Apple, 390 milioni di dollari in Finisar Corp

Cupertino punta 390 milioni sul fornitore dei componenti per la tecnologia per il riconoscimento facciale

Roma – Apple ha annuncito che investirà 390 milioni di dollari in Finisar Corp , azienda fornitrice dei componenti del Vertical Cavity Surface Emitting Laser , ovvero il laser a cavità verticale a emissione superficiale utilizzato dal sistema di riconoscimento facciale di iPhone X , Face ID.

Nonostante le discussioni che ne hanno accompagnato la presentazione, soprattutto in merito all’effettiva protezione che garantisce agli utenti con la mela, Face ID rappresenta una delle principali nuove funzionalità introdotte da Apple con iPhone X dal punto di vista dell’appeal per gli utenti e l’interesse degli osservatori ed anche per questo Cupertino gli ha dedicato una pagina informativa ad hoc

Oltre ai dubbi in merito alla funzionalità, affidabilità e garanzia di sicurezza, tuttavia, Face ID ha rappresentato per Apple una questione da risolvere dal punto di vista logistico delle linee di montaggio incaricate di produrre fisicamente gli iPHone X: i partner asiatici hanno per esempio avuto non pochi problemi nell’assemblaggio dei componenti su cui si basa la tecnologia il cui complicato design aveva già costretto Cupertino a ritardare il debutto dello smartphone di un paio di mesi (da settembre a novembre).

Proprio per evitare futuri ulteriori problemi di produzione – anche in vista di una possibile integrazione della tecnologia nei nuovi iPad previsti per il 2018 – Cupertino ha ora deciso di investire, tramite il suo fondo miliardario Advanced Manufacturing Fund , quasi 400 milioni nel fornitore: tale somma sarà impiegata per costruire una fabbrica in Texas nonché per permetter a Finisar di incrementare i suoi investimenti nel settore sviluppo e commercio. Il tutto con anche l’effetto di migliorare l’efficenza della produzione dei sistemi VCSEL

Le azioni di FInisar sono cresciute a seguito della notizia del 32 per cento , mentre un concorrente diretto nella produzione della tecnologia VCSEL come Lumentum Holdings ha perso 15 punti percentuali.

