Apple ferma Microsoft

L'azienda non riesce a far passare un accordo antitrust sulle scuole


Baltimora (USA) – Il giudice distrettuale J. Frederick Motz ha bocciato la proposta con cui Microsoft contava di chiudere decine di cause antitrust. Un accordo che prevedeva donazioni di computer e software alle scuole pubbliche americane più povere.

Motz ha accolto esplicitamente le tesi espresse da Apple sostenendo che proprio il mercato della Mela sarebbe messo a rischio dalla “soluzione” proposta da Microsoft. “L’accordo – ha scritto il giudice – solleva domande legittime dal momento che appare come un modo per invadere una parte delle scuole, da quelle inferiori a quelle superiori, mercato nel quale Microsoft non è stato tradizionalmente il più importante fornitore (in particolare se paragonato ad Apple), con software Microsoft e personal computer”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Io invece sono d'accordo! (intervento serio)
    Io sono felice che si sia messa la parola fine alla firma forte all'italiana! La legge italiana mi ricordava la burocratizzazione statale portata nel mondo digitale, con la negazione del concetto dell'autocertificazione e dell'autodeterminazione dell'indentità individuale.Le complesse procedure richieste inoltre, rendevano la firma all'italiana estremamente costosa da implementare e quindi con un costo al cittadino e alle imprese enorme (oltre 50 euro a certificato).Questo ha portato alla pratica inattuabilità della legge ed all'impossibile diffusione della firma digitale in Italia. In Germania e Belgio dove invece vige una legge più simile a quella europea, tanto biasimata nell'articolo, la firma digitale è già una realtà operativa da anni.Una firma digitale più leggera potrà inoltre permettere di accedere al mercato della firma digitale a molte piccole aziende dinamiche e creative, cosa finora impossibile in quanto la firma digitale all'italiana era in pratica riservata alle banche, alle telecom ed alle pubbliche amministrazioni.Questa liberalizzazione della firma digitale, sebbene apra qualche falla a livello di certezza del riconoscimento, ci allontana però fortunatamente dalla visione da Grande Fratello (quello di Orwell) su cui era improntata la vecchia legge. Vedo quindi questa evoluzione come un sano rifiuto di un vetusto approccio burocratizzato e statalista del rapporto tra indiviui che gravava sulla vecchia legge.Luca
  • Anonimo scrive:
    Ecco la mia tesi che finisce nel water!!!
    Pork... proprio ora che ero riuscito a farmi assegnare la tesi sulla firma digitale...Un consiglioNon cercate di specilizzarvi in diritto informatico che tanto cambiano tutto ogni settimana
  • Anonimo scrive:
    non mi sorprendo
    l'attuale governo deve farsi amare in Europa, visto che con la impostazione ed i fatti non ci riesceE allora bisogna fare favori ..... sostenere candidati non Italiani come Giscard ..... con la solita ottica del Cavaliere che ... se non si è d'accordo basta trovare il prezzo per le cose ... perchè nella sua concezione (e probabilmente esperienza di vita) ogni cosa ha un prezzo.
  • Anonimo scrive:
    Devastante...
