Vista? Ci preoccupa un po'

Ne parla un esperto di sicurezza Cisco, secondo cui alcuni aspetti dell'imminente sistema operativo di Microsoft sollevano delle preoccupazioni

Roma – Con l’avvicinarsi del suo lancio e il moltiplicarsi dei dettagli, Windows Vista è sempre più spesso al centro delle attenzioni del mondo ICT e capita così che se ne parli anche sul fronte sicurezza dove, secondo un esperto Cisco, ci sarebbero preoccupazioni .

Ad un summit organizzato da Gartner, Bob Gleichauf, CTO della divisione sicurezza di Cisco, ha dichiarato che “alcune parti di Vista mi spaventano. Qualsiasi cosa con quel livello di complessità sarà target di nuove minacce, e di nuove soluzioni. È sempre una fatica nella sicurezza cercare di proteggere ciò che non conosci”.

Secondo Gleichauf, anche intervistato da ZDnet UK, Vista è destinato a giocare un ruolo a due facce: da un lato apporterà una serie di soluzioni utili alla sicurezza e dall’altro potrà portare a nuove minacce. “Vista – ha spiegato – risolverà molti problemi ma per ogni azione c’è una reazione, nonché effetti collaterali imprevisti e mutazioni. Le reti possono farsi più scivolose, pur senza volerlo”.

Alle aziende l’esperto consiglia di adottare Vista gradatamente, lasciando che gli ambienti operativi utilizzati siano eterogenei almeno per un certo periodo.

Sulla sicurezza di Windows Vista vedi anche lo speciale di Punto Informatico.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!


    Vero, ma soprattutto a cosa portano questi
    progetti? Sono decenni che buttano milioni in
    acceleratori di particelle, sincrominchie, petoni
    fotonici... ma a che cosa servono? Chi se ne
    frega del bosone, del quark.

    I risultati delle ricerche devono essere
    verificabili oggettivamenti (con questo faccio
    quest'altr) e avere un'applicazione pratica (lo
    faccio ora, non tra 50 anni di ricerche).Esatto!è quello che dicevano nel 1850 ai poveri fisici che studiavano l'elettricità e che facevano solo dei miseri fuochi d'artificio con le scariche elettriche....e poi scusa è proprio al CERN, la patria degli acceleratori e dei neutrini, che è nato il web...
    Quando avremo sistemato tutto il sistemabile e la
    vita dell'uomo di tutti i giorni sara'
    accettabile andremo a studiare il resto.
    Non pensi forse che la vita oggi sia bruttina a causa delle guerre e a causa di chi NON VUOLE fare un minimo di ricerca utile (energie rinnovabili, superconduttori, fusione controllata, ecc...)? Tutta la ricerca, sia quella applicata che quella di base. è necessaria per risolvere i problemi di oggi e di domani.
    • Anonimo scrive:
      Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
      - Scritto da:





      Vero, ma soprattutto a cosa portano questi

      progetti? Sono decenni che buttano milioni in

      acceleratori di particelle, sincrominchie,
      petoni

      fotonici... ma a che cosa servono? Chi se ne

      frega del bosone, del quark.



      I risultati delle ricerche devono essere

      verificabili oggettivamenti (con questo faccio

      quest'altr) e avere un'applicazione pratica (lo

      faccio ora, non tra 50 anni di ricerche).

      Esatto!
      è quello che dicevano nel 1850 ai poveri fisici
      che studiavano l'elettricità e che facevano solo
      dei miseri fuochi d'artificio con le scariche
      elettriche....
      e poi scusa è proprio al CERN, la patria degli
      acceleratori e dei neutrini, che è nato il
      web...Veramente ARPANet ed il Web sono nati negli USA.

      Quando avremo sistemato tutto il sistemabile e
      la

      vita dell'uomo di tutti i giorni sara'

      accettabile andremo a studiare il resto.



      Non pensi forse che la vita oggi sia bruttina a
      causa delle guerre e a causa di chi NON VUOLE
      fare un minimo di ricerca utile (energie
      rinnovabili, superconduttori, fusione
      controllata, ecc...)? Tutta la ricerca, sia
      quella applicata che quella di base. è necessaria
      per risolvere i problemi di oggi e di
      domani.Sì, vabbè. Le solite risposte che lasciano il tempo che trovano del finto pacifismo. Non esiste ricerca che non sia uno spreco di tempo e soldi se non ha un'applicazione pratica in campo commerciale e/o bellico.
      • Anonimo scrive:
        Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
        - Scritto da:

        Veramente ARPANet ed il Web sono nati negli USA.Il Web no. destesto farlo ma copincollo da wikipedia."In realtà, l'idea del World Wide Web, così come lo si conosce oggi, era nata due anni prima, nel 1989, presso il CERN di Ginevra (Conseil Européen pour la Recherche Nucléaire, il più importante laboratorio di Fisica in Europa)."

