Yahoo!, via ai licenziamenti

Saranno circa 700 i lavoratori che perderanno il posto alla vigilia delle festività. Tagli che rientrerebbero nella strategia di rilancio di Carol Bartz. Natale complicato anche per i dipendenti Nokia

Roma – Dopo i risultati poco entusiasmanti evidenziati dall’ultimo consuntivo trimestrale, Yahoo! ha deciso di confermare le voci sul piano di licenziamenti che dovrebbe essere portato a termine entro la fine dell’anno.

Una dichiarazione ufficiale spiega le motivazioni di tale scelta: “I cambiamenti attuali nella politica del personale fanno parte di una strategia aziendale che ha l’obiettivo di raggiungere i livelli massimi di entrate e un margine di espansione tale da poter diffondere prodotti differenziati all’interno del mercato”. Nuove assunzioni continueranno a esserci, assicurano i dirigenti, ma più mirate rispetto alle priorità attuali dell’azienda. Ai lavoratori colpiti dai tagli saranno offerte liquidazioni vantaggiose e opportunità di ricollocamento .

Si stima che il personale in esubero conti dalle 650 alle 700 unità e appartenga, per lo più, alla divisione di prodotto coordinata da Blake Irving. Saranno coinvolti anche altri settori, soprattutto nelle sedi statunitensi della società informatica. Il programma di licenziamenti eliminerà il 5 per cento dell’intera forza lavoro che attualmente contiene 14.100 dipendenti e rappresenta il quarto licenziamento di massa registrato negli ultimi tre anni dall’azienda .

Le ultime due operazioni di sfoltimento del personale rientrano nella gestione dell’attuale CEO, Carol Bartz, considerata un veterano della Silicon Valley, entrata in Yahoo! circa due anni fa nonostante, fanno notare alcuni, la sua scarsa esperienza nei settori del Web e della pubblicità: le due principali fonti di guadagno dell’azienda californiana. Inoltre , i deboli profitti e le quotazioni stagnanti, unite alle recenti defezioni di gestione, hanno spinto il top management interno a domandarsi se sia il casso di mettere alla porta la stessa Bartz prima della scadenza contrattuale fissata a gennaio 2013.

Le entrate registrate negli ultimi nove mesi hanno segnato un aumento lento a partire da meno del 2 per cento per arrivare ai 4,8 miliardi dollari recentemente riportati. Tale affanno è dovuto alla difficoltà di vendere inserzioni pubblicitarie , attività che, invece, sta facendo prosperare società concorrenti come Google e Facebook.

Carol Bartz ha promesso di allargare del 24 per cento i margini di profitto entro il 2013. Negli ultimi nove mesi, i ricavi si sono assestati intorno al 12 per cento. Tuttavia, il piano di licenziamento non è bastato per rialzare le quotazioni in borsa che, notano gli esperti, si sono abbassate nel momento in cui Yahoo! si è tirata indietro di fronte all’offerta di acquisizione da parte di Microsoft. La proposta lanciata nel 2008 era stimata sui 47,5 miliardi di dollari corrispondenti a 33 dollari per ciascuna azione. Ora le quotazioni sono scese fino a 16,63 dollari ad azione, leggermente al di sotto dei 17,30 registrtati nel settembre 2008, quando il personale aziendale raggiungeva il picco di 15.200 lavoratori.

Da parte sua, il CEO di Yahoo! afferma che i tempi sono ancora prematuri per giudicare il suo operato vista l’eredità disastrosa lasciata dal suo predecessore Jerry Yang, co-fondatore dell’azienda.

Ma le cattive notizie non colpiscono solamente i lavoratori d’Oltreoceano. Una brutta aria sembra soffiare anche in Finlandia, presso gli uffici Nokia, che avrebbe deciso di silurare 800 dipendenti locali, parte dei 1.800 tagli totali annunciati nel mese di ottobre.

La società starebbe soffrendo delle scarse vendite registrate in Nord America e sta gradualmente trovando la propria collocazione nel mercato dei sistemi operativi per smartphone dominato da Android e iOS. Alcuni storici manager hanno deciso di dimettersi e lasciare un’azienda che sta cercando disperatamente di tamponare il trasloco dei propri talenti verso i competitor . Con la nomina di Stephen Elop (ex-Microsoft) come nuovo CEO, la società di telefonia spera, secondo gli osservatori, di operare una svolta e (ri)appropriarsi di una posizione da leader all’interno del mercato.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • abcdefg scrive:
    E' solo questione di prezzo
    Non e' la pirateria che blocca o diminuisce le vendite.Sono gli alti costi di film videogiochi e quant'altro.Un gioco per la ps3 a 100 euro...ma sono pazzi?Quante persone possono permetterselo?Un film a 30 euro...ma sono tutti capolavori?Lo stato dovrebbe anche indagare sulle societa' discografiche e cinematografiche, andiamo a vedere quanto prendono i dirigenti di queste societa', quanti sono, cosa fanno....vediamo un po' i loro bilanci....quante auto di rappresentanza hanno, quanti viaggi di rappresentanza fanno, le spese rimborsate dalla societa'....Altro che scandalo...altro che casta !!!Con i livelli di vendita che hanno ed una gestione onesta ci sarebbe un dignitoso margine di profitto e prezzi onesti per noi.Il problema e' che non si accontentano mai e vogliono sempre di piu', a spese di noi consumatori....Andate a****** tenetevi i vostri prodotti, non compro piu' niente.
  • Alessio scrive:
    Bravi
    Complimenti per la censura.
  • Alessio scrive:
    A quei cretini della confindustria
    Pirate Bay è raggiungibilissimo dall'Italia, ignoranti.
  • Funz scrive:
    Vogliamo Hulu e Netflix
    Negli USA: abbonamento di 8$/mese, enorme catalogo di film e serie TV in streaming 24h/24. Altro che Sky.Vogliamo qualcosa del genere pure in Italia, e poi possiamo parlare di acquistare in maniera legale. Ovviamente, vogliamo anche una connessione adatta.Non se ne parla nemmeno di sottostare a palinsesti, cataloghi meno che onni-comprensivi, limitazioni territoriali e stron*ate simili del secolo scorso, che su Internet ormai non hanno più nessunissima ragione di esistere.
    • CavalloPazz o scrive:
      Re: Vogliamo Hulu e Netflix
      Parole Sante!Ma qua siamo in Itaglia, non in America...Se volevi effetti speciali dovevi nascere in quel luogo...:-)
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Vogliamo Hulu e Netflix
      Inoltre, non vogliamo sentir parlare di drm, limitazioni all'uso, o "noleggio" con limiti di tempo. Se pensano di fare una cosa del genere, si meritano di stare a guardare impotenti mentre la vendita di contenuti crolla.
  • can fallimenta ri scrive:
    che stupidotteri
    Son proprio dei gonzi.Ma chi gliel'ha fatto credere alla Confindustria che con il decreto Romani è calata la "pirateria"?Vabbé, comunque finché son così gonzoni, le cose continueranno come al solito.
  • fox82i scrive:
    Oddio ora è la fine !!
    buuahahahhahahahahache pindolotti questi qua!Ma veramente credo che con qualche legge si possa arginare il fenomeno pirataria?Iniziare a ripensare al modello di business attuale sarebbe già una grande vittoria mentale per questi caproni!
  • unaDuraLezione scrive:
    "il blocco di tutti quei siti web.."
    contenuto non disponibile
  • uno qualsiasi scrive:
    Fermate il "mercato legale"
    Non ci deve essere mercato, per i beni digitali. I beni digitali devono essere gratuiti.Chi lavora nella vendita dei contenuti non va tutelato, perchè fa un lavoro inutile: per definizione, infatti, pagare qualcuno per fare qualcosa che può essere fatto gratuitamente con meno sforzo è solo uno spreco. E gli sprechi vanno eliminati.
    • kaiserxol scrive:
      Re: Fermate il "mercato legale"
      Bò io non la vedo così.Alla fine...se tutti scaricassero un film o una canzone...che senso avrebbe crearla e spenderci milionate di dollari per farne un capolavoro?? Perchè creare Matrix, buttare milionidi dollari nel XXXXX se poi so che non mi ritornerebbe nulla in tasca?Cioè...state cercando di far passare la pirateria come una pratica giusta e normale.Non so che lavoro fate, ma se costruisse mobili a regola d'arte e di alta qualità trovereste normale che qualcuno entra, si prende due sedie e se le porta a casa sua senza pagare??Parlate di opere DIGITALI, ma per crearle mica hanno usato mezzi e soldi digitali!!!Questo non vuol dire che io sia pulito, ma avessi la possibilità di farlo mi comprerei ogni singola cosa legalmente piuttosto che scaricandola.I miei progetti, planimetrie, rendering ecc sono tutti digitali....e quindi?? Quindi il mio cliente può prendersi i miei disegni e mesi di lavoro gratis solo perchè sono digitali??Ma non dite XXXXXXX perfavore!
      • krane scrive:
        Re: Fermate il "mercato legale"
        - Scritto da: kaiserxol
        Bò io non la vedo così.
        Alla fine...se tutti scaricassero un film o una
        canzone...che senso avrebbe crearla e spenderci
        milionate di dollari per farne un capolavoro??
        Perchè creare Matrix, buttare milionidi dollari
        nel XXXXX se poi so che non mi ritornerebbe nulla
        in tasca?Sbaglio o solo l'ultimo matrix uscito nei cinema in contemporanea in 109 paesi, ha incassato 204 milioni di dollari nei primi 5 giorni di programmazione ?
        Cioè...state cercando di far passare la pirateria
        come una pratica giusta e normale.No, si sta cercando di far passare la vendita della copia a bassa qualita' come una cosa ingiusta.
        Non so che lavoro fate, ma se costruisse mobili a
        regola d'arte e di alta qualità trovereste
        normale che qualcuno entra, si prende due sedie e
        se le porta a casa sua senza pagare??No, perche' sottrae qualcosa, nella copia non c'e' sottrazione, non mi sembra che i contadini si lamentino se io dal seme di un loro frutto mi faccio una pianta, sono le grandi industrie che si sono inventate le piante senza semi.
        Parlate di opere DIGITALI, ma per crearle mica
        hanno usato mezzi e soldi digitali!!!Appunto quindi io li pago se mi danno cose non digitali come la qualita' del cinema o il sudore del cantante in un concerto.
        Questo non vuol dire che io sia pulito, ma avessi
        la possibilità di farlo mi comprerei ogni singola
        cosa legalmente piuttosto che scaricandola.Per me puoi anche pagare l'odore che esce da una panetteria o la visione di una vetrina, ma io non sono disposto a fare altrettanto.
        I miei progetti, planimetrie, rendering ecc sono
        tutti digitali....e quindi?? Quindi il mio
        cliente può prendersi i miei disegni e mesi di
        lavoro gratis solo perchè sono digitali??Il tuo cliente se ne farebbe poco di 4 disegnetti, quello che tu vendi e' l'interfacciarti con lui per trasformare un'idea in progetto.
        Ma non dite XXXXXXX perfavore!Non dare del tuo agli altri.
      • Talking Head scrive:
        Re: Fermate il "mercato legale"

