Apple gioca col fisco

Il New York Times mostra nei dettagli le strategie fiscali che permettono a Cupertino di schivare diverse tasse a stelle e strisce

Roma – Apple avrebbe adottato tecniche per evadere quanto dovuto al fisco: in particolare è il New York Times a puntare il dito contro l’azienda con la Mela che, per tenere il suo patrimonio lontano dalle grinfie dell’esattore più severo, risulta avere sede fuori dalla California.

Sembra un caso analogo a quello che vede Google guardata con sospetto dalle autorità fiscali di diversi paesi tra cui Italia , Francia , Regno Unito , Turchia , Stati Uniti e Cina . Il fatto è che Google, Apple e altre aziende come Microsoft (a cui si fanno per lo stesso motivo i conti in tasca) o Amazon, sono soggetti multinazionali con sedi dislocate in diversi paesi che differiscono per normative e regimi fiscali: questo, sostanzialmente, permette loro di aggirare quelli più invadenti per le loro casse grazie a strategie ( note come Doppio Irlandese e Panino Olandese ), peraltro in buona parte legali, e sistemi estesi di trasferimento di ricavi societari a sussidiarie e aziende di facciata.

Nel caso di Apple, tuttavia, l’ultima accusa la vede spostare sulla carta la sua sede fuori dalla California, ma non dagli Stati Uniti: mentre ci si riferisce normalmente all’azienda come “Cupertino”, sarebbe teoricamente più corretto parlare di “Reno”. La città del Nevada, infatti, ospita un ufficio più piccolo di Apple ma vede lì dirottati i suoi introiti, in modo tale – suggerisce l’inchiesta del NYT – da evitare l’imposta sul reddito delle società, che in California è pari all’8,84 per cento, mentre in Nevada è uguale a zero.
Inoltre il 70 per cento dei suoi profitti è allocato all’estero (e legato dunque alla produzione straniera e alle vendite internazionali).

Tutte queste mosse, secondo i calcoli di uno studio condotto dall’ex economista del Dipartimento del Tesoro statunitense Martin A. Sullivan, avrebbero permesso ad Apple di risparmiare 2,4 miliardi di dollari di tasse.

Da parte sua, Apple ha risposto all’attenzione che le è stata dedicata parlando di quanto pagato in totale, tra tasse federali e statali (quasi 5 miliardi di dollari), e del valore dei posti di lavoro che crea e che ha contribuito a creare , come i 500mila legati alla cosiddetta “app economy”.

Un discorso simile di bilanciamento fra costi e benefici derivanti dal creare posti di lavoro è stato peraltro fatto dalle autorità di San Francisco nell’offrire a Twitter incentivi fiscali per farle mantenere la sua sede in città.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • DavideNx scrive:
    per il Detrattore
    Prego il Detrattore di andare a leggersi in un dizionario italiano il significato della parola 'censura' lo troverà sicuramente interessante e magari potrà fare repliche più sensate in futuro.Penso che i cittadini di qualsiasi nazione abbiano la libertà e facoltà di capire se una notizia sia vera o falsa (sopratutto se proveniente da un blog e non da una testata giornalistica)Se lo stato gestisce per i suoi cittadini questa libertà ecco che allora vi è una censura.Probabilmente vi sono nazioni (Cina ad esempio) in cui questa pratica è molto diffusa e guarda caso sono tutte nazioni ex-comuniste. Col suo intervento quindi si è dimostrato molto più comunista del sign. Mantellinips. questa stessa libertà le ha inoltre permesso di esprimere la sua opinione sull'articolo cosa che invece le sarebbe impossibile laddove la censura operasse come lei stesso vorrebbe-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 maggio 2012 22.48----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 maggio 2012 22.53-----------------------------------------------------------
    • Il Detrattore scrive:
      Re: per il Detrattore
      La censura qui non c'entra proprio nulla, io sto parlando di copyright e di diffamazione a mezzo stampa/web.
      • Sgabbio scrive:
        Re: per il Detrattore
        (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • DavideNx scrive:
        Re: per il Detrattore
        Se ti informi (oltre che leggere come già ti ho pregato il significato di censura sul vocabolario della lingua italiana) sulla questione prima di intervenire magari è buona cosa :)Come ben ignori è già previsto dal sistema legislativo italiano i reati di diffamazione & simili (che comprendono anche tutto il vasto mondo di internet)... pertanto vedendo la tua ignoranza in materia e in te il solo tentativo di creare polemiche eviterò ulteriormente di ascoltare le tue repliche. Se avrai altri dubbi ti basterà rileggerti le mie due risposte qui presenti- Scritto da: Il Detrattore
        La censura qui non c'entra proprio nulla, io sto
        parlando di copyright e di diffamazione a mezzo
        stampa/web.
  • Il Detrattore scrive:
    Mantellini e' in mala fede !
    Mantellini, il fulcro della questione e' che se un blog e' letto da migliaia o decine di migliaia di lettori di fatto e' un media e anzi ha una diffusione molto piu' grande di alcuni giornali cartacei, radio, e TV regionali.Concordera' quindi che ci si aspetti chi gestisce tale blog a rispettare le stesse regole a cui sono sottoposti i giornalisti e i direttori di giornali, non solo riguardo l'obbligo di rettifica ma anche sulle responsabilita' penali e civili.L'alternativa e' l'attuale far west in cui operano i blogs : notizie taroccate, foto photoshoppate, false voci di corridoio, falsi scoop, disinformazione, psy-ops, e chi piu' ne ha piu' ne' metta, in totale impunita' tanto piu' se il blog e' su server stranieri e gli autori vivono in paesi extra-EU e si fanno un baffo non solo di materiali protetti da copyright che loro rubacchiano in rete ma anche di eventuali denunce per diffamazione.Di fatto quindi, lei e molti altri sostengono l'illegalita' e confondono il diritto di critica e di opinione col la liberta' di sXXXXXXXre e di infangare anonimamente e impunemente, gridando pero' allo scandalo quando lo stesso fanno i vostri oppositori politici e ideologici.Mantellini, lei e' il solito ex comunista frustrato e confuso.
    • Penelope2 scrive:
      Re: Mantellini e' in mala fede !
      - Scritto da: Il Detrattore
      Mantellini, il fulcro della questione e' che se
      un blog e' letto da migliaia o decine di migliaia
      di lettori di fatto e' un media e anzi ha una
      diffusione molto piu' grande di alcuni giornali
      cartacei, radio, e TV
      regionali.Interessante affermazione. Come dire: se il weblog è letto da poche persone, eventuali reati (in genere si parla di diffamazione, ma talvolta esistono anche le minacce e l'istigazione a delinquere) non sussistono. Il nuovo Diritto Penale... :)La questione va messa nella sua giusta prospettiva: se l'articolo è letto da poche persone, il danno, in caso di reato, è minimo. <B
      Però c'è </B
      . Se un articolo verrà letto dal figlio o dalla figlia della persona insultata, magari ignaro delle circostanze che hanno scatenato quella battaglia, in proporzione i rapporti interpersonali si guastano ancor più che se lo avessero letto migliaia di persone senza alcun rapporto di conoscenza con la vittima.
      Concordera' quindi che ci si aspetti chi gestisce
      tale blog a rispettare le stesse regole a cui
      sono sottoposti i giornalisti e i direttori di
      giornali, non solo riguardo l'obbligo di
      rettifica ma anche sulle responsabilita' penali e
      civili.Ecco, forse ti deluderà sapere che già oggi è possibile portare in tribunale chi si rende responsabile di reati commessi su internet. Ed è capitato più volte. Idem per azioni che possono dare inizio a una causa civile.Il problema è casomai identificare il responsabile; e non mi sembra che questa legge introduca avanzati mezzi tecnologici per dare sempre un nome e un cognome a chi scrive cosa. Chi agisce in malafede, e si nasconde dietro l'anonimato, lo faceva prima, e continuerà a farlo anche dopo la legge. Semplicemente. :|
      L'alternativa e' l'attuale far west in cui
      operano i blogs : notizie taroccate, foto
      photoshoppate, false voci di corridoio, falsi
      scoop, disinformazione, psy-ops, e chi piu' ne ha
      piu' ne' metta, Sarò malizioso, ma vedo la perfetta rappresentazione di alcuni giornali che so io. Boccaccia mia statti zitta... :p
      tanto piu' se
      il blog e' su server stranieri e gli autori
      vivono in paesi extra-EU e si fanno un baffo Anche in Paesi della UE. Non è prevista l'estradizione (mandato d'arresto europeo) per reati minori all'interno dello spazio Schengen. E normalmente, se non si tratta di siti di terrorismo, i reati commessi sul web sono reati minori (diffamazione, minacce...).
      non
      solo di materiali protetti da copyright che loro
      rubacchiano in rete Qui stai andando fuori tema, perché la legge si occupa d'altro.Comunque le norme sulla violazione del diritto d'autore sono piuttosto severe un po' ovunque, oggi. Almeno sulla carta. Essere residenti all'estero non protegge.
      ma anche di eventuali denunce
      per
      diffamazione.Che, ripeto, sono già possibili adesso, e non sono nemmeno rare.https://www.google.com/search?q=condannato+blogger+diffamazione&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rlsQuesta legge vorrebbe anche tentare di mettere un freno alle cause per diffamazione, istituendo la pronta rettifica di notizie sbagliate, in modo che la parte lesa non sia obbligata ogni volta a rivolgersi ai tribunali.Qui su PI io vedo una critica al <B
      come </B
      : si usa la vanga anziché il pettine, si prevedono pene draconiane, col rischio che vada di mezzo chi non c'entra nulla. Non una critica al <B
      cosa </B
      .
      • Sgabbio scrive:
        Re: Mantellini e' in mala fede !
        non sono daccordo con dettrattore, perchè vive di luoghi comuni, ma non sono nemmeno d'accordo con te su alcune cose.Questa legge sulle retifica è draconiana, perchè non sono non fa distizioni tra testate giornalistiche vere e proprie e blog amatoriali, ma obbliga a tutti, tempi improponibili, al di fuori del giornalismo professionista.Chiedere una rettifica entro 48 è una mostruosità per i blog fatti per passione, da gente normale, basta che tu sia via per le vacanze o peggio hai connessione o pc fuori uso e sei fattuto.Tra l'altro tale legge permetterebbe rettifiche a pioggia, senza nemmeno un senso logioco. Chinque può chiedere la rettifica, anche su fatti veri!Ti ricordo che sul web ci sono molti piagnonni con un ego smisurato, che quando si sentono condraddetti, cominicnano a mandare denunce a destra e a manca.Potrei ricordarti come molti blog vengono chiusi per diffamazioni inesistenti, accadrà che molti blog verranno chiusi per continue e ripetute rettifiche.Se si voleva limitare le cause per diffamazione, bastava cambiare la legge, rendendola a prova di frignone, ad esempio, se il tizio diffamato contesta un blog, che però dice cose vere, la denuncia diventerebbe nulla.Se in caso si va in tribunale, l'accusatore che si ritrova in palese torto, deve risarcire l'accusato con una cauzione depositata in precedenza e pagargli le spese legali.Facendo cosi, vedrai che si faranno denunce su chi fa realmente diffamazione.
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: Mantellini e' in mala fede !
          - Scritto da: Sgabbio
          Chiedere una rettifica entro 48 è una mostruosità
          per i blog fatti per passione, da gente normale,
          basta che tu sia via per le vacanze o peggio hai
          connessione o pc fuori uso e sei
          fattuto.Pensa a chi ha la vita distrutta per un post messo su un blog e che non viene rettificato. Se uno vuole avere un blog deve prendersi le sue responsabilità. A parte poi che con gli smartphone uno può controllare i messaggi da qualunque parte del mondo e gli alberghi offrono il wifi per chi vuole usare il notebook.
          • Il Detrattore scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            appunto, responsabilita' penale e civile.e ripeto, il problema non sono solo le notizie tarocche ma anche foto, fotomontaggi, video, podcast, articoli veritieri ma infarciti di commenti dei lettori del tutto infamanti o magari con nomi cognomi indirizzi di casa e telefono della vittima ...tutto questo succede ogni giorno in totale impunita' e molti lo scroprono magari dopo mesi o anni perche' un amico lo ha scoperto per caso cercando su google !e magari il blog in questione nel frattempo non esiste manco piu' ma ci sono decine di copie cache e mirroring in giro su siti magari cinesi o russi .. auguri !chi paga ? chi e' responsabile ? vi sembra legale ? vi sembra giusto ?Mantellini, con i tuoi articoletti corri il rischio che ti prendano alla lettera e finiscano per usare il web come piattaforma per dare sfogo ai loro bassi istinti, finendo poi in tribunale e giustamente, magari increduli di ricevere una denuncia perche' convinti da te e mille altri zeloti libertari che sul web non ci siano regole.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)non meriti altre risposte, guarda.Stai mischiando certe cose con altre.La diffamazione in italia anche sul web è già punita, il vero problema è che l'attuale legge sulla diffamazione e abusata verso cause inesistenti, mentre chi veramente diffama, non viene mai toccato.Non è certo ammazzare i blog che si risolve il problema
          • Sgabbio scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Pensa a chi ha la vita distrutta per un post
            messo su un blog e che non viene rettificato. Se
            uno vuole avere un blog deve prendersi le sue
            responsabilità. A parte poi che con gli
            smartphone uno può controllare i messaggi da
            qualunque parte del mondo e gli alberghi offrono
            il wifi per chi vuole usare il
            notebook.A parte che uno che va in vacanza, non è di certo obbligato a portarsi dietro un notebook, come per comprarlo. poi lasciamo perdere gli smartphone, che moltissime app per gestire blog e affini sono innusabili.Poi parliamo di vite distrutte per una mancaza di retifica di un blog ai tempi d'internet dove puoi leggere più fonti ?Che poi da quel che ho notato in italia, le vere diffamazioni, pure ripetute rimangano pressoche impunite in italia...vedere "loredana morandi", per capire di cosa intendo :D
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: Dottor Stranamore


            Pensa a chi ha la vita distrutta per un post

            messo su un blog e che non viene
            rettificato.
            Se

            uno vuole avere un blog deve prendersi le sue

            responsabilità. A parte poi che con gli

            smartphone uno può controllare i messaggi da

            qualunque parte del mondo e gli alberghi
            offrono

            il wifi per chi vuole usare il

            notebook.

            A parte che uno che va in vacanza, non è di certo
            obbligato a portarsi dietro un notebook, come per
            comprarlo. poi lasciamo perdere gli smartphone,
            che moltissime app per gestire blog e affini sono
            innusabili.
            Se usi app scarse è un problema tuo.
            Poi parliamo di vite distrutte per una mancaza di
            retifica di un blog ai tempi d'internet dove puoi
            leggere più fonti
            ?
            Che poi da quel che ho notato in italia, le vere
            diffamazioni, pure ripetute rimangano pressoche
            impunite in italia...vedere "loredana morandi",
            per capire di cosa intendo
            :DEppure l'intera nazione ancora crede che un certo ministro abbia fatto dei lavoretti orali a un ex-premier solo perché in un'intercettazione si parlava di un certo B******O. Peccato che era il suo amante e non era il gesto che molti hanno creduto. Quanto i blog hanno marciato su questo senza poi rettificare?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            contenuto non disponibile
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dottor Stranamore


            Eppure l'intera nazione ancora crede che un
            certo

            ministro abbia fatto dei lavoretti orali a un

            ex-premier solo perché in un'intercettazione
            si

            parlava di un certo B******O.

            Effettivamente il poveretto non aveva alcun mezzo
            per
            replicare.
            Hai ragiorgio.
            Come sempre.Mi sa che non hai capito un ca... come al solito.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            contenuto non disponibile
        • Penelope2 scrive:
          Re: Mantellini e' in mala fede !
          - Scritto da: Sgabbio
          non sono daccordo con dettrattore, Povera grafia italiana: d'accordo. Detrattore.
          Questa legge sulle retifica è draconiana, perchè
          non sono non fa distizioni tra testate
          giornalistiche vere e proprie e blog amatoriali,
          ma obbliga a tutti, tempi improponibili, al di
          fuori del giornalismo
          professionista.Sintassi e ortografia un po' zoppicanti ("retifica", "distizione"), ma ho capito il concetto.Ho già discusso con l'utente Voluisti birotam degli aspetti pratici di questa disposizione di legge, che sono gli unici che mi interessano. Nel senso: delle dietrologie me ne infischio. E ho sostenuto, spero in maniera convincente, che nessun giudice applicherà alla lettera la disposizione delle 48 ore entro l'invio della richiesta. Tale disposizione manca di una serie di requisiti (proporzionalità, <I
          ratio </I
          della norma, applicabilità nella pratica), e anche se venisse approvata così come è ora, non avrebbe pressoché alcuna conseguenza in quanto snobbata dai giudici monocratici.
          Tra l'altro tale legge permetterebbe rettifiche a
          pioggia, senza nemmeno un senso logioco. Chinque
          può chiedere la rettifica, anche su fatti
          veri!Non proprio. La rettifica è un istituto che esiste, per la carta stampata, dal 1948. È una procedura rodata, insomma, e c'è anche un discreta giurisprudenza. Nessuno manderebbe a un giornale una richiesta di rettifica perché, tanto per dire, la recensione al suo nuovo brano rap non gli è piaciuta. E non c'è ragione per credere che sarà diverso col web.Tra l'altro non vedo nemmeno questo gran danno: qualcuno chiede il diritto di rettifica, il weblogger, o gestore del proprio sito la pubblica... e i lettori si fanno una risata. :-) Gli utenti non sono scemi, sanno distinguere fra chi esercita un legittimo diritto, per tutelare l'immagine e/o l'autorevolezza, e chi cerca solo di buttare tutto in caciara.
          Ti ricordo che sul web ci sono molti piagnonni
          con un ego smisurato, che quando si sentono
          condraddetti, cominicnano a mandare denunce a
          destra e a
          manca.Esatto. E c'erano anche prima dell'era internet. Solo che lo facevano contro i giornali, le radio, le tv...Il fatto che ci sia gente che abusa del diritto non significa che tale diritto debba cessare (il diritto di rettifica). Qui il problema è <B
          come </B
          viene adattato tale diritto ai nuovi mezzi: decisamente alla carlona. Giusto protestare su questo, ma non confondiamo i due ambiti.Esempio classico: anche adesso, senza scomodare internet, ci sono donne che accusano stupri mai avvenuti, o datori di lavoro che denunciano i dipendenti di aver rubato materiale dell'azienda allo scopo di liberarsene. Bieche manovre, siamo d'accordo. Ma dovremmo abolire il reato di violenza sessuale e di furto a causa di questi episodi?
          Potrei ricordarti come molti blog vengono chiusi
          per diffamazioni inesistenti, accadrà che molti
          blog verranno chiusi per continue e ripetute
          rettifiche.No, non "potrei": puoi. Mandami qualche link di weblog chiuso a causa di una diffamazione inesistente, che è già stata confermata in grado di appello e, eventualmente, in Corte di cassazione.Altrimenti qui si discute di leggende urbane.
          Se si voleva limitare le cause per diffamazione,
          bastava cambiare la legge, rendendola a prova di
          frignone, ad esempio, se il tizio diffamato
          contesta un blog, che però dice cose vere, la
          denuncia diventerebbe
          nulla.Ma è già così!Non è che per il fatto che una persona ha soldi da spendere con l'avvocato ottiene automaticamente ragione in un'aula di tribunale. Perché esista la diffamazione, ci deve essere un testo obiettivamente infamante, o insultante, o denigrante, scritto da una persona precisa.E non è necessario istituire la caparra, perché chi perde in una causa per diffamazione già oggi deve accollarsi le spese processuali.
          • Il Detrattore scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            vi sbagliate.la denuncia per diffamazione la vittima puo' farla ANCHE se la notizia fosse vera, basta che lui si senta discriminato o che affermi di aver subito un danno.che poi in tribunale perda la causa e' secondario o che gli risarciscano 50 euro simbolici, resta sempre un suo diritto, ad esempio articolo con notizia vera e confermata da fonti attendibili ma accompagnata da fotomontaggio che lo sXXXXXXX, o a sfondo razziale, etc ... la lista e' infinita e non si limita al fatto di notizia vera o falsa, ci sono mille modi subdoli per diffamare, anche senza fare nomi e cognomi.voi e Martellini invece difendete il sedicente diritto di trolls, bimbominkia, minorenni XXXXioli e brufolosi, infami, delinquenti, e manipolatori mediatici di usare il web per distruggere le persone impunemente spacciando il tutto come conquista di civilta' !
          • Sgabbio scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            La prima parte dici una cosa sensata, poi il resto del tuo post, dici assurdità.
          • Il Detrattore scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            capirai, detto da un 13enne brufoloso e XXXXXXXX.fosse per me andrebbe chiesta copia del passaporto a chi si registra su un sito, se non altro per tenere i minorenni fuori dai XXXXXXXX.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Il Detrattore
            capirai, detto da un 13enne brufoloso e XXXXXXXX.
            fosse per me andrebbe chiesta copia del
            passaporto a chi si registra su un sito, se non
            altro per tenere i minorenni fuori dai
            XXXXXXXX.FEGATO SPAPPOLATO :D :D :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            Di certo cosi, di squalifichi totalmente :D
          • Penelope2 scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !

            vi sbagliate.Non so a chi sia riferito, quella seconda persona plurale. Sono una persona sola. Comunque rispondo.
            la denuncia per diffamazione la vittima puo'
            farla ANCHE se la notizia fosse vera, basta che
            lui si senta discriminato o che affermi di aver
            subito un
            danno.Dove hai studiato diritto penale, tanto per sapere?Una diffamazione a causa di discriminazione è una novità assoluta, e credo per qualsiasi codice penale, non solo quello italiano.Non ho mai scritto che le affermazioni vere non siano passibili di querela di diffamazione. Ma, appunto, devono contenere un'affermazione denigratoria (Tizia è una prostituta da 500 all'ora, Caio si fa tutti gli uomini della discoteca gay locale in una sera...), che attiene generalmente solo alla sfera privata: insomma, non c'entra nulla col diritto di cronaca, né col diritto di critica.Parallelamente, è diffamazione scrivere che una persona è un ladro se una condanna per furto non è mai stata pronunciata. Può essere il più grande ladro del mondo, ma la legge sul punto è chiara.
            che poi in tribunale perda la causa e' secondarioSecondario per chi ha soldi da buttare dalla finestra. Non credo che tutti i lettori di PI siano in questa situazione.
            o che gli risarciscano 50 euro simbolici, resta
            sempre un suo diritto, ad esempio articolo con
            notizia vera e confermata da fonti attendibili ma
            accompagnata da fotomontaggio che lo sXXXXXXX, o
            a sfondo razziale, etc ... la lista e' infinita e
            non si limita al fatto di notizia vera o falsa,
            ci sono mille modi subdoli per diffamare, anche
            senza fare nomi e
            cognomi.Tutte fattispecie che la legge attuale già prevede. Non c'è bisogno di inventarsene una nuova, né di brandire come un'ascia il diritto di rettifica entro 48 ore. Intendo dire: già ora, se il responsabile di un weblog riceve via e-mail una richiesta formale di cancellare o modificare una notizia diffamatoria, lo fa, se ha la testa sulle spalle e non vuole rischiare di essere trascinato in tribunale. E, se non lo fa oggi perché è cocciuto, ho qualche dubbio che una legge sgangherata come il diritto di rettifica entro 48 ore lo faccia diventare più malleabile.
            voi e Martellini invece difendete il sedicente
            diritto di trolls, bimbominkia, minorenni
            XXXXioli e brufolosi, infami, delinquenti, e
            manipolatori mediatici Stai descrivendo te stesso?
            di usare il web per
            distruggere le persone impunemente spacciando il
            tutto come conquista di civilta'
            !Ma perché "impunemente"? Proprio non capisco. Ci sono stati molti casi di weblogger, e anche anonimi utenti che inserivano commenti, condannati per diffamazione.
          • Il Detrattore scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            quello che tu difendi, ripeto, e' il far west, non uno stato di diritto.cambierai idea all'istante quando per futili motivi qualche idiota ti sXXXXXXX online e ti renderai conto che non puoi fare nulla di nulla a meno di fare rogatorie internazionali e spendere migliaia di euri senza alcuna garanzia poi di avere risultati.e non lo dico perche' sia capitato a me, io mi occupo di copyright caso mai, ma le due cose si collegano e si intrecciano in molti casi e come difendo il diritto d'autore per gli stessi motivi difendo pure tutto il resto e potrei anche tirare in ballo molte cose sulla privacy se e' per questo.
          • Freud scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Il Detrattore
            quello che tu difendi, ripeto, e' il far west,
            non uno stato di
            diritto.

            cambierai idea all'istante quando per futili
            motivi qualche idiota ti sXXXXXXX online e ti
            renderai conto che non puoi fare nulla di nulla a
            meno di fare rogatorie internazionali e spendere
            migliaia di euri senza alcuna garanzia poi di
            avere
            risultati.

            e non lo dico perche' sia capitato a me, io mi
            occupo di copyright caso mai, ma le due cose si
            collegano e si intrecciano in molti casi e come
            difendo il diritto d'autore per gli stessi motivi
            difendo pure tutto il resto e potrei anche tirare
            in ballo molte cose sulla privacy se e' per
            questo.Il paziente fa collegamenti molto creativi! Bene, ora ci racconti della sua infanzia, di quella volta che vide un ragazzino cattivo fare leggere Topolino ad un amico. Ecco, ora mi racconti come questo terribile episodio la fece sentire diffamato, sXXXXXXXto e così penetrato nel profondo, da odiare ancor oggi i ragazzini brufolosi. Capisco il suo senso di impotenza, ma vedrà che cureremo la sua impotenza, anche senza rogatorie internazionali. Lo so che i traumi durano a lungo, ma con le mie amorevoli cure non avrà più bisogno di additare i tredicenni per sentirsi maturo e finalmente adulto. Presto avrà anche lei la sua prima erezione e passerà tutto. Ora stia fermo che procediamo con la lobotomia...
          • Penelope2 scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Il Detrattore
            quello che tu difendi, ripeto, e' il far west,
            non uno stato di
            diritto.

            cambierai idea all'istante quando per futili
            motivi qualche idiota ti sXXXXXXX online e ti
            renderai conto che non puoi fare nulla di nulla a
            meno di fare rogatorie internazionali e spendere
            migliaia di euri senza alcuna garanzia poi di
            avere
            risultati.A questo punto faccio mio il commento di Freud. Hai davvero dei problemini se vedi il web solo come un'immensa fogna pronta a insultarti e a morderti i polpacci senza alcun motivo.Tra l'altro non hai risposto nemmeno a uno dei rilievi che ho fatto. Sei un disco rotto. Adieu.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            contenuto non disponibile
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Il Detrattore
            io mi
            occupo di copyright caso maiOk, allora non hai nessuna credibilità.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Penelope2
            - Scritto da: Sgabbio

            non sono daccordo con dettrattore,

            Povera grafia italiana: d'accordo. Detrattore.Povera policy di PI, che non viene mai rispettata quando dovrebbe :/


            Sintassi e ortografia un po' zoppicanti
            ("retifica", "distizione"), ma ho capito il
            concetto.come sopra, povera policy :/
            Ho già discusso con l'utente Voluisti birotam
            degli aspetti pratici di questa disposizione di
            legge, che sono gli unici che mi interessano. Nel
            senso: delle dietrologie me ne infischio. E ho
            sostenuto, spero in maniera convincente, che
            nessun giudice applicherà alla lettera la
            disposizione delle 48 ore entro l'invio della
            richiesta. Tale disposizione manca di una serie
            di requisiti (proporzionalità, <I
            ratio
            </I
            della norma, applicabilità nella
            pratica), e anche se venisse approvata così come
            è ora, non avrebbe pressoché alcuna conseguenza
            in quanto snobbata dai giudici
            monocratici.Preferirei una legge mal fatta in meno, che una legge fatta con il XXXX, che può essere usata contro di noi da un momento all'altro.

            Non proprio. La rettifica è un istituto che
            esiste, per la carta stampata, dal 1948. È
            una procedura rodata, insomma, e c'è anche un
            discreta giurisprudenza. Nessuno manderebbe a un
            giornale una richiesta di rettifica perché, tanto
            per dire, la recensione al suo nuovo brano rap
            non gli è piaciuta. E non c'è ragione per credere
            che sarà diverso col
            web.
            Tra l'altro non vedo nemmeno questo gran danno:
            qualcuno chiede il diritto di rettifica, il
            weblogger, o gestore del proprio sito la
            pubblica... e i lettori si fanno una risata. :-)
            Gli utenti non sono scemi, sanno distinguere fra
            chi esercita un legittimo diritto, per tutelare
            l'immagine e/o l'autorevolezza, e chi cerca solo
            di buttare tutto in
            caciara.Ti dimentichi che la maggioranza di blog sono fatti da persone non professioniste e che quindi non lo fanno per lavoro.Pensa poi quando cominceranno ad aumentare le richieste di rettifica in tempi sempre più stretti!Alla fine molla tutto e ciao.Chi fa qualcosa di buono si internet in italia ha zero tutele, ma pretendono che abbia più obblighi della carta stampata...

            Esatto. E c'erano anche prima dell'era internet.
            Solo che lo facevano contro i giornali, le radio,
            le
            tv...
            Il fatto che ci sia gente che abusa del diritto
            non significa che tale diritto debba cessare (il
            diritto di rettifica).C'è un dettaglio che ti sfugge: Se uno si sente diffamato in modalità frignone, non sequestrano l'intera rete televisiva o giornale, mentre per internet, per un solo post, nuclearizzano interi siti e blog senza tanti complimenti, perchè secondo la cassazione non possono avere gli stessi diritti della stampa...però poi devono avere gli stessi obblighi, in posti poi in maniera italiota.
            Qui il problema è <B
            come </B

            viene adattato tale diritto ai nuovi mezzi:
            decisamente alla carlona. Giusto protestare su
            questo, ma non confondiamo i due
            ambiti.
            Esempio classico: anche adesso, senza scomodare
            internet, ci sono donne che accusano stupri mai
            avvenuti, o datori di lavoro che denunciano i
            dipendenti di aver rubato materiale dell'azienda
            allo scopo di liberarsene. Bieche manovre, siamo
            d'accordo. Ma dovremmo abolire il reato di
            violenza sessuale e di furto a causa di questi
            episodi?Non ho mai detto di abolire il reato di diffamazione, io ho ben inteso che certe leggi andrebbero migliorate per prevenire il più possibile questi abusi, che fanno poi danno, a chi ha fatto veramente tale reato.Non mi sembra di aver detto quello che tu affermi.

            No, non "potrei": puoi. Mandami qualche link di
            weblog chiuso a causa di una diffamazione
            inesistente, che è già stata confermata in grado
            di appello e, eventualmente, in Corte di
            cassazione.
            Altrimenti qui si discute di leggende urbane.Cerca su google, siamo su internet, bello mio.Se affermi che sono leggende urbane, tu non hai mai visto cosa succede in italia nel web.Se non sai che uno che non ha diffamato, si deve letteralmente svenare per difendersi, visto che l'avvocato, pure d'ufficio costa assai...

            Ma è già così!
            Non è che per il fatto che una persona ha soldi
            da spendere con l'avvocato ottiene
            automaticamente ragione in un'aula di tribunale.E' già cosi ? Guarda che lo scopo di chi ha soldi da spendere in avvocati è farti tacere, anche se hai ragione te, perchè appunto vieni spinto a chiudere per paura di avere altre cause che ti prosciugano il tue già esegue finanze, non dirmi che no l'hai ancora capito!
            Perché esista la diffamazione, ci deve essere un
            testo obiettivamente infamante, o insultante, o
            denigrante, scritto da una persona
            precisa.Peccato che nella realtà basta che uno dice "questo blog mi diffama", la polizia postale fa una indagine sommaria e vai subito in tribunale...credimi e la prassi.
            E non è necessario istituire la caparra, perché
            chi perde in una causa per diffamazione già oggi
            deve accollarsi le spese
            processuali.Non paga però l'avvocato della difesa, che si deve accollare la vittima di abuso della legge sulla diffamazione attuale. La cauzione, serve per risarcire chi è stato ingiustamente accusato di diffamare tizio caio, questo serve appunto per impedire che la persone frignatte che ha soldi da spendere in avvocati, possa far zittire "voci scomode" per via delle spese che deve sostenere l'accusato.
          • Penelope2 scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !

            Preferirei una legge mal fatta in meno, che una
            legge fatta con il XXXX, che può essere usata
            contro di noi da un momento
            all'altro.Tutti preferirebbero così. Che discorsi...Ma l'Italia è questa. Prendere o lasciare. Sai quante leggi sono state fatte con la stessa parte anatomica, in passato, proteste o non proteste?
            Pensa poi quando cominceranno ad aumentare le
            richieste di rettifica in tempi sempre più
            stretti!
            Alla fine molla tutto e ciao.Ma chissà perché bisogna sempre pensare al peggio.(newbie)Non c'è nessuno che prevede che, esaurito il primo periodo in cui è di moda, alle rettifiche web non ci si pensa nemmeno più, perché tanto non servono a nulla? Nel senso, posso scrivere un articolo il giorno dopo che dice le stesse cose, omesse quelle più apertamente infamanti, e aspettare nel caso la nuova rettifica.
            Chi fa qualcosa di buono si internet in italia ha
            zero tutele, ma pretendono che abbia più obblighi
            della carta
            stampata...Più obblighi?!? Dove l'hai letto? <B
            Gli stessi </B
            obblighi.

            Il fatto che ci sia gente che abusa del
            diritto

            non significa che tale diritto debba cessare
            (il

            diritto di rettifica).
            C'è un dettaglio che ti sfugge: Se uno si sente
            diffamato in modalità frignone, non sequestrano
            l'intera rete televisiva o giornale, Ma questo chi te l'ha detto? Ma tu vivi nel mondo reale, o in uno parallelo, nel quale ci sono solo politici carogna e cattivoni con mezzi illimitati che vogliono limitare la libertà del web? Eccoti la notizia di una radio sequestrata:http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/2012/26-aprile-2012/sequestrata-radio-studio-54-propaganda-idee-razziste-2004234952725.shtmlRisale a una settimana fa. Come puoi ignorare questo fatto, tu che ti occupi di certi diritti?!?
            mentre per
            internet, per un solo post, nuclearizzano interi
            siti e blog senza tanti complimenti, perchè
            secondo la cassazione non possono avere gli
            stessi diritti della stampa...Anche questa, me la devi documentare. Altrimenti siamo di nuovo nella chiacchiera da bar basata sulle leggende urbane.
            Non ho mai detto di abolire il reato di
            diffamazione, io ho ben inteso che certe leggi
            andrebbero migliorate per prevenire il più
            possibile questi abusi, che fanno poi danno, a
            chi ha fatto veramente tale
            reato.Ah ecco. Almeno quello.A parole è facile dire: "preveniamo gli abusi". Di fatto, è solo quando si arriva in un'aula di tribunale che si scopre che l'accusa di diffamazione era assolutamente infondata, lanciata solo per dare fastidio. Oppure che l'accusa di stupro proveniva da una ragazza con problemi psichici mai diagnosticati prima. Eccetera...La vita reale è più complessa della vita fatta solo di slogan e di enunciazioni di principio.
            Non mi sembra di aver detto quello che tu affermi.Mi sembrava di leggerlo fra le righe. Ma meglio così. ;)



            No, non "potrei": puoi. Mandami qualche link
            di

            weblog chiuso a causa di una diffamazione

            inesistente, che è già stata confermata in
            grado

            di appello e, eventualmente, in Corte di

            cassazione.

            Altrimenti qui si discute di leggende urbane.