“Siamo entusiasti di collaborare con Finisar per spingere in avanti i confini della tecnologia VCSEL e le applicazioni che essa supporta”, ha detto il chief operating officer di Apple Jeff Willimas.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • WYJC scrive:
    via col vento
    Caro Cassandra,Da tanto tempo non avevo letto unanalisi concisa e pragmatica come questa e mi trova molto daccordo; penso abbia proprio azzeccato il fulcro dellargomento.Lintermittenza intrinseca delle cosiddette fonti rinnovabili le condanna, almeno a mezzo termine (finché non si trovano soluzioni realistiche ed economiche di storage dei watt intermittenti eolici, solari, etc.), a rimanere fonti di energia di appoggio, secondarie e di complemento rispetto ad una base che deve assicurare unerogazione stabile, robusta e sempre disponibile. Altrimenti, ci troveremo presto davanti a scenari molto spiacevoli del tipo: corrente che salta alle 6 del pomeriggio quando tutti andiamo a casa, triplicamento (o chissà di peggio) della bolletta, fascie orarie più richieste a raddoppio del prezzo o con istituzione di privilegi o priorità (penso non a caso alla notte, quando attaccheremo tutti la macchina elettrica a ricaricare...).Parliamoci chiaro, queste fonti primarie ad oggi sono prevalentemente il nucleare tradizionale a fissione e il termico a fiamma (carbone, gas...). Vogliamo fare a meno del termico a fiamma a distanza di 30 anni? Bene. In così poco tempo non ci rimane che puntare sul nucleare di ultima generazione. Le notizie, contrariamente alla caccia alle streghe che soffre questa industria, sono buone. Altissima concentrazione energetica, rendimenti altissimi con le ultime tecnologie e sempre meno rifiuti a vita lunga. Peraltro, diversi laboratori lavorano sullindebolimento di questi stessi rifiuti per renderli a vita più breve o a radiazioni meno potenti. Laltra tecnologia molto promettente è quella a torio e sali fusi, che non presenta più i rischi di esplosione/contaminazione, in quanto non cè più pressurizzazione del reattore! Chissà come mai, queste ricerche non vengono mediatizzate... avete detto lobby delle industrie :-)?Aggiungerei, per completare lanalisi pragmatica, che se non procediamo al contenimento demografico da lei menzionato in modo molto opportuno, lunica speranza è di riuscire a sviluppare la fusione termonucleare allorizzonte 2060... ci spero tanto ma temo che i costi del greenwashing la uccideranno nelluovo...
  • Nome e cognome scrive:
    che simpatia
    se si vuole evitare il collasso economico dovuto all'esaurimento delle risorse (in parte dovuto anche ai cambiamenti climatici) non vedo come si può pensare al nucleare, che è il modo più costoso di produrre energia se si tiene conto anche dei costi di dismissione e stoccaggio delle scorie, inoltre anche l'uranio è una risorsa limitata e non rinnovabile per cui sarebbe comunque non pannicello, solo un po più lungoaltra cosa molto difficile è imporre il controllo delle nascite, nel mondo occidentale è avvenuto per un cambiamento coulturale non certo col fine del controllo del clima, negli altri posti dove la cultura non è cambiata (e impiegherebbe troppo tempo a cambiare) bisognerebbe imporlo d'autorità come in Cinaalla fine la simpatica Cassandra, per realizzare il suo pensiero, (nucleare e controllo delle nascite) avrebbe bisogno che in ogni stato, occidentale e non, si instaurasse un regime di stampo cinesebeh dopo queste uscite posso dire che Cassandra non mi sta più così simpatica ?
  • riki70 scrive:
    squids don't nuke me
    1) Paradossalmente, "i miserabili" muoiono di fame ma stanno sempre a prolificare.Signor Calamari, noi non ci conosciamo di persona ma posso assicurarle che non mi pongo tra i produttori del pauperismo e dell'auto-assoluzione.2) https://youtu.be/OMz1eD5ZwVkLa conversione energetica é guidata dalla materia oscura.{Rigassificatori?}Per aspera, ad astra.
  • Federico scrive:
    Basta con questa CO2
    Chiamiamola con il suo nome, anidride carbonica.Non è un veleno, è una componente dell'atmosfera necessaria alla vita.Ed è tutto da dimostrare che l'aumento di temperatura globale sia dovuto all'aumento per cause umane dell'anidride in questione.Se così fosse qualcuno mi spiega perchè, nonostante il continuo aumento di co2 nell'aria, non si sono ancora verificati tutti i drammatici scenari profetizzati fin dagli anni 90 del secolo scorso? Perchè il polo nord non si è sciolto? E quello sud? Perchè non c'è il deserto in pianura padana? I mari sono sempre allo stesso livello. E allora?Il sospetto di presa in giro è molto forte, visto anche lo spennamento del cittadino e dell'imprenditore con la scusa del riscaldamento globale.I problemi sono altri, non la ciodue.E sono problemi, quelli energetici, non facilmente risolvibili.Perchè le fonti che abbiamo o inquinano di brutto (idrocarburi) o non stanno in piedi economicamente (le varie rinnovabili che senza sussidi te le saluto) oppure quelle che è meglio di no, specie da noi (tremo al pensiero di avere centrali nucleari in un paese leggermente sismico nonchè mafioso come il nostro).Purtroppo le cose sono un po' più complicate, non bastano due pannelli e due preservativi per salvare il mondo.
    • ... scrive:
      Re: Basta con questa CO2
      - Scritto da: Federico
      Se così fosse qualcuno mi spiega perchè,
      nonostante il continuo aumento di co2 nell'aria,
      non si sono ancora verificati tutti i drammatici
      scenari profetizzati fin dagli anni 90 del secolo
      scorso?Nessuno degli "scenari profetizzati" diceva che il pianeta sarebbe stato invivibile nel giro di 15-20 anni.
      • Federico scrive:
        Re: Basta con questa CO2