        Sì, vabbè. Le solite risposte che lasciano il
        tempo che trovano del finto pacifismo. Non esiste
        ricerca che non sia uno spreco di tempo e soldi
        se non ha un'applicazione pratica in campo
        commerciale e/o
        bellico.In più persone ti hanno già fatto notare (assumo che tu sia lo stesso che ha più volte espresso un parere simile durante il thread) che parte della fisica teorica, della matematica e, aggiungo, delle scienze sociali siano state concepite proprio senza scopi bellici o altre menate.NmrPS: Finti pacifisti?
  • Anonimo scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
    Ragioni male.L'obiettivo del GRID è produrre tecnologie utili ed applicabili anche a lungo termine. Per questo è stato fatto l'esempio di AUDI.Si parla di tecnologie condivise ed ottimizzate. Ora come ora ogni industria sviluppa un proprio sistema di calcolo con conseguente spreco di risorse. L'obiettivo di GRID è di unificare questo sforzo.La mentalità italiana secondo la quale i soldi investiti nella ricerca sono soldi nelle tasche dei baroni universiari deve sparire. Il ragionamento non deve essere "non diamo soldi perchè tanto li sprecano". Il fatto che i fondi per la ricerca siano utili è fuori discussione, il dibattito si deve spostare su come supervisionare e certificare che i fondi stanziati vengano usati propriamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
      - Scritto da:
      Ragioni male.
      L'obiettivo del GRID è produrre tecnologie utili
      ed applicabili anche a lungo termine. Per questo
      è stato fatto l'esempio di
      AUDI.
      Si parla di tecnologie condivise ed ottimizzate.
      Ora come ora ogni industria sviluppa un proprio
      sistema di calcolo con conseguente spreco di
      risorse. L'obiettivo di GRID è di unificare
      questo
      sforzo.

      La mentalità italiana secondo la quale i soldi
      investiti nella ricerca sono soldi nelle tasche
      dei baroni universiari deve sparire. Il
      ragionamento non deve essere "non diamo soldi
      perchè tanto li sprecano". Il fatto che i fondi
      per la ricerca siano utili è fuori discussione,
      il dibattito si deve spostare su come
      supervisionare e certificare che i fondi
      stanziati vengano usati
      propriamente.Non vanno dati, ecco come si fa. Negli USA, UK, Australia, Giappone lo Stato finanzia progetti che hanno applicazioni pratiche per servizi segreti e militari, industria bellica e così via. Non esiste la ricerca senza fini pratici, e dove la si fa, come in Italia ed UE, è inutile e non produce risultati. A parte fantomatiche scoperte con annunci mezzi stampa di questo o quel gruppo che vuole apparire per avere altri finanziamenti pubblici, il rinnovo dei contratti, e che sistematicamente afferma che la grande scoperta "è vicina all'uso pratico ma richiede ancora anni di test" .. ehhh!
      • Anonimo scrive:
        Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Ragioni male.

        L'obiettivo del GRID è produrre tecnologie utili

        ed applicabili anche a lungo termine. Per questo

        è stato fatto l'esempio di

        AUDI.

        Si parla di tecnologie condivise ed ottimizzate.

        Ora come ora ogni industria sviluppa un proprio

        sistema di calcolo con conseguente spreco di

        risorse. L'obiettivo di GRID è di unificare

        questo

        sforzo.



        La mentalità italiana secondo la quale i soldi

        investiti nella ricerca sono soldi nelle tasche

        dei baroni universiari deve sparire. Il

        ragionamento non deve essere "non diamo soldi

        perchè tanto li sprecano". Il fatto che i fondi

        per la ricerca siano utili è fuori discussione,

        il dibattito si deve spostare su come

        supervisionare e certificare che i fondi

        stanziati vengano usati

        propriamente.