        Perchè creare Matrix, buttare milionidi dollari nel
        XXXXX se poi so che non mi ritornerebbe nulla in tasca?Falso, non ti tornerebbe in tasca l'introito del mercato DVD. Al cinema non cambierebbe niente. Hai letto l'articolo della WB?
        Non so che lavoro fate, ma se costruisse mobili a regola d'arte
        e di alta qualità trovereste normale che qualcuno entra, si prende
        due sedie e se le porta a casa sua senza pagare??Lo denuncio, io ora ho due sedie in meno e non posso venderle, ho perso dei soldi.
        I miei progetti, planimetrie, rendering ecc sono tutti digitali....
        e quindi?? Quindi il mio cliente può prendersi i miei disegni e mesi
        di lavoro gratis solo perchè sono digitali??Non gratis, ti avrà pagato per farli no? Semplicemente, una volta che ti ha pagato per farli, sono suoi. Ci fa quello che vuole, sin quando non sono iniziative commerciali. Da i files ad un suo amico, li copia, li stampa e li usa come poster, quello che gli pare. Tu sei stato pagato per fare un lavoro, l'hai fatto, fine.Se i poster prodotti li vuole vendere, hai diritto ad una percentuale, se li passa agli amici fatti suoi.
        • mt07 scrive:
          Re: Fermate il "mercato legale"
          - Scritto da: Talking Head
          Lo denuncio, io ora ho due sedie in meno e non
          posso venderle, ho perso dei
          soldi.Mettila così: tu hai una macchina che, inserite 2 assi, sforna 2 sedie senza fare niente. Io vengo lì, prendo 2 sedie, ti lascio 2 assi e siamo pari, dal tuo ragionamento, visto che le rifai senza fatica o, al massimo, premendo il pulsante "copia".Oppure: Io produco un pezzo (musicale) mio. A te interessa e lo scarichi. Io a te non venderò mai quel pezzo perchè ce l'hai già e (ti cito) "ho perso dei soldi". Seguendo il tuo ragionamento, ti denuncio.
          Non gratis, ti avrà pagato per farli no?Esatto, ma il produttore musicale e i musicisti sono allo stesso modo pagati dalla casa discografica, il programmatore dalla software house e via dicendo. Se queste (casa discografica e sw house, ma sono solo 2 esempi) non vedono i soldi perchè "nulla di fisico è stato utilizzato per creare la hit o il programma", chi li paga i musicisti e il programmatore?
          Semplicemente, una volta che ti ha pagato per
          farli, sono suoi. Ci fa quello che vuole, sin
          quando non sono iniziative commerciali. Da i
          files ad un suo amico, li copia, li stampa e li
          usa come poster, quello che gli pare. Tu sei
          stato pagato per fare un lavoro, l'hai fatto,
          fine.Massì, le licenze sw, per dirne una, a cosa servono? Pago una volta e uso sempre, tanto il lavoro è pagato. Anche il cinema, per dirne una, non ha effettivamente dei costi per il fatto che io vada a vedere un film o meno: tanto, che ci siano 100 persone o 100 persone + me non cambia niente a livello di costi, quindi si può anche non pagare.Tanto, il lavoro è stato fatto, no?Così, "pour parler".
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: mt07
            - Scritto da: Talking Head


            Lo denuncio, io ora ho due sedie in meno e non

            posso venderle, ho perso dei

            soldi.

            Mettila così: tu hai una macchina che, inserite 2
            assi, sforna 2 sedie senza fare niente. Io vengo
            lì, prendo 2 sedie, ti lascio 2 assi e siamo
            pari, dal tuo ragionamento, visto che le rifai
            senza fatica o, al massimo, premendo il pulsante
            "copia".Esatto!Del resto, cosa dovrei fare? Starmene a dormire tutto il giorno, e farmi pagare per il lavoro di una macchina? Tu ti compreresti una macchina uguale, ti faresti le sedie a casa tua, e io rimarrei disoccupato comunque.I venditori di ghiaccio probabilmente credevano che il loro lavoro sarebbe diventato più facile, con i frigoriferi: invece di dover andare in montagna a cercare il ghiaccio, potevano farselo in casa, e andare a venderlo subito: peccato che poco dopo tutti avevano il frigorifero e il ghiaccio non si vendeva più.Se una macchina può rendere il tuo lavoro più facile, può anche renderlo irrilevante[img]http://lib.store.yahoo.net/lib/demotivators/innovationdemotivationalposter.jpg[/img]

            Non gratis, ti avrà pagato per farli no?

