Apple: Flash no, Lua sì

Cambia ancora l'accordo per gli sviluppatori. Ora da Cupertino potrebbe arrivare qualche permesso scritto per allargare le maglie di iOS. Ma senza esagerare

Roma – È un’altra delle notizie filtrate nei giorni seguenti alla conclusione del WWDC: Apple ha rilasciato una nuova versione del paragrafo con il quale vieta espressamente l’ utilizzo di Flash per creare App per il suo smartphone, e l’ ha fatto per introdurre alcune deroghe alla inviolabilità del SDK promulgata ai tempi del manifesto di Jobs. La decisione è stata probabilmente motivata dalla necessità di concedere agli sviluppatori alcuni margini di manovra, soprattutto a coloro che creano videogiochi.

Il paragrafo incriminato, inizialmente piuttosto netto ( “No interpreted code may be downloaded or used in an Application except for code that is interpreted and run by Applès Documented APIs and built-in interpreter(s)” ), ora è stato allungato e arricchito per prevedere alcune variazioni sul caso: innanzi tutto, Apple ha eliminato l’imperativo categorico con cui vietava espressamente ogni forma di codice differente da quello da lei stessa predefinito. Al suo posto, ora, una formula più rilassata che – nonostante preveda un consenso scritto preventivo da ottenere direttamente da Cupertino – allarga le possibilità a piccole porzioni di codice interpretato purché essenziale e necessario a contribuire al funzionamento dell’app.

“Un’applicazione può utilizzare codice interpretato interno in modo limitato se questo utilizzo avviene esclusivamente per garantire caratteristiche minori o funzionalità in linea con lo scopo primario e definito dell’Applicazione”: come notato da alcuni addetti ai lavori, sotto questa formula si celerebbe nient’altri che Lua , ovvero un linguaggio di scripting (parente del JavaScript) largamente impiegato nell’industria dei videogiochi (ma non solo ), essenziale per il funzionamento di certe categorie di giochi e che difficilmente potrebbe causare problemi a iOS, iPhone o ad Apple stessa. Anche Unity3D , altro pezzo da novanta per i videogame, sarebbe della partita .

Consenso scritto preventivo e necessità inderogabili: la formula scelta da Cupertino in ogni caso sembra escludere ogni possibilità che Flash uscito dalla porta rientri dalla finestra, assieme ad altro middleware di varia provenienza. La decisione di cambiare questo paragrafo (sezione 3.3.2, per la precisione ) sembra discendere direttamente dai postumi del WWDC, probabilmente è il frutto di qualche discussione avuta con gli sviluppatori che ha convinto i tecnici della Mela a ritornare sulla questione.

Altri , in ogni caso, sottolineano come invece sia possibile che l’ indagine portata avanti dall’antitrust USA potrebbe aver costituito uno stimolo ugualmente significativo: la chiusura netta non gioverebbe alla posizione di Steve Jobs e colleghi in seno alla possibile futura inchiesta, da qui l’idea di lasciar aperto qualche spiraglio che renda comunque accettabile la definizione di “piattaforma aperta”.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    10 Watt
    È l'energia consumata dal Mac mini a riposo, quello che tutti hanno criticato perché con quella cifra si "mette insieme un PC coi fiocchi bla bla bla".Si, con quella cifra PIÙ l'energia che consumerà nella sua vita, totale 10 volte tanto.Ma è ovvio che a parlare sono ragazzini che non conoscono ancora il "piacere" di pagare la bolletta Enel.
    • rover scrive:
      Re: 10 Watt
      A riposo funziona benissimo......I server seri servono i client di giorno e sono soggetti al backup di notte, quindi a ripso ci stanno poco. E non mi dire che vengono backuppati mentre lavorano....se hanno 1 client forse, se ne hanno 200 il problema non esiste perchè il tuo oggetto di culto in quanto caso nun je la fà.....
    • Vega scrive:
      Re: 10 Watt
      ma sai di cosa parli????? mac mini costa 800 euro, il pc costa 160 -
      differenza sono 640 euroogni kWh costa 0,3 euro (arrotondato molto per ecXXXXX)quindi vuol dire che con la differenza di prezzo posso consumare 2133 kWh.Io ho un acer che consuma 20W, quindi vuol dire che prima di eguagliare il prezzo del mac mini l'acer può stare acceso 106666 ore.Mettendo che rimanga acceso 8 ore al giorno, vuol dire che potrebbe rimanere acceso per 37 anni consecutivi prima di eguagliare il costo del mac mini!!!!ma quando parli accendi il cervello o pensi che tutti gli altri siano scemi?
      • lordream scrive:
        Re: 10 Watt
        - Scritto da: Vega
        ma sai di cosa parli?????
        mac mini costa 800 euro, il pc costa 160 -

