Apple: produzione di massa del visore a marzo 2023

Apple: produzione di massa del visore a marzo 2023

Le ultime indiscrezioni suggeriscono che la produzione di massa del visore AR/VR di Apple inizierà a marzo 2023 nelle fabbriche di Pegatron.
Le ultime indiscrezioni suggeriscono che la produzione di massa del visore AR/VR di Apple inizierà a marzo 2023 nelle fabbriche di Pegatron.

È da tempo ormai immemore che si parla del visore AR/VR di Apple, ma sino a questo momento l’azienda non ha ancora presentato il dispositivo in questione. Tuttavia non dovrebbe volerci ancora molto. Recenti indiscrezioni provenienti dal DigiTimes, infatti, suggeriscono che la produzione di massa dovrebbe avere inizio a marzo 2023 presso le fabbriche di Pegatron, da lungo tempo partner dell’azienda, con la presentazione ufficiale attesa per il mese successivo.

Apple: produzione di massa a marzo 2023 con non più di 800 mila unità

Si ritiene tuttavia che la produzione sarà piuttosto limitata. Per l’intero 2023, infatti, sono preventivate non oltre le 700-800 mila unità. La clientela di riferimento sarebbe costituita da imprese e sviluppatori e, inoltre, il prezzo dovrebbe essere più elevato rispetto a quanto messo in conto in precedenza.

Per la catena di approvvigionamento non si tratta di un ordine particolarmente redditizio, ma i partner avrebbero comunque scelto di lavorare al progetto per dimostrare le loro capacità tecniche in modo che siano ben posizionati per la produzione dei futuri prodotti parte della medesima categoria. Inoltre, la collaborazione con il gruppo di Cupertino rende più semplice per le aziende riuscire a raccogliere fondi nei mercati per finanziare le proprie attività.

È interessante notare come il report del DigiTimes non si discosti poi così tanto dalle previsioni fatte in precedenza dall’analista Kuo, il quale aveva appunto suggerito che i preordini del visore sarebbero stati avviati alla fine del secondo trimestre del 2023 e che le spedizioni sarebbero cominciare prima della WWDC di giugno del medesimo anno.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Fonte: MacRumors
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 9 nov 2022
Link copiato negli appunti