Windows Vista tra SP1, widget e prezzi

Microsoft sta già reclutando i tester aziendali del primo service pack per Windows Vista, che molti sperano potrà risolvere gli attuali problemi di compatibilità. Pronta anche la prima ondata di widget e gadget

Redmond (USA) – Windows Vista non è ancora arrivato sugli scaffali dei negozi che già Microsoft sta organizzando il lavoro per lo sviluppo e il testing del primo, inesorabile service pack. Negli scorsi giorni BigM ha invitato le aziende che desiderano provare per prime l’update a segnalare la propria adesione al loro Technical Account Manager di riferimento.

Lo scorso anno il big di Redmond si è impegnata a rilasciare l’SP1 per Vista, noto con il nome in codice Fiji , entro la fine del 2007. L’obiettivo del gigante è quello di abbreviare il ciclo di rilascio dei service pack in modo da “alleggerirne il carico” e semplificarne testing e deployment.

Sul contenuto di Fiji non si hanno ancora informazioni, ma in una nota BigM ha detto che l’aggiornamento “risolverà vari problemi ad alto impatto”, senza peraltro specificare quali aree del sistema operativo sono interessate dai problemi e l’esatta gravità di questi ultimi.

Ciò che attualmente sembra preoccupare maggiormente utenti e sviluppatori è l’altalenante compatibilità di Vista con le applicazioni e i driver preesistenti . I problemi di compatibilità affliggono peraltro anche molti giochi, questo soprattutto per le numerose modifiche apportare da Microsoft al sottosistema multimediale del proprio sistema operativo. Esempio ne è l’eliminazione dell’ Hardware Abstraction Layer (HAL) per l’audio, che impedisce a molti degli attuali giochi di sfruttare gli effetti sonori avanzati di DirectSound 3D e EAX. Per rimediare al problema Creative ha rilasciato proprio in questi giorni un programma gratuito , chiamato ALchemy , per le sue schede sonore della famiglia Sound Blaster X-Fi.

Ma se la compatibilità con il passato non sembra il piatto forte di Windows Vista, Microsoft ha promesso che questo sistema operativo potrà da subito disporre di decine di widget e mini applicazioni che consentiranno il rapido accesso ad un’ampia varietà di contenuti e servizi, tra cui news, meteo, borsa, risultati sportivi, aree di condivisione file, album digitali, clip video e giochi. Microsoft ne fornisce un elenco provvisorio in questo comunicato .

In patria l’azienda ha anche lanciato un nuovo sito, chiamato Windows Vista Business Test Drive , che permette alle aziende di provare le principali funzionalità di Vista diretamente online , utilizzando Internet Explorer. Il demo web based è però riservato solo ai cittadini statunitensi: gli altri devono accontentarsi dei video.

La buona notizia, per chi ha già in programma il passaggio a Windows Vista, è che il prezzo OEM di questo sistema operativo non differirà molto da quello di Windows XP : questo, secondo gli analisti, dovrebbe lasciare più o meno inalterato il costo dei PC con Windows preinstallato. L’eccezione è però rappresentata da Windows Ultimate, il cui prezzo è superiore all’edizione Professional di Windows XP: in questo caso un PC Ultimate potrebbe costare fino al 35% in più rispetto ad un PC XP Pro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Forse adesso si inizia a ragionare
    troppa anarchia, troppa confusione, versioni infinite, differenti... caos totale. Senza una strategia anche un grande condottiero perde la piu semplice delle guerre. Speriamo che ora ci sia la svolta e che si faccia chiarezza, sbarrando la strada agli smanettoni della domenica che hanno reso questo sistema operativo non omologabile, declassato e etichettato solo per "smanettoni" per appunto. Speriamo che ora si riesca a valutare il sistema in serenità e tranquillità.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Linspire è la distro dei cacciavitari
    Un vero programmatore usa debiaaaaan!!! Debian rulezUsate debian e niente più!(linux)(linux)(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Linspire è la distro dei cacciavitar
      - Scritto da:
      Un vero programmatore usa debiaaaaan!!! Debian
      rulez

      Usate debian e niente più!

      (linux)(linux)(linux)Quindi linux è solo per programmatori... ah bene.rules rules... ma va a caghè
  • scionforbai scrive:
    Pacchetti o sorgenti?
    Non sono sicuro che sia da cercare uno standard per il package manager. Secondo me si dovrebbe arrivare ad uno standard per il dopo compilazione, ovvero, in qualche maniera, dopo il make ma prima del make install.A quel punto si distribuiscono i compilati, gli script a corredo, gli include e le shared libraries in maniera standard e distro-independent. A partire da questo "metapacchetto" si creano poi gli rpm, i deb o i pkg.tar.gz, e sarà il package manager delle singole distro ad occuparsi di eventualmente customizzare qualcosa, mettendo dove necessario eventuali symlink, elaborando le informazioni sulle dipendenze eccetera eccetera.Io non sono del tutto favorevole ad un formato "finale" unificato...
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Pacchetti o sorgenti?
      http://asic-linux.com.mx/~izto/checkinstall/ ;)TAD
      • Anonimo scrive:
        Re: Pacchetti o sorgenti?
        - Scritto da: TADsince1995
        http://asic-linux.com.mx/~izto/checkinstall/
        Esatto! Checkinstall è una vera manna per chi compila i pacchetti da sorgente.Secondo me una bella GUI che si occupi di ./configure && make && make checkinstall sarebbe la soluzione definitiva a questa storia dei troppi formati.
        • TADsince1995 scrive:
          Re: Pacchetti o sorgenti?

          Esatto! Checkinstall è una vera manna per chi
          compila i pacchetti da
          sorgente.
          Secondo me una bella GUI che si occupi di
          ./configure && make && make checkinstall sarebbe
          la soluzione definitiva a questa storia dei
          troppi
          formati.Credo ci sia, ma non l'ho mai usata per cui non mi ricordo come si chiama. Ho usato il meraviglioso checkinstall soprattutto sulla slackware, ma ora anche con profitto anche su Ubuntu (debian).Davvero uno dei software più utili in assoluto per un utente linux.TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: Pacchetti o sorgenti?
            - Scritto da: TADsince1995

            Esatto! Checkinstall è una vera manna per chi

            compila i pacchetti da

            sorgente.

            Secondo me una bella GUI che si occupi di

            ./configure && make && make checkinstall sarebbe

            la soluzione definitiva a questa storia dei

            troppi

            formati.

            Credo ci sia, ma non l'ho mai usata per cui non
            mi ricordo come si chiama. Ho usato il
            meraviglioso checkinstall soprattutto sulla
            slackware, ma ora anche con profitto anche su
            Ubuntu
            (debian).

            Davvero uno dei software più utili in assoluto
            per un utente
            linux.

            TADConcordo assolutamente.Poter costruire un pacchetto dai sorgenti è qualcosa di sensazionale.In questo modo sono riuscito ad installare amsn da cvs con l'antialiasing (ricompilando tcl e tk).Semplicemente FANTASTICO :)
  • Anonimo scrive:
    Ecco la fine che fanno i Linari.
    http://www.comics.com/comics/dilbert/archive/images/dilbert20071832660125.gifMeditate gente.(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco la fine che fanno i Linari.
      - Scritto da:
      http://www.comics.com/comics/dilbert/archive/image

      Meditate gente.(rotfl)Dipende dai punti di vista:http://www.geekculture.com/joyoftech/joyimages/915.gif
  • danieleMM scrive:
    sistema standard: si, CNR: no grazie
    sinceramente non vedo la necessità di un sistema standard che obbliga chi vuol pubblicarci del software a pagare! e chi vuole usarlo per installare software a pagamento a dover pagare un abbonamento!il sistema apt di debian è già molto comodo!quel che serve davvero è un formato standard, libero e gratuito che chiunque voglia rilasciare possa seguire..e che sia automaticamente convertibile in altri pacchetti (.deb o simili) o installabile..prenderei il sistema dei pacchetti debian, toglierei le "personalizzazioni debian" e aggiungerei un po' di possibilità di scelta nell'installazione dei pacchetti...una specie di "avanzate" che permetta di scegliere cosa installare e cosa no..mi sembra pià comodo andare su un sito a scaricare il software che voglio in un formato standard e quindi installarlo che andare su un sito web (che potrebbe anche andare offline per manutenzione o essere intasato) a cercare da una lista di pacchetti..la buona idea è un elenco di programmi suddivisi per categorie, commentati ecc ecc...anche qui però non è necessario CNR.. basterebbe creare una pagina da qualche parte che contenga un database di tutte le applicazioni per linux (a pagamento e non) con descrizione, screen-shot quando applicabile ed eventuale sistema di votazione...qualcosa di simile a quello dei pacchetti kde, molto ben fatto!
    • Anonimo scrive:
      Re: sistema standard: si, CNR: no grazie
      Quello che proponi tu lo faceva Yast nel paleozoilico.E con CNR gli sviluppatori che dovranno pagare sono solo quelli che vendono applicazioni commerciali.
      • danieleMM scrive:
        Re: sistema standard: si, CNR: no grazie

