Wardriving, scatta una denuncia a Palermo

Si collegava non autorizzato ad una rete WiFi per tenersi in contatto con la figlia ma è stato scoperto e denunciato. Un monito per tutti?

Palermo – Una notizia circolata in queste ore sulle agenzie nazionali parla di una denuncia per wardriving che ha colpito a Palermo un uomo di 44 anni, impropriamente definito hacker dai media. Si tratta di una notizia in realtà molto significativa, non capita certo spesso che nel nostro paese si venga denunciati per aver sfruttato la connettività offerta da una rete WiFi non accuratamente blindata.

Stando alle cronache, gli agenti del commissariato Zisa-Borgo Nuovo si sono accorti che l’uomo, attraverso un antennino WiFi e un portatile poggiato sulle gambe al “riparo” del suo autoveicolo, si collegava ad una rete WiFi.

Scoperto l’uomo, che vive in condizioni di indigenza, è scattata la denuncia per accesso abusivo a sistemi informatici e telematici altrui nonché per l’installazione e l’utilizzo di apparecchi atti ad intercettare la connettività. Due reati previsti dalla normativa italiana, come noto molto restrittiva su questo genere di utilizzo del wireless.

All’uomo non è servito spiegare che la sua attività gli consentiva di tenersi in contatto con la figlia, da tempo in un’altra città con la ex moglie.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lellykelly scrive:
    domanda stupida...
    premetto che di linux non so nulla e non posso dare giudizi, so che nessuno viene pagato quindi non si può pretendere nulla, ma siamo nel 2007...non è una critica, è una domanda.
    • spy scrive:
      Re: domanda stupida...
      scusa.. qual'e' la domanda?
    • TeX scrive:
      Re: domanda stupida...
      - Scritto da: lellykelly
      premetto che di linux non so nulla e non posso
      dare giudizi, so che nessuno viene pagato quindi
      non si può pretendere nulla, ma siamo nel
      2007...
      non è una critica, è una domanda.Quale è la domanda ?Battute a parte, sotto Linux è ovviamente possibile scrivere driver, anche closed source, compatibili con ogni distribuzione. Il DDK in questione non serve quindi a permettere la cosa, ma semmai a facilitarla, visto che alcuni produttori di stampanti non forniscono ancora alcun supporto a Linux. Il problema quindi come vedi non è chi non viene pagato, ma chi viene pagato profumatamente ma se ne sbatte.In quanto al supporto di periferiche per le quali il produttore non fornisce il driver e non divulga le specifiche, beh, non lo hai visto nel 2000, non lo vedi nel 2007 e con tutta probabilità non lo vedrai neppure nel 2014...
  • Francesco scrive:
    Ma non basta CUPS ed i file PPD?
    ...sono indipendenti dalla distribuzione di Linux, e sono anche indipendenti da Linux, funzionano sugli UNIX in generale.Cosa ci sarebbe di nuovo in questo DDK?
    • Roberto scrive:
      Re: Ma non basta CUPS ed i file PPD?
      Me lo sono chiesto anche io.Spero che serva proprio per creare i famosi file PPD...Ma suppongo sia forse per quei driver chiusi equivalenti agli omologhi per Windows delle Winprinter GDI.Alcune stampanti in commercio sono stupide, non hanno elettronica e memoria propria e usano la CPU del computer per stampare.Per proteggere i propri brevetti e la propria "inutile" tecnologia questi produttori fanno loro i driver chiusi per Windows e solo per quello.Questo DDK dovrebbe dargli gli strumenti per farne anche per Linux...Io se posso evito di comprare quelle porcherie. Ma capisco che si voglia non obbligare la maggior parte della gente che compra la stampante da discount e vuole passare a Linux a non doverla buttare via e prenderne una più seria.
    • Luca scrive:
      Re: Ma non basta CUPS ed i file PPD?
      I PPD non compaiono per intervento divino. Il DDK permette tra le altre cose ai produttori di distribuire direttamente i file per CUPS in modo standard.
