Amazon, Kindle Fire infiamma i lettori

Buone le prime impressioni: con un prezzo di 200 dollari e una killer app competere con iPad

Roma – Dagli Stati Uniti arrivano i primi commenti di utilizzo relativi a Kindle Fire e sembrano premiare la nuova scommessa di Amazon.

Jeff Bezos aveva vinto la sua sfida già con il primo Kindle, che in questi anni ha contribuito a cambiare il centenario mercato dei libri, arrivando nelle mani degli utenti come lettore di libri digitali e aprendo agli e-reader il mercato di massa: un mercato talmente rivoluzionato dal suo arrivo che anche produttori non principali come Kobo ora cercano di approfittarne offrendo un nuovo dispositivo touchscreen a 99 dollari ( con sconto per l’integrazione di advertising).

Anche con il suo nuovo device che punta al mercato dei tablet, Amazon sembra aver trovato una buona strada per attentare al predominio di Apple, almeno dal giudicare i primi commenti positivi.

Già dall’aspetto è diverso da iPad: innanzitutto, perché con uno schermo solo da 7 pollici è grande la metà e facilità così la lettura. Kindle Fire sembra in grado di far bene quello che deve fare e in maniera molto semplice, soprattutto per un dispositivo da 199 dollari.

Il sistema operativo è Android-based, ma in una versione adattata alle esigenze Amazon e senza Android Market, Gmail e Google Maps: ne risulta un’interfaccia molto semplice e differente dagli altri dispositivi androidi.

La facilità di utilizzo si mostra poi fin dall’accensione: se si acquista da Amazon il dispositivo arriva già precaricato con le informazioni di login dell’utente, così come con i prodotti digitali che si sono già acquistati dal negozio online nella libreria .

Limitate capacità di memoria (8 GB), ma non dovrebbero essere un problema: pur non offrendo diversi modelli con più memoria, né ingressi per schede SD, il limite può essere compensato dal servizio cloud di Amazon e dai contenuti accessibili online.

Proprio Kindle Prime è probabilmente una delle killer app del device: libri, video e film in streaming offerti con un abbonamento mensile.

I contenuti sono, d’altronde, il punto di forza: una dimensione inferiore rispetto a iPad facilità l’impiego per la lettura, mentre la visione widescreen (rispetto ai 4×3 di iPad) fa sembrare i video grandi quanto sul dispositivo con la Mela, il tutto con una qualità comparabile.

Inoltre c’è Amazon Appstore: in sospeso c’è ancora la questione legata la marchio sul nome (che Apple sta cercando di rivendicare per sé), ma si sta dimostrando un ottimo strumento, sia grazie al sistema di acquisto legato a quello di Amazon già conosciuto e usato dagli utenti , sia perché, anche se non rifornito quanto Android Market Share e App Store, offre almeno alcune tra le migliori app (come Hulu e Netflix) e sta interessando altri sviluppatori pronti a lavorare sulla piattaforma.