        Nessuno degli "scenari profetizzati" diceva che
        il pianeta sarebbe stato invivibile nel giro di
        15-20
        anni.Ho forse detto questo?Si diceva (e si dice tuttora) che i mari si sarebbero innalzati allagando zone costiere e non è sucXXXXX.Si diceva (e si dice tuttora) che i poli si sarebbero sciolti e invece sono ancora lì.Idem per la Groenlandia.Si diceva (e si dice tuttora) che i deserti sarebbero avanzati e invece sono ancora dove erano prima.Insomma il riscaldamento si è chiaramente fermato negli ultimi 10/15 anni nonostante i livelli di co2 siano in continua ascesa. Quindi nella correlazione co2-aumento di temperatura c'è qualcosa che non va.
        • Nomen omen scrive:
          Re: Basta con questa CO2
          Ah Ciccio, guarda che il polo nord in estate praticamente non esiste più... non so,se ti documenti sulla carta igienica, ma i fatti sono sul sito nasa.
    • panda rossa scrive:
      Re: Basta con questa CO2
      - Scritto da: Federico
      Chiamiamola con il suo nome, anidride carbonica.Il suo nome e' diossido di carbonio.Quello che hai indicato tu e' un retaggio storico utilizzato in modo colloquiale da gente che la chimica non la conosce (e non gliene frega niente di conoscerla a quanto pare).Con questa premessa, il resto che hai scritto saranno XXXXXXcce che ben mi guardo dal riportare.
      • Federico scrive:
        Re: Basta con questa CO2

        Il suo nome e' diossido di carbonio.
        Quello che hai indicato tu e' un retaggio storico
        utilizzato in modo colloquiale da gente che la
        chimica non la conosce (e non gliene frega niente
        di conoscerla a quanto
        pare).