        Quello che proponi tu lo faceva Yast nel
        paleozoilico.non mi sembra proprio che sia mai esistito un sistema standard a cui TUTTI potessero riferirsi per la distribuzione dei programmi ( a parte il tarball che però non è esattamente "user friendly" )
        E con CNR gli sviluppatori che dovranno pagare
        sono solo quelli che vendono applicazioni
        commerciali.non mi sembra una soluzione efficace ne vincente che debbano pagare sia gli sviluppatori di software commerciale che chi li vuole acquistare per il solo utilizzo del servizio
  • Anonimo scrive:
    Mancano 5 giorni alla fine di linux
    Vista lo inchiappetterà (rotfl)(win)
  • Anonimo scrive:
    Non mi sembra la soluzione, ma...
    Per gestire i pacchetti singoli, una piattaforma semi chiusa e a pagamento su alcuni di questi non e' la soluzione. Pero' il fatto che la configurazione e l'installazione dai sorgenti sia ancora cosi' macchinosa e troppo da informatico credo vada ridotta. Sono utente Linux da poco, sulla mia kubuntu da due giorni non va piu' kaffeine. Perche'? Mah. Lanciata da shell non dice niente. Ma proprio niente, non cose che non capisco. Che faccio? provo ad installare da sorgenti la nuova versione dal sito ufficiale visto che sui repository non c'e'. Ma gia' il ./configure si ferma con un fantomatico, piu' o meno: non trovo X, verifica il percorso. Provo due o tre opzioni, prefix= e altro di quello che capisco dal readme e dal manuale ma niente. Non e' che ho tutto il giorno. quindi mollo e passo a VLC che si mangia tutti i formati con codec interni a parte i .flv. E' chiaro pero' che un senso di insoddisfazione mi e' rimasto....dal momento che tra l'altro kaffeine gestiva i plugin di mozilla.. per ora sostituiti con mplayer... Ma e' solo un esempio...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non mi sembra la soluzione, ma...

      ?

      Visto che sei un utente novellino hai letto le 2
      paginette di consigli ai newbie di ubuntu
      ?ehehe. Ecco un chiaro esempio di utente linux sbruffone pseudo guru. Secondo te quello che ho fatto io in quanti lo fanno. A quelli come te piace essere in pochi a maneggiarselo. (doppio senso cercato e voluto, ma te mi sa...)Fortuna non sono tutti come te. Mi hai letto pure malamente. E soluzioni che offri zero. Visto che kaffeine semplicemente ha smesso da solo di funzionare. Dopo un comunissimo aptitue upgrade. O almeno penso, dato che me ne sono accorto dopo due giorni averlo fatto che kaffeine non andava. Ma e' una cosa grave. Di punto in bianco e senza motivo un programma cessa la sua funzione, senza se e senza ma. O tu pensi di no? Di cubi rotanti non ne he installati. E oltretutto di soluzioni ne ho subito trovate al di fuori di kaffeine e, ma guarda un po': senza tornare a windows. (di nuovo: in quanti lo fanno?) Era solo un esempio appunto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non mi sembra la soluzione, ma...

        kaffeine semplicemente ha smesso da solo di
        funzionare. Dopo un comunissimo aptitue upgrade.ovviamente era sudo aptitude upgrade. Ma immagino debba spiegarti tutto ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Non mi sembra la soluzione, ma...
      - Scritto da:
      Per gestire i pacchetti singoli, una piattaforma
      semi chiusa e a pagamento su alcuni di questi non
      e' la soluzione. Pero' il fatto che la
      configurazione e l'installazione dai sorgenti sia
      ancora cosi' macchinosa e troppo da informatico
      credo vada ridotta. Sono utente Linux da poco,
      sulla mia kubuntu da due giorni non va piu'
      kaffeine. Perche'? Mah. Lanciata da shell non
      dice niente. Ma proprio niente, non cose che non
      capisco. Che faccio? provo ad installare da
      sorgenti la nuova versione dal sito ufficiale
      visto che sui repository non c'e'.

      Ma gia' il ./configure si ferma con un
      fantomatico, piu' o meno: non trovo X, verifica
      il percorso. Provo due o tre opzioni, prefix= e
      altro di quello che capisco dal readme e dal
      manuale ma niente. Non e' che ho tutto il giorno.
      quindi mollo e passo a VLC che si mangia tutti i
      formati con codec interni a parte i .flv. E'
      chiaro pero' che un senso di insoddisfazione mi
      e' rimasto....dal momento che tra l'altro
      kaffeine gestiva i plugin di mozilla.. per ora
      sostituiti con mplayer...

      Ma e' solo un esempio...Compilare un sorgente non è la cosa più facile di questo mondo. Anche perchè, al contrario dei pacchetti, le dipendenze non te le risolve nessuno... devi avere tutti i sorgenti delle librerie di cui fa uso il software, oltre al sorgente del software stesso.Ad ogni modo non credo che in questo caso una ricompilazione possa aiutare, anche perchè se kaffeine lanciato da shell non dà nessun errore e si chiude senza alcun messaggio, probabilmente il problema è di qualche libreria.Hai provato a reinstallare kaffeine? (Ti consiglio Synaptic anzichè aptitude)In ogni caso la cosa migliore sarebbe cercare aiuto nel forum di Kubuntu.D'altra parte la forza di Linux sta proprio nella sua comunità! ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non mi sembra la soluzione, ma...


        In ogni caso la cosa migliore sarebbe cercare
        aiuto nel forum di
        Kubuntu.
        D'altra parte la forza di Linux sta proprio nella
        sua comunità!
        ;)Verissimo. Si' avevo provato a reinstallare. Avevo anche provato, prima di usare i sorgenti, con i binari della ultima versione di kaffeine non presente sui repository, gia' pacchettizzata ma per debian sid. niente da fare, ma cmq non e' un problema. E' solo strano che il player di default della kubuntu si ribelli a questo modo. :-) Penso che sui forum inglesi qualcosa di piu' approfondito ci sia. anche se basterebbe aspettare l'ultima versione sui repository quando arrivera'. vale per qualsiasi applicazione. L' insoddisfazione mia era dovuto al fatto che sembra che con la compilazione si debba risolvere qualsiasi cosa. Ma se non e' cosa che si possa facilitare piu' di tanto rimarra' da informatico, ok. Non e' poi un gran problema, una distro che si aggiorna due volte all'anno in fondo basta e avanza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non mi sembra la soluzione, ma...
          - Scritto da:



          In ogni caso la cosa migliore sarebbe cercare

          aiuto nel forum di

          Kubuntu.

          D'altra parte la forza di Linux sta proprio
          nella

          sua comunità!

          ;)

          Verissimo. Si' avevo provato a reinstallare.
          Avevo anche provato, prima di usare i sorgenti,
          con i binari della ultima versione di kaffeine
          non presente sui repository, gia' pacchettizzata
          ma per debian sid. niente da fare, ma cmq non e'
          un problema. E' solo strano che il player di
          default della kubuntu si ribelli a questo modo.
          :-) Penso che sui forum inglesi qualcosa di piu'
          approfondito ci sia. anche se basterebbe
          aspettare l'ultima versione sui repository quando
          arrivera'. vale per qualsiasi applicazione.

