Apache, pericolo backdoor

Il popolare web server minacciato da un nuovo pericolo di notevole complessità, una backdoor che non lascia tracce evidenti di sé sul sistema e redirige i visitatori verso URL compromessi per diffondere ulteriori infezioni

Roma – I ricercatori di sicurezza hanno individuato una nuova minaccia contro il web server Apache, una backdoor capace di non solo di trasformare il sistema in un dispensatore di ulteriori infezioni (sui client) ma anche di non lasciare traccia di sé (almeno per quel che riguarda i file di codice binario) sulla macchina infetta.

Linux/Cdorked.A , questo il nome del malware scovato dagli esperti di ESET e Sucuri, viene descritto come “la più sofisticata backdoor per Apache mai vista”: il codice malevolo modifica il file httpd sul server (il “demone” di Apache per la gestione delle richieste su protocollo HTTP) e archivia le informazioni di configurazione nella memoria condivisa del server, ma a parte questo non c’è altra traccia del malware sul disco e la cosa rende l’analisi problematica.

La backdoor si premura di prendere ulteriori contromisure per evitare l’identificazione o la nascita di sospetti sia sul server che nel codice fornito al browser del client, mentre per quanto riguarda il payload Cdorked.A redirige i visitatori di un sito/server web infetto verso URL malevoli su cui è presente il ben noto exploit-kit Blackhole.

Il malware è sofisticato al punto da salvare un cookie sul browser dopo la prima redirezione per evitare dirottamenti successivi, e per le pagine amministrative (su server) contenenti stringhe sensibili come “admin” o “cpanel” non viene fornito alcun contenuto malevolo.

I ricercatori hanno preparato uno script in Python per verificare l’eventuale presenza della backdoor su server.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vac scrive:
    C'é un errore
    In fondo c'é un tag chiuso 2 volte <A NAME=49 HREF="LineMode/Defaults/Distribution.html"
    anonymous FTP </A
    , etc. </A
  • ruppolo scrive:
    Nessun riferimento a Microsoft
    Nell'innovazione non ha mai contato nulla.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 maggio 2013 10.33-----------------------------------------------------------
    • eh chilo scrive:
      Re: Nessun riferimento a Microsoft
      - Scritto da: ruppolo
      Nell'innovazione non ha mai contato nulla.già... esattamente come apple: avvocati, brevetti, marketing e finanza
  • bertuccia scrive:
    Ospitato su un computer NeXT
    quasi tutte le rivoluzioni informatiche degli ultimi 30 anni sono in qualche modo collegate al nome di Steve Jobs
    • anti bertuccia scrive:
      Re: Ospitato su un computer NeXT
      Mi dici cosa XXXXX c'entra con l'articolo?
      • bertuccia scrive:
        Re: Ospitato su un computer NeXT
        - Scritto da: anti bertuccia

        Mi dici cosa XXXXX c'entra con l'articolo?nervoso? non hai avuto il tuo succo di frutta? :Dil WWW è nato su una macchina NeXTnon è certo un caso
        • bubba scrive:
          Re: Ospitato su un computer NeXT
          - Scritto da: bertuccia
          - Scritto da: anti bertuccia



          Mi dici cosa XXXXX c'entra con l'articolo?

          nervoso? non hai avuto il tuo succo di frutta? :D

          il WWW è nato su una macchina NeXT
          non è certo un casobeh abbastanza, in verita' :) La cosa buffa, tra l'altro, e' che jobbe era un concorrente di apple al tempo, perche' defenestrato.
          • bertuccia scrive:
            Re: Ospitato su un computer NeXT
            - Scritto da: bubba

            beh abbastanza, in verita' :) eh sì perché di alternative con le stesse caratteristiche ne era pieno il mercato
            La cosa buffa, tra
            l'altro, e' che jobbe era un concorrente di apple
            al tempo, perche' defenestrato.la cosa buffa è che, al tempo, NeXT era ciò che Apple sarebbe dovuta essere.Infatti, oggi, Apple è quella che è perché ha assorbito la NeXT
        • Etype scrive:
          Re: Ospitato su un computer NeXT
          - Scritto da: bertuccia
          il WWW è nato su una macchina NeXT
          non è certo un casoCerto che è un caso,fosse stato IBM o altra importatne azienda doveva essere merito di quest'ultima ? Mah ...menti malate ....
          • MacGeek scrive:
            Re: Ospitato su un computer NeXT
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: bertuccia