  • Luca scrive:
    è vecchia
    Alcune volte arrivate in ritardo: http://www.tuxjournal.net/?p=324
    • xxx xxxx scrive:
      Re: è vecchia
      - Scritto da: Luca
      Alcune volte arrivate in ritardo:
      http://www.tuxjournal.net/?p=324se è vecchia o nuova che cambia?io nn lo sapevo e ora lo sosaluti
    • Castigamatt i scrive:
      Re: è vecchia
      - Scritto da: Luca
      Alcune volte arrivate in ritardo:
      http://www.tuxjournal.net/?p=324Solo alcune volte?
    • Virgelio scrive:
      Re: è vecchia
      - Scritto da: Luca
      Alcune volte arrivate in ritardo:
      http://www.tuxjournal.net/?p=324Non può esistere un commento più stupido e inutile, questa non é una gara a chi arriva prima, non si vincono premi. Ora che l'ho letto su Punto Informatico so anche io che ci saranno più possibilità di usare stampati (tipo la mia HP psc 1110) anche su linux. Che mi frega di sapere che qualche altro sito ha pubblicato questa notizia prima, CHISSENEFREGA!!! :@ mica passo al vita a leggere tutti i siti di informatica, leggo questo e Tom's hardware e basta!
  • Presid. Scrocco scrive:
    Certo, meglio tardi che mai...
    ... però questa cosa andava fatta almeno 10 anni fa. :$
  • ... scrive:
    Finalmente !
    Un passo nell'unica giusta direzione per una vera diffusione di linux senza dover sottostare a strani fanatismi.Ora serve un DDK anche per il resto
    • Athlon64 scrive:
      Re: Finalmente !

      Un passo nell'unica giusta direzione per una vera
      diffusione di linux senza dover sottostare a
      strani
      fanatismi.
      Ora serve un DDK anche per il restoQuoto... se ne sentiva davvero il bisogno e potrebbe essere un passo importante verso una vera standardizzazione di Linux.
      • Andrea scrive:
        Re: Finalmente !
        onestamente non se ne sentiva poi cosi' tanto il bisogno...cups fa gia' il suo egregio lavoro su tutte le distro (e anche su mac os, se vogliamo vedere). Io speravo tirassero fuori qualcoas di piu' urgente, vabeh.
        • ... scrive:
          Re: Finalmente !
          Beh è ovvio che non possono e non devono fermarsi alle sole stampanti. Purtroppo però la LSB dopo ben 3 major version ha raccolto intorno a se un numero abbastanza limitato di distribuzioni (se non si considerano quelle derivate) il che significa che il vero problema non risiede in linux ma nella comunità. Un entità totalmente astratta che rifiuta ogni forma di organizzazione ma nonostante tutto pretende di cambiare un mercato da sempre basato (e non solo in informatica) sugli standard e che in passato ha punito duramente chi pretendeva fare di testa propria (soprattutto quando non aveva le percentuali di diffusione sufficienti per concedersi tal lusso).E' importante svolgere un lavoro di convincimento verso queste masse, per lo meno quelle meno fanatiche che ancora non si sono sottomesse ad assurdità tipo "studia il C" per installare un programma quando altrove manca solo più che il cd esca da solo dalla scatola e vada ad infilarsi nel lettore.
          • spy scrive:
            Re: Finalmente !
            tralasciando il primo discorso sulla comunita' linux (che non condivido), il problema e' che se si parla di uno standard di comunicazione e' un conto, un altro e' lo sviluppo di driver vero e proprio.Il discorso, secondo me, e' che un driver e' troppo a basso livello, quindi introdurre un DDK, puo' migliorarne una presunta interoperabilita', ma non puo' fare altro che inchiodarti alla sue API. Ora se devo seguire delle sequenze precise per effettuare una comunicazione, puo' essere giusto rifarsi a delle API, seguendo tutta la trafila necessaria... ma standardizzare _tutto_ il processo di un driver imponendo passi obbligati, le sequenze di API, peggio ancora le strutture, i contesti, _quell_' implementazione di bufferizzazione e tutto il resto mi sembra proibitivo. Secondo me, oltre il resto ciocca anche con la portabilita' perche' sei di nuovo inchiodato a quella versione di DDK e sperando in un'evoluzione del DDK, potrai al massimo funzionare con le funzioni compatibili se va bene, guarda windows che casini combina con i suoi drivers. Il contesto di linux, a mio avviso, e' completamente differente, dinamico per definizione, guarda gia' cambiando versione di kernel (parlo di minor version) che ti cambiano pure i path ai dispositivi o i dispositivi stessi, e addirittura le api per comunicare, le strutture, ecc... bisognerebbe fare un ddk per ogni kernel alla fine e bisognerebbe vedere se poi sono compatibili fra di loro
          • ... scrive:
            Re: Finalmente !