        Non vanno dati, ecco come si fa. Negli USA, UK,
        Australia, Giappone lo Stato finanzia progetti
        che hanno applicazioni pratiche per servizi
        segreti e militari, industria bellica e così via.
        Non esiste la ricerca senza fini pratici, e dove
        la si fa, come in Italia ed UE, è inutile e non
        produce risultati. A parte fantomatiche scoperte
        con annunci mezzi stampa di questo o quel gruppo
        che vuole apparire per avere altri finanziamenti
        pubblici, il rinnovo dei contratti, e che
        sistematicamente afferma che la grande scoperta
        "è vicina all'uso pratico ma richiede ancora anni
        di test" ..
        ehhh!Che scatole. Per l'ennesima volta butti giù queste panzane che denotano la tua scarsa competenza in materia e non rispondi a chi ti fa notare quanto quello che dici non è vero.Ma allora sei proprio un troll
    • Anonimo scrive:
      Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
      - Scritto da:
      Ragioni male.
      L'obiettivo del GRID è produrre tecnologie utili
      ed applicabili anche a lungo termine. Per questo
      è stato fatto l'esempio di
      AUDI.
      Si parla di tecnologie condivise ed ottimizzate.
      Ora come ora ogni industria sviluppa un proprio
      sistema di calcolo con conseguente spreco di
      risorse. L'obiettivo di GRID è di unificare
      questo
      sforzo.

      La mentalità italiana secondo la quale i soldi
      investiti nella ricerca sono soldi nelle tasche
      dei baroni universiari deve sparire. Il
      ragionamento non deve essere "non diamo soldi
      perchè tanto li sprecano". Il fatto che i fondi
      per la ricerca siano utili è fuori discussione,
      il dibattito si deve spostare su come
      supervisionare e certificare che i fondi
      stanziati vengano usati
      propriamente.Totalmente d'accordo.Sottoscrivo. :) :) :)
  • Anonimo scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!

    Sì, vabbè. Continua con la tua mentalità che lo
    stato URSS è bello e bravo e tutto funziona
    mentre il privato è il cattivone che così
    sicuramente andiamo a finire nel cesso tutti
    quanti..
    bhà!Giustissimo, parole sante!Perchè non dai uno schiaffo morale ai comunisti stanziando proprio tu i fondi necessari al progetto?
    • Anonimo scrive:
      Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
      - Scritto da:

      Sì, vabbè. Continua con la tua mentalità che lo

      stato URSS è bello e bravo e tutto funziona

      mentre il privato è il cattivone che così

      sicuramente andiamo a finire nel cesso tutti

      quanti..

      bhà!
      Giustissimo, parole sante!
      Perchè non dai uno schiaffo morale ai comunisti
      stanziando proprio tu i fondi necessari al
      progetto?Se avessi i fondi farei ricerca nelle mie industrie e poi venderei i risultati, come è giusto che sia.
  • Anonimo scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
    - Scritto da:

    Il privato ci vuole guadagnare, vuole la villa
    in

    sardegna, la macchinona, la velina. Mica può

    spendere un patrimonio per migliorare i servizi.

    Meglio spendere di meno e guadagnare di

    più!

    Sì, vabbè. Continua con la tua mentalità che lo
    stato URSS è bello e bravo e tutto funziona
    mentre il privato è il cattivone che così
    sicuramente andiamo a finire nel cesso tutti
    quanti..
    bhà!Trovami una ditta di capitali che abbia uno scopo diverso da fare profitti o dividendi. Strano atteggiamento quello tuo che attribuisci doti di moralità a persone giuridiche. Attribuisci caratteristiche umane anche alle macchine da caffé, orlogi, cellulari, etc ?
    • Anonimo scrive:
      Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
      - Scritto da:

      - Scritto da:


      Il privato ci vuole guadagnare, vuole la villa

      in


      sardegna, la macchinona, la velina. Mica può


      spendere un patrimonio per migliorare i
      servizi.


      Meglio spendere di meno e guadagnare di


      più!



      Sì, vabbè. Continua con la tua mentalità che lo

      stato URSS è bello e bravo e tutto funziona

      mentre il privato è il cattivone che così

      sicuramente andiamo a finire nel cesso tutti

      quanti..

      bhà!

      Trovami una ditta di capitali che abbia uno scopo
      diverso da fare profitti o dividendi. Strano
      atteggiamento quello tuo che attribuisci doti di
      moralità a persone giuridiche. Attribuisci
      caratteristiche umane anche alle macchine da
      caffé, orlogi, cellulari, etc
      ?E tu lo attribuisci agli Stati ed ai finanziamenti pubblici con le tasse dei cittadini? Non fa una piega..
      • Anonimo scrive:
        Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
        - Scritto da:

        - Scritto da:



        - Scritto da:



        Il privato ci vuole guadagnare, vuole la
        villa


        in



        sardegna, la macchinona, la velina. Mica può



        spendere un patrimonio per migliorare i

        servizi.



