Apple: visore assente alla WWDC, rimandato al 2023?

Apple: visore assente alla WWDC, rimandato al 2023?

L'analista Ming-Chi Kuo ha designato la roadmap prevista per il visore AR/VR di Apple, a quanto pare verrà presentato e venduto nel 2023.
L'analista Ming-Chi Kuo ha designato la roadmap prevista per il visore AR/VR di Apple, a quanto pare verrà presentato e venduto nel 2023.

In molti ci speravano, in tanti avevano fatto delle ipotesi, ma praticamente nessuno ne aveva la certezza e infatti in occasione della WWDC 2022 di ieri Apple non ha presentato nessun visore AR/VR. L’azienda di Cupertino, evidentemente, non è ancora pronta per togliere i veli al suddetto dispositivo e al software che lo governa, motivo per cui tocca attendere, probabilmente sino al 2023.

Apple: la roadmap prevista per il visore AR/VR

A fornire indicazioni sulle presunte tempistiche, a qualche ora dalla conferenza del gruppo di Cupertino, è l’analista Ming-Chi Kuo mediante la condivisione di un tweet apposito, il quale aveva già dimostrato un certo scetticismo nei confronti del fatto che durante l’evento potesse essere presentato pure il visore e il relativo sistema operativo.

L’analista, dunque, suggerisce una roadmap così strutturata: evento di presentazione del visore a gennaio 2023; rilascio degli strumenti di sviluppo della piattaforma AR/VR entro 2-4 settimane dall’evento; avvio dei pre-ordini del visore nel secondo trimestre 2023; arrivo nei negozi prima della WWDC 2023.

Occorre tuttavia tenere ben a mente che quelli dichiarati dall’analista non sono assolutamente tempi certi, che le indicazioni in questione vanno comunque prese con le pinze e che, di conseguenza, potrebbero pure rivelarsi tutt’altro che esatte, per quanto in genere Ming-Chi Kuo possa risultare affidabile.

Inoltre, sempre ammesso che le tempistiche di cui sopra vengano effettivamente rispettate, bisogna poi mettere in conto un’ulteriore attesa per scoprire in che maniera Apple intenda effettivamente entrare nel settore dei dispositivi AR/VR, circostanza tutt’altro che inaspettata considerando che in fase di sviluppo pare che l’azienda abbia riscontrato non poche difficoltà.

Fonte: iMore
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 7 giu 2022
Link copiato negli appunti