Vogliono prosciugare i torrent

L'industria del copyright vorrebbe che Mininova filtrasse contenuti e cittadini della rete, e vorrebbe che lo facesse a proprie spese. Mentre in Francia si condanna anche chi permette ai propri utenti di postare link a file torrent

Roma – Dovrebbe vigilare e rimuovere i contenuti protetti da copyright, dovrebbe impedire ai cittadini della rete di attingere a certi tracker torrent su cui si intessono traffici illegali di materiale scambiato senza l’autorizzazione del detentore dei diritti: quel che Mininova fa per scoraggiare le violazioni non basta all’industria dei contenuti.

A rivendicare un ruolo più attivo da parte del raccoglitore di file torrent è BREIN, organizzazione olandese che raccoglie l’intera industria dei contenuti. I gestori di Mininova erano stati avvertiti : pur non ospitando alcun tracker, pur limitandosi a indirizzare i cittadini della rete verso altri lidi, avrebbe dovuto innescare dei filtri per non essere considerata corresponsabile delle violazioni degli utenti.

Il processo a Mininova è in corso in Olanda, BREIN ha dettato le proprie condizioni. Per l’industria sarebbe evidente che Mininova agevoli le violazioni: il 92 per cento dei file torrent punterebbe a contenuti illegali e i gestori di Mininova trarrebbero vantaggio dall’interesse suscitato dai contenuti pirata piazzando pubblicità sulle pagine del sito. L’industria ha chiesto che Mininova scremi i propri collegamenti . Dovrebbe approntare un sistema automatico di filtri basati sui contenuti e sulle parole chiave usate per rintracciarli , implementarlo a proprie spese, e assicurare, con l’ausilio di queste “misure preventive”, che non si indirizzino gli utenti verso contenuti scambiati senza l’autorizzazione del detentore dei diritti. I gestori di Mininova si erano già attrezzati , era stata avviata una sperimentazione per tentare di comprendere quali fossero le strategie migliori da adottare per introdurre filtri e accontentare i detentori dei diritti. Ma l’industria vorrebbe di più , dai filtri e da Mininova.

Il servizio, secondo BREIN, dovrebbe impedire agli utenti di attingere a certi tracker: il tracker pubblico di The Pirate Bay sarebbe il primo della lista. Da Mininova dovrebbero inoltre essere esclusi gli uploader pregiudicati . BREIN chiama in causa aXXo a nome di tutti coloro che abbiano messo a disposizione file torrent che consentano di accedere a contenuti che violano il copyright: il servizio dovrebbe rimuovere gli account e tenere lontani gli indirizzi IP dei cittadini della rete che alimentano il sommerso.

La legale di Mininova ha sostenuto che il sito faccia già abbastanza: l’attuale sistema di filtering, a cui BREIN avrebbe rifiutato di collaborare, funzionerebbe egregiamente, senza la necessità di introdurre sistemi di rimozione basati sulle parole chiave che andrebbero a colpire contenuti pienamente legittimi. L’operato del team di admin sarebbe inoltre già sufficiente a garantire il takedown dei contenuti segnalati come illegali. Sarà la corte a decidere sul da farsi, in una sentenza che si attende per la metà del mese di luglio.

Ma Mininova non è l’unico punto di riferimento per lo sharing torrentizio ad essere in queste ore nel mirino dell’industria del copyright. La francese ALPA , Association de Lutte contre le Piratage Audiovisuel ha mobilitato la Gendarmerie Nationale per stanare 10 persone, operatori del tracker privato SnowTigers, al servizio di 250mila utenti, principalmente francesi. Non è chiaro se siano stati sequestrati dei server, probabilmente localizzati all’estero: l’industria minaccia in ogni caso di procedere all’identificazione di coloro che hanno alimentato il fluire di bit in violazione del diritto d’autore.

