Amazon fa pulizia di recensioni

Prosegue la battaglia di Amazon contro le recensioni "incentivate". Se non rispetteranno le linee guida saranno spazzate via

Roma – Non sono solo le false recensioni a mettere a repentaglio la credibilità di siti che fanno dei sistemi di reputazione la loro linfa vitale (Tripadvisor è l’esempio per eccellenza). A rovinare questo mercato vi sono anche le cosiddette recensioni incentivate : Amazon ha deciso di dare battaglia a questa pratica eliminando migliaia di contributi ritenuti viziati. Gli incentivi alla pubblicazione di recensioni positive spaziano dagli sconti all’invio gratuito di prodotti. Il gigante del commercio elettronico ha rivisto appositamente le sue linee guida introducendo l’esplicito divieto agli utenti di “creare, modificare o pubblicare contenuto in cambio di compensazioni di qualsiasi tipo (includendo prodotti gratuiti o scontati)”.

Amazon contro false recensioni

Con questa iniziativa Amazon intende preservare la neutralità dei contenuti pubblicati e mantenere una certa credibilità. Gran parte delle vendite su Amazon viene incentivata in maniera naturale proprio attraverso le recensioni di altri utenti. Eventuali forzature potrebbero tradire le aspettative dei clienti con impatti negativi sulle vendite, aumentare il rischio di resi e sfociare in commenti negativi: meglio evitare.

Chee Chew, vice presidente della customer experience di Amazon scrive sul blog dell’azienda: “Queste cosiddette recensioni incentivate sono una minima percentuale delle decine di milioni di recensioni presenti su Amazon che quando fatte attentamente possono aiutare i clienti ad orientarsi con i nuovi prodotti o quelli meno conosciuti”. È lo stesso programma Amazon Vine ad incentivare la composizione di recensioni: “Abbiamo lanciato Vine diversi anni fa per facilitare le recensioni e abbiamo raccolto feedback positivi dai clienti e dai venditori”. Il suo funzionamento è semplice: Amazon identifica e invita utenti accreditati a rilasciare recensioni ed opinioni su nuovi prodotti senza alcuno stimolo nell’attribuzione di un punteggio elevato (le famose “stelline”) e nessuna influenza sul contenuto. Il numero di recensioni su Vine mostrate per ciascun prodotto sono volutamente limitate.

È evidente che nel tempo molti venditori abbiano tentato di portare acqua al loro mulino stuzzicando i clienti e bypassando Vine. Da oggi però quei contributi non saranno più permessi. Quelli già pubblicati saranno rimossi qualora violino la policy o siano ritenuti eccessivi. Nel 2015 Amazon aveva denunciato la pratica scorretta di alcuni utenti pagati per rilasciare recensioni e ancora prima aveva ripulito il suo database da false recensioni. La credibilità dell’azienda, anche in questo, caso passa attraverso degli user generated content che sempre più meritano una scrupolosa attenzione.

Mirko Zago

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • passatore scrive:
    idee arcaiche
    Dopo decenni di evoluzione vertiginosa dell'informatica, siamo ancora alle preistoriche password.Che incongruenza!
  • danylo scrive:
    cryptophane?
    cryptophane e' fermo al 2009. Non mi sembra un sw da consigliare.
  • facebook login scrive:
    facebook login
    Thanks for sharing. I hope it will be helpful for too many people that are searching for this topic.http://facebook.loginnsignup.com/
  • DEVNull scrive:
    password
    puoi avere la password più lunga e più complessa del mondo, ma se riescono ad accedere al database dove queste password sono contenute forse il problema non sono le password ma gli strumenti con cui proteggono i dati.
    • panda rossa scrive:
      Re: password
      - Scritto da: DEVNull
      puoi avere la password più lunga e più complessa
      del mondo, ma se riescono ad accedere al database
      dove queste password sono contenute forse il
      problema non sono le password ma gli strumenti
      con cui proteggono i
      dati.Finche' le password sono conservate in chiaro (es. Sony) e' ovvio che la prima volta che ti bucano il server fanno jackpot.Le password vanno conservate criptate.
  • panda rossa scrive:
    Io uso lo stesso codice della valigia!
    Ma seriamente, c'e' davvero qualcuno che si sbatte cosi' tanto per proteggersi l'account quando il problema piu' grosso dell'utonto e' quello di ricordarsela lui la password.Usate lo stesso codice del lucchetto della valigia e la miglior protezione e' quella di sperare che non prendano di mira proprio voi.
    • Re fresh scrive:
      Re: Io uso lo stesso codice della valigia!
      A me non la si fa: io mica c'ho root:(none) io c'ho root:t00r :D E adesso vadoa cambiare admin:admin con admin:4dm1n e voi non entrerete piú!*evil grin*
    • umby scrive:
      Re: Io uso lo stesso codice della valigia!
      - Scritto da: panda rossa
      Ma seriamente, c'e' davvero qualcuno che si
      sbatte cosi' tanto per proteggersi l'account
      quando il problema piu' grosso dell'utonto e'
      quello di ricordarsela lui la
      password.tanto piú che con la verifica in 2 passaggi, chi "buca" il sito, si ciuccia anche il vostro numero telefonico...
      • Vanguld scrive:
        Re: Io uso lo stesso codice della valigia!
        - Scritto da: umby
        tanto piú che con la verifica in 2 passaggi, chi
        "buca" il sito, si ciuccia anche il vostro numero
        telefonico...Perdona la mia ignoranza...ma come fanno a ciucciare il numero di telefono?
Chiudi i commenti