Windows 10, nuovo design in arrivo?

Una serie di screenshot svela quella che sembra essere la prossima iterazione del "language design" dell'OS-come-servizio. Tornano alcuni elementi di Windows Vista, pare, per meglio adattare il sistema ad AR e VR

Roma – Sul sito MSPoweruser sono stati pubblicati screenshot esclusivi apparentemente tratti dal cosiddetto Progetto NEON, il prossimo aggiornamento incrementale che Microsoft intende distribuire agli utenti di Windows 10. Nulla di rivoluzionario, in ogni caso: alcuni elementi del nuovo design sanno sostanzialmente di “vecchio” ma sono pensati soprattutto per facilitare l’uso dell’OS con le “nuove” realtà dei caschetti virtuali (VR) o aumentati (AR).

Project NEON

Il Progetto NEON rappresenta l’ennesima, piccola evoluzione del linguaggio di design che Microsoft ha imposto a una recalcitrante utenza PC con la generazione Windows 8/Windows Phone 7, un linguaggio che all’epoca si chiamava “Metro” e che è al momento noto come Microsoft Design Language (MDL).

Project NEON

Le forme geometriche semplificate e l’interfaccia minimale di Windows 10 rappresentano appunto la versione 2.0 di MDL, e il prossimo update evidenziato dagli screenshot (MDL 3?) aggiunge nuovi elementi come l’ aspetto traslucido , un maggiore utilizzo di animazioni e transizioni animate e “Conscious UI”, un sistema che permette di cambiare una finestra traslucida in relazione a quello che si trova alle sue spalle.

Project NEON

Il nuovo focus sulle animazioni e le trasparenze sembrano reintrodurre caratteristiche che risalgono al vetusto (e sfortunato) Windows Vista, ma le ragioni della loro introduzione non potrebbero essere più moderne visto che Microsoft si trova a dover adattare la GUI di Windows 10 ad applicazioni recentissime come le succitate interazioni immersive AR e VR .

Quando arriveranno le novità di Project NEON? I canali ufficiali sono muti, al momento, ma pare che la nuova interfaccia dovrebbe fare capolino sui desktop, i gadget mobile e i caschetti AR/VR di tutto il mondo dopo il Creators Update (Redstone 2) e in tempo per Redstone 3 .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ygbujtvbyv scrive:
    Oltre alle buzzwords conta tutto il rest
    Il problema non è tanto il fatto che le cose vengono calate dall'alto. Ma il fatto che le linee guida passano di strato in strato e nessuno si assicura che i programmatori al livello più basso abbiano capito di cosa si parla.Le buzzwords non sono mai parole inventate. Sono parole che vengono da progetti che hanno avuto sucXXXXX. I progetti calati dall'alto falliscono quando non ci si rende conto che non basta copiare quattro parole chiave da un progetto all'altro. Il post linkato non contiene niente di spettacolare, sono più che altro cose di buon senso, ma la domanda è come farà a far arrivare il messaggio a tutte le gerarchie della pubblica amministrazione a tutte le aziende fornitrici e ai sub-sub-contractors che alla fine fanno il lavoro? E' qui che sono sempre falliti i buoni propositi.
    • aieie brazov scrive:
      Re: Oltre alle buzzwords conta tutto il rest
      - Scritto da: ygbujtvbyv
      Il problema non è tanto il fatto che le cose
      vengono calate dall'alto. Ma il fatto che le
      linee guida passano di strato in strato e nessuno
      si assicura che i programmatori al livello più
      basso abbiano capito di cosa si
      parla.
      Le buzzwords non sono mai parole inventate. Sono
      parole che vengono da progetti che hanno avuto
      sucXXXXX. I progetti calati dall'alto falliscono
      quando non ci si rende conto che non basta
      copiare quattro parole chiave da un progetto
      all'altro.


      Il post linkato non contiene niente di
      spettacolare, sono più che altro cose di buon
      senso, ma la domanda è come farà a far arrivare
      il messaggio a tutte le gerarchie della pubblica
      amministrazione a tutte le aziende fornitrici e
      ai sub-sub-contractors che alla fine fanno il
      lavoro? E' qui che sono sempre falliti i buoni
      propositi.Quoto al 100%.E, come avevo già detto in occasione degli auguri di Buon Anno, che se ne torni al suo megastore e si riprenda il dovuto stipendio che' i lavori "a-gratis" sono a scatola chiusa e costano una fortuna in denaro ed in tempo perso, ma soprattutto non hanno MAI responsabili
      • tytvh scrive:
        Re: Oltre alle buzzwords conta tutto il rest


        Quoto al 100%.
        E, come avevo già detto in occasione degli auguri
        di Buon Anno, che se ne torni al suo megastore e
        si riprenda il dovuto stipendio che' i lavori
        "a-gratis" sono a scatola chiusa e costano una
        fortuna in denaro ed in tempo perso, ma
        soprattutto non hanno MAI
        responsabiliA dire la verità non si capisce nè di cosa parli nè se hai capito cosa stai quotando.
    • Nome e cognome obbligator i scrive:
      Re: Oltre alle buzzwords conta tutto il rest
      - Scritto da: ygbujtvbyv...
      Le buzzwords non sono mai parole inventate. Sono
      parole che vengono da progetti che hanno avuto
      sucXXXXX. I progetti calati dall'alto falliscono
      quando non ci si rende conto che non basta
      copiare quattro parole chiave da un progetto all'altro.D'accordo su tutto quello che dici riguardo la subfornitura.Ma se davvero pensi che le buzzword derivino da progetti di sucXXXXX, allora vivi in un altro mondo.Od almeno in un mondo in cui non hai visto buttare milioni di euro in progetti che sarebbero evidentemente falliti, solo per andare dietro ad una marca od una tecnologia dotate di nome e cognome che erano di moda in quel momento.
Chiudi i commenti