Annunci economici, Microsoft abbandona

Gli utenti languono, le inserzioni non offrono possibilità di scelta. Redmond taglia su Windows Live Expo per dedicarsi ad attività più remunerative

Roma – È il momento della potatura a Redmond, è giunto il momento di sfrondare la gamma di servizi meno redditizi e di agire senza pietà sui rami secchi che non possono germogliare in nuove fruttuose attività. Sotto i colpi di accetta di Microsoft è caduto ora Windows Live Expo .

Avrebbe dovuto essere un rivale di Craigslist, avrebbe dovuto insidiare Kijiji, avrebbe dovuto fare da punto di riferimento per l’intero settore degli annunci online. Prometteva agli utenti un’inedita integrazione tra social network e inserzioni, localizzate sulle foto satellitari e abbinate ai contatti Windows Live Messenger.

Che si sia trattato di una questione di branding , che sia imputabile all’acerrima concorrenza , successo e utenti hanno stentato a palesarsi. Per questo motivo Microsoft ne ha decretato la chiusura : mentre sul laconico blog dedicato non c’è alcun riferimento alla decisione, sulla homepage del servizio campeggia un avviso che avverte gli utenti della prossima sospensione. Non è possibile pubblicare inserzioni, non è possibile rinnovarle, non è possibile creare account: per il 31 luglio è programmata la data dell’esecuzione .

I numeri ospitati dal servizio si sono rivelati decisamente insufficienti perché Windows Live Expo agisse da punto di riferimento per la categoria, perché quello delle inserzioni si rivelasse un modello di business produttivo: su Windows Live Expo chi voglia procurarsi un animale da compagnia ha la possibilità di scegliere, in tutti gli States, fra 37 inserzioni relative ai gatti e 134 inserzioni relative ai cani; chi cercasse un coinquilino con cui dividere le spese per un appartamento avrebbe vasta scelta solo se fosse alla ricerca di un alloggio nei pressi di Redmond; chi desiderasse un iPhone dovrebbe scremare fra i 13 annunci presenti, a fronte delle centinaia di migliaia di offerte ospitate su servizi quali Craigslist.

Windows Live Expo

Come è accaduto per i servizi Live Search Books e Live Search Academic, Microsoft taglia, sfronda, si lascia alle spalle i progetti che languono , zavorre che rubano tempo e risorse a iniziative remunerative. Ad offrire una spiegazione sono gli stessi dirigenti di Redmond: “Abbiamo imparato molto con l’esperienza di Windows Live Expo e crediamo che questa decisione, benché sia una decisione difficile, ci consentirà di concentrare e investire le nostre risorse su servizi online prioritari per i nostri clienti”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • matTE0 scrive:
    sistemassero l'IMAP
    Invece di fare ste cose perché non si decidono ad implementare correttamente il protocollo IMAP invece di quell'accrocchio che hanno messo su tanto per dire che lo supportano :@
    • .... scrive:
      Re: sistemassero l'IMAP
      non sò come debba funzionare l'imap per bene ma io è da quasi un mese che uso gmail tramite imap e funziona più che bene usando thunderbird
  • il gelato che uccide scrive:
    ehm... non è un po` esagerato ?
    Pur essendo un fervido sostenitore di Google, non è un po`esagerato tutto questo ?Ora una azienda privata, che già non sta in Svezia ma negli States, dove la legge sulla Privacy è seriamente compromessa e non mi sembra tuteli chi non è americano.Qui abbiamo : Log in in ingresso nella pagina per una "simpatica" navigazione personalizzata con ovvio tracciamento delle preferenze personali collegate al nome, mail, chat ( quindi amicizie, orientamento sessuale ecc... ), Documenti personali, una bella fotografia.Ah ... dimenticavo .... se poi uno non passa da Google c'è sempre doubleclick.Certo ... lo so ... i servizi di Google si possono non usare però devo dire che sia le azioni messe in atto da Google che dagli altri non hanno più la necessaria trasparenza, vista l'entità dei dati potenzialmente a disposizione.Per esempio, quando accetto quella cacchio di clausula per l'utilizzo commerciale dei miei dati, io non so assolutamente a chi verrà inviato il mio nome e miei dati.Mi piacerebbe che quando una azienda vende il mio nome e cognome provvedesse ad inviarmi almeno una mail, qualcosa tipo :Abbiamo dato alla Corleone Enterprise il tuo nominativo per inviarti alcune loro pratiche assicurative per la prevenzione di un certo tipo di infortuni, ora sanno dove vivi, quello che mangi ( hai mica comprato con google shop il tacchino lo scorso natale ? ) chi conosci e non vorremmo che Vi accadesse qualcosa di spiacevole. Baciamo le mani.Ecco così almeno sarei più tranquillo.
    • diegoitaliait scrive:
      Re: ehm... non è un po` esagerato ?
      Sorry, mi spiace tanto ma non solo non ti diranno mai dove andranno i tuoi dati.Perciò il mio consiglio è il seguente:Tu non hai visto niente, non hai sentito niente, e non dirai niente.E come detto sopra, "baciamo le mani"Questo non risolverà le cose, ma almeno limiterà le tue seghe mentali, e non c'è bisogno che mi ringrazi @^
  • ciccio scrive:
    non ho capito come si fa
    Mi potete spiegare cosa devo fare per attivare le novità? Vado in Settings, e poi?
  • Alessandrox scrive:
    Una cosa che manca... credo
    Almeno non sono ancora riuscito a trovare il modo:in pratica si tratta della gestione delle e-mail filtrate: so bene che non c'e' la struttura ad albero con le cartelle e si usano i TAG per raggruppare i messaggi in pseudo-cartelle ma se ho impostato un filtro e nella INBOX NON volessi vedere tutto cio' che ho filtrato come si fa'? E' ovvio che lo scopo del filtro e' quello di fare una selezione per argomenti (in base al subject, al titolo, al mittente ecc.) in modo da velocizzare la ricerca di quel che mi interessa ma se nell' INBOX principale mi ritrovo comunque tutto gran parte dell' utilita' del filtro viene a mancare...Potrebbero almeno dare la possibilita' di inibire la visualizzazione nella INBOX di tutto cio' che e' stato filtrato e assegnato ad altri TAG-cartelle... non so se mi sono spiegato....Sento parecchio la mancanza della classica gestione tra mite cartelle reali... sotto questo aspetto e' insostituibile.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 giugno 2008 11.05-----------------------------------------------------------
    • mikeUS scrive:
      Re: Una cosa che manca... credo
      Quando crei il filtro che tagga i messaggi, seleziona anche la casellina "Skip Inbox (archive it)".Non so come sia nella versione italiana....e' autoesplicativa...Inoltre se usi i tag/label dando un solo tag ad ogni messaggio hai sostanzialmente replicato il concetto di cartella, meno la gerarchia.La gerarchia la puoi "simulare" dando dei nomi alle label tipoPADREPADRE/FIGLIO1PADRE/FIGLIO2C'e' uno script per greasemonkey (Folders for gmail) che, date label fatte cosi', modifica l'apparenza della pagina per avere effettivamente delle label gerarchiche.
    • CaroIa scrive:
      Re: Una cosa che manca... credo
      - Scritto da: Alessandrox
      Almeno non sono ancora riuscito a trovare il modo:

      in pratica si tratta della gestione delle e-mail
      filtrate: so bene che non c'e' la struttura ad
      albero con le cartelle e si usano i TAG per
      raggruppare i messaggi in pseudo-cartelle ma se
      ho impostato un filtro e nella INBOX NON volessi
      vedere tutto cio' che ho filtrato come si fa'?In fase di creazione filtro c'e' la checkbox per skippare l'inbox ed archiviare la mail direttamente.Crea filtro / imposti i criteri / applichi label e ignora posta in arrivo (archivia).Cosi' hai la mail non letta nella sua bella cartella ma non in inbox
  • domanda scrive:
    sempre in beta?
    come mai gmail è sempre in beta, quando uscirà la versione definitiva?
    • pinolalavat rice scrive:
      Re: sempre in beta?
      - Scritto da: domanda
      come mai gmail è sempre in beta, quando uscirà la
      versione
      definitiva?Credo maiuna delle basi del webtu è la beta forevah...anche questo è marketing, come gli inviti e bla bla...
  • Funz scrive:
    Google groups
    Sistemassero la gestione dei subject nei newsgroups.Ogni volta che qualcuno risponde da GG a un messaggio con tag nel titolo, google si mangia il tag, generando un thread duplicato... una volta erano gli sfigati con Outlook a rompere le scatole, adesso sono quelli che non lo usano :p(comunque meglio TB, Agent, Dialog o qualunque programma alternativo a Outlook)
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Google groups
      contenuto non disponibile
      • Funz scrive:
        Re: Google groups
        - Scritto da: unaDuraLezione
        Il bello è che lo sanno, ma sostengono che sia
        giusto
        così.Non lo sapevo questo... se è vero sono dei begli stron*i
        Ma poi, come diavolo si fa a capire qualcosa da
        un titolo
        tipo
        "[LOST] Il finale" se viene visualizzato solo "Il
        finale"?Per non parlare dei miei bei filtri, che sarebbero tanto utili e invece così si perdono un sacco di messaggi.
  • pinolalavat rice scrive:
    Quasi inutili
    Tutte opzioni per lo più inutili, mentre la possibilità di accorpare discussioni divise (ad esempio dagli iloti che usano outlook express in italiano con risposta con R:) o scindere discussioni (ad esempio quando l'argomento cambia e si vogliono usare tag specifici) rimane nella lista delle feature richieste
  • Amico di Mant scrive:
    x Luca
    hem ho sbagliato....per abilitare le opzioni bisogna usare la versione inglese...ma se poi si imposta nuovamente la localizzazione in italiano le opzioni abilitate restano :)
  • Amico di Mant scrive:
    x Luca
    Io ho provato con la versione localizzata italiana di gmaile questi nuove opzioni sono presenti....
Chiudi i commenti