            Esatto, ma il produttore musicale e i musicisti
            sono allo stesso modo pagati dalla casa
            discografica, il programmatore dalla software
            house e via dicendo. Se queste (casa discografica
            e sw house, ma sono solo 2 esempi) non vedono i
            soldi perchè "nulla di fisico è stato utilizzato
            per creare la hit o il programma", chi li paga i
            musicisti e il
            programmatore?Li paga chi vuole che loro lavorino. Se a nessuno interessa, nessuno li paga.


            Semplicemente, una volta che ti ha pagato per

            farli, sono suoi. Ci fa quello che vuole, sin

            quando non sono iniziative commerciali. Da i

            files ad un suo amico, li copia, li stampa e li

            usa come poster, quello che gli pare. Tu sei

            stato pagato per fare un lavoro, l'hai fatto,

            fine.

            Massì, le licenze sw, per dirne una, a cosa
            servono?A bidonare il cliente, molto spesso, con giochetti tipo "io ti vendo una cosa, ma resta mia".
            Pago una volta e uso sempre, tanto il
            lavoro è pagato. Anche il cinema, per dirne una,
            non ha effettivamente dei costi per il fatto che
            io vada a vedere un film o meno: tanto, che ci
            siano 100 persone o 100 persone + me non cambia
            niente a livello di costi, quindi si può anche
            non
            pagare.Vero: e il gestore del cinema può non far partire la proiezione. Come il conducente dell'autobus può fermarsi, se si accorge che uno viaggia senza biglietto.Se io voglio che riparta, posso decidere di pagare.
            Tanto, il lavoro è stato fatto, no?Il lavoro di proiettare il film no. Il gestore del cinema può decidere di non farlo, e allora gli spettatori o pagano o vanno a vedersi il film a casa loro.
          • mt07 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Esatto!

            Del resto, cosa dovrei fare? Starmene a dormire
            tutto il giorno, e farmi pagare per il lavoro di
            una macchina? Tu ti compreresti una macchina
            uguale, ti faresti le sedie a casa tua,Come no! :)Tu hai speso milioni per una macchina del genere e la lasci usare al primo "me" che passa. Ok, io son contento, ma tu alla quinta volta hai le palle che girano, credimi! ;) E dalla sesta volta in poi fai pagare 2 soldi per usufruire della macchina, perchè tu ci paghi la corrente, l'assistenza, i ricambi e via dicendo. O, in alternativa, fai pagare 4 soldi la sedia completa (2 soldi per "l'uso macchina", 1 soldo per l'asse, 1 soldo per te). E così si crea il mercato.Se poi uno entra di notte a usarsi la tua macchina a sbafo, la cosa inizia a non piacerti più!E, nota, non sei l'IKEA (una major del legno, invece che del disco o dei film), sei un onesto Geppetto. E mentre l'IKEA soffre limitatamente della cosa, tu rischi di chiudere baracca.
            e io rimarrei disoccupato
            comunque.Eh vabbè, a prescindere da tutto questa non è una bella cosa, a prescindere dalla discussione! :-
            Li paga chi vuole che loro lavorino. Se a nessuno
            interessa, nessuno li
            paga.Sacrosanto.Ma c'è un problema: se a quelli a cui "interessa pagare i musicisti o i programmatori" (giusto per citare 2 catgorie) non ha più interesse a produrre, musicisti e programmatori cessano di lavorare. Almeno, cessano di farlo quelli che non sono al soldo dei big, a cui comunque la pecunia non manca.E uno stop del genere provocherebbe un'enorme stasi: perchè produrre contenuti quando tutti li ottengono gratuitamente? (ok, togli i blockbuster del cinema e le varie Lady Gaga). Meglio coltivare carote, che quelle non si duplicano! :D

            Massì, le licenze sw, per dirne una, a cosa

            servono?

            A bidonare il cliente, molto spesso, con
            giochetti tipo "io ti vendo una cosa, ma resta
            mia".Cioè, dici che io potrei comprare una copia di Windows, regolarissima, e successivamente farne quello che voglio? Passarla agli amici, parenti, conoscenti e via dicendo perchè "è mia"?
            Se io voglio che riparta, posso decidere di
            pagare.Altrimenti costringi gli altri a star lì perchè tu hai deciso che il bus non riparte?

            Tanto, il lavoro è stato fatto, no?

            Il lavoro di proiettare il film no.E' giusto il tempo di premere un pulsante, te l'assicuro. Lo stesso tempo che ci vuole per fare un copia-incolla.
            Il gestore
            del cinema può decidere di non farlo, e allora
            gli spettatori o pagano o vanno a vedersi il film
            a casa
            loro.Rovesciamo la situazione: il film parte anche se uno degli spettatori non ha pagato il biglietto. Qualcuno se ne accorge. Mi pare sia un illecito, no? Semplificare con il "vai a vederti il film a casa tua" è un po' semplice come soluzione.O sbaglio?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            Come no! :)
            Tu hai speso milioni per una macchina del genere
            e la lasci usare al primo "me" che passa. Ok, io
            son contento, ma tu alla quinta volta hai le
            palle che girano, credimi! ;) E dalla sesta volta
            in poi fai pagare 2 soldi per usufruire della
            macchina, perchè tu ci paghi la corrente,
            l'assistenza, i ricambi e via dicendo. O, in
            alternativa, fai pagare 4 soldi la sedia completa
            (2 soldi per "l'uso macchina", 1 soldo per
            l'asse, 1 soldo per te). E così si crea il
            mercato.Certo: le copisterie, infatti, funzionano esattamente così. Io pago per delle fotocopie, e il gestore mi mette la macchina a disposizione. Oppure, posso comprarmi una fotocopiatrice da tenermi in casa, se preferisco.
            Se poi uno entra di notte a usarsi la tua
            macchina a sbafo, la cosa inizia a non piacerti
            più!E allora, posso sempre spegnerla Ma non posso impedirti di comprartene una uguale. Del resto, io non uso a sbafo il masterizzatore di un altro, uso il mio.Se tu compri una sedia in un negozio di mobili, poi la porti a casa tua e con la tua macchina ne fabbrichi altre uguali, non devi pagare nulla (solo le assi, e la corrente)
            E, nota, non sei l'IKEA (una major del legno,
            invece che del disco o dei film), sei un onesto
            Geppetto. E mentre l'IKEA soffre limitatamente
            della cosa, tu rischi di chiudere
            baracca.No: come ti ho detto, spengo la macchina e la accendo solo quando ci sono io. Nell'esempio che hai fatto, tu non mi stai paragonando ad un autore, ma a una copisteria: io ho una macchina per fare le copie, e la tengo in funzione. Poi, tu copiati quello che vuoi. Non mi importa di dove hai preso l'originale.

            Sacrosanto.
            Ma c'è un problema: se a quelli a cui "interessa
            pagare i musicisti o i programmatori" (giusto per
            citare 2 catgorie) non ha più interesse a
            produrre, musicisti e programmatori cessano di
            lavorare. Almeno, cessano di farlo quelli che non
            sono al soldo dei big, a cui comunque la pecunia
            non
            manca.Vero. Del resto, se a nessuno interessa che escano nuove canzoni, non c'è bisogno di produrle.In fondo, non si producono nemmeno più molti frustini da calesse: perchè? Perchè a nessuno interessa che vengano prodotti, e nessuno ne sente la mancanza se non vengono prodotti: quindi, vuol dire che produrli è inutile.
            E uno stop del genere provocherebbe un'enorme
            stasi: perchè produrre contenuti quando tutti li
            ottengono gratuitamente? (ok, togli i blockbuster
            del cinema e le varie Lady Gaga). Meglio
            coltivare carote, che quelle non si duplicano!Vero.Allora, non hai che da produrre carote: il tuo lavoro sarà più apprezzato.
            :D



            Massì, le licenze sw, per dirne una, a cosa


            servono?



