Web service sicuri (secondo IBM e MS)

I due colossi presentano nuove specifiche per la sicurezza dei Web service che entrano in conflitto diretto con quelle promosse da Sun e Oracle e rischiano di ampliare la spaccatura che divide l'industria


San Francisco (USA) – Nella giornata di ieri IBM e Microsoft hanno annunciato un nuovo insieme di specifiche il cui obiettivo è quello di consentire lo sviluppo di Web service sicuri e di servizi di autenticazione federati in grado di interoperare fra loro.

I due colossi, insieme a BEA Systems, RSA Security e VeriSign, hanno introdotto tre nuove specifiche – WS-Federation, Passive Requestor Profile e Active Requestor Profile – che estendono lo standard WS-Security attraverso la definizione di un’architettura di sicurezza e di un sistema di single sign-on che permetteranno agli utenti di accedere, con un unico processo di identificazione, a più Web service e reti.

Questo neo standard sembra destinato ad allargare quella frattura che sta dividendo l’industria su di un campo importantissimo come quello dei Web service, mattone portante del nuovo e-business. All’origine di questa spaccatura vi sono le politiche portate avanti dai due gruppi industriali dominanti: quello capeggiato da Microsoft, IBM e BEA, unite intorno al Web Services Interoperability Consortium (WS-I); e quello guidato da Sun e Oracle, promotori della Liberty Alliance e membri dell’Organization for the Advancement of Structured Information Standards (OASIS).

Questi consorzi hanno pubblicato delle specifiche, fra cui la nuova WS-Federation, per la sicurezza dei Web service che coprono sostanzialmente le stesse tematiche.

Diversi membri del W3C sostengono che la frammentazione in atto rischia di frenare l’adozione dei Web service e gettare il mercato nella confusione. Le conseguenze potrebbero ripercuotersi persino sullo standard XML, una tecnologia al cuore dei Web service su cui poggia anche la piattaforma Microsoft.NET.

La speranza espressa da diversi sviluppatori è che le due fazioni possano trovare un punto di contatto e collaborare insieme allo sviluppo delle future versioni degli standard e delle tecnologie alla base dei Web service.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ipotesi
    Ipotetico chat:"Hue', ciao gente volevo provare a instalalre linux, al posto di Windows. Avete dei links da darmi ? Grazie mille !"Trduzione:"Hue', ciao gente volevo provare ad installare il Cancro Comunista Linucs al posto dell'Innovativo Windows Longhorn Expert Deluxe Edition. Avete dei links da darmi, oltre a quelli che ho trovato grazie al nuovo stupefacente motore di ricerca di MSN che ben presto fara' le scarpe a Google ? Dio salvi Bill Gates !"
  • SiN scrive:
    [OT]Per errore
    ho letto "truffatore istanteneo"laspsus freudiano?
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno si sbrighi a brevettare....
    ... lo stesso sistema per le email, prima che lo faccia M$.
  • Anonimo scrive:
    Si può fare?
    Mi chiedo: ma non si faceva già da anni tramite script vari da far eseguire ai programmi di messaging più disparati (IRC in primis - e IRC *è* instant messaging)? Si può brevettare un *concetto* che ha visto applicazioni da terze parti prima che fosse brevettato?
    • Anonimo scrive:
      Re: Si può fare?
      - Scritto da: Anonimo
      Mi chiedo: ma non si faceva già da anni
      tramite script vari da far eseguire ai
      programmi di messaging più disparati (IRC in
      primis - e IRC *è* instant messaging)? Si
      può brevettare un *concetto* che ha visto
      applicazioni da terze parti prima che fosse
      brevettato?se nessunno ha depositato il brevetto prima certo che si puo' fare
      • ACD scrive:
        Re: Si può fare?

        se nessunno ha depositato il brevetto prima
        certo che si puo' fareNo, non si puo' fare. Un brevetto deve essere innovativo. Se descrive una tecnica gia' nota, non puo' essere concesso..Se viene concesso, e' per errore, e un tribunale puo' renderlo nullo. Il problema e' che per arrivare all'annullamento bisogna spendere fior di quattrini...ACD
  • Anonimo scrive:
    MICROSOFT
    ...l' amazzone dei "brevetti"......., ma si brevetti sto.......azz..
  • postmaster scrive:
    MA COME ....
    Si fa a brevettare una cosa simile .. domani brevetto una procedura con movimentazione predefinita atta a rimuovere il pelo superfluo in animali di tipo Ovino.Poi mi trasferisco in Scozia , bevo birra e riscuoto le royalties
    • Anonimo scrive:
      Re: MA COME ....
      ghghghghghghIn effetti non ha senso... e poi come mi tradurrebbe un:"ciaoz brutto ghey. come ti gira?""cmq nn ho letto i tuoi msg che mi hai querato"MAH.... io so un po' l'inglese, dovrebbe bastare questo no?
  • ACD scrive:
    Firmate la petizione
    Contro i brevetti sul software, firmate la petizione che trovate su petition.eurolinux.org
  • ACD scrive:
    Ma lo avete letto?
    Signori, vi invito a leggere il testo del brevetto.E' di una banalita' sconcertante. E' una cosa indecente che metodi del genere siano classificati come "invenzioni". Il succo e':1)ogni utente seleziona il suo linguaggio preferito2)quando comincia una comunicazione tra due utenti A e B, il sistema effettua uno scambio dei linguaggi preferiti.A questo punto entrambi gli utenti conoscono la lingua dell'altro utente3) L'utente A che parla la lingua L scrive il messaggio nella lingua L. A questo punto il "modulo di traduzione" traduce il messaggio nella lingua V, lingua preferita dell'utente B e invia il messaggio all'utente B.Vi sembra innovativo? Vi sembra una genialata??E soprattutto, vi sembra che ci sia altro modo per fare la stessa cosa?Questo brevetto e' talmente generale che puo' coprire praticamente tutti i sistemi di scambio di messaggi tradotti in real time....Questo e' quello che ci apprestiamo ad avere in Euopa con l'introduzione dei brevetti sul software...Ma vi rendete conto??? BAH....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma lo avete letto?
      E' veramente uno schifo, sarà la fine dell'informatica come la conosciamo noi oggi. Ogni volta che si dovrà scirvere del codice si dovrà cosultare un ufficio brevetti per verificare che non si violi qualcosa.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma lo avete letto?
      - Scritto da: ACD
      Signori, vi invito a leggere il testo del
      brevetto.
      Vi sembra innovativo? Vi sembra una
      genialata??
      E soprattutto, vi sembra che ci sia altro
      modo per fare la stessa cosa?E' veramente uno scandalo...uno schifo.....non solo per M$ che conferma il suo modo di agire, ma soprattutto perche gli viene consentita la possibilità di farlo.
      Questo brevetto e' talmente generale che
      puo' coprire praticamente tutti i sistemi di
      scambio di messaggi tradotti in real
      time....

      Questo e' quello che ci apprestiamo ad avere
      in Euopa con l'introduzione dei brevetti sul
      software...

      Ma vi rendete conto??? BAH....Purtroppo......sarà cosi'......ormai in europa hanno mostrato la tendenza a "uniformarsi" agli USA (in questo ambito) e credo che non ci sia piu' nulla da fare...
  • Fiamel scrive:
    Siamo alle solite...
    E' ora di smetterla di brevettare i concetti.
    • dotnet scrive:
      Re: Siamo alle solite...
      - Scritto da: Fiamel
      E' ora di smetterla di brevettare i concetti.non esageriamo... il brevetto riguarda un metodo molto dettagliato del sistema oggetto del brevetto e non la traduzione istantanea di per se...
    • FDG scrive:
      Re: Siamo alle solite...
      - Scritto da: Fiamel
      E' ora di smetterla di brevettare i concetti.Non credo abbiano brevettato il concetto di traduttore istantaneo, ma un modo per realizzarlo.Cavolo, oggi mi tocca difendere MS? Che schifo!
      • Anonimo scrive:
        Re: Siamo alle solite...
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: Fiamel


        E' ora di smetterla di brevettare i
        concetti.

        Non credo abbiano brevettato il concetto di
        traduttore istantaneo, ma un modo per
        realizzarlo.
        No è il concetto invece, il loro codice è chiuso e il modo per realizzarlo è già protetto così...... se uno riuscisse ad avere il loro codice in qualche modo e lo usasse senza il loro permesso violerebbe il diritto d'autore.Il brevetto è solo un per fare ostruzione sul mercato
        • Anonimo scrive:
          Re: Siamo alle solite...
          Scusate mancava una parola nella frase: Il brevetto è solo un mezzo per fare ostruzione sul mercato
        • dotnet scrive:
          Re: Siamo alle solite...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: FDG

          - Scritto da: Fiamel




          E' ora di smetterla di brevettare i

          concetti.



          Non credo abbiano brevettato il concetto
          di

          traduttore istantaneo, ma un modo per

          realizzarlo.



          No è il concetto invece, il loro codice è
          chiuso e il modo per realizzarlo è già
          protetto così...... se uno riuscisse ad
          avere il loro codice in qualche modo e lo
          usasse senza il loro permesso violerebbe il
          diritto d'autore.
          Il brevetto è solo un per fare ostruzione
          sul mercatoio non vedo alcuna differenza tra industria del software e industria delle automobili... Bill fa solo il suo mestiere di imprenditore...Allora che dire dei brevetti sulle cure mediche?
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Anonimo
            io non vedo alcuna differenza tra industria
            del software e industria delle automobili...
            Bill fa solo il suo mestiere di
            imprenditore...Essere imprenditori vuol dire portare innovazione non impedire ad altri di crescere. Riguardo all'industria delle automobili guardati Tucker e quello che le aziende automobilistiche facevano per impedire ad altre aziende di sorgere.
            Allora che dire dei brevetti sulle cure
            mediche?Andrebbero aboliti
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...

            Essere imprenditori vuol dire portare
            innovazione non impedire ad altri die questa dove l'hai letta????leggi la definizione di imprenditore dul codice civile italiano"E` imprenditore chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata (c.c.2555, 2565) al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi"dove si parla di innovazione?
            crescere. Riguardo all'industria delle
            automobili guardati Tucker e quello che le
            aziende automobilistiche facevano per
            impedire ad altre aziende di sorgere.
            strano eh?e la cosa ti stupisce?
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...

            Essere imprenditori vuol dire portare
            innovazione non impedire ad altri di
            crescere. Riguardo all'industria delle
            automobili guardati Tucker e quello che le
            aziende automobilistiche facevano per
            impedire ad altre aziende di sorgere.ma chi l'ha detta sta s*******a?chi dice che l'imprenditore deve innovare?l'imprenditore innova se l'innovazione porta profittose non occorre innovare per il profitto..meglio .L'Imprenditore e' interessato al profitto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...

            L'Imprenditore e' interessato al profitto.

            appunto... alquanto squallido come obiettivo :(Guadagnare 1000? in più all'anno per darne di meno al povero impiegato/operaio/quel che ti pare con debiti e famiglia da mantenereVorrei che ogni tot giorni si invertissero i ruoli... avremmo meno poverà nel paese :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...
            - Scritto da: dotnet
            io non vedo alcuna differenza tra industria
            del software e industria delle automobili...Non sei molto sveglio, allora: c'e' una enorme differenza nel fare macchine e fare software. Ogni macchina che fai ha un suo costo, e c'e' una relazione diretta (ma non lineare, a causa delle economie di scala) tra il numero di macchine che produci e quanto ti costa farle, mentre il costo del SW e' quasi indipendente dal numero delle copie che produci.
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...

            Non sei molto sveglio, allora: c'e' una
            enorme differenza nel fare macchine e fare
            software.
            Ogni macchina che fai ha un suo costo, e
            c'e' una relazione diretta (ma non lineare,
            a causa delle economie di scala) tra il
            numero di macchine che produci e quanto ti
            costa farle, mentre il costo del SW e' quasi
            indipendente dal numero delle copie che
            produci.Cosa credi che per fare XP o Office non ci siano dei costi? E tutta la distribuzione? I dipendenti? Il supporto?E' ovvio come dici tu che ogni "scatola" MS ha un costo fisico praticamente nullo, ma finchè non ne vendono una certa quantità (che non è 1000 o 10000) loro sono in perdita. Se poi superano quella soglia buon per loro, vuoi fargliene un torto?
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...

            Cosa credi che per fare XP o Office non ci
            siano dei costi? E tutta la distribuzione? I
            dipendenti? Il supporto?No, non ci sono costi o comunque sono minimi per XP e per Office. Fanno copia e incolla del codice della versione precedente, aggiungono qualche decina di funzioncine in più (buggate) e mettono al lavoro i grafici a disegnare delle nuove iconcine belle e colorate. Nel caso non riescano a scrivere codice stabile lo copiano dal qualche software open, tanto poi il loro codice è chiuso e nessuno potrà mai dimostrarlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...


