VoIP revolution, la firma che mancava

Tolto ogni velo dalla delibera che regola il VoIP e segna il debutto dei numeri nomadici. Assoprovider: il cambio di numerazione mette in difficoltà gli operatori. Prevista la portabilità del numero


Roma – E’ stata apposta venerdì 31 marzo la firma dell’Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni sull’ annunciata e attesa delibera che regolamenta i servizi VoIP e le numerazioni nomadiche. Un provvedimento reso necessario dall’evoluzione del settore e che nelle intenzioni apre le porte ad una sempre più marcata convergenza di piattaforme e infrastrutture telefoniche.

Le novità introdotte dalla delibera 11/06/CIR , pubblicata sul sito dell’Authority, fissano alcuni importanti paletti sui servizi VoIP che offrono interoperabilità con la telefonia tradizionale. Che nel caso delle numerazioni VoIP geografiche, o semi-nomadiche, consisteranno nel rispetto tassativo dei confini geografici . Oggi non esiste questo vincolo e chi ha ottenuto da un operatore VoIP una numerazione geografica (legata ad un distretto, ad esempio 010 per Genova, 011 per Torino, 02 per Milano, 06 per Roma, eccetera), la può utilizzare ovunque si trovi, anche in un distretto diverso. Ma dall’entrata in vigore delle nuove regole non sarà più così e una numerazione geografica potrà essere usata solamente entro i confini del distretto di appartenenza.

I numeri nomadici, come dice il nome stesso, non avranno radici territoriali e pertanto non dovranno sottostare ad obblighi di stanzialità. Per non essere confusi con altre numerazioni, questi avranno una struttura con la seguente sintassi: 55 12345678, dove con “55” si indica il prefisso ad essi dedicato. Potranno esistere, secondo la delibera, numerazioni con prefisso “5X 12345678” dove la X sarà un numero diverso da 5, ma al momento sono “riservati per esigenze future”. Una questione, quella della numerazione in decade 5, oggetto di aspre polemiche da parte di alcuni operatori: Assoprovider ha recentemente fatto notare come la lunga sperimentazione sia stata condotta in decade 6 e come ora la scelta di “passare” al 5 metta in difficoltà proprio gli operatori che hanno investito in quella direzione.

Come sottolinea VoIPBlog, inoltre, “gli operatori che vorranno offire servizi VoIP geografici dovranno acquistare una (costosa) licenza PATS (Publicly Available Telecommunications Service) e saranno trattati esattamente come gli operatori tradizionali. Per fornire servizi VoIP nomadici basterà invece una licenza ECS (Electronic Communications Services), molto meno costosa e con minori obblighi annessi”.

A caratterizzare le nuove decisioni anche il servizio di portabilità del numero , che dovrà essere garantita all’utente nell’eventualità di passaggio da un operatore ad un altro. Un servizio già fruibile nel mondo della telefonia convenzionale fissa e mobile (sulle cui pratiche l’Agcom, per propria ammissione è da tempo in arretrato ).

Dalle numerazioni VoIP dovrà inoltre essere consentito chiamare i numeri di emergenza , una possibilità finora garantita da pochi operatori e che, soprattutto in relazione alle numerazioni geografiche, avvicina queste ultime al concetto di servizio universale, inteso come garanzia fornita alla popolazione. L’obbligo di accesso ai numeri d’emergenza fa infatti parte delle garanzie offerta dagli operatori (tradizionali o VoIP) che il Ministero delle Comunicazioni riconosce come PATS (Publicly Available Telephone Service).

Come detto sopra, questa regolamentazione riguarda l’interoperabilità tra servizi VoIP di un operatore e la telefonia tradizionale. Ma l’Authority per le Comunicazioni si è riservata di avviare un nuovo procedimento istruttorio per stabilire condizioni tecniche e operative per l’interoperabilità tra operatori VoIP , che verosimilmente possono utilizzare piattaforme differenti. Il procedimento istruttorio, a cui l’Agcom stessa ha fissato una durata “non superiore a 120 giorni”, avrà per oggetto “le problematiche connesse alla definizione di un insieme comune di standard, protocolli di segnalazione e interfacce tecniche, ai fini dell’interconnessione ed interoperabilità per la fornitura dei servizi oggetto della presente delibera, della codifica dei media e della localizzazione nella fornitura dei servizi di emergenza”.