        Meglio spendere di meno e guadagnare di



        più!





        Sì, vabbè. Continua con la tua mentalità che
        lo


        stato URSS è bello e bravo e tutto funziona


        mentre il privato è il cattivone che così


        sicuramente andiamo a finire nel cesso tutti


        quanti..


        bhà!



        Trovami una ditta di capitali che abbia uno
        scopo

        diverso da fare profitti o dividendi. Strano

        atteggiamento quello tuo che attribuisci doti di

        moralità a persone giuridiche. Attribuisci

        caratteristiche umane anche alle macchine da

        caffé, orlogi, cellulari, etc

        ?

        E tu lo attribuisci agli Stati ed ai
        finanziamenti pubblici con le tasse dei
        cittadini? Non fa una
        piega..Io non attribuisco moralità allo stato, ma lo scopo ultimo di uno stato converrai con me che non è fare profitto.
        • Anonimo scrive:
          Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:





          - Scritto da:




          Il privato ci vuole guadagnare, vuole la

          villa



          in




          sardegna, la macchinona, la velina. Mica
          può




          spendere un patrimonio per migliorare i


          servizi.




          Meglio spendere di meno e guadagnare di




          più!







          Sì, vabbè. Continua con la tua mentalità che

          lo



          stato URSS è bello e bravo e tutto funziona



          mentre il privato è il cattivone che così



          sicuramente andiamo a finire nel cesso tutti



          quanti..



          bhà!





          Trovami una ditta di capitali che abbia uno

          scopo


          diverso da fare profitti o dividendi. Strano


          atteggiamento quello tuo che attribuisci doti
          di


          moralità a persone giuridiche. Attribuisci


          caratteristiche umane anche alle macchine da


          caffé, orlogi, cellulari, etc


          ?



          E tu lo attribuisci agli Stati ed ai

          finanziamenti pubblici con le tasse dei

          cittadini? Non fa una

          piega..

          Io non attribuisco moralità allo stato, ma lo
          scopo ultimo di uno stato converrai con me che
          non è fare
          profitto.Non convengo. Perchè lo Stato deve andare in perdita sugli investimenti che fa ? Sono soldi dei cittadini, è giusto buttarli nel cesso ?
          • Anonimo scrive:
            Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!


            Non convengo. Perchè lo Stato deve andare in
            perdita sugli investimenti che fa ?Perché ha altri obiettivi: il benessere (almeno in linea ideal-welfaristica) della popolazione intera.
            Sono soldi
            dei cittadini, è giusto buttarli nel cesso
            ?I fondi che lo stato finanzia per il supporto ai bambini down, ad esempio, un'azienda che pensa al profitto non li spenderebbe mai.Nmr
  • bitstorm scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!

    La tecnologia GSM si è sviluppata per interessi
    commerciali da parte delle multinazionali.
    Si si lo so,non misono spiegato bene. Io l'ho citata solo come esmpio di tecnologia in cui l'europa ha assunto una leadership indiscussa.Rimane però il fatto che se lo stato non investisse in progetti d'avanguardia come è stata internet fino agli anni 80, le aziende non lo faranno mai, perchè non si possono più permettere investimenti con rendite a lungo o lunghissimo termine (5-6 anni). In questo momento soltanto con il denaro pubblico si può creare una piattaforma tecnologica di partenza per il Grid Computing creando infrastrutture e software di supporto (ossia il Linux "speciale"). Questa fase è per sua natura non reditizzia e nessun privato ci investirebbe mai, ma se la grana la caccia lo stato le aziende secondo me cominciano a farci un pensierino e a seguire l'andazzo (magari dicendo la loro opinione...) per essere pronte quando la piattaforma sarà pronta e disponibile.Non sarebbe male se nascesse una nuova Nokia nel campo del grid computing, no?
  • Anonimo scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!