    Scusate tutti quanti... ma qua la politica c'entra poco. Abbiamo di fronte due testi di legge (il precedente e questa bozza) consultabili da tutti e su questi bisogna riflettere. E c'entra poco anche il discorso dell'Europa... ho seguito il discorso della firma digitale e l'ottimo lavoro dell'Aipa (ancora, ripeto: in questo mio giudizio non c'entra la politica) fin dall'inizio, essendo direttamente coinvolto per il lavoro che faccio.Sto infatti conducendo un progetto di gestione di flussi documentali basato sulla firma digitale e quindi qualcosina ritengo di poterla dire.Innanzitutto è incredibile che vengano cancellati con tanta leggerezza e superficialità anni e anni di lavoro e di investimenti... E chi ha seguito bene tutta l'evoluzione della normativa sa bene che il richiamo dell'adeguamento all'Europa sia pretestuoso; infatti nessuno vieta ai Paesi membri di avere dei propri ordinamenti specifici, pur nel rispetto delle direttive europee. La distanza tra la legislazione italiana, più rigorosa ma soprattutto più sicura ed applicabile, e quella europea non era poi molta. C'erano da sciogliere solo alcuni problemi legati ai certificatori ed altri dettagli di carattere tecnico. Il gap era colmabilissimo ed anzi, erano già state fatte delle proposte per superarlo. Ma qui c'è dietro la volontà di fare un "repulisti" acritico di tutto quanto è stato fatto in passato in nome di un presunto rinnovamento, che ha come capisaldi l'assoluto predominio del mercato e l'assenza di una posizione forte dello Stato nel dettare norme e principi. Questa impostazione è perdente perchè genera confusione (ma come si fa a parlare di "firma digitale forte" e "firma digitale debole" e peggio ancora, ad equipararle?!?) ed è destinata a far perdere altro prezioso tempo, proprio adesso che sembrava che la firma digitale potesse finalmente decollare. L'introduzione nel discorso della crta di identità elettronica, fatta in questo momento, è poi grottesca. La carta di identità elettronica è ancora allo stato embrionale, la firma digitale era già partita.... a meno che, ovviamente, non ci siano altri interessi in ballo sulla carta elettronica...In sintesi, siamo passati da una posizione d'avanguardia ed avanzata nelle proposte e nell'ordinamento ad una posizione di retroguardia, a traino della comunità europea. Almeno tre anni persi, buttati.
  • Anonimo scrive:
    accalorati!
    invece di dibattere sulla notizia ci si accolora sulla politica da bar dello sport.siamo italiani e ci piace solo parlare delle cause perse tanto per dire... Ma per favore! cerchiamo di crescere!
    • Anonimo scrive:
      Re: accalorati!
      E' che a volte quello che fanno quelli li' passa il limite. Trovo gravissimo quanto sta accadendo sulla firma digitale.
  • Anonimo scrive:
    sempre i più imbecilli BRAVI
    sempre i più imbecilli BRAVI
  • Anonimo scrive:
    siamo in Europa
    e quindi ci dobbiamo adeguare, abbiamo l'Euro, etc e non è pensabile che le leggi siano diverso(che poi quella europea è peggio è un altro discorso, ma non si può più permettere ad una nazione di avere comportamenti diversi, anzi non si dovrebbe più permettere l'esistenza di governi nazionali, cosa che qui ne avremmo un gran bisogno ;-) )
    • Anonimo scrive:
      Re: siamo in Europa
      - Scritto da: ishitawa
      e quindi ci dobbiamo adeguare, abbiamo
      l'Euro, etc e non è pensabile che le leggi
      siano diversoSbagliato. Leggi bene l'articolo:"Eppure non ci voleva molto a conciliare la serietà della normativa italiana con l'allegra confusione delle disposizioni comunitarie"ste,ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: siamo in Europa
        però dovrebbe essere una "conciliazione"a livello europeo, sennò che mercato comune si fa se in Italia si "firma"in un certo modo e in francia in un altro (non accettato dall'Italia) etc..Ripeto questo non vuol dire che è meglio uno o l'altro, non li conosco, voglio dire che non mi sembra colpa del governo (anche se mi spiace dirlo....) ma della comunità europea
    • Anonimo scrive:
      Re: siamo in Europa

      e quindi ci dobbiamo adeguare, abbiamo
      l'Euro, etc e non è pensabile che le leggi
      siano diverso
      (che poi quella europea è peggio è un altro
      discorso, ma non si può più permettere ad
      una nazione di avere comportamenti diversi,
      anzi non si dovrebbe più permettere
      l'esistenza di governi nazionali, cosa che
      qui ne avremmo un gran bisogno ;-) )Hai ragione, e' come sull'AirBus o sulle rogatorie: dobbiamo essere tutti "uguali" (e, al solito, alcuni piu' uguali di altri).
  • Anonimo scrive:
    Gia' che c'e'...
    ...potrebbe prendere ad Interim anche l' "autorita' per l'informatica"... D'altronde ci aveva promesso il governo delle tre I:1) I capitali all'estero2) I giudici di milano3) I caxxi mieimica I come internet...
    • Anonimo scrive:
      Re: Gia' che c'e'...
      - Scritto da: Dixie
      ...potrebbe prendere ad Interim anche l'
      "autorita' per l'informatica"... Nei 50 anni in cui "i comunisti" hanno dominato l'Italia non sono riusciti a farer un decimo dei danni che il nostro "ghe pensi mi" è riuscito a compiere in pochi mesi di governo.Bisogna riconoscerlo: in quanto a incapacità e arroganza questa destra italiana non conosce rivali :(
      • Anonimo scrive:
        Re: Gia' che c'e'...
        I "comunisti", non hanno mai dominato l'Italia, una SX moderata con una estrema è stata al potere per 5 anni, purtroppo non mantendo gli uomini votati al loro posto, e non mantenendo il programma votato (personalmente ritengo che un programma o lo si mantiene integralmente, o non lo si mantiene affatto ).Per 50 anni al potere c'è stata sostanzialmente il centro che guarda a SX, leggasi SX DC.Ovviamente una "porzione" di potere è stata data anche alla SX (diversamente era l'instabilità del paese): il famoso consociativismo; ma comunisti al potere in Italia non ci sono mai stati veramente.Questa direttiva è indipendente dal governo attuale, ciò che invece stupisce, è che questo governo ha "battuto i pugni sul tavolo" in EU per alcune questioni, cercando d'imporre gli interessi dell'Italia agli altri (metodo pericoloso), in questo caso non ha fatto nulla. Anche se la direttiva è precedente al gov. stesso, doveva in questo caso alzare la voce, ma si è limitato a copiare sui suoi decreti la direttiva EU.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gia' che c'e'...
      Fatemi capire....se il governo prova a "commentare" qualche cosa sull'euro Voi dite subito : il governo è anti europa unita e bla bla blase il governo decide di allinearsi all'europa sul discorso della firma digitale Voi dite : il governo è anti Italiano e bla bla blama ... da che parte state... per voi ulivisti l'importante è sempre CRITICARE e basta.Parafrasando una nota pubblicità: prendete una decisione chiara anche voi
      • Anonimo scrive:
        Re: Gia' che c'e'...
        Eeeh?!?Ma allora se mi piace la tua cravatta devi piacermi tutto quello che indossi?E se la tua cravatta è un po' troppo gialla e i tuoi calzini un po' troppo rossi il mio cervello entra in loop infinito?Ma perché mai dovrei bere tutto quello che mi passa il partito per cui ho votato?Ogni persona dice cose con cui accordiamo e altre con cui discordiamo... non mi pare difficile da capire.Dove sta il problema?
        • Anonimo scrive:
          Re: Gia' che c'e'...
          Ehm...la fretta mi ha fatto scrivere "accordiamo" invece che "concordiamo"...Musicalità innanzi tutto! :P
      • Anonimo scrive:
        Re: Gia' che c'e'...

