ci si dovrebbe fare
            un'altra


            domanda:



            siamo sicuri che i "power users"
            siano

            (anche



            percentualmente) così pochi?





            Si



            Ricordati che una volta spariti i power
            users
            lo

            sviluppo per iphone, android, mac, ecc... si

            blocca...

            Il fatto è che nessuno si auspica che sparicano i
            power user: si sta semplicemente constatando che,
            vista la diffusione sempre più vasta di strumenti
            informatici in "tutti" gli ambiti, la percentuale
            di power user è bassissima, e agli altri può
            bastare un
            tabletSi ma se sviluppi (legge di mercato) per la maggioranza, i power user non avranno più strumenti e col tempo si estingueranno
          • sadness with you scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: hermanesse
            Si ma se sviluppi (legge di mercato) per la
            maggioranza, i power user non avranno più
            strumenti e col tempo si estinguerannoSi, ma i Mac hanno mica smesso di farli, e Xcode è vivo e vegeto
          • hermanesse scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: hermanesse


            Si ma se sviluppi (legge di mercato) per la

            maggioranza, i power user non avranno più

            strumenti e col tempo si estingueranno

            Si, ma i Mac hanno mica smesso di farli, e Xcode
            è vivo e
            vegetoPerchè i mac li usano 4 gatti! i "power users" non usano di certo apps in sandbox.
          • sadness with you scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: hermanesse

            Si, ma i Mac hanno mica smesso di farli, e Xcode

            è vivo e; vegeto

            Perchè i mac li usano 4 gatti! 4 gatti che fanno più applicazioni per iOS che per Android... interessante... 4 gatti che 10 anni fa era un solo gatto e stanno diventando 5, 6, 7, 8... interessante...
            i "power users" non usano di certo apps in sandbox.Il Mac App Store non è l'unico veicolo di diffusione del software per Mac
          • malto scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: hermanesse



            Si, ma i Mac hanno mica smesso di
            farli, e
            Xcode


            è vivo e; vegeto



            Perchè i mac li usano 4 gatti!

            4 gatti che fanno più applicazioni per iOS che
            per Android... interessante... 4 gatti che 10
            anni fa era un solo gatto e stanno diventando 5,
            6, 7, 8...
            interessante...


            i "power users" non usano di certo apps in
            sandbox.

            Il Mac App Store non è l'unico veicolo di
            diffusione del software per
            MacGià, ci sono anche gli FTP di warez, con sorpresa allegata O)
          • sadness with you scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: malto
            - Scritto da: sadness with you

            - Scritto da: hermanesse





            Si, ma i Mac hanno mica smesso di

            farli, e

            Xcode



            è vivo e; vegeto





            Perchè i mac li usano 4 gatti!



            4 gatti che fanno più applicazioni per iOS
            che

            per Android... interessante... 4 gatti che 10

            anni fa era un solo gatto e stanno
            diventando
            5,

            6, 7, 8...

            interessante...




            i "power users" non usano di certo apps
            in

            sandbox.



            Il Mac App Store non è l'unico veicolo di

            diffusione del software per

            Mac
            Già, ci sono anche gli FTP di warez, con sorpresa
            allegata
            O)Ci sono i veicoli tradizionali che non sono stati soppiantati dal Mac app Store
          • hermanesse scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: hermanesse



            Si, ma i Mac hanno mica smesso di
            farli, e
            Xcode


            è vivo e; vegeto



            Perchè i mac li usano 4 gatti!

            4 gatti che fanno più applicazioni per iOS che
            per Android... interessante... 4 gatti che 10
            anni fa era un solo gatto e stanno diventando 5,
            6, 7, 8...
            interessante...I mac sono il 10% dei pc totali. Invece di 4 gatti sono 10! (rotfl)

            i "power users" non usano di certo apps in
            sandbox.

            Il Mac App Store non è l'unico veicolo di
            diffusione del software per
            MacE questo grazie ai power users! Senno' tu saresti qui a imprecare perchè non ci sono app nello store! (rotfl)
          • sadness with you scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: hermanesse
            - Scritto da: sadness with you

            - Scritto da: hermanesse





            Si, ma i Mac hanno mica smesso di

            farli, e

            Xcode



            è vivo e; vegeto





            Perchè i mac li usano 4 gatti!



            4 gatti che fanno più applicazioni per iOS
            che

            per Android... interessante... 4 gatti che 10

            anni fa era un solo gatto e stanno
            diventando
            5,

            6, 7, 8...

            interessante...

            I mac sono il 10% dei pc totali. Invece di 4
            gatti sono 10!
            (rotfl)quindi?


            i "power users" non usano di certo apps in

            sandbox.



            Il Mac App Store non è l'unico veicolo di

            diffusione del software per

            Mac

            E questo grazie ai power users! Senno' tu saresti
            qui a imprecare perchè non ci sono app nello
            store!
            (rotfl)e quindi? qualcuno ha detot che i power user non devono più esistere?ricominci col tuo vizio di piazzare in bocca agli altri le tue parole?
          • hermanhesse scrive:
            Re: Siamo seri dai
            Solo una cosa: non ero io ma un mio clone.Tu invece quando incominci a farti furbo?Saluti, mio caro mr.0
          • sadness with you scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: hermanhesse
            Solo una cosa: non ero io ma un mio clone.Hai un po' rotto con sta storia...
          • hermanhesse scrive:
            Re: Siamo seri dai
            Tu hai rotto dal principio, mr. 0.
        • Shu scrive:
          Re: Siamo seri dai
          - Scritto da: gerry
          Secondo me ci si dovrebbe fare un'altra domanda:
          siamo sicuri che i "power users" siano (anche
          percentualmente) così
          pochi?I power users sì, sono pochi.Ma è una banalizzazione troppo estrema distinguere solo tra power users e utonti.La maggior parte della gente usa sì il PC per facebook, le mail e un word proXXXXXr, ma lo usa anche per altri compiti specifici, che vanno dall'organizzarsi le foto del viaggio al montaggio audio/video, passando per modellazione 2D/3D, contabilità, ecc.Non ho dubbi che prima o poi anche le nicchie verranno coperte da delle app, ma per il futuro prossimo i PC saranno ancora necessari a buona parte degli utenti.Quello che mi auguro è che la massificazione porti anche consapevolezza. Consapevolezza che non serve Office 2012 per scrivere una lettera all'amministratore di condominio, o AutoCAD 345.12 per arredarsi la cucina, o SQLServer per tenere la contabilità famigliare.I tablet di oggi hanno più o meno la velocità, la RAM e lo storage dei PC di 10-12 anni fa, ma le applicazioni (a parte per l'interfaccia grafica) fanno più o meno tanto quanto quelle di 18-20 anni fa. Anzi, meno, in molti casi, visto che nel 91-92 c'erano Image, Lightwave e Real3D che giravano su una CPU 25 MHz con 10 MB di RAM e 120 MB di HD (l'Amiga 3000)Da una parte sono anche contento: si torna a software che fa quello che deve fare e non roba inutile solo per giustificare nuove versioni. Dall'altra so che siamo ancora agli inizi, e che l'offerta è veramente minima e può solo crescere (e ci sono ampi margini anche per guadagnare, volendo darsi da fare).Bye.
          • panda rossa scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: Shu
            - Scritto da: gerry


            Secondo me ci si dovrebbe fare un'altra
            domanda:

            siamo sicuri che i "power users" siano (anche

            percentualmente) così

            pochi?

            I power users sì, sono pochi.
            Ma è una banalizzazione troppo estrema
            distinguere solo tra power users e
            utonti.

            La maggior parte della gente usa sì il PC per
            facebook, le mail e un word proXXXXXr, ma lo usa
            anche per altri compiti specifici, che vanno
            dall'organizzarsi le foto del viaggio al
            montaggio audio/video, passando per modellazione
            2D/3D, contabilità,
            ecc.Si, certo. Soprattutto la modellazione 2d/3d e' la killer application dell'utenza domestica.
            Non ho dubbi che prima o poi anche le nicchie
            verranno coperte da delle app, ma per il futuro
            prossimo i PC saranno ancora necessari a buona
            parte degli utenti.Il pc sara' insostituibile a chi intende usare un pc in modo attivo.Per quelli che invece preferiscono il frullatore, c'e' apple.E' un po' come per i suv che compensano l'impotenza dei proprietari.Io che non ho di questi problemi giro tranquillamente in panda.
            Quello che mi auguro è che la massificazione
            porti anche consapevolezza.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
            Consapevolezza che
            non serve Office 2012 per scrivere una lettera
            all'amministratore di condominio, o AutoCAD
            345.12 per arredarsi la cucina, o SQLServer per
            tenere la contabilità
            famigliare.Torniamo al discorso del suv.
          • sadness with you scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: panda rossa
            Si, certo.
            Soprattutto la modellazione 2d/3d e' la killer
            application dell'utenza domestica.Pensavo più alla contabilità: chi non passa le sere davanti a fogli Excel?
            Il pc sara' insostituibile a chi intende usare un
            pc in modo attivo.
            Per quelli che invece preferiscono il frullatore,
            c'e' apple.più che "Apple", c'è il tablet con relative App... mica solo Apple
          • panda rossa scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: panda rossa


            Si, certo.

            Soprattutto la modellazione 2d/3d e' la
            killer

            application dell'utenza domestica.

            Pensavo più alla contabilità: chi non passa le
            sere davanti a fogli
            Excel?Le sere?

            Il pc sara' insostituibile a chi intende
            usare
            un

            pc in modo attivo.

            Per quelli che invece preferiscono il
            frullatore,

            c'e' apple.

            più che "Apple", c'è il tablet con relative
            App... mica solo
            AppleApp e' un brevetto apple, non lo sapevi?
          • sbrotfl scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: sadness with you

            - Scritto da: panda rossa




            Si, certo.


            Soprattutto la modellazione 2d/3d e' la

            killer


            application dell'utenza domestica.



            Pensavo più alla contabilità: chi non passa
            le

            sere davanti a fogli

            Excel?

            Le sere?



            Il pc sara' insostituibile a chi intende

            usare

            un


            pc in modo attivo.


            Per quelli che invece preferiscono il

            frullatore,


            c'e' apple.



            più che "Apple", c'è il tablet con relative

            App... mica solo

            Apple

            App e' un brevetto apple, non lo sapevi?No...non gliel'hanno riconosciuto...
          • panda rossa scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: sbrotfl

            App e' un brevetto apple, non lo sapevi?

            No...non gliel'hanno riconosciuto...Stai a guardare il capello...Loro hanno cercato di brevettarlo. Questo e' quello che conta.
          • Fiffu scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: sbrotfl


            App e' un brevetto apple, non lo sapevi?



            No...non gliel'hanno riconosciuto...