          L' insoddisfazione mia era dovuto al fatto che
          sembra che con la compilazione si debba risolvere
          qualsiasi cosa. Ma se non e' cosa che si possa
          facilitare piu' di tanto rimarra' da informatico,
          ok. Non e' poi un gran problema, una distro che
          si aggiorna due volte all'anno in fondo basta e
          avanza.E secondo voi dover perdere tutto questo tempo per risolvere un banale, su OS X e Windows almeno, problema di installazione di un programma è normale ? Non è che dimostra ampiamente quanto sia bacato e caotico tutto Linux ? Mancano le cose basilari, nessuno le ha implementate, mancano messaggi che siano chiari anche ad un neofita, mancano le astrazioni.In questo caso mancano pure dei messaggi di errore per il debugging da parte del codice compilato... tutto molto sensato. In pratica anche uno sviluppatore deve farsi il debugging dei dump della memoria per vedere di capire che cosa succede.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non mi sembra la soluzione, ma...
            - Scritto da:

            - Scritto da:





            In ogni caso la cosa migliore sarebbe cercare


            aiuto nel forum di


            Kubuntu.


            D'altra parte la forza di Linux sta proprio

            nella


            sua comunità!


            ;)



            Verissimo. Si' avevo provato a reinstallare.

            Avevo anche provato, prima di usare i sorgenti,

            con i binari della ultima versione di kaffeine

            non presente sui repository, gia' pacchettizzata

            ma per debian sid. niente da fare, ma cmq non e'

            un problema. E' solo strano che il player di

            default della kubuntu si ribelli a questo modo.

            :-) Penso che sui forum inglesi qualcosa di piu'

            approfondito ci sia. anche se basterebbe

            aspettare l'ultima versione sui repository
            quando

            arrivera'. vale per qualsiasi applicazione.



            L' insoddisfazione mia era dovuto al fatto che

            sembra che con la compilazione si debba
            risolvere

            qualsiasi cosa. Ma se non e' cosa che si possa

            facilitare piu' di tanto rimarra' da
            informatico,

            ok. Non e' poi un gran problema, una distro che

            si aggiorna due volte all'anno in fondo basta e

            avanza.


            E secondo voi dover perdere tutto questo tempo
            per risolvere un banale, su OS X e Windows
            almeno, problema di installazione di un programma
            è normale ? Non è che dimostra ampiamente quanto
            sia bacato e caotico tutto Linux ? Mancano le
            cose basilari, nessuno le ha implementate,
            mancano messaggi che siano chiari anche ad un
            neofita, mancano le
            astrazioni.
            In questo caso mancano pure dei messaggi di
            errore per il debugging da parte del codice
            compilato... tutto molto sensato. In pratica
            anche uno sviluppatore deve farsi il debugging
            dei dump della memoria per vedere di capire che
            cosa succede.Le cose basilari non mancano per nulla. sembra che la cosa sia esagerata, ma non lo e' per nulla. Probabilmente ho beccato l'unico caso. Al momento forse l'hanno gia risolta. ora controllo. Ma le soluzioni che avevo trovato erano ampiamente soddisfacenti. Ci sono cose in Linux parecchio piu' comode. Gia' il fatto che ora mi sia fatto una playlist veloce con i video di RepubblicaTv su tre giorni diversi per fare "zapping" sul secondo schermo e' un esempio banale. Sono innumerevoli cosettine come questa. Da parte di un utente ci sono solo vantaggi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non mi sembra la soluzione, ma...
            - Scritto da:
            il fatto che ora mi sia fatto una playlist veloce
            con i video di RepubblicaTv su tre giorni diversi
            per fare "zapping" sul secondo schermo e' un
            esempio banale. Sono innumerevoli cosettine come
            questa. Da parte di un utente ci sono solo
            vantaggi.L'esempio non e' dei migliori ovviamente. Si puo' fare quella cosa ovunque, ma qui e' stato parecchio piu' immediato. Tutto quello che voglio dire e' che sono stati fatti parecchi passi in avanti. Tutto assieme alla filosofia del free e open. non si puo' fare altro che essere lieti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non mi sembra la soluzione, ma...
      Fallo partire con KAffeine -f
  • Anonimo scrive:
    C'N'R non è male
    L'idea di far girare un programma senza toccare il sistema non è male, tra l'altro una volta cancellato di tale programma non rimane traccia, cancelli la sua directory e via...
    • Anonimo scrive:
      Re: C'N'R non è male
      - Scritto da:
      L'idea di far girare un programma senza toccare
      il sistema non è male, tra l'altro una volta
      cancellato di tale programma non rimane traccia,
      cancelli la sua directory e
      via...È già così.CNR serve solo a semplificare la ricerca dei pacchetti (evitando di preoccuparsi dei repository).
      • Anonimo scrive:
        Re: C'N'R non è male
        Non esattamente. Alcuni programmi quando si rimuovono lasciano nel sistema qualche file, con c'n'r il problema non si pone.
  • Anonimo scrive:
    Buon passo
    Ma sono sicuro che Linux non si avvicinerà mai all'utente medio.Avrà sempre e solo dei comunistelli cazzoni che giocano a fare la rivoluzione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Buon passo
      Torna a disinfestare il pc dai trojan, va là...
    • Anonimo scrive:
      Re: Buon passo
      - Scritto da:
      Avrà sempre e solo dei comunistelli cazzoni che
      giocano a fare la
      rivoluzione.Sei rimasto indieeEEeetro ! I comunisti non ci sono piu', ora sono gli islamici i cattivoni !Aggiornati :D !
      • Anonimo scrive:
        Re: Buon passo
        - Scritto da:

        - Scritto da:


        Avrà sempre e solo dei comunistelli cazzoni che

        giocano a fare la

        rivoluzione.

        Sei rimasto indieeEEeetro ! I comunisti non ci
        sono piu', ora sono gli islamici i cattivoni
        !
        Aggiornati :D !Islamici e neo-comunisti '68ini sono alleati, tanto è che i terroristi tifano e fanno di tutto per far eleggere la sgallettata '68ina della Clinton o quell'altro razzista comunista nero di Obama alla Casa Bianca.
  • Anonimo scrive:
    emerge --sync && emerge --auDN world
    Non posso immaginare niente di migliore ne di più potente.Tutto il resto semplicemente non può reggere il confronto.
    • Anonimo scrive:
      Re: emerge --sync && emerge --auDN world
      - Scritto da:
      Non posso immaginare niente di migliore ne di più
      potente.
      Tutto il resto semplicemente non può reggere il
      confronto.ecco allora non smaronare che a noi non interessano i retti sui confronti
    • belze scrive:
      Re: emerge --sync && emerge --auDN world
      il reale problema di emerge è la disinstallazione...peccato, altrimenti sarei rimasto su gentoo più a lungo, mi sono fermato a 6 mesi di proficuo utilizzo (test su apache, php e mysql).
      • Anonimo scrive:
        Re: emerge --sync && emerge --auDN world
        - Scritto da: belze
        il reale problema di emerge è la
        disinstallazione...Ultimamente (qualche mese)# emerge --depcleanè migliorato parecchio e non ci sono più problemi di dipendenze inverse.
    • Anonimo scrive:
      Re: emerge --sync && emerge --auDN world
      - Scritto da:
      Non posso immaginare niente di migliore ne di più
      potente.
      Tutto il resto semplicemente non può reggere il
      confronto.si ma 2 palle con lo stesso tempo in windows e sistemi di pacchettizzazione installi 20 cose
    • Anonimo scrive:
      Re: emerge --sync && emerge --auDN world
      - Scritto da:
      Non posso immaginare niente di migliore ne di più
      potente.
      Tutto il resto semplicemente non può reggere il
      confronto.Senza nulla togliere ad emerge e Gentoo, preferisco Synaptic.2 click è via :D
    • Anonimo scrive:
      Re: emerge --sync && emerge --auDN world
      senza nulla togliere a emerge, preferisco yum :P
    • reXistenZ scrive:
      Re: emerge --sync && emerge --auDN world

      Non posso immaginare niente di migliore ne di più
      potente.
      Tutto il resto semplicemente non può reggere il
      confronto.Ha una GUI?
      • Anonimo scrive:
        Re: emerge --sync && emerge --auDN world
        - Scritto da: reXistenZ

        Non posso immaginare niente di migliore ne di
        più

        potente.

        Tutto il resto semplicemente non può reggere il

        confronto.

        Ha una GUI?Le GUI servono solo a chi non sa le cose.Basta saperle.
        • Anonimo scrive:
          Re: emerge --sync && emerge --auDN world
          Esatto perchè per fare un disegno grafico si chiama il comando da shell....smettetela di osannare la shell e sputare sulla gui! è un po come dire che la vera automobile si avvia a spinta invece che con la chiave!
        • starise scrive:
          Re: emerge --sync && emerge --auDN world
          - Scritto da:
          - Scritto da: reXistenZ

          Ha una GUI?