Ma non sembrano essere al sicuro nemmeno coloro si limitano ad animare il dibattito sullo sharing: l’amministratore del sito francese Torrentnews.net è stato condannato a sborsare quasi 20mila euro e rischia 4 mesi di carcere. La sua colpa? Torrentnews , oltre a diramare notizie e segnalazioni in materia di P2P, ospita un forum, nel quale gli utenti si sono scambiati link sgraditi all’industria dei contenuti. Ricorrerà in appello: l’industria non avrebbe mai chiesto all’amministratore di rimuovere i link, l’amministratore, che si considera un mero ospite di conversazioni fra cittadini della rete, non si è mai sentito in dovere di vigilare sui thread.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giuseppe Rossi scrive:
    Franceschini
    Vorrebbe fare un programma simile per le televisioni e bannare Berlusconi e soci da TV e Web.Questo per evitare il fatto che ormai quando parla, ha la bava alla bocca.
    • Monsieur Duball scrive:
      Re: Franceschini
      - Scritto da: Giuseppe Rossi
      Vorrebbe fare un programma simile per le
      televisioni e bannare Berlusconi e soci da TV e
      Web.

      Questo per evitare il fatto che ormai quando
      parla, ha la bava alla
      bocca.Ahahahahah, bella Giuseppe :)
  • Simone Ceriani scrive:
    Il vero motivo
    Tutte questioni politiche. Non tutti sanno che youtube stesso è gia bandito in cina e i vari provider ne impediscono l'acXXXXX. Il problema non è altro che storico/politico.
    • Simone Ceriani scrive:
      Re: Il vero motivo
      aggiungo: il XXXXX è solo una scusa
      • dovella scrive:
        Re: Il vero motivo
        aggiungo: non basta usare gli opendns e tor?
        • Anonymous scrive:
          Re: Il vero motivo
          TOR è troppo lento, ti passa la voglia di navigare
          • krane scrive:
            Re: Il vero motivo
            - Scritto da: Anonymous
            TOR è troppo lento, ti passa la voglia di navigareForse passa a te, che sei giovane e non hai mai usato altro che ADSL, vedrai che all'aumento della banda e dei controlli ti adatterai anche tu.
          • IgaRyu scrive:
            Re: Il vero motivo
            Bhe lenta: con una normalissima rete adsl io ho in piedi da anni un server tor e navigo senza grossi problemi.JC
        • pabloski scrive:
          Re: Il vero motivo
          purtroppo i dns di opendns sono bloccatiin ogni caso quel programma non serve, il governo cinese blocca lato providere poi non è vero che il software è imposto a livello governativo nè tantomeno prodotto per conto del governoè un software prodotto da un'azienda privata e fa nè più nè meno che quello che fanno i vari norton, mcafee, ecc...
          • Frank scrive:
            Re: Il vero motivo
            - Scritto da: pabloski
            purtroppo i dns di opendns sono bloccati

            in ogni caso quel programma non serve, il governo
            cinese blocca lato
            provider

            e poi non è vero che il software è imposto a
            livello governativo nè tantomeno prodotto per
            conto del
            governo

            è un software prodotto da un'azienda privata e fa
            nè più nè meno che quello che fanno i vari
            norton, mcafee,
            ecc...Non vi preoccupate piu' di tanto per i dissidenti cinesiche loro hanno l'appoggio di organizzazioni tecniche supportate direttamente dagli USA che gli danno la possibilita' di bypassare le censure...mediante appositi software...gli USA che sono una grande vera democrazia aiutano sempre i paesi oppressi dalla censura e dalle dittature... e si sa che in Cina hanno qualche problema in fatto di liberta'...il problema e' se la stessa cosa dovesse accadere in Italia...il vento di censura che spira in Italia e' preoccupante...!!!!
          • anon scrive:
            Re: Il vero motivo
            - Scritto da: Frank.gli USA
            che sono una grande vera democrazia aiutano
            sempre i paesi oppressi dalla censura e dalle
            dittatureE perché non aiutano noi?
          • Roberto scrive:
            Re: Il vero motivo
            e...gli USA
            che sono una grande vera democrazia aiutano
            sempre i paesi oppressi dalla censura e dalle
            dittature...ultimamente li aiutano si...ma suon di bombe!
  • Roberto scrive:
    la solita bufala...
    Come il precedente articolo sui fantomatici censori cinesi anche questo è falso!Il link dell'articolo porta ad un altro articolo di http://news.cnet.com che a sua volta riporta in maniera impropria quanto segnalato dal Wall Street Journal e cioè:
    • vampirla scrive:
      Re: la solita bufala...