            Tutto quello che vuoi ma qui il problema è estremamente semplice da definire. 10 anni fa la comunità ha dichiarato guerra al mondo closed ed alla sua massima rappresentante (microsoft) divulgando in giro notizie e promesse su linux riguardo al fatto che era un sistema, già allora, pronto a sostituirsi alle finestre e quindi che era già allora semplicissimo e supportatissimo sia come hardware che software.10 anni dopo tutte queste promesse, ancora oggi la stragrande maggioranza del hardware non possiede un driver ufficiale riconosciuto dalla casa madre, per linux e quando succede la cosa è estremamente limitata ad una o al massimo un paio di distribuzioni.Qui la comunità deve decidersi dove vuole andare ed accettare in entrambi i casi i compromessi del caso.Libertà e dinamismo a tutti i costi ? Niente standarizzazioni quindi guerra conclusa contro microsoft (ergo i geni che rompono le scatole pro linux sono pregati di farsi una pera e smetterla di scassare i maroni).Reale volontà di abbattere Golia e di creare un mercato alternativo ? Servono delle basi comuni aggiornate e moderne. Questo ridurrà un po' la libertà di sviluppo ma garantirà risultati che finora sono stati solo favoleggiati sulla regola del "se" (se la gente si studiasse gli appunti di informatica libera, se nella gente si svegliasse lo spirito etico, se mia nonna avesse avuto le ruote, se le mucche volassero... con i se non si va da nessuna parte).
          • spy scrive:
            Re: Finalmente !
            Non la vedo come te, rispetto a 10 anni e' cambiato molto, in meglio, anche m$ ne e' consapevole se e' per questo. Mi sembrano siano stati fatti grossi passi avanti, e per il riconoscimento ufficiale... beh.. questione di interessi? Ma persino ATI rilascia dei drivers certificati, sviluppati direttamente da loro, per fare un esempio.Sulle standardizzazioni ho gia' detto... non credo che tutto debba per forza e sempre essere standardizzato, altrimenti ci si riduce al proprietario... sul fatto che molte cose debbano essere migliorate tutti d'accordo (ma e' comune a tutti gli os)
          • ... scrive:
            Re: Finalmente !
            Beh intanto, bisogna prendere atto che là fuori c'è moltissima gente che non vede alcun motivo di abbandonare windows. Di sicuro, non trovando hardware supportato come si deve e software di loro interesse non ci si può aspettare che facciano le valigie a cuor leggero.A sto mondo ci sono due visioni diverse di concepire un'alternativa. La 1° è che se uno deve mollare quello che conosce vuole ottenere nella nuova base tutto quello che ha lasciato prima più degli extra mentre la 2° pretende di accettare quanto offerto per quello che è anche a costo di negarsi delle cose. Il guaio con linux è che "quelle cose" sono "tante cose" alcune importanti, molte superflue ma sempre e comunque viste in ottica soggettiva che però non premia assolutamente il pinguino.In ogni la comunità deve prendere una decisione ed assumere una posizione chiara su quali scopi si propone e di questi a quali dare la precedenza avendo particolare cura di comunicare il giusto a si mantiene al di fuori.Spesso si bollano i comunicati di microsoft come fud ma la comunità linux negli anni ne ha accumulati talmente tanti che alla fine, ai non fanatici, non assume una posizione tanto migliore rispetto quella di Redmond.
          • spy scrive:
            Re: Finalmente !