            Stai a guardare il capello...
            Loro hanno cercato di brevettarlo. Questo e'
            quello che
            conta.:P
          • sadness with you scrive:
            Re: Siamo seri dai
            - Scritto da: panda rossa
            App e' un brevetto apple, non lo sapevi?Sbagli (per l'ennesima volta)
    • vituzzo scrive:
      Re: Siamo seri dai
      Giustissimo. Spero che i tablet smettano di essere sopravvalutati e le persone sottovalutati.Quando i tablet avranno un prezzo adeguato, a casa affiancheranno il PC.Devo navigare e leggere la mail ed i blog? Tablet.Devo rispondere ad una delle mail che ho letto e scrivere tanto? Accendo il PC, o ancora meglio ripristino il suo stato dalla ibernazione.- Scritto da: yup
      Scommetto che <i
      quelli che possono
      trovarsi in difficoltà e chiamano in
      continuazione l'amico esperto di turno, il
      parente smanettone, o il vicino disponibile
      </i
      non chiamano
      lui.
      Se si fosse prestato ad aiutare parenti e amici
      avrebbe visto una realtá molto
      diversa.
      Quelli che non si preoccupano di capire come
      funziona un computer usano comunque applicazioni
      che su un tablet non ce la farebbero a
      girare.
      Mi ha chiesto aiuto tanta gente che lavora con
      Autocad o gente che scrive tonnellate di
      documenti. Medici e avvocati magari si comprano
      tutti un tablet per usarlo mentre si spostano. Ma
      per il lavoro serio poi si mettono al
      computer.

      Questo mi sembra tanto un articolo scritto da chi
      ha segue su internet troppi marchettari e si é
      messo a seguire la massa senza guardarsi
      intorno.
  • bertuccia scrive:
    Galimberti pazzo
    parlare così di fronte ai talebani informatici di PI :|potessero ti metterebbero al rogoa parte gli scherzi, bell'articolo ;)finalmente stiamo uscendo da quel medioevo informatico che sono stati gli anni del quasi-monopolio MS
    • sbrotfl scrive:
      Re: Galimberti pazzo
      - Scritto da: bertuccia
      parlare così di fronte ai talebani informatici di
      PI
      :|
      potessero ti metterebbero al rogo

      a parte gli scherzi, bell'articolo ;)

      finalmente stiamo uscendo da quel medioevo
      informatico che sono stati gli anni del
      quasi-monopolio
      MSMedioevo informatico... secondo me ci stiamo entrando ora... compariranno magicamente le Chiese che prenderanno le decisioni per la massa ignorante che seguirà cio' che dice la minoranza semi-colta che se ne approffitterà per spillare soldi alla prima... solo io vedo un legame tra la vendita delle indulgenze e le app a pagamento? In fin dei conti anch'io so farmi un' app che apre un sito web specifico... perchè dovrei pagare qualcun'altro per farla?
      • bertuccia scrive:
        Re: Galimberti pazzo
        - Scritto da: sbrotfl

        Medioevo informatico...
        secondo me ci stiamo entrando ora...si certo, oggi uno che ha in mano iPad può avere una completa gestione della sua vita digitale, senza dover dipendere da alcun tecnico, senza avere competenze informatiche, senza correre il rischio di malwareieri doveva essere un tecnico già solo per la scelta del pc più adatto alle sue esigenze, per l'installazione del software, per difendersi dal malware, per gestire i backup, e ciò nonostante non sarebbe riuscito ad ottenere i risultati che avrebbe voluto, quelli che invece ottiene con iPadsecondo me molti di voi vivono un po' lontani dal mondo reale, lo so che nella vostra cameretta va sempre tutto bene, ma fuori è un po' diverso
        • sbrotfl scrive:
          Re: Galimberti pazzo
          - Scritto da: bertuccia
          - Scritto da: sbrotfl



          Medioevo informatico...

          secondo me ci stiamo entrando ora...

          si certo, oggi uno che ha in mano iPad può avere
          una completa gestione della sua vita digitale,
          senza dover dipendere da alcun tecnico, senza
          avere competenze informatiche, senza correre il
          rischio di
          malware

          ieri doveva essere un tecnico già solo per la
          scelta del pc più adatto alle sue esigenze, per
          l'installazione del software, per difendersi dal
          malware, per gestire i backup, e ciò nonostante
          non sarebbe riuscito ad ottenere i risultati che
          avrebbe voluto, quelli che invece ottiene con
          iPad

          secondo me molti di voi vivono un po' lontani dal
          mondo reale, lo so che nella vostra cameretta va
          sempre tutto bene, ma fuori è un po'
          diversoFa come vuoi... quando dipenderai dalle app anche per andare in bagno e dovrai pagare per farlo chiamami... dalla mia cameretta sono sempre disposto ad aiutarti! (in cambio di qualche dindino ovviamente :D)
        • malto scrive:
          Re: Galimberti pazzo
          - Scritto da: bertuccia
          - Scritto da: sbrotfl



          Medioevo informatico...

          secondo me ci stiamo entrando ora...

          si certo, oggi uno che ha in mano iPad può avere
          una completa gestione della sua vita digitale,
          senza dover dipendere da alcun tecnico, senza
          avere competenze informatiche, senza correre il
          rischio di
          malwareQuando il malware che non c'era, ti avrà svuotato i conti correnti, chiedi pure una mano; ad un ex macaco non la si rifiuta mai...
      • panda rossa scrive:
        Re: Galimberti pazzo
        - Scritto da: sbrotfl
        - Scritto da: bertuccia

        parlare così di fronte ai talebani
        informatici
        di

        PI

        :|

        potessero ti metterebbero al rogo



        a parte gli scherzi, bell'articolo ;)



        finalmente stiamo uscendo da quel medioevo

        informatico che sono stati gli anni del

        quasi-monopolio

        MS

        Medioevo informatico...
        secondo me ci stiamo entrando ora... compariranno
        magicamente le Chiese che prenderanno le
        decisioni per la massa ignoranteCompariranno?Guarda che apple esiste gia' da un bel pezzo.
        • sbrotfl scrive:
          Re: Galimberti pazzo
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: sbrotfl

          - Scritto da: bertuccia


          parlare così di fronte ai talebani

          informatici

          di


          PI


          :|


          potessero ti metterebbero al rogo





          a parte gli scherzi, bell'articolo ;)





          finalmente stiamo uscendo da quel
          medioevo


          informatico che sono stati gli anni del


          quasi-monopolio


          MS



          Medioevo informatico...

          secondo me ci stiamo entrando ora...
          compariranno

          magicamente le Chiese che prenderanno le

          decisioni per la massa ignorante

          Compariranno?
          Guarda che apple esiste gia' da un bel pezzo.Si ma esiste ancora tanta gente che conosce un minimo di informatica... quindi è ancora gestibile... gli informatici si appassionano alle tecnologie che vedono... non mi stupirei se in futuro l'informatico medio saprà a malapena spostare le icone sul desktop dell'utente stupido che non sà perchè si è mossa... ed è giusto che sia cosi'... è come chiedere ai giovani informatici (18 anni toh) di fare un programma per DOS (DOS...DOS non windows con prompt dei comandi)... ti ridono in faccia... ma perchè è roba che non nella loro cultura.In futuro se chiederai di sviluppare un applicazione per iphone ti rideranno in faccia perchè nella loro cultura è che per tutto c'è un'app e non avrà senso sviluppare software... ovviamente i pochi che svilupperanno le app avranno controllo completo sia della massa che degli informatici che non avranno le conoscenze per dire "ti faccio concorrenza".
          • Osvy scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            - Scritto da: sbrotfl
            gestibile... gli informatici si appassionano alle
            tecnologie che vedono...infatti :-), magari aggiungerei "gli appassionati smanettoni", se per informatici intendi quelli proprio "tecnici"
            In futuro se chiederai di sviluppare un
            applicazione per iphone ti rideranno in faccia
            perchè nella loro cultura è che per tutto c'è
            un'app e non avrà senso sviluppare software...ma le app qualcuno le sviluppa no?
            ovviamente i pochi che svilupperanno le appche saranno pochi è una tua opinione. Chissà
            avranno controllo completo sia della massa che
            degli informatici che non avranno le conoscenze
            per dire "ti faccio concorrenza".Può darsi, però noi ragioniamo su quel che vediamo oggi, chi può dire cosa ci sarà domani? Magari svilupperete (io non c'entro) in modo diverso, come quando si è passati dalla programmazione normale a quella visuale.Certo, è evidente che una volta che c'è una "buonissima" soluzione per un problema, non abbia più molto senso perdere tempo a trovarne di nuove. Mi viene in mente l'applicazione di rinomina files per Windows "Lupas Rename 2000", francamente non vedo cosa si possa chiedere di più, ha tutto! ed infatti poi non mi sembra di avere visto niente di nuovo.Aggiungerei che per l'utente è "logico" che si debba andare ad una "perdita di conoscenza" rispetto all'oggetto, non è necessario essere un tecnico per vedere la TV. ciao
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            Mi viene in mente l'applicazione di
            rinomina files per Windows "Lupas Rename 2000",
            francamente non vedo cosa si possa chiedere di
            più, ha tutto! C'è un problema con la funzione di ridenominazione delle directories i cui nomi contengono punti. Ma ci si passa sopra. Un gran bel software !
          • Osvy scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            - Scritto da: Joe Tornado
            C'è un problema con la funzione di
            ridenominazione delle directories i cui nomi
            contengono punti. Non lo sapevo, grazie! Io comunque nei nomi non uso i punti,casomai la _ barra bassa. ciao
            Ma ci si passa sopra. Un gran
            bel software !Davvero una manna in certe situazioni
      • bubba scrive:
        Re: Galimberti pazzo

        Medioevo informatico...
        secondo me ci stiamo entrando ora... compariranno
        magicamente le Chiese che prenderanno le
        decisioni per la massa ignorante che seguirà cio'
        che dice la minoranza semi-colta che se ne
        approffitterà per spillare soldi alla prima...
        <b
        solo io vedo un legame tra la vendita delle
        indulgenze </b
        e le app a pagamento? In fin dei conti
        anch'io so farmi un' app che apre un sito web
        specifico... perchè dovrei pagare qualcun'altro
        per
        farla?certo che no. non le vedi solo tu... infatti si parla di FEDE APPLE e di CHIESA di Cupertino non a caso..
    • malto scrive:
      Re: Galimberti pazzo
      - Scritto da: bertuccia
      parlare così di fronte ai talebani informatici di
      PI
      :|Solo perchè noi sappiamo usare un pc?Brutta cosa l'invidia, caro macaco :D
      • bertuccia scrive:
        Re: Galimberti pazzo
        - Scritto da: malto

        Solo perchè noi sappiamo usare un pc?
        Brutta cosa l'invidia, caro macaco :Dil mac è solo l'attuale tappa del mio percorso informaticoprima di questa ci sono state win (dal dal 3.1 a XP) e ubuntu (da 4.10 a 10.4)so che non è molto come esperienza,non sarò bravo come te..ma neanche l'ultimo degli str..nzi <i
        (cit) </i
        • gerry scrive:
          Re: Galimberti pazzo
          - Scritto da: bertuccia
          - Scritto da: malto



          Solo perchè noi sappiamo usare un pc?

