Windows XP, ci sarà una Second Edition?

Molti sostengono che prima dell'uscita di Longhorn, successore ufficiale di WinXP, MS sarà costretta a rilasciare una seconda edizione di XP per tenere fede alla Software Assurance. MS nega


Roma – Come ormai noto, la prossima evoluzione di Windows per il desktop porta il nome in codice di Longhorn , un sistema operativo che nella roadmap ufficiale di Microsoft è atteso per il tardo 2004. Diversi analisti sembrano però concordi nel ritenere che Longhorn, soprattutto a causa degli ingenti sforzi di Microsoft dedicati alla revisione del codice dei suoi attuali prodotti, non uscirà prima del 2005: per colmare questa lacuna temporale Microsoft rilascerà, stando all’opinione di questi analisti, una nuova edizione di Windows XP.

Alvin Park, research director del Gartner, afferma che Microsoft sarà praticamente obbligata ad anticipare il rilascio di una nuova versione desktop di Windows a causa della pressione esercitata dai clienti che hanno sottoscritto i nuovi contratti di licensing con la nuova formula Software Assurance: questa prevede infatti che, dietro ad un canone annuo (pari al 29% del costo della licenza per i prodotti desktop e del 25% per quelli server) i clienti abbiano diritto di installare tutti gli aggiornamenti e le ultime versioni del prodotto acquistato.

Come dichiara la stessa Microsoft, “l?introduzione dell?opzione Software Assurance assicura al cliente in modo continuativo la possibilità di installare software sempre aggiornato, con grandi benefici per l?azienda in termini di efficienza, sicurezza e qualità”. Questo presuppone, secondo diversi analisti di spicco, che il big di Redmond si impegna in qualche modo a rilasciare aggiornamenti in modo costante: se così non fosse, i clienti pagherebbero per qualcosa che non ricevono.

“Se le persone sottoscrivono la Software Assurance e nessuna nuova versione (desktop) di Windows viene rilasciata durante il periodo di tre anni (previsto dal contratto), potrebbero esserci alcuni clienti che pagano senza avere indietro dei benefici”, ha affermato Park.

“Ad esempio – spiega l’analista – i clienti che hanno acquistato Windows nell’ottobre del 2001 attraverso la Software Assurance hanno il diritto di disporre di un aggiornamento entro l’ottobre del 2004”. Ma, come si è detto, nemmeno Microsoft sembra troppo convinta del fatto che Longhorn possa arrivare sul mercato per quella data.

L’unica soluzione – ad opinione di Tom Bittman, vice president e research director del Gartner – è quella che Microsoft rilasci una versione “interim” di Windows XP: una Second Edition o qualcosa di simile. Del resto per Microsoft non sarebbe un grosso spreco di risorse confezionare un ipotetico Windows XP SE: questo potrebbe contenere tutti gli ultimi aggiornamenti e patch di sicurezza, il Windows Media Player 9, le DirectX 9, l’ultima versione del.NET Framework e magari qualche ritocco estetico. Nulla, a ben vedere, che non possa essere integrato in un bel service pack gratuito.

La decisione di Microsoft potrebbe dunque accontentare parte dei clienti che hanno sottoscritto la Software Assurance ma far scontento chi non ne è coperto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Oracle e MS
    Chiunque abbia avuto l'infausta esperienza di provare a installare un prodotto Oracle su un server e abbia anche provato a installare Exchange sa che ci sono anni luce di distanza tra i due processi.MS installi e va. Oracle installi configuri, riconfiguri, ririconfiguri, e poi... no scusa quel parametro va settato così.Dall'articolo:"Oracle afferma che fra gli altri punti di forza della suite, che a suo dire mancano invece a MS Exchange, vi sono la possibilità di gestire più di 10.000 utenti su di un solo server,"Falso, ci sono installazioni con 10.000 utenti per server. Però, poi, Exchange ha il concetto di Sito. E' una scalabilità orizzontale maggiore rispetto a quella verticale di un qualunque singolo server Unix anche solo con un POP3."... supportare il single sign-on.". Single Sign-On con cosa? E poi, perché mai dovrebbe essere il sistema di posta a garantirmi un SSO? E' la piattaforma (Sistema operativo + servizi specifici) che lo deve fare.Non basta saper fare un DB per poter entrare nel mercato del collaboration.
    • Anonimo scrive:
      Re: Oracle e MS
      parole sante!
    • Anonimo scrive:
      Re: Oracle e MS
      - Scritto da: ...
      MS installi e va.Uh, beh, questa è un'affermazione un po' troppo forte.
      Oracle installi configuri,
      riconfiguri, ririconfiguri, e poi... no
      scusa quel parametro va settato così.Se parliamo del DB, le possibilità di intervento che si hanno a disposizione sono più che apprezzate. Certo, questo vuol dire che non può smanettarci un pinco pallino qualunque.
      • Anonimo scrive:
        Re: Oracle e MS