            No, non ci sono costi o comunque sono minimi
            per XP e per Office. Fanno copia e incolla
            del codice della versione precedente,
            aggiungono qualche decina di funzioncine in
            più (buggate) e mettono al lavoro i grafici
            a disegnare delle nuove iconcine belle e
            colorate. Nel caso non riescano a scrivere
            codice stabile lo copiano dal qualche
            software open, tanto poi il loro codice è
            chiuso e nessuno potrà mai dimostrarlo.Bravo, che enorme grado di intelligenza!! Mi sa che sei tu che usi office sempre allo stesso modo e non ti accorgi dei miglioramenti di versione in versione. Ovvio che usi word solo per scrivere le solite due righe di testo anche word97 ti va alla grande ed è inutile comprare officeXP. Se invece spendi i tuoi soldini per comprarti l'ultimo office, bhè i casi sono due.. o ti servono le nuove funzionalità.. o non sai come spendere i soldi. Ovvio che se poi il software non lo compri originale.. punterai sempre ad avere l'ultima versione usandola poi al 2%.Togliti i paraocchi e pensa prima di scrivere
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...


            Bravo, che enorme grado di intelligenza!!
            Mi sa che sei tu che usi office sempre allo
            stesso modo e non ti accorgi dei
            miglioramenti di versione in versione.
            Ovvio che usi word solo per scrivere le
            solite due righe di testo anche word97 ti va
            alla grande ed è inutile comprare officeXP.
            Se invece spendi i tuoi soldini per
            comprarti l'ultimo office, bhè i casi sono
            due.. o ti servono le nuove funzionalità.. o
            non sai come spendere i soldi. Ovvio che se
            poi il software non lo compri originale..
            punterai sempre ad avere l'ultima versione
            usandola poi al 2%.

            Togliti i paraocchi e pensa prima di scrivereTranquillo, che dalla prossima versione dovrai aggiornarti anche se non ti serve nulla di nuovo, visto che l'accoppiata Office-Longhorn sarà incompatibile con tutto il pregresso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...
            - Scritto da: Anonimo


            Tranquillo, che dalla prossima versione
            dovrai aggiornarti anche se non ti serve
            nulla di nuovo, visto che l'accoppiata
            Office-Longhorn sarà incompatibile con tutto
            il pregresso.non credo proprio... la gente è oramai stufa dei formati incompatibili... almeno in questo senso anche l'utente medio è maturo... ed MS lo sa.. vedi le incompatibiltà di tutti i formati office tra la versione 97 e 2000 e tra le versioni 2000 e XP ... nel secondo caso sono molto meno marcate (a volte inesistenti)
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...

            No, non ci sono costi o comunque sono minimi
            per XP e per Office. Fanno copia e incolla
            del codice della versione precedente,
            aggiungono qualche decina di funzioncine in
            più (buggate) e mettono al lavoro i grafici
            a disegnare delle nuove iconcine belle e
            colorate. Nel caso non riescano a scrivere
            codice stabile lo copiano dal qualche
            software open, tanto poi il loro codice è
            chiuso e nessuno potrà mai dimostrarlo.come come? non ci sono costi?e le aziende che devono acquistare per togliere dal mercato?e le torme di avvocati che foraggiano per spulciare brevetti e licenze così acquisite per stroncare la concorrenza che non possono comprare?e i creativi pubblicitari ed i commerciali che devono convincere il pubblico delle funzioni che i loro sw dovrebbero avere e che i problemi sono accettabili?e il costo nascosto delle copie pirata che spargono in giro per il mondo (perchè quel famoso codice a 7 cifre è durato tanti anni? perchè sui sw più costosi ci sono tecniche di protezione ormai superate da quelle di un giochino da 20 euro?)?M$ non esita ad affrontare tutti questi costi, lo fa per noi! ;)In effetti bisogna dargli il merito (?) di avere capito l'inghippo della new economy: questi beni sono principalmente immateriali ed i costi di produzione sono principalemente legati alla realizzazione, non alla "costruzione" del bene, quindi poche copie significano perdita e tante significano guadagno; questo va a braccetto con il caro vecchio concetto di monopolio, quindi facciamo un bene, spendiamo per farlo diffondere, rendiamolo incompatibile col resto del mondo così ci teniamo stretti i clienti, facciamo fuori la concorrenza dopo che la abbiamo indebolita e quando il controllo è saldo abbiamo un monopolio inattaccabile e possiamo imporre le condizioni che vogliamo... in più questo su un nuovo mercato di cui i legislatori e politici non hanno ancora capito l'importanza e la portata, e quando il monopolio sarà completato e il mercato mostrerà il suo vero potere potremo comprarci anche le sentenze per legittimare il monopolio (con questo non giustifico l'atteggiamento di chi giustifica la pochezza o arretratezza tecnica o concettuale di alcuni prodotti con un "combattiamo l'impero del male", perchè fa solo peggio, ma qui il discorso è molto ampio e OT)
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...
            - Scritto da: Anonimo