            A bidonare il cliente, molto spesso, con

            giochetti tipo "io ti vendo una cosa, ma resta

            mia".

            Cioè, dici che io potrei comprare una copia di
            Windows, regolarissima, e successivamente farne
            quello che voglio? Passarla agli amici, parenti,
            conoscenti e via dicendo perchè "è
            mia"?Rileggi bene le tue parole: "comprare". Sì, se compro una cosa, mi aspetto che sia mia. Non mi sembra tanto strano. E se è mia, mi aspetto di poterne fare quello che voglio.Se io ti vendo una casa, tu poi puoi anche affittarla ad altri. E se io vengo a dirti che non puoi, tu non ti sentiresti imbrogliato?


            Se io voglio che riparta, posso decidere di

            pagare.

            Altrimenti costringi gli altri a star lì perchè
            tu hai deciso che il bus non
            riparte?O saranno gli altri a chiedermi di scendere. Ma quando anche gli altri cominciano a dire che non vogliono più pagare il biglietto, il discorso cambia.



            Tanto, il lavoro è stato fatto, no?



            Il lavoro di proiettare il film no.

            E' giusto il tempo di premere un pulsante, te
            l'assicuro. Lo stesso tempo che ci vuole per fare
            un
            copia-incolla.Me lo assicuri? Fai il proiezionista?


            Il gestore

            del cinema può decidere di non farlo, e allora

            gli spettatori o pagano o vanno a vedersi il
            film

            a casa

            loro.

            Rovesciamo la situazione: il film parte anche se
            uno degli spettatori non ha pagato il biglietto.
            Qualcuno se ne accorge. Mi pare sia un illecito,
            no? Semplificare con il "vai a vederti il film a
            casa tua" è un po' semplice come
            soluzione.

            O sbaglio?Se uno solo è entrato senza pagare, puoi farlo uscire. O puoi ignorarlo (tanto, non ti cambia molto). Il discorso cambia quando metà degli spettatori entra senza pagare.Anche per la pirateria, quando erano in pochi a scaricare la questione non si poneva. Quando sono in tanti, vuol dire che devi scegliere: o cambi modello di business, o "fermi la proiezione".
          • mt07 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            Quoto solo alcune cose, che su altre siamo su posizioni talmente lontane che discuterne è sostanzialmente inutile.- Scritto da: uno qualsiasi
            Vero. Del resto, se a nessuno interessa che
            escano nuove canzoni, non c'è bisogno di
            produrle.
            In fondo, non si producono nemmeno più molti
            frustini da calesse: perchè? Perchè a nessuno
            interessa che vengano prodotti, e nessuno ne
            sente la mancanza se non vengono prodotti:
            quindi, vuol dire che produrli è
            inutile.Ma tu, scaricandole, dai il segnale opposto, ossia "a me interessano", altrimenti non le scaricheresti. O sbaglio?Se poi X nota che a Y interessa qualcosa, la produce e vede che non ci cava 'na lira, smette di produrre (cosa che gli costa soldi). Su scala globale, non so cosa potrebbe succedere, sinceramente! :)
            Vero.
            Allora, non hai che da produrre carote: il tuo
            lavoro sarà più
            apprezzato.Ma tu riusciresti a stare senza film, musica, software e quant'altro?
            Rileggi bene le tue parole: "comprare". Sì, se
            compro una cosa, mi aspetto che sia mia. Non mi
            sembra tanto strano. E se è mia, mi aspetto di
            poterne fare quello che
            voglio.Attenzione: quando compri qualcosa - qualsiasi cosa - ci sono delle regole (che, da legge italiana, non sei tenuto a sapere ma devi comunque rispettare). Se "comprando una tal cosa non puoi fare un'altra cosa", nessuno ti sta fregando, ti sta solo dicendo cosa puoi e non puoi fare con quella determinata cosa (esempio al volo: tempo fa, su un server di una nota marca, un mio conoscente ha dovuto accettare la clausola che non avrebbe usato la potenza di calcolo della macchina per cose tipo terrorismo et similia! Ok, è un caso limite, non per niente l'ho messo fra parentesi! :) ). Se a te non sta bene tale clausola, non compri.Nessuno ti frega, anzi: è chiarezza nei tuoi confronti (che, beninteso, non sempre c'è).
            Se io ti vendo una casa, tu poi puoi anche
            affittarla ad altri. E se io vengo a dirti che
            non puoi, tu non ti sentiresti
            imbrogliato?Assolutamente sì, perchè ci sono leggi che tutelano la compravendita di determinati beni, e con essi i contratti di locazione. Ma se io come acquirente della tua casa la comprassi per poi darla in affitto con qualche assurda modalità (che ne so: in nero), farei un illecito.
            O saranno gli altri a chiedermi di scendere. Ma
            quando anche gli altri cominciano a dire che non
            vogliono più pagare il biglietto, il discorso
            cambia.D'accordissimo.Ma cambia come, mi chiedo?Che il tram sia gratis per tutti mi sembra fantascienza, sei davvero disposto a rischiare di dover andare sempre a piedi perchè speri in un cambiamento diverso?Chiariamo: avere il "tutto gratis" andrebbe benissimo a chiunque, è folle chi pensa il contrario. Ma o viviamo in una società da cartone animato, dove metti in tasca a tutti tanti bei soldi (o li togli a tutti, che tanto non servono più) e non se ne parla più, oppure è una situazione prossima all'utopia.Cosa succederebbe se, dopo il tram gratis, tutti decidessero che non vale più la pena pagare al supermercato o qualsiasi altro bene?
            Me lo assicuri? Fai il proiezionista?No, ma conosco chi gestisce un piccolo cinema che riesce a rimanere ancora in piedi malgrado le grandi catene. Arriva tutto già pronto, per farlo partire si fa la stessa fatica che si fa per far partire un DVD o un qualsiasi filmato.
            Se uno solo è entrato senza pagare, puoi farlo
            uscire. O puoi ignorarlo (tanto, non ti cambia
            molto). Il discorso cambia quando metà degli
            spettatori entra senza
            pagare.E siamo d'accordo.
            Anche per la pirateria, quando erano in pochi a
            scaricare la questione non si poneva.Oddio... Contando quanto osteggiati sono stati i primi audiogalaxy o napster, direi che "pochi" è un termine non troppo adatto! ;)
            Quando sono
            in tanti, vuol dire che devi scegliere: o cambi
            modello di business, o "fermi la
            proiezione".Ho capito, ma allora siamo da capo: se si ferma la proiezione ( = produzione) torniamo al discorso fatto sopra.E siamo ancora senza una soluzione al problema! :)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            Ma tu, scaricandole, dai il segnale opposto,
            ossia "a me interessano", altrimenti non le
            scaricheresti. O
            sbaglio?A me interessano. Ma interessa quell'opera lì, non le altre. E, se pago, non finanzio l'opera che mi interessa (che è già completa, e non ha bisogno di essere finanziata), ma finanzio le successive, di cui magari non mi frega nulla.Esempio: mi piace il film matrix: pagando, però, non ne finanziavo la realizzazione (era già stato realizzato!), ma avrei finanziato la realizzazione di matrix 2 (molto meno bello).Comprando windows xp, non ne avrei finanziato lo sviluppo, ma avrei finanziato lo sviluppo di vista.E così via.
            Se poi X nota che a Y interessa qualcosa, la
            produce e vede che non ci cava 'na lira, smette
            di produrre (cosa che gli costa soldi). Vero. Ma a me non interessa quello che produrrà in futuro, interessa quello che ha già prodotto.Se Matrix mi era piaciuto, non mi interessava necessariamente che ci fosse un Matrix II. E perchè mai, allora, avrei dovuto finanziarlo?
            Su scala
            globale, non so cosa potrebbe succedere,
            sinceramente!
            :)Che la produzione di sequel e remake si fermerebbe.
            Ma tu riusciresti a stare senza film, musica,
            software e
            quant'altro?E non è quello che dovrei fare, se decidessi di non scaricare più?Se dovessi pagare per tutto, quanta musica potrei ascoltare? Molta meno. Quanti film nuovi potrei vedere al mese? Molti meno. Perchè non potrei certo comprare tutto quello che mi interessa, costerebbe troppo.Perciò, la scelta è:1) Oggi, vedere pochi film, e pagare; domani, vedere pochi film, e pagareoppure2) Oggi, vedere tutti i film che voglio, gratis; domani, vedere pochi film, gratis.Quale è la scelta più conveniente?


