Apple: iOS 16 è ancora pieno zeppo di bug

Apple: iOS 16 è ancora pieno zeppo di bug

Sebbene sia stato rilasciato da vari mesi, iOS 16 continua a essere pieno zeppo di bug, come testimoniato dalle tante segnalazioni in Rete.
Sebbene sia stato rilasciato da vari mesi, iOS 16 continua a essere pieno zeppo di bug, come testimoniato dalle tante segnalazioni in Rete.

A distanza di oltre quattro mesi dal lancio, iOS 16, il più recente sistema operativo di Apple per iPhone, presenta ancora dei bug che non sono stati risolti del tutto, un fattore questo che fa dell’update in questione uno dei meno puliti e curati tra quelli che sono stati rilasciati negli ultimi tempi.

iOS 16 ha ancora tanti bug

Apple ha rilasciato iOS 16 a settembre dello scorso anno e da quel momento si è ritrovata a dover rendere disponibili anche svariati aggiornamenti di follow-up per risolvere i numerosi bug emersi e patch di sicurezza varie.

L’aggiornamento più recente che è stato rilasciato è iOS 16.2, pervenuto il 13 dicembre e con cui hanno fatto capolino la nuova app Freeform, delle nuove opzioni di visualizzazione sempre attiva per iPhone 14 Pro, dei nuovi widget della schermata di blocco, il supporto al 5G per l’India e altro ancora. Insieme alle ultime funzionalità, l’aggiornamento ha però introdotto svariati bug.

A segnalare la cosa sono i tanti utenti interessati, che sui social media e sul supporto Apple affermano di ritrovarsi a dover fronteggiare una quantità insolita di malfunzionamenti, unitamente a scarse prestazioni del sistema, proprio a seguito dell’installazione del più recente aggiornamento.

I problemi segnalati sono di vario tipo: alcuni utenti riferiscono difficoltà nell’effettuare le ricerche con Spotlight, altri la mancata comparsa della tastiera nelle app, altri ancora consumi eccessivi della batteria, il blocco dell’app Fotocamera, difficoltà con la modalità di messa a fuoco e con Apple Music, HomeKit e CarPlay.

Considerando le circostanze, Apple potrebbe rilasciare iOS 16.2.1 prima di rendere disponibile iOS 16.3 diverse settimane dopo, a cui l’azienda sta lavorando con sviluppatori e membri beta pubblici e che dovrebbe implementare poche nuove funzionalità.

Fonte: MacRumors
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 17 gen 2023
Link copiato negli appunti