            Cerca su google, siamo su internet, bello mio.
            Se affermi che sono leggende urbane, tu non hai
            mai visto cosa succede in italia nel
            web.Non posso analizzare i diecimila casi di weblogger che strillano di essere stato censurati, o messi a tacere, che è lo stesso, perché non hanno il coraggio di ammettere ai loro seguaci di aver fatto una cappellata. Magari in buona fede, ma sempre cappellata. E la legge, anche su internet, non ammette ignoranza.Quindi ti richiedo: mandami il link a un weblog, o due, chiusi per accuse di diffamazioni false.
            Se non sai che uno che non ha diffamato, si deve
            letteralmente svenare per difendersi, visto che
            l'avvocato, pure d'ufficio costa
            assai...È vero.Però, una cosa che molti weblogger ignorano, è che scrivere è facoltativo. È un diritto, ma non un dovere.Se si prevede di non possedere i soldi necessari a una difesa d'ufficio, nemmeno in futuro, non si inizia un weblog, secondo me. Oppure lo si fa dedicato esclusivamente ad argomenti come orchidee e mondo iperuranio.
            E' già cosi ? Guarda che lo scopo di chi ha
            soldi da spendere in avvocati è farti tacere,
            anche se hai ragione te, perchè appunto vieni
            spinto a chiudere per paura di avere altre cause
            che ti prosciugano il tue già esegue finanze, non
            dirmi che no l'hai ancora
            capito!No, non è così. E non è questione di capire, ma di guardare la realtà senza occhiali ideologici o catastrofisti.
            Peccato che nella realtà basta che uno dice
            "questo blog mi diffama", la polizia postale fa
            una indagine sommaria e vai subito in
            tribunale...credimi e la
            prassi.Non la vedo così tragica. Ma in ogni caso, ripeto, se qualcuno ha paura di essere trascinato in tribunale in sé, non comincia a scrivere su un weblog. Mi pare semplice.Se viceversa questa persona è sicura di scrivere solo notizie e dati in rispetto della legge, non ha problemi a farsi trascinare in tribunale anche cento volte. So che il paragone è asimmetrico, perché qui si parla di Raitre, che ha i mezzi per pagare la difesa: quante volte Milena Gabanelli, per Report, è stata trascinata in tribunale? Bene: è stata <B
            sempre </B
            assolta: http://www.cinetivu.com/il-blob-dei-blog/milena-gabanelli-report-non-e-la-prova-del-cuoco-serve-la-tutela-legale/(Dopo aver ricordato che in 14 anni Report ha vinto tutte le cause, tranne una per 30 mila euro, ma abbiamo fatto appello)
            Non paga però l'avvocato della difesa, che si
            deve accollare la vittima di abuso della legge
            sulla diffamazione attuale. La cauzione, serve
            per risarcire chi è stato ingiustamente accusato
            di diffamare tizio caio, questo serve appunto per
            impedire che la persone frignatte che ha soldi da
            spendere in avvocati, possa far zittire "voci
            scomode" per via delle spese che deve sostenere
            l'accusato.Come detto, questo problema esiste per tutti i processi. Non è che se qualche folle ti accusa di avergli rubato il motorino, o di aver appiccato fuoco al suo cancello, e tu vieni assolto, viene risarcita la parcella dell'avvocato (in linea teorica è possibile; ma è estremamente raro). È un problema generale della giustizia italiana. :(Alcune persone, a causa di una situazione economica non florida, hanno diritto al gratuito patrocinio.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !

            Tutti preferirebbero così. Che discorsi...
            Ma l'Italia è questa. Prendere o lasciare. Sai
            quante leggi sono state fatte con la stessa parte
            anatomica, in passato, proteste o non
            proteste?Quindi allunghiamo la lista ?
            Ma chissà perché bisogna sempre pensare al
            peggio.(newbie)
            Non c'è nessuno che prevede che, esaurito il
            primo periodo in cui è di moda, alle rettifiche
            web non ci si pensa nemmeno più, perché tanto non
            servono a nulla? Nel senso, posso scrivere un
            articolo il giorno dopo che dice le stesse cose,
            omesse quelle più apertamente infamanti, e
            aspettare nel caso la nuova
            rettifica.In italia, certe leggi sono pensate male, ergo molto ne abusano danneggiando chi ne ha realmente bisogno.Per avere una rettifica obbligatoria, mica devi scrivere qualcosa "d'infamante" anzi, se parliamo di come usano l'attuale legge della diffamazione, direi che ormai anche un "ciao" può esse infamente
            Più obblighi?!? Dove l'hai letto?
            <B
            Gli stessi </B
            obblighi.No, invece vogliono più obblighi ? Te lo ci vedi un amatore che deve controllare il proprio blog ogni 4 secondi, per paura di una rettifica ?Il problema e quello poi, ma zero tutele. .



            C'è un dettaglio che ti sfugge: Se uno si
            sente

            diffamato in modalità frignone, non
            sequestrano

            l'intera rete televisiva o giornale,

            Ma questo chi te l'ha detto? Ma tu vivi nel mondo
            reale, o in uno parallelo, nel quale ci sono solo
            politici carogna e cattivoni con mezzi illimitati
            che vogliono limitare la libertà del web?

            Eccoti la notizia di una radio sequestrata:

            http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/noti

            Risale a una settimana fa. Come puoi ignorare
            questo fatto, tu che ti occupi di certi
            diritti?!?Sempre a spezzare i discorsi:/ Ma e raro che sequestrano un radio o una tv, ma su internet fanno incette di siti web senza tanti complimenti :/

            Anche questa, me la devi documentare. Altrimenti
            siamo di nuovo nella chiacchiera da bar basata
            sulle leggende
            urbane.Cerca google amico mio! E' tuo amico, ci sta pure la notizia su PI, riguarda una sentenza della cassazione su un forum sequestrato per un solo thread.
            Ah ecco. Almeno quello.
            A parole è facile dire: "preveniamo gli abusi".
            Di fatto, è solo quando si arriva in un'aula di
            tribunale che si scopre che l'accusa di
            diffamazione era assolutamente infondata,
            lanciata solo per dare fastidio. Oppure che
            l'accusa di stupro proveniva da una ragazza con
            problemi psichici mai diagnosticati prima.
            Eccetera...
            La vita reale è più complessa della vita fatta
            solo di slogan e di enunciazioni di principio.Certe cose si possono fare, ma manca la volontà, le false accuse di diffamazione, danneggiano perone innocenti, non c'è niente che gli risarcisca almeno delle spese dell'avvocato... Ecco l'idea della cauzione.

            Mi sembrava di leggerlo fra le righe. Ma meglio
            così.
            ;)Impara a non spezzare i discorsi altrui e vedrai :D

            Non posso analizzare i diecimila casi di
            weblogger che strillano di essere stato
            censurati, o messi a tacere, che è lo stesso,
            perché non hanno il coraggio di ammettere ai loro
            seguaci di aver fatto una cappellata. Magari in
            buona fede, ma sempre cappellata. E la legge,
            anche su internet, non ammette
            ignoranza.W LA SUPERFICIALITA' I MIEI COMPLIMENTI! ti sfugge proprio il nocciolo della questione eh ?
            Quindi ti richiedo: mandami il link a un weblog,
            o due, chiusi per accuse di diffamazioni
            false.Google, cerca. Ripeto, ti sfugge la questione.

            È vero.
            Però, una cosa che molti weblogger ignorano, è
            che scrivere è facoltativo. È un diritto, ma
            non un
            dovere.
            Se si prevede di non possedere i soldi necessari
            a una difesa d'ufficio, nemmeno in futuro, non si
            inizia un weblog, secondo me. Oppure lo si fa
            dedicato esclusivamente ad argomenti come
            orchidee e mondo
            iperuranio.Insomma la tua soluzione è di non impegnarsi per qualcosa di utile, ma di essere firvoli... insomma la solita frasetta superficiale che dice "non te la ordinato il dottore".... Ma che tristezza...si di una superficialità veramente esasperante! Tu odi la libertà, invece di trovare un modo per salvaguardarla, tu vorresti limitarla, per evitare il problema...ma vergognati!

            No, non è così. E non è questione di capire, ma
            di guardare la realtà senza occhiali ideologici o
            catastrofisti.Tu hai i paraocchi, questo è palese, eviti la realtà, lasciatelo dire.

            Non la vedo così tragica. Ma in ogni caso,
            ripeto, se qualcuno ha paura di essere trascinato
            in tribunale in sé, non comincia a scrivere su un
            weblog. Mi pare
            semplice.No, mi pare una violazione della libertà d'espressione.La polizia postale in primis non dovrebbe favorire certi comportamenti, facendo una indagine seria e no un lavoro alla XXXXX di cane, perchè poi danneggia tutti questo.Ma a te non te ne importa, leviamoci la libertà d'espressione e risolviamo il problema!Se tu hai un unghia incarnita, ti amputi una mano ?
            Se viceversa questa persona è sicura di scrivere
            solo notizie e dati in rispetto della legge, non
            ha problemi a farsi trascinare in tribunale anche
            cento volte.Lo paghi tu l'avvocato ? Anche l'avvocato più onesto, chiede compensi abbastanza altini, che equivalgono la metà di uno stipendio medio, credimi so di quel che parlo :D
            So che il paragone è asimmetrico, perché qui si
            parla di Raitre, che ha i mezzi per pagare la
            difesa: quante volte Milena Gabanelli, per
            Report, è stata trascinata in tribunale? Bene: è
            stata <B
            sempre </B
            assolta:


            http://www.cinetivu.com/il-blob-dei-blog/milena-ga

            (Dopo aver ricordato che in 14 anni Report ha
            vinto tutte le cause, tranne una per 30 mila
            euro, ma abbiamo fatto
            appello)Quello afferma quel che dico sulla diffamazione, ma non mi puoi paragonare una rete televisiva che ha una divisione legale con un blogger amatoriale...

            Come detto, questo problema esiste per tutti i
            processi. Non è che se qualche folle ti accusa di
            avergli rubato il motorino, o di aver appiccato
            fuoco al suo cancello, e tu vieni assolto, viene
            risarcita la parcella dell'avvocato (in linea
            teorica è possibile; ma è estremamente raro).Se per metti per quel tipo di reati, fanno indagini più accurate della polizia postale quando si tratta di un blog che "diffama" :/Perfavore... non sottovalutare l'abuso delle cause per diffamazione ai tempi del web.
            È un problema generale della giustizia
            italiana.
            :(Esattamente! Per questo va migliorato quello che non va, perchè una giustizia meno ingolfata è una fiustizia che fuzione.
          • Penelope2 scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            Sgabbio, a questo punto abbandono la discussione. Non c'è peggior sordo di chi non vuole sentire. Io ti invito a portare esempi di weblog chiusi per diffamazioni inesistenti, e tu due volte rispondi di cercarli con Google. Impostando le parole giuste, con Google trovo anche indizi che gli asini volano, ma che cosa significa? Andiamo. Tu hai portato l'esempio, tu hai l'interesse a mostrare che sia reale, per dimostrare che non parli a vanvera.E a questo punto, visto che nemmeno intendi documentare la tua uscita "secondo la cassazione non possono avere gli stessi diritti della stampa", il sospetto diventa certezza.Nota che io le mie affermazioni le ho documentate quando era necessario farlo. Alla fine, se tu ti sei messo in testa che l'Universo Mondo ce l'ha con i weblogger, e che ogni nuova legge è una trama per metter loro i bastoni fra le ruote e farli chiudere, chi sono io per toglierti questa convinzione? Gioca alla Vittima Perpetua, se questo ti far stare bene.A scrivere su un weblog con la stessa spensieratezza con cui si fanno gli origami, un'attività che sanno fare anche i bambini, ti scotterai mille volte. Affari tuoi. Chissà, un giorno imparerai che non esistono diritti senza doveri e senza assunzione di responsabilità...
          • Sgabbio scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Penelope2
            Sgabbio, a questo punto abbandono la discussione.
            Non c'è peggior sordo di chi non vuole sentire.
            Io ti invito a portare esempi di weblog chiusi
            per diffamazioni inesistenti, e tu due volte
            rispondi di cercarli con Google. Impostando le
            parole giuste, con Google trovo anche indizi che
            gli asini volano, ma che cosa significa? Andiamo.
            Tu hai portato l'esempio, tu hai l'interesse a
            mostrare che sia reale, per dimostrare che non
            parli a
            vanvera. :-o :-o :-o :-oSe sei disinformato e sordo non è colpa mia.
            E a questo punto, visto che nemmeno intendi
            documentare la tua uscita "secondo la cassazione
            non possono avere gli stessi diritti della
            stampa", il sospetto diventa
            certezza.La notizia l'ha data la stessa pi su un forum censurato perchè si parlava di preti pedofili, cerca, su!
            Nota che io le mie affermazioni le ho documentate
            quando era necessario farlo.A dire il vero ti sei trincerato sul leghese.
            Alla fine, se tu ti sei messo in testa che
            l'Universo Mondo ce l'ha con i weblogger, e che
            ogni nuova legge è una trama per metter loro i
            bastoni fra le ruote e farli chiudere, chi sono
            io per toglierti questa convinzione? Gioca alla
            Vittima Perpetua, se questo ti far stare
            bene.Ripesto: Se sei sordo e disinformato non è colpa mia :-o :-o :-o :-o
            A scrivere su un weblog con la stessa
            spensieratezza con cui si fanno gli origami,
            un'attività che sanno fare anche i bambini, ti
            scotterai mille volte. Affari tuoi. Chissà, un
            giorno imparerai che non esistono diritti senza
            doveri e senza assunzione di
            responsabilità...Non mi conosci, credimi, ste dico come funzionano certe cose è perchè queste accadono :D
          • Penelope2 scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !

            Non mi conosci, credimi, ste dico come funzionano
            certe cose è perchè queste accadono
            :DAbbiamo un nuovo esempio di <I
            ipse dixit </I
            . Un tempo l'autorità indiscussa era Aristotele. Oggi è Sgabbio. Sa sempre cosa dice, e bisogna credergli sulla parola.Un ritratto del weblogger amatoriale che più istruttivo non si può. E poi ci si stupisce se ogni tanto qualcuno di loro finisce in tribunale? Mi stupirebbe il contrario...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 maggio 2012 18.04-----------------------------------------------------------
    • gino tavera scrive:
      Re: Mantellini e' in mala fede !
      - Scritto da: Il Detrattore
      Mantellini, il fulcro della questione e' che se
      un blog e' letto da migliaia o decine di migliaia
      di lettori di fatto e' un media e anzi ha una
      diffusione molto piu' grande di alcuni giornali
      cartacei, radio, e TV
      regionali.

      Concordera' quindi che ci si aspetti chi gestisce
      tale blog a rispettare le stesse regole a cui
      sono sottoposti i giornalisti e i direttori di
      giornali, non solo riguardo l'obbligo di
      rettifica ma anche sulle responsabilita' penali e
      civili.Bisogna vedere se hanno gli stessi benefici (sovvenzioni, capitale, avvocati, ecc).
      L'alternativa e' l'attuale far west in cui
      operano i blogs : notizie taroccate, foto
      photoshoppate, false voci di corridoio, falsi
      scoop, disinformazione, psy-ops, e chi piu' ne haI media tradizionali, mai fatto tali porcherie?? ;-

      piu' ne' metta, in totale impunita' tanto piu' se
      il blog e' su server stranieri e gli autori
      vivono in paesi extra-EU e si fanno un baffo non
      solo di materiali protetti da copyright che loro
      rubacchiano in rete ma anche di eventuali denunce
      per
      diffamazione.Boh, il reato di diffamazione, se si ha soldi, lo si plasma a proprio piacimento.Quando non si hanno argomenti da controbattere, lo si invoca.Si supplisce la mancanza di intelletto con un bel parco legale.
      Di fatto quindi, lei e molti altri sostengono
      l'illegalita' e confondono il diritto di critica
      e di opinione col la liberta' di sXXXXXXXre e di
      infangare anonimamente e impunemente, gridando
      pero' allo scandalo quando lo stesso fanno i
      vostri oppositori politici e
      ideologici.


      Mantellini, lei e' il solito ex comunista
      frustrato e
      confuso.Intanto Mantellini e la redazione di PI ha lasciato il suo post e il suo "diritto di critica" (eufemismo). Da un'altra parte sarebbe stato censurato = cancellato.
      • Il Detrattore scrive:
        Re: Mantellini e' in mala fede !
        semplicemente io voglio vivere in uno stato di diritto dove se qualcuno infanga me o la mia famiglia su blog, forum, o social network io abbia almeno modo di difendermi e venire risarcito del danno subito e soprattutto che la pagina web incriminata venga rimossa il prima possibile prima che finisca in cache nei meandri dei vari motori di ricerca o copiata su decine o centinaia di scrapers automatizzati.perche' il problema oggi non e' neanche il pubblicare su una pagina singola ma il fatto che i contenuti senza neanche l'ok degli autori e gestori del sito spesso e volentieri vengono mirrorizzati altrove su server stranieri, scopiazzati in feeds RSS, etc etc ergo pubblicare contenuti diffamanti e' doppiamente pericoloso rispetto alla carta stampata.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Mantellini e' in mala fede !
      contenuto non disponibile
      • gino tavera scrive:
        Re: Mantellini e' in mala fede !
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: Il Detrattore


        L'alternativa e' l'attuale far west in cui

        operano i blogs : notizie taroccate, foto

        photoshoppate, false voci di corridoio, falsi

        scoop, disinformazione, psy-ops, e chi piu'
        ne
        ha

        piu' ne' metta

        ALTERNATIVA?
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHA
        AHAHAHAHAHAHHAAHAAHAHAHAHAHAHHAAHAQuesta non è male. ;)
        • Il Detrattore scrive:
          Re: Mantellini e' in mala fede !
          ma e' possibile che l'eta' media dei lettori qui sia di 13-14 anni ?
          • Passante scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Il Detrattore
            ma e' possibile che l'eta' media dei lettori qui
            sia di 13-14 anni ?Beh...Li hai visti gli articoli ?
          • gino tavera scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Passante
            - Scritto da: Il Detrattore

            ma e' possibile che l'eta' media dei lettori
            qui

            sia di 13-14 anni ?

            Beh...
            Li hai visti gli articoli ?Se ve ne andate tutti e due s'impenna ai 30-40.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Mantellini e' in mala fede !
            - Scritto da: Il Detrattore
            ma e' possibile che l'eta' media dei lettori qui
            sia di 13-14 anni
            ?fammi capire.scrivi una XXXXXXX grande come la muraglia cinese e pretendi che non si rida?La situazione che hai dipinto è esattamente quella della stmapa tradizionale che è regolamentata, non quella dei blog.Autogol in rovesciata, amico, autogol in rovesciata.
    • DavideNx scrive:
      Re: Mantellini e' in mala fede !
      Prego il Detrattore di andare a leggersi in un dizionario italiano il significato della parola "censura" lo troverà sicuramente interessante e magari potrà fare repliche più sensate in futuro.Penso che i cittadini di qualsiasi nazione abbiano la libertà e facoltà di capire se una notizia sia vera o falsa (sopratutto se proveniente da un blog e non da una testata giornalistica)Se lo stato gestisce per i suoi cittadini questa libertà ecco che allora vi è una censura.Probabilmente vi sono nazioni (Cina ad esempio) in cui questa pratica è motlo diffusa e guarda caso sono tutte nazioni ex-comuniste. Col suo intervento quindi si è dimostrato molto più comunista del sign. Mantellini- Scritto da: Il Detrattore
      Mantellini, il fulcro della questione e' che se
      un blog e' letto da migliaia o decine di migliaia
      di lettori di fatto e' un media e anzi ha una
      diffusione molto piu' grande di alcuni giornali
      cartacei, radio, e TV
      regionali.

