Amazon: di Kindle ne basta uno

Ma quale nuova versione?

Roma – Amazon è stata chiara: dinanzi ai rumors ha deciso di prendere posizione e annunciare in modo formale che di Kindle, per ora, ce n’è uno e non ci sono nuove versioni in arrivo.

Si tratta di un’affermazione rilevante non solo per l’importanza che il dispositivo per gli ebook riveste per il core business del più celebre negozio online ma anche perché sembra voler spingere gli utenti a non attendere, e acquistare subito il dispositivo presentato ormai quasi un anno fa.

Molte voci davano per sicura una nuova versione del dispositivo, più economica e priva di alcune funzionalità, indirizzata in modo particolare al mercato studentesco.

In una intervista Craig Berman di Amazon ha dichiarato che se vi sarà una nuova versione questa non emergerà prima del 2009. “Non credete a tutto quello che leggete – ha avvertito il dirigente dell’azienda – ci sono molti rumor e speculazioni su Kindle. Una cosa che posso dire di certo è che non vi sarà una nuova versione di Kindle quest’anno. Una nuova versione emergerà al più presto nel corso dell’anno prossimo”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CurloCurti scrive:
    Google è uguale
    Cerca indirizzi inesistenti da anni e non linkati da nessuno e non rispetta il robot.txt. Non inserisce nel suo db le pagine escluse da robot.txt, ma le visita lo stesso, il che è contro la filosofia di robot.txt che serve ad impedire l'accesso a pagine che potrebbero avere comportamenti scorretti se aperte con richieste automatiche invece che da una navigazione lineare di un essere umano.Ma ovviamente google se ne frega.
    • Sparabolle scrive:
      Re: Google è uguale
      - Scritto da: CurloCurti
      Cerca indirizzi inesistenti da anni e non linkati
      da nessuno e non rispetta il robot.txt. Non
      inserisce nel suo db le pagine escluse da
      robot.txt, ma le visita lo stesso, il che è
      contro la filosofia di robot.txt che serve ad
      impedire l'accesso a pagine che potrebbero avere
      comportamenti scorretti se aperte con richieste
      automatiche invece che da una navigazione lineare
      di un essere
      umano.
      Ma ovviamente google se ne frega.chiacchiere tante, fatti zero.
    • Loax scrive:
      Re: Google è uguale
      - Scritto da: CurloCurti
      Cerca indirizzi inesistenti da anni e non linkati
      da nessuno e non rispetta il robot.txt. Non
      inserisce nel suo db le pagine escluse da
      robot.txt, ma le visita lo stesso, il che è
      contro la filosofia di robot.txt che serve ad
      impedire l'accesso a pagine che potrebbero avere
      comportamenti scorretti se aperte con richieste
      automatiche invece che da una navigazione lineare
      di un essere
      umano.
      Ma ovviamente google se ne frega.Perchè devi dire minchiate?
  • mirkojax scrive:
    per ora insomma...
    E' bello... ma vengono dei risultati del cavolo a volte.Ma poi... il nome.. si pronuncia cool ma si scrive cuil, poco intuitivo per gli americani che sono gia' negati negli spelling delle parole.Vabbe, Fara' la fortuna cool.com
  • spectator scrive:
    e ora ve la prendete nel cuil!
    Eccoli qua piccoli scocciatori crescono, non bastava il manbassa delle nostre informazioni su google, ma ci mancava pure il robot della cuil.C'e' poco da fare i piccoli utenti di siti sono carne da macello per queste societa'se ne fregano di blocchi ip, restrizioni, per i soldi questo ed altro.Mamma mia rimpiango l'informatica di venti anni fa!
    • Prima di pubblicare rutta scrive:
      Re: e ora ve la prendete nel cuil!
      Magari lo ha fatto anche google tanti anni fa. Lo dico perchè questa storia mi ricorda qualcosa di simile proprio nel periodo in cui è esordito google. Bisognerebbe fare una ricerca nei newsgroup per averne conferma.
      • 0verture scrive:
        Re: e ora ve la prendete nel cuil!
        Beh di certo, non è che il motore di ricerca usa una qualche formula magica per trovare le informazioni che gli richiediamo. Le possiede già memorizzate da qualche parte e quindi in un qualche tempo deve essersele procurate.Dal momento poi che la battaglia tra i vari motori consiste anche nel chi offre il maggior numero di informazioni (possibilmente dettagliate) è ovvio che i giri su uno stesso sito sono necessari.
      • pabloski scrive:
        Re: e ora ve la prendete nel cuil!
        - Scritto da: Prima di pubblicare rutta
        Magari lo ha fatto anche google tanti anni fa. Lo
        dico perchè questa storia mi ricorda qualcosa di
        simile proprio nel periodo in cui è esordito
        google. Bisognerebbe fare una ricerca nei
        newsgroup per averne
        conferma.io c'ero all'epoca e ti garantisco che Google ha sempre implementato ottime politiche per la gestione degli spider
    • omissis scrive:
      Re: e ora ve la prendete nel cuil!
      bhaahahaha scusa ma mi ha fatto morire il titolo del tuo post x°D
Chiudi i commenti