Adblocker, Google e Apple su fronti opposti

Google perde miliardi di dollari a causa degli adblocker e ne finanzia pure lo sviluppo, mentre Apple lavora a una propria soluzione con iOS9

Roma – Il nuovo dibattito sull’advertising online e i cosiddetti adblocker si è acceso di nuovo fuoco a causa di PageFair, società specializzata nella realizzazione di tecnologie “anti-adblocker” che dice di aver fatto i conti in tasca a Google . E di aver scoperto che Mountain View ci perde miliardi, con gli adblocker, e nonostante questo ne finanzia lautamente lo sviluppo futuro.

Google paga uno strumento anti-pubblicitario molto popolare come AdBlock Plus per far parte della whitelist del tool, come è noto , sborsando una cifra ignota ma che per PageFair ammonta a 25 milioni di dollari: grazie a questa somma, gli sviluppatori di AdBlock Plus possono continuare a investire nel software promuovendo la stessa “filosofia” del blocco dell’advertising.

Una filosofia che a Google costa, sempre secondo PageFair, 6,6 miliardi di dollari di perdite. La società non è particolarmente felice dell’esistenza degli adblocker, come le policy dello store Play dimostrano , e ancor meno lo sarà se Adblock Plus continuerà sulla strada dell’ annunciato browser “anti-pubblicitario” per Android.

I pubblicitari hanno provato a fermare Adblock Plus per vie legali fallendo su tutta la linea , mentre le cose potrebbero farsi complicate sul fronte mobile con l’arrivo della versione 9 di iOS: la prossima release dell’OS mobile di Cupertino include la <a href="https://developer.apple.com/library/prerelease/ios/releasenotes/General/WhatsNewInSafari/Articles/Safari_9.html#//apple_ref/doc/uid/TP40014305-CH9-SW9
” target=”_blank”>funzionalità Content Blocking Safari Extensions , che secondo Apple permetterà di realizzare estensioni per Safari in grado di bloccare il caricamento di cookie, immagini e altre risorse Web.

Con la nuova API la versione iOS Safari cambierà in maniera radicale il modo di funzionare degli adblocker, avverte Adblock Plus , e la cosa potrebbe portare alternativamente al miglioramento drastico del funzionamento del tool o alla sua effettiva estinzione. Chi invece la vede completamente nera è l’industria dell’editoria e dell’advertising, che denuncia la mossa di Apple – che diversamente da Google non fa i soldi con la pubblicità e se ne vanta come una pietra tombale sugli sforzi di monetizzazione delle aziende di settore nel già difficilissimo panorama mobile.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti