WebTheatre/ Internet, il bello della diretta

di G. Niola - Piattaforme grandi e piccole si ricorrono nella corsa al video live. Gli annunci e gli inserzionisti si affollano, ma le strategie non sembrano particolarmente originali

Roma – La settimana scorsa si è tenuta la VidCon , fiera di settore (americana) dei video online. È stato quindi il momento giusto per molte società per rilasciare i propri annunci in materia di streaming. È successo così che, non casualmente, molti di questi annunci riguardavano il live, cioè l’offrire la possibilità ai propri utenti di registrare e trasmettere video in diretta in maniera più o meno professionale. È la strada intrapresa da Facebook Live, Periscope o Meerkat, e ora non solo altri soggetti entrano nell’arena, ma è l’arena stessa che a quanto pare si è ingrandita.

In uno dei suoi soliti annunci spacconi Facebook ha messo a disposizione 50 milioni di dollari da dividere in 140 accordi diversi con editori e personalità di spicco (non si sa se della tv o della rete) per produrre show in diretta. Per alcuni soggetti come Buzzfeed e il New York Times si parla di oltre 3 milioni di dollari.

Tumblr si è alleato con YouTube e altri canali per trasmettere video in diretta. Per i contenuti poi si appoggia a Mashable , Refinery29 e MTV . Non è ben chiaro da dove prenderà la materia prima per finanziare tutto questo, ma è evidente che una delle piattaforme principali per la pubblicazione, spaventata dall’essere sorpassata da alternative più promettenti per le nuove generazioni, stia cercando il suo posto al sole in un territorio che tutti ritengono fondamentale.

Forse il più interessante di tutti però è Twitter , che da ora offrirà la tanto attesa e scontata possibilità di incorporare i video di Periscope dentro i tweet, assieme ad un nuovo sistema di rilevazione dell’audience. Soprattutto, nonostante sia stato al centro di un interessante esperimento ad un sit-in del partito democratico che nessuno voleva trasmettere e invece è andato live su Periscope, secondo Associated Press sembra che si stia muovendo per firmare una serie di accordi per trasmettere live grandi eventi. Già in passato ha fatto la stessa cosa con 10 partite di football del campionato principale ricevendo una sorprendente quantità di richieste dagli inserzionisti pubblicitari.
Si tratta praticamente di ritrasmettere online la televisione, contemporaneamente l’idea più banale ma anche quella che può interessare al maggior numero di utenti, visto quanto i più fedeli dei social media progressivamente schifino il televisore.

E mentre i player più piccoli cercano di accaparrarsi i grandi creativi della diretta del domani con offerte in denaro (ad esempio Live.me ha messo sul tavolo 500.000 dollari e cerca idee), YouTube , che il video live l’ha offerto per primo ma che oltre ad alcuni esperimenti non ci ha mai fatto molto, adesso ha deciso di offrire la funzione a tutti anche sulla sua app per smartphone, di fatto entrando in competizione diretta (e finalmente) con Pericope, Facebook e via dicendo.

È evidente da tutti questi annunci, arrivati tutti insieme, che non manca il denaro da investire, dunque non manca la fiducia degli inserzionisti e la convinzione degli editori o delle startup che la diretta abbia un potenziale fortissimo da esprimere, che insomma sia rilevante. Ma è anche evidente dal tipo di annunci che quel che manca sono le idee, tanto che la maggior parte delle compagnie è proprio per quello che mette i propri soldi sul tavolo. I creativi, gli youtuber della diretta, gli influencer o qualsiasi cosa possano essere, sono, secondo loro, gli unici a poter intuire prima di altri cosa faremo con questa diretta, quali siano le “trasmissioni” che avranno un senso online. Soprattutto, e questa è una domanda che è difficile non farsi, cosa potrà spingere le persone a tornare a quella logica dell’appuntamento che internet stesso ha smontato? Non siamo più abituati ad aspettare una certa ora per vedere qualcosa che non sia un evento sportivo, perché dovremmo farlo per uno show se questo non ha una ragione più che valida per non essere on demand?

Gabriele Niola
Il blog di G.N.

I precedenti scenari di G.N. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mau scrive:
    Chi sono i veri truffati?
    Chi sono i veri truffati?I clienti VW hanno avuto qualche malfunzionamento?Secondo me i veri truffati siamo noi cittadini che respiriamo....E le case autmobilistiche concorrenti
    • Maxsix scrive:
      Re: Chi sono i veri truffati?
      - Scritto da: Mau
      Chi sono i veri truffati?
      I clienti VW hanno avuto qualche malfunzionamento?

      Secondo me i veri truffati siamo noi cittadini
      che
      respiriamo....Ok, quindi a tutti quelli che mettono i scarichi tonanti, modificano le centraline, e che nei fatti portano l'auto al di fuori delle fiche e dei dati tecnici di omologazione cosa facciamo?No perchè ok il defeat device, ma il principio e lo stesso...Posso fargli causa anch'io?Un miliardo è un po' esagerato, ma chessò un 100 banane ci stanno comode comode.
      • Epyte scrive:
        Re: Chi sono i veri truffati?
        - Scritto da: Maxsix
        Ok, quindi a tutti quelli che mettono i scarichi
        tonanti, modificano le centraline, e che nei
        fatti portano l'auto al di fuori delle fiche e
        dei dati tecnici di omologazione cosa
        facciamo?Non mi risulta siano la totalità.Guarda che non c'è alcuna certezza che inquinino di più,dipende dalla modifica che fai.
        No perchè ok il defeat device, ma il principio e
        lo
        stesso...Si proprio uguale :D
Chiudi i commenti