            Non concordo in primo luogo sul fatto che una persona debba abbandonare un so, ma puo convivere comodamente con un altro e valutare pro e contro a suo piacimento e rimanere anche tutta la vita con piu' so installati e lavorare su piu' so (come avviene gia' per molti). In secondo luogo se parli di comunita' e' gia per definizione prerogativa di linux & co. , perche' m$ impone e basta a tutti, distributori, sviluppatori, utenti... sulle decisioni... beh... si puo' discutere, ma avere gia' facolta' di parola non e' affatto da tutti e anzi... questa che tu chiami 'indecisione' e' sinonimo di discussioni e scambio di opinioni.Per ultimo, quanto a fud, m$ e' veramente imbattibile, seconda a nessuno
          • spy scrive:
            Re: Finalmente !
            Oh no.... IERI c'erano quelle persone normali che dici tu, OGGI le persone normali hanno anche ROUTER con connessioni ADSL a casa, intere reti wireless LAN, cosa che 10 anni fa avevano le grandi aziende... le persone normali cambiano... ci sono utenti normalissimi che hanno il multiboot ed inoltre linux configura tutto da solo durante l'installazione con il riconoscimento di windows e mette i suoi bootloader, cosa che windows non fa... come le vecchie diavolerie della prima partizione e rigorosamente primo disco...Per cio' che riguarda le comodita' di windows (che bisognerebbe specificare comunque meglio) io non le vedo proprio, nemmeno da lontano...Ma per il FUD guarda, chiedi a chiunque... non esiste sfida con m$, nessuno nel mondo openSource paga nessuno per diffondere certe novelle, mentre dall'altra parte...Per i desktop, come dici tu, che sarebbero i windows manager, ne e' pieno il mondo e non e' vero che bisogna avere macchine potenti con molta memoria, chiaro, bisogna vedere cosa cerchi... ma comunque non ti precludono affatto l'utilizzo del PC vecchio, nel senso che puoi accontentarti di WM 'inferiore' ma su kernel e os moderno, cosa che con windows non puoi fare neanche lontanamente, sei fottutto e basta!Per i virus... bugiardone! ma se ti riferisci ai 'virus' di phishing dei browser, beh... li non c'e' molto rimedio, dipende dall'utente... che dirti... non sara' mai eliminabile... windows e' comunque peggio perche' poi e' attaccabile anche dalla parte delle dll del so e linux no... insomma... bella differenza...
          • ... scrive:
            Re: Finalmente !
            Le persone normali (o almeno quelle medie) vanno in giro con il portatile con windows, senza antivirus ed il wifi acceso a manetta.Sono tante e purtroppo sono delle larve, altro che router e lan.Per le window manager, le guide che ho trovato in giro non parlavano di fluxbox ma di kde e gnome su configurazioni scandalose mentre per i virus sei un tantino ignorante.Un virus nasce per compromettere l'integrità dei file. Su un sistema linux da sempre si predica di navigare con l'utente invece che da root, cosa giusta perchè preserva la macchina però non difende i documenti contenuti nella home dell'utente attivo perchè lì ha pieni diritti di accesso e proprietà. Un virus che infesta un utente linux non gli demolirà la macchina ma gli spazza via la home.A quel punto, una volta che l'utente s'è giocato i suoi dati che linux gli rimanga in piedi gliene frega meno di zero.La macchina fine a se stessa è inutile.La diffusione di caxxate di questa portata hanno fatto allontanare milioni di utenti in questi 10 anni, gente che credeva di trovare un sistema pronto ed invece doveva fare i conti con modem che non connettevano, schede audio mute, programmi non all'altezza e tante altre gioie.O vi decidete ad affrontare microsoft con i fatti invece che le boiate o crepate ma mi raccomando fatelo in silenzio.
          • spy scrive:
            Re: Finalmente !