        differenza sono 640
        euro
        ogni kWh costa 0,3 euro (arrotondato molto per
        ecXXXXX)
        quindi vuol dire che con la differenza di prezzo
        posso consumare 2133
        kWh.
        Io ho un acer che consuma 20W, quindi vuol dire
        che prima di eguagliare il prezzo del mac mini
        l'acer può stare acceso 106666
        ore.
        Mettendo che rimanga acceso 8 ore al giorno, vuol
        dire che potrebbe rimanere acceso per 37 anni
        consecutivi prima di eguagliare il costo del mac
        mini!!!!

        ma quando parli accendi il cervello o pensi che
        tutti gli altri siano
        scemi?vedi.. non hai capito ruppolo.. lui si vedeva una server farm interamente fatta di minimac che magari non andranno mai a riposo ma.. potrebbero.. lol
      • attonito scrive:
        Re: 10 Watt
        - Scritto da: Vega
        ma sai di cosa parli?????
        mac mini costa 800 euro, il pc costa 160 -

        differenza sono 640
        euro
        ogni kWh costa 0,3 euro (arrotondato molto per
        ecXXXXX)
        quindi vuol dire che con la differenza di prezzo
        posso consumare 2133
        kWh.
        Io ho un acer che consuma 20W, quindi vuol dire
        che prima di eguagliare il prezzo del mac mini
        l'acer può stare acceso 106666
        ore.
        Mettendo che rimanga acceso 8 ore al giorno, vuol
        dire che potrebbe rimanere acceso per 37 anni
        consecutivi prima di eguagliare il costo del mac
        mini!!!!

        ma quando parli accendi il cervello o pensi che
        tutti gli altri siano
        scemi?mammamia che stramegacalcio nelle palle!Ruppolo e' piegato in due!
    • vivo scrive:
      Re: 10 Watt
      - Scritto da: ruppolo
      È l'energia consumata dal Mac mini a riposo,ed è il doppio di quella che otterresti da un pc con atom o con arm.
      quello che tutti hanno criticato perché con
      quella cifra si "mette insieme un PC coi fiocchi
      bla bla bla".no, non era solo per quello, ma non è che speravamo che tu potessi capire
      Si, con quella cifra PIÙ l'energia che consumerà
      nella sua vita, totale 10 volte
      tanto.No, la metà, ma nella matematica macaca tutto è possibile.

      Ma è ovvio che a parlare sono ragazzini che non
      conoscono ancora il "piacere" di pagare la
      bolletta
      Enel.Perché tu lo conosci?Ma se vivi ancora con mamma e papà!
    • Vega scrive:
      Re: 10 Watt