          Brutta cosa l'invidia, caro macaco :D

          il mac è solo l'attuale tappa del mio percorso
          informatico

          prima di questa ci sono state win (dal dal 3.1 a
          XP) e ubuntu (da 4.10 a
          10.4)

          so che non è molto come esperienza,
          non sarò bravo come te..
          ma neanche l'ultimo degli str..nzi <i

          (cit) </i

          come trolli tu, io non ho trollato mai. (semi-cit)
          • bertuccia scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            - Scritto da: gerry

            come trolli tu, io non ho trollato mai. (semi-cit) :D :D (rotfl)
        • malto scrive:
          Re: Galimberti pazzo
          - Scritto da: bertuccia
          - Scritto da: malto



          Solo perchè noi sappiamo usare un pc?

          Brutta cosa l'invidia, caro macaco :D

          il mac è solo l'attuale tappa del mio percorso
          informatico

          prima di questa ci sono state win (dal dal 3.1 a
          XP) e ubuntu (da 4.10 a
          10.4)Io sono partito dal CP/M :'(
        • Fesion scrive:
          Re: Galimberti pazzo

          prima di questa ci sono state win (dal dal 3.1 a
          XP) e ubuntu (da 4.10 a
          10.4)divertente: sei arrivato all amiglior versione di windows e hai cambiato, sei arrivato alla miglior versione di ubuntu e hai cambiato... :)
          • sbrotfl scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            - Scritto da: Fesion

            prima di questa ci sono state win (dal dal 3.1 a

            XP) e ubuntu (da 4.10 a

            10.4)
            divertente: sei arrivato all amiglior versione di
            windows e hai cambiato, sei arrivato alla miglior
            versione di ubuntu e hai cambiato...
            :)(rotfl)
          • bertuccia scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            - Scritto da: Fesion

            divertente: sei arrivato all amiglior versione di
            windows e hai cambiato, sei arrivato alla miglior
            versione di ubuntu e hai cambiato...
            :)se XP è il meglio che l'utente windows possa avere... MENO MALE che ho cambiato!! :Dma in pratica su win e ubuntu, con le nuove versioni invece che andare avanti si va indietro? :Da parte tutto devo dire che finchè sono stato su win ho sempre visto miglioramenti da una versione all'altra (sì, ho avuto anche ME, che stranamente non mi ha dato i crash di cui tanti si lamentavano)su ubuntu i miglioramenti da una versione all'altra erano ancora più visibili, ma questo perchè è più o meno dal periodo della nascita di ubuntu che si è iniziato a prendere sul serio linux sui desktop (imho)
          • Fesion scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            Arch)

            ma in pratica su win e ubuntu, con le nuove
            versioni invece che andare avanti si va indietro?

            :DSicuramente. Le migliori versioni per win sono la 2000 e l'XP. Se ad XP (professional) metti l'interfaccia classica e togli quella di default (che è bacata) e lasci la lingua inglese è un buonissimo sistema operativo (SP3 ovvimente).


            a parte tutto devo dire che finchè sono stato su
            win ho sempre visto miglioramenti da una versione
            all'altra (sì, ho avuto anche ME, che stranamente
            non mi ha dato i crash di cui tanti si
            lamentavano)Fino a Vista...

            su ubuntu i miglioramenti da una versione
            all'altra erano ancora più visibili, ma questo
            perchè è più o meno dal periodo della nascita di
            ubuntu che si è iniziato a prendere sul serio
            linux sui desktop
            (imho)Concordo, ma adesso che cominciano con Unity e tutte quelle menate da una parte, con gnome e kde rivisitati dall'altra, credo che la cosa valga solo per Xubuntu per le prossime versioni
          • bertuccia scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            - Scritto da: Fesion

            Infatti hai fatto benissimo :) Sono curioso se
            dopo Ubuntu pèasserai ad un'altra distro linux
            (come ho fatto io) oppure a Macattualmente sono esclusivamente su Mac, il tempo libero lo dedico a cose diverse dall'informaticaquando avevo più tempo libero pacioccavo con Arch, che a differenza di ubuntu ti costringe a sXXXXXrti un po' le mani
          • Fesion scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            Mitico, in pratica abbiamo fatto la stessa evoluzione, tra l'altro anche io sto pensando a prendermi un mac mini (+ che altro per collezione, ma poi ovviamente verrebbe usato :))
          • malto scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            - Scritto da: bertuccia
            attualmente sono esclusivamente su Mac, il tempo
            libero lo dedico a cose diverse
            dall'informaticaZappare? :D
          • bertuccia scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            - Scritto da: malto

            Zappare? :D :Dho evitato di precisare perchè saresti invidioso!! :D
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Galimberti pazzo
      - Scritto da: bertuccia
      parlare così di fronte ai talebani informatici di
      PI
      :|
      potessero ti metterebbero al rogo

      a parte gli scherzi, bell'articolo ;)

      finalmente stiamo uscendo da quel medioevo
      informatico che sono stati gli anni del
      quasi-monopolio MSIn realtà nel medioevo ci stiamo entrando proprio ora. Prima COME CHIARAMENTE DICE ANCE L'ARTICOLO, chi usava un PC sapeva quello che faceva. Ora chi usa un tablet non sa minimamente cosa sta facendo. Esattamente come nel medioevo l'ignoranza dava ampio spazio a truffatori e maghi per ingannare il prossimo. Ora abbiamo un tablet la cui publicità dice esplicitamente che la tecnologia diventa magia..Devo aggiungere altro?
      • bertuccia scrive:
        Re: Galimberti pazzo
        - Scritto da: Nome e cognome

        Prima COME CHIARAMENTE DICE ANCE L'ARTICOLO,
        chi usava un PC sapeva quello che faceva.vai allo specchio, ripeti questa frase, e rimani serio.ti sfido, ti sfido due volte (cit)inoltre, l'articolo non dice questo.
        Ora chi
        usa un tablet non sa minimamente cosa sta
        facendo. intendi come quello che si mette al volante e non sa cosa sta succedendo nel carburatore?mi pare normale e giusto
        Esattamente come nel medioevo
        l'ignoranza dava ampio spazio a truffatori e
        maghi per ingannare il prossimo.i truffatori e maghi di cui parli sono quelli che puoi vedere in quel famoso servizio delle iene, in cui portano a riparare un pc al quale è solo stato staccato l'hd.ora la gente ha il potere, perchè non deve più affidarsi ai ciarlatani
        Ora abbiamo un
        tablet la cui publicità dice esplicitamente che
        la tecnologia diventa magia..mi ricordo un rilascio di ubuntu, non so più quale versione.Sulla home di ubuntu-it campeggiava questa citazione: <i
        "Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia." </i
        (Arthur Charles Clarke)al vederla mi era quasi scesa la lacrimuccia per quanto la ritenessi vera applicata a quel contesto.continuo a ritenerla una bellissima citazione

        Devo aggiungere altro?no, ti sei già presentato per quello che sei
        • panda rossa scrive:
          Re: Galimberti pazzo
          - Scritto da: bertuccia

          intendi come quello che si mette al volante e non
          sa cosa sta succedendo nel
          carburatore?A scuola guida lo spiegano, e nei quiz per la patente ci sono domande sul carburatore.Chi si mette al volante dovrebbe sapere che cosa succede nel carburatore.
          mi pare normale e giustoMi pare normale e giusto che chi non sa come funziona uno strumento si astenga dall'adoperarlo.Soprattutto se un uso improprio puo' causare danni a se' e ad altri.

          Esattamente come nel medioevo

          l'ignoranza dava ampio spazio a truffatori e

          maghi per ingannare il prossimo.

          i truffatori e maghi di cui parli sono quelli che
          puoi vedere in quel famoso servizio delle iene,
          in cui portano a riparare un pc al quale è solo
          stato staccato l'hd.Quelli sono truffatori.C'e' ben piu' di un rappresentante di quella categoria che posta pure in questo forum.Io mi batto affinche' la gente sia consapevole dello strumento che utilizza, e che sia in grado da sola di diagnosticare un problema ed eventualmente porvi rimedio aggiornando il software (se e' un problema software) o sostituendo il pezzo (se e' un problema hardware).Io auspico un mondo in cui tutti sappiano usare il computer, e questo non darebbe alcuno spazio a quei truffatori che dici tu.
          ora la gente ha il potere, perchè non deve più
          affidarsi ai ciarlataniLa gente non ha alcun potere se si sottomette ai peggiori ciarlatani, quelli legalizzati, quelli che neppure ti danno la garanzia di legge dei prodotti che vendono.

          Ora abbiamo un

          tablet la cui publicità dice esplicitamente
          che

          la tecnologia diventa magia..

          mi ricordo un rilascio di ubuntu, non so più
          quale versione.Ubuntu non fa pubblicita'.
          Sulla home di ubuntu-it campeggiava questa
          citazione:
          <i
          "Ogni tecnologia sufficientemente
          avanzata è indistinguibile dalla magia."
          </i


          (Arthur Charles Clarke)E' una citazione di Clarke (che tu evidentemente non hai mai letto).Mi spieghi che c'entra?
          al vederla mi era quasi scesa la lacrimuccia per
          quanto la ritenessi vera applicata a quel
          contesto.Contesto open source, che ti permette di alzare il cofano e guardare che non c'e' nessuna magia, ma solo codice ben scritto, anni luce avanti al vecchiume della concorrenza.
          continuo a ritenerla una bellissima citazioneUn punto di accordo ogni tanto ce lo abbiamo anche io e te.
          • Funz scrive:
            Re: Galimberti pazzo
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: bertuccia




            intendi come quello che si mette al volante
            e
            non

            sa cosa sta succedendo nel

            carburatore?

            A scuola guida lo spiegano, e nei quiz per la
            patente ci sono domande sul
            carburatore.
            Chi si mette al volante dovrebbe sapere che cosa
            succede nel
            carburatore.Mia nonna buonanima, classe di ferro '03, per l'esame di guida aveva imparato a memoria il funzionamento del carburatore parola per parola. Quando le chiesero "ma hai capito quello che hai detto?" "neanche una parola" :D
      • sbrotfl scrive:
        Re: Galimberti pazzo
        - Scritto da: Nome e cognome
        - Scritto da: bertuccia

        parlare così di fronte ai talebani informatici
        di

        PI

        :|

        potessero ti metterebbero al rogo



        a parte gli scherzi, bell'articolo ;)



        finalmente stiamo uscendo da quel medioevo

        informatico che sono stati gli anni del

        quasi-monopolio MS

        In realtà nel medioevo ci stiamo entrando proprio
        ora. Prima COME CHIARAMENTE DICE ANCE L'ARTICOLO,
        chi usava un PC sapeva quello che faceva. Ora chi
        usa un tablet non sa minimamente cosa sta
        facendo. Esattamente come nel medioevo
        l'ignoranza dava ampio spazio a truffatori e
        maghi per ingannare il prossimo. Ora abbiamo un
        tablet la cui publicità dice esplicitamente che
        la tecnologia diventa
        magia..