      Quindi: il governo Cinese chiede che assieme ai
      Pc venga allegato un software per proteggere
      essenzialmente i bambini dall'uso improprio di
      internet, cioè dai siti XXXXX.....Sai che
      NOTIZIA!!!
      Beh, non e' una notizia da poco!!! Innanzitutto, cambia totalmente il senso rispetto alla notizia data da Punto Informatico (e questo non fa ovviamente notizia).Detta cosi' si tratta di un'iniziativa molto bella.
      • panda rossa scrive:
        Re: la solita bufala...
        - Scritto da: vamXXXXX

        Quindi: il governo Cinese chiede che assieme ai

        Pc venga allegato un software per proteggere

        essenzialmente i bambini dall'uso improprio di

        internet, cioè dai siti XXXXX.....Sai che

        NOTIZIA!!!


        Beh, non e' una notizia da poco!!! Innanzitutto,
        cambia totalmente il senso rispetto alla notizia
        data da Punto Informatico (e questo non fa
        ovviamente
        notizia).
        Detta cosi' si tratta di un'iniziativa molto
        bella.Peccato che da un sito di informazione tecnica come P.I. io mi aspetterei anche qualche informazione tecnica, del tipo se questo filtro agisce a livello di sistema operativo, o di firewall, o di router, o di provider.E in che modo l'elenco aggiornato dei siti "XXXXX" viene comunicato al sistema.E in che modo viene attivato/disattivato questo "parental control", perche' e' evidente che chi non ha figli piccoli in casa, magari su youporn ci vuole anche andare essendo adulto e vaccinato.
        • vampirla scrive:
          Re: la solita bufala...
          - Scritto da: panda rossa
          Peccato Gia', peccato
          che da un sito di informazione tecnica
          come P.I. Really ???
          io mi aspetterei anche qualche
          informazione tecnica, del tipo se questo filtro
          agisce a livello di sistema operativo, o di
          firewall, o di router, o di
          provider.
          Beh, si
          E in che modo l'elenco aggiornato dei siti
          "XXXXX" viene comunicato al
          sistema.Beh, si
          E in che modo viene attivato/disattivato questo
          "parental control", perche' e' evidente che chi
          non ha figli piccoli in casa, magari su youporn
          ci vuole anche andare essendo adulto e
          vaccinato.Questo c'era scritto. Basta NON installare
    • diego scrive:
      Re: la solita bufala...
      Sono completamente d'accordo. Inoltre non mi aspettavo che PI desse per assodata la precedente balla dell'oscuramento per l'anniversario. Ciò conferma che un bugia, se la ripeti tante volte, diventa verità (Joseph Goebbels).
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: la solita bufala...
      Noemi mi ha chiesto di non scrivere nulla. Mi spiace.L
      • Roberto scrive:
        Re: la solita bufala...
        - Scritto da: Luca Annunziata
        Noemi mi ha chiesto di non scrivere nulla. Mi
        spiace.

        L.....l'articolo quindi era pronto! e Noemi l'ha fatto censurare!
      • asvero panciatici scrive:
        Re: la solita bufala...
        - Scritto da: Luca Annunziata
        Noemi mi ha chiesto di non scrivere nulla. Mi
        spiace.