      Concordera' quindi che ci si aspetti chi gestisce
      tale blog a rispettare le stesse regole a cui
      sono sottoposti i giornalisti e i direttori di
      giornali, non solo riguardo l'obbligo di
      rettifica ma anche sulle responsabilita' penali e
      civili.

      L'alternativa e' l'attuale far west in cui
      operano i blogs : notizie taroccate, foto
      photoshoppate, false voci di corridoio, falsi
      scoop, disinformazione, psy-ops, e chi piu' ne ha
      piu' ne' metta, in totale impunita' tanto piu' se
      il blog e' su server stranieri e gli autori
      vivono in paesi extra-EU e si fanno un baffo non
      solo di materiali protetti da copyright che loro
      rubacchiano in rete ma anche di eventuali denunce
      per
      diffamazione.

      Di fatto quindi, lei e molti altri sostengono
      l'illegalita' e confondono il diritto di critica
      e di opinione col la liberta' di sXXXXXXXre e di
      infangare anonimamente e impunemente, gridando
      pero' allo scandalo quando lo stesso fanno i
      vostri oppositori politici e
      ideologici.


      Mantellini, lei e' il solito ex comunista
      frustrato e
      confuso.
    • Massimo Mantellini scrive:
      Re: Mantellini e' in mala fede !
      - Scritto da: Il Detrattore
      Mantellini, il fulcro della questione e' che se
      un blog e' letto da migliaia o decine di migliaia
      di lettori di fatto e' un media e anzi ha una
      diffusione molto piu' grande di alcuni giornali
      cartacei, radio, e TV
      regionali.è ovviamente così

      Concordera' quindi che ci si aspetti chi gestisce
      tale blog a rispettare le stesse regole a cui
      sono sottoposti i giornalisti e i direttori di
      giornali, non solo riguardo l'obbligo di
      rettifica ma anche sulle responsabilita' penali e
      civili.no, non concordo. Sulle responsabilità è abbastanza pacifico che sono le medesime online ed offline. Sull'obbligo di rettifica c'e' una sproporzione notevole basata su almeno due questioni, la prima è che i giornali di carta sono diversi dalle pagine web e quindi la rettifica deve essere completamente riadattata (e' come se ogni giorno si pubblicasse l'intero archivio di un quotidiano cartaceo), la seconda riguarda la tempestività richiesta, che è semplicemente ridicola
      L'alternativa e' l'attuale far west in cui
      operano i blogs : notizie taroccate, foto
      photoshoppate, false voci di corridoio, falsi
      scoop, disinformazione, psy-ops, e chi piu' ne ha
      piu' ne' metta, in totale impunita' tanto piu' se
      il blog e' su server stranieri e gli autori
      vivono in paesi extra-EU e si fanno un baffo non
      solo di materiali protetti da copyright che loro
      rubacchiano in rete ma anche di eventuali denunce
      per
      diffamazione.

      Di fatto quindi, lei e molti altri sostengono
      l'illegalita' e confondono il diritto di critica
      e di opinione col la liberta' di sXXXXXXXre e di
      infangare anonimamente e impunemente, gridando
      pero' allo scandalo quando lo stesso fanno i
      vostri oppositori politici e
      ideologici.non sapevo di avere oppositori politici ed ideologici, pero' ammetto che quella sul far west l'avevo gia' sentita


      Mantellini, lei e' il solito ex comunista
      frustrato e
      confuso.salutiM.
  • xyz jesus scrive:
    e quindi
    Che abbia partecipato al proXXXXX contro priebke è menzione di merito. Per il resto trovo interessante un ministro della giustizia che dica do autoregolamentarsi.
  • Il Buon Samaritano scrive:
    Ipocrita
    Nel corso della sua attività forense ha difeso Romano Prodi nel proXXXXX sulla vendita della Cirio, il legale della Fininvest Giovanni Acampora, nel proXXXXX IMI-SIR, Salvatore Buscemi nel proXXXXX per la strage di via d'Amelio, Francesco Gaetano Caltagirone nellinchiesta di Perugia su Enimont, Cesare Geronzi per il crac della Cirio, lex segretario generale del Quirinale Gaetano Gifuni nellindagine sui fondi per la gestione della tenuta di Castelporziano. Ha dato assistenza legale, a Eni, Enel e Telecom Italia..............vero esempio di equità, imparzialità, serietà e giustizia.Una così non poteva che diventare Ministro del governo Berlusconi....scusate Monti!
    • Massimo Giannelli scrive:
      Re: Ipocrita
      E non scordarti che ha anche rappresentato lUnione delle comunità ebraiche italiane al proXXXXX al nazista Erich Priebke.
      • Il Buon Samaritano scrive:
        Re: Ipocrita
        ....no no li fu un errore di collocazione: lei avrebbe voluto difendere Priebke ma non aveva soldi....gli Ebrei invece........
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Ipocrita
      - Scritto da: Il Buon Samaritano
      Nel corso della sua attività forense ha difeso
      Romano Prodi nel proXXXXX sulla vendita della
      Cirio, il legale della Fininvest Giovanni
      Acampora, nel proXXXXX IMI-SIR, Salvatore Buscemi
      nel proXXXXX per la strage di via d'Amelio,
      Francesco Gaetano Caltagirone nellinchiesta di
      Perugia su Enimont, Cesare Geronzi per il crac
      della Cirio, lex segretario generale del
      Quirinale Gaetano Gifuni nellindagine sui fondi
      per la gestione della tenuta di Castelporziano.
      Ha dato assistenza legale, a Eni, Enel e Telecom
      Italia.
      .............vero esempio di equità,
      imparzialità, serietà e
      giustizia.
      Una così non poteva che diventare Ministro del
      governo Berlusconi....scusate
      Monti!Perché un avvocato deve rifiutare i clienti importanti secondo te?
      • Gustavo Gesualdo scrive:
        Re: Ipocrita
        Perché esistono scelte etiche e di questione morale anche nelle categorie professionali, scelte che sostengono o affondano l'etica professionale. Ognuno è libero di scegliere, ma anche di pagarne le conseguenze, compresa quella che gli si rinfacci con quanti farabutti di rilievo si è costruita una carriera professionale.
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: Ipocrita
          - Scritto da: Gustavo Gesualdo
          Perché esistono scelte etiche e di questione
          morale anche nelle categorie professionali,
          scelte che sostengono o affondano l'etica
          professionale. Ognuno è libero di scegliere, ma
          anche di pagarne le conseguenze, compresa quella
          che gli si rinfacci con quanti farabutti di
          rilievo si è costruita una carriera
          professionale.Tutti hanno diritto a una difesa. Se si ragionasse così allora molti presunti colpevoli non troverebbero uno straccio di avvocato.
          • gino tavera scrive:
            Re: Ipocrita
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: Gustavo Gesualdo

            Perché esistono scelte etiche e di questione

            morale anche nelle categorie professionali,

            scelte che sostengono o affondano l'etica

            professionale. Ognuno è libero di scegliere,
            ma

            anche di pagarne le conseguenze, compresa
            quella

            che gli si rinfacci con quanti farabutti di

            rilievo si è costruita una carriera

            professionale.

            Tutti hanno diritto a una difesa. Se si
            ragionasse così allora molti presunti colpevoli
            non troverebbero uno straccio di
            avvocato.Un conto è trovarlo, un altro è trovarne uno che ti faccia vincere.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Ipocrita
            - Scritto da: gino tavera
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: Gustavo Gesualdo


            Perché esistono scelte etiche e di
            questione


            morale anche nelle categorie
            professionali,


            scelte che sostengono o affondano
            l'etica


            professionale. Ognuno è libero di
            scegliere,

            ma


            anche di pagarne le conseguenze,
            compresa

            quella


            che gli si rinfacci con quanti
            farabutti
            di


            rilievo si è costruita una carriera


            professionale.



            Tutti hanno diritto a una difesa. Se si

            ragionasse così allora molti presunti
            colpevoli

            non troverebbero uno straccio di

            avvocato.

            Un conto è trovarlo, un altro è trovarne uno che
            ti faccia
            vincere.Deve trovarne uno che ti faccia sbattere in galera(newbie)
          • gino tavera scrive:
            Re: Ipocrita
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: gino tavera

            - Scritto da: Dottor Stranamore


            - Scritto da: Gustavo Gesualdo



            Perché esistono scelte etiche e di

            questione



            morale anche nelle categorie

            professionali,



            scelte che sostengono o affondano

            l'etica



            professionale. Ognuno è libero di

            scegliere,


            ma



            anche di pagarne le conseguenze,

            compresa


            quella



            che gli si rinfacci con quanti

            farabutti

            di



            rilievo si è costruita una carriera



            professionale.





            Tutti hanno diritto a una difesa. Se si


            ragionasse così allora molti presunti

            colpevoli


            non troverebbero uno straccio di


            avvocato.



            Un conto è trovarlo, un altro è trovarne uno
            che

            ti faccia

            vincere.

            Deve trovarne uno che ti faccia sbattere in
            galera(newbie)Muore, prima di trovare gli estremi per farlo.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Ipocrita
            - Scritto da: gino tavera
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: gino tavera


            - Scritto da: Dottor Stranamore



            - Scritto da: Gustavo Gesualdo




            Perché esistono scelte etiche
            e
            di


            questione




            morale anche nelle categorie


            professionali,




            scelte che sostengono o
            affondano


            l'etica




            professionale. Ognuno è
            libero
            di


            scegliere,



            ma




            anche di pagarne le
            conseguenze,


            compresa



            quella




            che gli si rinfacci con quanti


            farabutti


            di




            rilievo si è costruita una
            carriera




            professionale.







            Tutti hanno diritto a una difesa.
            Se
            si



            ragionasse così allora molti
            presunti


            colpevoli



            non troverebbero uno straccio di



            avvocato.





            Un conto è trovarlo, un altro è
            trovarne
            uno

            che


            ti faccia


            vincere.



            Deve trovarne uno che ti faccia sbattere in

            galera(newbie)

            Muore, prima di trovare gli estremi per farlo.Il tutto è partito dicendo che aveva come cliente Prodi.
  • Sandro kensan scrive:
    Braccia rubate all'agricoltura
    Ma che si dia all'ippica la Ministra e chi sta proteggendo.
    • ops scrive:
      Re: Braccia rubate all'agricoltura
      Ha subito l'amputazione del braccio destro a causa di una malattia.(http://it.wikipedia.org/wiki/Paola_Severino)
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Braccia rubate all'agricoltura
        - Scritto da: ops
        Ha subito l'amputazione del braccio destro a
        causa di una
        malattia.
        (http://it.wikipedia.org/wiki/Paola_Severino)Vedi se ci fosse una legge almeno adesso sarebbe costretto a rettificare in: "Braccio rubato all'agricoltura"Invece non c'è :(
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Braccia rubate all'agricoltura
          contenuto non disponibile
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Braccia rubate all'agricoltura
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dottor Stranamore


            Vedi se ci fosse una legge almeno adesso
            sarebbe

            costretto a rettificare in: "Braccio rubato

            all'agricoltura"

            Invece non c'è :(

            ha già rettificato 'ops' caro trollino da
            strapzzo.Ma fatti una XXXXX di risata
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Braccia rubate all'agricoltura
            contenuto non disponibile
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Braccia rubate all'agricoltura
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dottor Stranamore


            Ma fatti una XXXXX di risata

            La farò quando la pianterai di fare trollate di
            infimo
            livello...Cioè stai dicendo: quando leggerò solo cose serie allora riderò :s
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Braccia rubate all'agricoltura
            contenuto non disponibile
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Braccia rubate all'agricoltura
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dottor Stranamore


            Cioè stai dicendo: quando leggerò solo cose
            serie

            allora riderò

            :s

            sìCerca su wikipedia per capire come viene chiamato questo tuo disturbo.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Braccia rubate all'agricoltura
            contenuto non disponibile
  • Savio Fgd scrive:
    libertà di espressione
    Ma santa pazienza!Tutti a blaterare di libertà di espressione in un paese che ha un codice penale fascista, per non parlare del testo unico di pubblica sicurezza...Un paese in cui gli sbirri ti possono tranquillamente strappare uno striscione di mano.Un paese in cui vieni denunciato in sede penale ( penale=manette+galera ) se osi distribuire uno scritto o disegno senza averne prima consegnato triplice copia alla sacra autorità di pubblica sicurezza.E mi venite a parlare di libertà virtuale quando quella reale è un miraggio?
    • Sandro kensan scrive:
      Re: libertà di espressione
      - Scritto da: Savio Fgd
      E mi venite a parlare di libertà virtuale quando
      quella reale è un
      miraggio?Alla libertà reale aggiungi la situazione pietosa della televisione, aggiungi la situazione pietosa dei giornali (foraggiati dai soldi del Potere), quindi rimane un unico incomodo: la rete, che è quanto prima da domare ovvero *normare* in modo che gli avvocati dei potenti (gli amici della Severino) possano ridurre ai minimi termini gli spazi di manovra per la libertà di espressione.Fatto questo la Severino potrà dormire sonni tranquilli ed essere soddisfatta (lo dirà a reti unificate: tv, giornali e Internet) con il giornalista unificato che gli farà la domanda scendiletto.
  • Tarcisio Bonotto scrive:
    Non sanno quello che dicono
    La Ministra della Giustizia Paola Severino, probabilmente non conosce la materia sulla quale va a legiferare.Perché tutti quelli al comando non hanno la benedetta abitudine di informarsi, di parlare con chi gestisce la cosa, e pianificare di conseguenza per migliorare il servizio.E' sucXXXXX a Brunetta, ad altri ministri del Governo precedente. Perdita di tempo e di pazienza per noi che stiamo a vedere e a subire una politica sociale ed economica come se fossimo al circo.La Fornero, nella modifica delle pensioni non si accorge che migliaia di persone resterebbero nel limbo (esodati) senza pensione e senza stipendio?Ma a che li paghiamo a fare, please?
    • voluisti birotam scrive:
      Re: Non sanno quello che dicono
      - Scritto da: Tarcisio Bonotto
      La Ministra della Giustizia Paola Severino,
      probabilmente non conosce la materia sulla quale
      va a
      legiferare.
      Perché tutti quelli al comando non hanno la
      benedetta abitudine di informarsi, di parlare con
      chi gestisce la cosa, e pianificare di
      conseguenza per migliorare il
      servizio.E allora diamole un po' di informazioni sul "misterioso" mondo della Rete!Contribuisci anche tu all'iniziativa "Aiutiamo il Ministro Severino!"
    • ZLoneW scrive:
      Re: Non sanno quello che dicono
      - Scritto da: Tarcisio Bonotto
      La Ministra della Giustizia Paola Severino,
      probabilmente non conosce la materia sulla quale
      va a legiferare....
      Perdita di tempo e di
      pazienza per noi che stiamo a vedere e a subire
      una politica sociale ed economica come se fossimo
      al circo.Si chiama <b
      SPRECO </b
      . e dovrebbe essere segnalato anche questo a Palazzo Chigi. SOPRATTUTTO questo.Perché l'incapacità costa parecchio, e fa danni permanenti.
      La Fornero, nella modifica delle pensioni non si
      accorge che migliaia di persone resterebbero nel
      limbo (esodati) senza pensione e senza
      stipendio?
      Ma a che li paghiamo a fare, please?Per garantire gli interessi del mondo finanziario. Che altro?
  • Marietto scrive:
    ...
    Solo in una repubblica delle banane i blog devono essere regolamentati...[img]http://prestazioneoccasionale.files.wordpress.com/2011/04/repubblica_italiana_emblema_logo-copy.jpg[/img]
    • Alea Jacta West scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Marietto
      Solo in una repubblica delle banane i blog devono
      essere
      regolamentati...

      [img]
      http://prestazioneoccasionale.files.wordpress.com/Beh se non altro le banane di 'sta repubblica a quanto pare gliele dipinge Andy Warhol. :D
  • gino tavera scrive:
    Avere argomenti
    Ruppolo scrive (e anche un po' al dott Stranamore):"Certo, ma se tutto questo viene accompagnato dalla pirateria, allora si tratta solo di coltivare i propri interessi personali, né più né meno delle major & soliti nemici della rete.Il "se" era retorico."Ai blog non dovrebbero servire regole, altrimenti si ha ragione solo chi ha dalla sua gli avvocati.Se a qualcuno non va quello che dice un blog, se ha di che argomentare, si ponga sullo stesso piano e controbatta.Post irregolare, in che senso? Che non dia fastidio a qualcuno della cosiddetta casta?
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Avere argomenti
      - Scritto da: gino tavera
      Post irregolare, in che senso?Chiedilo alla segretaria quando ti iscriverai al corso.
      • gino tavera scrive:
        Re: Avere argomenti
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        - Scritto da: gino tavera

        Post irregolare, in che senso?

        Chiedilo alla segretaria quando ti iscriverai al
        corso.Povero illuso.
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: Avere argomenti
          - Scritto da: gino tavera
          - Scritto da: Dottor Stranamore

          - Scritto da: gino tavera


          Post irregolare, in che senso?



          Chiedilo alla segretaria quando ti
          iscriverai
          al

          corso.


          Povero illuso.Ok allora non chiedere, se poi non passi il corso non dire che non ti ho avvisato.
          • gino tavera scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: gino tavera

            - Scritto da: Dottor Stranamore


            - Scritto da: gino tavera



            Post irregolare, in che senso?





            Chiedilo alla segretaria quando ti

            iscriverai

            al


            corso.





            Povero illuso.


            Ok allora non chiedere, se poi non passi il corso
            non dire che non ti ho
            avvisato.Ma quale buffonata di corso???!!! Come quello della patente europea del computer.Roba da bambini delle medie. Non saranno mai all'altezza.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: gino tavera
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: gino tavera


            - Scritto da: Dottor Stranamore



            - Scritto da: gino tavera




            Post irregolare, in che senso?







            Chiedilo alla segretaria quando ti


            iscriverai


            al



            corso.








            Povero illuso.





