YouTube, moderazione ad ogni costo

I contenuti della piattaforma troppo spesso violano le regole e persino le leggi. Youtube modererà e verificherà i contenuti in maniera più stringente. E lo farà contando sul machine learning e molti più revisori in carne ed ossa

Roma – Seppur la mole di contenuti video pubblicati su YouTube sia in crescita, non si può dire che lo stesso trend si ripercuota sulla qualità. Il recente restyling grafico ha gettato le basi per presupposti di miglioramento anche dei contenuti ospitati che dovrà passare attraverso un intervento di pulizia, l’imposizione di regole più rigide e controlli più stringenti . Ad esserne cosciente è l’azienda stessa che ha avviato un’opera di sensibilizzazione a favore del rispetto dei termini di servizio che chiaramente escludono contenuti “scomodi” o comunque problematici. “Stiamo intraprendendo queste azioni perché è la cosa giusta da fare (…) Con l’evolvere e il modificarsi delle sfide per la nostra piattaforma, i metodi di intervento dovranno evolvere per rispondere nel migliore dei modi. Qualunque sia la sfida, il nostro impegno a contrastarla sarà costante e senza esitazioni. Prenderemo tutte le misure necessarie per proteggere la nostra community e assicurarci che YouTube continui a essere un luogo in cui i creator, gli inserzionisti e gli utenti possano crescere” – conferma Susan Wojcicki, CEO di YouTube.

YouTube

Nell’ultimo periodo, per stessa ammissione dell’azienda, alcuni malintenzionati hanno utilizzato la piattaforma per indurre in errore, manipolare, molestare e danneggiare altri utenti . L’odio online è diventato un male che effettivamente affligge non solo i social network in senso stretto, ma anche piattaforme di condivisione video come YouTube. Per estirpare il problema alla radice è stato fatto ampio uso della tecnologia: la piattaforma ha adottato soluzioni di machine learning e sono state imposte delle barriere su quali tipi di contenuti possano essere monetizzabili, o ancora ha introdotto un sistema di reindirizzamento automatico a contenuti “puliti” nel caso in cui vengano ricercati video inappropriati. Ma queste accortezze funzionano se sono affiancate ad un intervento mirato di moderazione umana.

In tal senso, Google si è impegnata a portare a 10mila unità nel 2018 il numero totale delle persone che lavorano per indirizzare i contenuti che potrebbero violare le norme aziendali, tra le quali spicca YouTube, e una parte di queste saranno veri e propri revisori. Uno sforzo che permetterà di raggiungere obiettivi ancor più ambiziosi, considerando che i team Trust and Safety da giugno ad oggi hanno già rivisto manualmente circa 2 milioni di video con contenuti violenti di estremisti e 150mila di questi sono stati eliminati. Un lavoro impegnativo e oneroso necessario ad addestrare la tecnologia di machine learning che in futuro potrà identificare video di questa entità. Altro fronte verso cui c’è ampia attenzione sono i commenti ai video. Anche in questo caso l’attività di monitoraggio e intervento di rimozione è vivace e sarà sostenuta da provvedimenti rigorosi.

Se il machine learning da solo basterà a ripulire YouTube e a preservarne la pulizia, una scommessa su cui YouTube crede ( ad oggi il 98 per cento dei video rimossi per estremismo violento sono riconosciuti correttamente dai sistemi ), l’occhio umano rimarrà comunque fondamentale in questo delicato processo. Inoltre i sistemi di moderazione automatizzata permettono di minimizzare i tempi d’intervento : il 70 per cento dei video di estremismo violento vengono rimossi entro 8 ore da quando vengono caricati e circa la metà in 2 ore. Per dare un termine di paragone tra sistemi informatici e uomo, basti pensare che i video finora rimossi avrebbero richiesto l’intervento di 180mila addetti al lavoro per 40 ore settimanali.

Ad oggi le norme di YouTube appaiono chiare e la promessa della piattaforma è quella di renderle più trasparenti, così come trasparenti saranno i dati d’intervento che verranno resi pubblici attraverso report specifici. Parallelamente sono già in corso collaborazioni con associazioni ed enti di vario genere che possano fornire la loro visione, esperienza e conoscenza sui temi collegati alla moderazione di contenuti specifici, che potrebbero ad esempio esporre i minori o peggio ancora vederli come soggetti. Proprio di recente il New York Times ha sottolineato come la piaga della pedopornografia stia intaccando anche YouTube ( sfuggendo in alcuni casi persino al parental control).