        LSpero almeno dietro adeguata contropartita. :-|
    • attonito scrive:
      Re: la solita bufala...
      CUT
      si, infondo noi non stiamo cosi' male....anche
      Punto Informatico sta raggiungendo il fondo...a
      quando un bell'articolo su Noemi o Villa
      Certosa???No, scusate, eh!I miei post vengono cassati alla velocita' del suono e questo qui - palesemente critico nei confronti di PI - continua bellamente a vivere? e no, 'mo cassate pure lui.Due pesi e due misure, tze!
  • Anonim scrive:
    Col filtro e senza filtro
    In fondo l'idea non è male...Desidera il filtro o no?
  • Cerbero scrive:
    La Soluzione
    c:/format
  • attonito scrive:
    Quasi peggio della Carlucci
    'sti cialtroni sono quasi, - quasi - peggio della Carlucci.Ah, non ho detto QUALE Carlucci, quindi non cancellate il post, eh? (ci spero poco)
    • Monsieur Duball scrive:
      Re: Quasi peggio della Carlucci
      - Scritto da: attonito
      'sti cialtroni sono quasi, - quasi - peggio della
      Carlucci.

      Ah, non ho detto QUALE Carlucci, quindi non
      cancellate il post, eh? (ci spero
      poco)Bastava scrivere Carlucc1 :)
    • Pasquale Giulio Cesare scrive:
      Re: Quasi peggio della Carlucci
      Stai tranquillo: sono finite le elezioni; e' tornata la democrazia. Si puo' di nuovo dire tutto.Gli italiani sono considerati dei poveri deficienti influenzabili e sotto elezioni l'art.21 della Cstituzione non vale piu'Vuoi un esempio?Berlusconi e' un cornuto
  • Nibiru scrive:
    Il Comunismo
    Forse anche la Cina e le sue scelte, hanno convinto gli europei a far sparire i comunisti dal parlamento europeo.(rotfl)Evidentemente gli europei non vogliono diventare come i cinesi: questa ultima con i filtri sui computer è alquanto clamorosa! :|
    • vampirla scrive:
      Re: Il Comunismo
      - Scritto da: Nibiru
      Forse anche la Cina e le sue scelte, hanno
      convinto gli europei a far sparire i comunisti
      dal parlamento
      europeo.(rotfl)Pensa che il comunismo controlla addirittura il 90% delle televisioni pubbliche/private!! E' come controllare la mente delle persone!
      Evidentemente gli europei non vogliono diventare
      come i cinesi: questa ultima con i filtri sui
      computer è alquanto clamorosa!
      :|Infatti!! E' per questo che si chiama censura: nessuno lo sa! Non ci sono le prove, no? E poi si puo' sempre smentire pubblicamente. D'altronde, pensiamoci bene: se io voglio censurare qualcosa (i.e. farla proprio sparire) cosa faccio? Una dichiarazione pubblica, magari ripresa da una testata cosi' blasonata come Punto Informatico?
    • asvero panciatici scrive:
      Re: Il Comunismo
      Comunisti? vedi del comunismo attualmente in Cina? :-DSe basta il nome, mi faccio chiamare Rocco Siffredi, d'ora in poi. :-P- Scritto da: Nibiru
      Forse anche la Cina e le sue scelte, hanno
      convinto gli europei a far sparire i comunisti
      dal parlamento
      europeo.(rotfl)
      Evidentemente gli europei non vogliono diventare
      come i cinesi: questa ultima con i filtri sui
      computer è alquanto clamorosa!
      :|
    • Frank scrive:
      Re: Il Comunismo
      ma che dici!!! i politici italioti amano la politica cinese ...in fattodi censura ed oscuramento e tendono a copiarla...anzi... ti diro' di piu'...e' pericoloso pubblicarequeste notizie perche' i politici italioti potrebberoprenderle come modello per proseguire le loro idee dicensura anche in Italia...Sinistra e liberta' in Italia ingloba invece il partito pirata italiano...l'equivalente di quello svedese che si batte per i diritti e la liberta' in rete...cosa che in pochi sanno e che ci viene a dire "larepubblica " ad elezioni concluse...!!!!!A proposito in Svezia il partito internettiano dei pirati ha raggiunto e superato il 7% ed e' entrato quindi nel parlamento europeo....!!!!Finalmente qualcuno che si batte contro le censure e che non le appoggia...!!!Poi se fosse come dici tu...il primo a non essere votato dovrebbe essere il presidente francese...
Chiudi i commenti