        Parafrasando una nota pubblicità: prendete
        una decisione chiara anche voi
        Già presa: Berlusca in galera!
      • Anonimo scrive:
        Re: Gia' che c'e'...
        - Scritto da: EuroFirma
        Fatemi capire....

        se il governo prova a "commentare" qualche
        cosa sull'euro Voi dite subito : il governo
        è anti europa unita e bla bla bla

        se il governo decide di allinearsi
        all'europa sul discorso della firma digitale
        Voi dite : il governo è anti Italiano e bla
        bla blaNon ho detto questo. Ho semplicemente detto che il governo e' incompetente nonostante disponga sempre della "persona giusta al posto giusto"

        ma ... da che parte state... per voi
        ulivisti l'importante è sempre CRITICARE e
        basta.Non sono Ulivista. Ho idee di sinistra ma questo non significa essere ulivisti. Sono abbastanza schifato dalla politica italiana degli ultimi 10 anni.Semplicemente chiedo che chi si candida per governare sappia cosa significa.Perche' il governo dispone di valanghe di ministri e sottosegretari? E tutte le commissioni che ci stanno a fare?Semplicemente perche li' vengono messe le persone ritenute piu' idonee a svolgere un certo incarico e hanno delle competenze in materia, stenderanno le varie bozze (certo, seguendo le direttive del governo in carica) e il compito del Presidente del consiglio e' quello di controllare che tutto venga fatto bene.Io vedo che "il presidente" deve occuparsi di tutto quello che lo interessa e lo diverte (boh, forse non ci sono persone che godono di abbastanza fiducia per fare le prime analisi) e tralascia il resto. Questo recepimento e' indubbiamente fatto a caso (vedi l'articolo su Interlex) probabilmente su un tavolino della bouvette in attesa della colazione.Mi sembra di essere ritornato a scuola, quando si studiava nell'ora di ginnastica.....
        Parafrasando una nota pubblicità: prendete
        una decisione chiara anche voiGia' presa. Vado a votare perche' e' un mio diritto, voto chi ritengo migliore (nel nostro caso tra chi non mi piace e chi mi fa schifo) ma, a prescindere da chi va al governo ESIGO che sia in grado di farlo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gia' che c'e'...
          Commissioni, parlamentari,....burocrazia!E' tempo di accorciare il numero di parlamentari, oltre 600 non servono, di differenziare il compito delle 2 camere, attuando il bicameralismo solo in particolari casi, e togliendo dalla scena inutili commissioni perditempo e enti inutili e dispendiosi.Questo gov. si è proposto anche di far questo, e anche su questi temi si vedràqualche scontro; ma sarà niente rispetto a quella riforma che si è proposto di fare: la Repubblica Presidenziale sull'impronta USA.Già la SX ed il CSX hanno preannunciato barricate ad oltranza, anche ad arrivare ad atti contrari alla legge per bloccare questa riforma. Sarà uno scontro "epocale". Personalmente mi piace la Repubblica Presidenziale, per cui farò il "tifo" per questa riforma, che porterà via un bel pò di burocrazia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gia' che c'e'...
            - Scritto da: BSD_like
            Commissioni, parlamentari,....burocrazia!
            E' tempo di accorciare il numero di
            parlamentari, oltre 600 non servono, di
            differenziare il compito delle 2 camere,
            attuando il bicameralismo solo in
            particolari casi, e togliendo dalla scena
            inutili commissioni perditempo e enti
            inutili e dispendiosi.Il numero dei sottoseg. credo che sia aumentato (ma non sono sicurissimo), le commissioni etc. servirebbero se fossero composte da persone competenti (nella materia della commissione, ovvio) e degne di fiducia (da parte di chi le nomina) e non _come_adesso_ semplicemente finalizzate allo spartimento delle poltrone.
            Questo gov. si è proposto anche di far
            questo, e anche su questi temi si
            vedràqualche scontro; ma sarà niente
            rispetto a quella riforma che si è proposto
            di fare: la Repubblica Presidenziale
            sull'impronta USA.Mah... l'elezione di Bush in Florida non e' stata una grande prova di democrazia e ha messo in luce alcuni difetti del sistema che ci vogliono vendere. In compenso si para anche di ritorno al proporzionale e su quello sarei favorevole (i "meno partiti" del sistema maggioritario sono balle che si sono inventati, non lo avevamo capito ma ce lo hanno gentilmente fatto vedere)
            Già la SX ed il CSX hanno preannunciato
            barricate ad oltranza, anche ad arrivare ad
            atti contrari alla legge per bloccare questa
            riforma. Sarà uno scontro "epocale".
            Personalmente mi piace la Repubblica
            Presidenziale, per cui farò il "tifo" per
            questa riforma, che porterà via un bel pò di