            il WWW è nato su una macchina NeXT

            non è certo un caso

            Certo che è un caso,fosse stato IBM o altra
            importatne azienda doveva essere merito di
            quest'ultima ? Mah ...menti malate
            ....Non è un caso perché il NeXT aveva tools di sviluppo innovativi: il primo OS con un linguaggio di programmazione ad oggetti e il primo RAD per la realizzazione grafica delle interfacce (poi copiato da VisualBasic, ecc) ed era particolarmente ottimizzato per il networking (ethernet di serie, all'epoca quasi fantascienza), Enterprise Object Framework, ecc. Ed era così perché Jobs l'aveva voluto così. Quando guidò lo sviluppo dei Mac non aveva ancora ben compreso la potenza dei linguaggi ad oggetti e del networking, che pure aveva visto alla Xerox. All'epoca era rimasto 'abbagliato' dall'interfaccia grafica e il Mac era stato sviluppato solo intorno a quel concetto. Ma con il NeXT puntò anche e soprattutto su un linguaggio di programmazione ad oggetti (con l'Objective C, una specie di ibrido tra lo SmallTalk inventato alla Xerox con l'efficienza del C) ed appunto il networking.Quindi, no. Non è un caso che il Web sia nato su NeXT.Erano tanto innovative che ancora oggi sono alla base di OS-X e iOS, tutt'ora i migliori OS in commercio.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Ospitato su un computer NeXT
            fumato roba buona eh
          • bubba scrive:
            Re: Ospitato su un computer NeXT
            - Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: Etype

            - Scritto da: bertuccia


            il WWW è nato su una macchina NeXT


            non è certo un caso



            Certo che è un caso,fosse stato IBM o altra

            importatne azienda doveva essere merito di

            quest'ultima ? Mah ...menti malate

            ....

            Non è un caso perché il NeXT aveva tools di
            sviluppo innovativi: il primo OS con un
            linguaggio di programmazione ad oggetti e il
            primo RAD per la realizzazione grafica delle
            interfacce (poi copiato da VisualBasic, ecc) ed
            era particolarmente ottimizzato per il networking
            (ethernet di serie, all'epoca quasi
            fantascienza), Enterprise Object Framework, ecc.


            Ed era così perché Jobs l'aveva voluto così.
            Quando guidò lo sviluppo dei Mac non aveva ancora
            ben compreso la potenza dei linguaggi ad oggetti
            e del networking, che pure aveva visto alla
            Xerox. All'epoca era rimasto 'abbagliato'
            dall'interfaccia grafica e il Mac era stato
            sviluppato solo intorno a quel concetto.


            Ma con il NeXT puntò anche e soprattutto su un
            linguaggio di programmazione ad oggetti (con
            l'Objective C, una specie di ibrido tra lo
            SmallTalk inventato alla Xerox con l'efficienza
            del C) ed appunto il
            networking.

            Quindi, no. Non è un caso che il Web sia nato su
            NeXT.
            Erano tanto innovative che ancora oggi sono alla
            base di OS-X e iOS, tutt'ora i migliori OS in
            commercio.ti puoi titillare con queste considerazioni ma l'una (NeXT era innovativo = e' vero) continua a non implicare l'altra.Tant'e' che ESQUIRE (il prototipo) non era stato pensatosviluppato su Next. E il CERN httpd era scritto in C, ed essendo un daemon, non e' che si avvantaggiasse molto dello schermo postscript o di altre figosita' particolari di nextstep.Il browser invece e' possibile che col RAD del nextstep sia stato sviluppato piu velocemente che con altre piattaforme [ma allora valeva anche per Openstep su Solaris]... ma anche li' non e' che contenesse chissa' quali particolarita' imprescindibili, visto che pochi mesi dopo ne han fatto un porting per Windows (neanche unix!)
          • Bip scrive:
            Re: Ospitato su un computer NeXT
            - Scritto da: MacGeek
            OS-X e iOS, tutt'ora i migliori OS in
            commercio.Forse solo nella tua testolina e in quella degli altri sudditi Apple. :)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Ospitato su un computer NeXT
            Va detto che ibm, trovava una idiozia HTTP :D
      • ... scrive:
        Re: Ospitato su un computer NeXT
        - Scritto da: anti bertuccia
        Mi dici cosa XXXXX c'entra con l'articolo?ogni occasione gli e' buona per infilare la lingua in XXXX a jobs e/o a apple. e' fatto cosi, lascia correre...
    • Etype scrive:
      Re: Ospitato su un computer NeXT
      - Scritto da: bertuccia
      quasi tutte le rivoluzioni informatiche degli
      ultimi 30 anni sono in qualche modo collegate al
      nome di Steve
      JobsDirei quasi nessuna....
    • Sgabbio scrive:
      Re: Ospitato su un computer NeXT
      - Scritto da: bertuccia
      quasi tutte le rivoluzioni informatiche degli
      ultimi 30 anni sono in qualche modo collegate al
      nome di Steve
      JobsMi devi spiegare che cosa centra elogiare Stave JOBS per una cosa simile...mah
      • bertuccia scrive:
        Re: Ospitato su un computer NeXT
        - Scritto da: Sgabbio