    Sì, vabbè. Continua con la tua mentalità che lo
    stato URSS è bello e bravo e tutto funziona
    mentre il privato è il cattivone che così
    sicuramente andiamo a finire nel cesso tutti
    quanti..
    bhà!Guarda che io non sono di sinistra e solo che ho un cervello e mi piace usarlo.
  • Anonimo scrive:
    linux e java
    con os linux a e nuove vm java (utilizzabili entrambi anche a 64bit) il ditributed computing diventerà una realtà strategica per la UE 8)
    • bitstorm scrive:
      Re: linux e java
      - Scritto da:
      con os linux a e nuove vm java (utilizzabili
      entrambi anche a 64bit) il ditributed computing
      diventerà una realtà strategica per la UE
      8)Quoto, quoto, quoooootooo!
    • Anonimo scrive:
      Re: linux e java
      - Scritto da:
      con os linux a e nuove vm java (utilizzabili
      entrambi anche a 64bit) il ditributed computing
      diventerà una realtà strategica per la UE
      8)java... sse...(rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: linux e java
        W il Grid (cluster knoppix, mosix e mille altre sono a disposizione x una overview....)quello che mi fa paura è il sentire della gente...La mia esperienza al riguardo è di profonda diffidenza...Cmq sia grazie Europa,Sion
    • Anonimo scrive:
      Re: linux e java

      con os linux a e nuove vm java (utilizzabili
      entrambi anche a 64bit) il ditributed computingJAVA???(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: linux e java

        JAVA???
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)bel commento costruttivo :-o..ma beata la tua ignoranza(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: linux e java


          JAVA???

          (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)

          bel commento costruttivo :-oOk, riproviamo:java va forse bene per programmare i tostapane (che è il motivo della sua creazione)Adesso ti è chiaro il concetto? :D
          • Anonimo scrive:
            Re: linux e java
            - Scritto da:


            JAVA???


            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)



            bel commento costruttivo :-o
            Ok, riproviamo:
            java va forse bene per programmare i tostapane
            (che è il motivo della sua
            creazione)
            Adesso ti è chiaro il concetto? :D Tu si che hai capito tutto
          • Anonimo scrive:
            Re: linux e java
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            JAVA???



            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)





            bel commento costruttivo :-o

            Ok, riproviamo:

            java va forse bene per programmare i tostapane

            (che è il motivo della sua

            creazione)

            Adesso ti è chiaro il concetto? :D

            Tu si che hai capito tuttoLeggi e impara:http://ei.cs.vt.edu/book/chap1/java_hist.html
          • Anonimo scrive:
            Re: linux e java

            Leggi e impara:
            http://ei.cs.vt.edu/book/chap1/java_hist.html...non ho trovato la parte che parla dei tostapane...
          • Anonimo scrive:
            Re: linux e java


            http://ei.cs.vt.edu/book/chap1/java_hist.html

            ...non ho trovato la parte che parla dei
            tostapane...Scusa, ricordavo male; elettrodomestici era la parola giusta :D
          • Anonimo scrive:
            Re: linux e java
            - Scritto da:
            java va forse bene per programmare i tostapane
            (che è il motivo della sua
            creazione)"Tostapane" é un termine razzista per indicare i Cylon e no, non siamo programmati in Java.By your command. (cylon)
          • Anonimo scrive:
            Re: linux e java
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            java va forse bene per programmare i tostapane

            (che è il motivo della sua

            creazione)

            "Tostapane" é un termine razzista per indicare i
            Cylon e no, non siamo programmati in
            Java.

            By your command. (cylon)Borg ? Dalek ? Cyberman ? Non sai chi sei ? Ti sei perso ? Rottamazione a tasso 0 .... (cylon)
    • Anonimo scrive:
      Re: linux e java
      - Scritto da:
      con os linux a e nuove vm java (utilizzabili
      entrambi anche a 64bit) il ditributed computing
      diventerà una realtà strategica per la UE
      8)Quanto sei scemo.http://folding.stanford.edu/italian/FAQ-PS3.htmlpensa a quanti milioni di SuperComputer ci saranno in giro :D tutti connessi.http://boinc.bakerlab.org/rosetta/forum_thread.php?id=2186&sort=timestamp_asc(anonimo)
  • Anonimo scrive:
    Un solo GRID
    UE ma vaffanculo.Esiste un commissario per la Società dell'informazione. Ma cos'è? Sbaglio o mi ricorda qualche funzionario del "1984" prossimo venturo.
  • Anonimo scrive:
    Bene! anzi, Benissimo!
    molto bene, sono molto soddisfatto di questa notizia...ora aspetto solo l'OpenGRID per l'acceso di tutti i terminali e, finalmente, non avrà più senso di parlare di "velocità del processore" e amenità del genere...molto bene, il Wired i avvicina... (speriamo solo di non estinguerci prima...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene! anzi, Benissimo!
      - Scritto da:
      molto bene, sono molto soddisfatto di questa
      notizia...
      ora aspetto solo l'OpenGRID per l'acceso di tutti
      i terminali e, finalmente, non avrà più senso di
      parlare di "velocità del processore" e amenità
      del
      genere...

      molto bene, il Wired i avvicina...


