WhatsApp, la sanzione milionaria dell'Antitrust

L'AGCM ha multato l'app di messaggistica per le modalità con cui ha indotto gli utenti italiani ad accettare la condivisione dei propri dati con Facebook. Il vantaggio economico di tale pratica, secondo l'authority, è evidente, checché ne dica il colosso in blu

Roma – Nell’integrarsi più strettamente a Facebook introducendo la condivisione dei dati fra le due piattaforme, anche a scopo pubblicitario, nell’indurre gli utenti ad accettare queste rinnovate condizioni, a dispetto delle promesse formulate al momento dell’acquisizione da parte del social network in blu, WhatsApp ha violato il Codice del Consumo : lo ha stabilito l’autorità antitrust italiana, che ha comminato al servizio una sanzione da tre milioni di euro .

L’AGCM aveva iniziato ad indagare formalmente sulla posizione di WhatsApp nel mese di ottobre dello scorso anno, a pochi mesi dall’ annuncio del cambiamento dei termini contrattuali, ad abbracciare la condivisione dei dati con Facebook: due erano le istruttorie avviate, una volta ad analizzare le modalità con cui il servizio di messaggistica istantanea ha sottoposto ai propri utenti il cambio delle condizioni d’uso, l’altra a valutare la regolarità di alcune delle clausole dei Termini di servizio dell’applicazione.

Per quanto riguarda il primo procedimento , l’AGCM ha analizzato le modalità con cui WhatsApp ha segnalato ai propri utenti “la condivisione con Facebook di alcune informazioni degli
utenti di WhatsApp Messenger per migliorare le proprie esperienze con le inserzioni e i prodotti di Facebook , in altri termini detto per finalità proprie di Facebook relative a propri prodotti e finalità pubblicitarie “. Gli utenti di WhatsApp già registrati ad agosto 2016, alla prima apertura dell’app, ricevevano un messaggio che li informava della necessità dell’accettazione dei nuovi termini d’uso , messaggio che si sarebbe ripresentato per 30 giorni fino alla conferma dell’accettazione. Il Garante aveva rilevato poi che WhatsApp avrebbe in diverso modo indotto gli utenti ad accettare le modifiche : “secondo quanto prospettato nel messaggio – osserva l’AGCM – l’utente non avrebbe potuto più continuare ad utilizzare l’app e il suo account sarebbe stato cancellato, trascorso un certo tempo tecnico, secondo le procedure interne di WhatsApp”, mentre nella comunicazione che compariva a seguito dei 30 giorni di mancata accettazione si affermava che “Se non desideri accettare, dovrai interrompere l’uso di WhatsApp”. L’accettazione delle modifiche alle condizioni d’uso, però, non determinava necessariamente l’autorizzazione alla condivisione dei dati fra i due servizi, a dispetto di quanto WhatsApp sembrava voler suggerire: all’utente era concesso negare l’autorizzazione alla condivisione, deselezionando il segno di spunta apposto accanto alla clausola o operando a posteriori sulle impostazioni del servizio.

WhatsApp, chiamata a rispondere dall’authority, ha sostenuto di aver diffuso “un’informativa dell’aggiornamento adeguata e prominente , trasparente e comprensibile , all’interno dell’applicazione e tramite numerosi altri mezzi (FAQ e blog sul sito web)” e di non aver adottato alcuna pratica aggressiva, nel rispetto del Codice del Consumo, “in quanto non sarebbe dimostrata e dimostrabile la sussistenza di molestie, coercizione, compreso il ricorso alla forza fisica o indebito condizionamento “. L’azienda inoltre ha posto rilevanza sulle tempistiche offerte al consumatore per valutare la propria scelta, peraltro aggiornabile ricorrendo alle impostazioni dell’app, e sul fatto che, date le procedure aperte nel contesto europeo da diverse autorità che si occupano della tutela della privacy dei cittadini, la condivisione dei dati per finalità pubblicitarie è stata sospesa e rimandata a data da destinarsi.

