ZaCker, il vermicello d'inizio anno

Anno nuovo... vecchio worm. Si tratta della variante di un noto vermicello che, nella sua nuova veste, può causare non pochi danni agli utenti di Windows. Da qualche giorno si diffonde anche l'italianissimo Scherzo


Milano – Ad inaugurare la nuova annata di worm per Windows è arrivato ZaCker, una variante del recente Reezak che, secondo Symantec, si classifica come “altamente distruttivo”.

ZaCker, che Symantec chiama formalmente W32.Maldal.D@mm, può essere identificato dall?oggetto, che contiene la parola ZaCker, e da un allegato, un file “.exe” di 27 KB. Se l?attach viene aperto, il worm ha la capacità di cancellare una grande quantità di file, inclusi software antivirus, e importanti file di sistema. Contemporaneamente, il worm si diffonde in modo autonomo utilizzando ogni indirizzo contenuto nell?address book di Outlook.

Symantec raccomanda a utenti e amministratori IT di aggiornare, al rientro dalle vacanze natalizie, le proprie protezioni antivirus prima di aprire qualsiasi e-mail. Il worm, a cui la nota produttrice di antivirus ha attribuito un livello di pericolosità massimo, ha la capacità di diffondersi molto velocemente attraverso Outlook.

?Gli utenti possono impedire il diffondersi di virus estremamente pericolosi, come Maldal?, ha affermato Vincent Weafer, Senior Director del Symantec Security Response. ?Aggiornando le protezioni antivirus e adottando semplici regole per l?utilizzo sicuro dei computer, infatti, saranno in grado di limitare notevolmente l’esposizione ai worm.?