            burocrazia.Come sopra. Ti faccio notare anche che in America non e' remoto che un presidente si ritrovi in minoranza per effetto degli sfasamenti e dell'elezione dei membri del congresso a meta' legislatura, non penso che il Berlusca sia disposto a trovarsi in una situazione simile (gia' adesso, con la maggioranza di cui dispone, grida al complotto ogni mattina....). Eppoi gli americani votanti sono una minoranza degli aventi diritto... insomma credo che la vicenda sia un po' lunga da dibattere e bene fara' chiunque gli dia battaglia... sperando che questo serva comunque a migliorare le regole della democrazia italiana con un giusto dibattito e non con la difesa dell'orto....
          • Anonimo scrive:
            Re: Gia' che c'e'...
            Il fatto che il numero di vot. diminuisca, è tipico di tutti i paesi a democrazia avanzata; ma poi per fortuna non scende mai sotto il 55-60% neanche in USA, almeno per le presidenziali; non escludo che vi siano elezioni meno importanti dove tale limite è superato verso il basso.Poi, il sistema presidenziale è voluto da più dell'80% della popolazione italiana anche elettori/simpattizzanti di CSX; non si capisce perchè se una stragrande maggioranza lo vuole, degli intellettuali e politologi di convinzione opposta debbono impedirlo.Per il numero di partiti e partitini, hai ragione sulla carta, questo sistema li ha aumentati alla presentazione delle liste (maggioritario imperfetto), ma quanti siedono in parlamento? tre forze politiche + 5-6 parlamentari diversi: alla fine il sistema va verso la riduzione del numero di partiti, e piano piano succederà lo stesso anche alla presentazione delle liste stesse.I casini in USA sono dovuti ai metodi scelti per le elezioni, oltrettutto lì vi è "un'uninominale a zone" cioè a Stati per le elezoni presidenziali. Ognuno dei 2 candidati portava le schede non rientranti nei termini di legge al 100% in modo a lui favorevole.Ed è normale trovarsi la maggioranza parlamentare di un colore e la presidenza di un'altro, a meno che non si leghi il parlamento all'elezione presidenziale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gia' che c'e'...
            - Scritto da: BSD_like
            Il fatto che il numero di vot. diminuisca, è
            tipico di tutti i paesi a democrazia
            avanzata; ma poi per fortuna non scende mai
            sotto il 55-60% neanche in USA, almeno per
            le presidenziali; non escludo che vi siano
            elezioni meno importanti dove tale limite è
            superato verso il basso.[scusa se snippo in abbondanza...]Non sono affatto d'accordo con il discorso che fai.Il presidenzialismo all'americana, in tutta onestà, è una cosa che può andare bene agli americani. Non certo a noi.Per via del fatto che l'elezione di una o dell'altra fazione, negli stati uniti, è presa nè più nè meno che come uno scontro tra tifoserie avverse. Non c'è molta differenza tra una partita di football e l'elezione del presidente. (faccio presente che ci vivo in mezzo da quando sono nato, agli americani...)Mal si addice, invece alla nostra nazione, che ha una forte diversificazione di vedute tra le varie componenti politiche, per via di semplice "storia dell'ideologia".Inoltre avere un presidente all'americana farebbe mancare completamente la garanzia di una figura super-partes che sia garante dello stato di diritto (anche se non mi pare che Ciampi stia facendo molto).Mi viene male a pensare che cosa accadrebbe ora in italia se Berlusconi avesse in mano la quantità di potere decisionale che ha in mano Bush. E i danni di un presidente USA mi pare siano facilmente visibili, per stazza...
          • Anonimo scrive:
            Re: Gia' che c'e'...
            - Scritto da: BSD_like
            Il fatto che il numero di vot. diminuisca, è
            tipico di tutti i paesi a democrazia
            avanzata; ma poi per fortuna non scende mai
            sotto il 55-60% neanche in USA, almeno per
            le presidenziali; non escludo che vi siano
            elezioni meno importanti dove tale limite è
            superato verso il basso.[scusa se snippo in abbondanza...]Non sono affatto d'accordo con il discorso che fai.Il presidenzialismo all'americana, in tutta onestà, è una cosa che può andare bene agli americani. Non certo a noi.Per via del fatto che l'elezione di una o dell'altra fazione, negli stati uniti, è presa nè più nè meno che come uno scontro tra tifoserie avverse. Non c'è molta differenza tra una partita di football e l'elezione del presidente. (faccio presente che ci vivo in mezzo da quando sono nato, agli americani...)Mal si addice, invece alla nostra nazione, che ha una forte diversificazione di vedute tra le varie componenti politiche, per via di semplice "storia dell'ideologia".Inoltre avere un presidente all'americana farebbe mancare completamente la garanzia di una figura super-partes che sia garante dello stato di diritto (anche se non mi pare che Ciampi stia facendo molto).Mi viene male a pensare che cosa accadrebbe ora in italia se Berlusconi avesse in mano la quantità di potere decisionale che ha in mano Bush. E i danni di un presidente USA mi pare siano facilmente visibili, per stazza...
          • Anonimo scrive:
            Re: Gia' che c'e'...
            - Scritto da: skull[...]Perchè è uscito doppio???
    • Anonimo scrive:
      Re: Gia' che c'e'...
      - Scritto da: Dixie

      ...potrebbe prendere ad Interim anche l'
      "autorita' per l'informatica"... Che noia questa storia del ministero degli esteri, tutti a dare fiato alla bocca per ogni flautolenza del governo. Sindrome di memoria corta o di "ricordo solo quello che mi piace": quando c'era Dini al governo aveva ad interim sia il tesoro che la giustizia 8vedere il link qui sotto per credere). Ve lo ricordate? Vi pare poco? E chi ha detto qualcosa all'epoca? Nessuno, tutti zitti, nessuno a fare ironia o ad alzare un sopracciglio. Ma in fondo era solo Dini, a chi puo' importare se era anche quello un governo della repubblica? Il vero crimine di Berlusconi per cui lo vogliono in galera e' di aver tolto il potere alla sinistra.Il governo Dini17 Gennaio 1995 - 16 Maggio 1996http://www.parlamento.it/leg/Governi/gov22.htm
      • Anonimo scrive:
        Re: Gia' che c'e'...
        In Italia, purtroppo vi è politica anche sul nulla, in questo non siamo un paese sviluppato.Purtroppo gli ultimi 10 anni hanno visto il quadro politico cambiare, e mutare di conseguenza: merito della fine della guerra fredda. Era inevitabile che ciò coincidesse con uno scontro politico a più livelli: legislativo, giudiziario, etc.Ciò poi viene ad alimentarsi con la cultura tipica dei paesi latini catto-comunisti: il ricco è già di per sè un criminale; "è più facile per un povero passare nella cruna dell'ago, che per un ricco guadagnare il regno dei cieli".Tuttavia questa è una situazione transitoria, e destinata ad esaurirsi soprattutto con l'arrivo nelle leve del potere ed in quelle giudiziarie, della nuova generazione, più distaccata dai fondamenti della cultura dominante.Chi non si ricorda quanti partiti e partitini aveva l'Italia negli anni 92-2001? Alla fine la nostra legge, seppur imperfetta, ma bipolare ha cominciato a funzionare.Ma in questo caso, è inutile sbraitare questioni politiche: vi è una direttiva EU da recepire, il gov. attuale (come quello passato: direttiva del 99) avrebbe fatto bene a non limitarsi a trascrivere banalmente la direttiva in questione, ma a sollevare le problematiche del caso e a chiedere agli altri paesi le modifiche ed il tempo necessario.Per la questione delle rogatorie l'ha fatto; ottenendo per l'Italia il tempo necessario per adeguare la propria legislazione a quella rogatoria, vincolando comè giusto che sia il parlamento (e daltronde, invece di "girare" su ciò per 3 settimane, avrebbe dovuto sollevare la questione subito: non si può pensare che in EU gli altri paesi siano lì per fregare l'Italia, non è corretto nei confronti degli altri paesi membri UE).
      • Anonimo scrive:
        Re: Gia' che c'e'...
        - Scritto da: Ugo