Secondo quanto ha riferito WhatsApp al Garante, della popolazione stimata fra i 30 e i 50 milioni di utenti italiani , un numero calcolato fra i 2 e i 7 milioni ha scelto di non autorizzare la condivisione dei propri dati con Facebook: una operazione dunque possibile, ma secondo il Garante presentata in maniera macchinosa, a tutto vantaggio del polo Facebook-WhatsApp. La rilevanza economica della condivisione dei dati è evidente, segnala l’AGCM a dispetto di quanto sostenuto da WhatsApp, “che nega il valore economico dei dati personali degli utenti” pur ammettendo nelle dichiarazioni raccolte negli atti che “l’attività di condivisione dei dati con Facebook migliorerà l’attività di advertising della medesima e dovrebbe generare ricavi direttamente a Facebook “.

È dunque altrettanto evidente il vantaggio di proporre agli utenti l’accettazione delle modifiche contrattuali “attraverso una procedura in-app (…) che prevedeva l’informazione sulla necessità di tale accettazione a pena di dover interrompere la fruizione del servizio, l’inadeguata evidenziazione della possibilità di poter negare il consenso alla condivisione dei dati con Facebook e la difficoltà di poter esercitare concretamente tale opzione”, offerta solo in regime di opt-out e in una pagina secondaria , accessibile dalla schermata presentata dall’app solo all’utente che avesse scelto di approfondire.

Secondo il Garante, WhatsApp ha dunque adottato una pratica commerciale aggressiva , che attraverso un indebito condizionamento ha di fatto limitato la libertà di scelta il comportamento del consumatore medio. Una condotta che, analizzata la gravità e il perdurare della violazione, il valore dell’operazione per Facebook e la posizione sul mercato dell’app di messaggistica, è valsa a WhatsApp l’ordine di interrompere immediatamente il comportamento e una sanzione di 4 milioni di euro, ridotta però a 3 milioni di euro dall’attenuante della sospensione sul territorio europeo della condivisione dei dati con Facebook.

La sanzione irrogata dall’AGCM per la violazione del codice del consumo nel contesto del rinnovamento del termini contrattuali volto alla condivisione dei dati con Facebook non è però l’unico provvedimento adottato dall’authority antitrust. Anche la seconda istruttoria , avviata per accertare l’eventuale vessatorietà delle clausole contrattuali , si è conclusa con un rimprovero per il servizio di messaggistica: fra le altre condizioni, la genericità nell’assunzione e nella limitazione delle responsabilità in capo al servizio, il fatto di riservarsi unilateralmente il diritto di sospendere il servizio senza motivo né preavviso, anche rispetto al singolo utente, e di modificare, anche in termini economici, le condizioni d’uso, sono state ritenute dall’AGCM clausole di natura vessatoria. Per questo motivo il servizio dovrà presentare all’utente italiano adeguata informativa sulla versione in italiano del sito dedicato all’app e attraverso una notifica veicolata dall’applicazione.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Zucchina Trifolata scrive:
    ahi ahi che dolore
    https://www.engadget.com/2017/05/12/12-countries-hit-in-massive-cyber-heist/[img]http://www.zerohedge.com/sites/default/files/images/user3303/imageroot/2017/05/10/20170512_hack14_0.jpg[/img]Facciamo finta di niente? No, perchè quando il SO è un altro tutta la "stampa", lacchè e fanboi annessi, mettono in modo la macchina del fango per qualsiasi sciocchezza.P.S.: per quelli come zucca vuota che non hanno capito una c1pp@ (come al solito) il ransomware colpisce ANCHE le vecchie versioni (xp, WS 2003, win8), quelle che M$ vuole vedere morte.
    • user_ scrive:
      Re: ahi ahi che dolore
      No non piu' xp, oggi c'era la notizia che MS ha fatto la patch (in win update o fuori da esso ) per win xp e l'ha diffusa, per questo ransomware "wannacry" -pt.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 maggio 2017 14.05----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 maggio 2017 14.06-----------------------------------------------------------
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: ahi ahi che dolore
      - Scritto da: Zucchina Trifolata
      P.S.: per quelli come zucca vuota che non hanno
      capito una c1pp@ (come al solito) il ransomware
      colpisce ANCHE le vecchie versioni (xp, WS 2003,
      win8), quelle che M$ vuole vedere
      morte.Quelle versioni sono appunto morte. Il non avere capito e l'ostinarsi ad usarle.
    • nome e cognome scrive:
      Re: ahi ahi che dolore