            Ok allora non chiedere, se poi non passi il
            corso

            non dire che non ti ho

            avvisato.

            Ma quale buffonata di corso???!!! Come quello
            della patente europea del
            computer.
            Roba da bambini delle medie. Non saranno mai
            all'altezza.Il corso di blogger non è una buffonata, ti consiglio di iniziare a scaricare da questo sito il libro di edizioni master su Wordpress. Ti aiuterà moltissimo al corso.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: gino tavera

            - Scritto da: Dottor Stranamore


            - Scritto da: gino tavera



            - Scritto da: Dottor Stranamore




            - Scritto da: gino tavera





            Post irregolare, in che
            senso?









            Chiedilo alla segretaria
            quando
            ti



            iscriverai



            al




            corso.











            Povero illuso.








            Ok allora non chiedere, se poi non
            passi
            il

            corso


            non dire che non ti ho


            avvisato.



            Ma quale buffonata di corso???!!! Come quello

            della patente europea del

            computer.

            Roba da bambini delle medie. Non saranno mai

            all'altezza.

            Il corso di blogger non è una buffonata, ti
            consiglio di iniziare a scaricare da questo sito
            il libro di edizioni master su Wordpress. Ti
            aiuterà moltissimo al
            corso.ma smettila di trollare.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: gino tavera


            - Scritto da: Dottor Stranamore



            - Scritto da: gino tavera




            - Scritto da: Dottor Stranamore





            - Scritto da: gino tavera






            Post irregolare, in che

            senso?











            Chiedilo alla segretaria

            quando

            ti




            iscriverai




            al





            corso.














            Povero illuso.











            Ok allora non chiedere, se poi non

            passi

            il


            corso



            non dire che non ti ho



            avvisato.





            Ma quale buffonata di corso???!!! Come
            quello


            della patente europea del


            computer.


            Roba da bambini delle medie. Non saranno
            mai


            all'altezza.



            Il corso di blogger non è una buffonata, ti

            consiglio di iniziare a scaricare da questo sito

            il libro di edizioni master su Wordpress. Ti

            aiuterà moltissimo al

            corso.

            ma smettila di trollare.1) (rotfl)(rotfl)(rotfl)2) Non trollare3) Copyright haterOk oggi hai scelto la 2. Poi fammi sapere chi ti ha programmato che gli devo dire due cosette ;)
          • gino tavera scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            Il corso di blogger non è una buffonata, ti
            consiglio di iniziare a scaricare da questo sito
            il libro di edizioni master su Wordpress. Ti
            aiuterà moltissimo al
            corso.E' da anni che faccio blog (e sono pure blogger), e non mi servono insulse stilosità visive, i giri di soldi, e i copyright dell'ultim'ora, l'importante è il contenuto, il layout ricercato, il saper creare immagini d'impatto sapendo usare foto e videocamere che di certo non te lo insegna un libretto di 86 pagine.Tutte cose non alla portata di tutti.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: gino tavera
            - Scritto da: Dottor Stranamore




            Il corso di blogger non è una buffonata, ti

            consiglio di iniziare a scaricare da questo
            sito

            il libro di edizioni master su Wordpress. Ti

            aiuterà moltissimo al

            corso.

            E' da anni che faccio blog (e sono pure blogger),
            e non mi servono insulse stilosità visive, i giri
            di soldi, e i copyright dell'ultim'ora,
            l'importante è il contenuto, il layout ricercato,
            il saper creare immagini d'impatto sapendo usare
            foto e videocamere che di certo non te lo insegna
            un libretto di 86
            pagine.
            Tutte cose non alla portata di tutti.Certo critichiamo i libri di edizioni master e poi scriviamo sui loro siti.
          • gino tavera scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: gino tavera

            - Scritto da: Dottor Stranamore







            Il corso di blogger non è una
            buffonata,
            ti


            consiglio di iniziare a scaricare da
            questo

            sito


            il libro di edizioni master su
            Wordpress.
            Ti


            aiuterà moltissimo al


            corso.



            E' da anni che faccio blog (e sono pure
            blogger),

            e non mi servono insulse stilosità visive, i
            giri

            di soldi, e i copyright dell'ultim'ora,

            l'importante è il contenuto, il layout
            ricercato,

            il saper creare immagini d'impatto sapendo
            usare

            foto e videocamere che di certo non te lo
            insegna

            un libretto di 86

            pagine.

            Tutte cose non alla portata di tutti.

            Certo critichiamo i libri di edizioni master e
            poi scriviamo sui loro
            siti.Non critico le Edizioni Master, ma chi ne ha bisogno di più, se pensa di essere un arrivato chi ne fa un uso molto esiguo, con conseguenze maldestre.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: gino tavera
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: gino tavera


            - Scritto da: Dottor Stranamore










            Il corso di blogger non è una

            buffonata,

            ti



            consiglio di iniziare a scaricare
            da

            questo


            sito



            il libro di edizioni master su

            Wordpress.

            Ti



            aiuterà moltissimo al



            corso.





            E' da anni che faccio blog (e sono pure

            blogger),


            e non mi servono insulse stilosità
            visive,
            i

            giri


            di soldi, e i copyright dell'ultim'ora,


            l'importante è il contenuto, il layout

            ricercato,


            il saper creare immagini d'impatto
            sapendo

            usare


            foto e videocamere che di certo non te
            lo

            insegna


            un libretto di 86


            pagine.


            Tutte cose non alla portata di tutti.



            Certo critichiamo i libri di edizioni master
            e

            poi scriviamo sui loro

            siti.

            Non critico le Edizioni Master, ma chi ne ha
            bisogno di più, se pensa di essere un arrivato
            chi ne fa un uso molto esiguo, con conseguenze
            maldestre.Certo certo, vedremo poi se passerai l'esame di blogger.
          • gino tavera scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Certo certo, vedremo poi se passerai l'esame di
            blogger.Ma sei " 'de coccio" !!L'esame di che? Di una cosa che faccio da anni?Siete arrivati ieri e vorreste dettar legge?(rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: gino tavera
            - Scritto da: Dottor Stranamore


            Certo certo, vedremo poi se passerai l'esame
            di

            blogger.

            Ma sei " 'de coccio" !!
            L'esame di che? Di una cosa che faccio da anni?
            Siete arrivati ieri e vorreste dettar legge?

            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)Se è per questo c'è gente con l'HIV che fa sesso senza preservativo. Le precauzioni sono necessarie, vedrai che dopo il corso mi ringrazierai.
          • gino tavera scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: gino tavera

            - Scritto da: Dottor Stranamore




            Certo certo, vedremo poi se passerai
            l'esame

            di


            blogger.



            Ma sei " 'de coccio" !!

            L'esame di che? Di una cosa che faccio da
            anni?

            Siete arrivati ieri e vorreste dettar legge?



            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl) (rotfl)

            (rotfl)

            Se è per questo c'è gente con l'HIV che fa sesso
            senza preservativo. Le precauzioni sono
            necessarie, vedrai che dopo il corso mi
            ringrazierai.Ma perché dovrei fare il corso?Per farmi insegnare cose che so già?Servirebbero ben altri tipi di corsi, ma non so se c'è gente che li sappia fare (o li voglia fare).Riguardo a te, seguendo il tuo esempio, stai parlando con uno che non ha l'HIV e se mai facesse sesso occasionale, lo fa con il preservativo. Quindi, cosa stai dicendo?Cerca le persone più giuste: apri gli occhi e le orecchie.O ti serve un corso di apertura auricolare e mentale?
          • krane scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: gino tavera
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: gino tavera


            - Scritto da: Dottor Stranamore






            Certo certo, vedremo poi se
            passerai

            l'esame


            di



            blogger.





            Ma sei " 'de coccio" !!


            L'esame di che? Di una cosa che faccio
            da

            anni?


            Siete arrivati ieri e vorreste dettar
            legge?





            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)

            (rotfl)


            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)

            (rotfl)


            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)

            (rotfl)


            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)

            (rotfl)


            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)

            (rotfl)


            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)

            (rotfl)


            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)

            (rotfl)


            (rotfl) (rotfl)


            (rotfl)



            Se è per questo c'è gente con l'HIV che fa
            sesso

            senza preservativo. Le precauzioni sono

            necessarie, vedrai che dopo il corso mi

            ringrazierai.
            Ma perché dovrei fare il corso?
            Per farmi insegnare cose che so già?E che ne sappiamo noi che "sai gia" ? Hai qualche <b
            certificato </b
            ? Magari il tuo blog e' una fonte di virus e false notizie e tu non ne sei consapevole.
          • gino tavera scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: gino tavera

            - Scritto da: Dottor Stranamore


            - Scritto da: gino tavera



            - Scritto da: Dottor Stranamore








            Certo certo, vedremo poi se

            passerai


            l'esame



            di




            blogger.







            Ma sei " 'de coccio" !!



            L'esame di che? Di una cosa che
            faccio

            da


            anni?



            Siete arrivati ieri e vorreste
            dettar

            legge?







            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)


            (rotfl)



            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)


            (rotfl)



            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)


            (rotfl)



            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)


            (rotfl)



            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)


            (rotfl)



            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)


            (rotfl)



            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)


            (rotfl)



            (rotfl) (rotfl)



            (rotfl)





            Se è per questo c'è gente con l'HIV che
            fa

            sesso


            senza preservativo. Le precauzioni sono


            necessarie, vedrai che dopo il corso mi


            ringrazierai.


            Ma perché dovrei fare il corso?

            Per farmi insegnare cose che so già?

            E che ne sappiamo noi che "sai gia" ? Hai qualche
            <b
            certificato </b
            ? Magari il
            tuo blog e' una fonte di virus e false notizie e
            tu non ne sei
            consapevole.Che ne sapete voi, dici? Interagendo, essere sempre uno che va alla ricerca. Tutto si vede strada facendo. I certificati non valgono nulla se poi all'atto pratico si è limitati, o non si producono risultati validi o soddisfacenti.I "miei" blog non sono fonti di virus o trojan (basta avere WOT per avere la conferma).Se le notizie sono false si appurano discutendone: dò sempre la possibilità di farlo.E non mi nascondo come fanno i "media autorevoli" tacendo, cancellando, censurando le risposte scomode di chi interviene.Per quanto riguarda la consapevolezza, idem. D'altro canto chi ne è immune?Per curiosità: http://www.mywot.com/en/scorecard/fapav.ithttp://www.mywot.com/en/scorecard/masteradv.ithttp://www.mywot.com/en/scorecard/piusanipiubelli.ithttp://www.mywot.com/en/scorecard/antipirateria.governo.it
          • krane scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: gino tavera
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: gino tavera


            - Scritto da: Dottor Stranamore



            - Scritto da: gino tavera




            - Scritto da: Dottor
            Stranamore










            Certo certo, vedremo poi
            se


            passerai



            l'esame




            di





            blogger.









            Ma sei " 'de coccio" !!




            L'esame di che? Di una cosa
            che

            faccio


            da



            anni?




            Siete arrivati ieri e vorreste

            dettar


            legge?









            (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl)



            (rotfl)




            (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl)



            (rotfl)




            (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl)



            (rotfl)




            (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl)



            (rotfl)




            (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl)



            (rotfl)




            (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl)



            (rotfl)




            (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)

            (rotfl)



            (rotfl)




            (rotfl) (rotfl)




            (rotfl)







            Se è per questo c'è gente con
            l'HIV
            che

            fa


            sesso



            senza preservativo. Le precauzioni
            sono



            necessarie, vedrai che dopo il
            corso
            mi



            ringrazierai.




            Ma perché dovrei fare il corso?


            Per farmi insegnare cose che so già?



            E che ne sappiamo noi che "sai gia" ? Hai
            qualche

            <b
            certificato </b
            ? Magari
            il

            tuo blog e' una fonte di virus e false
            notizie
            e

            tu non ne sei

            consapevole.

            Che ne sapete voi, dici? Interagendo, essere
            sempre uno che va alla ricerca. Tutto si vede
            strada facendo. I certificati non valgono nulla
            se poi all'atto pratico si è limitati, o non si
            producono risultati validi o
            soddisfacenti.
            I "miei" blog non sono fonti di virus o trojan
            (basta avere WOT per avere la
            conferma).
            Se le notizie sono false si appurano
            discutendone: dò sempre la possibilità di
            farlo.
            E non mi nascondo come fanno i "media autorevoli"
            tacendo, cancellando, censurando le risposte
            scomode di chi
            interviene.
            Per quanto riguarda la consapevolezza, idem.
            D'altro canto chi ne è
            immune?
            Per curiosità:

            http://www.mywot.com/en/scorecard/fapav.it
            http://www.mywot.com/en/scorecard/masteradv.it
            http://www.mywot.com/en/scorecard/piusanipiubelli.
            http://www.mywot.com/en/scorecard/antipirateria.goSara', ma non hai la capacita' di cogliere l'ironia...
          • gino tavera scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: krane

            Sara', ma non hai la capacita' di cogliere
            l'ironia...Sarà, ma a posteriori tutto è possibile. ;-)
          • JAcopo scrive:
            Re: Avere argomenti
            stai facendo una figura che più misera non si può. Provochi ma subisci solo risposte estremamente serie ed eleganti. Mi spiace caro ma rappresenti la tipica persona che pensa di sapere tutto perchè 'ha un attestato'. non funziona così e comunque, il lavoro che fai dovrebbe fartelo capire da solo. Se sapessi fare qualcosa in più del minimo,saresti responsabile di quell'ufficio ;)
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: JAcopo
            stai facendo una figura che più misera non si
            può. Provochi ma subisci solo risposte
            estremamente serie ed eleganti. Mi spiace caro ma
            rappresenti la tipica persona che pensa di sapere
            tutto perchè 'ha un attestato'. non funziona così
            e comunque, il lavoro che fai dovrebbe fartelo
            capire da solo. Se sapessi fare qualcosa in più
            del minimo,saresti responsabile di quell'ufficio
            ;)eh(newbie)[img]http://italia2tv.it/wp/wp-content/uploads/2011/07/Ambulanza-carton.jpg[/img]
          • gino tavera scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: JAcopo

            stai facendo una figura che più misera non si

            può. Provochi ma subisci solo risposte

            estremamente serie ed eleganti. Mi spiace
            caro
            ma

            rappresenti la tipica persona che pensa di
            sapere

            tutto perchè 'ha un attestato'. non funziona
            così

            e comunque, il lavoro che fai dovrebbe
            fartelo

            capire da solo. Se sapessi fare qualcosa in
            più

            del minimo,saresti responsabile di
            quell'ufficio

            ;)

            eh(newbie)

            [img]http://italia2tv.it/wp/wp-content/uploads/201WOW, che risposta.Proprio da blogger con attestato.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: gino tavera
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: JAcopo


            stai facendo una figura che più misera
            non
            si


            può. Provochi ma subisci solo risposte


            estremamente serie ed eleganti. Mi
            spiace

            caro

            ma


            rappresenti la tipica persona che pensa
            di

            sapere


            tutto perchè 'ha un attestato'. non
            funziona

            così


            e comunque, il lavoro che fai dovrebbe

            fartelo


            capire da solo. Se sapessi fare
            qualcosa
            in

            più


            del minimo,saresti responsabile di

            quell'ufficio


            ;)



            eh(newbie)




            [img]http://italia2tv.it/wp/wp-content/uploads/201


            WOW, che risposta.
            Proprio da blogger con attestato.A te do l'attestato di volpe dell'anno (rotfl)
          • gino tavera scrive:
            Re: Avere argomenti
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: gino tavera

            - Scritto da: Dottor Stranamore


            - Scritto da: JAcopo



            stai facendo una figura che più
            misera

            non

            si



            può. Provochi ma subisci solo
            risposte



            estremamente serie ed eleganti. Mi

            spiace


            caro


            ma



            rappresenti la tipica persona che
            pensa

            di


            sapere



            tutto perchè 'ha un attestato'. non

            funziona


            così



            e comunque, il lavoro che fai
            dovrebbe


            fartelo



            capire da solo. Se sapessi fare

            qualcosa

            in


            più



            del minimo,saresti responsabile di


            quell'ufficio



            ;)





            eh(newbie)








            [img]http://italia2tv.it/wp/wp-content/uploads/201





            WOW, che risposta.

            Proprio da blogger con attestato.

