Windows 98 vive!

Con un repentino dietrofront Microsoft ha deciso di assistere ulteriormente gli utenti di Windows 98 e prolungare i servizi di supporto per altri due anni, un'estensione che interessa anche gli utenti di Windows Me


Redmond (USA) – Agli utenti che utilizzano alcune vecchie versioni di Windows, Microsoft ha concesso un altro po’ di tempo prima di decidere se aggiornare i propri PC o, in alternativa, continuare ad utilizzare un sistema operativo senza più supporto.

Rettificando quanto annunciato lo scorso mese, il big di Redmond estende il supporto a Windows 98, Windows 98 Second Edition (SE) e Windows Millennium Edition (Me) fino al 16 gennaio 2006. Durante questo arco di tempo Microsoft continuerà a garantire il servizio di assistenza telefonico a pagamento e a sviluppare eventuali aggiornamenti di sicurezza.

“Microsoft ha preso questa decisione per aiutare quei clienti che, in tutto il mondo, dipendono ancora da questo sistema operativo”, ha affermato Danny Beck, Windows desktop product marketing manager di Microsoft Australia. “Oltre a questo, il prolungamento del servizio di supporto consente a Microsoft di avere più tempo a disposizione per comunicare le sue linee guida sul ciclo di vita del prodotto in un certo numero di mercati, in particolare quelli più piccoli o emergenti”.

Microsoft aveva già previsto che gli utenti di Windows 98 potessero ancora accedere, fino al gennaio del 2006, a tutta la documentazione e le altre risorse tecniche disponibili sul sito del colosso di Redmond, inclusa la Knowledge Base e la sezione Newsgroup.

La scadenza del supporto a pagamento di Windows 98 era in precedenza stata fissata al 16 gennaio 2004, mentre quella gratuita è terminata (e non più rinnovata) lo scorso luglio. La durata del supporto a Windows Me era invece stata originariamente pianificata fino al dicembre 2004.

“E? importante che gli utenti dispongano di strumenti e software all?avanguardia per rendere il loro PC più sicuro e affidabile. Per questo motivo consigliamo loro di aggiornare il sistema operativo alla versione Windows XP che, grazie a specifiche caratteristiche progettate per bloccare le nuove minacce digitali come virus e attacchi informatici di vario tipo, garantisce un elevato livello di protezione del PC”, ha dichiarato Fabrizio Albergati, direttore del Gruppo Windows Client & Mobility di Microsoft Italia. “La scelta di estendere per altri tre anni l?assistenza alle precedenti versioni di Windows evidenzia l?impegno di Microsoft sul fronte della sicurezza, continuando a supportare anche coloro che adoperano software non sempre aggiornati, affinché possano utilizzarli in tutta tranquillità e sicurezza. Suggeriamo comunque a tutti gli utenti di sistemi operativi Microsoft di consultare il sito http://microsoft.com/italy/windows e di seguire i suggerimenti che possono garantire ai nostri clienti la migliore protezione possibile. Il sito Windows Update potrà inoltre aiutare tutti gli utenti delle ultime versioni di Windows a mantenere il sistema sempre aggiornato e protetto”.

Microsoft ha invece deciso di non prorogare la scadenza, anch’essa fissata per il 16 gennaio, di Office 97 e di Outlook 98. Alla fine di quest’anno dovrebbe anche terminare il supporto a Windows NT 4.

Secondo alcune stime, Windows 98 si trova ancora installato su circa il 20% dei computer basati su Windows, una percentuale che salirebbe al 25% se si prende a campione i navigatori del Web. Da queste cifre è possibile intuire come la decisione di Microsoft interessi un numero non certo trascurabile di individui e di aziende, gli stessi che in queste settimane hanno fortemente sollecitato Microsoft affinché prorogasse il supporto a Windows 98. Proroga del resto caldeggiata anche dagli esperti di sicurezza che temevano nuovi pericoli per gli utenti e per la rete.

Beck ha anche detto che nei prossimi mesi Microsoft metterà a disposizione dei propri utenti, soprattutto quelli che non dispongono di una connessione ad Internet a banda larga, un CD contenente tutte le patch uscite fino ad oggi per Windows 9x, Me e XP. Il CD potrà essere ordinato dal sito di Microsoft al costo delle sole spese di spedizione.

Verso la fine del 2002, Microsoft aveva già modificato le proprie politiche di supporto prolungando, in certi casi, il ciclo di vita di alcune categorie di prodotti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    PROTESTA di ANACRON GROUP ITALY
    Salve a tutti...Noi dell'Anacron Group Italy vi invitiamo tutti a partecipare alla manifestazione da noi indetta per giorno 16 FEBBRAIO 2004 contro il governo italiano...per protestare contro il decreto GRANDE FRATELLO...Visitate il nostro sito www.anacron.altervista.org ed andate nella sezione /protest ; li troverete le nostre motivazioni e l'occorrente per seguirci nella manifestazione...Vi aspettiamo numerosi...Che il nostro grido di protesta possa alzarsi maestoso....::Anacron Group Italy::.
  • Anonimo scrive:
    poveri ISP !
    Come al solito il Governo pensa sempre a noi ISP ! Adesso dobbiamo conservare tanti vostri "dati" per sempre più tempo..... alla fine tutto lo spazio web sarà occupato dai dati personali dei suoi visitatori!!! :
    • Anonimo scrive:
      Re: poveri ISP !
      per 30 mesi se non ho capito male piu' 30 se c'è un indagine che richiede quei dati attivata entro il termine dei 30 mesi
  • TieFighter scrive:
    Bravo Stanca
    Da parecchio tempo cercavo un motivo, senza trovarlo, per congratularmi con il nostro Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie.Ora, finalmente, ecco che propone un provvedimento sano, equilibrato, costituzionale, sensato, dovuto, dibattuto, richiesto. Uno non puo' far a meno di applaudire.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravo Stanca
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravo Stanca
      Credo che il Ministro alla fine faccia il gioco del Governo che ha voluto approvare questo decreto... e da questo Governo ormai siamo abituati ad aspettarci di tutto! no?;)una cosa buona c'era nel Codice e hanno subito provveduto ad eliminarla! Forza Silvio sei tutti noi! :D
Chiudi i commenti