      P.S.: per quelli come zucca vuota che non hanno
      capito una c1pp@ (come al solito) il ransomware
      colpisce ANCHE le vecchie versioni (xp, WS 2003,
      win8), quelle che M$ vuole vedere
      morte.E Windows 95?
  • ... scrive:
    ...
    San XXXXXo, vergine e martire di Nino SpirlìChe a Frosinone i ciociari festeggino devotissimamente Santa XXXXXX, non era e non è un mistero: il 3 maggio, infatti, è il giorno dedicato a S. Elena Flavia Giulia. Madre dellimperatore Costantino ritrovò, secondo la tradizione cristiana, allinizio del IV sec d.c., i resti della Croce Santa. (così come viene ricordato ufficialmente sul sito del Comune del capoluogo ciociaro.) Per tutto il frusinate, molto più familiarmente XXXXXX, e non si sa precisamente perché.Ma che il novello consulente della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede, il gesuita James Martin, passi il proprio tempo a scrivere post arcobaleno sul proprio profilo facebook, è veramente una ennesima scabrosa prova che il vaticano stia cercando, col papampero, di trasformarsi in una specie di pomeriggiocinque della religione. Una sorta di suk delle Cose di Dio, nel quale il XXXXX e il padrenostro convivono con pari (?) orrorosa dignità.Il birbantello dun gesuita ha postato un concetto del tutto personale che ricorda un po una di quelle spiegazioni pecorecce della proprietà transitiva, del tipo se Ciccio mangia e rutta e Ciccio è padre di Turiddu, anche Turiddu mangia e ruttaIl colleghino della tonaca bianca delle pampas, infatti, in un conato di generosità verso qualche sodale XXXXXXXXX (non vi offendete: noi omosessuali, a sud di CapoNord, veniamo chiamati così anche benevolmente NdA), ha scritto la seguente frase: Some of them were probably gay. A certain percentage of humanity is gay, and so were most likely some of the saints. You may be surprised when you get to heaven to be greeted by LGBT men and women.Schermata 2017-05-10 alle 21.55.19 Chissà se SantAntonino da Firenze lo eraMa torniamo a bomba sulla bomba XXXXXa del monsignore. Posso dichiararmi trasecolato? Non scandalizzato, attenzione!, ma trasecolato. Una dichiarazione lasciata scivolare fra le mille XXXXXXXte di un social, che, però, confuta duemila anni di prese di posizione del Cristianesimo sullomosessualità, non può che farmi vacillare come fedele cattolico.Allora mi chiedo: stanno decidendo di desatanizzare la sodomia, oppure questo lo spediscono in Patagonia a baliare i pinguini orfani? No, perché la cosa mi interessa. Io prego molto. Sono fedelissimo e vesto lo Scapolare della Vergine del Carmelo con esasperata Fede e diligenza. Però, guardo i bei giovanotti (maggiorenni ed emancipati, ché di altro non sono mai stato estimatore) e, spesso, me ne innamoro. Di tanto in tanto, con deferente devozione, mi chiedo se ci sarà posto per me fra i pruni in fiore del Paradiso. Lo spero, certo, ma non ci giurereiOra, invece, il pezzo grosso del Vaticano mi tranquillizza e, anzi, mi rassicura: a svolazzare fra le note delle cetre e dei flauti angelici, potrei incontrare magari Francesco dAssisi e Antonio da Padova con camicie hawaiane e calzoni in pelle nera senza coprichiappe. O, Dio perdoni, Santa Lucia che si lascia amorevolmente strappare le sopracciglia da Agata, coisolana, vergini lesbiche entrambe ed estetiste domestiche faidaté E, chissà, anche la mascolina Jeanne dArc O il troppo gentile San Gabriele dellAddolorata Non voglio pensare ai Santi che si sono occupati dellinfanzia abbandonataMio Dio, Signore, come ci stai mettendo alla prova! Ci palesi, quotidianamente, una Chiesa che sembra moderna e coraggiosa, e, invece, è la prova provata che per troppi decenni le porte dei seminari, dei conventi, delle scuole Cristiane, siano state troppo aperte. Troppo spalancate, come chiedeva il santo subito. Troppe concessioni hanno buttato tonache e clergyman fra gli stracci per la polvere, sdoganando, anche sullaltare, maglioncini firmati e jeans segnaXXXXXXXX. Con la stessa volgarità che sbava dagli amboni, dove Gesù è troppo spesso troppo uomo e poco Dio. Comunista e rivoluzionario, anziché Fratello e Padre al contempo.Non era buono il medioevo sugli altari, certo. Ma neanche questa deriva scostumata che ci sta mettendo alla prova.Ma, mi domando addolorato e confuso, saranno ancora buoni i Dieci Comandamenti? A pomeriggiocinque, una buona metà è stata messa nel tritacarne: anche fra le ceneri di Pietro è la stessa cosa???Fra me e me: cosciente dei miei errori e dei miei limiti. E, perché no, di qualche virtù. Ma, santo, no. Anche no!
    • ... scrive:
      Re: ...
      [img]http://cdn.meme.am/cache/instances/folder136/500x/54744136/does-not-simply-walk-into-mordor-boromir-ci-vuole-coraggio-per-scrivere-XXXXXXX-simili.jpg[/img]
    • BSD_like scrive:
      Re: ...
      Non ho letto tutto; ma non capisco cosa "c'azzecca" con l'articolo.Oltretutto anche se fai "cut & paste" dai siti web come quello del comune di Frosinone, cerca di scrivere "santa croce", "dio", etc. in piccolo.Siamo su un sito che fà riferimento a Tecnologia & Scienza (quelle si in maiuscolo), anche se lentamente và verso il modello editariale show della "zinnnona" (Barbara d'Urso ho visto che si chiama chi idea e conduce lo show che vede sempre mia madre che ha 70 anni).
  • doors scrive:
    pressione continua
    M$ ce la farà ad imporre quello che vuole, store compreso.E' una combinazione di potenza della ripetizione martellante e di inconsapevolezza delle nuove generazioni, sempre più massificate e sempre più facili da manipolare perché sempre più dipendenti dalla condivisione, e quindi da quello che fanno gli altri loro simili.Sempre stato così, ma oggi siamo all'ecXXXXX.
  • sciabolata classica scrive:
    Il nuovo Windows parla Fluent
    Il nuovo Windows parla FluentoIl nuovo Windows parla Flatulent?Meditate gente, meditate.
  • IL NORD scrive:
    ...
    [img]http://billmurray.it/leganord/vu.JPG[/img]
  • iRoby scrive:
    Microzozz vende Linux
    Hanno messo nello store le distribuzioni Linux più famose da installare su Windows con la virtualizzazione.Microsoft vende Linux. Uuuhhhh come cambiano i tempi...Ricordo ancora Ballmer che diceva che era un cancro che andava combattuto. Mamma mia che gente lungimirante che esiste al mondo... Hanno capito tutto della vita e della natura umana che è collaborativa, non competitiva.Oggi un sistema collaborativo praticamente domina ovunque non ci sia un monopolio...
    • bertuccia scrive:
      Re: Microzozz vende Linux
      - Scritto da: iRoby