Durante il periodo delle festività un altro virus, l’italianissimo Scherzo , è riuscito a scalare le classifiche dei worm più attivi dell’ultimo periodo infettando, secondo l’osservatorio di MessageLabs, migliaia di utenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Articolo 24 della Costituzione
    Clarence invoca l'art. 21 della Costituzione (libertà di manifestazione del pensiero).Per maggiore completezza bisognerebbe anche ricordare l'art. 24: "Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi".Diritto di satira non significa poter dire tutto ed essere intoccabili. Se le persone prese di mira ritengono di essere state diffamate, è loro diritto rivolgersi alla giustizia per ottenere la tutela dei propri diritti. Sarà poi compito del giudice decidere se ci siano gli estremi della diffamazione e prendere i provvedimenti ritenuti necessari.
  • Anonimo scrive:
    lunga vita a GOOGLE
    Caro Dorelli, mi sono letto cmq l'articolo che non volevi leggessi,anzi, ti diro' di +, l'ho letto proprio perche lo volevi far cancellare, in caso contrario lo avrei semplicemenmte ignorato, poiche' non me ne potrebbe fregare - di te.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Santa inquisizione
    Quando oggi la libertà di informazione viene limitata per un buon motivo, DOMANI la libertà verrà limitata senza alcun motivo, anzi per un cattivo motivo....E' molto meglio che la libertà non venga MAI limitata neanche per un buon motivo...Mai fare delle eccezzioniCensura=Ignoranza=90%dei giornalisti (si comportano come quelli che riscuotono il pizzo... "Solo io controllo la zona!" Neanche pensassero di essere DIO, pensano forse di non sbagliare anche loro?)Dov'è l'Europa in questi casi?
  • Anonimo scrive:
    clarence non è una testata giornalistica
    I siti che fanno informazionedevono essere essere registrati cometestata giornalistica.In più devono riportare chiaramenteil nome del direttore responsabile eil numero di registrazione deltribunale onde evitare di incorrere nel REATO di stampa (elettronica)clandestina.Alcuni siti "clandestini"?www.iol.itWWW.GDMLAND.ITWWW.TISCALI.ITlA LEGGE è UGUALE PER TUTTI, NO?
  • Anonimo scrive:
    solititalia
    è la solita piccola italia che ancora ce la fa a far notizia. piccoli uomini fanno piccole cose. e vorrebbero far crederci che la legge sia con loro.è, ancora una volta, dorelli a dover ringraziare clarence...
  • Anonimo scrive:
    HTML questo sconosciuto!
    Ma l'avete vista la pagina della procura? Il w3c avrebbe qualcosa da dire...Codice HTML: Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano Articolo sottoposto in sequestro dall'Autorita' Giudiziaria
  • Anonimo scrive:
    ringrazino Dorelli
    Mi sembra che anche clarence ci guadagni un bel po'... Censura Cilena o Sovietica o Cinese? Perchè sempre Cilena?
  • Anonimo scrive:
    la verità fa male
    come da titolo...Se avesse accettato la satira come tale non avrebbe alzato questo polverone; evidentemente c'è più di una punta di verità in quello che ha scritto Clarence.
    • Anonimo scrive:
      Re: la verità fa male
      - Scritto da: Ombra
      come da titolo...
      Se avesse accettato la satira come tale non
      avrebbe alzato questo polverone;
      evidentemente c'è più di una punta di verità
      in quello che ha scritto Clarence.Mi sembra una spiegazione semplicistica. Clarence ha scritto un articolaccio, e il risentimento di Dorellik ci sta tutto, quello che non va giu' e' la denuncia e le modalita' del sequestro.
  • Anonimo scrive:
    Arriva la bomba che scoppia e rimbomba...
    Davvero non capisco la reazione del Dorelli: posso capire che termine come "tardona" o "figlio d'arte fallito" possano risultare offensivi e di cattivo gusto (ma imho rientrano perfettamente nell'ambito delle opinioni, e per questo assolutamente non censurabili!), ma caspita, non si è reso conto che tutto il resto dell'articolo è uno straordinario omaggio alla sua carriera? Brani come "arriva la bomba" sono attualmente considerati dei capolavori del lounge, così come dice l'articolo, e il Dorelli mi si incaponisce per questo? L'è roba da matt...! :-)
  • Anonimo scrive:
    Gli sta bene !!!
    Hanno rotto i maroni con la stronzata dell'infiltrato ( quello del grande fratelloper intenderci ) parla male dei portali quando il suo e' orribile.che andassero a ca##re!!!!
  • Anonimo scrive:
    Le "star" della tv....
    Ste brave personcine hanno capito piu che bene la "potenza" di internet...Ora anche Dorelli insieme alla grandissima Licia Colò, potrà erigersi a difensore della decenza pubblica, farsi intervistare da Limiti, parlare a Mollica e trasformarsi da "scomparso" dell'etere a "presente!!Che colpaccio!!!Sarebbe interessante sapere se l'agenzia di pr che segue la Colò e' la stessa di sto "babbione" di Dorelli...Che abbia creato una nuova strategia di marketing?Quello che mi schifa e' questo servilismo e questa ignoranza da parte della magistratura...Questi giudici cosi pronti a schierarsi, a fare questioni di principio e di lana caprina se il processo e' "notorio" si trasformano in ignoranti (perche "ignorano" il funzionamento di internet) elefanti (perche si "muovono" con euguale grazia) CENSORI.Dove sono tutti i grandi giornalisti e pensatori che ricordano i periodi bui del fascismo "..quando esisteva la CENSURA"?
    • Anonimo scrive:
      Re: Le

      Sarebbe interessante sapere se l'agenzia di
      pr che segue la Colò e' la stessa di sto
      "babbione" di Dorelli...Forse fanno siti e soffrono la concorrenza
      Che abbia creato una nuova strategia di
      marketing?bah....

      Quello che mi schifa e' questo servilismo e
      questa ignoranza da parte della
      magistratura...La magistratura deve rispettare le leggi che ci sono, anche se stupide e fatte da ignoranti
      Questi giudici cosi pronti a schierarsi, a
      fare questioni di principio e di lana
      caprina se il processo e' "notorio" si
      trasformano in ignoranti (perche "ignorano"
      il funzionamento di internet) elefanti
      (perche si "muovono" con euguale grazia)
      CENSORI.sono d'accordo