Problemi sembrano invece esservi con la batteria, che sembra reggere per 7-8 ore di utilizzo continuato, meno insomma di iPad che ne promette 10. Essendo poi un dispositivo ad un prezzo inferiore agli altri tablet manca di alcune componenti hardware come microfono e fotocamera .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Partito Pirata scrive:
    Partito Pirata al 1.5%
    Il Partito Pirata italiano http://www.partito-pirata.it appartenente al Pirate Parties International http://www.pp-international.net è stimato al 1.5% http://www.spincon.it/?p=834[img]http://www.spincon.it/wp-content/uploads/2012/07/intenzioni-voto-12-07-20121.jpg[/img] p)
  • giuseppe bruno scrive:
    internet pirata
    controllato dallo stato ok. gratuito non credo. ogni singolo deve pagare l,effettivo consumo senza l'aggiungere di percentuali
  • pensiero libero scrive:
    Unica Opzione
    Quante cavolate per disperdere il voto. Votate invece per un partito che metta nel suo programma la proprietà popolare della moneta, unica vera opzione per riportare la democrazia. Oggi i popoli non possono decidere la loro politica monetaria. Informatevi con Internet. L'ignoranza oggi è grave. Informatevi come i Rockfeller, i Rotschild, la goldman & Sachs coi loro maggiordomi massoni ci hanno privato della libertà di decidere. Le decisioni che contano vengono prese nelle stanze chiuse dei club come Bilderbeg e Trilateral, nelle banche centrali tutte private come Federal Reserve e BCE. Informatevi. Destra o sinistra non cambia nulla: tutti servi dei massoni. Solo la proprietà popolare della moneta può salvarci e non c'è debito pubblico da pagare perchè artificioso, informatevi sulla truffa del Signoraggio.
  • pensiero libero scrive:
    Unica opzione
    Quante cavolate per disperdere il voto. Votate invece per un partito che metta nel suo programma la proprietà popolare della moneta, unica vera opzione per riportare la democrazia. Oggi i popoli non possono decidere la loro politica monetaria. Informatevi con Internet. L'ignoranza oggi è grave. Informatevi come i Rockfeller, i Rotschild, la goldman & Sachs coi loro maggiordomi massoni ci hanno privato della libertà di decidere. Le decisioni che contano vengono prese nelle stanze chiuse dei club come Bilderbeg e Trilateral, nelle banche centrali tutte private come Federal Reserve e BCE. Informatevi. Destra o sinistra non cambia nulla: tutti servi dei massoni. Solo la proprietà popolare della moneta può salvarci e non c'è debito pubblico da pagare perchè artificioso, informatevi sulla truffa del Signoraggio.
    • spirito libero scrive:
      Re: Unica opzione
      Concordo con te, dare al popolo quello che è il signoraggio, oppure farlo dello stato singolo a patto che l' uso sia di beneficio per l' intera popolazione è la chiave per abbattere i pseudo debiti e rendere uno stato democratico nel vivere.Basta con le stanze e i giochi di potere, no alle caste.Un biglietto da 50 euro costa a produrlo circa 40 cent e viene pagato dalle banche 50 euro, fatevi voi due conti.
  • Claudio-Porcellana scrive:
    partitino
    un altro partitino?ci mancava giusto uno in più come se non ne avessimo abbastanzaeeeh, forse nella prossima vita vedrò un "itaglia" con 2 partiti, max 3SOB
    • bubba scrive:
      Re: partitino
      - Scritto da: Claudio-Porcellana
      un altro partitino?
      ci mancava giusto uno in più come se non ne
      avessimo
      abbastanza
      eeeh, forse nella prossima vita vedrò un
      "itaglia" con 2 partiti, max
      3
      SOBce n'e' appena stata una con 5[*]. e ha prodotto il peggior governo degli ultimi 150 anni. Forse il numero non conta molto, ma conta il cervello e il servilismo.[*]in parlamento. pdl,lega,udc,idv,pd. gli altri (svp,radicali,ecc) de facto non contano
  • KeS scrive:
    Siate seri...
    Iniziate ad usare Liquid Feedback come il partito pirata tedesco (www.piratenpartei.de) e poi ne riparliamo...
    • Luco da mobile e sloggato scrive:
      Re: Siate seri...
      - Scritto da: KeS
      Iniziate ad usare Liquid Feedback come il partito
      pirata tedesco (www.piratenpartei.de) e poi ne
      riparliamo...Proponiglielo. Athos Gualazzi è gentile e disponibile così come Alessandro Bottoni. Sono sicuro che non avranno nulla da obiettare.www.partito-pirata.it
  • shevathas scrive:
    Non mi convince
    Mi sembra tanto il solito partito pronto ad intercettare i voti di protesta come a suo tempo fecero i radicali e più recentemente il movimento 5 stelle. Il problema dei partiti di protesta è che sono sterili, si limitano a dire i soliti slogan vuoti ma non sono in grado di proporre e/o attuare alcunché solo slogan che catturano ma che sono, all'atto pratico, irrealizzabili. Rete gratuita per tutti, benissimo e di grazia chi paga le società di telecomunicazioni per la fornitura del servizio ? da dove e come si tireranno fuori i soldini ?Mi spiace ma a me non sembrano credibili.
    • KeS scrive:
      Re: Non mi convince
