Amazon Spark, il social network dedicato agli e-shopper

Il colosso dell'e-commerce offre ai suoi clienti una nuova opportunità per "condividere" gli acquisti, un modo per strizzare l'occhio ai social network e nel contempo incrementare le possibilità di business

Roma – Oltre agli investimenti nei nuovi trend di acquisto e nel focus sui prodotti alimentari, Amazon è al momento impegnata a integrare un approccio maggiormente “social” all’e-commerce con Spark: la funzionalità, fin qui accessibile sono a una parte dell’enorme utenza della piattaforma, vuole favorire la condivisione tra i clienti e nel contempo facilitare l’accesso alle pagine di acquisto dei singoli prodotti .

Per come lo presenta la corporation, Amazon Spark è un luogo da cui poter “scoprire cose dalle persone che condividono gli stessi interessi” dell’utente. Garantite sarebbero la varietà dell’offerta e la possibilità di comprare quelle stesse cose scoperte nei feed degli altri clienti con pochi click.


La semplice visualizzazione e navigazione tra le pagine Spark è accessibile a tutti gli utenti di Amazon, mentre la partecipazione attiva a questo social network per appassionati di e-commerce richiede necessariamente la disponibilità di un account a pagamento Amazon Prime.

Spark fa un uso massiccio dei contenuti fotografici, e replica in maniera fin troppo fedele il modello Snapchat : ogni immagine più essere taggata con gli oggetti presenti, ma diversamente dal social network nel caso di Amazon ogni prodotto in vendita sullo store può essere raggiunto velocemente per l’eventuale acquisto.

L’arrivo di un’opzione come Amazon Spark può essere interpretato in diversi modi, visto che si tratta di un’esperienza di condivisione social al passo con gli ultimi trend ma anche di un’ulteriore offerta esclusiva per gli abbonati al servizio Prime.

Per ora, in ogni caso, Spark è prima di tutto una funzionalità accessibile in esclusiva a chi fa shopping tramite l’app Amazon su gadget Apple/iOS e solo nel mercato statunitense. Ma l’estensione dell’accesso anche agli utenti Android è già in programma, conferma la corporation.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mago scrive:
    Indossabili
    Il bracciale MICA proposto da Intel era davvero ben fatto e non aveva bisogno del cellulare per funzionare diventa quasi un suo sostituto, molto meglio dell'orologio partorito da Apple un quadratone inguardabile Cambiare forma agli oggetti non e' un reato Intel propone idee ad i suoi clienti ma non puo' certo pestargli i piediSu questi oggetti si sono dati la zappa sui piedi un'po' tutti, anziche' rendere il dispositivo indipendente lo hanno legato mani e piedi al cellulare di fatto rendendolo un acXXXXXrio inutile lo stesso giorno che lo mettevano sul mercatoTroppo avidi?
    • 3.141592 puntini scrive:
      Re: Indossabili
      - Scritto da: Mago
      Troppo avidi?No, è che oggi vige il concetto di ecosystem sales marketing. Dove l'obiettivo è appunto quello di creare un ecosistema di dispositivi non-indipendenti, ma anzi il più inter-dipendenti possibile. Così da spingere il consumatore a comprare non uno, bensì una miriade di dispositivi che hanno bisogno del supporto uno dell'altro per fare quello che da soli non possono fare. Una miniera d'oro, insomma.
      • Mago scrive:
        Re: Indossabili
        - Scritto da: 3.141592 puntini
        - Scritto da: Mago

        Troppo avidi?

        No, è che oggi vige il concetto di ecosystem
        sales marketing.allora e' si perche' hai detto no?
        • 3.141592 puntini scrive:
          Re: Indossabili
          - Scritto da: Mago
          allora e' si perche' hai detto no?Perché ormai è una strategia di marketing che si applica più per semplice prassi consolidata che per avidità o altro.Tu daresti dell'avido a quel ristoratore che, per prassi routinaria, ti vieta l'acXXXXX alla toilette a meno di non effettuare una consumazione?
          • xte scrive:
            Re: Indossabili
            Se fosse in Francia (e penso anche altrove) lo riterrei fuorilegge poiché tale pratica è vietata e in base al luogo è richiesto che i bagni siano accessibili *fuori*/*senza entrare* nell'area "vendita"...
          • 3.141592 puntini scrive:
            Re: Indossabili
            Se vivessimo in mondo utopico dove tutti sono civili e rispettosi delle cose altrui, sarebbe certamente una pratica incaccettabile.Ma la realtà di quello che erano i bagni pubblici in italia anni fa insegna che, almeno qui da noi, non è una buona idea lasciare che chiunque possa accedervi.
          • Mago scrive:
            Re: Indossabili
            Utopico un paio di balleSe tu vai sul lago di garda ci sono paesini ampiamente frequentati da tedeschi tipicamente bavaresi con bagni pubblici esterni perfettamente funzionanti e puliti
          • xte scrive:
            Re: Indossabili
            Non a caso sono emigrato, ma non mi pare che buona parte dell'Europa civile, Francia inclusa ma non certo sola, sia così utopica non trovi?
          • Mago scrive:
            Re: Indossabili
            - Scritto da: 3.141592 puntini
            - Scritto da: Mago

            allora e' si perche' hai detto no?