      Dove sono tutti i grandi giornalisti e
      pensatori che ricordano i periodi bui del
      fascismo "..quando esisteva la CENSURA"?Mio caro, c'è un noto baffone della TV che se era per Lui internet bisognava ghiuderla in nome della democrazia due anni fa. Adesso è tutto internet...forse è perchè c'ha la web agency? Forse perchè i suoi "esperti" quando vengono a visitare la Sua azienda vogliono 10 milioni solo per dirti buongiorno?Siamo In Italia!!! Se vogliamo una seria opportunità di lavoro dobbiamo andare all'esetero, oppure c'è mycorporation.comcon molta tristezza
  • Anonimo scrive:
    Io spero in FREENET
    Speriamo prenda piede il progetto FREENET così la censura se la ficcano dove dico io :))
    • Anonimo scrive:
      Re: Io spero in FREENET
      lo stai usando?ti SEI iscritto alla mailing list?hai installato il client?fai qualcosa!!!:-))comunque se vogliono segare i nodi freenet, lo fanno.- Scritto da: T1000
      Speriamo prenda piede il progetto FREENET
      così la censura se la ficcano dove dico io
      :))
    • Anonimo scrive:
      Re: Io spero in FREENET
      - Scritto da: T1000
      Speriamo prenda piede il progetto FREENET
      così la censura se la ficcano dove dico io
      :))In teoria sarebbe piu' che sufficiente la posta elettronica. Quella, per quel che ne so, e' privata, e nessuno te la puo' togliere. Se tu dimostri di avere dieci milioni di amici che leggono ben volentieri le invettive su questo o quel personaggio, nessuno a mio parere potrebbe denunciarti, perche' eserciti il tuo diritto di parola, e per di piu' in privato (non c'e' limite al numero di amici che uno puo' avere); se cio' avvenisse (la denuncia dico) allora si che la cosa assumerebbe dimensioni preoccupanti.Penso in definitiva che la Freenet non sia altro se non un alternativa all'email, non so ancora se buona o cattiva. Probabilmente ne' l'una ne' l'altra.
  • Anonimo scrive:
    però che bello il logo della procura
    me lo sono salvato... Quando voglio fare gli scherzi a qualcuno mi può sempre tornare utile.Cmq nella pagina sequestrata c'è un
  • Anonimo scrive:
    abolizione/modifica art.21 vicina
    come si tenta di attaccare lo statuto dei lavoratori (licenziamento senza giusta causa) - che tutti ricordate e avete ben presente, e presumibilmente ci si riesce, così ci si proverà e ci si riuscirà anche con le altre libertà.ormai nessuno si scalda davvero per gli attacchi contro le libertà.l'articolo di Paolo D.A. che sfidava "fingiamo almeno di indignarci..." non ha sortito alcun effetto... e questo è vergognoso.aspettate di essere denunciati di personaprima o poi accadràe non sarà timore delle patrie galere, bensì i soldini, l'unico argomento esistente oggi.
  • Anonimo scrive:
    Hanno fatto bene.
    Mi dispiace per Clarence, che amo, ma questa volta hanno oltrepassato davvero i limiti del buongusto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno fatto bene.
      non è piaciuto nemmeno a me l'articolo ... ma quello che ha fatto la legge ha a che fare con LA LEGGE e non con il buon gusto.e quindi la legge ha oltrepassato il confine della giustizia.e questo è molto più grave, secondo me.la Giustizia è qualcosa di Alto... non ha certamente a che fare con lo spettacolo, l'audience, la tua immagine pubblica di attore... ci saranno sanzioni penalinon è un bel discorsetto questoe comunque c'è la censura di mezzo insomma... tappare la bocca alla gentec'è di mezzo anche il modo (vedi articolo di PI) resta comunque il fatto che bisogna vedere cosa si intende per DIffamazione ... "parlare male di qualcuno" potrebbe essere diffamazione.ma se si tratta di un fatto obiettivo non credo si possa dire.quindi si filosofeggia.sospendo il mio giudizio- Scritto da: Paperinik
      Mi dispiace per Clarence, che amo, ma questa
      volta hanno oltrepassato davvero i limiti
      del buongusto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno fatto bene.
        - Scritto da: foTTebraccio