        - Scritto da: Dixie



        ...potrebbe prendere ad Interim anche l'

        "autorita' per l'informatica"...

        Che noia questa storia del ministero degli
        esteri, tutti a dare fiato alla bocca per
        ogni flautolenza del governo. Sindrome di
        memoria corta o di "ricordo solo quello che
        mi piace": quando c'era Dini al governo
        aveva ad interim sia il tesoro che la
        giustizia 8vedere il link qui sotto per
        credere). Ve lo ricordate? Vi pare poco? E
        chi ha detto qualcosa all'epoca? Nessuno,Per conto mio Dini doveva stare a casa dall'inizio. Si chiama "Conflitto di Interessi" (non faccio parti gelose). Ma ricorda anche che Dini e' espressione di un'altro governo:http://www.parlamento.it/leg/Governi/gov21.htmE comunque non mi venire a dire che quel tizio che ha scippato il 20% della mia pensione aveva un governo di sinistra.
        tutti zitti, nessuno a fare ironia o ad
        alzare un sopracciglio. Ma in fondo era solo
        Dini, a chi puo' importare se era anche
        quello un governo della repubblica? Il vero
        crimine di Berlusconi per cui lo vogliono in
        galera e' di aver tolto il potere alla
        sinistra.Il crimine e' quello che si sta facendo unicamente i caxxi suoi. D'altronde il Berlusca e' cresciuto con l'amico Bettino, il quale negli anni 80 ha bruciato le risorse economiche dell'Italia per farsi i suoi interessi (e quelli del figlioccio Silvio, of course). La morale e' che, come al solito, chi lo prendera' nel Cu1o e' chi adesso non ha neanche il diritto di voto. Guardalo in faccia tuo figlio, pensa che quando sara' grande potrebbe chiedere come mai e' stato derubato quando era piccolo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Gia' che c'e'...
        Bravo Ugo! E' ora che questi comunistacci se ne tornino in Sibberia da dove sono venuti!Erano belle le loro di leggi, e quel communista di Dini ciaveva l'Inter in tutti quei ministeri.Ora siamo finalmente al governo e ci resteremo e Berlusconi può fare l'Inter di tutti i ministeri che gli pare, se crede. Figurati se uno come lui, un po' po' di manager che ha messo sù quell'impero, che vince gli scudetti, si preoccupa di fare il ministro in 1 o in 5 o in 10 ministeri. E che ci vorrà mai!E poi basta parlare, in democrazia chi perde non ha diritto di criticare chi vince.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gia' che c'e'...
          - Scritto da: Il coglione n.1
          ......
          Ora siamo finalmente al governo e ci
          resteremo e Berlusconi può fare l'Inter di
          tutti i ministeri che gli pare, se crede.
          Figurati se uno come lui, un po' po' di
          manager che ha messo sù quell'impero, che
          vince gli scudetti, si preoccupa di fare il
          ministro in 1 o in 5 o in 10 ministeri. E
          che ci vorrà mai!Hai ragione. E gli avanza anche del tempo per scrivere canzoni (http://it.news.yahoo.com/020111/27/1p153.html):Venerdì 11 Gennaio 2002, 10:04Qui Palazzo Grazioli/ Tra leggi di riforma e conflitto d'interessi, Berlusconi canta in napoletano.Il disegno di legge sul conflitto di interessi è in calendario a gennaio alla camera, così come i collegati alla finanziaria. Fra i provvedimenti da approvare anche le commissioni parlamentari di inchiesta."Questa riunione - afferma il presidente dei senatori del biancofiore D'Onofrio - dimostra che Berlusconi intende accentuare sempre più il rapporto con la suabase parlamentare. È stata una riunione serena e di collaborazione". Fra i provvedimenti citati di Berlusconi per il primo semestre del 2002 D'Onofrio cita l'ordinamento giudiziario, il Csm, l'Immigrazione, la Scuola, la Sanità, i collegati alla finanziaria, fra cui le deleghe su mercato del lavoro, fisco e pensioni, nonchè il conflitto di interessi.Ma come si addice ad un buon leader, Silvio Berlusconi ha saputo anche staccare la spina al momento giusto, in modo da rendere sempre allegra e vivace la riunione di lavoro. Milanese doc, ha presentato una canzonescritta da lui in dialetto napoletano, con l'accompagnamento di un chitarrista, e si è congedato dai suoi fedelissimi donando ai capigruppo un orologio Cartier in metallo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gia' che c'e'...
            Non solo! Egli fa anche giochi di prestiggio, dice le barzellette e é un sacco simpatico, ispira proprio simpatia a Busc e Bler, nel mondo che conta, non l'europa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gia' che c'e'...
            - Scritto da: Il coglione n.1
            Non solo! Egli fa anche giochi di
            prestiggio, dice le barzellette e é un sacco
            simpatico, ispira proprio simpatia a Busc e
            Bler, nel mondo che conta, non l'europa....sembra quasi un nanetto da circo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Gia' che c'e'...
        Ma a noi, caro Ugo, non ci fregano mica! Andiamo a rivedere quanti inter ciaveva Dini e salta fuori la verità: con tutti quegli inter è chiaro poi che i maggistrati rossi ce l'hanno col cav. Berlusconi che è il presidente del milan!Ma noi diciamo: ora che abbiamo vinto le elezzioni, come si fa in democrazia, decidiamo noi chi devono processare i maggistrati, e l'opposizzione zitta e mosca, se siamo in democrazzia.
        • Anonimo scrive:
          Re: Gia' che c'e'... sempre piu' OT

          maggistrati, e l'opposizzione zitta e mosca,
          se siamo in democrazzia.Ironizza pure, se ti piace e se non hai altri argomenti, tieni conto che gli stessi commenti sarcastici che fai adesso tu, li facevano quelli di centro destra quando si lamentavano che i governi Prodi e D'Alema andavano avanti a colpi di maggiornaza, facendo semplicemente il loro mestiere di governanti (bene o male) con la maggioranza dei seggi. Allora era democrazia, adesso no?Suvvia, due pesi e due misure posso capire che uno li applichi per la parte a cui e' piu' vicino politicamente, ma attaccare sempre Berlusconi per ogni virgola e con mille accuse fa perdere credibilita' alle accuse, non all'accusato.Il livore della sinistra la fa imbarcare in accuse grossolane che suscitano perplessita' piu' che indignazione.Questo fermo restando che il Berlusca non sia il miglior presidente del pianeta e della sotia, ma solo uno dei tanti, per cui i suoi errori possono e devono venir evidenziati.Dixie ha scritto che Dini era espressione di un altro governo. Ma questo, Dixie, che cosa vorrebbe dire, puoi esere piu' chiaro? Che siccome non era Berlusconi gli era permesso tutto?Ancora due pesi e due misure. Che non vi piaccia Berlusconi si e' capito, ma sarebbero opportune un po' di attenzione e saggezza alle critiche ed accuse che gli si muovono, altrimenti la sinistra passa per chi grida al lupo al lupo e presto incolpera' Berlusconi dei terremoti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gia' che c'e'... sempre piu' OT
            - Scritto da: Ugo