      (speriamo solo di non estinguerci prima...) Straquoto!
      • Anonimo scrive:
        Re: Bene! anzi, Benissimo!
        Se vuoi gia oggi puoi vederlo con una live cd clusterKnoppix...Funzionale ma ruvida nella versione base permette tramite patch o tue esigenze molte cose interessanti...Sion
  • Anonimo scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
    - Scritto da:
    Ma perchè l' UE deve finanziare 'sta roba ?
    Perchè devono usare i soldi delle nostre tasse
    per queste cose ? E' vero, e questa è solo una goccia nell'acquaquisquiglie e pinzillacchere, poco piu dicento milioni di euro in anni, una sommetta quasi da ridere: pensa alledecine di miliardi che le PA europee buttanoin software di bill gates tutti gli anni echiediti cosa si potrebbe fare con DIECIMILIARI di euro l'anno se non andasserocacciati in robaccia supercostosa per foraggiare un monopolio extraeuropeopluricondannato. E' vero, un vero scandalo,alla faccia di precari, disoccupati, malati non curati, anziani non assistiti, diversabiliignorati, etc. Dobbiamo ribellarci ! Elemosine di miliardi nelle tasche dei super ricchi !Ecco dove finiscono le tasse !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
      - Scritto da:
      - Scritto da:

      Ma perchè l' UE deve finanziare 'sta roba ?

      Perchè devono usare i soldi delle nostre tasse

      per queste cose ?

      E' vero, e questa è solo una goccia nell'acqua
      quisquiglie e pinzillacchere, poco piu di
      cento milioni di euro in anni, una sommetta quasi
      da ridere: pensa
      alle
      decine di miliardi che le PA europee buttano
      in software di bill gates tutti gli anni e
      chiediti cosa si potrebbe fare con DIECI
      MILIARI di euro l'anno se non andassero
      cacciati in robaccia supercostosa per
      foraggiare un monopolio extraeuropeo
      pluricondannato. E' vero, un vero scandalo,
      alla faccia di precari, disoccupati, malati non
      curati, anziani non assistiti,
      diversabili
      ignorati, etc. Dobbiamo ribellarci ! Elemosine di
      miliardi nelle tasche dei super ricchi
      !
      Ecco dove finiscono le tasse !!!la spesa software è trascurabile.Sono le risorse umane la quasi totalità della spesa
      • nattu_panno_dam scrive:
        Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
        Beh, anche il cacciavitaro deve vivere, pero' sarebbe anche ora di dare lavoro ai sistemisti e di pagarli un po' di piu' della donna delle pulizie. Eliminando il closed, ti trovi gli stessi costi, ma personale molto piu' competente e una miriade di soluzioni senza sborsare inutilmente ogni volta $cifroni in sw proprietario, dato che il sistemista puo' arrangiarsi. Mandiamo in pensione i cacciavitari!
        • Anonimo scrive:
          Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
          - Scritto da: nattu_panno_dam
          Beh, anche il cacciavitaro deve vivere, pero'
          sarebbe anche ora di dare lavoro ai sistemisti e
          di pagarli un po' di piu' della donna delle
          pulizie. Eliminando il closed, ti trovi gli
          stessi costi, ma personale molto piu' competente
          e una miriade di soluzioni senza sborsare
          inutilmente ogni volta $cifroni in sw
          proprietario, dato che il sistemista puo'
          arrangiarsi. Mandiamo in pensione i
          cacciavitari!Certo certo, facciamo debuggare openoffice al sistemista... dopo due mesi ha capito dove sta il main.
  • Anonimo scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
    - Scritto da:
    Ma perchè l' UE deve finanziare 'sta roba ?
    Perchè devono usare i soldi delle nostre tasse
    per queste cose ? In Italia i privati non fanno ricerca ed ora non deve farla nemmeno lo stato? Vogliamo entrare a far parte dell'africa nel giro di un anno?
  • Anonimo scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!

    hai mai visto un privato finanziare qualcosa che
    non gli porti piu soldi di quello che spende? lo
    sai perchè tante malattie sono ancora incurabili?
    perchè sviluppare una ricerca su di loro non è
    conveniente per le case farmaceutiche perchè sono
    poco numerose e non danno ritorno. Se poi ti
    informi sui paesi che citi vedrai che non è
    proprio
    cosisoldi che si perdono.Ci giurerei che metà di quei fondi finiscono in strane tasche
  • Anonimo scrive:
    Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!