        Devo aggiungere altro?Che è quello che ho detto sopra :D! Mi fa piacere vedere che c'è gente che la pensa come me
    • ANTI apple scrive:
      Re: Galimberti pazzo

      finalmente stiamo uscendo da quel medioevo
      informatico che sono stati gli anni del
      quasi-monopolio MS... per entrare nel mondo Android.Come dici, Apple? Dai, per piacere, cerchiamo di essere seri.(rotfl)
      • bertuccia scrive:
        Re: Galimberti pazzo
        - Scritto da: ANTI apple

        ... per entrare nel mondo Android.che praticamente è un windows dell'era moderna.stessa nascita: copiato da Applestesso paradigma: il mio sistema nei vostri computerstesse caratteristiche: utilizzo più complicato del necessario, pirateria diffusa, malware, utenti restii/impossibilitati ad aggiornare all'ultima versione, hardware di scarsa qualità
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: Galimberti pazzo
      - Scritto da: bertuccia
      parlare così di fronte ai talebani informatici di
      PI
      :|
      potessero ti metterebbero al rogo

      a parte gli scherzi, bell'articolo ;)

      finalmente stiamo uscendo da quel medioevo
      informatico che sono stati gli anni del
      quasi-monopolio
      MSBertuccia, tu pensi un pò troppo dal punto di vista Apple! Non per dire, ma secondo te se non c'era MS e i produttori di PC a basso costo, secondo te avremmo ora la diffusione di strumenti informatici che c'è attualmente? Secondo me no, anche perchè con i prezzi di Apple (in ambito personal computer) non tutti potrebbero (o meglio, avrebbero potuto) permettersi un computer.In verità il fatto è un altro: stiamo passando da un quasi-monopolio ad un altro (quello di Apple), e se forse sarà un pò migliore non è che vedo 'sto gran "Rinascimento", semplicemente i tempi cambiano e le tecnologie migliorano...Attualmente i tablet sono dei bei giocattoloni (e quindi più che adatti al 90% della popolazione), ma niente di più. Ne riparleremo tra un paio d'anni...
  • gigi scrive:
    installazioni oem
    Il problema del "PC" (quello con windows) oggi è che gli assemblatori (HP,ASUS,Lenovo...ecc) sono emeriti idioti... Uno dei piu' banali test di usabilità di un software o di una macchina è darlo in mano ad una persona che non l'ha mai visto e vedere come si comporta.Ora pensate all'acquisto ad esempio di un notebook, pensate a vostro padre o vostra nonna... arriva a casa, preme il tasto di accensione e magari si aspetta anche di usarlo nel giro di pochi minuti... avete presente? ... ecco.
    • malto scrive:
      Re: installazioni oem
      - Scritto da: gigi
      Il problema del "PC" (quello con windows) oggi è
      che gli assemblatori (HP,ASUS,Lenovo...ecc) sono
      emeriti idioti... Uno dei piu' banali test di
      usabilità di un software o di una macchina è
      darlo in mano ad una persona che non l'ha mai
      visto e vedere come si
      comporta.

      Ora pensate all'acquisto ad esempio di un
      notebook, pensate a vostro padre o vostra
      nonna... arriva a casa, preme il tasto di
      accensione e magari si aspetta anche di usarlo
      nel giro di pochi minuti... avete presente? ...
      ecco.E si ogni volta che porti a casa una lavatrice nuova (per esempio)schiacci il tasto e... allaghi la casa :D
      • gigi scrive:
        Re: installazioni oem
        dai il paragone non si pone... l'allacciamento alla rete idrica è una cosa da fare uad un tecnico (almeno se non lo si è mai fatto).La lavatrice pero' ha (di solito) 3 cose: programma (1-9), temperatura e tasto invio...
        • malto scrive:
          Re: installazioni oem
          - Scritto da: gigi
          dai il paragone non si pone... l'allacciamento
          alla rete idrica è una cosa da fare uad un
          tecnico (almeno se non lo si è mai
          fatto).

          La lavatrice pero' ha (di solito) 3 cose:
          programma (1-9), temperatura e tasto
          invio...e la mamma/moglie che la usa, no TU ;)
          • krane scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: malto
            - Scritto da: gigi

            dai il paragone non si pone...
            l'allacciamento

            alla rete idrica è una cosa da fare uad un

            tecnico (almeno se non lo si è mai

            fatto).



            La lavatrice pero' ha (di solito) 3 cose:

            programma (1-9), temperatura e tasto

            invio...
            e la mamma/moglie che la usa, no TU ;)Ma non sa usare una lavatrice !!!(rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: krane
            Ma non sa usare una lavatrice !!!
            (rotfl)Io la lavatrice la so usare benissimo: la so attaccare allo scarico, alla corrente, so cambiare il filtro, cambiare le guarnizioni, persino ripulire la serpentina dal calcare.Ma non chiedermi a che temperatura bisogna lavare i calzini o quanti misurini ci vanno per tre chili di bucato.
          • sadness with you scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane


            Ma non sa usare una lavatrice !!!

            (rotfl)

            Io la lavatrice la so usare benissimo: la so
            attaccare allo scarico, alla corrente, so
            cambiare il filtro, cambiare le guarnizioni,
            persino ripulire la serpentina dal calcare.

            Ma non chiedermi a che temperatura bisogna lavare
            i calzini o quanti misurini ci vanno per tre
            chili di bucato.Quindi non la sai "usare": la sai "installare" e "mantenere"...
          • panda rossa scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: sadness with you
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: krane




            Ma non sa usare una lavatrice !!!


            (rotfl)



            Io la lavatrice la so usare benissimo: la so

            attaccare allo scarico, alla corrente, so

            cambiare il filtro, cambiare le guarnizioni,

            persino ripulire la serpentina dal calcare.



            Ma non chiedermi a che temperatura bisogna
            lavare

            i calzini o quanti misurini ci vanno per tre

            chili di bucato.

            Quindi non la sai "usare": la sai "installare" e
            "mantenere"...Io faccio il sistemista, mica l'utente. (geek)
          • sadness with you scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: sadness with you

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: krane






            Ma non sa usare una lavatrice !!!



            (rotfl)





            Io la lavatrice la so usare benissimo:
            la
            so


            attaccare allo scarico, alla corrente,
            so


            cambiare il filtro, cambiare le
            guarnizioni,


            persino ripulire la serpentina dal
            calcare.





            Ma non chiedermi a che temperatura
            bisogna

            lavare


            i calzini o quanti misurini ci vanno
            per
            tre


            chili di bucato.



            Quindi non la sai "usare": la sai
            "installare"
            e

            "mantenere"...

            Io faccio il sistemista, mica l'utente. (geek)Fatto sta che non la sai usare
          • panda rossa scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: sadness with you

            Io faccio il sistemista, mica l'utente.
            (geek)

            Fatto sta che non la sai usareFatto sta che la vicina del terzo piano, quando la sua lavatrice perde, chiama me che non la so usare.
          • bertuccia scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: panda rossa

            Fatto sta che la vicina del terzo piano, quando
            la sua lavatrice perde, chiama me che non la so
            usare.XXXXXXX che filmoni che ti fai :Ddai valà, che a occhio e croce avrai questa faccia[img]http://www.soft-land.org/img/softland/thumbs/softland-what.jpg[/img]
          • malto scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: panda rossa



            Fatto sta che la vicina del terzo piano,
            quando

            la sua lavatrice perde, chiama me che non la
            so

            usare.


            XXXXXXX che filmoni che ti fai :D

            dai valà, che a occhio e croce avrai questa faccia

            [img]http://www.soft-land.org/img/softland/thumbs/avrà anche sta faccia, ma sicuramente Big D ha le palle...
          • bertuccia scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: malto

            avrà anche sta faccia, ma sicuramente Big D ha le
            palle...ah niente da dire su quello!! :D
          • sadness with you scrive:
            Re: installazioni oem
            mitico Davide ;)
          • sadness with you scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: sadness with you



            Io faccio il sistemista, mica l'utente.

            (geek)



            Fatto sta che non la sai usare

            Fatto sta che la vicina del terzo piano, quando
            la sua lavatrice perde, chiama me che non la so
            usare.quindi?
          • Osvy scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: panda rossa
            Fatto sta che la vicina del terzo piano, quando
            la sua lavatrice perde, chiama me che non la so
            usare.E visto che il tuo tempo costa, immagino perché hai imparato a riparare la lavatrice; postaci la foto della vicina... ;-)
          • panda rossa scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: Osvy
            - Scritto da: panda rossa

            Fatto sta che la vicina del terzo piano,
            quando

            la sua lavatrice perde, chiama me che non la
            so

            usare.

            E visto che il tuo tempo costa, immagino perché
            hai imparato a riparare la lavatrice; Il mio tempo costa il prezzo che io decido.La lavatrice ho imparato a ripararla durante il corso di meccanica delle macchine e macchine, alla facolta' di ingegneria, vecchio ordinamento.
            postaci la
            foto della vicina...
            ;-)Non mi da' il consenso.
          • malto scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Osvy

            postaci la

            foto della vicina...

            ;-)

            Non mi da' il consenso.Va beh, ci accontentiamo della foto della lavatrice... ;)
          • panda rossa scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: malto
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Osvy


            postaci la


            foto della vicina...


            ;-)



            Non mi da' il consenso.
            Va beh, ci accontentiamo della foto della
            lavatrice...
            ;)[img]http://static.desktopnexus.com/thumbnails/130949-bigthumbnail.jpg[/img]
          • malto scrive:
            Re: installazioni oem
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: krane


            Ma non sa usare una lavatrice !!!

            (rotfl)

            Io la lavatrice la so usare benissimo: la so
            attaccare allo scarico, alla corrente, so
            cambiare il filtro, cambiare le guarnizioni,
            persino ripulire la serpentina dal
            calcare.