            ..........
            Dixie ha scritto che Dini era espressione di
            un altro governo. Ma questo, Dixie, che cosa
            vorrebbe dire, puoi esere piu' chiaro? Che
            siccome non era Berlusconi gli era permesso
            tutto?Dini era ministro del governo Berlusconi 1.Dopo e' diventato Capo di un governo di centro sinistra, ma non aveva nulla a che vedere con la sinistra. (questo intendevo sottolineare)E comunque anche lui ha il suo bel conflitto di interessi, anche se non cosi' palese come l'attuale primo ministro (cioe' la moglie che possiede mezzo costarica... ) e siccome a me non piacciono due pesi e due misure la legge contro il conflitto di interessi dovrebbe riguardare _chiunque_, Berlusconi, Dini, Taormina...
            Ancora due pesi e due misure. Che non vi
            piaccia Berlusconi si e' capito, ma
            sarebbero opportune un po' di attenzione e
            saggezza alle critiche ed accuse che gli si
            muovono, altrimenti la sinistra passa per
            chi grida al lupo al lupo e presto
            incolpera' Berlusconi dei terremoti.Ma io non grido "al lupo al lupo", semplemente sono daccordo con chi dice che gli uomini sono tutti uguali (ma alcuni sono mooolto piu' uguali di altri). Semplicemente se una cosa fa schifo lo dico, e questo governo sta facendo molte piu' cose del precedente in materia. (Ma anche il precedente si e' impegnato... continuando cosi' devo ripescare Andreotti :-(
          • Anonimo scrive:
            Re: Gia' che c'e'...
            le grandi riforme di Berlusconi hanno già sistemato milti della "famiglia"-per i figli la detassazione della successione e delle donazioni-per gli amici ... via il falso in bilancio, le rogatorie, l'indipendenza della magistratura-per gli amici industriali .. via l'articolo 18 ... così anche se non innovano posso fare concorrenza alla produzione del terzo mondo ....-per gli amici .... privatizzare la scuola, la sanità-sempre per gli amici arriveranno le colate di cementoper noi "popolo" cosa ha fatto?-pensioni promesse (vogliamo vedere come va a finire)-pensioni future (ridotte le contribuzioni in un regime che per i giovani è "contributivo" .... pensiamoci su bene)-limite di velocità a 150Kmh (era tanto tempo che lo aspettavamo!!)- ..... forse sbaglio ma non mi viene in mente altro ....d'altra parte quando si mette a posto lui ... del resto cosa gliene frega?
    • Anonimo scrive:
      Re: Gia' che c'e'... sulla firma digitale
      entrando nel merito della firma digitalel'impostazione giuridica della legge sui documenti elettronici in Italia era troppo rigidacome si fa a falsificare i documenti se sono firmati digitalmente, garantiti da una Certification Autority indipendente, resi in definitiva NON RIPUDIABILI e OPPONIBILI A TERZIImmaginatevi come sarebbero veloci le ROGATORIE INTERNAZIONALI .....mi sa che tra un po' in Italia gli unici reati saranno quelli stradali, fiscali di poco conto e i furtarelli ..... potremmo suggerirgli la patente a punti per governare una impresa (dopo 20 infrazioni si cancella la registrazione e si confiscano i beni)... avrebbe ancora il suo impero?
    • Anonimo scrive:
      Re: Gia' che c'e'...
      - Scritto da: Dixie

      ...potrebbe prendere ad Interim anche l'
      "autorita' per l'informatica"... vatti a leggere (a proposito del conflitto di interessi)http://www.camera.it/_dati/leg14/lavori/stampati/sk2000/articola/1865.htm articolo 4 comma 2 punto b"Tali attività sono rilevanti qualora...b) si tratti di impresa esercente mezzi di comunicazione di massa, indipendentemente da qualunque parametro dimensionale"Agnelli puo diventare presidente della repubblica senza avere conflitto di interessi?!?!?!Ma siamo s###i?!?!?
Chiudi i commenti