            A te do l'attestato di volpe dell'anno (rotfl)Come no, se cani e porci danno attestati a destra e a manca, sai che validità che hanno !!?
  • Italio scrive:
    Italia
    Immagine dell'Italia odierna[img]http://www.angelinvoid.net/blog/wp-content/uploads/2007/02/italia.jpg[/img] :
  • antonio barbaro scrive:
    evviva il ministro tecnico
    benissimo, siamo alla sublimazione del potere della classe dominante.Il ministro , messo ad arte, a protezione delle sistema finanziario , invece di preoccuparsi di risolvere velocemente il problema della giustizia italiana, " anni di dibattimenti per sentenze che si potrebbero chiudere in uno o due anni , cerca di chiudere i blog.Ad onore del vero , spesso gli stessi blog, risultano inutili e poveri di proposizioni, ma esiste una selezione naturale, il blog stupido muore e non genera il mostro che, invece,l'arroganza del potere crea con la CENSURA.Il ministro, elemento tecnico e non politico, deve limitarsi alle incombenze per le quali è stata chiamata a lavorare.La politica la faccia in altra sede, dopo aver dismesso i panni di ministro tecnico.Purtroppo questo sistema folle, dove le banche ed una pazza idea di " globalizzazione" sta distruggendo la democrazia occidentale, generata da anni di lotte democratiche, o quasi.Sarebbe ora che ogni cittadino diventasse più consapevole del proprio ruolo, si organizzasse in strutture operative locali per il controllo della cosa pubblica, una sorta di democrazia " ROSSEAUNIANA ".Non è difficile, è mettere in gioco il proprio essere su questa terra, considerarsi un disonesto e controllare gli altri disonesti affinchè tra disonesti scaturisca per necessità l'onestà.saluti Sir Inot
  • voluisti birotam scrive:
    Aiutiamo il Ministro Severino!
    Dal confronto tra il testo della bozza Severino con quello del Ddl Alfano(http://ilnichilista.wordpress.com/2012/04/17/lennesimo-ritorno-del-comma-ammazza-blog)emerge fin troppo chiaramente l'uso del copia-incolla di un testo di legge <i
    apparentemente </i
    scritto senza competenza.In questo forum ho notato che intervengono parecchie persone competenti. Invece di sprecare tempo ed energie in innumerevoli post pirate heaters/pirate lovers, che ne dite di dare una bella aggiustata ad una normativa che prima o poi ci troveremo comunque tra capo e collo? Sarebbe un bell'esempio di democrazia "dal basso", e comunque resterà come paragone con quanto approderà in sede legislativa.In effetti il diritto di replica potrebbe anche non essere questa gran brutta cosa, a patto che sia adeguatamente concepito e regolamentato: ad esempio si potrebbe introdurre la nuova norma che se il tg o qualche giornale pubblica una notizia offensiva per un'intera categoria di persone, in termini di tempo ragionevoli deve offrire uno spazio di equivalente visibilità alla replica da parte di una rappresentanza qualificata della stessa categoria. Una corretta informazione che raggiungerebbe milioni di persone.Casi pratici:Hackers = crackers?Un milione di pacifici manifestanti oscurati dalla cronaca degli atti vandalici di un centinaio di black block e il messaggio di quel milione non raggiunge gli altri 59 milioni?E così via.Comincio col proporre qualche idea, partendo dal testo della bozza Severino (Art. 25).- Togliere dal testo di legge sulle intercettazioni e farne una legge a sé.- 25.a "le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di acXXXXX al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono." Una delle poche cose che salverei del testo attuale.- Adeguare i tempi di intervento alle reali situazioni di operabilità della struttura informativa. Un conto è il tg1, un'altro un sito amatoriale.- Distinzione tra giornalismo professionale e quello amatoriale.- 25.b "[le repliche] devono essere pubblicate senza commento" E perché mai? L'autore dell'articolo deve poter rispondere subito alla replica e far valere la fondatezza delle sue ragioni, come attualmente avviene su molti giornali.- Prevedere un ente terzo ed imparziale che valuti la fondatezza della richiesta di rettifica: ad esempio se un sito racconta di un arresto, un arrestato dal carcere vuole far scrivere come rettifica, magari tramite il suo avvocato, che non è vero che è stato arrestato, questo ente fa una rapidissima verifica e respinge la richiesta palesemente infondata o la inoltra (tra l'altro con data certa) alla testata giornalistica. Inoltre compito di questo ente è pure quello di accertare il rispetto di questa legge.- 25.c "l'autore dello scritto [...], provvedono, su richiesta della persona offesa, alla pubblicazione, a proprie cura e spese su non più di due quotidiani a tiratura nazionale indicati dalla stessa, delle dichiarazioni o delle rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini o ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro reputazione [...]" No: se su un sito (o giornale o tg) c'è la notizia che non ti aggrada, sullo stesso sito (o giornale o tg) apparirà, se fondata, la tua replica. Punto.- Le sanzioni devono essere proporzionali al fatturato della testata.- Se una notizia risulta offensiva per un'intera categoria di persone, la testata giornalistica deve offrire uno spazio di equivalente visibilità alla replica da parte di una rappresentanza qualificata della stessa categoria.L'invito a questa iniziativa è rivolto anche ai giornalisti e agli altri collaboratori di P.I.!
    • Penelope2 scrive:
      Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
      - Scritto da: voluisti birotam
      In questo forum ho notato che intervengono
      parecchie persone competenti. Invece di sprecare
      tempo ed energie in innumerevoli post pirate
      heaters/pirate lovers, che ne dite di dare una
      bella aggiustata ad una normativa che prima o poi
      ci troveremo comunque tra capo e collo? Hai scritto bene nel tuo commento, incompetente. Non nel senso di incompetente di diritto: incompetente perché non conosce davvero la Rete, non ha idea di come funzioni realmente. Cosa serve sfornare leggi applicabili solo in Italia, quando la Rete è mondiale? Con facili mezzi si aggira qualsiasi blocco.Se esistesse una legislazione globale sul web a cui tutti gli Stati si devono adeguare (compresa la Corea del Nord, che non ha internet), la proposta avrebbe almeno un senso. Messa così, serve solo a rassicurare persone che non conoscono davvero il mezzo, una categoria nella quale rientra probabilmente la stessa Severino (ma un sospettino che faccia la tonta c'è...).
      In effetti il diritto di replica potrebbe anche
      non essere questa gran brutta cosa, a patto che
      sia adeguatamente concepito e regolamentato: ad
      esempio si potrebbe introdurre la nuova norma che
      se il tg o qualche giornale pubblica una notizia
      offensiva per un'intera categoria di persone, in
      termini di tempo ragionevoli deve offrire uno
      spazio di equivalente visibilità alla replica da
      parte di una rappresentanza qualificata della
      stessa categoria. Stai parlando di un diritto che c'è già, e dal 1948: il diritto di rettifica. Art. 8 della Legge sulle disposizioni della stampa.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 aprile 2012 16.37-----------------------------------------------------------
      • voluisti birotam scrive:
        Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
        - Scritto da: Penelope2
        - Scritto da: voluisti birotam


        In questo forum ho notato che intervengono

        parecchie persone competenti. Invece di
        sprecare

        tempo ed energie in innumerevoli post pirate

        heaters/pirate lovers, che ne dite di dare
        una

        bella aggiustata ad una normativa che prima
        o
        poi

        ci troveremo comunque tra capo e collo?

        Hai scritto bene nel tuo commento: incompetente.
        Non nel senso di incompetente di diritto:
        incompetente perché non conoscere davvero la
        Rete, non ha idea di come funzioni realmente.Appunto per questo motivo chiamavo a raccolta i lettori ed i giornalisti di P.I. che in svariate occasioni hanno dato prova di conoscere la Rete molto meglio di certi "dinosauri". La legge è ancora "in fieri": proviamoci!
        Cosa serve sfornare leggi applicabili solo in
        Italia, quando la Rete è mondiale?Che dipenda dal fatto che i cittadini sono soggetti alla legge del proprio Stato? Comunque c'è la possibilità di armonizzare le varie normative nazionali.
        Con facili
        mezzi si aggira qualsiasi
        blocco.Un blocco certamente sì, ma qui la questione è diversa e le modalità che il provvedimento intende introdurre (es: 48 ore dalla richiesta di rettifica) sono decisamente ingiuste.

        In effetti il diritto di replica potrebbe
        anche

        non essere questa gran brutta cosa, a patto
        che

        sia adeguatamente concepito e regolamentato:
        ad

        esempio si potrebbe introdurre la nuova
        norma
        che

        se il tg o qualche giornale pubblica una
        notizia

        offensiva per un'intera categoria di
        persone,
        in

        termini di tempo ragionevoli deve offrire uno

        spazio di equivalente visibilità alla
        replica
        da

        parte di una rappresentanza qualificata della

        stessa categoria.

        Stai parlando di un diritto che c'è già, e dal
        1948: il diritto di rettifica. Art. 8 della Legge
        sulle disposioni della
        stampa.Ed è appunto a tale articolo della legge 47/1948 che il provvedimento in oggetto intende apportare modifiche. Maldestre e pericolose per la libertà di espressione. Non quelle tali da attuare il diritto dei cittadini di venir correttamente informati.
        • Penelope2 scrive:
          Re: Aiutiamo il Ministro Severino!


          Hai scritto bene nel tuo commento:
          incompetente.

          Non nel senso di incompetente di diritto:

          incompetente perché non conoscere davvero la

          Rete, non ha idea di come funzioni realmente.
          Appunto per questo motivo chiamavo a raccolta i
          lettori ed i giornalisti di P.I. che in svariate
          occasioni hanno dato prova di conoscere la Rete
          molto meglio di certi "dinosauri". La legge è
          ancora "in fieri":
          proviamoci!Ma no, quanta perdita di tempo. È una legge probabilmente liberticida, ma di nessun effetto pratico, come ho spiegato. Lo Stato italiano non ha giurisdisione sul web al di fuori del territorio nazionale. E non esistono mezzi tecnici, al momento, che impediscano con pochi clic di aggirare un blocco imposto dall'autorità giudiziaria italiana.Chi ha paura di un carceriere in grado solo di rinchiuderti in una gabbia di cioccolato, perché non dispone di gabbie in ferro? Ecco.

          Cosa serve sfornare leggi applicabili solo in

          Italia, quando la Rete è mondiale?
          Che dipenda dal fatto che i cittadini sono
          soggetti alla legge del proprio Stato? Sì, se risiedono nello Stato sono soggetti alla legge, anche nel caso che abbiano usato una piattaforma o un server che si trova all'estero. Non sempre è facile identificare chi ha scritto cosa, però.
          Comunque
          c'è la possibilità di armonizzare le varie
          normative
          nazionali.Non c'è alcuna possibilità, oggi. Metà degli Stati sono in guerra contro l'altra metà, figurati che interesse hanno ad armonizzare, e soprattutto a far rispettare una legge che riguarda internet, un mezzo pochissimo usato in certe realtà.

          Con facili

          mezzi si aggira qualsiasi

          blocco.
          Un blocco certamente sì, ma qui la questione è
          diversa e le modalità che il provvedimento
          intende introdurre (es: 48 ore dalla richiesta di
          rettifica) sono decisamente
          ingiuste.Di leggi ingiuste ne sono state introdotte molte, in Italia. E con conseguenze ben più pesanti. Una più, una meno...Questa, almeno, è facilmente aggirabile. Per questo motivo sia a giugno 2011, quando è stata presentata la prima proposta, sia oggi, non capisco perché la gente si agiti tanto. Da un punto di vista pratico, anche se la legge passasse, cambierà poco: dovremo perdere qualche minuto ad impostare un proxy server per aggirare qualche blocco, e nulla più.
          • voluisti birotam scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: Penelope2

            La legge è ancora "in fieri": proviamoci!
            Ma no, quanta perdita di tempo.E dare una lezione ai "dinosauri"?
            È una legge
            probabilmente liberticida, ma di nessun effetto
            pratico, come ho spiegato.Una multa fino a 12500 euro mi sembra un bell'effetto pratico.
            Lo Stato italiano non
            ha giurisdisione sul web al di fuori del
            territorio nazionale. E non esistono mezzi
            tecnici, al momento, che impediscano con pochi
            clic di aggirare un blocco imposto dall'autorità
            giudiziaria
            italiana.Ma in questo caso mica effettuano un blocco. (vedi più avanti)

            Comunque

            c'è la possibilità di armonizzare le varie

            normative

            nazionali.

            Non c'è alcuna possibilità, oggi. Metà degli
            Stati sono in guerra contro l'altra metà,
            figurati che interesse hanno ad armonizzare, e
            soprattutto a far rispettare una legge che
            riguarda internet, un mezzo pochissimo usato in
            certe
            realtà.Con "armonizzare" intendevo che al momento di legiferare sui nuovi fenomeni si possono ispirare alle leggi già emanate negli altri Stati, così alla fine le leggi tenderanno ad assomigliarsi.
            Di leggi ingiuste ne sono state introdotte molte,
            in Italia. E con conseguenze ben più pesanti. Una
            più, una
            meno...Meglio una meno, non trovi? :)
            Questa, almeno, è facilmente aggirabile.Mica tanto (vedi più avanti).
            Per
            questo motivo sia a giugno 2011, quando è stata
            presentata la prima proposta, sia oggi, non
            capisco perché la gente si agiti tanto.Ecco uno dei trucchi (occhio alla tempistica):Decreto legislativo 177/2005 (Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici) Art.32-quinquies (Telegiornali e giornali radio. Rettifica.)3. "La rettifica è effettuata entro quarantotto ore dalla data di <b
            ricezione </b
            della relativa richiesta [...]"Legge 47/1948 (Disposizioni sulla stampa) Art.8"[...] Per i quotidiani [...] non oltre due giorni da quello in cui è <b
            avvenuta </b
            la richiesta [...]""[...] Per i periodici [...] non oltre il secondo numero successivo alla settimana in cui è <b
            pervenuta </b
            la richiesta [...]"Se passa la modificazione, nello stesso articolo:"[...] Per i siti informatici [...] le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla <b
            richiesta </b
            , [...]"Perché non hanno specificato chiaramente "ricezione" o "pervenuta"? Perché così il riferimento temporale è fissato a quando la richiesta viene effettuata, magari via e-mail ed il venerdì sera.Tieni conto che nel caso dei siti informatici la gestione può essere individuale e amatoriale, quindi può benissimo capitare che per motivi lavorativi, familiari, di salute, di fruizione del tempo libero ecc. il blogger non possa controllare la corrispondenza per un certo periodo di tempo ed inserire l'eventuale rettifica. Passate le 48 ore si avvia l'iter che porta alla sanzione amministrativa pecuniaria (fino a 12500 euro). Una spada di Damocle, e non da poco!
            Da un
            punto di vista pratico, anche se la legge
            passasse, cambierà poco: dovremo perdere qualche
            minuto ad impostare un proxy server per aggirare
            qualche blocco, e nulla
            più.Mi spiace contraddirti, ma non essere perseguibili i blogger amatoriali dovranno passare alla clandestinità. Con buona pace dell'articolo 21 della Costituzione.
          • Penelope2 scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: voluisti birotam
            - Scritto da: Penelope2


            La legge è ancora "in fieri":
            proviamoci!

            Ma no, quanta perdita di tempo.
            E dare una lezione ai "dinosauri"?I dinosauri nemmeno leggono le proposte che arrivano dal popolo. Guarda che fine hanno fatto le tre leggi di iniziativa popolare con 350 000 firme presentate a dicembre 2007. Personalmente ho seri dubbi sulla validità delle firme: ma almeno si dica chiaro e tondo che quei fogli contenevano la lista della spesa, anziché tenere in frigo una proposta di legge popolare!Forse il disegno di legge migliorerà quando qualche gruppo consistente in parlamento farà notare alla Severino che messa così la legge è sgangherata (e con qualche dubbio di costituzionalità).

            È una legge

            probabilmente liberticida, ma di nessun
            effetto

            pratico, come ho spiegato.
            Una multa fino a 12500 euro mi sembra un
            bell'effetto
            pratico.Mah... sai quante leggi prevedono ammende più o meno dello stesso tenore che non vengono <B
            mai </B
            inflitte? Per fortuna il furore proibizionista del parlamento è una cosa, le decisioni dei giudici monocratici un'altra.

            Non c'è alcuna possibilità, oggi. Metà degli

            Stati sono in guerra contro l'altra metà,

            figurati che interesse hanno ad armonizzare,
            e

            soprattutto a far rispettare una legge che

            riguarda internet, un mezzo pochissimo usato
            in

            certe

            realtà.
            Con "armonizzare" intendevo che al momento di
            legiferare sui nuovi fenomeni si possono ispirare
            alle leggi già emanate negli altri Stati, così
            alla fine le leggi tenderanno ad
            assomigliarsi.Ah be', si armonizza in fretta allora. Soprattutto prendendo ad esempio i Paesi, e non sono pochi, che non hanno proprio nessuna legge in materia. Saggiamente hanno deciso che la normativa in materia di stampa vigente per il mondo fuori da internet era perfettamente applicabile al mondo dentro internet.

            Di leggi ingiuste ne sono state introdotte
            molte,

            in Italia. E con conseguenze ben più
            pesanti.
            Una

            più, una

            meno...
            Meglio una meno, non trovi? :)Mi è indifferente, ormai.Non molti sanno che l'Italia ha il primato di condanne alla Corte europea dei diritti dell'uomo. Nemmeno la Turchia ci batte, che pure in quanto a leggi e a processi penali discutibili ne ha avuti.Nel 2011, l'Italia è scesa al 61° posto nell'indice per la libertà di stampa, superata da Stati come il Ghana, il Mali, la Tanzania e il Suriname. Solo 5 anni prima era 35°. Questo, almeno, secondo Reporters sans frontières.È una lenta discesa lungo la china che non credo si possa arrestare.
            Perché non hanno specificato chiaramente
            "ricezione" o "pervenuta"? Perché così il
            riferimento temporale è fissato a quando la
            richiesta viene effettuata, magari via e-mail ed
            il venerdì
            sera.Perché sono norme buttate giù alla bell'e meglio da persone che non si intendono né di internet, né di legge. E sicuramente queste persone non sono la Severino. Ancora oggi si ride della circostanza che la cosiddetta legge Gasparri Maurizio Gasparri non solo non l'ha scritta, ma nemmeno l'ha letta. Probabilmente è vero: ma sai quante leggi che nessuno in parlamento ha mai né scritto, né letto, sono in vigore lo stesso? Le conosce giusto l'anonimo scribacchino incaricato di stenderle secondo un canovaccio.

            Da un

            punto di vista pratico, anche se la legge

            passasse, cambierà poco: dovremo perdere
            qualche

            minuto ad impostare un proxy server per
            aggirare

            qualche blocco, e nulla

            più.
            Mi spiace contraddirti, ma non essere
            perseguibili i blogger amatoriali dovranno
            passare alla clandestinità. Con buona pace
            dell'articolo 21 della
            Costituzione.Oh be', non che i weblog italiani che ci sono oggi siano tutti intestati con nome e cognome a qualcuno, neh? Direi che sono l'eccezione.Chi pensa di poter pagare l'ammenda che hai indicato, in caso di procedimento di contestazione, continuerà a scrivere come prima.
          • voluisti birotam scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: Penelope2

            Perché non hanno specificato chiaramente

            "ricezione" o "pervenuta"? Perché così il

            riferimento temporale è fissato a quando la

            richiesta viene effettuata, magari via
            e-mail
            ed

            il venerdì

            sera.


            Perché sono norme buttate giù alla bell'e meglio
            da persone che non si intendono né di internet,
            né di legge.La buona fede e l'ignoranza non gliele concedo, a questi personaggi: sono troppo subdoli e determinati a conseguire i loro obiettivi. Per quello inizialmente avevo scritto: <i
            apparentemente </i
            incompetente. Se ti interessa approfondire un po' la notizia, ho postato dei link (alle 20.52).
            E sicuramente queste persone non
            sono la Severino.Lei (o chi per lei) ha fatto un copia-incolla dal ddl Alfano. Ma lei ora ci mette la faccia e si fa una figura... ancor più barbina visto il suo curriculum (v. wiki).
            Ancora oggi si ride della circostanza che la
            cosiddetta legge Gasparri Maurizio Gasparri non
            solo non l'ha scritta, ma nemmeno l'ha letta.Poverino, ma quello è un caso umano (rotfl)
            Probabilmente è vero: ma sai quante leggi che
            nessuno in parlamento ha mai né scritto, né
            letto, sono in vigore lo stesso?Non esageriamo, dài...