        Mi devi spiegare che cosa centra elogiare Stave
        JOBS per una cosa simile...mahmah era più una constatazione.Non penserai anche tu che fosse un caso che Berners-Lee usasse un NeXT?
        • panda rossa scrive:
          Re: Ospitato su un computer NeXT
          - Scritto da: bertuccia
          - Scritto da: Sgabbio



          Mi devi spiegare che cosa centra elogiare
          Stave

          JOBS per una cosa simile...mah

          mah era più una constatazione.
          Non penserai anche tu che fosse un caso che
          Berners-Lee usasse un
          NeXT?Ma che discorsi...A quell'epoca tutti usavano tutto.C'era piu' pluralismo e in ogni caso tutti i sistemi erano finalizzati a chi di informatica ci capiva e non erano ancora diventati quei gadget modaioli che sono oggi i portafrutta in vetro.
          • bertuccia scrive:
            Re: Ospitato su un computer NeXT
            sono completamente d'accordo: si stava meglio quando si stava peggio, con l'aggravante che non esistono più le mezze stagioni.
    • gnammolo scrive:
      Re: Ospitato su un computer NeXT
      no, tutto cio è stato reso possibile da Tim Berners Lee che ha reso la sua invenzione gratuitamente disponibile ad ogni essere umano. Questa è stata la vera invenzione, se fosse stato per Jobs la cosa non sarebbe stata standard, non sarebbe stata gratuita (anzi molto cara) e sopratutto non sarebbe stata libera. Se non ci fosse stato Next, sarebbe stato qualcos'altro di similare, l'idea si sarebbe realizzata ugualmente.
      • bertuccia scrive:
        Re: Ospitato su un computer NeXT
        - Scritto da: gnammolo

        no, tutto cio è stato reso possibile da Tim
        Berners Lee e su questo non ci piove, ci mancherebbe
        Se non ci fosse stato Next, sarebbe stato
        qualcos'altro di similare, l'idea si sarebbe
        realizzata ugualmente.sacrosanto, nessuno direbbe il contrario.quello che io ho detto, è che "casualmente" è stato fatto su un computer della NeXT, società fondata - sempre "casualmente" - da un certo Steve Jobs
    • eh chilo scrive:
      Re: Ospitato su un computer NeXT
      - Scritto da: bertuccia
      quasi tutte le rivoluzioni informatiche degli
      ultimi 30 anni sono in qualche modo collegate al
      nome di Steve Jobsgià... come a quello di bill gates: avvocati, brevetti, marketing e finanza
    • Funz scrive:
      Re: Ospitato su un computer NeXT
      - Scritto da: bertuccia
      quasi tutte le rivoluzioni informatiche degli
      ultimi 30 anni sono in qualche modo collegate al
      nome di Steve
      Jobsdling!Altra moneta, altra marchettaPerò una così scarsa ti rende poco, ammettilo :p
  • Alex de Pascalis scrive:
    come nel 92
    emozionante navigare nel primo ipertesto del web... lento come nel 92...
    • pallino pinco scrive:
      Re: come nel 92
      210 ms, mi sembra accettabile
    • DOG scrive:
      Re: come nel 92
      Lento una mi....a ! E' velocissimo : testo in html puro, senza java script, flash, e altre amenità !!!
      • panda rossa scrive:
        Re: come nel 92
        - Scritto da: DOG
        Lento una mi....a ! E' velocissimo : testo in
        html puro, senza java script, flash, e altre
        amenità
        !!!...e creando un apposito foglio di stile puo' diventare una pagina che susciterebbe parecchia invidia!
      • vac scrive:
        Re: come nel 92
        - Scritto da: DOG
        Lento una mi....a ! E' velocissimo : testo in
        html puro, senza java script, flash, e altre
        amenità
        !!!Velocissimo!! Li voglio tutti così!
      • vac scrive:
        Re: come nel 92
        Lento!??? Navighi con I.E.?
    • eh chilo scrive:
      Re: come nel 92
      - Scritto da: Alex de Pascalis
      emozionante navigare nel primo ipertesto del
      web... lento come nel 92...beh, lento non mi pare proprio...comunque puoi sempre scaricarti tutto in locele: <code
      wget -rkx -np http://info.cern.ch/hypertext/ </code
Chiudi i commenti