        resta comunque il fatto che bisogna vedere
        cosa si intende per DIffamazione ...
        "parlare male di qualcuno" potrebbe essere
        diffamazione.
        ma se si tratta di un fatto obiettivo non
        credo si possa dire...D'accordissimo. Ma a chi importa di quelllo ch fa o che non fa Dorelli? Io credo che siano affari suoi. Altro discorso e' per chi appartiene al mondo delle istituzioni, ad esempio.Comunque e' certamente perlomeno "curioso" che i webmasters di Clarence non siano stati avvisati. Non so come funzioni la procedura in questi casi, ma la logica in effetti vorrebbe che prima si intimi a chi e' denunciato di togliere la pagina.A meno che non venga ritenuto direttamente responsabile il provider che ospita il sito. Il che significa anche che l'editore deve per forza di cose essere anche il provider...
  • Anonimo scrive:
    Articolo tagliente.... Mannaia si abbatta!
    Leggendo l'articolo si nota molto forte la volonta di essere "al vetriolo" contro il D. della situazione, solo che se l'articolo avessere riportato una firma "importante" nessuno avrebbe commentato o sequestrato in quanto "opinionista noto" ora il problema è differente e va scomposto ed analizzato accuratamente.1) Perchè i titolari del sito non sono stati avvisati prima del sequestro della pagina?2) L'ISP che ospitava il server del sito come mai non ha detto nulla a Clarence di ciò che è successo? E' incredibile poi tutto questo insieme di "casualità" da entrabe le parti che alla fine portano pubblicità gratuita a tutti... (sono maligno lo ammetto)---------------------------------------Ho letto vari commenti relativi a fasciocomuniste cilenocinesi operazioni svolte da squadre di "intoccabili" guerrieri dell'anticriminalità in rete (sono solo persone che eseguono ordini superiori belli o brutti che siano) ma alla base di tutto ciò c'è comunque una sola volontà cioè quella di voler spingere tutti noi a registrare i nostri siti come testate giornalistiche pena pagine ghigliottinate con eleganza da rivoluzione francese, tutto ciò è stato maturato nel tempo, nel 1994 nei tribunali non sapevano quasi nulla sulla registrazione di "testate telematiche" ma già chiedevano copia del decreto ministriale del provider cioè ponevano il primo paletto l'isp doveva essere italiano e doveva essere tra quelli che fornivano accessi anche accessi internet e non solo spazio web su server propri perciò vincolato a aprire le porte a qualunque richiesta con immediatezza e prontezza pena sospensione o revoca delle autorizzazioni. Ora internet è cresciuto e conseguenzialmente è aumentato l'interesse politico/monetario che ruota intorno alla rete che in un periodo di crisi della carta stampata promette quindi di ridare nuova linfa ad una professione bellissima come quella del giornalista ma che per carenza di fondi stava tirando la cinghia.I ragionamento è logico se ogni sito deve avere un "Diretore Responsabile" quanti appartenenti all'albo disoccupati troverebbero lavoro? TANTI!!!Non sarebbe l'ora sanare una situazione in modo diverso? 1° possibilità - Tutti coloro che sono Titolari di un sito con dominio segistrato da almeno 2 anni vengono di diritto iscritti all'albo dei giornalisti in una sezione speciale in quanto di fatto editori di se stessi.2° possibilità - Abrogazione dell'albo con conseguente liberalizzazione (non anarchia) della professione che verrebbe considerata tale solo se realmente svolta con continuità VERA! E non solo perchè si ha un "tesserino" si gode di immunità vitalizia.Tanto alla resa dei conti le responsabilità penali sono sempre personali perciò nulla sfuggirebbe al controllo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Articolo tagliente.... Mannaia si abbatta!
      - Scritto da: Un Cittadino di serie Z
      ... il problema è
      differente e va scomposto ed analizzato
      accuratamente...Interessante il tuo punto di vista, sono curioso di vederne gli sviluppi, io purtroppo non ho tempo...Ciao
  • Anonimo scrive:
    e che aveva scritto ?
    incredibile http://www.google.com/search?q=cache:SAsMkBixdGk:www.clarence.com/contents/cultura-spettacolo/cinema/trash/dorelli/+clarence++dorelli&hl=it(da mettere tutto su una riga)
  • Anonimo scrive:
    Ma quale censura?
    A me mi pare di aver capito che Dorellik abbia semplicemente ritenuto l'articolo (a torto o a ragione, non so) lesivo e offensivo per la sua immagine professionale. Mi pare che qui la censura c'entri come il cavolo a merenda.La censura e' altro. La censura e' quando si a qualcuno che vorrebbe dire cose importanti per la liberta' e la democrazia gli viene impedito di farlo, ad esempio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale censura?
      non hai capito nulla !parli di cose che non sai qui si tratta di diritto di critica!la rete ( come minimo ) è antifascista !!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quale censura?
        Giusto!..libera... antifascista ed anticomunistaimpediamo ai mostri del passato di tornare.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quale censura?
          - Scritto da: Lancetti
          Giusto!
          ..libera... antifascista ed anticomunista

          impediamo ai mostri del passato di tornare.A sentire questi discorsi c'e' piuttosto da avere paura dei mostri del presente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quale censura?
          - Scritto da: Lancetti
          Giusto!
          ..libera... antifascista ed anticomunista