            Amico caro... le persone 'normali' il portatile lo vedono da lontano, almeno qui in Italia... un bel PC da 200 euro e via...Per le guide, hai guardato male o non hai cercato corretamente, ci sono delle wiki anche in italiano.Per i virus... per i virus ... ignorante lo sei tu, confronta qualsiasi viruspedia, di symantec, di McAfee, di chiunque altro, il 99% dei virus, inibisce l'utilizzo del PC e basta, capitolo a parte sono i malware e il phishing, ma distruggere file... forse l'ombra o meno di uno su 200... anche piu'... Per quel virus di linux che dici ti cancelli la root dell'utente... mai sentito parlare... adesso sei obbligato a dirmi nome cognome avatar alias di questo virus, bada bene, *virus*.Per il resto siamo in totale disaccordo, queste tavanate non esistono e negli ultimi anni, gli utenti linux, sono centuplicati... quindi...Non capisco comunque dove vogliano parare i tuoi discorsi, sono discorsi strani e contorti non fatti di certo da un utente linux, che conoscerebbe molto piu' l'os di cui parli di te.Un'ultima cosa: qui in silenzio e tanto piu' non crepa nessuno, ben inteso... sei accecato da guerre di religione che non esistono, personalmente non mi interessa interrare windows, finira' dove finira' ne sono certo... per il resto mi e' del tutto indifferente.
          • Anonimo Ligure scrive:
            Re: Finalmente !
            ti sei accorto da solo delle stronzate che stai scrivendo sui virus???? la differenza tra i virus su linux e su win è che su win ti bloccano tutta la macchina, ti loggano quello che scrivi; al 200% devi formattare tutta la macchina (perdi tutto).su linux perdi al massimo i documenti su cui avevi il permesso di scrittura ma la macchina resta su, i dati degli altri utenti sono integri, non devi reinstallare; ma questo è _normale_ se tu vuoi creare dei file o modificarli devi avere quel permesso e come ce l'ha openoffice ce l'ha anche il virus come ce l'hai tu quando accidentalmente cancelli dei file. Questo problema _non si può_ risolvere, sta sempre e cmq all'utente non eseguire programmi di cui non sa la fonte a meno di non inserire un antivirus direttamente nel kernel con un evidente calo di prestazioni :) Se tieni in modo particolare a dei documenti:1) Fare backup2) dargli il permsso di sola letturaper quanto riguarda i computer vecchi e linux; un mio amico ha gnome su un 500mhz 128mb di ram e a scuola avevo un altro computer da 300mhz (forse 250mhz non ricordo) sempre con gnome; c'è ovviamente da aspettare un attimo di più ma hai programmi recenti su hardware obsoleto. L'ultimo computer menzionato bootava con soli 10secondi di ritardo rispetto ad un win xp su un celeron 1Ghz 512Mb ram.
          • TeX scrive:
            Re: Finalmente !
            - Scritto da: ......
            Un virus nasce per compromettere l'integrità dei
            file....Ti sei perso circa 20 anni di sviluppo di virus & C.
            ... Su un sistema linux da sempre si predica di
            navigare con l'utente invece che da root, cosa
            giusta perchè preserva la macchina però non
            difende i documenti contenuti nella home
            dell'utente attivo perchè lì ha pieni diritti di
            accesso e proprietà. Un virus che infesta un
            utente linux non gli demolirà la macchina ma gli
            spazza via la
            home.Peccato che senza accesso a root il virus non si installa e non attacca altre macchine, quindi non si propaga e anche la tua home è sicura.
            A quel punto, una volta che l'utente s'è giocato
            i suoi dati che linux gli rimanga in piedi gliene
            frega meno di
            zero.Vallo a raccontare a tutti quelli che spendono una cinquantina di euro a virus per farsi reinstallare Windows...
            La macchina fine a se stessa è inutile.Ammesso che sulla macchina non ci siano altri utenti...Comunque Sarà anche inutile, ma è più che sufficiente per ripescare i dati dall'ultimo backup...Ad ogni modo preferisco una macchina non compromessa senza dati utente piuttosto che una macchina apparentemente sana ma in realtà compromessa: preferisco farmi spianare la home piuttosto che il conto in banca !
            La diffusione di caxxate di questa portata hanno
            fatto allontanare milioni di utenti in questi 10
            anni, gente che credeva di trovare un sistema
            pronto ed invece doveva fare i conti con modem
            che non connettevano, schede audio mute,
            programmi non all'altezza e tante altre
            gioie.La cazzata più grossa è quella di credere che sia possibile avere una macchina sicura quando un qualsiasi utente ne ha un controllo totale.E questa cazzata ha consegnato i milioni di utenti di cui sopra a criminali che lucrano sulla diffusione di malware di ogni sorta.