      Ma è ovvio che a parlare sono ragazzini che non
      conoscono ancora il "piacere" di pagare la
      bolletta
      Enel.come è ovvio che a parlare è uno che non sa nulla di nulla di elettrotecnica....
  • attonito scrive:
    il problema e' nel manico
    windows 95: Pentium 120Mhz, 32Mram, disco da 1GWindows Sette: Dual core 2.8Ghz, 2Gram, disco da 250G.C'e' qualcosa che non funziona.
    • Blender scrive:
      Re: il problema e' nel manico
      sì, il primo dei due
      • attonito scrive:
        Re: il problema e' nel manico
        - Scritto da: Blender
        sì, il primo dei duese installi W95 sul dual core, magari funziona.se install W7 sul P120 DI SICURO NON funziona.
        • Wolf01 scrive:
          Re: il problema e' nel manico
          Hanno installato XP su Pentium Overdrive 83 MHz @ 16/8 MHz downcloccato a 7MHz con 20MB di ram, ci mette 45 minuti ad avviarsi e poi è fermo, però va.http://www.winhistory.de/more/386/xpmini_eng.htmE questo significa che volendo essere pignoli, un sistema operativo potrebbe girare, se fosse ottimizzato veramente, senza problemi pure su un Nokia 3310-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 giugno 2010 10.37-----------------------------------------------------------
          • attonito scrive:
            Re: il problema e' nel manico
            Modificato dall' autore il 16 giugno 2010 10.37
            --------------------------------------------------e che mi dici di W7, invece?
          • Wolf01 scrive:
            Re: il problema e' nel manico
            Che gira sicuramente meglio di Vista e XP a parità di PC.Sinceramente dovrei provare ad installarlo in uno dei 386 che ho a casa per provare effettivamente le prestazioni, ma dubito che sia possibile farlo stare nell'hard disk da 250MB...
    • Alfonso Maruccia scrive:
      Re: il problema e' nel manico
      Uh uh uh, immagino immagino. Il primo PC lo prenderei volentieri io per la mia collezione :-P
      • secondavita scrive:
        Re: il problema e' nel manico
        io il primo ce l'ho davvero in cantina... quanto paghi?
        • Alfonso Maruccia scrive:
          Re: il problema e' nel manico
          Pochissimo, visto che sei così interessato :-P
          • devil64 scrive:
            Re: il problema e' nel manico
            - Scritto da: Alfonso Maruccia
            Pochissimo, visto che sei così interessato :-PAlfonso un pochino di invidia:286 con HD da 40MB, 2,688MB Ram e ... doppio floppy 1,2MB e 1,4MB.Con il case che si apre come il cofano delle auto...Che fai rosichi?Ah, dimenticavo funzionante!!!.Un pezzo da museoCiao
          • Alfonso Maruccia scrive:
            Re: il problema e' nel manico
            Nessuna invidia, il mio 286 a 16 MHz con HD da 40 Gigabyte e doppio floppy (5 pollici e mezzo e 3 e un quarto) mi attende in garage :-P
        • Wolf01 scrive:
          Re: il problema e' nel manico
          Ce l'ho pure io ma con Win 3.1 e non lo vendo manco per il XXXXX :DMi serve per far girare i vecchi giochi DOS come si faceva realmente una volta, altro che DosBox :D
          • panda rossa scrive:
            Re: il problema e' nel manico
            - Scritto da: Wolf01
            Ce l'ho pure io ma con Win 3.1 e non lo vendo
            manco per il XXXXX
            :D
            Mi serve per far girare i vecchi giochi DOS come
            si faceva realmente una volta, altro che DosBox
            :DWin 3.11 gira benissimo sotto dosbox, e pure dentro Ubuntu.Solo che ho dovuto installare dentro win 3.11 una utility che si chiama Calmira II che ne trasforma l'intefaccia in una simile a win 95, che quella di win 3.11 non riuscivo piu' ad usarla :$
          • Wolf01 scrive:
            Re: il problema e' nel manico
            Si ma vuoi mettere toccare l'hardware originale?È come mettere le mani su un calcolatore meccanico di Babbage o su una macchina Enigma reale invece che emulati :D :D :D
          • panda rossa scrive:
            Re: il problema e' nel manico
            - Scritto da: Wolf01
            Si ma vuoi mettere toccare l'hardware originale?
            È come mettere le mani su un calcolatore
            meccanico di Babbage o su una macchina Enigma
            reale invece che emulati :D :D
            :DQuell'hardware li' di una dozzina di anni fa era molto piu' maneggevole, e molto meno integrato.Le motherboard facevano solo le motherboard, e bisognava slottarci dentro tutto: controller per i dischi, scheda audio (di quelle che settavi l'interrupt coi dip switch), perfino schede seriali e parallele.E poi si configuravano a mano i drivers, nel config.sys!E c'erano i giochini vecchi che vedevano la scheda audio solo sull'IRQ5 e non sul 7 e allora bisognava fare in modo che il sistema la vedesse sul 5!Altro che elaboratori meccanici!La prima generazione di PC pretendeva delle competenze molto piu' ampie di quelle odierne.Se non sapevi aprire il case e capire che cosa c'era dentro, non risolvevi gran parte dei problemi.Oggi invece le problematiche si sono spostate dall'hardware al sistema operativo, con la differenza non da poco che mentre il case si poteva aprire per metterci le mani, oggi il sistema operativo che non funziona e' chiuso e le mani non ce le puoi mettere.
          • Wolf01 scrive:
            Re: il problema e' nel manico
            Ahhh cari vecchi floppy di boot...
    • Francy scrive:
      Re: il problema e' nel manico
      Te ne dico un altra, Commodore 64, 64k di ram, cpu 6510 , senza disco rigidoC'è qualcosa che non funziona- Scritto da: attonito
      windows 95: Pentium 120Mhz, 32Mram, disco da 1G
      Windows Sette: Dual core 2.8Ghz, 2Gram, disco da
      250G.

      C'e' qualcosa che non funziona.
      • attonito scrive:
        Re: il problema e' nel manico
        - Scritto da: Francy
        Te ne dico un altra, Commodore 64, 64k di ram,
        cpu 6510 , senza disco
        rigido
        C'è qualcosa che non funziona
        - Scritto da: attonito

        windows 95: Pentium 120Mhz, 32Mram, disco da 1G

        Windows Sette: Dual core 2.8Ghz, 2Gram, disco da

        250G.