          Le GUI servono solo a chi non sa le cose.

          Basta saperle.Non una GUI, molte GUI.Qt:http://kuroo.org/http://www.ralfhoelzer.com/kentoo.htmlGtk2:http://porthole.sourceforge.net/Comunque l'ultima versione di portage è fantastica, il --depclean ha risolto tutti i problemi che l'affliggevano in passato e, per chi ha voglia di aspettare i tempi di "emersione", la versatilità di portage non ha confini
          • reXistenZ scrive:
            Re: emerge --sync && emerge --auDN world



            Ha una GUI?



            Le GUI servono solo a chi non sa le cose.



            Basta saperle.

            Non una GUI, molte GUI.Meno male. grazie per la tua risposta educata e pertinente.Cosa mi consiglieresti di leggere in via preliminare per capire cos'è emerge e cosa fa? Tieni conto che ho usato qualche volta Synaptic e Yast ma quando sento parlare di emerge davvero non capisco nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: emerge --sync && emerge --auDN world
            - Scritto da: reXistenZ



            Ha una GUI?


            Le GUI servono solo a chi non sa le cose.


            Basta saperle.

            Non una GUI, molte GUI.
            Meno male. grazie per la tua risposta educata
            e pertinente.E non dimentichiamo: spiritosa (rotfl)
            Cosa mi consiglieresti di leggere in via
            preliminare per capire cos'è emerge e cosa fa?http://www.gentoo.it/Qui trovi molta documentazione, comprese le FAQ e tutto quello che vuoi sapere su emerge.
            Tieni conto che ho usato qualche volta
            Synaptic e Yast ma quando sento parlare di
            emerge davvero non capisco nulla.E' molto simile ai programmi da te citati, ma visto che gentoo compila tutto, invece di scaricarsi i binari, si scarica i sorgenti e si occupa di compilari automaticamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: emerge --sync && emerge --auDN world




          Ha una GUI?

          Le GUI servono solo a chi non sa le cose.

          Basta saperle.Ecco perche in ambito Desktop, il vostro amato pinguino rimarra' sempreun prodotto di nicchia usato solo da unamanciata di sinistroidi avversi a tutto cio che siamicrosoft.Ricorda sbruffoncello, che non tutti fannodel computer una passione o un lavoro.
          • Anonimo scrive:
            Re: emerge --sync && emerge --auDN world
            non vedo cosa centri la sinistra e l'odio anti-microsoft con linux... mah
    • Anonimo scrive:
      Re: emerge --sync && emerge --auDN world
      Sei un gallo! Sei troppo figo, mi mandi una tua foto autografata?? ora che hai dimostrato che sai usare la linea di comando ti senti il padrone del mondo?
    • scionforbai scrive:
      Re: emerge --sync && emerge --auDN world

      Non posso immaginare niente di migliore ne di più
      potente.
      Tutto il resto semplicemente non può reggere il
      confronto.pacman -Syu;)
    • Anonimo scrive:
      [OT]Re: emerge --sync && emerge --auDN w
      - Scritto da:
      Non posso immaginare niente di migliore ne di più
      potente.C:WindowsXP-KB835935-SP2-ITA.exe /quiet
      Tutto il resto semplicemente non può reggere il
      confronto.
  • Anonimo scrive:
    APT imperat
    Debian è anni avanti con il suo gestore di pacchetti APT.Quella di linspire è la solita minkiatina che ambisce a diventare lo standard per avere un controllo intrinseco su tutte le distribuzioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: APT imperat
      - Scritto da:
      Debian è anni avanti con il suo gestore di
      pacchetti
      APT.
      Quella di linspire è la solita minkiatina
      che ambisce a diventare lo standard per avere un
      controllo intrinseco su tutte le
      distribuzioni.apt risolverà il 95% dei tuoi problemi per il rimanente 5% CNR può essere utile. Non capisco tutta questa negatività, il programma lo rendono open source, il servizio sarà a pagamento solo per installare (Comprare) certi programmi. Non si dice sempre che open source non vuol dire gratis?
      • Anonimo scrive:
        Re: APT imperat
        - Scritto da:
        dice sempre che open source non vuol dire
        gratis?"Open Source" non lo voglioio voglio il free software che è ben diversoda quel termine markettaro coniato da Bruce Perans
        • Anonimo scrive:
          Re: APT imperat
          - Scritto da:
          "Open Source" non lo voglio
          io voglio il free software che è ben diverso
          da quel termine markettaro coniato da Bruce PeransAllora immagino che non usi neanche mplayer o xine con i codecs microsoft, visto che sono chiusi e la FSF si è detta contraria ad usarli. O non hai installato nessuna versione di flash player. E che non usi i driver nvidia o ATI perché sono proprietari ecc... Ceeeeeeerto come no!
          • pane@rita scrive:
            Re: APT imperat

            E che non usi i driver nvidia o ATI perché sono
            proprietari ecc...
            vado e rilancio di OT... sul mio portatile i driver open per ati vanno benone. Ho anche installato beryl...non lo uso perché mi viene presto mal di testa, ma è un altro discorso che si risolverebbe personalizzando le animazioni ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: APT imperat
            Sì ma l'utente di prima non ci crede nessuno a quello che dice. E' un troll e si vede lontano un miglio.
          • Anonimo scrive:
            Re: APT imperat
            - Scritto da:
            Allora immagino che non usi neanche mplayer o
            xine con i codecs microsoft, visto che sono
            chiusi e la FSF si è detta contraria ad usarli.

            O non hai installato nessuna versione di flash
            player.

            E che non usi i driver nvidia o ATI perché sono
            proprietari ecc...a parte il fatto che si può vivere senza il codec sukkoso MS(personalmente mai usati), che flash esiste anche open source e che i driver nvidia e ati li pago quando compro la schedadovrei pagare al CNR gabella per installare questi software?non hanno speranze ...
          • Anonimo scrive:
            Re: APT imperat
            - Scritto da:
            e che i driver nvidia e
            ati li pago quando compro la
            scheda
            Cosa c'entra il pagare? Tu parlavi di Free software. Free è inteso come libero, non come gratuito. CNR per queste cose è gratuito, guardatelo il sito prima di straparlare.
            dovrei pagare al CNR gabella per installare
            questi
            software?Ah ma tu quindi intendi Free Software come -
            TUTTO GRATIS. Ok bastava solo sapere questo.
        • Sky scrive:
          Re: APT imperat
          - Scritto da:
          - Scritto da:

          dice sempre che open source non vuol dire

          gratis?
          "Open Source" non lo voglio
          io voglio il free software che è ben diverso
          da quel termine markettaro coniato da Bruce PeransCon la frase sopra vuoi dire che hai prodotto talmente tanto software free (non "open" eh "free") da poter dire "voglio il software (degli altri) free"?
      • Anonimo scrive:
        Re: APT imperat
        - Scritto da:

        Non capisco
        tutta questa negatività, il programma lo rendono
        open source, il servizio sarà a pagamento solo
        per installare (Comprare) certi programmi. Non si
        dice sempre che open source non vuol dire
        gratis?Il problema è che linspire ti concede l'utilizzo del solo client. Nessun'altra distribuzione potrà metter su un server che faccia le stesse cose e questo è in aperto contrasto con l'intenzione dichiarata di farne una piattaforma standard.Quello che non capisco è perchè affannarsi nel fare un sistema di pacchettizzazione standard. C'è già qualcosa che va bene per tutte le distro, ed è il codice sorgente di un programma. Non sarebbe più comodo e conveniente se ogni distro sviluppasse un'interfaccia grafica per "scompattare sorgenti, configure, make, make install, creapacchetto nel formato della distro, masterizza su cd/dvd il pacchetto creato" ?
    • bdm scrive:
      Re: APT imperat
      Linspire , si basa su debian ... non dico altro .. se poi vuoi dare servizi, non sei necessariamente obbligato a darli gratis, come qualcuno più giù ha detto .. softwarelibero non significa software gratuito.Aggiungo che, da mia esperienza, è inutile essere dei "fissati" , dobbiamo renderci conto delle difficoltà di usare un sistema , che si è stabile , ma che per l'utente finale, quello per intendersi che sa malapena cosa significa "qualsiasi pulsante" , deve essere diretto e senza troppi problemi.apt yum emerge .. ( che non uso ) andranno pure bene, ma mettiamoci nei panni di chi usa un PC per la semplice elaborazione di testi, che oltre a conoscere "word" ( word .. ormai è una parola di uso comune ) non sa fare altro, chi glielo spiega come gestire una cosa se non funziona.Questo secondo me deve essere l'obbiettivo, semttiamola di pensare come degli illuminati, pensiamo al prossimo. A pagamento o gratis questo è un problema di chi da il servizio. Qualcuno qui, darebbe assistenza dedicata ogni giorno gratis ? Fate un bel respiro e rispondete.Spero di essere stato abbastanza chiaro.
      • Anonimo scrive:
        Re: APT imperat
        - Scritto da: bdm
        Linspire , si basa su debian ... non dico altro
        .. se poi vuoi dare servizi, non sei
        necessariamente obbligato a darli gratis, come
        qualcuno più giù ha detto .. softwarelibero non
        significa software
        gratuito.Già, ma qui di libero c'è solo il client... voler fare di una piattaforma non-libera uno standard per linux (che è il sistema libero per eccellenza) mi sembra il colmo!
        Aggiungo che, da mia esperienza, è inutile essere
        dei "fissati" , dobbiamo renderci conto delle
        difficoltà di usare un sistema , che si è stabile
        , ma che per l'utente finale, quello per
        intendersi che sa malapena cosa significa
        "qualsiasi pulsante" , deve essere diretto e
        senza troppi
        problemi.

