Quanti PC sono già passati a Windows 11?

Quanti PC sono già passati a Windows 11?

Prosegue a ritmo piuttosto spedito la graduale distribuzione di Windows 11: l'aggiornamento ha raggiunto una quota non indifferente di PC.
Prosegue a ritmo piuttosto spedito la graduale distribuzione di Windows 11: l'aggiornamento ha raggiunto una quota non indifferente di PC.
Guarda 22 foto Guarda 22 foto

L’approccio scelto da Microsoft per la distribuzione di Windows 11 è quello che passa da un rollout graduale. Non potrebbe essere altrimenti, considerando la natura work in progress della piattaforma. Ciò nonostante, l’aggiornamento è già arrivato a interessare una quota non indifferente dei PC in circolazione.

Facciamo riferimento alle statistiche appena condivise da AdDuplex per capire quanto dispositivi hanno fin qui effettuato il passaggio al nuovo sistema operativo, rilasciato il 5 ottobre nella sua versione definitiva. Le percentuali sono calcolate in data 27 febbraio 2022, sulla base dei dati raccolti attraverso circa 5.000 applicazioni pubblicate sullo store ufficiale.

Windows 11 è installato su un quinto dei PC

Windows 11 è già installato su circa un quinto dei PC, più precisamente sul 19,6% dei terminali presi in esame. La quota si divide tra il 19,3% di coloro che hanno scelto la release Stable e lo 0,3% degli utenti che invece partecipano al programma Insider.

La diffusione delle varie edizioni di Windows nel mercato PC (febbraio 2022)

La diffusione delle varie versioni di Windows 10 e Windows 11 in circolazione, statistiche aggiornate a fine febbraio 2022 (fonte: AdDuplex)

Prendendo invece in considerazione il predecessore Windows 10 a cui è attribuito il resto della torta, emerge una forte diffusione dell’aggiornamento 21H2, passato nell’ultimo mese dal 12,1% al 21,0%. Nello stesso periodo, le versioni precedenti hanno di conseguenza perso punti.

Degno di nota anche il fatto che molti utenti siano ancora fermi a release non più supportate in via ufficiale da Microsoft. È il caso della 2004, che ancora assorbe il 7,9% dei dispositivi in circolazione seppur abbandonata dalla software house nel giugno dello scorso anno.

Come sempre in questi casi, a quote e percentuali va concesso il beneficio del dubbio. Il metodo impiegato per calcolarle non può per ovvie ragioni essere considerato del tutto preciso: ne sono dimostrazione i numeri parecchio differenti condivisi da StatCounter. Ciò che davvero conta è il trend emerso: il rollout è in corso e, sebbene con un criterio di gradualità, va avanti mese dopo mese. Sarà interessante osservarlo sul lungo periodo.

Ricordiamo che la scadenza del supporto per Windows 10 è fissata nel 2025. Allora, una fetta non indifferente di dispositivi potrebbe rimaner tagliata fuori dalla possibilità di aggiornamento per ragioni legate al comparto hardware, spingendo i possessori a un upgrade o a optare per soluzioni alternative: è proprio a questo che mira il progetto Chrome OS Flex messo in campo di recente da Google.

Fonte: AdDuplex
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 1 mar 2022
Link copiato negli appunti