Amazon Flex, consegne distribuite

Il colosso dell'e-commerce ha iniziato il reclutamento di corrieri occasionali e autonomi per consegne rapide. Una scelta per contenere i costi, in attesa dei droni

Roma – Anticipata dalle indiscrezioni , Amazon ha ora annunciato l’avvio di un programma di consegne fra pari: saranno ordinari cittadini e non corrieri specializzati a incaricarsi di recapitare a destinazione pacchi e pacchetti, in cambio di una paga oraria.

Amazon Flex

Amazon Flex è il nome del programma a cui il colosso dell’e-commerce ha appena dato il via nella città di Seattle: promette la massima autonomia ai corrieri occasionali, che possono organizzare la propria attività del giorno in turni di 2, 4 o 8 ore, o offrire la propria disponibilità per intervalli fino a 12 ore per date successive nel calendario. La paga oraria? Amazon assicura tra i 18 e i 25 dollari.
Al candidato corriere spetterà stabilire il proprio raggio d’azione, e ritirare i pacchi presso il centro di smistamento desiderato: per il momento si occuperà di recapitare i prodotti nel contesto del programma Amazon Prime Now, che prevede consegne rapide nel giro di un’ora dall’ordine e che include generi di consumo come alimentari e bevande. Forse per la necessità di operare tempestivamente, Amazon ammette solo candidati provvisti di auto e patente di guida, ma nel prossimo futuro potrebbe estendere la proposta a corrieri che operino in bicicletta o a piedi. Altro requisito, il possesso di uno smartphone Android: l’app impiegata per gestire la logistica non è evidentemente stata sviluppata per essere compatibile con altri sistemi operativi mobile.

L’iniziativa di Amazon, sottolineano gli osservatori, è mirata al contenimento dei costi delle consegne , cresciuti nel 2014 del 31 per cento, ad un ritmo maggiore del fatturato: fino ad ora l’azienda si è affidata a diversi servizi, dai servizi postali di stato ai corrieri privati, pare abbia esplorato la via delle acquisizioni strategiche e sta studiando la possibilità di automatizzare le consegne con una flotta di droni, legge permettendo .

In attesa dell’evolvere delle opportunità offerte da tecnologia e quadro normativo, mentre amplia senza sosta l’ offerta ai consumatori, Amazon proverà dunque a gestire parte del sistema di consegne coinvolgendo collaboratori autonomi e occasionali. Questo modello, a cui è stata affibbiata l’ etichetta di gig economy in contrapposizione all’ ideale di sharing economy , permette di risparmiare i costi delle garanzie offerte ai lavoratori dipendenti e di scaricare sui collaboratori i costi di gestione degli strumenti di lavoro, in cambio della flessibilità della propria attività. Anche in questo caso, come dimostrano i contenziosi in corso fra gli autisti di Uber e l’azienda, non è scontato che la legge non imponga ad Amazon un ripensamento.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mario scrive:
    Dilemma
    Imparare a destreggiarsi come gli umani nel rispetto del codice della strada? Questo è un ossimoro, o uno o l'altro
  • ... scrive:
    e per andare a puttane?
    no ragazzi, io il mio volante e la mia possibilita' di guida "umana" ce li voglio! se voglio fare solo il passeggero, prendo l'autobus.
    • bubba scrive:
      Re: e per andare a puttane?
      - Scritto da: ...
      no ragazzi, io il mio volante e la mia
      possibilita' di guida "umana" ce li voglio! se
      voglio fare solo il passeggero, prendo
      l'autobus.bel titolo. io l'avevo preso in senso letterale. Il googlebot che va a fare un "puttan-tour" come noi poveri umani.... su quello possiamo insegnargli parecchio in effetti :D
    • Funz scrive:
      Re: e per andare a puttane?
      - Scritto da: ...ma che domande sono? Google car con finestrini oscurati (o fogli di giornale old-style) e non devi nemmeno trovarti un posto per imboscarti... imposti un percorso circolare e via :p
      no ragazzi, io il mio volante e la mia
      possibilita' di guida "umana" ce li voglio! sesi, in pista. Su strada arriverà presto il giorno che i guidatori umani saranno considerati troppo pericolosi e inaffidabili.
      voglio fare solo il passeggero, prendo
      l'autobus.accomodati :p
  • Tachikoma scrive:
    Il futuro è qui
    L'ultima frase sembra tratta da un film di fantascienza, e invece è solo attualità.Che ci siamo arrivati, finalmente?
  • marcione scrive:
    domanda
    qual'e' lo scopo di un'auto senza pilota che impara e si comporta esattamente dal pilota?
  • EnricoR scrive:
    Tra un po'......
    le vedremo alzare una manina robotica dotata di uno o due ditini!
    • Dave scrive:
      Re: Tra un po'......
      - Scritto da: EnricoR
      le vedremo alzare una manina robotica dotata di
      uno o due
      ditini!Lollissimo!:-D
Chiudi i commenti