      Hanno messo nello store le distribuzioni Linux
      più famose da installare su Windows con la
      virtualizzazione.

      Microsoft vende Linux. Uuuhhhh come cambiano i
      tempi...

      Ricordo ancora Ballmer che diceva che era un
      cancro che andava combattuto.se è per quello ha anche detto che l'iphone sarebbe stato un fallimento.. addirittura gli celebrarono un finto funerale[img]http://www.tomshw.it/files/2010/09/immagini/26981/funerale-iphone-1_t.jpg[/img]invece poi è morto windows phone
      Mamma mia che gente lungimirante che esiste al
      mondo... Hanno capito tutto della vita e della
      natura umana che è collaborativa, non
      competitiva.
      Oggi un sistema collaborativo praticamente domina
      ovunque non ci sia un monopolio...se per collaborativo intendi che google ti dice di mangiare la XXXXX e tu la mangi e zitto, allora sì
      • collione scrive:
        Re: Microzozz vende Linux
        - Scritto da: bertuccia
        se per collaborativo intendi che google ti dice
        di mangiare la XXXXX e tu la mangi e zitto,
        allora
        sìfermo fermo, da Cupertino e' arrivato l'ordine di leccare Google che sta sforando il mitico Fuchsia, l'anti-Linux per eccellenzanon hai letto i post di maxsix? l'ordine non ti e' arrivato ancora? contatta il quartier generale a Bangalore (rotfl)
        • bertuccia scrive:
          Re: Microzozz vende Linux
          - Scritto da: collione