            Ma non chiedermi a che temperatura bisogna lavare
            i calzini o quanti misurini ci vanno per tre
            chili di
            bucato.Ma per quello c'è iWash (tm) per soli 1.99 euro di spiega tutto sui calzini :D
          • gigi scrive:
            Re: installazioni oem
            io vivo da solo, mi lavo e stiro le cose da solo, se proprio vuoi saperlo...
  • eleirbag scrive:
    Ottima analisi
    Touch vuol dire semplificazione nell'approccio diinterazione con l'hardware e App vuol dire semplificazionein quello con il software.Credo che alla stragrande maggioranza delle persone questobasti e avanzi, sopratutto considerando che tra qualcheanno non ci saranno grandi differenze in termini diprestazioni hardware o software.Credo che l'enorme contrarsi dei programmi old style(dunquenon apps) farà si che il computer ritorni a chi gli serveveramente(mondo del lavoro, studio, e appasionati) senzavincolo o senso unico alcuno.Anche in quest'ultimo caso avremo sistemimulti interfaccia gestibili senza alcun limite diinput hardware ma con molta più articolarizzazione software.Penso che il futuro che ci attende sia molto interessante.
    • Utopia scrive:
      Re: Ottima analisi
      Mi puoi spiegare che non ho capito che differenza c'è tra app e programma? Dai non esageriamo per favore.
      • malto scrive:
        Re: Ottima analisi
        - Scritto da: Utopia
        Mi puoi spiegare che non ho capito che differenza
        c'è tra app e programma? Dai non esageriamo per
        favore.le app sono al gusto mela :Di programmi a TUTTI gli altri ;)
        • FDG scrive:
          Re: Ottima analisi
          - Scritto da: malto
          - Scritto da: Utopia

          Mi puoi spiegare che non ho capito che
          differenza

          c'è tra app e programma? Dai non esageriamo
          per

          favore.
          le app sono al gusto mela :D
          i programmi a TUTTI gli altri ;)Pur essendo anche queste "software", le "App al gusto mela", come voi le chiamate, si distinguono dalle applicazioni desktop in genere perché:- si scaricano da un marketplace noto e affidabile;- il marketplace di pubblicazione è anche la vetrina attraverso cui l'App si pubblicizza e lo scaffale su cui è disponibile per l'acquisto;- la gestione del licensing è integrata nel meccanismo di acquisto e download;- hanno generalmente un costo contenuto;- la procedura d'installazione è assolutamente trasparente;- non hanno dipendenze da altro software che quello di sistema;- i prerequisiti sono unicamente la versione del sistema e l'hardware minimale per farle funzionare;- non ci sono configurazioni per farle funzionare ma al massimo preferenze dell'utente;- propongono un insieme di funzionalità ristretto;- l'interfaccia è semplice e intuitiva ed è previsto che l'utente impari ad usare l'applicazione rapidamente e senza l'ausilio di supporti.Forse ho dimenticato qualcosa, ma tutte queste caratteristiche distinguono l'App dalle Applicazioni Desktop per un approccio al disegno, alla distribuzione e alla realizzazione del software differenti. Le applicazioni tradizionali infatti:- possono essere ottenute da diverse fonti;- non essendoci un marketplace unico, marketing e distribuzione sono eterogenei;- la gestione del licensing dipende dal software e a volte richiede l'uso di strumenti appositi per il monitoraggio;- il costo può essere contenuto come parecchio elevato;- la procedura d'installazione non è trasparente e la complessità della stessa varia;- non è raro che il software abbia dipendenze da altro software non soddisfacibili dal solo sistema operativo (ad esempio si pensi alle applicazioni Java).- i prerequisiti, anche in conseguenza le punto precedente, non sono limitati;- a volte richiedono una configurazione per funzionare e in certi casi questa non è banale;- l'insieme delle funzionalità non è ristretto ma va a ricoprire quante più esigenze possibili;- l'interfaccia utente è complessa e non di rado per l'uso dell'applicazione è richiesta formazione.Senza stare ad entrare nel merito dei singoli punti, mi pare che si tratti di due categorie di software chiaramente distinguibili.
          • eleirbag scrive:
            Re: Ottima analisi
            Direi che ne hai fatto un ottima analisi punto per punto.Compliemnti veramente.In ogni caso e in sintesi basterebbe anche dire cheoramai, e specificatamente nel prossimo futuro, potremmo avereuna distinzione tra un unico software ma in duplice versione;programma tradizionale e app in stile touch.Ne più ne meno di quanto stia facendo adesso Microsoftcon il suo nuovo Windows. Una/o per tutte IE e la suadoppia intefaccia a seconda che ci si trovi in Metro onel Dekstop tradizionale.Una volta si sarebbe detto "versione semplice" o "versioneutente avanzato", oggi si dice App o Programma.Non penso sia corretto semplificare a tal modo, perchèil discorso è sicuramente molto più articolato.Ma il mercato vuole la semplicità tutto il resto è soloun tecnicismo. Io sono in totale disaccordo con questo,ma poco conta, anzi non conta propio nulla! 8)
          • malto scrive:
            Re: Ottima analisi
            - Scritto da: FDG
            Senza stare ad entrare nel merito dei singoli
            punti, mi pare che si tratti di due categorie di
            software chiaramente
            distinguibili.Vero: iFart e autocad sono due cose diverse, punto.
          • FDG scrive:
            Re: Ottima analisi
            - Scritto da: malto
            - Scritto da: FDG
            Vero: iFart e autocad sono due cose diverse,
            punto.Secondo la descrizione che ho fatto io si. Anche se parliamo di caxxate e cose serie, si, anche con ruoli invertiti (minkiata desktop e app seria). C'è anche una bella distinzione tra chi discute con argomenti e chi trolleggia.Purtroppo non sei registrato e quindi non ti posso mettere nel killfile. Ma comunque ti ci mando lo stesso.
          • bertuccia scrive:
            Re: Ottima analisi
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: malto

            - Scritto da: FDG


            Vero: iFart e autocad sono due cose diverse,

            punto.

            Secondo la descrizione che ho fatto io si. Anche
            se parliamo di caxxate e cose serie, si, anche
            con ruoli invertiti (minkiata desktop e app
            seria). C'è anche una bella distinzione tra chi
            discute con argomenti e chi
            trolleggia.

            Purtroppo non sei registrato e quindi non ti
            posso mettere nel killfile. Ma comunque ti ci
            mando lo
            stesso.va beh, torna a giocare con ifart... :D
          • bertuccia scrive:
            Re: Ottima analisi
            - Scritto da: bertuccia

            va beh, torna a giocare con ifart... :Dnon serve,adesso puoi farlo col sampler di GarageBand :)
          • Utopia scrive:
            Re: Ottima analisi
            Grazie della spiegazione, ma a conti fatti a parte avere maggiori limitazioni non ne vedo tutte ste grandi differenze tali da parlare di rivoluzione. Sarò vecchio... mi spiace.
          • gerry scrive:
            Re: Ottima analisi
            - Scritto da: Utopia
            Grazie della spiegazione, ma a conti fatti a
            parte avere maggiori limitazioni non ne vedo
            tutte ste grandi differenze tali da parlare di
            rivoluzione. Sarò vecchio... mi
            spiace.La limitazione è il cuore dell'App. Non è un bug, è una feature (davvero, però) :)
          • FDG scrive:
            Re: Ottima analisi
            - Scritto da: gerry
            La limitazione è il cuore dell'App. Non è un bug,
            è una feature (davvero, però)
            :)Aspettati la reazione di qualche zelota :)
          • Prozac scrive:
            Re: Ottima analisi
            E io che scarico le "App" dal "Mac App Store" cosa sto scaricando? "App" o "Applicazioni Desktop"?
      • eleirbag scrive:
        Re: Ottima analisi
        La stessa che c'è tra molti programmi di solo 10anni fa e l'aspetto che hanno le loro versioni di oggi.E' il concetto di "App" che è nato da molti anninel computer a essere stato portato più naturalmentenel tablet, e simili, e non il contrario.Era una naturale evoluzione visto l'enorme differenzadella tipologia di utenza che molti anni a questa partepopola il mondo dei PC.
        • Utopia scrive:
          Re: Ottima analisi
          Non hai spiegato niente, i programmi su pc di 10 anni fa sono gli stessi di oggi con una grafica un "pelo" rinnovata, ma che nemmeno grida al miracolo visto il fallimento dei proXXXXXri 64bit ed il fatto che nessun programma ormai sfrutta davvero le schede acceleratrici 3d che ormai tutti hanno (senza saperlo) ma che non sfruttano.Le app sono solo "figate" fatte per vendere e per scostarsi dal più banale "programma", tutto qui, marketing e niente di più.
          • malto scrive:
            Re: Ottima analisi
            - Scritto da: Utopia
            Le app sono solo "figate" fatte per vendere e per
            scostarsi dal più banale "programma", tutto qui,
            marketing e niente di
            più.Se è un macaco, è tutto quello che gli serve.
          • enriker scrive:
            Re: Ottima analisi
            infatti "APP" è solo marketing per gli smartphone...Hanno fatto applicazioni adattate agli smartphone e soprattuto indicati per un certo target...Ovviamente ormai in modo sbagliato ogni applicazione, programma per tablet viene chiamato "APP" ma questa parola di certo non identifica un modo rivoluzionario di programmare software ma solo marketing
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Ottima analisi
            Io problema dal mio punto di vista è che come c'è stato il fenomeno dei clienti leggeri adesso c'è quello delle app.Un tempo programmavo applicazioni.Negli ultimi anni mi chiedono solamente applicazioni a cliente leggero, ma con tutte le funzionalità delle applicazioni normali (pure dal punto di vista performance e stabilità). Cosa ovviamente impossibile vista la differenza tra le due piattaforme.Ho già cominciato a ricevere richieste per sviluppare queste applicazioni sotto forma di app.Adesso voglio proprio vedere come uno implementa dei clienti SCADA usando il sistema delle App. Forse non è impossibile, ma mi chiedo a cosa assomiglierà il risultato.
          • di passaggio scrive:
            Re: Ottima analisi
            Fallimento dei proXXXXXri a 64 bit?Stai scherzando? I proXXXXXri a 64 bit sono ormai indispensabili, perché i 32 bit non possono indirizzare più di 4 Gb di memoria.E in ambito server il minimo ormai è di 8 Gb, a salire.
          • Utopia scrive:
            Re: Ottima analisi
            Parlo in termini di prestazioni, non di necessità ram.Per come li descrivevano sembrava dovessero avere prestazioni eccezionali, a conti fatti (testimone pure il portatile dal quale scrivo win 7 64bit) sono IDENTICI a quelli di prima.
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Ottima analisi
            Sono identici a causa di due motivi:1. La maggior parte delle applicazioni tutt'oggi disponibili sono ancora compilate per proXXXXXri 32bits o usano librerie a 32bits.2. Le applicazioni nuove sono comunque più pesanti della applicazioni più vecchie.Personalmente non vedo un vero miglioramento tra quello che si faceva con un 486 a 99MHz o quello che faccio oggi con un Core 2 Duo a 3GHz. Ok, le applicazioni sono più sexy e hanno delle belle icone, ma dal punto di vista della produttività, è esattamente la stessa cosa.Ma non oserei mai mettere in dubbio il miglioramento di performances subito dai computer negli ultimi 20 anni.
          • sadness with you scrive:
            Re: Ottima analisi
            - Scritto da: Utopia
            visto il fallimento dei proXXXXXri 64bitROTFL... questa tua uscita (s)qualifica tutte le altre tue considerazioni
          • Utopia scrive:
            Re: Ottima analisi
            Dipende da cosa intendi per sucXXXXX, non certo in termini di vendite, intendo di seguito (quante applicazioni ci sono a 64 bit??) le vedi tutte ste grandi rivoluzioni? bah
      • sadness with you scrive:
        Re: Ottima analisi
        - Scritto da: Utopia
        Mi puoi spiegare che non ho capito che differenza
        c'è tra app e programma? Dai non esageriamo per
        favore.Se il paragone lo incentriamo in ambito Apple, una "App" di iOS gira in un contesto ben definito dal quale non può uscire (addirittura "fatica" a scambiare dati con le altre App); è una scelta restrittiva che comporta diversi limiti, ma che assicura un maggiore di livello di sicurezza stabilità del sistema... dal 2007 ad oggi non ho mai visto iOS crashare,né su iPod Touch, ne su iPhone, né su iPad (per i pochi mesi in cui l'ho avuto): al massimo va in crash l'applicazione.Un "programma" invece è qualcosa che installi in MacOS e che ti può aggiungere librerie, preferenze, files sparsi in tutto l'HardDisk (e di riflesso può anche accedere, se i permessi dell'utente lo permettono, a tutta la struttura files dell'hard-disk); questo conferisce maggiore libertà ma può causare incompatibilità e (involontariamente) instabilità a livello di sistema dall'uscita di MacOSX (2001) 5 o 6 kernel Panic li ho avuti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 novembre 2011 10.27-----------------------------------------------------------
      • panda rossa scrive:
        Re: Ottima analisi
        - Scritto da: Utopia
        Mi puoi spiegare che non ho capito che differenza
        c'è tra app e programma? Dai non esageriamo per
        favore.la app e' apple e gira solo sull'ifognIl programma non e' apple e puo' essere multipiattaforma.
      • norman scrive:
        Re: Ottima analisi
        le app sono programmi *piccoli*, con scopi limitati, sono molto semplici (ammesso che chi le fa non sia incompetente).e' ovvio che un'app E' un programma, pure un sistema operativo e' un programma, ma sono sottinsiemi della categoria.
      • Ill Informer scrive:
        Re: Ottima analisi
        - Scritto da: Utopia
        Mi puoi spiegare che non ho capito che differenza
        c'è tra app e programma? Dai non esageriamo per
        favore.Esattamente la stessa che c'è tra un tablet e un computer, cioè il tablet è un computer, la app è un programma e tutte le citazioni dell'articolo lo rendono un gigantesco ossimoro .... ma anche no.La sintesi dell'articolo è ... l'utente medio è un ignorante, non ha bisogno di sbattersi ad imparare ad usare un computer ma deve COMPRARE le sue soluzioni messe lì semplici semplici.Il problema è che il mercato in realtà non è per nulla aperto e mentre in qualsiasi supermercato 5 anni fa potevi entrare e comprarti un hard disk sfuso o l'upgrade di memoria oggi devi ordinarli online, mentre al supermercato vendono solo copie delle copie delle copie delle stesse cose.Una chiusura è vantaggiosa per tutti quelli che ci lucrano e seguendo lo spirito del "ci penseranno gli altri" si finisce col vedere sparire le alternative.Ci si ritrova in gabbia rinchiusi in un mondo di ignoranti in cui pochi comandano e gli altri sono inconsapevoli di qualsiasi cosa e fanno quello che gli si vuole far fare, vedono solo quel che gli si vuol far vedere e trovano indispensabile cambiare il telefono ogni due mesi perché esce il modello nuovo che è uguale a quello vecchio ma con qualche funzione diversa che sull'altro non si può installare.Chi non è d'accordo ha la libertà di isolarsi dal mondo o adattarsi a quello che gli altri decidono al posto suo ... e non vi basta ?
    • Shu scrive:
      Re: Ottima analisi
      - Scritto da: eleirbag
      tra
      qualche
      anno non ci saranno grandi differenze in termini
      di
      prestazioni hardware o software.Questo, semplicemente, non è vero né possibile.Un PC desktop, con a disposizione una presa elettrica e 3-400 Watt, sarà sempre e comunque più potente e flessibile di un portatile che ha una batteria limitata.Possiamo dibattere su ipotesi diverse, tipo quella di cloud domestici per cui una persona, nella sua casa, possa avere un "server" a cui diversi dispositivi (smartphone, tablet, desktop, ma anche TV, radio, e le loro future evoluzioni) si colleghino per lavorare. Sarebbe un sogno, per me, ma si scontra con la reticenza a definire degli standard di intercomunicazione che molte aziende (Apple e MS in primis) hanno.Alcuni smanettoni già usano cloud su Internet per fare cose simili (per esempio con un "PC virtuale Linux" dentro Amazon, accessibile in X o in VNC da ovunque), ma sono un po' bloccati da diversi fattori (privacy, costo in base alla banda occupata, lentezza delle reti, ecc.).Non possono farlo in casa perché l'upstream è semplicemente patetico (512 Kbit quando va tanto bene).Ma, tornando al discorso principale, un fisso sarà sempre e comunque più potente di un portatile. Magari morirà l'architettura Intel/AMD perché troppo legata alla compatibilità col passato, e ARM avrà il sopravvento, ma per aumentare le prestazioni aumenteranno anche i consumi.
      Credo che l'enorme contrarsi dei programmi old
      style(dunque
      non apps) farà si che il computer ritorni a chi
      gli
      serve
      veramente(mondo del lavoro, studio, e
      appasionati)
      senza
      vincolo o senso unico alcuno.Quello che sta succedendo con le app (come le difinisci) è praticamente un "reboot" dell'informatica.Si è tornati a fare applicazioni piccole, che fanno bene solo una cosa, senza funzioni inutili nascoste in finestre richiamate da menu introvabili e che non usa nessuno.Ora, di una qualsiasi app, si usano il 90% delle funzioni, non il 10%E soprattutto la gente si accontenta di quello che c'è e non richiede l'aggiunta di funzioni che usa una volta e poi dimentica, o di avere assolutamente decine di nuove funzioni ad ogni versione. Basta che vengano corretti bug, semplificata un po' l'interfaccia e magari aggiunta una piccola funzionalità.
      Penso che il futuro che ci attende sia molto
      interessante.Su questo sono d'accordo. :)Bye.
      • eleirbag scrive:
        Re: Ottima analisi
        Il mercato guarda a il mercato stesso.Chi sono i nuovi utilizzatori degli strumenti informaticidi oggi e di domani ? La risposta è semplice e in automaticofa si che tra l'hardware e il software di un qualsiasi tablet,che è una definizione errata e calzerebbe meglio "easy device",e quello di un odierno PC non ci sia nessuna differenza,almeno per la stragrande maggioranza di "utenti" odierni efuturi.A chi serve "anche altro" avrà a disposizione hardware esoftware diversi, più articolati ma comunque integrati in devicese non uguali ai primi molto simili a questi.Una cosa e' non vedere un'altra e non voler vedere.Non parlo per te ma in generale.
        • malto scrive:
          Re: Ottima analisi
          - Scritto da: eleirbag
          Il mercato guarda a il mercato stesso.
          Chi sono i nuovi utilizzatori degli strumenti
          informatici
          di oggi e di domani ?Le auto?Ormai ci sono più cpu in'auto che in un condominio, quindi?
      • Prozac scrive:
        Re: Ottima analisi
        - Scritto da: Shu
        - Scritto da: eleirbag
        Possiamo dibattere su ipotesi diverse, tipo
        quella di cloud domestici per cui una persona,
        nella sua casa, possa avere un "server" a cui
        diversi dispositivi (smartphone, tablet, desktop,
        ma anche TV, radio, e le loro future evoluzioni)
        si colleghino per lavorare. Sarebbe un sogno, per
        me, ma si scontra con la reticenza a definire
        degli standard di intercomunicazione che molte
        aziende (Apple e MS in primis)
        hanno.Io ho già una casa così. Ho un NAS (QNAP) che mi fa da "home server" e permette di avere a disposizione sia funzionalità di backup, sia funzionalità multimediali, sia funzionalità cloud. Tutto si integra perfettamente con TV (philips), sistema home theatre (sempre philips) grazie al protocollo DLNA; con i vari "terminali" Windows. Un po' di problemi me li da l'interoperabilità con Mac OS X. Devo sempre combattere per riuscire ad rendere il MacBOOK Pro compatibile con "la casa"...
    • Osvy scrive:
      Re: Ottima analisi
      - Scritto da: eleirbag
      Touch vuol dire semplificazione nell'approccio di
      interazione con l'hardware e App vuol dire
      semplificazione in quello con il software.Giusto ieri ho fatto una ricerca "che differenza c'è tra apps e programmi" e non ho trovato una sola risposta! :-)Forse ho posto male la domanda, o forse è troppo semplice la risposta,comunque mi piacerebbe saperla, perché a me questo "innamoramento" per la apps mi sembra una "boiata".Vediamo di capirci. Se ho capito la differenza tra un'app ed un programma "tradizionale" è che l'app è più piccola, fa poche cose "specifiche" (per il resto è un programma come gli altri eh).Ora sempre ieri mi veniva in mente una "parodia" della pubblicità di Apple che recita più o meno "per tutto c'è un app", la parodia suonerebbe più o meno così:"vuoi fare una somma? c'è un'app. Vuoi fare una sottrazione? c'è un'altra app. Anche per fare una divisione c'è un app. E addirittura per fare una moltiplicazione c'è un'app!!!"...Diciamo che la "furbizia" delle app, come al solito Apple l'ha capito prima, è che "semplificano"? ma però semplificano perché "tralasciano" la complessità? Voglio dire, una app può servire quando serve una app, ma non è che talvolta sia più "semplice" usare Office invece che 10 app?"Ovviamente" io non ho un tablet, forse quindi non posso capire. ciao
      Credo che l'enorme contrarsi dei programmi old
      style(dunque non apps) farà si che il computer ritorni a chi
      gli serve veramente (mondo del lavoro, studio, e
      appasionati) senza vincolo o senso unico alcuno.Abbastanza d'accordo
      Anche in quest'ultimo caso avremo sistemi
      multi interfaccia gestibili senza alcun limite di
      input hardware ma con molta più articolarizzazione
      software.
      Penso che il futuro che ci attende sia molto
      interessante.Chissà cosa ci riserverà. Il problema centrale purtroppo rimane lo stesso di oggi: il tempo.. non potrò mai leggere tutti i libri che vorrei :-(però chissà, forse potranno inventare un chip da mettere nella testa che ti permette di avere "in memoria" tutti i libri, come se li avessi letti in poltrona... cosa metto, sorriso o timore?
      • eleirbag scrive:
        Re: Ottima analisi
        Heheheh :DHai detto una gran cosa;L'Apple ha capito per prima, o forse e meglioha anche fatto si che le cose si mettano così,che le Apps possono essere molte di più dei variprogrammi più complessi e grandi, e dunque allafine sono un gran Business.Inutile Apple precorre sempre i tempi e se non lofanno si loro spontanea volotà gli da una spintarellanel farlo! 8)
  • Utopia scrive:
    Non sono d'accordo
    Intanto il computer non nasce per gli appassionati, ma, essendo una macchina è nato con lo scopo "semplice" e "banale" di aiutare l'uomo a fare determinate cose, tra le quali c'è pure il divertimento.Adesso non so perchè quando si parla con un informatico spinto, dire di aver usato il computer principalmente per i videogiochi negli anni 90 quando ero giovane sia come bestemmiare, o dire che l'ipad, seppure poco potente (e duttile) è pur sempre un computer perchè svolge le stesse operazioni e sia semplicemente più mobile...Non vi capisco a volte, proprio no.I tablet si vendono meglio rispetto ai pc normali?Avete mai provato a pensare di poter avere un pc casalingo in una mano 30 anni fa anche se poco potente come all'epoca? Quale avreste comprato?Dai non facciamoci troppi giri mentali per spiegare delle banalità, i tablet sono pc, purtroppo non ancora abbastanza potenti per poter sostituire del tutto i pc normali, ma lo faranno, e non certo perchè sono delle macchine "nuovissime e straordinarie", sono solo dei computer.
    • FDG scrive:
      Re: Non sono d'accordo
      - Scritto da: Utopia
      Dai non facciamoci troppi giri mentali per
      spiegare delle banalità, i tablet sono pc,
      purtroppo non ancora abbastanza potenti per poter
      sostituire del tutto i pc normali, ma lo faranno,
      e non certo perchè sono delle macchine
      "nuovissime e straordinarie", sono solo dei
      computer.Secondo me i PC continueranno ad esistere in casa però come qualcosa di simile ad un server domestico, controllabile con un tablet. E aggiungo pure che l'interfaccia mouse+tastiera è ancora la più indicata per tanti compiti, anche non "pro". Il tablet aggiunge un'interfaccia, una modalità d'interazione, più alla portata di tutti. Aggiungo pure che l'interfaccia desktop s'è complicata parecchio, anche a sproposito, rispetto a quando era stata concepita. E questo non per colpa dei limiti dell'interfaccia o per i nuovi compiti che è stata chiamata a supportare, ma per la necessità di dover supportare nel mondo dell'informatica realte tecnologie non sempre pensate per essere semplici, intuitive e coerenti.
      • Utopia scrive:
        Re: Non sono d'accordo
        Parli così perchè sei troppo abituato a lavorare così.Io mi ricordo ancora le difficoltà che trovavo inizialmente quando a 7 anni usai il mio primo mouse su philips 10Mhz.Secondo me se i tablet fossero più potenti e facessero girare qualunque cose tu del mouse e del "server" casalingo (anche questo segno che sei troppo professional per poter ragionare come la gente comune) non te ne faresti niente.
        • malto scrive:
          Re: Non sono d'accordo
          - Scritto da: Utopia
          Parli così perchè sei troppo abituato a lavorare
          così.
          Io mi ricordo ancora le difficoltà che trovavo
          inizialmente quando a 7 anni usai il mio primo
          mouse su philips
          10Mhz.Vero, il mio primo mouse sopravvisse alla frustrazione iniziale solo perchè all'epoca costavano uno sproposito!
        • panda rossa scrive:
          Re: Non sono d'accordo
          - Scritto da: Utopia
          Secondo me se i tablet fossero più potenti e
          facessero girare qualunque cose tu del mouse e
          del "server" casalingo (anche questo segno che
          sei troppo professional per poter ragionare come
          la gente comune) non te ne faresti
          niente.Illuminaci tu del modo di ragionare della gente comune allora.La gente comune col computer si collega alla rete e ne utilizza quello che offre.Poi fuori dalla rete scarica le foto, le tagga, scrive la letterina, la stampa, tiene i conti della spesa sul foglio elettronico, sente la musica, guarda i film... il tutto senza nominare i videogames.
          • Utopia scrive:
            Re: Non sono d'accordo
            La gente comune si aspetta di andare in internet nel modo più facile possibile, pochi sanno cosa sia un server/proxy ed a pochi interessa avere un pc fisso solo per quello.Questo intendevo.Quando i tablet entreranno nel professionale allora per i pc sarà la fine
          • panda rossa scrive:
            Re: Non sono d'accordo
            - Scritto da: Utopia
            La gente comune si aspetta di andare in internet
            nel modo più facile possibile, pochi sanno cosa
            sia un server/proxy ed a pochi interessa avere un
            pc fisso solo per
            quello.E la grande botnet russa ringrazia.
            Questo intendevo.La gente pure si aspetta di andare in giro in macchina nel modo piu' semplice possibile, ma quelli che vanno contromano, non rispettano i semafori e le precedenze, hanno una aspettativa di vita piu' bassa.
            Quando i tablet entreranno nel professionale
            allora per i pc sarà la
            fineQuando un tablet riuscira' a gestire un database che scrive dai due ai tre milioni di record al giorno fammi un fischio, che potro' tornare a casa prima quel giorno.
          • Osvy scrive:
            Re: Non sono d'accordo
            - Scritto da: panda rossa
            Quando un tablet riuscira' a gestire un database
            che scrive dai due ai tre milioni di record al
            giorno fammi un fischio, che potro' tornare a
            casa prima quel giorno.Un PC di oggi ha la potenza di un mainframe di 15 anni fa...per la gestione dei record probabilmente è più un fatto di velocità delle memorie di massa, e comunque, qualunque sia il problema tecnico attuale, al 99% non sarà più un problema tra 5-7-10 anni
          • Carlo scrive:
            Re: Non sono d'accordo
            - Scritto da: Utopia
            La gente comune si aspetta di andare in internet
            nel modo più facile possibile, pochi sanno cosa
            sia un server/proxy ed a pochi interessa avere un
            pc fisso solo per
            quello.Il mondo non è un luogo facile, e chi si lascia illudere che lo sia prima o poi si farà male.
        • FDG scrive:
          Re: Non sono d'accordo
          - Scritto da: Utopia
          Io mi ricordo ancora le difficoltà che trovavo
          inizialmente quando a 7 anni usai il mio primo
          mouse su philips 10Mhz.Hai avuto difficoltà ad imparare ad usare un mouse a 7 anni? :O
          Secondo me se i tablet fossero più potenti e
          facessero girare qualunque cose tu del mouse e
          del "server" casalingo (anche questo segno che
          sei troppo professional per poter ragionare come
          la gente comune) non te ne faresti niente.Il termine "server" non va inteso in senso di macchina professionale con software professionale. Essendo un device che fornisce servizi, per quanto consumer, l'ho chiamato "server". Quanlcun'altro l'ha chiamato hub digitale.L'interfaccia touch va bene per tante cose, ma se devi scrivere parecchio e indicare con precisione un punto dello schermo, mouse e tastiera sono più comodi.
          • Utopia scrive:
            Re: Non sono d'accordo
            c'è poca gente che si ricorda la prima volta, io me la ricordo e nel 1990 il primo giorno che l'ho usato non riuscivo a capirlo bene e mi meravigliavo.I tempi sono cambiati.
          • FDG scrive:
            Re: Non sono d'accordo
            - Scritto da: Utopia
            c'è poca gente che si ricorda la prima volta, io
            me la ricordo e nel 1990 il primo giorno che l'ho
            usato non riuscivo a capirlo bene e mi
            meravigliavo.