      E' vero concordo.Però in germania utilizzano il "proxy voting" (Liquid Feedback) e non hanno struttura gerarchica. Decidono veramente UNO-Vale-UNO, ad oggi il movimento 5 stelle lo dice solo a parole ma non ha ancora uno strumento per applicarlo veramente ed a livello nazionale.
    • gigi scrive:
      Re: Non mi convince
      "A costo zero" è una XXXXXXXta. Quello che si potrebeb fare è spostare la spesa sui singoli comuni. Non è l'utente a dover attivare linee e a pagarle, ma è il comune (che da in appalto i lavori di realizzazione/ampliamento/manutenzione alle imprese specializzate). Questo fornisce poi il servizio ne piu' ne meno della raccolta rifiuti o della manutenzione delle strade. La rete verrebbe finanziata dalle tasse dei cittadini. Ma in questo modo la rete sarebbe sempre accessibile. Io vivo nel comune X e pago lì le tasse, ma se vado nel comune Y posso usare la rete lì, e così in tutto il territorio nazionale. Così come se viaggio in macchina posso usare le strade in tutti i comuni/regioni...
      • Enrico Fumagalli scrive:
        Re: Non mi convince
        gigi, in qualsiasi angolo del mondo tu scriva, usi sempre il server nel quale hai sottoscritto la tua casella postale elettronica.
      • shevathas scrive:
        Re: Non mi convince
        - Scritto da: gigi
        "A costo zero" è una XXXXXXXta. Quello che si
        potrebeb fare è spostare la spesa sui singoli
        comuni. vedo un paio di pecche- se un servizio serve tutto il territorio nazionale è meglio, per economia di scala, che sia gestito a livello nazionale per poter fare efficienti economie di scala.- i comuni romperebbero, giustamente, che per gestire la cosa avrebbero bisogno di più soldi dallo stato.
        Non è l'utente a dover attivare linee e a
        pagarle, ma è il comune (che da in appalto i
        lavori di realizzazione/ampliamento/manutenzione
        alle imprese specializzate).il problema non è tanto passare cavi di rame quanto costruire un'infrastruttura di rete e in ogni caso alla backbone ci devi arrivare e le backbone le hanno le grosse società non i piccoli provider.
        Questo fornisce poi
        il servizio ne piu' ne meno della raccolta
        rifiuti o della manutenzione delle strade. La
        rete verrebbe finanziata dalle tasse dei
        cittadini. Ma in questo modo la rete sarebbe
        sempre accessibile. se il comune paga puntualmente.
        Io vivo nel comune X e pago
        lì le tasse, ma se vado nel comune Y posso usare
        la rete lì, e così in tutto il territorio
        nazionale. Così come se viaggio in macchina posso
        usare le strade in tutti i
        comuni/regioni...proprio per questo dovrebbe essere gestito a livello centrale. Della A1 non se ne occupa il comune di napoli o di bologna, se ne occupa l'anas.
        • Luco da mobile e sloggato scrive:
          Re: Non mi convince
          - Scritto da: shevathas
          Della A1 non se ne occupa il
          comune di napoli o di bologna, se ne occupa
          l'anas.Non è esatto.Per fortuna della A1 (Milano-Napoli), con quello che costa transitarci sarebbe uno scandalo se fosse dell'ANAS, se ne occupa invece Autostrade per l'Italia. L'ANAS si occupa del tratto da Salerno a Reggio Calabria della A3, che infatti è gratuito (la tratta da Napoli a Salerno della A3, data a SAM che fa parte sempre di Autostrade per l'Italia, è invece a pedaggio fisso, quindi la A3 sono due tronchi di cui uno corto a pedaggio fisso e uno lungo gratuito dato in gestione a società ben diverse).
      • soul scrive:
        Re: Non mi convince
        -Non è l'utente a dover attivare linee e a pagarle, ma è il comune-Ma in questo modo la rete sarebbe sempre accessibile. Io vivo nel comune X e pago lì le tasse, ma se vado nel comune Y posso usare la rete lìEh no mi dispiace perche' se le linee le paga ad esempio il comune di Milano e tu sei di che so Bologna tu con le tue tasse al comune di Milano non dai niente,non vedo perche' dovrebbe lasciarti usare gratis la sua rete.Senza contare che pagare una tassa per fornire internet gratuitamente a milioni di XXXXXXX che neanche provano a cercarlo un lavoro (e secondo il sole 24 ore sono un terzo dei giovani tra i 25 e i 35 anni)proprio non mi andrebbe giu'!!!!!
    • Enrico Fumagalli scrive:
      Re: Non mi convince
      Circa 20 anni appena nata internet, nei paesi latino americani dove operavo internet era gratuito quando da noi manco si sapeva che fosse. In Colombia le telefonate urbane, senza limite erano gratis. Come gratis l'apertura di CC e relativa chiusura in qualsiasi banca, con carta di debito (bancomat) gratuita di sui se ne faceva uso pure nei mercatini. Bonifici senza alcuna spesa e se tra filiali delle stessa banca, disponibili dopo 15 minuti circa. Il problema se tra banche diverse, quasi mezz'ora. Sono paesi in via di sviluppo e sai quanta strada devo fare prima di raggiungerci.
  • cybertty scrive:
    Definizioni