          fermo fermo, da Cupertino e' arrivato l'ordine di
          leccare Google che sta sforando il mitico
          Fuchsianon credo proprio, uno dei punti di forza di iOS sono le performance rispetto ad androidse sostituiscono il XXXXX a pedali con Fuchsia, android potrebbe risultare più competitivoc'è da vedere se google si arrischierà a perdere la fedeltà di quei 4 gatti spelacchiati (cit.) col bandierone di stallman, la GPL tatuata sul petto e i sandali puzzolenti
          • razzate scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            razzate, se android è un XXXXX non è certo colpa del kernel ma dell'abominio di userspace che ci hanno costruito sopra.
    • collione scrive:
      Re: Microzozz vende Linux
      no no, preferisco usare l'originale, non virtualizzato e quindi senza Windows di mezzoaltrimenti poi succede questo http://www.zerohedge.com/news/2017-05-12/massive-ransomware-attack-goes-global-huge
      • Zucca Vuota scrive:
        Re: Microzozz vende Linux
        Ecco perchè gli update obbligatori sono una grande cosa. Dovevano attivarli prima!
        • panda rossa scrive:
          Re: Microzozz vende Linux
          - Scritto da: Zucca Vuota
          Ecco perchè gli update obbligatori sono una
          grande cosa. Dovevano attivarli
          prima!Per attivare gli update obbligatori occorre prima imparare a fare alcune cosette semplici semplici1) il download degli update deve essere a bassa priorita' e comunque posticipabile, visto che la stragrande maggioranza della gente paga per la banda e vorrebbe scaricare quei pochi tera quando ha a disposizione una connessione AGGRATIS2) siccome la gente non usa il computer solo per guardare i XXXXX ma ogni tanto lavora, l'update non deve obbligare al riavvio3) l'update non deve neanche rallentare la procedura di spegnimento, che uno quando spegne, spegne. Un messaggio del tipo "update in corso, non spegnere" ottiene soltanto che la gente spenge lo stesso, ma lo fa bestemmiando.4) il computer dopo il riavvio effettuato dall'update deve ripartire.Non e' accettabile che dopo 30 anni, la gente debba ancora avere paura che l'update gli mandi in XXXXX il sistema.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            Come ti ho già più volte consigliato, a te serve un corso di Windows. Proprio non sai usarlo e, per questo, continui a scrivere a vanvera.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            Non si può dire che gli update forzati siano una idiozia.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            - Scritto da: Sg@bbio
            Non si può dire che gli update forzati siano una
            idiozia.Visto l'altro post penso che tu voglia dire che gli update forzati sono una idiozia. Gli update forzati sono una cosa GRANDE e BUONA! Con gli update forzati i problemi di questi giorni sarebbero stati estremanente più limitati.
          • non so scrive:
            Re: Microzozz vende Linux

            Gli update forzati sono una cosa GRANDE e BUONA!
            Con gli update forzati i problemi di questi
            giorni sarebbero stati estremanente più
            limitati.Se dopo i fatti di questi giorni qualcuno non ha ancora capito perché gli update su Windows devono essere obbligatori, rispondergli è tempo perso.
          • io so benissimo scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            Se in M$ non hanno capito, tirapiedi compresi, che gli update non devono rompere i XXXXXXXX agli utenti allora la storia si ripeterà.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            - Scritto da: io so benissimo
            Se in M$ non hanno capito, tirapiedi compresi,
            che gli update non devono rompere i XXXXXXXX agli
            utenti allora la storia si
            ripeterà.Il problema sparirà nel tempo grazie agli aggiornamenti finalmente obbligatori.
          • panda rossa scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            - Scritto da: Zucca Vuota
            Come ti ho già più volte consigliato, a te serve
            un corso di Windows. Proprio non sai usarlo e,
            per questo, continui a scrivere a
            vanvera.Ok, ti ringrazio per il consiglio.Per usare winsozz e' necessario seguire un corso.Lo dici tu che sei il massimo esperto di winsozz del forum, quindi deve essere senz'altro vero.A questo punto te ne do io uno a te di consiglio.Dovendo COMUNQUE dedicare del tempo a seguire un corso, tanto vale studiare IL sistema operativo, e non la fetecchia clicca clicca di M$.IL sistema operativo e' quello usato dalle universita', dai centri di elaborazione scientifica, dai migliori top500, e non e' certo il giocattolo desktop dove proliferano virus e malware.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Zucca Vuota
            Ok, ti ringrazio per il consiglio.
            Per usare winsozz e' necessario seguire un corso.A te è necessario visto che ti ostini a non conoscere le cose più elementari. Da quello che scrivi non hai visto neanche il pannello delle impostazioni.
            IL sistema operativo e' quello usato dalle
            universita', dai centri di elaborazione
            scientifica, dai migliori top500, e non e' certo
            il giocattolo desktop dove proliferano virus e
            malware.Ma che lavoro fai, esattamente? Giusto per capire come fai a fare certe affermazioni.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Microzozz vende Linux
          - Scritto da: Zucca Vuota
          Ecco perchè gli update obbligatori sono una
          grande cosa. Dovevano attivarli
          prima!E' già ! Trattiamo TUTTI GLI UTENTI come bimbi autistici.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Microzozz vende Linux

