YouTube, denuncia in chiave musicale?

La piattaforma ospiterebbe e metterebbe a frutto migliaia di brani musicali senza detenere valide licenze: Global Music Rights, che rappresenta gli Eagles, Pharrell Williams e altri colossi della musica, minaccia denuncia

Roma – Uno scambio di missive fra legali si sarebbe intrecciato intensamente negli ultimi mesi, “le opzioni alternative si starebbero esaurendo”: Global Music Rights, che si occupa di gestire le licenze per migliaia di brani di artisti del calibro di Pharrell Williams e di John Lennon, sarebbe pronta a colpire YouTube con una denuncia da un miliardo di dollari.

Le rimostranze del gruppo, il cui fondatore è Irving Azoff, imprenditore in campo musicale e storico manager degli Eagles, si sono intensificate al momento del lancio dall’atteso servizio YouTube Music Key, con cui la piattaforma di video sharing ha razionalizzato la propria sconfinata offerta di musica. Secondo Global Music Rights, il Tubo ospiterebbe illegalmente 20mila brani degli artisti che rappresenta: le licenze per queste opere, in precedenza gestite dalle collecting society statunitensi BMI e ASCAP, non sarebbero più valide. Andrebbero rinegoziate a nuove condizioni, avverte Azoff, o si dovrebbe procedere alla rimozione dei brani da YouTube.

Se il servizio di Mountain View si confermasse arroccato sulle proprie posizioni , rifiutando ogni tipo di azione, sarebbe Global Music Rights a prendere l’iniziativa, sporgendo denuncia. Il gruppo ritiene di poter chiedere 150mila dollari di danni per ogni violazione: l’eventuale contenzioso potrebbe portare nelle casse di Global Music Rights una cifra che si stima possa raggiungere il miliardo di dollari.

YouTube, nel frattempo, non sembra impensierita: l’obiettivo della piattaforma resta quello di reclutare nuovi artisti e popolarsi di nuova musica a favore dei propri utenti. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • davidoff scrive:
    Di cosa si lamentano?
    Gente che considera fondamentale per il genere umano far sapere orari e consistenza delle proprie deiezioni che ora si lamenta della privacy?Vuoi privacy ti rivolgi ad altri servizi, sei così CAPRA da usare fb e volere privacy allora è giusto che si facciano i fatti tuoi. In fondo con cosa credono di pagare il servizio che fb gli fornisce?
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Di cosa si lamentano?
      - Scritto da: davidoff
      Gente che considera fondamentale per il genere
      umano far sapere orari e consistenza delle
      proprie deiezioni che ora si lamenta della
      privacy?

      Vuoi privacy ti rivolgi ad altri servizi, sei
      così CAPRA da usare fb e volere privacy allora è
      giusto che si facciano i fatti tuoi. In fondo con
      cosa credono di pagare il servizio che fb gli
      fornisce?Non vorrei fare l'avvocato del diavolo, ma se fai sei messaggi privati, legalmente, almeno in italia, se non sei un autorità giudiziaria, non dovresti manco vederla.
      • ... scrive:
        Re: Di cosa si lamentano?
        - Scritto da: Sg@bbio
        Non vorrei fare l'avvocato del diavolo, ma se fai
        sei messaggi privati, legalmente, almeno in
        italia, se non sei un autorità giudiziaria, non
        dovresti manco
        vederla.ci sono le apposite clausolette in fase di registrazione che tutti accettano.E anche se non ci fossero, c'è la possibilità tecnica di farlo quindi chi non è una capra sa che verrà fatto.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Di cosa si lamentano?
          - Scritto da: ...
          - Scritto da: Sg@bbio


          Non vorrei fare l'avvocato del diavolo, ma
          se
          fai

          sei messaggi privati, legalmente, almeno in

          italia, se non sei un autorità giudiziaria,
          non

          dovresti manco

          vederla.

          ci sono le apposite clausolette in fase di
          registrazione che tutti
          accettano.
          E anche se non ci fossero, c'è la possibilità
          tecnica di farlo quindi chi non è una capra sa
          che verrà
          fatto.non vuol dire che sia legale.
          • ... scrive:
            Re: Di cosa si lamentano?
            - Scritto da: Sg@bbio
            non vuol dire che sia legale.E quindi? si puliscono il di dietro con le nostre leggi.
          • cicciobello scrive:
            Re: Di cosa si lamentano?


            ci sono le apposite clausolette in fase di

            registrazione che tutti

            accettano.