            Perché ormai è una strategia di marketing che si
            applica più per semplice prassi consolidata che
            per avidità o
            altro.non e' una prassi e' approfittarsene dell'ignoranza degli altri, sono i famosi 10 lustri di Fontamara applicati agli ignoranti informatici
            Tu daresti dell'avido a quel ristoratore che, per
            prassi routinaria, ti vieta l'acXXXXX alla
            toilette a meno di non effettuare una
            consumazione?I ristoranti non sono bagni pubblici
          • xte scrive:
            Re: Indossabili
            Per la legge francese ogni locale con acXXXXX pubblico (dal ristorante all'ufficio postale) devono avere un bagno per il pubblico e questo dev'essere gratuito.Inoltre, nel caso dei ristoranti, aggiungo che qui "il coperto" non esiste come concetto, non vi è un costo "del coperto" e l'acqua (della caraffa) è anch'essa disponibile e gratuita per legge.Sono scelte, civili, e ci sono soggetti civili ed altri meno.
  • ... scrive:
    l'azienda sbagliata nel karker sbagliato
    queste cose "cool weareable" le deve fare apple, e' lei quella specializzata in intilita' per LBGT. intel continui a fare quello che sa fare e non si avventuri in ambiebnti che che non sono il loro campo storico.
    • Fan innamorato di Bertuccia il macaco scrive:
      Re: l'azienda sbagliata nel karker sbagliato
      Spiega che ti hanno fatto i ragazzi dell'LBGTPerché a me sembra che a rompere i ... siete voi cosiddetti normali.Non ho mai visto un omo prendere in giro un etero, mentre ho visto spesso il contrario.Se hai ancora un neurone che lavora in autonomia e non insieme al "fascio", spiegami il perché del tuo comportamento.p.s. Gli applisti con l'aifone che ffa ffigo, "anno" tutti la Mini con la mela attaccata sul kulo. Xke i selfi vengono belli di brutto!!1!1!! Con la topa minigonnata da sballlo!!!111 e le labbra a canotto (o a kulo di gallina, dipende...)
  • bubba scrive:
    in intel sono dei XXXXXni
    lasciando stare il wearable per fighette, l'hw iot non era neanche male... e' che intel non pare tagliata per "questo lavoro"...Pigliamo Edison ... bell'affarino, non particolarmente economico (50eu?) e che andava in competizione con la vagonata di SoC wifi+bt .. e con le raspe (che hanno anche il video ecc)... XXXXX, praticamente mi obblighi a comprare anche quei cosi stackable, perche' hai messo un connettore 70pin molto denso introvabile e poco documentato... se invece della tua scheda mi vojo attaccare semplicemente un usb volante? pensaci a ste cose ......E Joule? praticamente la potenza di un notebook in tasca... ma aveva anche lo stesso prezzo... se vuoi piazzarlo devi aver pazienza e buttare fuori supporto, codice ecc. Invece dopo UN ANNO hai gia' abbandonato tutto.Con edison e' andata un poco mejo (2 anni?) che cmq e' POCO in termini di development industriale ecc..
  • prova123 scrive:
    i gadget indossabili
    Ho hai un marketing d'assalto imbonitore che si intorta alla grande i propri clienti (come apple) o quei dispositivi restano quello che sono: una cagata indecorosa.
    • provolone12 3 scrive:
      Re: i gadget indossabili
      - Scritto da: prova123
      Ho haiHo hai? Ho hai???! Ma baffanXXXX testa di catzo (rotfl).
      un marketing d'assalto imbonitore che si
      intorta alla grande i propri clienti (come apple)
      o quei dispositivi restano quello che sono: una
      cagata
      indecorosa.
      • prova123 scrive:
        Re: i gadget indossabili
        - Scritto da: provolone12 3
        Ho hai? Ho hai???! Ma baffanXXXX testa di catzo
        (rotfl).Ma baffanXXXX a te, clone fallito di leguleio del catzo.
  • 676e6e46ba3 scrive:
    insucXXXXX della corporation
    l'insucXXXXX della corporation nella penetrazione di business diversi da quello delle CPU ... x86 ... ma anche la scarsa capacità espansiva di una tecnologia che doveva essere rivoluzionaria In realtà il problema è che non sono riusciti a trasformare il wearable in una serie di status symbol con ruffiani che vanno in giro sfoggiando gadget come se fossero lustrini. Quel poco di wearable che gira sopravvive più per le poche funzioni che offre che per il lusso. E questo non piace tanto a Intel che ancora cerca di tenersi fuori dai segmenti a bassi margini.
  • dundel scrive:
    poco intel, molto ladren
    "Intel abbandona i gadget indossabili".Che barzelletta.Qualcuno ha mai visto dei gadget Intel?Sono proprio alla frutta, e visto i ladri che sono, il loro comportamento anticoncorrenziale con AMD (e non solo), e le boiate che hanno rilasciato negli ultimi anni, direi che possono morire senza suscitare rimpianti.Amen
    • Mao99 scrive:
      Re: poco intel, molto ladren
      - Scritto da: dundel
      "Intel abbandona i gadget indossabili".
      Che barzelletta.
      Qualcuno ha mai visto dei gadget Intel?
      Sono proprio alla frutta, e visto i ladri che
      sono, il loro comportamento anticoncorrenziale
      con AMD (e non solo), e le boiate che hanno
      rilasciato negli ultimi anni, direi che possono
      morire senza suscitare
      rimpianti.
      AmenQuello che dici potrebbe essere una bella cosa, il problema è che Intel anche se ha "stagnato" con le CPU negli ultimi anni perchè non aveva rivali, come tecnologia è comunque progredita e l'ha tenuta nel cassetto per quando gli altri l'avrebbero raggiunta..Quindi sarà sempre Intel a dominare e quando, come vuole purtroppo per Noi..
Chiudi i commenti