            E' già ! Trattiamo TUTTI GLI UTENTI come bimbi
            autistici.Eh già! Io non voglio vaccinarmi, sto attento ai virus, io. Eh già! Io non voglio portare la cintura, guido piano, io. Eh già! Io non voglio fare i controlli di sicurezza all'aeroporto, non sono un terrorista, io.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            - Scritto da: Sg@bbio
            E' già ! Trattiamo TUTTI GLI UTENTI come bimbi
            autistici.Rendiamoci conto che in questi giorni c'è un attacco di un ransomware che sfrutta una vulnerabilità chiusa da settimane. Qui ci sono gli utenti che cliccano su cose che non dovrebbero e sistemisti che non hanno installato gli aggiornamenti di sicurezza.Questo ultimo comportamente l'ho già visto in passato (ad esempio con Codered e Conficker). Gli utenti ignoranti e incapaci si devono sopportare e supportare. Siccome i sistemisti "colpevoli" non fanno il loro lavoro, allora ben vengano gli aggiornamenti obbligatori.Ci sarebbe poi da discutere su quelli che ancora usano XP, su quelli che scrivono il software in modo becero, su quelli che acquistano qualcosa senza pensare alla gestione dell'obsolescenza.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 maggio 2017 10.49-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            - Scritto da: Zucca Vuota

            Ci sarebbe poi da discutere su quelli che ancora
            usano XP, su quelli che scrivono il software in
            modo becero, su quelli che acquistano qualcosa
            senza pensare alla gestione
            dell'obsolescenza.Gia', la colpa e' di chi oggi usa ancora XP solo perche' va bene alle esigenze di quelle persone.Non e' di chi in oltre 10 anni non e' stato capace di tappare tutti i buchi presenti in XP.
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            Che ragionamenti sciocchi.XP è obsolete e va aggiornato con una versione più recente. Succede anche con Linux e altri software, sai?
          • grizzo scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            Ahahah Panda sempre sul pezzo, vai avanti così che senza di te qua sarebbe un mortorio.
          • ... scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Zucca Vuota




            Ci sarebbe poi da discutere su quelli che
            ancora

            usano XP, su quelli che scrivono il software
            in

            modo becero, su quelli che acquistano
            qualcosa

            senza pensare alla gestione

            dell'obsolescenza.