        Con questa premessa, il resto che hai scritto
        saranno XXXXXXcce che ben mi guardo dal
        riportare.Sono sinonimi, XXXXXXXX (cit. da molti altri commentatori dei tuoi post).E con questa premessa, il resto che hai scritto saranno XXXXXXcce che ben mi guardo dal riportare.
  • bubba scrive:
    in effetti si potrebbe unire l'utile al
    in effetti si potrebbe unire l'utile al dilettevole... un pool di piccole centrali nucleari in africa, che ad un certo momento hanno una 'misteriosa' perdita controllata... sterilizzando o peggio qualche vagonata di persone :P :P :P :P :P :P :P :P
    • prova123 scrive:
      Re: in effetti si potrebbe unire l'utile al
      ci hanno già provato con ebola
      • bubba scrive:
        Re: in effetti si potrebbe unire l'utile al
        - Scritto da: prova123
        ci hanno già provato con ebolama ebola era dannoso... le centrali nucleari (come da articolo) no.
        • pirlenstein scrive:
          Re: in effetti si potrebbe unire l'utile al
          glielo vogliamo dare un po' di plutonio a alqaueda/isis/talebani/fanatici-musulmani-di-moda-oggi? sono sicuro che sapranno come e dove usarlo
          • 5a5dee44c66 scrive:
            Re: in effetti si potrebbe unire l'utile al
            - Scritto da: pirlenstein
            glielo vogliamo dare un po' di plutonio a
            alqaueda(USA)/isis(Pakistan)/talebani(USA)/fanatici-musulmani-di-moda-(USA, UK, Francia)Di plutonio gia ce ne hanno tanto. Se serve lo usano.
  • shadok scrive:
    mah
    Una gestione delle fluttuazioni della domanda solo con centrali nucleari, non programmabili, e con eolico e fotovoltaico, erratici nella produzione, sarebbe molto interessante...
  • Mao99 scrive:
    Info
    In un mondo dove contano solo gli interessi propri non si risolvera' mai il problema sul clima, dipende da tutti Noi, da come abbiamo educato e da come siamo stati educati.
  • 2c4db179720 scrive:
    Nucleare
    affiancandovi massicce dosi di energia nucleare da fissione, Una base di produzione da nucleare che copre consumi fuori picco ed integra le altre fonti nelle ore di picco taglierebbe parecchia CO2, però la domanda è "come?" L'opposizione dei verdi ha ottenuto un solo risultato, tagliare la ricerca in un nucleare più pulito lasciando il campo libero agli speculatori che hanno promosso l'adozione del nucleare peggiore. La riduzione della ricerca in forme alternative di nucleare tipo i reattori al Torio, autofertilizzanti o altre soluzioni ha fatto si che i produttori si concentrassero sullo spremere piú potenza possibile dai classici reattori ad acqua pressurizzata che producono parecchie scorie ed hanno una durata limitata per la complessità delle pompe e dei sistemi di ricircolo. Mancando la ricerca dai paesi più avanzati agli altri paesi che ancora sono interessati al nucleare stanno installando quello che c'è, la Cina ha quasi 20 reattori in costruzione, tutti ad acqua pressurizzata, altri reattori sono in costruzione in India, Pakista, Emirati Arabi Uniti, Iran, ma la storia è sempre la stessa.Quello che sta succedendo è la dimostrazione che la guida europea ha un impatto sul resto del mondo. Nel campo eolico gli sforzi europei hanno permesso il taglio dei costi e la diffusione di un'energia pulita. Nel campo nucleare no.
    • panda rossa scrive:
      Re: Nucleare
      - Scritto da: 2c4db179720
      <i
      affiancandovi massicce dosi di energia
      nucleare da fissione,
      </i


      Una base di produzione da nucleare che copre
      consumi fuori picco ed integra le altre fonti
      nelle ore di picco taglierebbe parecchia CO2,
      però la domanda è "come?" L'opposizione dei verdi
      ha ottenuto un solo risultato, tagliare la
      ricerca in un nucleare più pulitoNucleare e pulito nella stessa frase non possono coesistere.Mai!La parte intelligente degli italiani, quella che pensa alla salute delle generazioni future ha detto NO al nucleare, in modo netto e definitivo.Quindi basta!Vuoi il nucleare, trasferisciti a chernobil che ne hai quanto ne vuoi.
      • maxsix scrive:
        Re: Nucleare
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: 2c4db179720



        <i
        affiancandovi massicce dosi di
        energia

        nucleare da fissione,

        </i




        Una base di produzione da nucleare che copre

        consumi fuori picco ed integra le altre fonti

        nelle ore di picco taglierebbe parecchia CO2,

        però la domanda è "come?" L'opposizione dei
        verdi

        ha ottenuto un solo risultato, tagliare la

        ricerca in un nucleare più pulito

        Nucleare e pulito nella stessa frase non possono
        coesistere.
        Mai!

        La parte intelligente degli italiani, quella che
        pensa alla salute delle generazioni future ha
        detto NO al nucleare, in modo netto e
        definitivo.

        Quindi basta!

