AMD sfodera nuove APU per tablet, notebook e ibridi

Sunnyvale rivela le specifiche dei suoi nuovi processori per i sistemi portatili. Tre diverse linee che spaziano dal risparmio energetico massimo alla prestazione assoluta
Sunnyvale rivela le specifiche dei suoi nuovi processori per i sistemi portatili. Tre diverse linee che spaziano dal risparmio energetico massimo alla prestazione assoluta

Dopo averle svelate in occasione del CES , AMD torna ora a parlare delle sue nuove APU (CPU+GPU sullo stesso die) per sistemi portatili lanciando ufficialmente “Temash”, “Kabini” e una versione aggiornata di “Richland” con le diciture commerciali di “Elite Mobility APU”, “Mainstream APU” e “Elite Performance APU”.

Le tre nuove soluzioni di computing (serie A ed E) rappresentano per AMD una soluzione ideale per l’attuale evoluzione del mercato PC, un combinato di potenza a prezzo abbordabile e (soprattutto) consumi energetici ridotti adatti ai tablet/convertibili così come ai notebook veri e propri di ogni forma e dimensione.

La microarchitettura Elite Mobility APU (Temash) è – parola di AMD – il primo processore SoC x86 con core “Jaguar” (lo stesso tipo implementato nelle CPU di PS4 e Xbox One) e GPU “Graphics Core Next” Radeon HD (Serie 8000), disponibile in configurazioni sia dual (A4) che quad-core (A6) con TDP bassi (da 3,9W a 9W) e performance ideali per tablet, notebook di piccolo formato con schermo touch e ibridi dai 13 pollici in giù.

Le APU Mainstrean (Kabini) sono invece una soluzione per notebook entry-level e di piccolo formato, anch’esse disponibili in configurazone dual e quad-core (Jaguar anche qui) e incrementi di performance – rispetto alla precedente generazione – misurati da AMD nell’88 per cento (grafica), 33 per cento (videogiochi) e 29 per cento (compressione file).

Le APU della rinnovata serie Richland (A8 e A10) sono invece il punto di riferimento prestazionale del nuovo lotto di processori AMD, e uniscono a un miglioramento nei consumi energetici (Sunnyvale parla di batterie che durano 13 ore) un incremento significativo nelle performance videoludiche con tanto di laptop extra-lusso dedicati al gaming e all’intrattenimento come quelli commercializzati da MSI .

AMD continua a rincorrere Intel nell’hardware e stà alla finestra nel software – come d’altronde tutta l’industria PC – per valutare le fortune di Windows 8 dell’intero ecosistema di software “Microsoft-compatibile”, e anche il supporto ad Android come ipotetico OS per computer propriamente detti non appare più come una prospettiva irrealistica come in passato.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 05 2013
Link copiato negli appunti