            Rileggi bene le tue parole: "comprare". Sì, se

            compro una cosa, mi aspetto che sia mia. Non mi

            sembra tanto strano. E se è mia, mi aspetto di

            poterne fare quello che

            voglio.

            Attenzione: quando compri qualcosa - qualsiasi
            cosa - ci sono delle regole (che, da legge
            italiana, non sei tenuto a sapere ma devi
            comunque rispettare). Se "comprando una tal cosa
            non puoi fare un'altra cosa", nessuno ti sta
            fregando, ti sta solo dicendo cosa puoi e non
            puoi fare con quella determinata cosa (esempio al
            volo: tempo fa, su un server di una nota marca,
            un mio conoscente ha dovuto accettare la clausola
            che non avrebbe usato la potenza di calcolo della
            macchina per cose tipo terrorismo et similia! Ok,
            è un caso limite, non per niente l'ho messo fra
            parentesi! :) ). Se a te non sta bene tale
            clausola, non
            compri.Infatti non compro: scarico. Quando scarico non mi viene richiesta nessuna clausola. Chi mi fornisce il film (megavideo, ad esempio) lo fa volontariamente (quindi, non lo sto rubando), e non mi mette nessun limite.

            Se io ti vendo una casa, tu poi puoi anche

            affittarla ad altri. E se io vengo a dirti che

            non puoi, tu non ti sentiresti

            imbrogliato?

            Assolutamente sì, perchè ci sono leggi che
            tutelano la compravendita di determinati beni, e
            con essi i contratti di locazione. Ma se io come
            acquirente della tua casa la comprassi per poi
            darla in affitto con qualche assurda modalità
            (che ne so: in nero), farei un
            illecito.Non c'entra nulla: se la affitti in nero io non c'entro più. Anche se compri un'auto e poi ti metti a fare corse clandestine commetti un illecito, ma la violazione non è nei confronti di chi te l'ha venduta: è nei confronti del codice stradale.Anche se ti vendo un coltello, non puoi usarlo per accoltellare qualcuno. Ma non è una clausola che metto io, è una legge (e vale anche se il coltello te lo sei fabbricato tu)


            O saranno gli altri a chiedermi di scendere. Ma

            quando anche gli altri cominciano a dire che non

            vogliono più pagare il biglietto, il discorso

            cambia.

            D'accordissimo.
            Ma cambia come, mi chiedo?
            Che il tram sia gratis per tutti mi sembra
            fantascienza, sei davvero disposto a rischiare di
            dover andare sempre a piedi perchè speri in un
            cambiamento
            diverso?Non lo spero. Ma se posso avere il tram gratis, perchè no? Anche se so che non può durare per sempre, finchè c'è conviene approfittarne.
            Cosa succederebbe se, dopo il tram gratis, tutti
            decidessero che non vale più la pena pagare al
            supermercato o qualsiasi altro
            bene?Che sparirebbero i supermercati e si tornerebbe alle classiche bancarelle. Poi, l'evoluzione prenderebbe una linea diversa.


            Me lo assicuri? Fai il proiezionista?

            No, ma conosco chi gestisce un piccolo cinema che
            riesce a rimanere ancora in piedi malgrado le
            grandi catene. Arriva tutto già pronto, per farlo
            partire si fa la stessa fatica che si fa per far
            partire un DVD o un qualsiasi
            filmato.E allora perchè prende uno stipendio? Se è così facile, non sta lavorando.
          • mt07 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            A me interessano. Ma interessa quell'opera lì,
            non le altre. E, se pago, non finanzio l'opera
            che mi interessa (che è già completa, e non ha
            bisogno di essere finanziata), ma finanzio le
            successive, di cui magari non mi frega
            nulla.Inutile rispondere, a questo punto: hai una visione che è tutta tua! :)(hint: non è che quando un film arriva al cinema l'investimento è già stato pagato. Idem con musica e quant'altro)Ti auguro di trovar lavoro presto, magari non nella produzione di "cose digitali" visto che, probabilmente, prenderesti una nasata proprio contro le tue affermazioni! ;)Piuttosto, nel campo della vendita delle carote! :PCiao!
          • Sgabbio scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            (newbie)(newbie)(newbie)(newbie)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            Inutile rispondere, a questo punto: hai una
            visione che è tutta tua!
            :)Se fosse solo la mia visione, potresti semplicemente ignorarla: finchè sono da solo, le mie scelte non hanno un effetto significativo.D'altra parte, a giudicare dal numero di persone che scaricano, e da come frignano le majors, direi che non sono solo, e che la visione che ho non è "tutta mia", o meglio, non è solo mia.
            (hint: non è che quando un film arriva al cinema
            l'investimento è già stato pagato. Idem con
            musica e
            quant'altro)Hint: problema tuo, non mio. Se non sei rientrato del tuo investimento, ti arrangi. La prossima volta farai un investimento più basso.

            Ti auguro di trovar lavoro presto,Non ti preoccupare, sono a posto. Grazie per il pensiero, comunque.
            magari non
            nella produzione di "cose digitali" visto che,
            probabilmente, prenderesti una nasata proprio
            contro le tue affermazioni!Produco anche beni digitale, tra le altre cose. Ma mi guardo bene dal farmi pagare per delle copie.Qualche mio lavoro si trova su sourceforge, con licenza libera.
            ;)
            Piuttosto, nel campo della vendita delle carote!Almeno sarò sicuro di aver sempre qualcosa da mangiare... tu puoi avere la stessa certezza?
          • mt07 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Se fosse solo la mia visione, potresti
            semplicemente ignorarla: finchè sono da solo, le
            mie scelte non hanno un effetto
            significativo.Fermo lì: mi riferivo al discorso del ritorno sull'investimento prima della vendita. Se tu vai al cinema a vedere Matrix, finanzi Matrix, punto. Che non è già stato finanziato.E' la base di ogni investimento, che sia un film o l'acquisto di un campo su cui piantare le carote: inizi a guadagnare solo quando vendi le carote, prima hai solo fatto un investimento.