        Vuoi il nucleare, trasferisciti a chernobil che
        ne hai quanto ne
        vuoi.Asino, se tutto sto discorso lo facevi per questioni sismiche, potevo essere anche daccordo.Invece non perdi loccasione per fare la tua figura di XXXXX.Ci sono 11 dico 11 centrali nucleari a ridosso dei nostri confini.Pentastellato dei miei stivali
        • maxsux scrive:
          Re: Nucleare
          - Scritto da: maxsix
          Ci sono 11 dico 11 centrali nucleari a ridosso
          dei nostri confiniUn po' come dire che se il tuo vicino di casa fabbrica nitroglicerina in casa tanto vale che ti metta a fare anche tu la stessa cosa.
        • panda rossa scrive:
          Re: Nucleare
          - Scritto da: maxsix
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: 2c4db179720






          <i
          affiancandovi massicce dosi di

          energia


          nucleare da fissione,


          </i






          Una base di produzione da nucleare che
          copre


          consumi fuori picco ed integra le altre
          fonti


          nelle ore di picco taglierebbe parecchia
          CO2,


          però la domanda è "come?" L'opposizione dei

          verdi


          ha ottenuto un solo risultato, tagliare la


          ricerca in un nucleare più pulito



          Nucleare e pulito nella stessa frase non possono

          coesistere.

          Mai!



          La parte intelligente degli italiani, quella che

          pensa alla salute delle generazioni future ha

          detto NO al nucleare, in modo netto e

          definitivo.



          Quindi basta!



          Vuoi il nucleare, trasferisciti a chernobil che

          ne hai quanto ne

          vuoi.
          Asino, se tutto sto discorso lo facevi per
          questioni sismiche, potevo essere anche
          daccordo.

          Invece non perdi loccasione per fare la tua
          figura di
          XXXXX.

          Ci sono 11 dico 11 centrali nucleari a ridosso
          dei nostri
          confini.Quindi c'e' gia' abbastanza rischio senza alcun bisogno di crearne altri.
          Pentastellato dei miei stivaliSe non ci foste voi renziani a rosikare non ci sarebbe tutto il gusto che ci sara' a vincere le prossime elezioni.
          • n&C scrive:
            Re: Nucleare
            - Scritto da: panda rossa
            Se non ci foste voi renziani a rosikare non ci
            sarebbe tutto il gusto che ci sara' a vincere le
            prossime
            elezioni.oh mio dio! e poi ci si chiede perché le cose vadano male...c'è ancora gente che crede nella politica...
      • f5502f44610 scrive:
        Re: Nucleare

        Nucleare e pulito nella stessa frase non possono
        coesistere.
        Mai!
        Niente di nuovo. Ho sentito queste frasi per anni, infatti l'Italia dipende dai combustibili fossili.A parte questo al secondo referendum ho votato contro il nucleare pure io, ma non perché ero contrario, ma perché comunque la ricerca in Italia era morta e il piano di Berlusconi consisteva nel comprare così com'era dall'estero il nucleare mal fatto e gestito peggio.
      • fact checking scrive:
        Re: Nucleare

