Xbox, la battaglia di Tokyo

Le strategie di Microsoft per Xbox sembrano iniziare dal Giappone, un mercato che di per sé rappresenta una vera e propria sfida per il colosso di Redmond e dal cui consenso dipenderà buona parte del successo di Xbox


Tokyo (Giappone) – Sembra provare un gusto tutto particolare Microsoft nel partire alla conquista di un mercato, quello Giapponese, che ha visto nascere i più potenti colossi dell’industria videoludica.

Gli analisti sembrano molto curiosi di vedere come il paese del Sol Levante, patria delle più famose console da gioco del passato e del presente, accoglierà l’arrivo della “straniera” Xbox. La sfida di Microsoft ai colossi Sony e Nintendo ha appena avuto inizio.

Durante il 2001 Spring Tokyo Game Show, Bill Gates ha rivelato i progetti della società per introdurre la prima console moderna a stelle e strisce sul territorio giapponese. Bill Gates ha sottolineato l’impegno di Microsoft nei confronti di questo mercato annunciando che oltre 70 produttori di videogiochi giapponesi, tra i quali anche Sega, hanno dichiarato l’intenzione di supportare Xbox.

“Il nostro obiettivo riguardante Xbox è quello di definire il futuro dei videogiochi, e la nostra presenza in Giappone sarà essenziale per raggiungere un tale traguardo”, ha dichiarato Gates. “Siamo estremamente entusiasti di lavorare su Xbox insieme agli autori di giochi giapponesi per aprire nuove strade alla creatività”.

Per sottolineare l’importanza per Microsoft del mercato dell’entertainment giapponese, il colosso ha annunciato l’apertura della divisione Xbox Japan, che avrà sede a Tokyo.

Gates ha poi rivelato che Microsoft e Sega hanno stretto un’alleanza strategica a lungo termine per portare su Xbox le future versioni dei giochi Sega.


Saranno 11 i nuovi titoli che Sega svilupperà per Xbox: fra questi “Jet Grind Radio Future” (titolo di lavorazione), l’ultima versione di “Panzer Dragoon,” “Gunvalkyrie” e l’ultima versione di “Sega GTO”. Sega sperimenterà anche le possibilità offerte dalla porta Ethernet e dall’hard disk integrati in tutte le console Xbox per dare vita a un nuovo modo di giocare on-line.

Sull’onda dell’ annuncio dell’alleanza strategica stretta tra Microsoft e NTT Communications per realizzare un servizio di online gaming su banda larga in Giappone, Gates ha delineato anche uno scenario nel quale gli utenti Xbox potranno connettersi in modo permanente ad una rete a larga banda dedicata al gioco on-line.

“L’online gaming su banda larga è destinato ad assumere lo stesso carattere rivoluzionario che solo pochi anni fa è stato della tecnologia tridimensionale”, ha commentato Gates. “La connessione broadband disponibile in ciascuna unità Xbox è la chiave che apre la porta di nuovi mondi ludici nei quali amici e avversari possono trovarsi ovunque”.

Fra gli scenari discussi da Gates per il gioco on-line c’è quello del multiplayer, dove comunità online dedicate saranno in grado di “gareggiare in un contesto di socialità”, e quello dei giochi “dinamici”, ossia videogiochi nello stile di “Ultima On-Line” in grado di ricreare mondi virtuali in costante mutamento.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    P4 --
    Devo cambiare Computer e passare dal P3 866 Mhz a P4 1,4 vorrei sapere come va , e se e vera la notizia che gira nel senzo (male)
  • Anonimo scrive:
    DURON è PER I PORTATILI?
    SCUSATE MA IL MICROPROCESSORE DURON è CREATO APPSITAMENTE PER I PORTATILI GIUSTO? non è considerato un processore di fascia bassa economico.. o sbaglio? Quindi, l'atlon è una cpu per dekstop mentre il duron è per tecnologie mobili. Spero di non dir azzate. Bene.. forza AMD.. anche se tanto di cappello ad INTEL, azienda che ha inventato il microprocessore..
    • Anonimo scrive:
      Re: DURON è PER I PORTATILI?
      No, assolutamnte: ne esiste si un modello per portatili, detto duron mobile, ma l'originale è per fissi.www.zanezane.com- Scritto da: faz
      SCUSATE MA IL MICROPROCESSORE DURON è CREATO
      APPSITAMENTE PER I PORTATILI GIUSTO? non è
      considerato un processore di fascia bassa
      economico.. o sbaglio? Quindi, l'atlon è una
      cpu per dekstop mentre il duron è per
      tecnologie mobili. Spero di non dir azzate.
      Bene.. forza AMD.. anche se tanto di
      cappello ad INTEL, azienda che ha inventato
      il microprocessore..
      • Anonimo scrive:
        O.K. grazie ma quindi...
        - Scritto da: Zane
        No, assolutamnte: ne esiste si un modello
        per portatili, detto duron mobile, ma
        l'originale è per fissi.

        www.zanezane.com
        Quindi è una versione economica.. visto che si è arrivati al 1.5 Ghz con il Pentium4... dov'è la notizia eclatante? la mia è una domanda da persona poco esperta... non critico la news che sicuramente è fondata...
        • Anonimo scrive:
          Re: O.K. grazie ma quindi...
          - Scritto da: faz[...]
          Quindi è una versione economica.. visto che
          si è arrivati al 1.5 Ghz con il Pentium4...
          dov'è la notizia eclatante? la mia è una
          domanda da persona poco esperta... non
          critico la news che sicuramente è fondata...
          di eclatante non c'e' che come detto dall'articoloper la fascia bassa il duron ha modelli + veloci del celeroncmq il p4 a un 1,5 Giga e' una chiavica, l'unica cosa che ha in + di un Tbird a un 1.2 giga e' la frequenza
          • Anonimo scrive:
            P4 1.5 una chiavica?
            Xè una chiavica?.. ma.. ecco spiegatemi una cosa... noi sappiamo la frequenza del bus dei processori Athlon a 1200 MHz e di 266 MHz... ma di un P4?.. io non riesco ad avere notizie in taL SENSO... gRAZIE?Ah.. perchè dici che una chiavica il P4.. dicvi che è solo una trovata un pò azzuta? di marketing più che una novità realmente utile agli utenti? boh? certo è che continuano a potenziare modificare i processori mentre gli sviluppatori di piattaforme e softw. impazziscono creando nuovi sistemi adattati pieni di problemi.... se si fermassero un attimo a ragionare forse non incapperebbero nelle azzte.. giusto? cerco conferma da qualche espertoneCiao
Chiudi i commenti