        MS installi e va.

        Uh, beh, questa è un'affermazione un po'
        troppo forte.
        Non ci crederai ma su due server remoti con AD ho installato exchange2000 e non fatto assolutamente nulla per farli sincronizzare e/o andare correttamente. E' chiaro poi che sarebbe da pazzi non controllare il tutto e personalizzare la configurazione tuttavia sono rimasto davvero impressionato (e stupito) quando ho visto che andava!
    • Anonimo scrive:
      Re: Oracle e MS
      MS installi e va, piano ma va, se non ci devi mettere un firewall e/o fare il nat delle reti.Poi un bel giorno non va, e non sai dove mettere le mani.Poi scopri che devi disattivare la policy sul secondo dc del dominio trustedperò poi gli utenti non si loggano, oppure accedono a ciò cui non devono accedere
      • Anonimo scrive:
        Esatto hai centrato l'obiettivo
        Se sei un installatore allora viva MS.Se sei un sistemista che rimane stupito di come le cose... vanno da sole... allora prima o poi... quando meno te lo aspetti...
  • Anonimo scrive:
    Oracle & Prezzi Bassi: un matrimonio impossibile
    Da anni Oracle pratica una politica dei prezzi da strozzino, specie quando si opera su piattaforme enterprise.Provate a calcolare il prezzo di listino di Oracle9i, utenti illimitati, per un sistema SUN UltraSparc biprocessor.La nuova soluzione proposta da Oracle si basa sui servizi di Oracle9i e, di conseguenza, e' sottoposta allo strozzinaggio di cui sopra.
  • Anonimo scrive:
    MS small business
    sto scervellandomi per eliminare NT4 e il suo SBS 5.5 perche sarò "costretto" !!??? a upgradarlo a 2000. gia che sarò costretto meglio pensare ad un server linux ... veroooo... !
    • Anonimo scrive:
      Re: MS small business
      Sarai costretto? E cosa ci metti su linux al posto di exchange, mi interessa saperlo (non è ironico, se qualcuno lo sa risponda pure, grazie)
      • Anonimo scrive:
        Re: MS small business
        - Scritto da: Li-ex
        Sarai costretto? E cosa ci metti su linux al
        posto di exchange, mi interessa saperlo (non
        è ironico, se qualcuno lo sa risponda pure,
        grazie)Probabilmente questa soluzione Oracle...Tanto che vuoi costerà si e no 150K euro...
        • Anonimo scrive:
          Re: MS small business
          Le soluzioni non mancano. Ad esempio c'è il mail server di Suse, a meno di 1000?, già pronto per l'uso.
          • Anonimo scrive:
            Re: MS small business
            - Scritto da: marco
            Le soluzioni non mancano. Ad esempio c'è il
            mail server di Suse, a meno di 1000?, già
            pronto per l'uso.Per Mail intendi un serer POP/IMAP o parli di un prodotto come Exchange/Domino?
          • Anonimo scrive:
            Re: MS small business
            http://www.suse.com/us/business/products/suse_business/email_server/index.htmlSi tratta di una soluzione per piccole e medie imprese con capacita' di messaging e collaboration.
          • Anonimo scrive:
            Re: MS small business
            - Scritto da: marco
            http://www.suse.com/us/business/products/suse