          impediamo ai mostri del passato di tornare.Perche' metterci sempre la politica di mezzo?IMHO, internet e' internet punto e basta /MODE ironic onuna rete fatta di milioni di pc collegati assieme, che costituiscono un enorme enciclopedia a cui posso attingere le piu' svariate informazioni/MODE ironic offNello specifico di dorelli, evidentemente si e' sentito offeso dall'articolo, e ha giustamente querelato chi lo ha scritto, che c'e' di strano? un privato cittadino, anche se uomo di spettacolo, ha querelato una societa' Ora se clarence abbia ragione o torto, nin zo' fatto sta' che i giudici debbono per forza di cosa applicare le leggi, ergo, se clarence vincera' la causa, fara' a suoa volta causa a dorellik per risarcimento dannida una cazzata, avete tirato in ballo un bordello che meta' basta
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quale censura?
        - Scritto da: nav
        non hai capito nulla !
        parli di cose che non sai

        qui si tratta di diritto di critica!
        la rete ( come minimo ) è antifascista !!Beh, si, hai ragione..Infatti, nei regni della democrazia come Cina e Cuba, Internet è a disposizione di tutti i cittadini...MA VATTINN!!!!






        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quale censura?
          - Scritto da: decoder68
          Beh, si, hai ragione..
          Infatti, nei regni della democrazia come
          Cina e Cuba, Internet è a disposizione di
          tutti i cittadini...
          MA VATTINN!!!!No comment














      • Anonimo scrive:
        Re: Piano con i paroloni...
        Qui non si tratta di libertà né di censura: domani mattina uscite di casa e vi accorgete che in tutte le stazioni dell'autobus hanno appeso dei volantini, anche firmati, dove si dice che voi siete seduttori di tardone, che vostro figlio (o padre, o fratello) è un fallito e che il volantino è una espressione di libera satira. Che cosa fate? Siete compiaciuti di un simile "esercizio di libertà"? Alla libertà di chi è fatto oggetto di simili offese nessuno ci pensa? Vi piacerebbe vivere in un mondo così? Mettiamo i piedi per terra, ragazzi! Oppure sputare in faccia alla gente non è più un atto di maleducazione?
        • Anonimo scrive:
          Re: Piano con i paroloni...

          Qui non si tratta di libertà né di censura:
          domani mattina uscite di casa e vi accorgete
          che in tutte le stazioni dell'autobus hanno
          appeso dei volantini, anche firmati, dove si
          dice che voi siete seduttori di tardone,che
          vostro figlio (o padre, o fratello) è un
          fallito e che il volantino è una espressione
          di libera satira.forse non hai le idee chiare nessun utente di PI seduce tardone (spero) mentre dorelli si, l'esempio che fai non ha ne capo ne coda Che cosa fate?Se e' vero me ne sto zitto ma se fossi un fallito e volessi pubblicita' per un mio spettacolo scadente andrei dall'avvocato... Siete
          compiaciuti di un simile "esercizio di
          libertà"?certo non ho paura del passato, sono una persona a modo... IO! Alla libertà di chi è fatto
          oggetto di simili offese nessuno ci pensa?te lo ripeto! chi e' causa del suo mal pianga se stesso!!
          Vi piacerebbe vivere in un mondo così?siamo al delirio...
          Mettiamo i piedi per terra, ragazzi! Oppure
          sputare in faccia alla gente non è più un
          atto di maleducazione?se c'e' chi piscia contro vento noi saremo li per fotografarlo e internet sara' la nostra arma, anche contro stupidi bigotti e perbenisti con qualche scheletro nell'armadio...
        • Anonimo scrive:
          Re: Piano con i paroloni...
          Era proprio questo quello che intendevo dire. Il tuo mi sembra un discorso piuttosto sensato.- Scritto da: KaluzaKlein
          Qui non si tratta di libertà né di censura:
          domani mattina uscite di casa e vi accorgete
          che in tutte le stazioni dell'autobus hanno
          appeso dei volantini, anche firmati, dove si
          dice che voi siete seduttori di tardone, che
          vostro figlio (o padre, o fratello) è un
          fallito e che il volantino è una espressione
          di libera satira. Che cosa fate? Siete
          compiaciuti di un simile "esercizio di
          libertà"? Alla libertà di chi è fatto
          oggetto di simili offese nessuno ci pensa?
          Vi piacerebbe vivere in un mondo così?
          Mettiamo i piedi per terra, ragazzi! Oppure
          sputare in faccia alla gente non è più un
          atto di maleducazione?
        • Anonimo scrive:
          Re: Piano con i paroloni...
          - Scritto da: KaluzaKlein
          Qui non si tratta di libertà né di censura:
          domani mattina uscite di casa e vi accorgete
          che in tutte le stazioni dell'autobus hanno
          appeso dei volantini, anche firmati, dove si
          dice che voi siete seduttori di tardone, che
          vostro figlio (o padre, o fratello) è un
          fallito e che il volantino è una espressione
          di libera satira. Che cosa fate? Siete
          compiaciuti di un simile "esercizio di
          libertà"? Io non sono un personaggio pubblico. Immagino che Dorelli abbia fatto anche un bel po' di soldi. Non puoi avere fama e soldi senza sopportare un po' di satira.Comunque non mi preoccuperebbe piu` di tanto trovare simili volantini alle fermate degli autobus:1. se non e` vero non cambieranno l'opinione di chi mi e` vicino.2. se e` vero il problema c'era gia` prima (non viviamo in un mondo di sordomuti). Probabilmente la situazione potrebbe migliorare, dopo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quale censura?
        - Scritto da: nav
        non hai capito nulla !
        parli di cose che non sai