Perciò se ne riparlerà nella prossima estate.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    si ma 24h su 24
    e poi chi l'ha detto che la base trasmette con potenze di 10 mW? l'alimentatore ne eroga 3 di W...
  • jkx scrive:
    Re: I le vere cavie siamo noi...
    grazie dell'info!!hai qualche link fidato al riguardo?jkx
  • Anonimo scrive:
    Re: I le vere cavie siamo noi...
    - Scritto da: Anonimo
    Anni fa vidi in televisione, su rai3, un report
    giornalistico sui danni derivati dall'uso dei
    telefonini...
    Si parlava degli esperimenti di uno scienziato (
    non mi ricordo chi fosse ma era nordico, forse
    svedese o norvegese) che aveva scoperto una cosa
    interessante....Cioè lasciato un cellulare vicino
    a delle cellule organiche per una notte intera,
    queste si "rompevano", ovvero la membrana
    cellulare si apriva e danneggiando quindi in
    modoirreparabile la cellula...
    Io non sono ne un biologo ne un medico, pero so
    solo che questo servizio mi sconvolse a tal punto
    che mi decisi ad usare da quel momento gli
    auricolari...
    Per di piu nel dossier si parlò degli albori
    della diffusione del cellulare, e di quelle
    persone che per motivi di lavoro lo usavano molte
    e molte ore al giorno ( per es. i tecnici degli
    operatori telefonici della british telecom) ...
    Molti di questi si ammalarono di tumori al
    cervello... Ne avete mai sentito parlare ?

    Saluti.Immagina se tutto fosse vero (personalmente ci credo ed evito da anni il + possibile il cellulare) cosa potrebbe succedere ai vari tim, voda, 3, wind e compagnia bella....
  • Anonimo scrive:
    Re: I cordless DECT sono anche peggio
    - Scritto da: Anonimo
    si leggono parecchie notizie della estrema
    dannosità dei cordless DECT... a differenza dei
    cordless di precedente generazione, la base dei
    DECT emette onde 24 ore su 24 un po' come le
    antenne dei cellulari... con la differenza che
    uno ce l'ha in casa. Inoltre la modalità di
    trasmissione ad "onde pulsate" pare siano molto
    dannose per via dei forti picchi di energia che
    le caratterizza.
    Se questo è il progresso... :@ :|Ma lasciate perdere stè leggende metropolitane senza senso...I cordless dect e le loro basi trasmettono alla stessa e identica potenza dei vecchi cordless che è circa 10 milliwatt, in confronto ai cellulari che trasmettono a 2-3 watt (30 volte di più!!)E poi il cellulare ce l'hai attaccato all'orecchio, la base del cordless minimo a 5 metri...
  • Anonimo scrive:
    Re: I le vere cavie siamo noi...
    - Scritto da: jkx
    Quindi nel frattempo quando mi ricordo uso
    l'auricolare...
    e tengo il WIFI del mio portatile lontano dai
    gioielli di famiglia...

    giusto?No! Casomai dei assolutamente tenere lontano il cellulare da qualsiasi parte del corpo...Tieni presente che il cellulare trasmette a potenze di circa 2-3 Watt, il wifi invece a 100 milliwatt (0,1 Watt), quindi è estremamente più pericoloso il cellulare perchè trasmette con una potenza 20 volte maggiore e perchè, al contrario del notebook, lo tieni o attaccato all'orecchio o in tasca (vicino ai gioielli...)Quindi lasciamo perdere wifi, cordless dect, bluetooth e altre cose simili, se vogliamo preoccuparci di qualcosa bisogna preoccuparsi dei cellulari ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: I cordless DECT sono anche peggio
    I DECT con 10 milliwatt di potenza fanno male??? Mi faccia il piacere.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Ennesimo "centro studi" in bolletta

    Poco importa del paese, mungono soldi agli Stati,
    ai cittadini ed alle varie fantomatiche
    associazioni che si inventano ogni santo giorno.ma che argomentazioni usi? vai a trollare alla lega dei troll, vai.
  • Anonimo scrive:
    Re: I cordless DECT sono anche peggio
    - Scritto da: Anonimo
    si leggono parecchie notizie della estrema
    dannosità dei cordless DECT... a differenza dei
    cordless di precedente generazione, la base dei
    DECT emette onde 24 ore su 24 un po' come le
    antenne dei cellulari... con la differenza che
    uno ce l'ha in casa. Inoltre la modalità di
    trasmissione ad "onde pulsate" pare siano molto
    dannose per via dei forti picchi di energia che
    le caratterizza.
    Se questo è il progresso... :@ :|Fonte???????
  • Anonimo scrive:
    Re: I le vere cavie siamo noi...
    - Scritto da: Anonimo
    La solita scienza spettacolo per lo scienziato
    che si intasca mega mazzette..Troppo tempo attaccato ai cellulari ?
  • Anonimo scrive:
    Re: il 10% dei soggetti con tumori malig