        apt yum emerge .. ( che non uso ) andranno pure
        bene, ma mettiamoci nei panni di chi usa un PC
        per la semplice elaborazione di testi, che oltre
        a conoscere "word" ( word .. ormai è una parola
        di uso comune ) non sa fare altro, chi glielo
        spiega come gestire una cosa se non
        funziona.Per questo esistono i front-end grafici, come Synaptic per apt.Basta fare click su "cerca", inserisci, ad esempio, "music player" e ti spuntano fuori tutti i pacchetti e tutte le applicazioni che hanno a che fare con "music player".Direi che è anche più semplice di andare a cercare l'installer su Google, scaricarlo ed installarlo a mano.
        Questo secondo me deve essere l'obbiettivo,
        semttiamola di pensare come degli illuminati,
        pensiamo al prossimo. A pagamento o gratis questo
        è un problema di chi da il servizio. Qualcuno
        qui, darebbe assistenza dedicata ogni giorno
        gratis ? Fate un bel respiro e
        rispondete.Il servizio può anche essere a pagamento, non ha importanza. Ma poichè in questo modo nessuno potrebbe mettere su un server che offre questo servizio (oltre a Linspire), non può diventare uno standard (in quanto sarebbe un monopolio, e di monopoli ne abbiamo già abbastanza).
        Spero di essere stato abbastanza chiaro.Molto chiaro.Spero di esserlo stato altrettanto io. :)
        • Anonimo scrive:
          Re: APT imperat
          - Scritto da:
          Il servizio può anche essere a pagamento,
          non ha importanza. Ma poichè in questo modo
          nessuno potrebbe mettere su un server che offre
          questo servizio (oltre a Linspire), non può
          diventare uno standard (in quanto sarebbe un
          monopolio, e di monopoli ne abbiamo già
          abbastanza).L'importanza di CNR non è il server, ma la gente dietro che farà in modo di creare pacchetti per ogni distro.
          • Anonimo scrive:
            Re: APT imperat
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            Il servizio può anche essere a pagamento,

            non ha importanza. Ma poichè in questo modo

            nessuno potrebbe mettere su un server che offre

            questo servizio (oltre a Linspire), non può

            diventare uno standard (in quanto sarebbe un

            monopolio, e di monopoli ne abbiamo già

            abbastanza).

            L'importanza di CNR non è il server, ma la gente
            dietro che farà in modo di creare pacchetti per
            ogni
            distro.L'ideale è una piattaforma standard (uno standard approvato da TUTTI, non deciso da una singola azienda) per far si che l'utente non debba in alcun modo di *come* procurarsi il pacchetto (quindi non dovrebbe nemmeno inserire gli url dei repository).In questo modo invece Linspire impone la sua piattaforma, rigorosamente chiusa, e si fa pagare da chi volesse distribuire il proprio SW tramite CNR.Sia ben chiaro, non è una questione di giusto/sbagliato, non sono così arrogante.Semplicemente io non approvo assolutamente questa idea.
  • Anonimo scrive:
    LINUX E' DA CULARE
    Allora che Linspire lo culi :D :$
  • Anonimo scrive:
    Linspire è una ciofeca
    Che distribuzione farlocca
    • Anonimo scrive:
      Re: Linspire è una ciofeca
      Forse non hai capito che il servizio non riguarda solo linspire ma tutte le distribuzioni.Cioè quei programmi che non sono nella tua distro li potrai installare con un click.E sarà anche più semplice per aziende come adobe vendere il loro photoshop per Linux se ci sono servizi come questo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linspire è una ciofeca
        Prego tradurre "farlocca" in parole utili a capire la differenza, a svantaggio dell'utente, tra Linspire e le altre distro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linspire è una ciofeca
        - Scritto da:
        Forse non hai capito che il servizio non riguarda
        solo linspire ma tutte le
        distribuzioni.

        Cioè quei programmi che non sono nella tua distro
        li potrai installare con un
        click.

        E sarà anche più semplice per aziende come adobe
        vendere il loro photoshop per Linux se ci sono
        servizi come
        questo.CNR è solo un sistema per facilitare all'utente la ricerca dei pacchetti. Può evitare in questo modo di dover inserire i repository a mano.Ma il tipo di installazione resterà identico a quello attuale (ogni distro con i suoi pacchetti).Come potrebbe semplificare la distribuzione di Photoshop alla Adobe?
    • Anonimo scrive:
      Re: Linspire è una ciofeca
      - Scritto da:
      Che distribuzione farloccaper voi fanatici del linux è farlocco qualsiasi cosa che non sia gratis...ma vergognatevi va (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Dopo 15 anni, mi sembra il minimo..
    ..ma riusciranno a creare delle API davvero standard che astraggono dalle distribuzioni e formati o, come già sembra, ogni gruppo farà quel che gli pare e ci saranno comunque decine di standard e non cambierà di fatto nulla ? ehh!
    • Anonimo scrive:
      Re: Dopo 15 anni, mi sembra il minimo..
      - Scritto da:
      ..ma riusciranno a creare delle API davvero
      standard che astraggono dalle distribuzioni e
      formati o, come già sembra, ogni gruppo farà quel
      che gli pare e ci saranno comunque decine di
      standard e non cambierà di fatto nulla ?
      ehh!Senti l'API standard non è la panacea di tutti i mali. Se fai l'API standard poi per mantenere lo standard perdi in flessibilità.Comunque mi fa ridere qui tutti che hanno l'arroganza di proporre soluzioni nei forum, come se quelli che sviluppano il kernel Linux siano un branco di tontoloni.Sarei curioso di vedere i vostri curriculum piuttosto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dopo 15 anni, mi sembra il minimo..
        avra' almeno 10 anni di installazioni di windows , ti pare poco ???
      • Anonimo scrive:
        Re: Dopo 15 anni, mi sembra il minimo..
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ..ma riusciranno a creare delle API davvero

        standard che astraggono dalle distribuzioni e

        formati o, come già sembra, ogni gruppo farà
        quel

        che gli pare e ci saranno comunque decine di

        standard e non cambierà di fatto nulla ?

        ehh!

        Senti l'API standard non è la panacea di tutti i
        mali. Se fai l'API standard poi per mantenere lo
        standard perdi in
        flessibilità.
        Comunque mi fa ridere qui tutti che hanno
        l'arroganza di proporre soluzioni nei forum, come
        se quelli che sviluppano il kernel Linux siano un
        branco di
        tontoloni.
        Sarei curioso di vedere i vostri curriculum
        piuttosto.I risultati dei grandi geni che perdono tempo con Linux parlando da soli. In 15 anni avrebbero dovuto ottenere il 50% del mercato desktop se avessero avuto un minimo di cervello ed il sistema comunistoide open-source/GPL funzionasse così come decantano i tanti fanatici. Ma la realtà è ben diversa... Con le API standard perdi flessibilità ? Ma che stai dicendo ? Certo, allora l' OS a che serve ? Torniamo a lasciare che ogni produttore si scriva tutto da zero per propio conto, no ? Lo scheduler dell' OS a che serve ? Lasciamo che ognuno si scriva il suo, poi poco importa se non funziona più niente.. ehh!
        • Anonimo scrive:
          Re: Dopo 15 anni, mi sembra il minimo..
          - Scritto da:
          ed il
          sistema comunistoide open-source/GPL funzionasse
          così come decantano i tanti fanatici.Bella questa, da inquadrare: Il sunto dell'ignoranza trollosa ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Dopo 15 anni, mi sembra il minimo..
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          ..ma riusciranno a creare delle API davvero


          standard che astraggono dalle distribuzioni e


          formati o, come già sembra, ogni gruppo farà

          quel


          che gli pare e ci saranno comunque decine di


          standard e non cambierà di fatto nulla ?


          ehh!



