AMD serie FX, vette di 5 GHz

Sunnyvale presenta due nuovi processori per videogiocatori: uno dei chip sarebbe la prima CPU commerciale a raggiungere i 5 GHz di clock, sostiene AMD. In modalità Turbo, beninteso

Roma – Oltre alle console di nuova generazione, l’E3 2013 ha prestato il palco all’ annuncio di AMD sulla commercializzazione di due nuove CPU della serie FX basate su architettura di core Piledriver : la famiglia di processori per PC fissi (privi di GPU integrata) ad alte performance si arricchisce e raggiunge vette di GHz sin qui mai raggiunte, sostiene Sunnyvale.

La nuova CPU FX-9590 (a otto core) è la prima unità di calcolo a essere commercializzata con un clock da 5 GHz, dice AMD, una presentazione che rimanda alla storica “guerra dei MegaHertz” (almeno sulla carta) e che che evita accuratamente di citare il fatto che le diverse architettura di Intel e AMD offrono da anni performance molto diverse con clock non comparabili in maniera diretta.

Sia come sia, FX-9590 raggiunge i 5 GHz solo in modalità Turbo, mentre FX-9370 – la seconda GPU della nuova serie FX-9000, sempre a otto core – si ferma ad “appena” 4,7GHz. AMD non ha ancora comunicato i clock base dei due processori, anche se conferma la vocazione alle performance dei due chip fornendoli con moltiplicatori sbloccati e quindi facilmente overclockabili per raggiungere prestazioni ancora più alte.

FX-9590 ed FX-9370 sono prodotti destinati al mercato dei giocatori esigenti con un occhio al portafogli, ma al momento Sunnyvale ha deciso di rifornire solo i produttori OEM e gli “integratori di sistemi” a partire da questa estate. I giocatori esigenti che preferiscono il fai-da-te dovranno attendere.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Babbo Natale scrive:
    Ma che migliorare...
    Google non voleva concorrenti.
  • Funz scrive:
    Non so se essere contento o no
    Waze non era certo un servizio open, tutte le informazioni raccolte dagli utenti restavano chiuse e private. Adesso waze potrà usare le mappe di Google, e di certo porterà un notevole miglioramento del servizio.Preoccupa solo il fatto che altre informazioni personali finiranno nel calderone di Google, ma tanto chi si preoccupa del tracciamento non usa né Google né waze...
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Non so se essere contento o no
      - Scritto da: Funz
      Waze non era certo un servizio open, tutte le
      informazioni raccolte dagli utenti restavano
      chiuse e private. Adesso waze potrà usare le
      mappe di Google, e di certo porterà un notevole
      miglioramento del
      servizio.
      Preoccupa solo il fatto che altre informazioni
      personali finiranno nel calderone di Google, ma
      tanto chi si preoccupa del tracciamento non usa
      né Google né
      waze...le mappe di Google non mi sembrano tanto migliori di Waze. A dire il vero, quelle di Google sembrano tra le meno accurate
      • Torachichi scrive:
        Re: Non so se essere contento o no
        Beh, c'è da dire che almeno i motociclisti non si perdono nel deserto con Google ihihih ... dai e fattela sta risata! ;)
      • Funz scrive:
        Re: Non so se essere contento o no
        - Scritto da: il solito bene informato
        - Scritto da: Funz

        Waze non era certo un servizio open, tutte le

        informazioni raccolte dagli utenti restavano

        chiuse e private. Adesso waze potrà usare le

        mappe di Google, e di certo porterà un
        notevole

        miglioramento del

        servizio.

        Preoccupa solo il fatto che altre
        informazioni

        personali finiranno nel calderone di Google,
        ma

        tanto chi si preoccupa del tracciamento non
        usa

        né Google né

        waze...

        le mappe di Google non mi sembrano tanto migliori
        di Waze. A dire il vero, quelle di Google
        sembrano tra le meno
        accurateForse è vero. Però quelle di Waze sono (erano) veramente indietro. La vera forza del programma stava nel crowdsourcing per i dati sul traffico.
Chiudi i commenti