        qui si tratta di diritto di critica!
        la rete ( come minimo ) è antifascista !!Il diritto di critica non comporta necessariamente l'utilizzo di termini che possono essere ritenuti offensivi da chi viene criticato. Un conto e' criticare civilmente, e un conto e' denigrare. Proprio come stai facendo tu ora, dicendomi che non capisco nulla. Chi ti da' il diritto di rivolgerti a me in malo modo? Cosa ne sai tu delle cose che io so o che non so?Il mio, in sostanza, era un giudizio obiettivo. Il tuo e' invece un giudizio di parte. E, dulcis in fundus, non sai nemmeno di cosa parli: mi dici cosa kazzo c'entra l'essere o non l'essere antifascisti? Te lo dico io cosa c'entra: c'entra come il cavolo a merenda...






    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale censura?
      la censura è che ti viene tolta la libertà di parola.non "parlare della libertà"libertà di parola è = "dire", non "parlare della libertà".libertà di parola è quello che stiamo facendo io e te, quello che sta scrivendo P.I., donna moderna, taglio e cucito per tutti, il mio sito, il tuo sito, quello di Alessandro Bradafaglio, quello di mio cuginolibertà di espressione, di parola.espressione di Clarence è la satira.non è piaciuta neanche a me, è cattiva, è stizzosa.però non leggo Clarence e ho fatto la MIA propria censura.Quando i miei bulbi oculari si lamenteranno perché ho operato questa censura, rivedrò la democrazia delle mie cellule.per il resto, tutto ciò che può essere espresso e per colpa dell'autorità di un altro non viene espresso, viene ELIMINATO e magari chi si è espresso viene punito dalla legge ... ecco - questa è censurasecondo me
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quale censura?

        ...per il resto, tutto ciò che può essere
        espresso e per colpa dell'autorità di un
        altro non viene espresso, viene ELIMINATO e
        magari chi si è espresso viene punito dalla
        legge ... ecco - questa è censura...Si', a patto che tale espressione non leda in qualche modo la sensibilita' di chi ne e' oggetto.Il tuo parere comunque introduce, secondo me, in effetti, quello che dovrebbe essere il vero oggetto del contendere. Ovvero: da quante persone e' stata vista quella pagina, PRIMA che venisse fuori la denuncia, il sequestro e di conseguenza la pubblicazione della notizia? In altre parole, qual'era la tiratura delle copie, per usare un termine cosidetto tradizionale?E, successivamente, da quante persone e' stata poi letta?Inoltre, quante di queste persone danno peso a quello che la pagina incriminata contiene?Certamente sono d'accordo con chi afferma che forse la vittima (in questo caso Dorelli, am poteva essere chiunque altro) avrebbe forse fatto meglio a fare buon viso a cattivo gioco, come si suol dire, essere superiore insomma a queste cose. Ma questa e' una cosa che solo lui poteva giudicare, e di conseguenza con gli strumenti che la legge gli consente.Penso, in definitiva, che nonostante l'accaduto, chi apprezzava ieri Dorelli continui ad apprezzarlo oggi, chi non lo sopporta continui a non sopportarlo, e chi se ne frega continui altamente a fregarsene. Non e' cambiato nulla, se non il fatto che sia stata occupata inutilmente della banda internet per quello che, probabilmente a ragione, da molti viene ritenuto lo sport nazionale di questo paese: la ciana. :-)))Ciao a tutti- Scritto da: iolapensocosì

        la censura è che ti viene tolta la libertà
        di parola.