          Senti l'API standard non è la panacea di tutti i

          mali. Se fai l'API standard poi per mantenere lo

          standard perdi in

          flessibilità.

          Comunque mi fa ridere qui tutti che hanno

          l'arroganza di proporre soluzioni nei forum,
          come

          se quelli che sviluppano il kernel Linux siano
          un

          branco di

          tontoloni.

          Sarei curioso di vedere i vostri curriculum

          piuttosto.

          I risultati dei grandi geni che perdono tempo con
          Linux parlando da soli. In 15 anni avrebbero
          dovuto ottenere il 50% del mercato desktop se
          avessero avuto un minimo di cervello ed il
          sistema comunistoide open-source/GPL funzionasse
          così come decantano i tanti fanatici. Ma la
          realtà è ben diversa...
          Ma dove hai letto gli obbiettivi che si erano prefissati i "geni"? Mi linki la pagina?Linux si è avvicinato al mercato desktop solo negli ultimi anni, e fa passi da gigante.In ambito server si è affermato in maniera innegabile.Parli tanto male dei fanatici, ma tu hai dimostrato di non essere da meno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dopo 15 anni, mi sembra il minimo..
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ..ma riusciranno a creare delle API davvero

        standard che astraggono dalle distribuzioni e

        formati o, come già sembra, ogni gruppo farà
        quel

        che gli pare e ci saranno comunque decine di

        standard e non cambierà di fatto nulla ?

        ehh!

        Senti l'API standard non è la panacea di tutti i
        mali. Se fai l'API standard poi per mantenere lo
        standard perdi in
        flessibilità.
        Comunque mi fa ridere qui tutti che hanno
        l'arroganza di proporre soluzioni nei forum, come
        se quelli che sviluppano il kernel Linux siano un
        branco di
        tontoloni.
        Sarei curioso di vedere i vostri curriculum
        piuttosto.(troll4) ma dai!!! è "ovvio" a chiunque che c'è un abisso tra un exe (che di solito è avanti -
        avanti -
        avanti) e un deb, rpm,..
  • Anonimo scrive:
    Ma allora vedi...
    che i troppi formati, derivanti dalle troppe distro, danno fastidio?(e perciò qualcuno ha dovuto metterci una pezza)win e mac non insegnano?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma allora vedi...
      - Scritto da:
      che i troppi formati, derivanti dalle troppe
      distro, danno
      fastidio?
      (e perciò qualcuno ha dovuto metterci una pezza)

      win e mac non insegnano?Ma certo la soluzione non è una piattaforma a pagamento e per giunta closed !
      • Anonimo scrive:
        [OT] Re: Ma allora vedi...
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        che i troppi formati, derivanti dalle troppe

        distro, danno

        fastidio?

        (e perciò qualcuno ha dovuto metterci una pezza)



        win e mac non insegnano?

        Ma certo la soluzione non è una piattaforma a
        pagamento e per giunta
        closed !il DRAGA già se la ride perché con i prezzi astronomici che ha sparato sa che nessuno acquisterà vista ma si diffonderà come al solito tramite la rete p), ovviamente solo le aziende pagheranno fior di dollaroni al DRAGA, ehm scusa ZIO Bill, e tutto rimarrà come prima (cioè adesso): 95% win, 5% altrie via di sparagestionali cagaVB :D
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Re: Ma allora vedi...
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          - Scritto da:


          che i troppi formati, derivanti dalle troppe


          distro, danno


          fastidio?


          (e perciò qualcuno ha dovuto metterci una
          pezza)





          win e mac non insegnano?



          Ma certo la soluzione non è una piattaforma a

          pagamento e per giunta

          closed !

          il DRAGA già se la ride perché con i prezzi
          astronomici che ha sparato sa che nessuno
          acquisterà vista ma si diffonderà come al solito
          tramite la rete p), ovviamente solo le aziende
          pagheranno fior di dollaroni al DRAGA, ehm scusa
          ZIO Bill, e tutto rimarrà come prima (cioè
          adesso): 95% win, 5%
          altri
          e via di sparagestionali cagaVB :DSe Microsoft non tirerà fuori un crack, o le multinazionali a cui Microsoft ha concesso il codice sorgente non tireranno fuori crack funzionanti al 100%, Vista non si diffonderà proprio. Al momento non c'è un crack veramente funzionante che disabiliti WPA/WGA definitivamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Re: Ma allora vedi...
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            - Scritto da:



            che i troppi formati, derivanti dalle troppe



            distro, danno



            fastidio?



            (e perciò qualcuno ha dovuto metterci una

            pezza)







            win e mac non insegnano?





            Ma certo la soluzione non è una piattaforma a


            pagamento e per giunta


            closed !



            il DRAGA già se la ride perché con i prezzi

            astronomici che ha sparato sa che nessuno

            acquisterà vista ma si diffonderà come al solito

            tramite la rete p), ovviamente solo le aziende

            pagheranno fior di dollaroni al DRAGA, ehm scusa

            ZIO Bill, e tutto rimarrà come prima (cioè

            adesso): 95% win, 5%

            altri

            e via di sparagestionali cagaVB :D

            Se Microsoft non tirerà fuori un crack, o le
            multinazionali a cui Microsoft ha concesso il
            codice sorgente non tireranno fuori crack
            funzionanti al 100%, Vista non si diffonderà
            proprio. Al momento non c'è un crack veramente
            funzionante che disabiliti WPA/WGA
            definitivamente.i pc "assemblati" di solito hanno l'xp piratato, i portatili invece hanno "sempre" l'xp OEM originale. Microsoft lo sa e sa che le vendite di portatili sono (o saranno) superiori a quelle dei fissi.
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Re: Ma allora vedi...
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            - Scritto da:



            che i troppi formati, derivanti dalle troppe



            distro, danno



            fastidio?



            (e perciò qualcuno ha dovuto metterci una

            pezza)







            win e mac non insegnano?





            Ma certo la soluzione non è una piattaforma a


            pagamento e per giunta


            closed !



            il DRAGA già se la ride perché con i prezzi

            astronomici che ha sparato sa che nessuno

            acquisterà vista ma si diffonderà come al solito

            tramite la rete p), ovviamente solo le aziende

            pagheranno fior di dollaroni al DRAGA, ehm scusa

            ZIO Bill, e tutto rimarrà come prima (cioè

            adesso): 95% win, 5%

            altri

            e via di sparagestionali cagaVB :D

            Se Microsoft non tirerà fuori un crack, o le
            multinazionali a cui Microsoft ha concesso il
            codice sorgente non tireranno fuori crack
            funzionanti al 100%, Vista non si diffonderà
            proprio. Al momento non c'è un crack veramente
            funzionante che disabiliti WPA/WGA
            definitivamente.Ehm, M$ concede di VISIONARE il codice sorgente, mica ti mette in condizioni di compilartelo! Che il binario che ti dà corrisponda in toto al sorgente che ti fa annusare è un'atto di fede dovuto, mica vorrete quella robaccia del Software Libero? Fidatevi fidatevi...
          • Anonimo scrive:
            Re: [OT] Re: Ma allora vedi...
            - Scritto da:
            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            - Scritto da:




            che i troppi formati, derivanti dalle
            troppe




            distro, danno




            fastidio?




            (e perciò qualcuno ha dovuto metterci una


            pezza)









            win e mac non insegnano?







