Aaron's Law, l'hacking è cambiato

I politici nordamericani di buona volontà provano ancora una volta a riformare la stantia legge contro i crimini informatici sulla base della quale era stato accusato Aaron Swartz. La speranza è che la nuova proposta non faccia la fine della precedente, affossata dalla politica

Roma – Uno sparuto gruppo di Congressman capitanati dal senatore democratico Ron Wyden propone la cosiddetta Aaron’s Law, una riforma pensata per modificare in maniera radicale il Computer Fraud and Abuse Act ( CFAA ) e rimettere la legge anti-hacking americana al passo coi tempi dopo più di 30 anni di norme anacronistiche.

La proposta di riforma del CFAA si ispira in maniera palese alla storia tragica di Aaron Swartz , programmatore e attivista che nel 2013 ha preferito suicidarsi piuttosto che rischiare di finire in galera per decenni a causa dell’applicazione senza se e senza ma delle misure punitive previste dalla legge.

La Aaron’s Law riforma il CFAA definendo più chiaramente come va inteso l'”accesso non autorizzato” ai sistemi informatici, delineando la differenza tra la violazione dei termini di servizio (il “crimine” commesso dal succitato Swartz) e l’azione di hacking/cracking vera e propria.

Il CFAA è stato fin qui utilizzato per deliberare su questioni sempre meno pertinenti all’hacking che la legge dovrebbe sovrintendere, e la Aaron’s Law rappresenta il nuovo tentativo per ripristinare l’impostazione originaria tenendo in debita considerazione il fatto che, diversamente da 30 anni fa, oggi esistono Internet e il codice malevolo, e che la pratica dell'”hacking” non è più classificabile come una semplice azione illegale contro servizi e sistemi interconnessi.

Altra questione importante che la Aaron’s Law si incarica di trattare è quella della proporzionalità delle pene, che è appunto la causa principale del suicidio dell’attivista a cui la proposta di riforma del CFAA si ispira.

Il tentativo di Wyden e colleghi dovrà ora fare i conti con il Congresso americano, che ha già affossato la precedente proposta di riforma risalente al 2013.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • emilie77 scrive:
    Diverrà illegale
    Prima o poi diverrà illegale usare un sistema crittografico non bacato,vogliono arrivare li! E spero che il mondo li mandi a fan ulo...E' come impedire alle forze dell'ordine di entrare in casa, guardare nel tuo conto bancario, nella tua posta ecc... nella loro visione non deve essere possibile.
    • ... scrive:
      Re: Diverrà illegale
      - Scritto da: emilie77
      Prima o poi diverrà illegale usare un sistema
      crittografico non
      bacato,
      vogliono arrivare li! Esatto.E il bello è che sanno benissimo che i terroristi se ne fregheranno di questo eventuale divieto.Il che dimostra, ancora una volta, che è la persona comune che vogliono controllare.
      • emilie77 scrive:
        Re: Diverrà illegale
        Purtroppo ancora a troppe poche persone questo ragionamento pare evidente!
        • ... scrive:
          Re: Diverrà illegale
          - Scritto da: emilie77
          Purtroppo ancora a troppe poche persone questo
          ragionamento pare
          evidente!e se glielo spieghi ti guardano come se fossi un alieno...
  • xx tt scrive:
    la vera domanda
    La vera domanda è: "come contano di far usare questa tecnologia bacata by design agli utonti?"Non staranno mica pensando di imporla per legge su windows/mac, con utilizzo pressoché obbligatorio?
  • spossato scrive:
    plain text e basta
    "Riguardo le idee messe recentemente in circolazione dalle autorità, poi, a Daniel è stato chiesto se conoscesse almeno un esperto di tecnologia di fama riconosciuta che supportasse l'idea di un sistema crittografico che può, anzi deve essere accessibile (e quindi compromesso) a comando da un singolo soggetto come il governo vorrebbe fare: Daniel non ne conosce nessuno."complimentoni. un sistema crittografico dotato di master key o acXXXXX privilegiato NON E' un sistema crittografico.comunque tranquilli, io passo al plain text over telnet cosi' potete sniffare quello che volete, la smettete di rompere i c0gl10n1 e vi dedicate a qualcosa di piu' produttivo.ah gia', dimenticavo.... in US se non c'e' guerra o terrorismo l'economia tracolla.la mayflower avrebbe dovuto affondare prima di raggiungere le americhe...
    • Funz scrive:
      Re: plain text e basta
      - Scritto da: spossato
      la mayflower avrebbe dovuto affondare prima di
      raggiungere le
      americhe...ci sarebbero arrivati i francesi la settimana dopo... sarebbe stato meglio? :p
      • spossato scrive:
        Re: plain text e basta


        ci sarebbero arrivati i francesi la settimana
        dopo... sarebbe stato meglio?
        :pazz.. a questo non avevo pensato :)
  • Gli USA scrive:
    Voglio la backdoor
    Voglio la backdoor! VOGLIO LA BACKDOOOORRR!!! [img]http://www.inthemomlight.com/wp-content/uploads/2012/08/cry-baby.jpg[/img]
  • Winaro scrive:
    Ma... le chiavi
    le chiavi di QUALE sistema crittografico? Possibile che questi qua siano dementi? Credono di saperli fare solo negli USA i sistemi crittografici?Ma che usino altri metodi di intelligence oltre che a perdere tempo a spiare nei PC e ad ammazzare neri per strada!Parola di Winaro! ;)PS: ottima la marchetta finale.
    • ... scrive:
      Re: Ma... le chiavi
      - Scritto da: Winaro
      le chiavi di QUALE sistema crittografico? di quelli usati inconsapevolmente dalla popolazione ingenua, ovvero dalla massa pilotabile.Terroristi, hacker e tutti gli altri ovviamente non saranno toccabili e nemmeno sono i bersagli di questa campagna, per inciso.
  • prova123 scrive:
    funzionalità "Lockbox"
    Allora siamo apposto!! :D
Chiudi i commenti