    E la gente continua a morire di tumore, malgrado

    le idiozie che vengono dette su una diminuzione

    della mortalità---Veronesi e Sirchia che

    blateravano negli scorsi anni di un successo del

    60-80% di casi di guarigione, che il tumore non

    era più mortale e così via. Balle !

    http://www.mednat.org/cancro/balla_ricerca_cancro.e vabbe' cacchio, ma questi links mi fanno star ancora piu' male, qualche anno fa' ho letto su televideo che un eccesso di vitamina C poteva essere cancerogeno, nel link invece quella e' la panacea di tutti i mali, non ci capisco niente, a chi vai a chiedere queste cose se perfino i medici sono vittime della disinformazione?nell'articolo, invece, la disinformzione e' simile a quella dei politici di destra che, senza argomenti, sanno solo ribaltare frittate, quando si critica uno studio dicendo che va di moda ... :Ad esempio la Dr. Lydia Zablotska, epidemiologa presso la prestigiosa Columbia University, è convinta che "le ricerche sui danni dei cellulari vanno di moda". ... sempre piu' inquietante.
  • Anonimo scrive:
    Re: I le vere cavie siamo noi...
    Sì, ricordo il servizio (in particolare una causa intentata da un tecnico del loro analogo enel o telecom che, facendo interventi sul territorio, utilizzava il cellulare in sostituzione delle radio o di altri sistemi di comunicazione).Risultato .... Un cancro all'orechhio! :( Va precisato che al tempo i cellulari erano peggio di quelli di oggi (non che questi non uccidano, lo fanno solo + lentamente).Avevo anche letto che gli auricolari, però, facevano effetto antenna e che pertanto mantenevano alta l'irradiazione sulla testa. Ne sapete qualche cosa?
  • Anonimo scrive:
    Re: I le vere cavie siamo noi...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: jkx

    condivido a pieno... anchio a pelle mi fido di

    più degli svedesi...chissà come mai...


    Anni fa vidi in televisione, su rai3, un report
    giornalistico sui danni derivati dall'uso dei
    telefonini...
    Si parlava degli esperimenti di uno scienziato (
    non mi ricordo chi fosse ma era nordico, forse
    svedese o norvegese) che aveva scoperto una cosa
    interessante....Cioè lasciato un cellulare vicino
    a delle cellule organiche per una notte intera,
    queste si "rompevano", ovvero la membrana
    cellulare si apriva e danneggiando quindi in
    modoirreparabile la cellula...
    Io non sono ne un biologo ne un medico, pero so
    solo che questo servizio mi sconvolse a tal punto
    che mi decisi ad usare da quel momento gli
    auricolari...
    Per di piu nel dossier si parlò degli albori
    della diffusione del cellulare, e di quelle
    persone che per motivi di lavoro lo usavano molte
    e molte ore al giorno ( per es. i tecnici degli
    operatori telefonici della british telecom) ...
    Molti di questi si ammalarono di tumori al
    cervello... Ne avete mai sentito parlare ?

    Saluti.La solita scienza spettacolo per lo scienziato che si intasca mega mazzette..
  • Anonimo scrive:
    I cordless DECT sono anche peggio
    si leggono parecchie notizie della estrema dannosità dei cordless DECT... a differenza dei cordless di precedente generazione, la base dei DECT emette onde 24 ore su 24 un po' come le antenne dei cellulari... con la differenza che uno ce l'ha in casa. Inoltre la modalità di trasmissione ad "onde pulsate" pare siano molto dannose per via dei forti picchi di energia che le caratterizza.Se questo è il progresso... :@ :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Ennesimo "centro studi" in bolletta
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Quindi che si fa ? Di nuovo si spaccia per

    l'ennesima volta lo studio sui terribili rischi

    che la telefonia cellulare comporta portando
    cosa

    come prova ? 2200 teste quando miliardi in tutto

    il mondo lo usano e stanno bene (o almeno non

    muoiono di tumore da cellulare).