            Ma certo la soluzione non è una piattaforma
            a



            pagamento e per giunta



            closed !





            il DRAGA già se la ride perché con i prezzi


            astronomici che ha sparato sa che nessuno


            acquisterà vista ma si diffonderà come al
            solito


            tramite la rete p), ovviamente solo le
            aziende


            pagheranno fior di dollaroni al DRAGA, ehm
            scusa


            ZIO Bill, e tutto rimarrà come prima (cioè


            adesso): 95% win, 5%


            altri


            e via di sparagestionali cagaVB :D



            Se Microsoft non tirerà fuori un crack, o le

            multinazionali a cui Microsoft ha concesso il

            codice sorgente non tireranno fuori crack

            funzionanti al 100%, Vista non si diffonderà

            proprio. Al momento non c'è un crack veramente

            funzionante che disabiliti WPA/WGA

            definitivamente.

            Ehm, M$ concede di VISIONARE il codice sorgente,
            mica ti mette in condizioni di compilartelo! Che
            il binario che ti dà corrisponda in toto al
            sorgente che ti fa annusare è un'atto di fede
            dovuto, mica vorrete quella robaccia del Software
            Libero? Fidatevi
            fidatevi...?? Sì, certo, perchè Microsoft manda gente con i fucili spianati nelle multinazionali a cui fornisce il codice per assicurarsi che non compilino nulla... mah!
          • Giambo scrive:
            Re: [OT] Re: Ma allora vedi...
            - Scritto da:
            ?? Sì, certo, perchè Microsoft manda gente con i
            fucili spianati nelle multinazionali a cui
            fornisce il codice per assicurarsi che non
            compilino nulla...
            mah!AFAIK, non tutto il codice e' disponibile, quindi difficilmente si puo' compilare tutto Windows.Inoltre dubito che sia un'operazione facile come un "./config && make && make install" :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma allora vedi...
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        che i troppi formati, derivanti dalle troppe

        distro, danno

        fastidio?

        (e perciò qualcuno ha dovuto metterci una pezza)



        win e mac non insegnano?

        Ma certo la soluzione non è una piattaforma a
        pagamento e per giunta
        closed !Vabbe' hanno detto che la aprono tra poco, se l'hanno detto vuol dire che lo fanno. Per me è una cosa buona un sistema del genere. Ma ne stanno nascendo tanti altri di simili. Secondo me le distro commerciali non saranno fesse e ognuna di loro insieme alla distro a pagamento fornirà un servizio simile ma solo per la loro versione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma allora vedi...

          Vabbe' hanno detto che la aprono tra poco, se
          l'hanno detto vuol dire che lo fanno.nell'articolo c'e' scritto che rilasciano _solo_ il codice del client... poi magari il server tocca pagarlo alle aziende delle distro... ahah
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma allora vedi...
        Miei cari, a forza di non saper collaborare tra di voi per creare una piattaforma unica ed open è normale che poi le cose finiscono così...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma allora vedi...
          - Scritto da:
          Miei cari, a forza di non saper collaborare tra
          di voi per creare una piattaforma unica ed open
          è normale che poi le cose finiscono così...Perche' ci vorrebbe una piattaforma unica, se tutto e' intercompatibile ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma allora vedi...
            E' tutto così intercompatibile che in giro non si trova una mazza per linux senza andare a caccia nei siti specializzati.Software in vendita compatibili con linux ? Quasi sempre 0, quando va bene 2 o 3Hardware compatibili ? Sulla carta tutti, nella pratica perfino quelli che hanno driver per il sistema nei cd inclusi "si dimenticano" di renderlo noto (con winz però questo non succede).Grande intercompatibilità
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma allora vedi...
            - Scritto da:
            E' tutto così intercompatibile che in giro non
            si trova una mazza per linux senza andare a
            caccia nei siti specializzati.Cosa intendi per "una mazza" ?Cosa trovi nei "siti specializzati" che non sia contenuto nei repository della distribuzione ?
            Software in vendita compatibili con linux ?
            Quasi sempre 0, E questo sarebbe un problema di linux ?
            quando va bene 2 o 3 Hardware compatibili ? Linux notoriamente supporta piu' ferro di quasi tutti gli altri SO, vari windows compresi, quindi non capisco cosa stai dicendo.
            Sulla carta tutti, nella pratica perfino
            quelli che hanno driver per il sistema nei
            cd inclusi "si dimenticano" di renderlo noto
            (con winz però questo non succede).Forse perche' normalmente il kernel li vede al volo e non c'e' nessun bisogno di mettere i driver.
            Grande intercompatibilitàCerto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma allora vedi...


            E' tutto così intercompatibile che in giro non

            si trova una mazza per linux senza andare a

            caccia nei siti specializzati.

            Cosa intendi per "una mazza" ?0, Zero, Nada, Null, Nil +o- il senso è questo
            Cosa trovi nei "siti specializzati" che non sia
            contenuto nei repository della distribuzione
            ?Sono proprio questi i siti specializzati.


            Software in vendita compatibili con linux ?

            Quasi sempre 0,

            E questo sarebbe un problema di linux ?Per una persona che lavora e che per il suo lavoro ha proprio bisogno di quel software lì e non di un suo clone più o meno simile (ma il più delle volte sta sotto) è un problema, che guarda un po' risolve per l'ennesima volta comprando ed usando un os di redmond.


            quando va bene 2 o 3 Hardware compatibili ?

            Linux notoriamente supporta piu' ferro di quasi
            tutti gli altri SO, vari windows compresi, quindi
            non capisco cosa stai
            dicendo.
            Non esiste un driver GNU con l'ottimizzazione minima per fare qualcosa di decente. Anche lì se vuoi avere le prestazioni giuste DEVI installare driver proprietari tipo nvidia e ati.


            Sulla carta tutti, nella pratica perfino

            quelli che hanno driver per il sistema nei

            cd inclusi "si dimenticano" di renderlo noto

            (con winz però questo non succede).

            Forse perche' normalmente il kernel li vede al
            volo e non c'e' nessun bisogno di mettere i
            driver.Te li vede al volo poi te li fa volare spanciando sul cemento facendoti domandare se valeva la pena comprare un computer nuovo che spinge peggio di quello vecchio


            Grande intercompatibilità

            Certo.Immensa...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma allora vedi...
            - Scritto da:



            E' tutto così intercompatibile che in giro
            non



            si trova una mazza per linux senza andare a


            caccia nei siti specializzati.



            Cosa intendi per "una mazza" ?

            0, Zero, Nada, Null, Nil +o- il senso è questo
            I software più comuni e più utilizzati non hai bisogno di cercarli. Ci pensa la tua distro a trovarli ed installarli.Detto questo, fatti un giro su sourceforce.net, e dimmi cosa non trovi...

            Cosa trovi nei "siti specializzati" che non sia

            contenuto nei repository della distribuzione

            ?

            Sono proprio questi i siti specializzati.
            Non sai di che parli.Non avendo mai usato Linux non puoi minimamente immaginare quanto sia comodo non dover cercare NULLA in giro per siti in stile download.com et similia...Tu devi perder tempo a cercare i programmi, scaricarle l'installer adatto per la tua versione di win ed installarlo a manina.Io apro Synaptic, cerco un programma e lui pensa a trovarlo, scaricarlo, installare le dipendeze e il programma.




            Software in vendita compatibili con linux ?


            Quasi sempre 0,



            E questo sarebbe un problema di linux ?

            Per una persona che lavora e che per il suo
            lavoro ha proprio bisogno di quel software lì e
            non di un suo clone più o meno simile (ma il più
            delle volte sta sotto) è un problema, che guarda
            un po' risolve per l'ennesima volta comprando ed
            usando un os di
            redmond.
            Ma che discorsi sono?In ambito professionale scegli il SO in base ai software che ti servono. Se devi fare grafica con Photoshop scegli Mac, se devi mettere su un Server scegli Linux, Se lavori con CAD metti Windows.In ambito casalingole applicazioni utilizzate sono quasi sempre le stesse (un browser, un programma di videoscrittura, un player video e/o musicale, etc etc etc). Puoi scegliere Mac, Win o Linux, a seconda di quello che preferisci.Io ho scelto Linux perchè ha innumerevoli vantaggi rispetto a Mac e Windows.Tu fai un po come preferisci, nessuno tu punta una pistola alla tempia.




            quando va bene 2 o 3 Hardware compatibili ?



            Linux notoriamente supporta piu' ferro di quasi

            tutti gli altri SO, vari windows compresi,
            quindi

            non capisco cosa stai

            dicendo.