            Ti auguro di trovar lavoro presto,

            Non ti preoccupare, sono a posto. Grazie per il
            pensiero, comunque.Perdonami, da un tuo intervento precedente avevo capito che fossi disoccupato. Da lì è nato il malinteso.
            Almeno sarò sicuro di aver sempre qualcosa da
            mangiare... tu puoi avere la stessa
            certezza?No: non ho un campo di carote! ;)Ma finchè le case hanno i serramenti, direi che qualcosa a casa riesco comunque a portarlo! :)Ciao!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            Fermo lì: mi riferivo al discorso del ritorno
            sull'investimento prima della vendita. Se tu vai
            al cinema a vedere Matrix, finanzi Matrix, punto.
            Che non è già stato
            finanziato.
            E' la base di ogni investimento, che sia un film
            o l'acquisto di un campo su cui piantare le
            carote: inizi a guadagnare solo quando vendi le
            carote, prima hai solo fatto un
            investimento.No, il discorso è diverso.Nell'esempio del campo di carote, se io non rientro degli investimenti, smetto di vendere carote. Se non recupero nemmeno la cifra spesa per comprare il campo, il campo mi verrà confiscato (se era ipotecato).Ma se un film non rientra degli investimenti, non può essere confiscato.Ora, vediamo la cosa dal punto di vista del cliente: il cliente che compra le carote sa benissimo che se il venditore non rientra dell'investimento smetterà di vendere carote. Al cliente non frega nulla dell'investimento (non è stato lui a investire i soldi), ma interessano le carote: e sa benissimo che se il contadino fallisce, domani al mercato non ci sarà più la bancarella delle carote.Quindi, il cliente ha un motivo per finanziare il coltivatore di carote.Ma per un film (matrix, nell'esempio), all'utente importa solo di potersi vedere il film: e l'utente sa benissimo che anche se il produttore fallisce, il film si potrà ancora vedere.Quindi, perchè mai l'utente dovrebbe sostenere il produttore?Anzi, alle volte il fallimento di un produttore è un vantaggio, per l'utente: (lo si è visto nel settore del software: quando il produttore fallisce, i suoi programmi spesso diventano abandonware, o addirittura open source: per l'utente è un vantaggio)
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Fermate il "mercato legale"
        - Scritto da: kaiserxol
        Bò io non la vedo così.
        Alla fine...se tutti scaricassero un film o una
        canzone...che senso avrebbe crearla e spenderci
        milionate di dollari per farne un capolavoro??Se la pensi così, non crearla. Non fai un capolavoro, se vuoi solo farci dei soldi.

        Perchè creare Matrix, buttare milionidi dollari
        nel XXXXX se poi so che non mi ritornerebbe nulla
        in
        tasca?Tu non devi fare matrix, infatti. Matrix esiste già.
        Cioè...state cercando di far passare la pirateria
        come una pratica giusta e
        normale.Infatti lo è.
        Non so che lavoro fate, ma se costruisse mobili a
        regola d'arte e di alta qualità trovereste
        normale che qualcuno entra, si prende due sedie e
        se le porta a casa sua senza
        pagare??Se mi lascia due sedie esattamente uguali allo stesso posto, sì.
        Parlate di opere DIGITALI, ma per crearle mica
        hanno usato mezzi e soldi
        digitali!!!La cosa non mi riguarda. Io non duplico gli strumenti usati, io duplico solo il risultato.
        Questo non vuol dire che io sia pulito, ma avessi
        la possibilità di farlo mi comprerei ogni singola
        cosa legalmente piuttosto che
        scaricandola.E spenderesti un mucchio di soldi, per avere di meno. A che scopo?

        I miei progetti, planimetrie, rendering ecc sono
        tutti digitali....e quindi?? Quindi il mio
        cliente può prendersi i miei disegni e mesi di
        lavoro gratis solo perchè sono
        digitali??Sì, visto che li hai fatti per lui. Lui ti ha pagato per farli, tu li hai fatti, ora il cliente ha diritto a prenderli. Se non ti va, tu non realizzi nulla e pretendi il pagamento in anticipo.
        • p4bl0 scrive:
          Re: Fermate il "mercato legale"
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Perchè creare Matrix, buttare milionidi dollari

          nel XXXXX se poi so che non mi ritornerebbe
          nulla

          in

          tasca?

          Tu non devi fare matrix, infatti. Matrix esiste
          già.
          XXXXXXX che ottuso

          I miei progetti, planimetrie, rendering ecc sono

          tutti digitali....e quindi?? Quindi il mio

          cliente può prendersi i miei disegni e mesi di

          lavoro gratis solo perchè sono

          digitali??

          Sì, visto che li hai fatti per lui. Lui ti ha
          pagato per farli, tu li hai fatti, ora il cliente
          ha diritto a prenderli. Se non ti va, tu non
          realizzi nulla e pretendi il pagamento in
          anticipo.quindi perchè chi realizza un film non dovrebbe pretendere che i suoi clienti paghino per avere quello che vogliono?
          • krane scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: p4bl0
            - Scritto da: uno qualsiasi


            Perchè creare Matrix, buttare milionidi


            dollari nel XXXXX se poi so che non mi


            ritornerebbe nulla in tasca?

            Tu non devi fare matrix, infatti. Matrix

            esiste già.
            XXXXXXX che ottuso


            I miei progetti, planimetrie, rendering ecc


            sono tutti digitali....e quindi?? Quindi il


            mio cliente può prendersi i miei disegni e


            mesi di lavoro gratis solo perchè sono


            digitali??

            Sì, visto che li hai fatti per lui. Lui ti

            ha pagato per farli, tu li hai fatti, ora

            il cliente ha diritto a prenderli. Se non

            ti va, tu non realizzi nulla e pretendi il

            pagamento in anticipo.
            quindi perchè chi realizza un film non dovrebbe
            pretendere che i suoi clienti paghino per avere
            quello che vogliono?E perche' il cliente dovrebbe essere obbligato a pagare quanto vuole lui ? Se il prezzo e' ritenuto in farie forme eccessivo non ci sono leggi che obbligano a fruirne.
          • p4bl0 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: krane

            quindi perchè chi realizza un film non dovrebbe

            pretendere che i suoi clienti paghino per avere

            quello che vogliono?

            E perche' il cliente dovrebbe essere obbligato a
            pagare quanto vuole lui ? Se il prezzo e'
            ritenuto in farie forme eccessivo non ci sono
            leggi che obbligano a
            fruirne.lui chi?non ho capito con chi sei d'accordo O_Ointendevi "se per te il prezzo è alto fai a meno, che non te l'ha ordinato il dottore"?
          • krane scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: p4bl0
            - Scritto da: krane


            quindi perchè chi realizza un film non


            dovrebbe pretendere che i suoi clienti


            paghino per avere quello che vogliono?

            E perche' il cliente dovrebbe essere obbligato a

            pagare quanto vuole lui ? Se il prezzo e'

            ritenuto in farie forme eccessivo non ci sono

            leggi che obbligano a fruirne.
            lui chi?
            non ho capito con chi sei d'accordo O_O
            intendevi "se per te il prezzo è alto fai a meno,
            che non te l'ha ordinato il dottore"?Intendo dire: chi realizza un film sembra dare per scontato che la gente debba andarlo a vedere al suo prezzo. Semplicemente non e' cosi', se la gente trova alternative o non e' abbastanza interessante il realizzatore rimarra' con un pugno di mosche a lamentarsi.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            lui chi?
            non ho capito con chi sei d'accordo O_O
            intendevi "se per te il prezzo è alto fai a meno,
            che non te l'ha ordinato il
            dottore"?A te il dottore non ha ordinato di fare il film. E non serve a niente che io ne faccia a meno.Vuoi che ne faccia a meno? NON PRODURLO.
          • p4bl0 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: uno qualsiasi

            lui chi?

            non ho capito con chi sei d'accordo O_O

            intendevi "se per te il prezzo è alto fai a
            meno,

            che non te l'ha ordinato il

            dottore"?

            A te il dottore non ha ordinato di fare il film.
            E non serve a niente che io ne faccia a
            meno.

