Auto elettriche: un upgrade hardware per le Tesla

Elon Musk conferma l'arrivo di un upgrade hardware per le auto elettriche a marchio Tesla già sul mercato: sarà disponibile entro fine anno.

Entro la fine dell’anno le auto elettriche a marchio Tesla già in circolazione potranno essere sottoposte a un vero e proprio upgrade hardware. Dovranno essere portate in concessionaria per l’installazione di un nuovo chip, lo stesso annunciato nel mese di aprile in occasione dell’Autonomy Day e già presente sulle vetture commercializzate negli ultimi mesi.

Un nuovo chip per le Tesla

La componente è stata progettata dalla società di Elon Musk, risultando più potente rispetto a quella della generazione passata, battezzata Hardware 2 e realizzata in collaborazione con AMD. È studiata per gestire in modo ottimale le operazioni legate alla guida autonoma. Oggi il fondatore e CEO dell’azienda è intervenuto su Twitter e, in risposta a una cliente, ha confermato che l’aggiornamento delle Model 3, Model S e Model X già acquistate potrà essere effettuato presumibilmente entro il termine del Q4 2019, dunque non più tardi di dicembre.

Stando a quanto reso noto a fine marzo (attraverso il tweet allegato qui sotto), l’operazione sarà gratuita per coloro che hanno già acquistato il pacchetto aggiuntivo Full Self-Driving venduto a 6.000 dollari (6.700 euro in Italia). Chi invece ha scelto l’opzione ADAS (Advanced Driver-Assistance System, ora di serie) che include caratteristiche come la frenata automatica, il mantenimento della corsia e il Cruise Control, dovrà con tutta probabilità mettere mano al portafogli.

Tesla ha tutte le intenzioni di giocare un ruolo protagonista nell’ambito delle self-driving car, un mercato che promette di esplodere entro i prossimi anni, normative permettendo. Non sarà ovviamente il solo automaker a voler centrare l’obiettivo. Altre realtà nel mondo delle quattro ruote ci stanno provando attraverso partnership e collaborazioni. È il caso di Fiat Chrysler Automobiles che ha scelto la startup Aurora, mentre BMW e Daimler hanno dato vita a un’alleanza tutta tedesca. Stessa ambizione per Uber e Volvo così come per Audi e Luminar.

Nell’era delle auto connesse e intelligenti, i marchi storici del mercato sono sempre più vicini a chi opera nel territorio hi-tech e le vetture divengono simili a dispositivi in movimento, con tutto ciò che ne consegue, in termini positivi quando si parla di aggiornamenti o upgrade hardware e negativi quando invece ci si trova a dover fare i conti con delle vulnerabilità non troppo dissimili a quelle di uno smartphone o un computer.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Fonte: TechCrunch
Chiudi i commenti