            Da un


            punto di vista pratico, anche se la
            legge


            passasse, cambierà poco: dovremo perdere

            qualche


            minuto ad impostare un proxy server per

            aggirare


            qualche blocco, e nulla


            più.


            Mi spiace contraddirti, ma non essere

            perseguibili i blogger amatoriali dovranno

            passare alla clandestinità. Con buona pace

            dell'articolo 21 della

            Costituzione.

            Oh be', non che i weblog italiani che ci sono
            oggi siano tutti intestati con nome e cognome a
            qualcuno, neh? Direi che sono
            l'eccezione.Ma trovo giusto che chi intende aprirne uno non debba necessariamente passare in clandestinità.
            Chi pensa di poter pagare l'ammenda che hai
            indicato, in caso di procedimento di
            contestazione, continuerà a scrivere come
            prima.Appunto, è per colpire i "piccoli" che però possono assumere una notevole visibilità grazie a notizie ben mirate e alla potenza di google.Prova a chiedere a google:Tiziano Mariani assoltooppureTiziano Mariani condannatoe vedi un po' nelle prime posizioni cosa appare. ;)
          • Penelope2 scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: voluisti birotam
            La buona fede e l'ignoranza non gliele concedo, a
            questi personaggi: sono troppo subdoli e
            determinati a conseguire i loro obiettivi. Per
            quello inizialmente avevo scritto:
            apparentemente incompetente. Se ti
            interessa approfondire un po' la notizia, ho
            postato dei link (alle
            20.52).Non parlavo di incompetenza di un ministro. Un ministro della giustizia, in Italia, fa tutto fuorché occuparsi della stesura delle leggi. Le delega ad altri, in genere persone senza alcuna preparazione specifica, e di suo ci mette solo la firma.Alcuni mesi fa il ministero dell'istruzione ha diramato un comunicato stampa a proposito di un tunnel dal Cern di Ginevra fino al Gran Sasso per il passaggio di neutrini. Mariastella Gelmini è stata coperta di ridicolo su tutto il web. Inizialmente ha cercato di metterci una pezza, ha parlato di strumentalizzazioni; ma ha peggiorato la situazione. Alcuni giorni dopo si è dimesso, probabilmente non di sua spontanea volontà, il suo portavoce, Massimo Zennaro. La Gelmini non ha mai riferito chi avesse steso il comunicato, ma in un'intervista a <I
            Libero </I
            , rilasciata quando non era più in carica, ha ammesso candidamente che non ha il tempo di controllare tutti i documenti e tutti i comunicati. Compreso quello. 8)In Italia funziona così: la politica spettacolo esige che il ministro (ma anche il segretario di partito, il capogruppo, il presidente...) si occupino solo della superficie, della rappresentazione, della forma che deve assumere il dibattito in pubblico. E delegano tutto il resto ad altri. Coi risultati che si vedono.Per concludere questa digressione: non vedo alcuna malizia né malafede nella disposizione sulla richiesta di rettifica dalla data di invio anziché da quella di ricezione; solo leggerezza. Non si fa paura al web italiano con una piccolezza del genere; e ritengo che la maggior parte dei giudici di merito la considereranno inapplicabile, se non addirittura incostituzionale.
            Ma lei ora ci mette la faccia e si fa
            una figura... ancor più barbina visto il suo
            curriculum (v.
            wiki).Non credo sia in cima alle sue preoccupazioni. E dopo la "paccata" della Fornero, a queste figuracce ci si è abituati.

            Probabilmente è vero: ma sai quante leggi che

            nessuno in parlamento ha mai né scritto, né

            letto, sono in vigore lo stesso?
            Non esageriamo, dài...Eppure ogni tanto gli altarini si scoprono. Vengono votate leggi sul passaparola, sulla dichiarazione d'intenti del relatore. Ma che nessuno ha davvero letto.
            Appunto, è per colpire i "piccoli" che però
            possono assumere una notevole visibilità grazie a
            notizie ben mirate e alla potenza di
            google.Ogni volta che il governo italiano legifera su internet, ovviamente alla membro di segugio, salta fuori qualcuno che dice che sono norme fatte apposta contro di lui. Dalla legge <I
            ad personam </I
            alla legge <I
            contra personam </I
            .Non è che la blogosfera sia costituita da egocentrici che passano il tempo a guardarsi l'ombelico?!? ;)
            Prova a chiedere a google:
            Tiziano Mariani assolto
            oppure
            Tiziano Mariani condannato
            e vedi un po' nelle prime posizioni cosa appare.
            OcchiolinoIgnoravo totalmente chi fosse prima che me lo dicessi tu.Comunque non credo al piccolo weblog che fa il grande scoop. Il giovane weblogger può capitare al posto giusto al momento giusto, e scattare foto di grande interesse. Un colpo di fortuna. Ma la cosa finisce lì.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 maggio 2012 00.10-----------------------------------------------------------
          • voluisti birotam scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: Penelope2
            Non parlavo di incompetenza di un ministro. Un
            ministro della giustizia, in Italia, fa tutto
            fuorché occuparsi della stesura delle leggi. Le
            delega ad altri, in genere persone senza alcuna
            preparazione specifica,e questo è disdicevole.
            e di suo ci mette solo la
            firma.Finché tutto fila liscio e non si leva un coro di proteste, sì.

            Mariastella Gelmini è
            stata coperta di ridicolo su tutto il web.E non solo lì! (rotfl)
            Per concludere questa digressione: non vedo
            alcuna malizia né malafede nella disposizione
            sulla richiesta di rettifica dalla data di invio
            anziché da quella di ricezione; solo leggerezza.Che però potrà essere usata come un'arma contro qualcuno.Comunque quel che non va in quel provvedimento non è solo quel punto lì. Cfr. il mio post delle 14.30.
            Non si fa paura al web italiano con una
            piccolezza del genere;Si sono mossi in parecchi, e neanche stupidi.
            e ritengo che la maggior
            parte dei giudici di merito la considereranno
            inapplicabile, se non addirittura
            incostituzionale.Ma intanto si arriva davanti ad un giudice pagandosi l'avvocato. Prima no.
            Vengono votate leggi sul passaparola, sulla
            dichiarazione d'intenti del relatore. Ma che
            nessuno ha davvero
            letto.Non dico che tutti i parlamentari leggano tutto, ma vorrei sperare almeno che qualcuno di essi leggerà la parte di sua competenza e riferirà un sunto al resto del suo gruppo.

            Appunto, è per colpire i "piccoli" che però

            possono assumere una notevole visibilità
            grazie
            a

            notizie ben mirate e alla potenza di

            google.

            Ogni volta che il governo italiano legifera su
            internet, ovviamente alla membro di segugio,
            salta fuori qualcuno che dice che sono norme
            fatte apposta contro di lui.Che sia perché le novità son sempre sfavorevoli?
            Dalla legge
            <I
            ad personam </I
            alla legge
            <I
            contra personam </I

            .Queste modificazioni, allo stato attuale del testo di legge, sono prevalentemente contra personas. Ma potremmo elaborare un testo migliore, e quella era la mia proposta.
            Non è che la blogosfera sia costituita da
            egocentrici che passano il tempo a guardarsi
            l'ombelico?!?
            ;)Il controllo dell'informazione è essenziale per qualunque tipo di potere, soprattutto se deve reggersi prevalentemente sul consenso come nelle democrazie rappresentative. Attualmente mi risulta che il 70% circa degli italiani trae le sue info esclusivamente dai tg, pochi e manipolabili. Finché un'informazione alternativa non raggiunge una percentuale a due cifre della popolazione non hanno alcun problema. Vogliono appunto evitare che ciò accada, e lo fanno gradualmente.

            Prova a chiedere a google:

            Tiziano Mariani assolto

            oppure

            Tiziano Mariani condannato

            e vedi un po' nelle prime posizioni cosa
            appare.

            Occhiolino

            Ignoravo totalmente chi fosse prima che me lo
            dicessi
            tu.Se tu fossi stat* di Milano o dintorni e ti fosse venuto il dubbio sull'integrità del personaggio... pensa che è arrivato fino alla Cassazione per far sparire dal web la notizia (vera) del suo arresto.
            Comunque non credo al piccolo weblog che fa il
            grande scoop.Neanch'io. Ormai siamo abituati a scoop o a scandali quasi quotidiani, che però vengono presto rimossi dalla memoria collettiva dall'arrivo di altri scoop il giorno successivo. Un ruolo importante per l'informazione, molto scomodo per certi personaggi di potere, può esser svolto da internet memorizzando, riorganizzando, approfondendo e riproponendo all'occorrenza in un istante tutte le cose che rischierebbero di venir dimenticate ma che sono indispensabili per un corretto giudizio. Magari proprio prima delle elezioni.
            Il giovane weblogger può capitare
            al posto giusto al momento giusto, e scattare
            foto di grande interesse. Un colpo di fortuna. Ma
            la cosa finisce
            lì.Pienamente d'accordo.
          • Penelope2 scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: voluisti birotam
            Un

            ministro della giustizia, in Italia, fa tutto

            fuorché occuparsi della stesura delle leggi.
            Le

            delega ad altri, in genere persone senza
            alcuna

            preparazione specifica,
            e questo è disdicevole.Sì, ma posso solo dire: benvenuto in Italia!

            Per concludere questa digressione: non vedo

            alcuna malizia né malafede nella disposizione

            sulla richiesta di rettifica dalla data di
            invio

            anziché da quella di ricezione; solo
            leggerezza.
            Che però potrà essere usata come un'arma contro
            qualcuno.Ma infatti è giusto che si critichi questo aspetto sgangherato della legge. È sbagliato, senza se e senza ma. Che però questo attacco non diventi una crociata vera e propria contro una legge che, ripeto, avrà conseguenze pratiche pressoché nulle. Un po' conosco come funzionano i tribunali in Italia, so che molti giudici, per fortuna, sanno distinguere una legge fatta coi piedi da una che tutela obiettivamente alcuni interessi.
            Comunque quel che non va in quel provvedimento
            non è solo quel punto lì. Cfr. il mio post delle
            14.30.Fai prima a dirmi esattamente quali sono i punti dolenti...

            Non si fa paura al web italiano con una

            piccolezza del genere;
            Si sono mossi in parecchi, e neanche stupidi.Se è per questo si sono mossi anche per cretinate del tutto prive di fondamento, come il caso della signora italiana residente in Svizzera a cui il sindaco aveva giustiziato il cane:http://attivissimo.blogspot.com/2011/02/cane-abbattuto-per-tassa-non-pagata.htmlUna bufala fatta e finita!L'indignazione del web, in sé, non dimostra proprio nulla.

            e ritengo che la maggior

            parte dei giudici di merito la considereranno

            inapplicabile, se non addirittura

            incostituzionale.
            Ma intanto si arriva davanti ad un giudice
            pagandosi l'avvocato. Prima
            no.In realtà, l'ho fatto già notare a un altro lettore, cause penali e civili sono già possibili oggi, basandosi su leggi che esistevano prima dell'epoca internet:http://www.google.com/search?q=blogger+condannato+diffamazione&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rlsE l'avvocato si pagava anche prima. /:Queste cause diventeranno molte di più con la nuova legge? Forse sì, forse no. Io aspetterei a vederla operativa prima di strapparmi le vesti.

            Ogni volta che il governo italiano legifera
            su

            internet, ovviamente alla membro di segugio,

            salta fuori qualcuno che dice che sono norme

            fatte apposta contro di lui.
            Che sia perché le novità son sempre sfavorevoli?Bisogna sempre abituarsi alle novità. Senza però coltivare manie di persecuzione da parte di un ministro che, francamente, non ha l'aria del forcaiolo o del nemico della libera informazione.
            Queste modificazioni, allo stato attuale del
            testo di legge, sono prevalentemente contra
            personas. Ma potremmo elaborare un testo
            migliore, e quella era la mia proposta.Tanti auguri. Ripeto, anche se la sovranità appartiene al popolo, il popolo italiano non ha voce in capitolo sull'iter di approvazione delle leggi. Se qualche addetto ai lavori si accorgerà della magagna, verrà corretta. Altrimenti resterà com'è... e son sicuro che fra un anno nessuno ne parlerà più, perché quella assurdità giuridica resterà lettera morta.
            Il controllo dell'informazione è essenziale per
            qualunque tipo di potere, soprattutto se deve
            reggersi prevalentemente sul consenso come nelle
            democrazie rappresentative. Attualmente mi
            risulta che il 70% circa degli italiani trae le
            sue info esclusivamente dai tg, pochi e
            manipolabili. Non manipolabili: <B
            lottizzati </B
            . È diverso.
            Finché un'informazione alternativa
            non raggiunge una percentuale a due cifre della
            popolazione non hanno alcun problema. Infatti. Campa cavallo.
            Vogliono
            appunto evitare che ciò accada, e lo fanno
            gradualmente.Metodo bislacco, quello di limitare la libera stampa su internet imponendo uno sgangherato meccanismo di rettifica, che peraltro nella stampa cartacea già esiste dal 1948.Ribadisco la mia impressione iniziale: ci sono weblogger e giornalisti di testate internet che si danno troppa importanza.

            Comunque non credo al piccolo weblog che fa
            il

            grande scoop.
            Neanch'io. Ormai siamo abituati a scoop o a
            scandali quasi quotidiani, che però vengono
            presto rimossi dalla memoria collettiva
            dall'arrivo di altri scoop il giorno successivo.Su questo almeno siamo d'accordo.
            Un ruolo importante per l'informazione, molto
            scomodo per certi personaggi di potere, può esser
            svolto da internet memorizzando, riorganizzando,
            approfondendo e riproponendo all'occorrenza in un
            istante tutte le cose che rischierebbero di venir
            dimenticate ma che sono indispensabili per un
            corretto giudizio. Magari proprio prima delle
            elezioni.No. Sono le classiche utopie che ogni tanto saltano fuori, propagate in genere da persone non disinteressate, perché gestiscono spazi in cui ci sarebbero documenti "scottanti" e notizie "scomode".In realtà fa tutto la memoria corta dell'italiano medio. E così in Italia ci si indigna, ci si infervora, si sbraita... per lasciare tutto come prima il giorno dopo.Domanda: dall'avvento di internet in Italia (1994) ad oggi, è cambiato davvero qualcosa nel rapporto fra cittadini e governanti?
          • Sgabbio scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            l'attuale ministro, come tutto il governo tecnico attuale è una estensione della volontà del governo berlusconi. Se guadi certe scelte non le fanno per non danneggiare le sue aziende...Sempre se guardi, il pdl sostiene molto questo governo...
          • Penelope2 scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: Sgabbio
            l'attuale ministro, come tutto il governo tecnico
            attuale è una estensione della volontà del
            governo berlusconi. Se guadi certe scelte non le
            fanno per non danneggiare le sue
            aziende...Sgabbio, vediamo di parlare di diritto e di internet, e lasciamo perdere la politica. Cosa vuoi che me ne importi di chi è estensione Tizio o Caio.
            Sempre se guardi, il pdl sostiene molto questo
            governo..."Sostiene molto": una definizione perfetta nelle scienze politiche. Perché, come è noto, nei parlamenti moderni, si può far parte della maggioranza (e il Pdl ne fa parte in maniera dichiarata) ma "sostenere poco", oppure sostenere un giorno sì e un giorno no, come capita, il governo in carica. E ovviamente il governo non si accascia su un lato come un tavolo a tre gambe, no no. Sta su anche col sostegno insufficiente. Per miracolo. (ghost)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: Penelope2

            Sgabbio, vediamo di parlare di diritto e di
            internet, e lasciamo perdere la politica. Cosa
            vuoi che me ne importi di chi è estensione Tizio
            o Caio.Non sai stare in un forum, vedo :/Comunque Questo governo tecnico è stato fatto per evitare che l'attuale partito di berlusconi perdesse troppi consensi, se attuava le misure che sta facendo Monti e compagna bella.

            "Sostiene molto": una definizione perfetta nelle
            scienze politiche. Perché, come è noto, nei
            parlamenti moderni, si può far parte della
            maggioranza (e il Pdl ne fa parte in maniera
            dichiarata) ma "sostenere poco", oppure sostenere
            un giorno sì e un giorno no, come capita, il
            governo in carica. E ovviamente il governo non si
            accascia su un lato come un tavolo a tre gambe,
            no no. Sta su anche col sostegno insufficiente.
            Per miracolo.
            (ghost)Invece di fare in saccente, il PDL praticamente sostiene questo governo tecnico da quanto è stato formato, infatti hanno fatto pure accordi, per non toccare il conflitto d'interesse e per impedire l'asta sulle frequenze televisive....
          • Penelope2 scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: Penelope2




            Sgabbio, vediamo di parlare di diritto e di

            internet, e lasciamo perdere la politica.
            Cosa

            vuoi che me ne importi di chi è estensione
            Tizio

            o Caio.

            Non sai stare in un forum, vedo :/Ci so stare molto bene, e so capire quando un articolo parla di politica e quando parla di diritti e internet, che sono cose molto diverse.Per parlare male di ogni governo, non solo quello attuale, ci sono migliaia di forum appositi.
            Comunque Questo governo tecnico è stato fatto per
            evitare che l'attuale partito di berlusconi
            perdesse troppi consensi, se attuava le misure
            che sta facendo Monti e compagna
            bella.Ecco. Ci mancava quello che ha capito tutto...Fatti, non pugnette, Sgabbio.Ti ho chiesto quali sono i weblog chiusi per diffamazioni mai avvenute, ancora non mi hai risposto.
            Invece di fare in saccente, il PDL praticamente
            sostiene questo governo tecnico da quanto è stato
            formato,Sgabbio, tu sai come funziona una democrazia, nelle fattispecie quella italiana, o l'hai letto su un Bignami? Lo sai, vero, che se un partito ha 210 membri alla Camera, e 127 membri al Senato, non ha la maggioranza assoluta (cioè, il 50% dei voti +1), ma solo quella relativa (cioè: è il partito che ha più membri, rispetto agli altri). Lo sai chi sono gli altri due partiti che sostengono l'attuale governo, che ne votano ogni decisione? E se sì, perché non parli mai di questi due?Poi: lo sai che se uno solo dei tre partiti che sostengono attualmente il governo si sfilasse, il governo perderebbe la maggioranza e dovrebbe dimettersi? E che la cosa è ovviamente lecita, ma equivarrebbe a chiamare un medico al capezzale di una malato molto grave, e poi mandarlo via in malo modo perché non fa quello che vogliamo noi?No, perché qui sembra che per te la vita parlamentare funziona come una partita di calcetto, un giocatore più, uno in meno... uno preso di qua, l'altro di là.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: Penelope2

            Ci so stare molto bene, e so capire quando un
            articolo parla di politica e quando parla di
            diritti e internet, che sono cose molto
            diverse.
            Per parlare male di ogni governo, non solo quello
            attuale, ci sono migliaia di forum
            appositi.
            Commenti di una notizia che si critica un ministro del governo tecnico
            Non si può criticare la posizione del governo tecnico

            Ecco. Ci mancava quello che ha capito tutto...
            Fatti, non pugnette, Sgabbio.
            Ti ho chiesto quali sono i weblog chiusi per
            diffamazioni mai avvenute, ancora non mi hai
            risposto.Temo che tu stia sbagliando post... Ti avevo risposto in un'altro...,

            Sgabbio, tu sai come funziona una democrazia,
            nelle fattispecie quella italiana, o l'hai letto
            su un Bignami?Tu invece mi spezzetti i discorsi :/
            Lo sai, vero, che se un partito ha 210 membri
            alla Camera, e 127 membri al Senato, non ha la
            maggioranza assoluta (cioè, il 50% dei voti +1),
            ma solo quella relativa (cioè: è il partito che
            ha più membri, rispetto agli altri). Lo sai chi
            sono gli altri due partiti che sostengono
            l'attuale governo, che ne votano ogni decisione?
            E se sì, perché non parli mai di questi
            due?