            Vuoi che ne faccia a meno? NON PRODURLO.senti, io non sono contrario alla pirateria, sono contrario agli eccessi, ad esempio tu che pensi che vedere un film ti sia dovuto.il film è costato lavoro a tante persone (che ok, sono state già pagate)ed è costato soldi a chi l'ha prodotto (nel senso del produttore, non nel senso di "fatto").è giusto che se usufruisci della sua merce paghi (il giusto ovviamente, che viste le spese e i fruitori potrebbe tranquillamente essere 1-2 a film - che di sicuro non ti buttano sul lastrico)possiamo discutere poi che i prezzi e i guadagni siano sproporzionati, ma non sul fatto che per usufruire di un servizio si paga.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            senti, io non sono contrario alla pirateria, sono
            contrario agli eccessi, ad esempio tu che pensi
            che vedere un film ti sia
            dovuto.Infatti è così. Non è dovuta la realizzazione del film. Non sei obbligato a realizzarlo.Ma se il film esiste già, vederlo è un diritto di tutti.
            il film è costato lavoro a tante persone (che ok,
            sono state già
            pagate)E allora dov'è il problema?
            ed è costato soldi a chi l'ha prodotto (nel senso
            del produttore, non nel senso di
            "fatto").
            è giusto che se usufruisci della sua merce paghi
            (il giusto ovviamente, che viste le spese e i
            fruitori potrebbe tranquillamente essere 1-2 a
            film - che di sicuro non ti buttano sul
            lastrico)Non è un problema di cifra. Il problema è che quando il produttore ha recuperato il suo investimento, vuole ancora soldi, per oltre 70 anni. E allora, non gli dò nulla. Così, o mette un po' di buon senso.... o fallisce, e il suo posto viene preso da qualcuno con più cervello.
          • 0110 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            quindi perchè chi realizza un film non dovrebbe
            pretendere che i suoi clienti paghino per avere
            quello che
            vogliono?Quindi sei contro il noleggio che permette di pagare meno per vedere il film?
          • p4bl0 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: 0110

            quindi perchè chi realizza un film non dovrebbe

            pretendere che i suoi clienti paghino per avere

            quello che

            vogliono?

            Quindi sei contro il noleggio che permette di
            pagare meno per vedere il
            film?nel noleggio è il noleggiatore che ha già pagato chi ha prodotto il filme no, non sono contrario al pagare il meno possibile, non sono masochista, ma quando riesci a pagare 1 o 1,5 per vedere un film hai veramente bisogno di piratarlo? (nel senso di scaricarlo, non di ripparlo :P )
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            e no, non sono contrario al pagare il meno
            possibile, non sono masochista, ma quando riesci
            a pagare 1 o 1,5 per vedere un film hai
            veramente bisogno di piratarlo? (nel senso di
            scaricarlo, non di ripparlo :P
            )Sì, se il film contiene limitazioni che mi danno fastidio (tipo il non poterlo vedere per più di 24 ore). E, dal momento che non mi va di ricompensare che mi ha messo queste limitazione, gli tolgo pure quell' 1-1,5 euro.Se mi metti il film senza DRM, senza limitazioni, e con la possibilità di condividerlo con i miei amici, a quel prezzo, possiamo parlarne.
          • 0110 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            nel noleggio è il noleggiatore che ha già pagato
            chi ha prodotto il
            filmEsatto, paga una volta e incassa ipoteticamente mille volte.Secondo il tuo ragionamento dovrebbe esserere sbagliato.
            a pagare 1 o 1,5 per vedere un film haiIo accetto le condizioni di Hulu.Dammi Hulu in Italia e te lo pago.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            quindi perchè chi realizza un film non dovrebbe
            pretendere che i suoi clienti paghino per avere
            quello che
            vogliono?E perchè io non dovrei pretendere che tu mi paghi un pizzo ogni volta che vai in bagno?La risposta è: perchè è parassitismo. Non c'è bisogno di te, se scompari o fai la fame nessuno se ne accorge; quindi, perchè mai dovremmo pagarti una rendita per mantenerti?
          • p4bl0 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: uno qualsiasi

            quindi perchè chi realizza un film non dovrebbe

            pretendere che i suoi clienti paghino per avere

            quello che

            vogliono?

            E perchè io non dovrei pretendere che tu mi paghi
            un pizzo ogni volta che vai in
            bagno?

            La risposta è: perchè è parassitismo. Non c'è
            bisogno di te, se scompari o fai la fame nessuno
            se ne accorge; quindi, perchè mai dovremmo
            pagarti una rendita per
            mantenerti?non fare il finto tonto.. non è una rendita, è pagare per usufruire di un servizio (l'entertainment)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"


            La risposta è: perchè è parassitismo. Non c'è

            bisogno di te, se scompari o fai la fame nessuno

            se ne accorge; quindi, perchè mai dovremmo

            pagarti una rendita per

            mantenerti?

            non fare il finto tonto.. non è una rendita, è
            pagare per usufruire di un servizio
            (l'entertainment)Ma tu non mi dai nessun servizio. La prova è che anche se tu sparisci, io posso usufruire del film comunque.Quando pago per un servizio, lo faccio perchè so che, se smetto di pagare, il servizio viene a mancare (esempio: la linea telefonica).Ma se non pago chi fa i film, i film non scompaiono. Quindi, non è un servizio.
          • 0110 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            non fare il finto tonto.. non è una rendita, è
            pagare per usufruire di un servizio
            (l'entertainment)Quindi se ascolto la radio sto violando la tua legge?
          • p4bl0 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: 0110

            non fare il finto tonto.. non è una rendita, è

            pagare per usufruire di un servizio

            (l'entertainment)

            Quindi se ascolto la radio sto violando la tua
            legge?ma siete veramente tutti col prosciutto sugli occhi o mi prendete per il XXXX?la radio paga al posto tuo
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            ma siete veramente tutti col prosciutto sugli
            occhi o mi prendete per il
            XXXX?Comincia a venirti il sospetto?Non ti rendi conto che ti stai rendendo ridicolo, con le assurdità che spari?
          • p4bl0 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: uno qualsiasi

            ma siete veramente tutti col prosciutto sugli

            occhi o mi prendete per il

            XXXX?

            Comincia a venirti il sospetto?
            Non ti rendi conto che ti stai rendendo ridicolo,
            con le assurdità che
            spari?assurdità tipo? che è giusto pagare per un servizio di cui TU DECIDI di usufruire? (se il prezzo è adeguato ovviamente)
          • p4bl0 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: uno qualsiasi

            ma siete veramente tutti col prosciutto sugli

            occhi o mi prendete per il

            XXXX?

            Comincia a venirti il sospetto?
            Non ti rendi conto che ti stai rendendo ridicolo,
            con le assurdità che
            spari?ah, cacchio mi sono appena ricordato.. su PI non c'è spazio per le opinioni moderate..chiedo scusa a tutti gli estremisti che si fossero sentiti offesi da opinioni non coincidenti con le loro
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            ah, cacchio mi sono appena ricordato.. su PI non
            c'è spazio per le opinioni
            moderate..È inevitabile: discutendo con chi la pensa in modo opposto, quando vedi che si spingono troppo avanti, diventi estremista anche tu.Personalmente lo trovo utile: vai a fondo di un'idea, la porti all'estremo, senza paura di figure imbarazzanti (tanto siamo tutti anonimi, possiamo dire quello che vogliamo)
          • p4bl0 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"
            - Scritto da: uno qualsiasi

            ah, cacchio mi sono appena ricordato.. su PI non

            c'è spazio per le opinioni

            moderate..