    Bravi, pero adesso a nanna,
    il GRID computing è cosa da grandi...

    Meno male che ogni tanto si sente di stanziamenti
    per la ricerca pura ed
    applicata.

    Salutoniricerca statale:lo stato stanzia dei soldi di cui metà va nelle tasche del responsabile e l'altra per progetti di dubbia utilità inventati da chi organizza questi gruppi. Controlla le parentele, spesso nei gruppi che decidono a chi dare i fondi si trovano amici e parenti.Nel settore di ricerca universitario italiano girano tante belle storielle. Preferisco che i soldi li stanziano i privati, ci tengono di più che i progetti vadano a buon fine ed in caso di favori ad amici non ci perdo di tasca mia
    • tosky scrive:
      Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
      Da dottorando su argomenti di Grid Computing posso dire che si tratta di un'ottima notizia. Le ricadute sul lungo termine di questi investimenti sono ottime, sia per la ricerca ma anche per l'industria. Una volta tanto in Italia non siamo messi male.Date uno sguardo a progetti grandi (come EGEE, http://public.eu-egee.org/) o piccoli (come TriGrid, http://www.trigrid.it), guardate gli obiettivi e le potenzialità, prima di sparare a zero...
      • Anonimo scrive:
        Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
        - Scritto da: tosky
        Da dottorando su argomenti di Grid Computing
        posso dire che si tratta di un'ottima notizia. Le
        ricadute sul lungo termine di questi investimenti
        sono ottime, sia per la ricerca ma anche per
        l'industria.

        Una volta tanto in Italia non siamo messi male.
        Date uno sguardo a progetti grandi (come EGEE,
        http://public.eu-egee.org/) o piccoli (come
        TriGrid, http://www.trigrid.it), guardate gli
        obiettivi e le potenzialità, prima di sparare a
        zero...io ho sentito una bella storia. La storia di un ricercatore che ha chiesto ingenti fondi per poi presentare solo una relazione scritta.Non posso andare oltre per non passare guai ma sono spariti molti soldini. E questo non è un caso isolato
        • tosky scrive:
          Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
          - Scritto da:
          io ho sentito una bella storia. La storia di un
          ricercatore che ha chiesto ingenti fondi per poi
          presentare solo una relazione
          scritta.
          Non posso andare oltre per non passare guai ma
          sono spariti molti soldini. E questo non è un
          caso isolatoNe sono consapevole, ma è un buon motivo per eliminare questi progetti? In questo caso ci sono investimenti infrastrutturali da fare. Per quello che conosco io, ad esempio, tra le applicazioni della griglia di EGEE ci sarà lo smazzamento dei dati di LHC(http://en.wikipedia.org/wiki/CERN#The_accelerator_of_the_future:_the_LHC)Come griglia computazionale (collezione di griglie più piccole) ovviamente potrà servire anche altri progetti. Meglio buttare via tutto? Credo di no. Forse è utopistico sperare in maggiori controlli, ma chiudere totalmente questi progetti per mancanza di finanzimenti vuol dire restare indietro in un settore dove per molti aspetti siamo (come Europa) stranamente davanti agli USA, nell'applicazione, al momento. Ci sono anche altri che incalzano (Giappone, e vari paesi emergenti...)
          • Anonimo scrive:
            Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
            ...ma
            chiudere totalmente questi progetti per mancanza
            di finanzimenti vuol dire restare indietro in un
            settore dove per molti aspetti siamo (come
            Europa) stranamente davanti agli USA...L'America è spesso avanti all'Europa solo perchè gli Europei vanno li perchè sanno di essere pagati...forse più della metà dei loro progetti di sviluppo ha radici Europee.
          • Anonimo scrive:
            Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!