            Si tratta di una soluzione per piccole e
            medie imprese con capacita' di messaging e
            collaboration.
            SUSE fornisce anche un client?ps è una domanda seria....
          • Anonimo scrive:
            Re: MS small business
            Non dubito che sia una risposta seria.Come tutti i prodotti seri basta un browser.
          • Anonimo scrive:
            Re: MS small business
            Ma su linux è sempre tutto pronto?(anche se poi ci vuole un super tecnico per due giorni, sperando bene..)Mi sembra che anche domino, exchange, critical path etc. siano "tutti pronti":-)Jane
          • Anonimo scrive:
            Re: MS small business
            Per tutti i sistemi professionali ci vuole un tecnico. Il lavoro non è installare e lasciare andare, ma installare (1%), configurare (20%), ottimizzare, aggiornare....Anche i sistemi pronti poi non funzionano da soli, bisogna fare il backup, controllare gli errori etc. etc.
  • Anonimo scrive:
    Basso prezzo...
    Sarebbe la prima volta che Oracle spara fuori un prodotto a basso prezzo......Senza averlo visto so già che continuerò a preferire Notes...
    • Anonimo scrive:
      Re: Basso prezzo...
      - Scritto da: matteooooo
      Senza averlo visto so già che continuerò a
      preferire Notes...Beh, Oracle, a parte il DB, non è che abbia mai fatto faville. E poi il fatto che in quest'ultima creatura Oracle tutto passi per OAS mi fa storcere il naso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Basso prezzo...
        Beh, Oracle a parte il DB ha la developer suite, la Business Suite, il warehouse builder, l'application server, che non è più OAS ma IAS, complicato da installare e manutenere, ma con caratteristiche uniche.
        • Anonimo scrive:
          Re: Basso prezzo...
          - Scritto da: marco
          Beh, Oracle a parte il DB ha la developer
          suite, la Business Suite, il warehouse
          builder, l'application server, che non è più
          OAS ma IAS, complicato da installare e
          manutenere, ma con caratteristiche uniche.

          Non tirarmi in ballo gli strumenti di sviluppo Oracle....ci vuole più tempo ad aggirare i buchi che a scrivere il programma vero e proprio...
          • Anonimo scrive:
            Re: Basso prezzo...
            Beh, basta saperli usare. Personalmente ho realizzato il sistema di rilevazione presenze e contabilità industriale su web senza scrivere + di 100 righe di codice.
          • Anonimo scrive:
            Re: Basso prezzo...
            - Scritto da: marco
            Beh, basta saperli usare. Personalmente ho
            realizzato il sistema di rilevazione
            presenze e contabilità industriale su web
            senza scrivere + di 100 righe di codice.Tutti e due con non più di 100 righe?Mi sembra una cosa abbastanza irreale.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Basso prezzo...
            Usando Designer, che genera in automatico le applicazioni.Non vorrei comunque continuare in una sterile polemica. Sia MS che ORCL forniscono applicazioni che coprono delle richieste del mercato. La filosofia è diversa:ORCL parte da un mercato server, in cui la difficoltà di configurazione è secondaria rispetto alla copertura funzionale e prestazionale, potendosi permettere schiere di personale dedicatoMS parte da un mercato consumer, in cui la facilità di configurazione è prioritaria, anche a spese di minore configurabilità
          • Anonimo scrive:
            Re: Basso prezzo...
            - Scritto da: marco
            Usando Designer, che genera in automatico le
            applicazioni.bah l'ultimo tool che abbiamo usato era Oracle Forms Developer 4.5 ed era al limite del grottesco...Figurati che quando eri nell'editor e premevi print ti faceva un print screen....Se mi dici così probabilmente sono migliorati parecchio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Basso prezzo...
            Stai parlando di un tool coetaneo di VB3, il tempo è passato.Non sono mai stato entusiasta di Forms, ma insieme a Designer il ciclo di sviluppo è molto diverso.JDeveloper invece è molto bello, anche se essendo scritto in java, molto pesante.Qui poi si tratta di capire cosa dà la generazione automatica del codice. In genere:Attese:tempi di sviluppo ridottisviluppo da parte di neo programmatoriIn realtà:tempi di test e debugging ridotti (nessun errore sintattico)sviluppo più vicino alle soluzioni e meno al codice.Ciao
Chiudi i commenti