    Pirata, lazzarone, bandito, a molta gente ormai piace solo ciò che in qualche modo rappresenta una perversione o una trasgressione. Che Internet possa essere uno strumento serio al servizio di gente per bene sembra un'idea addirittura disgustosa. Io preferirei un movimento di partigiani della civiltà, che si dimostrino, essendone capaci, superiori agli affaristi della vecchia generazione e che non si presentino prima come straccioni, per poi lamentarsi di non ricevere abbastanza consenso. Sembra che lo facciano apposta per perdere (e far perdere a tutti un altro lembo di libertà).
    • Luco da mobile e sloggato scrive:
      Re: Definizioni
      - Scritto da: cybertty
      Pirata, lazzarone, bandito, a molta gente ormai
      piace solo ciò che in qualche modo rappresenta
      una perversione o una trasgressione. Che Internet
      possa essere uno strumento serio al servizio di
      gente per bene sembra un'idea addirittura
      disgustosa. Io preferirei un movimento di
      partigiani della civiltà, che si dimostrino,
      essendone capaci, superiori agli affaristi della
      vecchia generazione e che non si presentino prima
      come straccioni, per poi lamentarsi di non
      ricevere abbastanza consenso. Sembra che lo
      facciano apposta per perdere (e far perdere a
      tutti un altro lembo di
      libertà).Guarda che i primi partigiani hanno combattuto per almeno 10 anni contro l'invasore piemontese e sono passati alla storia come briganti... Poi durante la seconda guerra mondiale c'erano i partigiani che il regime chiamava banditi o delinquenti (oggi avrebbero detto terroristi)... Il nome pirati non piace e infatti Stallman quando gli chiedono cosa pensa della pirateria risponde "Sì, assaltare le navi è sbagliato". Tuttavia è proprio l'editoria e l'industria a mettere in buona luce i pirati, basta pensare a Sandokan, ai Goonies, alla saga di Monkey Island o alla figura di Capitan Jack Sparrow, dove i pirati sono visti come eroi in modo non diverso da Robin Hood. Questo ha contribuito non poco alla rivalutazione culturale del termine "pirata" e a provarlo sono le elezioni svedesi o tedesche, dove il Partito Pirata ha già preso un certo numero di voti.C'era un divertente video animato fatto dalla tv cinese che lo mostrava ma ora sono da mobile e non posso recuperarti il link, sono sicuro che qualcun altro rimedierà.
      • cybertty scrive:
        Re: Definizioni
        Non sono d'accordo: il termine "pirata", IMHO, è stato scelto solo perché ha più appeal. Che ne diresti se Pantani (onore alla memoria) si fosse fatto chiamare "Principino", o se la Lamborghini avesse chiamato "Angioletto" la sua Diablo? Il guaio però è che questo tipo di scelte attira, sì, ma solo una parte del grande pubblico, e forse proprio la meno adatta a raggiungere lo scopo. Oggi anche il termine "hacker" viene impropriamente utilizzato dai media in riferimento ad atti di pirateria (e Stallman è uno di quelli che la sottolineano, la differenza). Ma se da un lato è vero, come dici, che sono gli stessi media a mettere in buona luce il termine "pirata", dall'altro rischia di essere il "Partito Pirata" a mettere in buona luce, benché involontariamente, la logica censoria dei potentati economici, che in contrapposizione appaiono come rappresentanti della regola, quindi "giusti". Spero di aver chiarito. Saluti.
    • Funz scrive:
      Re: Definizioni
      - Scritto da: cybertty
      Pirata, lazzarone, bandito, a molta gente ormai
      piace solo ciò che in qualche modo rappresenta
      una perversione o una trasgressione. Che Internet
      possa essere uno strumento serio al servizio di
      gente per bene sembra un'idea addirittura
      disgustosa. Io preferirei un movimento di
      partigiani della civiltà, che si dimostrino,
      essendone capaci, superiori agli affaristi della
      vecchia generazione e che non si presentino prima
      come straccioni, per poi lamentarsi di non
      ricevere abbastanza consenso. Sembra che lo
      facciano apposta per perdere (e far perdere a
      tutti un altro lembo di
      libertà).La gente vota Berlusconi, Dell'Utri, Cosentino, Schifani, Romano, e quelli vanno in Parlamento a legiferare... c'è ben di peggio di quattro scarriconi
  • mr_caos scrive:
    Un partito...
    ...che aspira a presentarsi alle elezioni politiche nazionali, dovrebbe occuparsi di tematiche politiche a livello nazionale appunto. Avere un programma per risanare l'economia, riformare la giustizia e l'istruzione, combattere l'evasione fiscale, Per rappresentare 4 nerd che vogliono scaricarsi gratis gli ultimi album di Lady Gaga e Britney Spears, un movimento basta e avanza.
    • riquoto scrive:
      Re: Un partito...
      - Scritto da: mr_caos
      ...che aspira a presentarsi alle elezioni
      politiche nazionali, dovrebbe occuparsi di
      tematiche politiche a livello nazionale appunto.
      Avere un programma per risanare l'economia,
      riformare la giustizia e l'istruzione, combattere
      l'evasione fiscale,A questo ci penserà berlusconi... asdfasdfasdf
      • Mela avvelenata scrive:
        Re: Un partito...
        - Scritto da: riquoto
        - Scritto da: mr_caos

