Alexa, ecco abilitati gli acquisti in-skill

Amazon abilita da oggi in Italia gli acquisti in-skill: una grande opportunità per gli sviluppatori su una piattaforma in continua crescita.
Amazon abilita da oggi in Italia gli acquisti in-skill: una grande opportunità per gli sviluppatori su una piattaforma in continua crescita.

Parte anche in Italia il programma di “acquisti in-skill” per chi sviluppa soluzioni per la piattaforma Alexa. Gli acquisti in-skill sono il corrispettivo degli acquisti in-app, ma in questo caso basati sulle skill che gli sviluppatori producono per l’interazione con Alexa.

Si tratta di un passo avanti per la piattaforma poiché agli sviluppatori viene offerta una opportunità in più: non solo esserci, non solo costruire una community, non solo creare coinvolgimento attorno a un brand, ma anche offrire veri e propri servizi o prodotti a pagamento con cui monetizzare la propria attività. Monetizzazione significa opportunità, quindi investimento: per il mondo Alexa è insomma questo il momento esatto in cui si cercano la maturazione e l’affermazione definitiva non solo come assistente vocale, ma come vera e propria piattaforma a tutto tondo.

Alexa, ecco gli acquisti in-app

Tre le opportunità messe a disposizione degli sviluppatori:

  • Acquisti singoli: “sbloccano l’accesso a funzionalità o contenuti all’interno di una Skill. Gli acquisti singoli non hanno una data di scadenza. Tra le Skill che offrono questa opzione c’è Mentalshock, pubblicata dallo studio italiano Monade, una storia interattiva a capitoli in cui i giocatori devono esplorare un mondo futuristico pieno di pericoli e intrighi“;
  • Consumabili: “contenuti o funzionalità che possono essere acquistati, esauriti e acquistati nuovamente, come ad esempio suggerimenti e valuta di gioco o vite extra. Quiz Treccani, ad esempio, è un originale quiz sulla grammatica e l’etimologia italiane, che permette gratuitamente di giocare tre partite al giorno. I clienti possono acquistare altre cinque partite per prolungare il divertimento“;
  • Abbonamenti: “offrono l’accesso a contenuti o funzionalità premium per un periodo di tempo definito. Il costo viene addebitato agli utenti su base ricorrente fino a quando l’abbonamento non viene annullato. Ad esempio, Trova Telefono è una pratica Skill che chiama il proprio telefono quando non si riesce a trovarlo in casa e offre un utilizzo illimitato a fronte di un costo annuale“.

Al termine della Black Friday Week (nel quale la famiglia Amazon Echo sarà protagonista assoluta) il numero di assistenti basati su Alexa sarà in forte aumento: la base crescente di utenti, assieme all’aumento delle opportunità di monetizzazione, rappresentano un mix virtuoso che può dare linfa ulteriore ad un progetto che si sta dimostrando sempre più leader del mercato di riferimento. La fine di quest’anno potrà dire molto in proposito.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 11 2019
Link copiato negli appunti