            I tempi sono cambiati.1983 + o - su un Apple Lisa. Avevo qualche anno in più.
          • panda rossa scrive:
            Re: Non sono d'accordo
            - Scritto da: Utopia
            c'è poca gente che si ricorda la prima volta, io
            me la ricordo e nel 1990 il primo giorno che l'ho
            usato non riuscivo a capirlo bene e mi
            meravigliavo.

            I tempi sono cambiati.Io posso affermare che i bambini di oggi, quelli che sono nati nelle case in cui c'era gia' un computer, non hanno alcuna difficolta' ad usare il mouse, e neppure il touchpad.Un po' di impaccio e mancanza di coordinazione quando sono piccoli piccoli, ma il concetto d'uso ce lo hanno ben chiaro perche' vedono i grandi come lo usano.Il problema era della generazione precedente, quelli che vedevano un mouse per la prima volta.
      • lul scrive:
        Re: Non sono d'accordo
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: Utopia


        Dai non facciamoci troppi giri mentali per

        spiegare delle banalità, i tablet sono pc,

        purtroppo non ancora abbastanza potenti per
        poter

        sostituire del tutto i pc normali, ma lo
        faranno,

        e non certo perchè sono delle macchine

        "nuovissime e straordinarie", sono solo dei

        computer.

        Secondo me i PC continueranno ad esistere in casa
        però come qualcosa di simile ad un server
        domestico, controllabile con un tablet. E
        aggiungo pure che l'interfaccia mouse+tastiera è
        ancora la più indicata per tanti compiti, anche
        non "pro". Il tablet aggiunge un'interfaccia, una
        modalità d'interazione, più alla portata di
        tutti. Aggiungo pure che l'interfaccia desktop
        s'è complicata parecchio, anche a sproposito,
        rispetto a quando era stata concepita. E questo
        non per colpa dei limiti dell'interfaccia o per i
        nuovi compiti che è stata chiamata a supportare,
        ma per la necessità di dover supportare nel mondo
        dell'informatica realte tecnologie non sempre
        pensate per essere semplici, intuitive e
        coerenti.quoto in toto
      • Teo_ scrive:
        Re: Non sono d'accordo
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: Utopia


        Dai non facciamoci troppi giri mentali per

        spiegare delle banalità, i tablet sono pc,

        purtroppo non ancora abbastanza potenti per
        poter

        sostituire del tutto i pc normali, ma lo
        faranno,

        e non certo perchè sono delle macchine

        "nuovissime e straordinarie", sono solo dei

        computer.

        Secondo me i PC continueranno ad esistere in casa
        però come qualcosa di simile ad un server
        domestico, controllabile con un tablet.Il giorno che ci sarà la connessione giusta, magari il server invece che essere in casa sarà fuori.Cè perfino chi ha scelto di programmarci sul tablet http://yieldthought.com/post/12239282034/swapped-my-macbook-for-an-ipad
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: Non sono d'accordo
          - Scritto da: Teo_
          - Scritto da: FDG

          - Scritto da: Utopia




          Dai non facciamoci troppi giri mentali
          per


          spiegare delle banalità, i tablet sono
          pc,


          purtroppo non ancora abbastanza potenti
          per

          poter


          sostituire del tutto i pc normali, ma lo

          faranno,


          e non certo perchè sono delle macchine


          "nuovissime e straordinarie", sono solo
          dei


          computer.



          Secondo me i PC continueranno ad esistere in
          casa

          però come qualcosa di simile ad un server

          domestico, controllabile con un tablet.