            Non esiste un driver GNU con l'ottimizzazione
            minima per fare qualcosa di decente. Anche lì se
            vuoi avere le prestazioni giuste DEVI installare
            driver proprietari tipo nvidia e
            ati.
            Ma cosa è un driver GNU??? Ma lo vedi che non sai di che parli? Non hai la minima esperienza di Linux! Io uso driver open per la mia ati, perchè con quelli forniti dal produttore Aiglx non funziona!Tutto l'HW e le periferiche che ho mi vengono riconosciute al volo dalla Ubuntu, senza dover installare un singolo driver.Dimmi tu, piuttosto, quali driver non funzionano per Linux; raccontami la tua esperienza in merito!




            Sulla carta tutti, nella pratica perfino


            quelli che hanno driver per il sistema nei


            cd inclusi "si dimenticano" di renderlo noto


            (con winz però questo non succede).



            Forse perche' normalmente il kernel li vede al

            volo e non c'e' nessun bisogno di mettere i

            driver.

            Te li vede al volo poi te li fa volare spanciando
            sul cemento facendoti domandare se valeva la pena
            comprare un computer nuovo che spinge peggio di
            quello
            vecchioAl solito, tante chiacchiere e niente fatti.Aspetto un esempio.





            Grande intercompatibilità



            Certo.

            Immensa...E a quanto pare non sai nemmeno cosa significa intercompatibilità (e non hai letto neanche l'articolo), perchè stai qui a parlare di "siti specializzati", driver per le periferiche e stupidaggini simili...Mah!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma allora vedi...




            E' tutto così intercompatibile che in giro

            non





            si trova una mazza per linux senza andare a



            caccia nei siti specializzati.





            Cosa intendi per "una mazza" ?



            0, Zero, Nada, Null, Nil +o- il senso è questo



            I software più comuni e più utilizzati non hai
            bisogno di cercarli. Ci pensa la tua distro a
            trovarli ed
            installarli.
            Detto questo, fatti un giro su sourceforce.net, e
            dimmi cosa non
            trovi...
            x cominciare un po' di giochi seri e commerciali che non siano quake 4 e parenti


            Cosa trovi nei "siti specializzati" che non
            sia


            contenuto nei repository della distribuzione


            ?



            Sono proprio questi i siti specializzati.



            Non sai di che parli.
            Non avendo mai usato Linux non puoi minimamente
            immaginare quanto sia comodo non dover cercare
            NULLA in giro per siti in stile download.com et
            similia...Oddio... dopo 9 anni che lo uso e quindi lo conosco proprio sentirmi dire dall'ultimo (the)mente di un forum che non ne so un caxxo... è un po' pesante...
            Tu devi perder tempo a cercare i programmi,
            scaricarle l'installer adatto per la tua versione
            di win ed installarlo a
            manina.
            Io apro Synaptic, cerco un programma e lui pensa
            a trovarlo, scaricarlo, installare le dipendeze e
            il
            programma.Brrr... che oscenità... dovesse mai saltare il repository centrale... basta una libreria che non si trova più e ti saluto...







            Software in vendita compatibili con linux ?



            Quasi sempre 0,





            E questo sarebbe un problema di linux ?



            Per una persona che lavora e che per il suo

            lavoro ha proprio bisogno di quel software lì e

            non di un suo clone più o meno simile (ma il più

            delle volte sta sotto) è un problema, che guarda

            un po' risolve per l'ennesima volta comprando ed

            usando un os di

            redmond.



            Ma che discorsi sono?
            In ambito professionale scegli il SO in base ai
            software che ti servono. Se devi fare grafica con
            Photoshop scegli Mac, se devi mettere su un
            Server scegli Linux, Se lavori con CAD metti
            Windows.
            In ambito casalingole applicazioni utilizzate
            sono quasi sempre le stesse (un browser, un
            programma di videoscrittura, un player video e/o
            musicale, etc etc etc). Puoi scegliere Mac, Win o
            Linux, a seconda di quello che
            preferisci.

            Io ho scelto Linux perchè ha innumerevoli
            vantaggi rispetto a Mac e
            Windows.

            Tu fai un po come preferisci, nessuno tu punta
            una pistola alla tempia.
            Pensa un po'. Tutti i programmi che adesso sono su win e mac potrebbero anche esserci su linux se solo ci fosse la furbizia di creare degli standard condivisi e si giocasse di meno ai piccoli 68'ttini...







            quando va bene 2 o 3 Hardware compatibili ?





            Linux notoriamente supporta piu' ferro di
            quasi


            tutti gli altri SO, vari windows compresi,

            quindi


            non capisco cosa stai


            dicendo.






            Non esiste un driver GNU con l'ottimizzazione

            minima per fare qualcosa di decente. Anche lì se

            vuoi avere le prestazioni giuste DEVI installare

            driver proprietari tipo nvidia e

            ati.



            Ma cosa è un driver GNU??? Ma lo vedi che non sai
            di che parli? Non hai la minima esperienza di
            Linux! Io uso driver open per la mia ati, perchè
            con quelli forniti dal produttore Aiglx non
            funziona!Geniaccio... ti ripeto... 9 anni che lo uso linux, sono ancora io che posso insegnarti qualcosa non il contrario.Forse te, per l'ideologia sei capace di spendere 200 euro comprarti l'ultima sk video uscita e godere quando un cubo miracolosamente ti gira a 30 fps. Io da una belva così mi aspetto di più e tra la possibilità di sfruttarla come si deve ed un driver farlocco per imitare osx, preferisco la prima possibilità.
            Tutto l'HW e le periferiche che ho mi vengono
            riconosciute al volo dalla Ubuntu, senza dover
            installare un singolo
            driver.
            Dimmi tu, piuttosto, quali driver non funzionano
            per Linux; raccontami la tua esperienza in
            merito!Mi sa che devo cominciare dal secolo scorso quando te senza quel robo (che tra l'altro dal profilo della sicurezza ne combina certe niente male, buono proprio a fare a gara con winz) ti saresti tagliato le vene.








            Sulla carta tutti, nella pratica perfino



            quelli che hanno driver per il sistema nei



            cd inclusi "si dimenticano" di renderlo
            noto




            (con winz però questo non succede).





            Forse perche' normalmente il kernel li vede al


            volo e non c'e' nessun bisogno di mettere i


            driver.



            Te li vede al volo poi te li fa volare
            spanciando

            sul cemento facendoti domandare se valeva la
            pena

            comprare un computer nuovo che spinge peggio di

            quello

            vecchio

            Al solito, tante chiacchiere e niente fatti.
            Aspetto un esempio.Asus guarda un po' fa così.Forse alle persone normali non passa per la testa controllare il changelog di un kernel se la sua nuova scheda madre è supportata.Forse le persone normali si limitano a controllare se sulla scatola sta disegnato il magico logo "supported, designed for".Forse se queste persone normali solo si sognassero di chiedere all'inserviente di mediaworld (guarda un po', il posto dove le persone normali vanno a comprare i pezzi per i computer, non ciccio o cantinaro) qualcosa su linux questo sicuramente li inviterebbe ad uscire e cercare lo sushi svedese, 100 metri a destra all'ikea.









            Grande intercompatibilità





            Certo.



            Immensa...

            E a quanto pare non sai nemmeno cosa significa
            intercompatibilità (e non hai letto neanche
            l'articolo), perchè stai qui a parlare di "siti
            specializzati", driver per le periferiche e
            stupidaggini
            simili...

            Mah!Certo certo... su da bravo torna a giocare con gli omini del lego, ad immaginarteli tutti guru dell'open source, utenti di linux e blablabla che la gente normale non ha tempo da perdere
    • Giambo scrive:
      Re: Ma allora vedi...
      - Scritto da:
      win e mac non insegnano?Win, sopratutto, insegna come non gestire dei pacchetti software (DLL-Hell, registry, ...)
    • PinguinoMannaro scrive:
      Re: Ma allora vedi...
      - Scritto da:
      che i troppi formati, derivanti dalle troppe
      distro, danno
      fastidio?
      (e perciò qualcuno ha dovuto metterci una pezza)

      win e mac non insegnano?Sono per i formati differenti per le varie distro.Producono alternative e caratterizzano le varie distro.Ma l'idea di Linspire non e' male Avere un formato generico da gestire come plugin del proprio packmanager e' una buona idea.Faciliterebbe la vita al soft commerciale mantenendo tutti i vantaggi del packmanager centralizzato.(chiaramente il repository della mia distro deve continuare ad essere la fonte principale).
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma allora vedi...
      Win e mac sono il male, Bill è Hellraiser e Ballmer il suo cubo...
Chiudi i commenti