            Cosa credi che per fare XP o Office non ci
            Nel caso non riescano a scrivere
            codice stabile lo copiano dal qualche
            software open, tanto poi il loro codice è
            chiuso e nessuno potrà mai dimostrarlo.ahahah... parli di software come se fossero caramelle... ahahah... lo copiano da qualche software open??? ... ma cos'è il tema delle elementari... ahahahah.. e magari riescono ad interfaciarsi perfettamente senza manco uno straccio di porting... ahahahahah .. ammettilo, quante volte hai visto synapse???
          • Anonimo scrive:
            Pessimo, il brevettare i concetti...
            --
            se avessero potuto brevettare in tempo (quindi prima che diventasse di uso comune, conosciuto e quindi non brevettabile) il concetto di "programma per scrivere lettere commerciali o private, o testi in genere, con possibilità di scelta del carattere utilizzato ottimizzato per la stampa" non avremmo che un solo word processor. Lo stesso dicasi per Visicalc: altro che excel, nessun altro avrebbe potuto fare uno spreadsheet come lo conosciamo.E l'idea di usare la metafora delle cartelle, e desktop?"E' tutto un magna magna" (johnny stecchino)
          • dotnet scrive:
            Re: Siamo alle solite...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: dotnet


            io non vedo alcuna differenza tra
            industria

            del software e industria delle
            automobili...

            Non sei molto sveglio, allora: c'e' una
            enorme differenza nel fare macchine e fare
            software.
            Ogni macchina che fai ha un suo costo, e
            c'e' una relazione diretta (ma non lineare,
            a causa delle economie di scala) tra il
            numero di macchine che produci e quanto ti
            costa farle, mentre il costo del SW e' quasi
            indipendente dal numero delle copie che
            produci.ma che genio che sei... praticamente non cambia nulla perché tutti possono fare 1mln di copie di un software anche quelli che lo scroccano... il brevetto può servire a questo.
          • ACD scrive:
            Re: Siamo alle solite...

            ma che genio che sei... praticamente non
            cambia nulla perché tutti possono fare 1mln
            di copie di un software anche quelli che lo
            scroccano... il brevetto può servire a
            questo.Errato. Per quello esiste il copyright. Il brevetto e' un'altra cosa. Prima di parlare sarebbe meglio capire il significato dei termini che si usano.
          • Anonimo scrive:
            Re: Siamo alle solite...
            Eccone un altro che alla fine del mese non deve mettere la firma sugli assegni degli stipendi dei suoi sviluppatori (software o cmq di beni intangibili come il progetto di un ponte).
        • Anonimo scrive:
          Re: Siamo alle solite...
          ma sparati
  • Anonimo scrive:
    E chiunque abbia avuto modo
    ... di provare un traduttore software (sia di quelli online sia di quelli offline che possono prendersi qualche minuto per pensarci su) sa che i malaugurati che lo useranno si faranno si' un sacco di risate, ma non capiranno un tubo di quel che si che verra' detto loro.Ci manca solo il filtro di un traduttore penoso, per impoverire ulteriormente le rispettive lingue ed atrofizzare i cervelli.Burp
    • Anonimo scrive:
      Re: E chiunque abbia avuto modo
      :-) però sarà divertente chattare cosi. Che tempo fa? -
      Che ore sono?le 6 e mezzo -
      sesso a meta !:-) non si capirà niente ma sicuramente quache risatina scapperà :-)
    • MrShark scrive:
      Re: E chiunque abbia avuto modo
      sa che i malaugurati che lo useranno si faranno si' un
      sacco di risate, ma non capiranno un tubo di quel che
      si che verra' detto loro. un esempio prima di disinstallare il sw di cui non ricordo il nome:about the search --
      circa la cercaun amico mi ha anche detto di opensource --
      sorca aperta, ma mi sa di burla... voglio sperarlo! ;-)))
Chiudi i commenti