            Poi: lo sai che se uno solo dei tre partiti che
            sostengono attualmente il governo si sfilasse, il
            governo perderebbe la maggioranza e dovrebbe
            dimettersi? E che la cosa è ovviamente lecita, ma
            equivarrebbe a chiamare un medico al capezzale di
            una malato molto grave, e poi mandarlo via in
            malo modo perché non fa quello che vogliamo
            noi?

            No, perché qui sembra che per te la vita
            parlamentare funziona come una partita di
            calcetto, un giocatore più, uno in meno... uno
            preso di qua, l'altro di
            là.Stai evitando l'argomento.... siamo alle solite.
          • Penelope2 scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!



            Commenti di una notizia che si critica un
            ministro del governo
            tecnico


            Non si può criticare la posizione del
            governo
            tecnicoSi può eccome. Ma evita le tue uscite da Centro sociale su chi sta dietro, o davanti, o sopra il governo tecnico. Non interessa proprio a nessuno, in questo contesto.Di nuovo: fatti, non pugnette.
            Temo che tu stia sbagliando post... Ti avevo
            risposto in
            un'altro...In un altro post NON mi avevi risposto, intendi dire.Comunque ho letto.
            Tu invece mi spezzetti i discorsi :/Be', credo che riesci a seguire il filo lo stesso. Preoccupati di quello che dici, che sia documentato, e io non spezzetto più nulla. Anzi, nemmeno intervengo.
            Stai evitando l'argomento.... siamo alle solite.Sì, se l'unico argomento che a te preme è parlare male di un governo, uno a caso, sono tutti uguali, evito l'argomento immediatamente. E mi pare anche gli altri, qui. Perché non stavamo parlando di quello. Semplicemente.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: Penelope2
            Si può eccome. Ma evita le tue uscite da Centro
            sociale su chi sta dietro, o davanti, o sopra il
            governo tecnico. Non interessa proprio a nessuno,
            in questo
            contesto.
            Di nuovo: fatti, non pugnette.1) Non sono da centro sociale credimi, quello di questo governo tecnico è cosa palese2) stai mescolando più discorsi di Thread diversi, per strane ragioni... Il forum di PI e caotico per chi ci sta da poco.

            In un altro post NON mi avevi risposto, intendi
            dire.
            Comunque ho letto.Ti ho detto di cercare su google, di casi ce ne sono assai.Hai letto, ma non hai risposto, potevi rispondere li, evitando confusione.Poi dici che ci sai stare nei forum :D

            Be', credo che riesci a seguire il filo lo
            stesso. Preoccupati di quello che dici, che sia
            documentato, e io non spezzetto più nulla. Anzi,
            nemmeno
            intervengo.Finito gli argomeni :( Infondo oltre a darmi del centro sociale e usare un tono da superiore è il tuo masso... sbaglio ? Spero di sbagliarmi.

            Sì, se l'unico argomento che a te preme è parlare
            male di un governo, uno a caso, sono tutti
            uguali, evito l'argomento immediatamente. E mi
            pare anche gli altri, qui.Non sono qualunquista, ma non si può di certo elogiare un governo tecnico che sta facendo quello che voleva fare il governo precedente. Non si può negare che questo governo di tecnici, sia stato messo per evitare la perdita di ulteriori consensi! Altrimenti, come mai, Alcuni dei noti molto discussi in italia, come le frequenze televisive, il conflitto d'interesse e la legge elettorali, sono ancora sciolti ? Come mai, questo governo tecnico, con la scusa di non cercare consensi, adotta misure da far rimpiangere il governo berlusconi ?Del resto comunque, sei tu che per evitare il resto degli argomenti ti sei attaccato a sta storia :/
            Perché non stavamo parlando di quello.
            Semplicemente.Siamo in un forum, amico mio! E normale citare certe cose che sono comunque inerenti alla discussione.
          • Penelope2 scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            Nemmeno ti rispondo, a questo punto.Davvero, c'è gente che tira in ballo la politica anche quando parla del Sole che sorge a oriente e tramonta a occidente. È come in quella pubblicità in cui Gad Lerner e Vittorio Feltri gustavano dei biscotti nel salotto buono, e uno dei due chiedeva "Ma il K***** è di destra, o di sinistra?".Lì almeno era una trovata pubblicitaria, uno scherzo (e infatti alla fine i due ridevano). Qualcuno, ahimè, queste domande se le pone sul serio.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            intanto eviti l'argomento....
          • Penelope2 scrive:
            Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
            - Scritto da: Sgabbio
            intanto eviti l'argomento....Infatti. E ho già spiegato il perché: l'argomento è la nuova legge in discussione, non chi sta dietro, davanti sopra e sotto a un certo ministro. Per queste cretinate c'è il bar.
    • voluisti birotam scrive:
      Re: Aiutiamo il Ministro Severino!
      <i
      I testi di legge: </i
      riforma intercettazioni - bozza SeverinoArt. 1 comma 25http://www.leggioggi.it/wp-content/uploads/2012/04/riforma-intercettazioni_bozza.pdfLegge 8 febbraio 1948, n. 47Disposizioni sulla stampaArt. 8http://www.interlex.it/testi/l48_47.htmDecreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofoniciArt. 32-quinquies.http://www.interlex.it/testi/dlg05_177.htm <i
      Link per conoscere le "ragioni del no" e valutarne la fondatezza: </i
      http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/04/17/ammazza-blog-ritorno-della-norma-piace-pdl-rettifica-obbligatoria-senza-replica-pdl/205100/https://ilnichilista.wordpress.com/2012/04/17/lennesimo-ritorno-del-comma-ammazza-blog/(nota: nel ddl Alfano il comma era il 28, poi divenuto 29)http://www.agoravox.it/Le-ragioni-del-no-al-comma-ammazza.htmlhttps://ilnichilista.wordpress.com/2011/09/29/a-rete-unificata-contro-lammazza-blog/http://www.valigiablu.it/doc/160/quel-comma-29-ammazza-i-blog-inammissibile-lo-diciamo-noi.htm
  • makite sen kula scrive:
    ahaha
    Ahahahahahahahah la patente del blogger ahahahahaha
  • Dottor Stranamore scrive:
    La patente del blogger
    E' un'utopia pensare che i blogger si auto-regolamentino. Ci vorrebbe una petente obbligatoria per chi scrive in rete. Magari dovrebbe essere data dopo un esame scritto e uno orale nel quale il blogger viene valutato da una commissione. Ad ogni post irregolare vanno tolti dei punti.Magari si può anche vendere delle licenze ai privati per la creazione di Scuole Blogger dove una persona può seguire le lezioni, ovviamente andando di persona e non seguendoli online, per recuperare alcuni punti. Sarebbe anche un bel business che farebbe crescere l'economia e i posti di lavoro.Per il momento invece in questa rete dove ci si insulta a vicenda al massimo viene data gratis la patente del cretino.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: La patente del blogger
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      E' un'utopia pensare che i blogger si
      auto-regolamentino. Ci vorrebbe una petente
      obbligatoria per chi scrive in rete. Magari
      dovrebbe essere data dopo un esame scritto e uno
      orale nel quale il blogger viene valutato da una
      commissione.Ottimo: così tu verresti bocciato e ci sbarazzeremmo di te per sempre.

      Ad ogni post irregolare vanno tolti dei punti.Quindi, tu sei sottozero.
      Per il momento invece in questa rete dove ci si
      insulta a vicenda al massimo viene data gratis la
      patente del
      cretino.Te ne intendi, vedo.
    • Gennarino B scrive:
      Re: La patente del blogger
      Dai nonno troll impegnati di piú questa era davvero pessima
    • Marietto scrive:
      Re: La patente del blogger
      E pensa se gente come questo qui andasse al potere. Ci bastano gia' le "ragazze allegre" in parlamento e nei consigli regionali. Se ci mettono pure i videotechini siamo rovinati. :'(:'(:'(
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: La patente del blogger
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      [...] cretino.sì.
    • Sgabbio scrive:
      Re: La patente del blogger
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      E' un'utopia pensare che i blogger si
      auto-regolamentino. Ci vorrebbe una petente
      obbligatoria per chi scrive in rete. Magari
      dovrebbe essere data dopo un esame scritto e uno
      orale nel quale il blogger viene valutato da una
      commissione.

      Ad ogni post irregolare vanno tolti dei punti.

      Magari si può anche vendere delle licenze ai
      privati per la creazione di Scuole Blogger dove
      una persona può seguire le lezioni, ovviamente
      andando di persona e non seguendoli online, per
      recuperare alcuni punti. Sarebbe anche un bel
      business che farebbe crescere l'economia e i
      posti di
      lavoro.

      Per il momento invece in questa rete dove ci si
      insulta a vicenda al massimo viene data gratis la
      patente del
      cretino.Mi ricorda tanto la storia di obbligare la gente a fare la patente per andare su internet in generale.Suvvia...potevi fare di meglio.
    • becker scrive:
      Re: La patente del blogger
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      E' un'utopia pensare che i blogger si
      auto-regolamentino. Ci vorrebbe una petente
      obbligatoria per chi scrive in rete. Magari
      dovrebbe essere data dopo un esame scritto e uno
      orale nel quale il blogger viene valutato da una
      commissione.

      Ad ogni post irregolare vanno tolti dei punti.

      Magari si può anche vendere delle licenze ai
      privati per la creazione di Scuole Blogger dove
      una persona può seguire le lezioni, ovviamente
      andando di persona e non seguendoli online, per
      recuperare alcuni punti. Sarebbe anche un bel
      business che farebbe crescere l'economia e i
      posti di
      lavoro.

      Per il momento invece in questa rete dove ci si
      insulta a vicenda al massimo viene data gratis la
      patente del
      cretino.Sei un Troll!! La trollata più divertente che ho mai letto (dopo Ruppolo che parla dell'Apple) Ahaha :D
    • Sgabbio scrive:
      Re: La patente del blogger
      mi ricorda la storia della patente obbligatoria per andare su internet, la solita minesta trollesca :D
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: La patente del blogger
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      E' un'utopia pensare che i blogger si
      auto-regolamentino. Ci vorrebbe una petente
      obbligatoria per chi scrive in rete. Magari
      dovrebbe essere data dopo un esame scritto e uno
      orale nel quale il blogger viene valutato da una
      commissione.Una idiozioa simile la proponeva anche pepito. Non funzionerebbe, perchè poi non influirebbe sui commenti.

      Ad ogni post irregolare vanno tolti dei punti.

      Magari si può anche vendere delle licenze ai
      privati per la creazione di Scuole Blogger dove
      una persona può seguire le lezioni, ovviamente
      andando di persona e non seguendoli online, per
      recuperare alcuni punti. Sarebbe anche un bel
      business che farebbe crescere l'economia e i
      posti di
      lavoro.Ma non vogliamo creare posti di lavoro parassiti. Tieni presente che dovremmo pagarli noi. E noi i soldi non te li diamo. Quindi, se vuoi creare questa "scuola"... caccia il grano tu!

      Per il momento invece in questa rete dove ci si
      insulta a vicenda al massimo viene data gratis la
      patente del
      cretino.Non gratis: te la sei guadagnata.
    • krane scrive:
      Re: La patente del blogger
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      E' un'utopia pensare che i blogger si
      auto-regolamentino. Ci vorrebbe una petente
      obbligatoria per chi scrive in rete. Magari
      dovrebbe essere data dopo un esame scritto e uno
      orale nel quale il blogger viene valutato da una
      commissione.Sai come finirebbe vero ?Che rimarrebbero in rete tutti i cattivi pro pirateria, che ben sanno muoversi in rete, e chiuderebbero i forum tipo quello dei videotechini perche' nessuno passerebbe il corso.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: La patente del blogger
        - Scritto da: krane
        Sai come finirebbe vero ?
        Che rimarrebbero in rete tutti i cattivi pro
        pirateria, che ben sanno muoversi in rete, e
        chiuderebbero i forum tipo quello dei
        videotechini perche' nessuno passerebbe il
        corso.eh sono problemoni :D
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: La patente del blogger
      Che stupidaggine.
  • rgbrgb21 scrive:
    blog
    se si riesce a non dico licenziare ma a destinare ad altro incarico chi reintroduce norme già cassate in precedenza si fa un buon risparmio di soldi e di tempo!!
    • prova123 scrive:
      Re: blog
      Nella vita reale si indica un altro termine molto efficace anche se brutto, io direi in termini elettronici di farlo saltare ad un altro indirizzo di memoria.
  • Videoteca Kebab scrive:
    boicottaggio!
    Regolamentare i blog con leggine dettate dai soliti nemici della rete significa ammazzare la libertà di informazione e di espressione.Viste, tra l'altro, le continue minacce dei videotechini al forum di PI, è necessario tenere alta la guardia, se vogliamo conservare i nostri diritti.Pertanto bisogna:BOICOTTARE LE GRANDI MAJOR EVITANDO DI ACQUISTARE I LORO PRODOTTI; :D NON NOLEGGIARE CD/DVD DAI VIDEOTECHINI, CHE SONO I FEDELISSIMI SCUDIERI DELLE MAJOR, E QUINDI ANCH'ESSI GRANDI NEMICI DELLA LIBERTA' IN RETE! p)
    • ruppolo scrive:
      Re: boicottaggio!
      - Scritto da: Videoteca Kebab
      Regolamentare i blog con leggine dettate dai
      soliti nemici della rete significa ammazzare la
      libertà di informazione e di
      espressione.
      Viste, tra l'altro, le continue minacce dei
      videotechini al forum di PI, è necessario tenere
      alta la guardia, se vogliamo conservare i nostri
      diritti.
      Pertanto bisogna:

      BOICOTTARE LE GRANDI MAJOR EVITANDO DI ACQUISTARE
      I LORO PRODOTTI;
      :D

      NON NOLEGGIARE CD/DVD DAI VIDEOTECHINI,
      CHE SONO I FEDELISSIMI SCUDIERI DELLE MAJOR, E
      QUINDI ANCH'ESSI GRANDI NEMICI DELLA LIBERTA' IN
      RETE!
      p)Certo, ma se tutto questo viene accompagnato dalla pirateria, allora si tratta solo di coltivare i propri interessi personali, né più né meno delle major & soliti nemici della rete.Il "se" era retorico.
      • krane scrive:
        Re: boicottaggio!
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Videoteca Kebab

        Regolamentare i blog con leggine dettate dai

        soliti nemici della rete significa ammazzare la

        libertà di informazione e di

        espressione.

        Viste, tra l'altro, le continue minacce dei

        videotechini al forum di PI, è necessario tenere

        alta la guardia, se vogliamo conservare i nostri

        diritti.

        Pertanto bisogna:



        BOICOTTARE LE GRANDI MAJOR EVITANDO DI
        ACQUISTARE

        I LORO PRODOTTI;

        :D



        <b
        NON NOLEGGIARE </b
        CD/DVD DAI VIDEOTECHINI,

        CHE SONO I FEDELISSIMI SCUDIERI DELLE MAJOR, E

        QUINDI ANCH'ESSI GRANDI NEMICI DELLA LIBERTA' IN

        RETE!

        p)

        Certo, ma se tutto questo viene accompagnato
        dalla pirateria, allora si tratta solo di
        coltivare i propri interessi personali, né più né
        meno delle major & soliti nemici della
        rete.Quindi se lo fanno tutti perche' gli utenti non dovrebbero ?Cosi' va il mondo no ?
    • prova123 scrive:
      Re: boicottaggio!
      - Scritto da: Videoteca Kebab
      Regolamentare i blog con leggine dettate dai
      soliti nemici della rete significa ammazzare la
      libertà di informazione e di
      espressione.
      Viste, tra l'altro, le continue minacce dei
      videotechini al forum di PI, è necessario tenere
      alta la guardia, se vogliamo conservare i nostri
      diritti.
      Pertanto bisogna:

      BOICOTTARE LE GRANDI MAJOR EVITANDO DI ACQUISTARE
      I LORO PRODOTTI;
      :DSecondo me è sbagliato. Non bisogna boicottare, ma acquistare i loro prodotti solo quando sono venduti a 9,90 euro.Questo ha due effetti:1. Non cercare di cambiare l'attuale legislazione e quindi perdere ulteriore tempo e denaro. Ci sono cose molto più importanti al mondo.2. Se è vero che da sempre il Cliente ha sempre ragione avremo ristabilito un sano criterio che nessuna legge potrà mai sovvertire.In alternativa possono smettere di produrre anche da ora tanto con la recessione a livello mondiale chi cade da rasoterra si fà un po' male, ma chi è in alto è quello che si fa male sul serio ed ha tutto da perdere. :D
      • Marietto scrive:
        Re: boicottaggio!
        - Scritto da: prova123

        Secondo me è sbagliato. Non bisogna boicottare,
        ma acquistare i loro prodotti solo quando sono
        venduti a 9,90
        euro.Vendere i loro prodotti a 9,90 euro? Ma tu credi ancora alle favole? :o
Chiudi i commenti