    Guarda che si tratta di una ricerca svedese, non
    Italiana.
    Per inciso non dovrebbe trattarsi di una balla.Poco importa del paese, mungono soldi agli Stati, ai cittadini ed alle varie fantomatiche associazioni che si inventano ogni santo giorno.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ennesimo "centro studi" in bolletta
    - Scritto da: Anonimo
    Quindi che si fa ? Di nuovo si spaccia per
    l'ennesima volta lo studio sui terribili rischi
    che la telefonia cellulare comporta portando cosa
    come prova ? 2200 teste quando miliardi in tutto
    il mondo lo usano e stanno bene (o almeno non
    muoiono di tumore da cellulare).Guarda che si tratta di una ricerca svedese, non Italiana.Per inciso non dovrebbe trattarsi di una balla.
  • Anonimo scrive:
    Re: il 10% dei soggetti con tumori malig
    - Scritto da: Anonimo
    "il 10% dei soggetti con tumori maligni utilizza
    il cellulare in maniera costante da almeno 10
    anni."

    L'altro 90% dei soggetti con tumori maligni si
    espone alle onde elettromagnetiche emesse dal
    sole.
    Quindi vietiamo il sole.Comunque per la cronaca, il sole è uno dei principali responsabili dei tumori alla pelle.Quindi l'affermazione corretta è *LIMITIAMO* l'esposizione al sole.
  • Anonimo scrive:
    Re: il 10% dei soggetti con tumori malig
    - Scritto da: Anonimo[CUT]
    Veronesi e Sirchia che
    blateravano negli scorsi anni di un successo del
    60-80% di casi di guarigione, che il tumore non
    era più mortale e così via. Balle !Non toccarmi Sirchia, che grazie a lui viviamo meglio in Italia (non sto parlando di tumori ma di qualità di vita, grazie a lui posso finalmente mangiare senza vomitare annusando il fumo di qualche s...zo).
  • Anonimo scrive:
    Re: il 10% dei soggetti con tumori malig
    - Scritto da: Anonimo
    "il 10% dei soggetti con tumori maligni utilizza
    il cellulare in maniera costante da almeno 10
    anni."

    L'altro 90% dei soggetti con tumori maligni si
    espone alle onde elettromagnetiche emesse dal
    sole.
    Quindi vietiamo il sole.Vietare il sole ? Perche no, al posto delle domeniche del blocco del traffico, la domenica del blocco del sole =)
  • Anonimo scrive:
    Re: I le vere cavie siamo noi...
    - Scritto da: jkx
    condivido a pieno... anchio a pelle mi fido di
    più degli svedesi...chissà come mai...
    Anni fa vidi in televisione, su rai3, un report giornalistico sui danni derivati dall'uso dei telefonini...Si parlava degli esperimenti di uno scienziato ( non mi ricordo chi fosse ma era nordico, forse svedese o norvegese) che aveva scoperto una cosa interessante....Cioè lasciato un cellulare vicino a delle cellule organiche per una notte intera, queste si "rompevano", ovvero la membrana cellulare si apriva e danneggiando quindi in modoirreparabile la cellula...Io non sono ne un biologo ne un medico, pero so solo che questo servizio mi sconvolse a tal punto che mi decisi ad usare da quel momento gli auricolari...Per di piu nel dossier si parlò degli albori della diffusione del cellulare, e di quelle persone che per motivi di lavoro lo usavano molte e molte ore al giorno ( per es. i tecnici degli operatori telefonici della british telecom) ... Molti di questi si ammalarono di tumori al cervello... Ne avete mai sentito parlare ?Saluti.
  • jkx scrive:
    Re: I le vere cavie siamo noi...
    condivido a pieno... anchio a pelle mi fido di più degli svedesi...chissà come mai...
  • frank72 scrive:
    Re: il 10% dei soggetti con tumori malig

    Ma io scommetto che anche il 10% delle persone
    sane usa il telefono cellulare almeno un ora al
    giornoInfatti l'articolo (e sarei curioso di sapere se studio citato lo fa) non riporta questo dato, che comunque non mi pare sufficiente per poter trarre delle conclusioni sulla pericolosità dell'uso dei telefonini
  • Anonimo scrive:
    Re: I le vere cavie siamo noi...
    se devo scegliere a chi credere fra gli svedesi e gli anglo/britannici, scelgo sicuramente i primi. Non so se ricordate che il capo degli ispettori ONU, svedese, in Irak per verificare se effettivamente esistessero le armi di distruzione di massa, disse chiaramente che NON esistevano, mentre USA e UK sostenevano invece la loro presenza... chi ha avuto ragione?
  • jkx scrive:
    I le vere cavie siamo noi...
    Sono solo 10 anni che l'uso del cellulare si è esteso...Non credo che ci possa essere nessuno studio al mondo che sia in grado di stabilire se faccia male o meno.Per sapere se una cosa ha veramente delle conseguenze sulla salute bisogna aspettare un'intera generazione!!Quindi nel frattempo quando mi ricordo uso l'auricolare...e tengo il WIFI del mio portatile lontano dai gioielli di famiglia...giusto?jkx
  • Anonimo scrive:
    Re: il 10% dei soggetti con tumori malig
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    "il 10% dei soggetti con tumori maligni
    utilizza