          Il giorno che ci sarà la connessione giusta,
          magari il server invece che essere in casa sarà
          fuori.
          Cè perfino chi ha scelto di programmarci sul
          tablet
          http://yieldthought.com/post/12239282034/swapped-mMah, io per lavoro preferisco utilizzare un monitor di almeno 15 pollici (se non di più), ed una tastiera usb, non robe bluetooth che devo ricaricare di tanto in tanto! Il fatto che una persona (magari freelancer) che lavora perlopiù da casa non fa troppo testo, secondo me...
    • gigi scrive:
      Re: Non sono d'accordo
      a mio parere sono potenti quanto un pc di fascia entry (tegra3 ormai è un quadcore) ... quello che cambia sono le dimensioni (senza doppi sensi :) )... questo comporta minor spazio di visualizzazione e a disposizione delle periferiche di input. Il modo di interagire è cambiato (touch) dobbiamo abituarci. Non è comodo scrivere su ipad? ma non lo facciamo tutti i giorni su cellulari MOLTO piu' piccoli e limitati? ...
      • Utopia scrive:
        Re: Non sono d'accordo
        Si certo sono d'accordo con te, sostituiranno i pc, ma solo quando saranno equivalenti se non superiori in tutte le possibilità.
        • gigi scrive:
          Re: Non sono d'accordo
          a mio parere sono già superiori nell'utilizzo quotidiano del web... per il resto il PC rimarrà comunque come strumento di lavoro ma sarà utilizzato solo da chi ne ha bisogno.Già oggi mio padre lo usa solo per leggere notizie, posta e vedere le foto e i filmini che fa...sinceramente gli consiglierei un ipad dovesse cambiarlo... sempre si possano caricare foto di una macchina fotografica XD ...
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Non sono d'accordo
        Dipende per cosa lo si usa.Io sono programmatore e lo uso quindi per programmare e scrivere documenti.Mi dispiace, ma non lo farei mai con un telefonino e neppure con un pad.Con la tastiera si è molto più veloci, non sarei in grado di raggiungere neppure la metà della velocità di battitura.Con questo non dico che un pad o un telefonino siano inutili, semplicemente sono fatti per un pubblico che ha esigenze differenti.Personalmente preferisco il PC, mia sorella (che non programma) preferisce il pad.
        • gigi scrive:
          Re: Non sono d'accordo
          Tu LAVORI con il pc... io parlo di meri utilizzatori in ambito domestico, sono d'accordo con l'articolo nell'affermare che il PC "di casa" sia obsoleto rispetto ai tablet per il tipo di utilizzo che se fa. E' un po' come scegliere lo scooter per dribblare il traffico... questo non vuol dire che lo scooter sia migliore (in senso assoluto) di un'auto.
    • gerry scrive:
      Re: Non sono d'accordo
      - Scritto da: Utopia
      Dai non facciamoci troppi giri mentali per
      spiegare delle banalità, i tablet sono pc,
      purtroppo non ancora abbastanza potenti per poter
      sostituire del tutto i pc normali, ma lo faranno,
      e non certo perchè sono delle macchine
      "nuovissime e straordinarie", sono solo dei
      computer.Secondo me stai facendo il discorso sbagliato, il punto non è la potenza ma anzi la NON potenza.Dopo anni passati sui PC ho imparato una regola empirica, complessità (quella che tu chiami potenza) e facilità di utilizzo sono generalmente inversamente proporzionali.Più un sistema ti permette di fare cose complesse meno facile è da usare, perchè la complessità porta all'errore. In generale si può migliorare nel nascondere bene la complessità, ma questo porta inevitabilmente all'irrigidimento della piattaforma (che è una perdita di "potenza").-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 novembre 2011 11.15-----------------------------------------------------------
      • Utopia scrive:
        Re: Non sono d'accordo
        Tu pensi che un ipad non sia complesso? poi dipende da cosa si intende per complessità
        • pietro scrive:
          Re: Non sono d'accordo
          - Scritto da: Utopia
          Tu pensi che un ipad non sia complesso? poi
          dipende da cosa si intende per
          complessitàci sono due livelli di complessità, la complessità d'uso e la compessità costruttiva (HW e SW) si sta parlando di complessità d'uso, all'utente della seconda non frega nulla, per lui è solo magia.
        • gerry scrive:
          Re: Non sono d'accordo
          - Scritto da: Utopia
          Tu pensi che un ipad non sia complesso? poi
          dipende da cosa si intende per
          complessitàTi quoto: <i
          l'ipad, seppure poco potente (e duttile) è pur sempre un computer perchè svolge le stesse operazioni e sia semplicemente più mobile... </i
          Un tablet <b
          non </b
          deve svolgere le stesse operazioni del computer, deve avere un <b
          set semplificato </b
          di operazioni. In quello sta il suo sucXXXXX.
  • attonito scrive:
    I think there is a world market for...
    "I think there is a world market for maybe five computers" (Credo che il mercato mondiale sia forse di 5 computer) (attribuita a Thomas J.Watson, 1943),quando i computer constavano milioni di dollari, consumavano come mezza citta' e occupavano 4 stanze, chi cavolo poteva usarli se non universita, industrie e militari?cerchiamo di non decontestualizzare troppo, eh!
    • malto scrive:
      Re: I think there is a world market for...
      - Scritto da: attonito
      "I think there is a world market for maybe five
      computers" (Credo che il mercato mondiale sia
      forse di 5 computer) (attribuita a Thomas
      J.Watson,
      1943),

      quando i computer constavano milioni di dollari,
      consumavano come mezza citta' e occupavano 4
      stanze, chi cavolo poteva usarli se non
      universita, industrie e
      militari?

      cerchiamo di non decontestualizzare troppo, eh!fa il giornalista, non deve necessariamente capire quello che scrive... :D
      • FDG scrive:
        Re: I think there is a world market for...
        - Scritto da: malto

        cerchiamo di non decontestualizzare troppo, eh!
        fa il giornalista, non deve necessariamente
        capire quello che scrive...
        :DCerto, era la parte più importante del discorso. Anzi, senza questo le tesi dell'articolo mancano di base.Ma fatemi il piacere!
        • malto scrive:
          Re: I think there is a world market for...
          - Scritto da: FDG
          - Scritto da: malto



          cerchiamo di non decontestualizzare
          troppo,
          eh!

          fa il giornalista, non deve necessariamente

          capire quello che scrive...

          :D

          Certo, era la parte più importante del discorso.
          Anzi, senza questo le tesi dell'articolo mancano
          di
          base.

          Ma fatemi il piacere!infati poteva tranquillamente EVITARLA :D
          • grubbolo scrive:
            Re: I think there is a world market for...
            - Scritto da: malto
            infati poteva tranquillamente EVITARLA :DEra solo un esempio... ma capisco che sei solo un forumista di PI, non devi necessariamente capire l'Italiano...E comunque con l'avvento del cloud la frase assume un nuovo significatohttp://battellemedia.com/archives/2011/09/maybe_there_really_will_only_be_five_computers.php
        • enriker scrive:
          Re: I think there is a world market for...
          il computer è un strumento nato per migliorare la vita dell'uomo..Mica tutti devono saperlo programmare...Certo però non si devono bloccare quando non trovano più l'icona sul desktop o devono saper instalalre i programmi e comprare in modo consapevole (perchè in questo caso vuol dire non sapere usare lo strumento)Credo che i tablet/pad saranno più avanzati in futuro e i dispotivi touchscreen sostituiranno i tradizionali computerUna pad è computer l'hardware (non la grandezza o la forma) rispecchia la base di qualsiasi computer ovviamente per ora sono ancora poco potenti e dipendono ancora molto dai computer "tradizionali"...
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: I think there is a world market for...
            - Scritto da: enriker
            il computer è un strumento nato per migliorare la
            vita dell'uomo..Mica tutti devono saperlo
            programmare...Certo però non si devono bloccare
            quando non trovano più l'icona sul desktop o
            devono saper instalalre i programmi e comprare in
            modo consapevole (perchè in questo caso vuol dire
            non sapere usare lo
            strumento)

            Credo che i tablet/pad saranno più avanzati in
            futuro e i dispotivi touchscreen sostituiranno i
            tradizionali
            computer

            Una pad è computer l'hardware (non la grandezza o
            la forma) rispecchia la base di qualsiasi
            computer ovviamente per ora sono ancora poco
            potenti e dipendono ancora molto dai computer
            "tradizionali"...In futuro le possibilità potrebbero essere ancora più interessanti: pensa ad uno smartphone (magari con Windows Phone OS) che, collegato ad un dock che lo collega ad un monitor da 2x pollici ed un mouse ed una tastiera (oltre che tutte le periferiche possibili ed immaginabili), lo fa diventare un vero e proprio pc: collegato al dock il desktop cambierebbe diventando simile a quello di Windows attuale, ed anche il comportamento dei programmi installati cambierebbe (se ovviamente gli sviluppatori avessero implementato la doppia tipologia di input, touch e con mouse + tastiera). Il dock potrebbe ospitare l'alloggiamento per hard disk, porte usb, lettori di schede di memoria...Ovviamente questa è una delle possibilità che il futuro ci potrebbe offrire, tutto dipenderà da quello che proporranno i produttori, e da come risponderà il pubblico!
          • Prozac scrive:
            Re: I think there is a world market for...
            - Scritto da: Mela avvelenata
            In futuro le possibilità potrebbero essere ancora
            più interessanti: pensa ad uno smartphone (magari
            con Windows Phone OS) che, collegato ad un dock
            che lo collega ad un monitor da 2x pollici ed un
            mouse ed una tastiera (oltre che tutte le
            periferiche possibili ed immaginabili), lo fa
            diventare un vero e proprio pc: collegato al dock
            il desktop cambierebbe diventando simile a quello
            di Windows attuale, ed anche il comportamento dei
            programmi installati cambierebbe (se ovviamente
            gli sviluppatori avessero implementato la doppia
            tipologia di input, touch e con mouse +
            tastiera). Il dock potrebbe ospitare
            l'alloggiamento per hard disk, porte usb, lettori
            di schede di
            memoria...
            Ovviamente questa è una delle possibilità che il
            futuro ci potrebbe offrire, tutto dipenderà da
            quello che proporranno i produttori, e da come
            risponderà il
            pubblico!Windows 8 sembra andare in quella direzione.
          • iii scrive:
            Re: I think there is a world market for...
            Come il Motorola Atrix?
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: I think there is a world market for...
            - Scritto da: iii
            Come il Motorola Atrix?Anche meglio, pensavo! Comunque sì, il modello sarebbe quello!
    • sadness with you scrive:
      Re: I think there is a world market for...
      - Scritto da: attonito
      "I think there is a world market for maybe five
      computers" (Credo che il mercato mondiale sia
      forse di 5 computer) (attribuita a Thomas
      J.Watson,
      1943),

      quando i computer constavano milioni di dollari,
      consumavano come mezza citta' e occupavano 4
      stanze, chi cavolo poteva usarli se non
      universita, industrie e
      militari?

      cerchiamo di non decontestualizzare troppo, eh!Il link porta alle "incorrect prediction" di wiki... se poi volete trolleggiare solo perché l'articolo parla bene dell'iPad, fate pure.
    • Lorenzo scrive:
      Re: I think there is a world market for...
      E ci voleva mezza giornata per punzonare una riga di codice :)
Chiudi i commenti