            O vi decidete ad affrontare microsoft con i fatti
            invece che le boiate o crepate ma mi raccomando
            fatelo in
            silenzio.Si... hai ragione... Ora scusami che devo lasciarti per andare a cancellare dalla mia casella di posta elettronica tutto lo spam generato da milioni di PC zombie...
          • mah scrive:
            Re: Finalmente !
            per la cronaca.. 10 anni fa c'era windows 95, e già allora linux era superiore...
          • Pinco Pallino scrive:
            Re: Finalmente !
            - Scritto da: mah
            per la cronaca.. 10 anni fa c'era windows 95, e
            già allora linux era
            superiore...sicuramente hai tempi di win95 il kernel di linux eranettamente superiore e anche le gui erano molto + robusta. Pero' le pecche gravi di linux erano :- Mancato supporto dell'hardware da parte delle case costruttrici. - Mancanza di un pacchetto office decente.Oggi l'office e' ha un buon livello, manca solo un po di "personalita" a mio parere, magari una specie di access ma con pieno supporto sql standard,uml e paradigma "relative expressions". Dal lato HW alcune case costruttrici si sono finalmente accorte di linux.Penso che trovare degli standard per i driver sial'unica maniera per far si che gli altri produttoriinizino a produrre driver per linux.Gia han poco spunto a farli , figurati mettersi a adattarliper le 1200 distro linux che esistono!
          • spy scrive:
            Re: Finalmente !
            Pinco Pallino, sull'office di 10 anni fa e di oggi , si puo' discutere... anche se non convengo su quel che dici...Per cio' che riguarda i driver pero'... l'evidenza parla da se... la verita' e' che e' il contrario e cioe' che ogni produttore fa come gli pare e non rispetta nessuno standard!Gauda gia' i driver della ATI, TASSATIVAMENTE TI IMPONE DI DESELEZIONARE DAL KERNEL E RICOMPILARE LE VOCI DEL FRAMBUFFER, VIRTUALFRAMEBUFFER,ecc... E ADDIRITTURA DI AGPART, dico AGPART (a parte giustamente i driver di agart che colliderebbero) renditi conto... perche' i drivers sono implementai da loro a loro modo, come dicono loro... guarda che non si sta parlando di un framework o librerie, si parla del KERNEL... trovare incompatibilita' con il kernel e' una cosa da matti... tanto piu' non sforzarsi di trovarla... fai te... disabilitare framebuffer poi... e' una cosa senza senso, che ti scassa parecchio le palle... infatti non so nemmeno piu' s einstallarli, chissenefotte! rimango con i driver ridotti del kernel, non posso compromettere i sistemi per un driver del penta
          • AngeloExpo scrive:
            Re: Finalmente !
            CONCORDO PIENAMENTE!!!!Sto dietro a linux da sempre... dalle prime versioni ... lavoro nel campo informatico da 23 anni, ma non mi è stato mai possibile offrire veri servizi proprio per questa mancanza di "standardizzazione", questo non significa tagliare le gambe a nuove idee, ma semplicemente fare in modo che linux si espanda e poi proporre soluzioni + vantaggiose e performanti, creiamo una base sicura ed usabile, per gli usi "standard" d'ufficio e casa, dove chi produce hardware (e sof tware) possa appoggiarsi, poi da qui ci saranno distruzioni con particolari soluzioni. Ancora si trovano problemi con la scelta tra Gnome e KDE (per non parlare di altre soluzioni), possibile che un programma debba essere concepito per una sola soluzione, si è vero che quasi tutti vanno bene con entrambi ... ma ho trovato molti casi in cui non è così.Avere una base standard non è un limite, ma un'opportunità per linux di espandersi e da qui evolvere in casi specifici.
          • krane scrive:
            Re: Finalmente !
            - Scritto da: AngeloExpo
            CONCORDO PIENAMENTE!!!!