            E anche se non ci fossero, c'è la possibilità

            tecnica di farlo quindi chi non è una capra sa

            che verrà

            fatto.

            non vuol dire che sia legale.Facebook ha la possibilità tecnica di accedere (per forza, i dati sono sui suoi server), e questa situazione è legale, dal momento che l'utente ha scelto liberamente di caricare i dati lì. Magari la legge non permette a Facebook di consultare i dati, ma come si può controllare se viene rispettata? L'unico modo di sapere chi ha consultato i dati è quello di controllare i files di log, ma tali files sono sotto il controllo esclusivo di facebook; se facebook dice di non aver mai consultato i dati degli utenti, non c'è modo di dimostrare il contrario.L'unica cosa che posso dire è: se non vi fidate di facebook, perché caricate i dati sui loro server?
          • ... scrive:
            Re: Di cosa si lamentano?
            Consultare da chi? Dal personale di Facebook? Allora è illegale (a meno di casi indicati dal giudice), senza dubbio.Da un software che scansiona i messaggi per far vedere pubblicità mirate? Mha, non saprei... Google lo fa nelle email, che sono private anche esse e non ci vedo nulla di male. Alla fine sono scansioni "anonime"... Poi dipende da cosa avviene dopo, se quella pubblicita' viene associata a quell'utente, allora è una violazione della privacy. Ma se semplicemente vengono aumentati dei contatori e non c'è nessuna relazione tra l'utente e la pubblicità allora non c'è nessuna violazione della privacy.
          • bradipao scrive:
            Re: Di cosa si lamentano?
            - Scritto da: ...
            Consultare da chi?
            Dal personale di Facebook? Allora è illegale (a
            meno di casi indicati dal giudice), senza dubbio.Lamentarsi della violazione della privacy per messaggi postati su social network è un ossimoro.
          • Ciccio Sognatore scrive:
            Re: Di cosa si lamentano?
            - Scritto da: ...
            Consultare da chi?
            Dal personale di Facebook? Allora è illegale (a
            meno di casi indicati dal giudice), senza
            dubbio.
            Da un software che scansiona i messaggi per far
            vedere pubblicità mirate? Mha, non saprei...
            Google lo fa nelle email, che sono private anche
            esse e non ci vedo nulla di male. Alla fine sono
            scansioni "anonime"... Poi dipende da cosa
            avviene dopo, se quella pubblicita' viene
            associata a quell'utente, allora è una violazione
            della privacy. Ma se semplicemente vengono
            aumentati dei contatori e non c'è nessuna
            relazione tra l'utente e la pubblicità allora non
            c'è nessuna violazione della
            privacy.Com'è il tempo lì da te, a Fantasilandia ? Saluti a Tatoo e Mr.Roarke
      • davidoff scrive:
        Re: Di cosa si lamentano?
        Quello che dici dovrebbe valere per la corrispondenza non credo per un messaggio di chat che è semplicemente un servizio messo in piedi dal sito e l'aggettivo privato potrebbe semplicemente essere inteso come non visibile agli altri visitatori (NB: non amministratori/sistemisti) quindi non avendo letto ed accettato le clausole d'uso del servizio uno può semplicemente prendersela con se stesso.Però il punto che volevo mettere di più in evidenza è che le persone che si lamentano statisticamente sono, quasi sicuramente, le stesse che documentano ogni istante della propria vita. Quindi gente che proprio geneticamente non sa cosa sia il concetto di privacy e che si accoda alla protesta perchè:1) Rimediare qualche soldino in una class action2) Si accodano a qualsiasi protesta perchè tutto quello che passa per la rete è oro colato
  • ... scrive:
    messaggi privati su facebook?
    [IMG]http://i.imgur.com/PqokEtc.jpg[/IMG][IMG]http://i.imgur.com/g3hG7wv.jpg[/IMG][IMG]http://i.imgur.com/Surx3GS.jpg[/IMG][IMG]http://i.imgur.com/poVM2A2.jpg[/IMG][IMG]http://i.imgur.com/tZabz83.jpg[/IMG][IMG]http://i.imgur.com/PUyl9pq.jpg[/IMG]
Chiudi i commenti