        non "parlare della libertà"

        libertà di parola è = "dire", non "parlare
        della libertà".

        libertà di parola è quello che stiamo
        facendo io e te, quello che sta scrivendo
        P.I., donna moderna, taglio e cucito per
        tutti, il mio sito, il tuo sito, quello di
        Alessandro Bradafaglio, quello di mio cugino

        libertà di espressione, di parola.
        espressione di Clarence è la satira.
        non è piaciuta neanche a me, è cattiva, è
        stizzosa.
        però non leggo Clarence e ho fatto la MIA
        propria censura.
        Quando i miei bulbi oculari si lamenteranno
        perché ho operato questa censura, rivedrò la
        democrazia delle mie cellule.


        secondo me
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quale censura?

          Si', a patto che tale espressione non leda
          in qualche modo la sensibilita' di chi ne e'
          oggetto.Non necessariamente!!!!!Se io mi diverto ( anche solo in privato ) a fare tuffi in una piscina piena di merda e qualcuno, in qualche modo, lo scopre e magari lo documenta pure e poi scrive un articolo con un titolo a due colonne : " ALIEN SGUAZZA NELLA MERDA "Io NON POSSO pretendere che quello che è stato pubblicato venga censurato!!!!!!! Neanche se questo lede la mia sensibilità ( avevo a pensarci prima di fare tuffi nella famosa piscina ).Quindi il caro Dorelli ( che prima di leggere questo articolo avevo sempre apprezzato ) se non voleva essere definito seduttore di babbione ( o come è stato definito ) forse avrebbe dovuto scegliere meglio le persone che frequentava......d'altra parte lui è un personaggio pubblico e se vuole che un'immagine di un certo tipo, sarà affar suo agire in modo da dare quel tipo di immagine; se non ci riesce, peggio per lui e che almeno abbia le palle di affrontare le critiche ( più o meno di classe ) che gli vengono mosse.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale censura?
      Clarence è diventato la parodia di se stesso.Era nato come portale di satira, cultura e costume ed è diventato solo un groviglio di ciocie e fenomeni da baraccone.Parlano di censura...qui c'è solo un libero cittadino che si è sentito offeso dalla forma in cui loro hanno interpretato la sua biografia.Dorelli è un mio beniamino.Lo ha fatto per farsi pubblicità per i suoi prossimi impegni teatrali e a quelli di clarence sta bene...sono solo una manica di ipocriti che agitano l'impegno sociale solo quando fa comodo a loro.- Scritto da: Gloria Pilota
      A me mi pare di aver capito che Dorellik
      abbia semplicemente ritenuto l'articolo (a
      torto o a ragione, non so) lesivo e
      offensivo per la sua immagine professionale.
      Mi pare che qui la censura c'entri come il
      cavolo a merenda.

      La censura e' altro. La censura e' quando si
      a qualcuno che vorrebbe dire cose importanti
      per la liberta' e la democrazia gli viene
      impedito di farlo, ad esempio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quale censura?
        Censura c'è stata ma vorrei fare riflettere ognuno di voi che per quanto la rete debba restare libera non vedo perchè io non possa intervenire per limitare i danni di immagine provocati da un sito in cui vengo diffamato o deriso.Non è certo questo il caso dal momento che ci troviamo di fronte a un groviglio di opportunistici interessi personali da dorelli che si doveva fare pubblicita a clarence che si autoincensa ogni volta che qualcuno gli abbassa la soglia di densita di stronzonotizie.Lo sdegno conserviamocelo per casi di censura piu seri...e non per queste squaccherate che sono segnali si...ma di surrealismo..come i bambini che vengono multati all'uscita del bar perche non hanno con se lo scontrino del mottarello.
  • Anonimo scrive:
    pubblicitàààààà spalanca le tue braccia.....
    Ma chi ci crede!!1- Dorellik era mummificata da tempo..ed ora ..et voilà rieccolo nel momento poco antecedente ad una nuova comparsata teatrale2- Mi è sempre stato simpatico per cui non godo al suo sfacelo (eventuale)3- Clarence????....sbaglio o sempre di pubblicità trattasi.....4- Fossero questi i problemi...vengano mille censure del genere..se solo ci scampassero dal molto peggio di ciò!
  • Anonimo scrive:
    che venga messo un limite alla durata ma che ???

    che venga posto un limite di durata ai pezzi
    satirici disponibili in retesperso stia facendo della satira...
    • Anonimo scrive:
      Re: che venga messo un limite alla durata ma che ?
      - Scritto da: blah

      che venga posto un limite di durata ai
      pezzi

      satirici disponibili in rete
      spero stia facendo della satira...
      Si si voleva dire che il pezzo in questione era troppo breve e invitava clarence a farne uno piu' lungo!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: che venga messo un limite alla durata ma che ?



        che venga posto un limite di durata ai

        pezzi


        satirici disponibili in rete

        spero stia facendo della satira...