            Gia', la colpa e' di chi oggi usa ancora XP solo
            perche' va bene alle esigenze di quelle
            persone.
            Non e' di chi in oltre 10 anni non e' stato
            capace di tappare tutti i buchi presenti in
            XP.NOTE: By turning on TLS support in Postfix, you not only get the ability to encrypt mail and to authenticate remote SMTP clients or servers. You also turn on hundreds of thousands of lines of OpenSSL library code. Assuming that OpenSSL is written as carefully as Wietse's own code, every 1000 lines introduce one additional bug into Postfix.
          • Elrond scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            Una vulnerabilità patchata anche in XP SP3. Quanti hanni è stata in giro questa cosa? Complimenti, proprio un bel lavoro MS.E no, W10 è da boycottare a mansalva comunque. Se voglio uno spyware sul mio PC, ne installo uno di mio gradimento
        • collione scrive:
          Re: Microzozz vende Linux
          eh si e nose poi ti s'intrippa il computer e va in reboot continuamente? e' capitato eh!ed e' fattibile ovunque? a me che lo uso in VM per realizzare programmi .NET fa XXXXXXXre come una biscia quando continua a ripeterti di riavviare, poi si mette con sul 20%...30%...40%...quando fai lo shutdown e poi durante il successivo riavviofigurati in cui contesto piu' complesso quant'e' fastidiosoma detto questo, rimane il nocciolo della questione, ovvero che le monocolture sono il male assoluto per la sicurezza e la salute dei sistemi complessiche sia android su mobile o windows su pc, e' sempre una rognaper fortuna il pezzo piu' importante, ovvero i server, non vede monocolture
          • Zucca Vuota scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            - Scritto da: collione
            se poi ti s'intrippa il computer e va in reboot
            continuamente? e' capitato
            eh!Una cosa che si gestisce. Meglio che perdere i dati e ripristinare una moltitudine di computer.Tra parentesi a me non è mai capitato. Parlo sia di aziende che di casa mia. Sarà la mia nota fortuna? O forse una politica di gestione corretta?
            ed e' fattibile ovunque? a me che lo uso in VM
            per realizzare programmi .NET fa XXXXXXXre come
            una biscia quando continua a ripeterti di
            riavviare, poi si mette con sul
            20%...30%...40%...quando fai lo shutdown e poi
            durante il successivo
            riavvioNon farmi il Panda Rossa! Puoi programmare l'intervallo temporale dell'operazione, sai? La VM è un dettaglio.
            figurati in cui contesto piu' complesso quant'e'
            fastidiosoIn un contesto più complesso puoi usare anche altri strumenti.
            ma detto questo, rimane il nocciolo della
            questione, ovvero che le monocolture sono il male
            assoluto per la sicurezza e la salute dei sistemi
            complessiIl solito discorso inutile: la monocultura è un dato di fatto e quindi, per rimediare, non aggiorniamo i sistemi?
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Microzozz vende Linux


            se poi ti s'intrippa il computer e va in
            reboot

            continuamente? e' capitato

            eh!

            Una cosa che si gestisce. Meglio che perdere i
            dati e ripristinare una moltitudine di
            computer.

            Tra parentesi a me non è mai capitato. Parlo sia
            di aziende che di casa mia. Eh, a me si. L'ho visto succedere molto tempo fa, su un PC con Windows 7. Sul mio non è mai accaduto, ma ho l'abitudine di fare un'immagine della partizione di sistema prima di procedere. Niente di preoccupante, una volta al mese si può fare, ma se fosse possibile evitare sarebbe meglio.
          • bubba scrive:
            Re: Microzozz vende Linux
            - Scritto da: Zucca Vuota
            - Scritto da: collione


            se poi ti s'intrippa il computer e va in
            reboot

            continuamente? e' capitato

            eh!

            Una cosa che si gestisce. Meglio che perdere i
            dati e ripristinare una moltitudine di
            computer.

            Tra parentesi a me non è mai capitato. Parlo sia
            di aziende che di casa mia. Sarà la mia nota
            fortuna? O forse una politica di gestione
            corretta?sara' fortuna + una politica di buttare costantemente cio' che invecchia (a prescindere dal fatto che funzioni benone)... gia' solo nel post M$ sul 'disable smbv1' vedi lagnanze di perdita di dati... es quelle scritte da Randy P2 [ https://blogs.technet.microsoft.com/filecab/2016/09/16/stop-using-smb1/ ]
            Il solito discorso inutile: la monocultura è un
            dato di fatto e quindi, per rimediare, non
            aggiorniamo i
            sistemi?se serve, si. L'alternativa e' che M$ mi REGALI il computer l'os e la connessione e io, bonta' mia, lo tengo in casa mia in co-location (cosi', essendo suo lo scatolo, puo' imporre leggittimamente quel che vuole :P )
      • bravi bravi scrive:
        Re: Microzozz vende Linux
        - Scritto da: collione
        no no, preferisco usare l'originale, non
        virtualizzato e quindi senza Windows di
        mezzo

        altrimenti poi succede questo
        http://www.zerohedge.com/news/2017-05-12/massive-rNotizie finita in prima pagina ovunque, anche delle testate non tecnologiche e su PI nisba, perché il fine settimana può succedere l'apocalisse, ma la redazione va in letargo. (rotfl)
Chiudi i commenti