Windows 10 e Surface, novità per aziende

Redmond ha stretto una serie di accordi con partner del calibro di IBM per offrire alle aziende un più ampio ventaglio di soluzioni efficienti e sicure, basate su una nuova versione Enterprise di Windows 10 e sui Surface

Roma – Durante la Worldwide Partner Conference (WPC) di Toronto, Microsoft ha annunciato una serie di accordi e di novità che lasciano trapelare l’intenzione della casa di Redmond di spingere sempre più sul settore business, certamente quello più redditizio per la software house. Punte di diamante della nuova offerta dell’azienda guidata da Satya Nadella sono Windows 10 e i dispositivi Surface ora disponibili come “servizi”. In particolare, sono state approntate due versioni Enterprise del sistema operativo offerte alle aziende in abbonamento. Novità interessante per Microsoft è l’offerta congiunta, sempre in abbonamento, dei dispositivi della linea Surface, i quali, come dichiarato dall’azienda stessa, hanno riscosso un enorme successo, registrando un fatturato di 1 miliardo di dollari in un solo trimestre.

Microsoft Surface Enterprice

Sull’onda del successo dei suoi dispositivi, Microsoft ha annunciato dunque l’espansione della Surface Enterprise Initiative che, grazie ad una serie di accordi e programmi, permetter ad aziende di qualsiasi dimensioni di disporre dei Surface come servizio ( Surface as Service ). In sostanza, i fornitori di soluzioni cloud autorizzati a rivendere prodotti Surface possono ora offrire tali dispositivi tramite un’offerta simile a Office 365 e a Windows 10, consentendo loro di fornire ai propri clienti soluzioni flessibili, il rinnovamento del parco macchine la certezza di disporre sempre delle versione più aggiornate di Surface, Windows 10 ed Office.

Sul lato degli accordi, c’è da segnalare l’ampliamento della “Surface Enterprise Initiative” grazie a due nuovi importanti partner: IBM e Booz Allen Hamilton. Il primo userà l’ analisi dei dati per fornire soluzioni specifiche per i servizi finanziari e per i settori dei beni di consumo, il tutto sfruttando le caratteristiche dei dispositivi Surface. Booz Allen Hamilton, invece, si concentrerà sullo sviluppo di soluzioni scalabili e più sicure per gli enti governativi, il settore pubblico e la sanità.

I nuovi programmi e collaborazioni, in aggiunta alla rete di Microsoft di oltre 5mila rivenditori, tra i quali troviamo gli store di Dell e HP, consentono a Microsoft di offrire ai propri clienti nuove opportunità per modificare il proprio modo di lavorare. A questo proposito, il nuovo sistema per le licenze di Windows 10 consentirà alle aziende di acquistare degli abbonamenti per i propri dipendenti. La versione Enterprise E3 include il solo sistema operativo, mentre quella Enterprise E5 aggiunge anche Windows Defender Advanced Thread Protection. La prima avrà un costo di 84 dollari all’anno (7 dollari al mese) per postazione, con disponibilità già dal prossimo autunno. Non sono ancora noti i dettagli della versione Enterprise E5.

Thomas Zaffino

Fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MrGianniariete scrive:
    non è "free"
    Open source va bene, ma free?Viene chiesto di pagare un abbonamento che -come minimo- è di 1 dollaro al mese...
    • Hop scrive:
      Re: non è "free"
      - Scritto da: MrGianniariete
      Open source va bene, ma free?
      Viene chiesto di pagare un abbonamento che -come
      minimo- è di 1 dollaro al
      mese...Free se te lo compili da te, se no contribuisci...
      • MrGianniariete scrive:
        Re: non è "free"
        A mio modesto avviso, pur comprendendo le giuste necessità degli sviluppatori, ritengo che non sia corretto chiamarlo "free".-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 luglio 2016 11.45-----------------------------------------------------------
        • lorenzo scrive:
          Re: non è "free"
          C'e' il sorgente ... chi non vuole pagare 1 dollaro puo' compilarlo che poi ri riduce quasi sempre a lanciare make , Ma poi il costo e' quello di un caffe' ... ed e' una tantum ( per ogni release )
        • panda rossa scrive:
          Re: non è "free"
          - Scritto da: MrGianniariete
          A mio modesto avviso, pur comprendendo le giuste
          necessità degli sviluppatori, ritengo che non sia
          corretto chiamarlo
          "free".E' come se tu potessi ritirare il mobile smontato da Ikea e assemblartelo a casa tua, oppure pagare un euro per fartelo montare.E' evidente che il mobile e' gratis, e l'eventuale euro e' la tassa sull'ignoranza che e' giusto far pagare agli incapaci.
          • Free as in freedom scrive:
            Re: non è "free"
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: MrGianniariete

            A mio modesto avviso, pur comprendendo le
            giuste

            necessità degli sviluppatori, ritengo che
            non
            sia

            corretto chiamarlo

            "free".

            E' come se tu potessi ritirare il mobile smontato
            da Ikea e assemblartelo a casa tua, oppure pagare
            un euro per fartelo
            montare.

            E' evidente che il mobile e' gratis, e
            l'eventuale euro e' la tassa sull'ignoranza che
            e' giusto far pagare agli
            incapaci.Parole al vento qui è pieno di gente che non sa distinguere tra free as in freedom e free as in beer.Fosse per me a questi gli farei pagare una "tassa sull'ignoranza" più "salata".
          • aphex_twin scrive:
            Re: non è "free"
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: MrGianniariete

            A mio modesto avviso, pur comprendendo le
            giuste

            necessità degli sviluppatori, ritengo che
            non
            sia

            corretto chiamarlo

            "free".

            E' come se tu potessi ritirare il mobile smontato
            da Ikea e assemblartelo a casa tua, oppure pagare
            un euro per fartelo
            montare.

            E' evidente che il mobile e' gratis, e
            l'eventuale euro e' la tassa sull'ignoranza che
            e' giusto far pagare agli
            incapaci.Tutto bene fino alla tua solita ultima frase dove fai trasparire tutta la tua superbia e supponenza.
  • Mao99 scrive:
    info
    Molto interessante, è da molto tempo che non ne faccio uso, ma lo prendo, non si sa mai :)
Chiudi i commenti