        C'e' qualcosa che non funziona.(A parte il quoting, e va behhh.)Per il resto: stai confrontando sistemi a 8 e a 32 bit, con scopi distinti.MAgari credi di aver detto una XXXXXXX, ma non hai tutti i torti. I sistemi a 8 bit, a 1-2Mhz di clock, proprio perche limitati, avevano software forteente ottimizzato.Con windows invece i programmatori cosa vanno? semplice, alzano i requisiti minimi! Ma e' possibile che per una XXXXX di software di videoscrittura devo avere in dualcore a 2.5Ghz altrimenti windows va come una lumaca zoppa??!?!Il fatto e' che il sistema operativo, solo per se setesso, RUBA una grossa percentuale di risorse, cosi tu comri un pc nuovo, che verra inchiodato dal prossimo sistema operativo, che ti fara' comprare un pc piu' grosso, etc etc.(sicuramete adesso saltera' fuori il solito XXXXXXXX che comincera' a blaterare di "e' la naturale evoluzione informatica", "sei rimasto alle caverne", etc etc, etc)
        • panda rossa scrive:
          Re: il problema e' nel manico
          - Scritto da: attonito
          Con windows invece i programmatori cosa vanno?
          semplice, alzano i requisiti minimi!No, aspetta, non nominare i programmatori.Chi compie quegli abomini non e' un programmatore, ma uno sparagestionali.Il mio codice, ancora oggi e' ottimizzato e retrocompatibile su qualunque versione di windows a 32 bit, e potrebbe essere compilato pure a 16 bit se il compilatore comunque gestisce gli indirizzamenti a 32 bit.E naturalmente e' portabile.Basta semplicemente non utilizzare frameworks su frameworks (e naturalmente occorre essere programmatori).
    • Ittiointerp rete scrive:
      Re: il problema e' nel manico
      http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2901072Ma allora hanno frenato o spinto la necessità di hardware più potente?
    • Damage92 scrive:
      Re: il problema e' nel manico
      - Scritto da: attonito
      windows 95: Pentium 120Mhz, 32Mram, disco da 1G
      Windows Sette: Dual core 2.8Ghz, 2Gram, disco da
      250G.

      C'e' qualcosa che non funziona.Sono d'accordo. Ovviamente il paragone è esagerato, ma il concetto c'è.Però il prodotto che stanno sviluppando sembra comunque una buona idea. Anche se le stime di risparmio sembrano assurde! Quanti usano il WoL in un ufficio?
      • rover scrive:
        Re: il problema e' nel manico
        L'idea non è male. Molto dipenderà comunque dai tecnici IT che hanno in gestione le reti aziendali
        • attonito scrive:
          Re: il problema e' nel manico
          - Scritto da: rover
          L'idea non è male. Molto dipenderà comunque dai
          tecnici IT che hanno in gestione le reti
          aziendaliPustroppo i Tecnici IT devono fare quello che decidono i manager IT che di IT non capiscono un XXXXX di niente e fanno qeullo che leggono al XXXXX su PC professionale....
          • panda rossa scrive:
            Re: il problema e' nel manico
            - Scritto da: attonito
            - Scritto da: rover

            L'idea non è male. Molto dipenderà comunque dai

            tecnici IT che hanno in gestione le reti

            aziendali
            Pustroppo i Tecnici IT devono fare quello che
            decidono i manager IT che di IT non capiscono un
            XXXXX di niente e fanno qeullo che leggono al
            XXXXX su PC
            professionale....Quanto ti invidio che da te i manager IT sono cosi' preparati.Dal mio ultimo cliente era molto peggio, e invece di documentarsi su PC professionale, si documentavano sulle brochures M$
    • Wolf01 scrive:
      Re: il problema e' nel manico
      È la stessa cosa che dico io nel campo degli smartphone.Com'è possibile che uno smartphone del calibro di un HTC HD2 o iPhone abbiano problemi col multitasking?Uno con più applicazioni diventa quasi ingestibile, l'altro fino a poco tempo fa manco lo permetteva appunto per evitare questa eventualità e lo spreco energetico (così dissero).Però un PC con il 25% delle risorse hardware fa girare Win 95 e si riescono pure a vedere filmati, multitasking, navigare su internet.C'è qualcosa, e sottolineo qualcosa che non funziona lato software.
      • fox82i scrive:
        Re: il problema e' nel manico
        Politiche commerciali....La storia del risparmio energetico sui smartphone è pura co......a.
Chiudi i commenti