            Sto dietro a linux da sempre... dalle prime
            versioni ... lavoro nel campo informatico da 23
            anni, ma non mi è stato mai possibile offrire
            veri servizi proprio per questa mancanza di
            "standardizzazione", Guarda che i servizi ci sono sempre stati e sono sempre stati compatibili tra loro; ho visto parecchi uffici con UNIX e linux mischiati in varie soluzioni, certo che se butti in mezzo macchine che di compatibilita' non ne vogliono sapere come dei windows finisci male.
            questo non significa tagliare le gambe a nuove idee, ma
            semplicemente fare in modo che linux si espanda e poi
            proporre soluzioni + vantaggiose e performanti, creiamo
            una base sicura ed usabile, per gli usi "standard"
            d'ufficio e casa, dove chi produce hardware (e sof tware)
            possa appoggiarsi, poi da qui ci saranno distruzioni con
            particolari soluzioni. Cioe' ? Cosa intendi con base sicura ed usabile ?
            Ancora si trovano problemi con la scelta tra Gnome e KDE
            (per non parlare di altre soluzioni), possibile che un
            programma debba essere concepito per una sola soluzione,
            si è vero che quasi tutti vanno bene con entrambi ...E anche per tutti gli alti, io ad esempio mi trovo benissimo con XFCE4, mi fai un esempio di programmi che partono solo su un desktop e non su un altro ?
            ma ho trovato molti casi in cui non è così.Ecco, ci fai qualche esempio ?
            Avere una base standard non è un limite, ma
            un'opportunità per linux di espandersi e da qui evolvere
            in casi specifici.Vista la modularita' di linux il problema si pone pochissimo, a te che problemi ha dato ad esempio ?
          • Suricato scrive:
            Re: Finalmente !
            - Scritto da: ...
            E' importante svolgere un lavoro di convincimento
            verso queste masse, per lo meno quelle meno
            fanatiche che ancora non si sono sottomesse ad
            assurdità tipo "studia il C" per installare un
            programma quando altrove manca solo più che il cd
            esca da solo dalla scatola e vada ad infilarsi
            nel
            lettore.Io sono sempre dell'idea che il pc non deve essere un elettrodomestico... se vuoi AVERE un pc e vuoi saperlo USARE devi applicarti e imparare(indipendentemente dall'OS)... l'informatica non è per gli svogliati, va studiata (secondo me)
          • ... scrive:
            Re: Finalmente !
            Più di un miliardo di persone usano il computer nel mondo e di questo immenso quantitativo quelli che la pensano come te non sono neanche l' 1%. Pensi che al rimanente 99% interessi qualcosa di quello che pensi ?
          • Godei Sudatu scrive:
            Re: Finalmente !
            - Scritto da: ...
            Più di un miliardo di persone usano il computer
            nel mondo e di questo immenso quantitativo quelli
            che la pensano come te non sono neanche l' 1%.
            Pensi che al rimanente 99% interessi qualcosa di
            quello che pensi
            ?E' Dio che lo ha stabilito, che importanza vuoi che abbia il tuo 99%, Egli ama i giusti e punisce gli altri. Ritieni che a Dio interessi qualcosa di quelli che la pensano come te? E infatti, con rigore fa scontare a questi gia' in terra il loro peccato di superbia: in silenzio e umilta', con la testa nei liquami, pagano i pubblicani financo la sverminazione.
          • Anonimo Ligure scrive:
            Re: Finalmente !
            per guidare una macchina devi prendere la patente;per usare un computer si dovrebbe fare altrettanto (e non quella inutile ecdl); non dico essere meccanici, per mantenere il paragone con l'auto, ma avere una minima conoscenza di come funziona il tutto è essenziale. Invece si pretende che il computer sia immediatamente utilizzabile, un computer non è una televisione con una tastiera attaccata!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        • ecc scrive:
          Re: Finalmente !
          quoto.L'iniziativa è sicuramente lodevole ma devo ammettere che cups riesce a fare un bel lavoro (se non fosse che driver dedicati e specifici son a pagamento proprio da CUps).Magari c'era altro di pù urgente da sviluppare. Anche questo è il famoso "bazaar" in fondo, i gruppi non son coordinati e a volte le forze spingono non esattamente sulla cosa più urgente.
Chiudi i commenti