            È inevitabile: discutendo con chi la pensa in
            modo opposto, quando vedi che si spingono troppo
            avanti, diventi estremista anche
            tu.
            posso essere d'accordo, ma questo può capitare se discuti con ruppolo, thenora, tatutati66, ma di solito se si fa a meno degli estremismi può esserci effettivamente una discussione utile
            Personalmente lo trovo utile: vai a fondo di
            un'idea, la porti all'estremo, senza paura di
            figure imbarazzanti (tanto siamo tutti anonimi,
            possiamo dire quello che
            vogliamo)
          • 0110 scrive:
            Re: Fermate il "mercato legale"

            ma siete veramente tutti col prosciutto sugli
            occhi o mi prendete per il
            XXXX?
            la radio paga al posto tuoQuindi visto che YouTube paga la SIAE a te va bene se la musica la sento li e se capita la salvo pure?
    • Alberto Enghel scrive:
      Re: Fermate il "mercato legale"
      Infatti i vari windows,mac os,google li hai fatti tu gratuitamente e con meno fatica.Ma per favore sei patetico e ridicolo!!!
    • rb1205 scrive:
      Re: Fermate il "mercato legale"
      Il prezzo di un bene non comprende solo il costo del materiale acquistato. Quando compri un farmaco non paghi solo le componenti del farmaco, ma paghi una parte dei costi di ricerca sostenuti dalla compagnia farmaceutica per creare la formula di detto farmaco. Stessa cosa vale per tantissimi oggetti di uso comune (ad esempio i mezzi di trasporto) e per praticamente tutti i dispositivi tecnologici (un esempio su tutti, i proXXXXXri) dove, in pratica, paghi l'idea che sta dietro all'oggetto.Nel campo dell'informazione le cose non sono diverse. Quando compri un giornale stai acquistando ben più della carta di cui è composto lo stesso, non è possibile sostenere che, visto che la copia di una canzone o di un software è a costo 0, allora anche il bene relativo debba necessariamente essere a costo 0.
      • krane scrive:
        Re: Fermate il "mercato legale"
        - Scritto da: rb1205
        Il prezzo di un bene non comprende solo il costo
        del materiale acquistato. Quando compri un
        farmaco non paghi solo le componenti del farmaco,
        ma paghi una parte dei costi di ricerca sostenuti
        dalla compagnia farmaceutica per creare la
        formula di detto farmaco. Stessa cosa vale per
        tantissimi oggetti di uso comune (ad esempio i
        mezzi di trasporto) e per praticamente tutti i
        dispositivi tecnologici (un esempio su tutti, i
        proXXXXXri) dove, in pratica, paghi l'idea che
        sta dietro
        all'oggetto.
        Nel campo dell'informazione le cose non sono
        diverse. Quando compri un giornale stai
        acquistando ben più della carta di cui è composto
        lo stesso, non è possibile sostenere che, visto
        che la copia di una canzone o di un software è a
        costo 0, allora anche il bene relativo debba
        necessariamente essere a costo 0.Ok, ma se la copia ha costo 0 mentre prima costava il prezzo dovrebbe diminuire, cosa che non accade.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Fermate il "mercato legale"
        - Scritto da: rb1205
        Il prezzo di un bene non comprende solo il costo
        del materiale acquistato. Quando compri un
        farmaco non paghi solo le componenti del farmaco,
        ma paghi una parte dei costi di ricerca sostenuti
        dalla compagnia farmaceutica per creare la
        formula di detto farmaco.Certo, ma quei costi si ammortizzano, poi il prezzo scende (e esce il generico).E inoltre, nessuno mi dice che se non pago il farmaco devo rinunciare (se non voglio pagare, e il farmaco mi serve, paga lo stato)
      • Ubunto scrive:
        Re: Fermate il "mercato legale"
        - Scritto da: rb1205
        Nel campo dell'informazione le cose non sono
        diverse. Quando compri un giornale stai
        acquistando ben più della carta di cui è composto
        lo stesso, non è possibile sostenere che, visto
        che la copia di una canzone o di un software è a
        costo 0, allora anche il bene relativo debba
        necessariamente essere a costo 0.Non è neanche possibile ritenere che il prezzo da sostenere sia pari o superiore a quello della versione materiale, inoltre poiché il costo copia digitale è prossimo allo zero, anche il "rischio di impresa" si riduce, perché non esiste un numero di "copie invendute".In particolare per quanto riguarda i prodotti audio/video e sopratutto quelli più datati, che hanno già reso quello che potevano rendere al momento del lancio (come novità), qual'è il costo ed il rischio che l'editore deve sostenere per tenerli in catalogo? Quanto costa la tenuta in catalogo di un album MP3 uscito 2, 5, 10, 20 o 30 anni fa?E' tutto grasso che cola: il problema è che lo vogliono far colare troppo.Ma possibile che la crisi non possa poi intaccare anche il mercato del copyright? Non è venuto in mente a nessuno che a fronte di un largo consumo di materiale pirata, uno motivo è che sia la penuria di soldi nelle tasche dei "consumatori" a promuovere questo tipo di atteggiamento?E che dire dei tentativi continui dei signori "del copyright" di rimuovere la presenza di contenuti legalmente gratuiti e liberi? Come mai la piattaforma Apple piace tanto agli amichetti di RIAA ed MPAA? Forse perché se non tiri prima fuori i soldi non puoi distribuire un bel nulla? Forse perché se col tuo prodotto "pesti i piedi" a qualcuno, questo non viene approvato ed escluso dal mercato?Come mai ogni 2 per 3 dobbiamo assistere all'emanazione di leggi che equiparano l'inequiparabile? Il blog e siti web amatoriali alle "testate giornalistiche", la realizzazione e diffusione di video alle "televisioni"...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 dicembre 2010 01.28-----------------------------------------------------------
  • iupiter scrive:
    ferma tu sorella confindustria
    si dopo la pirateria fermate la morte...altre kazzate o la finiamo cosi'?
  • John Locke scrive:
    nonostante sia bloccato...
    notare come nonostante abbiano bloccato pirate bay, siano riusciti a diminuire gli accessi dall'italia solo del 60%. percentuale che non tiene neanche conto di tutti quelli che ci si collegano tramite proxy. #fail :D :D :D
    • Sgabbio scrive:
      Re: nonostante sia bloccato...
      Forse non tiene contro che il sito e visitabile per altre vie, aggirando il blocco, avolte basta anche usare Opera con attivo Opera turbo :D
      • styx scrive:
        Re: nonostante sia bloccato...
        inoltre c'e' da considerare che se quel "60%" e' rilevato con la stessa precisione di altri numeri (i miliardi di EU di danni generati dalla pirateria ,i milioni di disoccupati dell'industria dell'entertainment ,ecc) allora stiamo freschi :)
    • Curiosone scrive:
      Re: nonostante sia bloccato...
      Potreste darmi degli indirizzi validi di Proxy per piacere?Grazie. :-)
      • Sgabbio scrive:
        Re: nonostante sia bloccato...
        www.google.it proxyweb
        • Curiosone scrive:
          Re: nonostante sia bloccato...
          ????
          • p4bl0 scrive:
            Re: nonostante sia bloccato...
            http://www.google.it/#hl=it&expIds=17259,24472,27147&xhr=t&q=proxy+web&cp=7&pf=p&sclient=psy&aq=0&aqi=&aql=&oq=proxy+w&gs_rfai=&pbx=1&fp=76effd34127d5159
          • Curiosone scrive:
            Re: nonostante sia bloccato...
            Grazie. Ma forse mi sono spiegato male...La ricerca la avevo fatta anch'io :-)Intendevo dire se esistono dei Proxy considerati "migliori" rispetto ad altri dato che se ne trovano moltissimi...
  • Nome e cognome scrive:
    industria... cultura... divertimento...?
    «[...] l'industria culturale e d'intrattenimento [...]»Vi prego, basta, sto morendo dal ridere...!
Chiudi i commenti