Sulla falsa riga di quanto già condotto recentemente da Facebook, anche YouTube è intenzionato infine a rassicurare gli inserzionisti pubblicitari sulla bontà del mezzo. Mantenere la piattaforma pulita è l’unico modo per garantire che chi acquista pubblicità continui a farlo ancora a lungo e con investimenti maggiori. Siamo sicuri che la promessa di “rinforzo del team di revisori della pubblicità per essere sicuri che gli annunci compaiano solo dove previsto”, non sono parole al vento. Con un articolo sul blog dedicato ai creatori di contenuti, YouTube spiega che: “stiamo applicando criteri più stringenti e conducendo più revisione manuale, oltre che aumentando in modo significativo il team di revisori per assicurare che la pubblicità sia mostrata solo dove gli inserzionisti vogliono che appaia. Ciò consentirà di limitare le demonetizzazioni inaccurate e allo stesso tempo di fornire ai creatori maggiore stabilità sulle loro entrate. Abbiamo intenzione di parlare con i creatori nelle prossime settimane per riuscire a introdurre questo nuovo approccio”.

Mirko Zago

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uto uti scrive:
    communisti
    i communisti non solo anno fato 10000000000 di morti (lo letto sullibbro del communismo di berlusconi) ma adesso acche ci spiano coi droni XXXXX dio e kin iun iun cia pure le bombe atomiche XXXXX XXXXXXX...
  • FType scrive:
    USA e getta
    Gli USA, il cavaliere senza macchia.....Stanno semrpe a puntare il dito contro gli altri con prove ZERO, ovviamente bisogna credergli sulla parola.Quelli che hanno spiato tutto il mondo hanno sempre da ridire, pronti ad avvantaggiarsi a spese altrui.Come si fa a non credergli sulla parola ? :|
    • xte scrive:
      Re: USA e getta
      Oh, no, le prove in genere le riportano, tipo le armi di distruzione di massa di Saddam con filmati comprovanti la cosa, solo girati in California da troupes locali, o anche la famosa infermiera in lacrime dopo i massacri del regime siriano che mi pare sia venuto fuori in seguito d'esser stato girato nel deserto del Mojave. 'Somma qualche piccola imprecisione, dopotutto un paese che vive di fiction, pardon di "storytelling" perché dovrebbe distinguere realtà e fantasia?
      • prova123 scrive:
        Re: USA e getta
        Non so se hai notato come agiscono sul biondo fa impazzire il mondo: quando DEVE fare qualcosa gli tirano fuori le testimonianze/autodenunce dell'entourage sul russiangate... e lui scatta sull'attenti ed ESEGUE.
    • 135be3591fb scrive:
      Re: USA e getta

      Come si fa a non credergli sulla parola ? :|Visto che il meccanismo l'hanno messo a punto loro sanno bene come funziona.
  • xte scrive:
    Oh, non dubito sia vero
    Ma... E tutti i dati che invece rubano aziende e servizi USA non contano? Come dire il merlo che accusa il corvo d'esser nero...
    • zephiroth scrive:
      Re: Oh, non dubito sia vero
      - Scritto da: xte
      Ma... E tutti i dati che invece rubano aziende e
      servizi USA non contano? Come dire il merlo che
      accusa il corvo d'esser
      nero...Eh, ma come non lo sai? Loro sono i buoni!nb. Dovresti mangiarne qualcuno, una delizia ma una delizia. (rotfl)
      • xte scrive:
        Re: Oh, non dubito sia vero

