Vision Pro: iPad killer tra quattro generazioni?

Vision Pro: iPad killer tra quattro generazioni?

La prima versione del Vision Pro sembra ancora un prototipo (problemi hardware e software), ma le future generazioni potrebbero sostituire l'iPad.
Vision Pro: iPad killer tra quattro generazioni?
La prima versione del Vision Pro sembra ancora un prototipo (problemi hardware e software), ma le future generazioni potrebbero sostituire l'iPad.

Il Vision Pro potrebbe sostituire l’iPad nelle preferenze degli utenti, ma solo tra quattro generazioni. Questa è la previsione di Mark Gurman, noto giornalista di Bloomberg. Oltre alla questione prezzo (3.499 dollari), Apple dovrà prima risolvere vari problemi hardware e software. La prima versione del visore sembra ancora un prototipo.

Vision Pro: iPad killer in futuro?

Quando è stato lanciato il primo iPad nel 2010, Apple ha sottolineato che si possono avere le stesse funzionalità dell’iPhone su uno schermo più grande. Successivamente, l’azienda di Cupertino ha aggiunto diverse funzionalità desktop e accessori, quindi il tablet è stato posizionato come un’alternativa ai Mac. Questa strategia di marketing non ha avuto molto successo, per cui l’iPad è finito nel limbo.

Secondo Mark Gurman, il Vision Pro potrebbe cannibalizzare l’iPad. Il visore può essere sfruttato per lo streaming video, inviare email, visualizzare foto, giocare ed eseguire alcune attività lavorative. Ma attualmente non è un dispositivo da usare tutti i giorni.

Apple deve risolvere vari problemi hardware e software. Il Vision Products Group crede che serviranno almeno quattro generazioni per raggiungere la perfezione (o quasi). Dopo test approfonditi, Gurman ha notato che l’uso del visore con la fascia Solo Knit Band non è confortevole (il peso non è bilanciato), mentre la batteria esterna offre un’autonomia troppo bassa (circa due ore). Le immagini generate dalle fotocamere passthrough non sono molto nitide e il tracciamento degli occhi non funziona sempre.

Sul lato software ci sono più limitazioni, tra cui il numero ridotto delle app. Quelle per iPad non supportano perfettamente il tracciamento degli occhi, mentre alcune app native hanno diversi bug. Due app di Apple (Mail e Calendar) non sono ottimizzate per Vision Pro. Le app sulla schermata home non possono essere organizzare e non è possibile creare cartelle.

In definitiva, la prima generazione sembra ancora un prototipo, ma in futuro il Vision Pro potrebbe sostituire l’iPad.

Fonte: Bloomberg
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 12 feb 2024
Link copiato negli appunti