Windows 2000 laureato Sistema Sicuro

Win2000 passa tutti i test di sicurezza necessari per ottenere la certificazione Common Criteria, un importante lasciapassare per accedere ad alcuni ambiti governativi e industriali anche italiani. I bug qui non contano


Redmond (USA) – Dopo tre anni di test e la spesa di diversi milioni di dollari, Microsoft ha finalmente ottenuto per il suo Windows 2000 la certificazione Common Criteria: questo è uno standard riconosciuto in 15 paesi di tutto il mondo, fra cui l’Italia, che valuta il livello di sicurezza dei prodotti di infrastruttura tecnologica.

Microsoft ha spiegato che un team di esaminatori indipendenti ha valutato i componenti chiave di Windows 2000, come la metodologia di sviluppo, l’architettura, la documentazione ed altri aspetti funzionali e di sicurezza, all’interno di scenari definiti dalla procedura CCITSE (Common Criteria for Information Technology Security Evaluation), un insieme di specifiche e requisiti stabiliti da un organismo di standardizzazione e riconosciuti da organizzazioni pubbliche e private, fra cui il Dipartimento americano della Difesa.

“Per coloro che hanno dubbi circa il nostro livello di investimento e i nostri sforzi, questa è la testimonianza del nostro impegno nella sicurezza”, ha affermato Craig Mundie, vice president e chief technical officer di Microsoft. In un comunicato del big di Redmond si legge poi che “l’aver ottenuto la certificazione CC rappresenta un’importante dimostrazione della volontà di Microsoft di fornire ai clienti una piattaforma sicura per il Trustworthy Computing”.

Windows 2000, testato dallo Science Applications International Corp. ( SAIC ), ha ottenuto il massimo livello di certificazione assegnabile da un laboratorio commerciale: Evaluation Assurance Level (EAL) 4 . Secondo quanto riportato dal sito Common Criteria, EAL 4 garantisce che il prodotto sia stato “metodicamente progettato, testato ed esaminato”.

Come ammette la stessa SAIC, il fatto che Windows 2000 sia risultato sicuro sotto un profilo funzionale e di progetto non significa affatto che non contenga bug: le specifiche Common Criteria non prevedono il setacciamento del codice alla ricerca di errori di programmazione, ma valutano la sicurezza ad un livello più astratto.

Microsoft sostiene che il processo di valutazione della piattaforma Windows 2000 ha superato per completezza e complessità i test condotti su qualunque altro sistema operativo, essendo stato effettuato su molteplici scenari di implementazione reali relativi a servizi di directory multi-master, reti VPN (Virtual Private Network) L2TP/IPSEC, sistemi single sign-on, etc.

Microsoft ha fatto sapere di aver già avviato il processo di valutazione Common Criteria anche per Windows XP Professional e Windows.NET Server 2003.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    solite cose
    Se facessero pagare il giusto un cd audio o i programmi tipo office i pirati sparirebbero :)))E' il solito problema, dalla teoricamente semplice soluzione :)))
  • Anonimo scrive:
    Intese mafiose...........
    "Secondo gli investigatori, i senegalesi avevano trovato una qualche forma d'intesa con la mafia catanese, che riscuoteva una percentuale sul business illegale".Ovvero: Cari ragazzi, se non ci pagate il pizzo, vi ritrovano tutti (anzi, non vi ritrovano nemmeno) riversi in un fosso con la faccia spappolata.Quando si dice che gli italiani non riescono a farsi capire ...... :-)
  • Anonimo scrive:
    Immigrati e meridionali, che connubio!
    Immigrati e meridionali, che connubio!
  • Anonimo scrive:
    e io devo pagare per i cd vuoti? mavaffan...
    A me i CD vuoti servono.QUESTI sono i criminali. Fateli pagare a loro i debiti, non a me!PROTESTATE, FATE SENTIRE LA VOSTRA VOCE CONTRO L'AUMENTO DE CARO-CD !!!!:(
    • Anonimo scrive:
      Re: e io devo pagare per i cd vuoti?
      concordo- loro si che sono pirati, non chi si copia il filmino in divx dall'amico, che tanto non si comprerebbe in DVD- tanto questa gente certamente non paga le sovratasse sui CD vergini, li otterrà in altri modi di contrabbando- queste tasse rischiano solo di affossare il mercato (poi il nostro Presidente dice spendete gente, spendete di più....)- spesso la "pirateria" casalinga in raltà aiuta il settore, soprattutto in Italia dove a tutti piace sentirsi furbi, se mi lasci copicchiare qualcosa sono contento e compro...- se poi questi soldi andassero a chi davvero se li merita, ma visto come vanno SIAE e company...(ps: ho usato un sacco di puntini, chissà che vul dire...[puntini])
Chiudi i commenti