        Dovresti mangiarne qualcuno, una delizia ma una deliziaEhm, ma di merli/corvi o di bipedi? Perché sinceramente per quanto sia un vorace carnivoro preferisco un'ottima bistecca, poco importa se di manzo generico o di black angus, purché cotta come si deve...
        • ... scrive:
          Re: Oh, non dubito sia vero
          [img]http://m.memegen.com/mwzic3.jpg[/img]
          • xte scrive:
            Re: Oh, non dubito sia vero
            Ottimo, non fregartela allora, però di tanto in tanto un po' di igiene personale la suggerisco, su Amazon&c vendono anche shampoo dedicati se cerchi con cura. Han pure il dispenser della forma giusta.
        • Bax scrive:
          Re: Oh, non dubito sia vero
          - Scritto da: xte
          Ehm, ma di merli/corvi o di bipedi?xte, ti devo dare una notizia: merli e corvi sono bipedi.Vero comunque che dagli USA arrivi ipocrisia a fiumi non ci piove. Fingono di cascare dal pero, mentre c'è da aspettarselo che gli altri non stiano a guardare. Non che allora vada bene e tana libera tutti: se le app cinesi sono spione, le eviterei. Ad esempio, il famoso UC Browser non mi ispira molta fiducia:https://en.wikipedia.org/wiki/UC_Browser#Privacy_and_securityQui però si va un po' oltre con la propaganda (vedi anche il caso Kaspersky), accusando compagnie in modo fuorviante. In questo modo i rapporti e le accuse USA perdono ancora più attendibilità, ma intanto a qualcuno viene il dubbio, guastando l'immagine e la fiducia dei clienti verso tali compagnie e aziende.
          • xte scrive:
            Re: Oh, non dubito sia vero

            xte, ti devo dare una notizia: merli e corvi sono bipedi.Bé si, è vero, non proprio secondo Linneo ma di piedi ne han due...Sulla propaganda... Io penso sia solo la scusa attuale per aumentare la censura. Se ricordi un po' di tempo fa era la legge sul cyberbullismo, un po' prima l'equiparazione di blog e testate giornalistiche e non so quanti altri. Il filo conduttore comune è "per il bene del cittadino dobbiamo poter spiare/bloccare/monitorare con maggior potere senza intralci come l'intervento della magistratura". Il problema è che tanti non se ne rendono conto, addirittura giornalisti di un certo spessore sostengono che ci debba essere una "lotta alle notizie false".
        • bubba scrive:
          Re: Oh, non dubito sia vero
          - Scritto da: xte

          Dovresti mangiarne qualcuno, una delizia ma una
          delizia
          Ehm, ma di merli/corvi o di bipedi? Perché
          sinceramente per quanto sia un vorace carnivoro
          preferisco un'ottima bistecca, poco importa se di
          manzo generico o di black angus, purché cotta
          come si
          deve...cmq a parte il problema? dei corvi e dei mericani spioni, qui c'e' il problema che maruccia e' un peracottaro :)Ha messo in farsa la faccenda, ma ha 'dimenticato' queste cose quihttps://www.engadget.com/2017/11/20/dji-threatens-legal-action-researcher-reports-bug/e https://www.theverge.com/2017/9/6/16226698/dji-security-army-data-privacy-local-mode-bug-bounty
          • Sephiroth scrive:
            Re: Oh, non dubito sia vero
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: xte


            Dovresti mangiarne qualcuno, una delizia ma
            una

            delizia

            Ehm, ma di merli/corvi o di bipedi? Perché

            sinceramente per quanto sia un vorace carnivoro

            preferisco un'ottima bistecca, poco importa se
            di

            manzo generico o di black angus, purché cotta

            come si

            deve...
            cmq a parte il problema? dei corvi e dei mericani
            spioni, qui c'e' il problema che maruccia e' un
            peracottaro
            :)
            Ha messo in farsa la faccenda, ma ha
            'dimenticato' queste cose
            qui
            https://www.engadget.com/2017/11/20/dji-threatens-
            e
            https://www.theverge.com/2017/9/6/16226698/dji-secno, maruggia non e un peracottaro. E semplicemente un paraXXXX!
        • Sephiroth scrive:
          Re: Oh, non dubito sia vero
          - Scritto da: xte

          Dovresti mangiarne qualcuno, una delizia ma una
          delizia
          Ehm, ma di merli/corvi o di bipedi? Perché
          sinceramente per quanto sia un vorace carnivoro
          preferisco un'ottima bistecca, poco importa se di
          manzo generico o di black angus, purché cotta
          come si
          deve...Bipedi.. bipedi.
Chiudi i commenti