        Si si voleva dire che il pezzo in questione
        era troppo breve e invitava clarence a farne
        uno piu' lungo!!!!!no io penso che voleva dire fatte la satira e pubblicatela pure, ma 5 minuti dopodovete toglierala...e stata la fuori troppo a lungo;-0)ma perche la gente non ha il senso dell'umorismo ???
        • Anonimo scrive:
          Re: che venga messo un limite alla durata ma che ?
          - Scritto da: blah




          che venga posto un limite di durata
          ai


          pezzi



          satirici disponibili in rete


          spero stia facendo della satira...








          Si si voleva dire che il pezzo in
          questione

          era troppo breve e invitava clarence a
          farne

          uno piu' lungo!!!!!
          no io penso che voleva dire fatte la satira
          e pubblicatela pure, ma 5 minuti dopodovete
          toglierala...e stata la fuori troppo a lungo
          ;-0)Si... solo cercavo di fare della satira....
          ma perche la gente non ha il senso
          dell'umorismo ???O io faccio male le battute oppure tu non le capisci...... x il sicuro adesso ti vado a querelare cosi' mi prendo tutta la ragione:PPPPPPPPPP
          • Anonimo scrive:
            Re: he venga messo un limite alla durata ma che ?


            ma perche la gente non ha il senso

            dell'umorismo ???

            O io faccio male le battute oppure tu non le
            capisci...... x il sicuro adesso ti vado a
            querelare cosi' mi prendo tutta la ragione
            :PPPPPPPPPPnon parlavo di te;-0)hhihihhe avevo capito...vado a dormire ciao...
        • Anonimo scrive:
          Re: che venga messo un limite alla durata ma che ?
          Scusate, ma chi è Dorelli e la Masiero??Ah, forse il primo è quello che voleva imitare (malissimo) Frank Sinatra. Ma l'altra proprio non so chi sia! Cmq entrambi saranno alla disperata ricerca di pubblicità...
          • Anonimo scrive:
            Re: che venga messo un limite alla durata ma che ?
            OK, allora tu sei un seduttore di tardone e tuo padre è un fallito. Ha ha ha ha ha che bella satira. E dimmi grazie, ché ti ho fatto pubblicità.
  • Anonimo scrive:
    dorelli
    a parte che non vedo cosa ci sia di querelabile in quella pagina, mi chiedo se il signor dorelli e' mai andato da una parrucchiera e se ha mai preso in mano una rivista di gossip. C'e' scritto ben di peggio.signor dorelli, se non vuole che la gente parli di lei, doveva fare un altro mestiere.
    • Anonimo scrive:
      Re: dorelli
      - Scritto da: munehiro
      signor dorelli, se non vuole che la gente
      parli di lei, doveva fare un altro mestiere.probabilmente ha querelato clarence proprio perche' vuole che si parli di lui, in fondo ha ottenuto quello che probabilmente voleva.
      • Anonimo scrive:
        Re: dorelli
        - Scritto da: z2
        - Scritto da: munehiro

        signor dorelli, se non vuole che la gente

        parli di lei, doveva fare un altro
        mestiere.
        probabilmente ha querelato clarence proprio
        perche' vuole che si parli di lui, in fondo
        ha ottenuto quello che probabilmente voleva.Cioe' se la e' presa con gli unici che si ricordavano di lui.... che buffone!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: dorelli
      1) evidentemente VOLEVA che si parlasse2) io lo trovo satirico, l'articolo, ma i familiari "figlio d'arte fallito", "playboy" ... ... non credo abbiano gradito ... critica, satira... certo i critici di professione sanno stroncare in maniera più moderata (con parole non querelabili) ...
    • Anonimo scrive:
      Re: dorelli
      E infatti è quello che viene da chiedersi, ma questi dove vivono?Mah...evidentemente vanno da parrucchieri dove si legge solo "L'Espresso"... ;)Laura
Chiudi i commenti