    il cellulare in maniera costante da almeno 10


    anni."



    Ma io scommetto che anche il 10% delle persone

    sane usa il telefono cellulare almeno un ora al

    giorno

    Sono tutte idiozie. Sedicenti medici e scienziati
    a seconda della mazzetta che gli arriva si alzano
    la mattina e danno la colpa a questo o quello
    come causa dei tumori, e quindi partono ricerche
    inutili con dati fasulli per giustificare gli
    investimenti, commissioni che indagano e via
    dicendo.
    E la gente continua a morire di tumore, malgrado
    le idiozie che vengono dette su una diminuzione
    della mortalità---Veronesi e Sirchia che
    blateravano negli scorsi anni di un successo del
    60-80% di casi di guarigione, che il tumore non
    era più mortale e così via. Balle !http://www.mednat.org/cancro/balla_ricerca_cancro.htm
  • Anonimo scrive:
    Paracelso lo sapeva già...
    "E' la dose che fa il veleno". Altro che studi milionari e bla bla bla, secoli fa Paracelso aveva già detto tutto quel che in realtà conta di più. Un'altra prova? Google: "hormesis" - [cerca].
  • Anonimo scrive:
    Re: Ennesimo "centro studi" in bolletta
    - Scritto da: Anonimo
    Quindi che si fa ? Di nuovo si spaccia per
    l'ennesima volta lo studio sui terribili rischi
    che la telefonia cellulare comporta portando cosa
    come prova ? 2200 teste quando miliardi in tutto
    il mondo lo usano e stanno bene (o almeno non
    muoiono di tumore da cellulare).E certo, altrimenti poi come fanno a comprarsi l'ultimo Mercedes e l'ultimo monovolume alla moglie o alla fidanzata assieme ad una villetta al mare ? Devono mungere soldi ai cittadini attraverso politici compiacenti a cui vanno le mazzette.
  • Anonimo scrive:
    Re: il 10% dei soggetti con tumori malig
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    "il 10% dei soggetti con tumori maligni utilizza

    il cellulare in maniera costante da almeno 10

    anni."

    Ma io scommetto che anche il 10% delle persone
    sane usa il telefono cellulare almeno un ora al
    giornoSono tutte idiozie. Sedicenti medici e scienziati a seconda della mazzetta che gli arriva si alzano la mattina e danno la colpa a questo o quello come causa dei tumori, e quindi partono ricerche inutili con dati fasulli per giustificare gli investimenti, commissioni che indagano e via dicendo. E la gente continua a morire di tumore, malgrado le idiozie che vengono dette su una diminuzione della mortalità---Veronesi e Sirchia che blateravano negli scorsi anni di un successo del 60-80% di casi di guarigione, che il tumore non era più mortale e così via. Balle !
  • Anonimo scrive:
    Re: il 10% dei soggetti con tumori malig
    - Scritto da: Anonimo
    "il 10% dei soggetti con tumori maligni utilizza
    il cellulare in maniera costante da almeno 10
    anni."Ma io scommetto che anche il 10% delle persone sane usa il telefono cellulare almeno un ora al giorno
  • Anonimo scrive:
    il 10% dei soggetti con tumori maligni
    "il 10% dei soggetti con tumori maligni utilizza il cellulare in maniera costante da almeno 10 anni."L'altro 90% dei soggetti con tumori maligni si espone alle onde elettromagnetiche emesse dal sole.Quindi vietiamo il sole.
  • Anonimo scrive:
    Ennesimo "centro studi" in bolletta
    Quindi che si fa ? Di nuovo si spaccia per l'ennesima volta lo studio sui terribili rischi che la telefonia cellulare comporta portando cosa come prova ? 2200 teste quando miliardi in tutto il mondo lo usano e stanno bene (o almeno non muoiono di tumore da cellulare).
Chiudi i commenti