            Meglio buttare via tutto? Credo di no. Forse è
            utopistico sperare in maggiori controlli, ma
            chiudere totalmente questi progetti per mancanza
            di finanzimenti vuol dire restare indietro in un
            settore dove per molti aspetti siamo (come
            Europa) stranamente davanti agli USA,
            nell'applicazione, al momento. Ci sono anche
            altri che incalzano (Giappone, e vari paesi
            emergenti...)Verissimo in Italia sul magna-magna siamo davanti a TUTTI!! :@
        • Anonimo scrive:
          Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!

          io ho sentito una bella storia. La storia di un
          ricercatore che ha chiesto ingenti fondi per poi
          presentare solo una relazione scritta.
          Non posso andare oltre per non passare guai ma
          sono spariti molti soldini.
          E questo non è un caso isolatoAnche io conosco e frequento parecchi ricercatori: più vogliono fare carriera e più tempo passano nei corridoi a chiacchierare per informarsi su tutto quello che succede, in modo da essere preparati a fare muro contro chi tenta di avanzare nei posti.Azione d'obbligo è 'sfregare' il professore di turno per ingraziarselo e poi si studia qualcosina a casa, la sera, solo se avanza tempo e voglia...
          In Italia i privati non fanno ricerca ed ora
          non deve farla nemmeno lo stato? Vogliamo
          entrare a far parte dell'africa nel giro di un anno?Sveglia! E' già da un pò di tempo che siamo parte dell'Africa, specie da quando i nostri politici promuovono così graziosamente l'Italia come 'meta del dolce far niente, tutto spesato' per tutti gli immigrati possibili!!
    • Anonimo scrive:
      Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
      - Scritto da:

      Bravi, pero adesso a nanna,

      il GRID computing è cosa da grandi...



      Meno male che ogni tanto si sente di
      stanziamenti

      per la ricerca pura ed

      applicata.



      Salutoni
      ricerca statale:
      lo stato stanzia dei soldi di cui metà va nelle
      tasche del responsabile e l'altra per progetti di
      dubbia utilità inventati da chi organizza questi
      gruppi. Controlla le parentele, spesso nei gruppi
      che decidono a chi dare i fondi si trovano amici
      e
      parenti.
      Nel settore di ricerca universitario italiano
      girano tante belle storielle.

      Preferisco che i soldi li stanziano i privati, ci
      tengono di più che i progetti vadano a buon fine
      ed in caso di favori ad amici non ci perdo di
      tasca
      miaI privati hanno quasi solo interesse a finanziare la ricerca applicata, ma i grossi salti della conoscenza arrivano quasi sempre dalla ricerca di base, che per forza di cose deve essere finanziata quasi in blocco dallo stato.
      • Anonimo scrive:
        Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
        - Scritto da:

        - Scritto da:


        Bravi, pero adesso a nanna,


        il GRID computing è cosa da grandi...





        Meno male che ogni tanto si sente di

        stanziamenti


        per la ricerca pura ed


        applicata.





        Salutoni

        ricerca statale:

        lo stato stanzia dei soldi di cui metà va nelle

        tasche del responsabile e l'altra per progetti
        di

        dubbia utilità inventati da chi organizza questi

        gruppi. Controlla le parentele, spesso nei
        gruppi

        che decidono a chi dare i fondi si trovano amici

        e

        parenti.

        Nel settore di ricerca universitario italiano

        girano tante belle storielle.



        Preferisco che i soldi li stanziano i privati,
        ci

        tengono di più che i progetti vadano a buon fine

        ed in caso di favori ad amici non ci perdo di

        tasca

        mia

        I privati hanno quasi solo interesse a finanziare
        la ricerca applicata, ma i grossi salti della
        conoscenza arrivano quasi sempre dalla ricerca di
        base, che per forza di cose deve essere
        finanziata quasi in blocco dallo
        stato.Che marea di cretinata. La ricerca che non ha applicazioni è una ricerca inutile fatta solo per far ingrassare dei presunti dotti che sanno solo vantarsi di esserlo pur non essendolo.
        • Anonimo scrive:
          Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
          - Scritto da:


          I privati hanno quasi solo interesse a
          finanziare

          la ricerca applicata, ma i grossi salti della

          conoscenza arrivano quasi sempre dalla ricerca
          di

          base, che per forza di cose deve essere

          finanziata quasi in blocco dallo

          stato.

          Che marea di cretinata. La ricerca che non ha
          applicazioni è una ricerca inutile fatta solo per
          far ingrassare dei presunti dotti che sanno solo
          vantarsi di esserlo pur non
          essendolo.Certo. La teorie della relatività sono state delle ricerche inutili. Goedel era un presunto dotto ingrassato. Darwin era un povero pirla che ha fatto una ricerca inutilissima. E si potrebbe continuare a lungo.Per curiosità, da che pulpito arriva questa predica?
    • Anonimo scrive:
      Re: I soldi delle nostre tasse.. sigh!
      Bravo, in Italia ricerca praticamente NON se ne fa, quindi siamo tutti contenti.
Chiudi i commenti