        Nucleare e pulito nella stessa frase non possono
        coesistere.
        Mai!
        Carbone e pulito nella stessa frase non possonocoesistere.Mai! Olio combustibile e pulito nella stessa frase non possonocoesistere.Mai! Gas metano e pulito nella stessa frase non possonocoesistere.Mai! Gia che ci sei mettiti una fiammella azzurra su per il ....
  • 2c4db179720 scrive:
    Propaganda
    "Stiamo perdendo la battaglia contro il Cambiamento Climatico".Cassandra, che seguiva le questioni della crescita globale 45 anni fa, fin dai tempi del Club di Roma e del fondamentale rapporto I limiti dello Sviluppo, è purtroppo convinta dell'assoluta correttezza della prima affermazione; Cassandra è convinto, ma si sbaglia. L'efficienza energetica sta aumentando in tutti i campi, anno dopo anno ci sono alti e bassi nella produzione di CO2 perché la situazioen è cambiata per una fetta della popolazione mondiale che era tagliata fuori da ogni forma di energia. Ma alti e bassi con una tecnologia in continuo miglioramento possono benissimo prendere un trend discendente. Il problema di fondo, secondo l'opinione informata di Cassandra, Quando un giornalista deve scrivere "fidatevi di me" vuol dire che sta facendo un pessimo lavoro disinnescare, anche per questo motivo, la bomba demografica mondiale, che oggi è concentrata prevalentemente nel continente africano, incentivando al massimo le politiche di controllo delle nascite. LOL. Che crede di risolvere distribuendo preservativi? Le popolazioni dove non ci sono macchinari né trattori e servono braccia per lavorare i campi fanno tanti figli. Le popolazioni con un'alta mortalità infantile fanno tanti figli. Le popolazioni dove i bambini non vanno a scuola, ma vengono usati come schiavi fanno tanti figli. potenziare le energie rinnovabili come solare termodinamico ed eolico, Sta già succedendo. Il resto del mondo sta adottando l'eolico grazie al forte impegno dei paesi europei per migliorare la tecnologia e tagliare i costi. affiancandovi massicce dosi di energia nucleare da fissione, Su questo punto sono quasi d'accordo però è un problema tanto complesso che scriverò un post a parte. La cronaca di questi giorni ci dà un piccolo esempio, tutto italiano, di come le scelte popolari possano avere impatti devastanti. Salvare qualche centinaio di ulivi secolari nel sud Italia è certamente desiderabile. Se però il prezzo è impedire la realizzazione dei un secondo gasdotto per l'approvvigionamento del gas, Il fatto che il gas sia tanto più pulito degli altri combustibili fossili è una disinformazione messa in giro dai mezzi di comunicazione. Inoltre spesso i proventi del Gas finiscono per finanziare il terrorismo quindi questo è un combustibile doppiamente sXXXXX, CO2 e sangue. Industrie ferme, elettricità razionata ed abitanti al freddo in tutto il paese. Se non succederà nei prossimi tre mesi è solo perché, per fortuna, l'incidente in Austria pare sia stato meno grave di quello che avrebbe potuto essere. Andando avanti nell'articolo mi viene il sospetto che questo sia il solito pezzo basato su studi psicologici fatti per il lavaggio del cervello, si inizia dicendo qualche cosa di condivisibile per guadagnare l'attenzione e la fiducia del lettore e si finisce propinando quasi di nascosto il messaggio: "Tacete ed accattatevi sto gasdotto, che ce ne frega dei danni".
  • sylvaticus scrive:
    Mhà (cioè non sono d'accordo quasi su n)
    mhà.. lasciando stare i primi modelli dinamici disponibili nel 1972, direi che la "bomba" demografica è già in buona parte "esplosa".. più che di "controllo delle nascite" occorrerebbe garantire istruzione ed indipendenza alle donne, sopratutto in quei pochi paesi in cui il tasso di natalità è ancora molto superiore a quello di mortalità.Riguardo poi alla tua accoppiata di nucleare più rinnovabili, mi spieghi come fanno le rinnovabili da te citate a "coprire i picchi di carico elettrico" ?? Va be che quando fa molto freddo ci sarà anche un po' più di vento o quando fa caldo ci sarà più sole, ma la correlazione tra consumo di elettricità e produzione delle rinnovabili è molto bassa.Il nucleare non si accompagna bene alle rinnovabili: troppo lenta la variazione di produzione in risposta alle variazioni della domanda (o della produzione delle rinnovabili, in ogni caso, di squilibri nel mercato). Quello che serve invece sono delle rinnovabili la cui produzione possa essere variata a seconda del bisogno in tempi previ (biomasse) e sopratutto degli efficienti sitemi di storage energetico o, in parziale alternativa, delle grid elettriche internazionali/intercontinentali che possano smorzare gli sbilanciamenti localizzati.Poi per favore, non prendermi i francesi ad esempio di chiarezza e sintesi: ciò non è matematicamente possibile (detto da uno che in Francia ci vive).
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Mhà (cioè non sono d'accordo quasi su n)
      - Scritto da: sylvaticus
      mhà.. lasciando stare i primi modelli dinamici... ma non trascurando neppure la grammatica italiana pero' ....
Chiudi i commenti