        ...che aspira a presentarsi alle elezioni

        politiche nazionali, dovrebbe occuparsi di

        tematiche politiche a livello nazionale appunto.

        Avere un programma per risanare l'economia,

        riformare la giustizia e l'istruzione,
        combattere

        l'evasione fiscale,

        A questo ci penserà berlusconi... asdfasdfasdfL'ha già fatto! E' solo che noi non ce ne siamo accorti... :(
    • Pino scrive:
      Re: Un partito...
      - Scritto da: mr_caos
      ...che aspira a presentarsi alle elezioni
      politiche nazionali, dovrebbe occuparsi di
      tematiche politiche a livello nazionale appunto.
      Avere un programma per risanare l'economia,
      riformare la giustizia e l'istruzione, combattere
      l'evasione fiscale,


      Per rappresentare 4 nerd che vogliono scaricarsi
      gratis gli ultimi album di Lady Gaga e Britney
      Spears, un movimento basta e
      avanza.Quoto appieno. Sono ben altri ora i problemi, non getterò certo il mio voto in un partito del genere, nonostante le buone intenzioni che hanno.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Un partito...
        - Scritto da: Pino
        - Scritto da: mr_caos

        ...che aspira a presentarsi alle elezioni

        politiche nazionali, dovrebbe occuparsi di

        tematiche politiche a livello nazionale
        appunto.

        Avere un programma per risanare l'economia,

        riformare la giustizia e l'istruzione,
        combattere

        l'evasione fiscale,





        Per rappresentare 4 nerd che vogliono
        scaricarsi

        gratis gli ultimi album di Lady Gaga e
        Britney

        Spears, un movimento basta e

        avanza.

        Quoto appieno. Sono ben altri ora i problemi, non
        getterò certo il mio voto in un partito del
        genere, nonostante le buone intenzioni che
        hanno.Per questo c'è il sondaggiohttp://www.partito-pirata.it/sondaggi/il-partito-pirata-deve-occuparsi-prevalentemente-della-rete
        • mr_caos scrive:
          Re: Un partito...
          Manca l'unica alternativa ragionevole...- rendersi conto di avere un programma di cui non frega nulla a nessuno e lasciar perdere.
    • Mariangelo Melato scrive:
      Re: Un partito...
      - Scritto da: mr_caos
      ...che aspira a presentarsi alle elezioni
      politiche nazionali, dovrebbe occuparsi di
      tematiche politiche a livello nazionale appunto.
      Avere un programma per risanare l'economia,
      riformare la giustizia e l'istruzione, combattere
      l'evasione fiscale,


      Per rappresentare 4 nerd che vogliono scaricarsi
      gratis gli ultimi album di Lady Gaga e Britney
      Spears, un movimento basta e
      avanza.Che gliene frega a loro? stanno a trento!
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Un partito...
        - Scritto da: Mariangelo Melato
        Che gliene frega a loro? stanno a trento!Stanno in tutte le regioni.
Chiudi i commenti