Bitcoin ha lo status legale secondo il tribunale di Shanghai

Bitcoin ha lo status legale secondo il tribunale di Shanghai

A Bitcoin è stato riconosciuto lo status legale da un tribunale di Shanghai che ha stabilito il diritto di risarcimento in un prestito insoluto.
A Bitcoin è stato riconosciuto lo status legale da un tribunale di Shanghai che ha stabilito il diritto di risarcimento in un prestito insoluto.

Chi avrebbe mai immaginato che in Cina a Bitcoin sarebbe stato riconosciuto lo status legale. Invece è proprio ciò che è accaduto a seguito di una sentenza gestita da un tribunale distrettuale di Shanghai che ha così segnato un precedente legale.

In pratica, è stato stabilito il diritto di risarcimento in caso di prestito effettuato in Bitcoin ma non pagato debitamente. Ora però il problema, o meglio la difficoltà, sarà quella di stabilire un valore corrente alla regina delle criptovalute dato che in Cina è vietata.

Il tribunale di Shanghai, con questa sentenza, ha perciò definito Bitcoin come un bene avente valore, dato che se io ne presto una quantità mi deve essere restituita, oltre a scarsità e disponibilità. Perciò, come anticipato, è soggetto ai diritti di proprietà come proprietà virtuale.

Puoi acquistare Bitcoin su Bitstamp. Questo exchange, noto per la varietà di criptovalute elencate, offre un sistema di trading crypto efficace e immediato. Inoltre, la piattaforma opera in totale sicurezza, apprezzata da milioni di utenti in tutto il mondo.

Bitcoin come proprietà virtuale

Secondo quanto stabilito dal tribunale del popolo nel distretto di Shanghai Baoshan, Bitcoin ha attributi di proprietà. Inoltre, siccome è proprietà virtuale, è anche regolato da leggi e regolamenti sui diritti di proprietà. A rivelare la sentenza è stato il sito ufficiale Sina.

In pratica, in presenza di un prestito effettuato con Bitcoin, se il beneficiario non restituisce il debito al creditore, quest’ultimo può citare il primo in giudizio per riottenere la parte che gli spetta, se i due non sono riusciti a scendere ad accordi. Ecco le modalità di indagine del tribunale di Shangai:

  • ispezione e controllo della rete che attualmente può verificare i fatti attraverso banche, automobili, titoli e simili;
  • indagini tradizionali.

L’istanza, secondo quanto dichiarato da Sina, afferma che la regina delle criptovalute è proprietà virtuale. Ecco cosa ha specificato in merito l’articolo pubblicato sul suo sito ufficiale in Cina:

Bitcoin ha le caratteristiche di valore, scarsità e disponibilità, quindi ha le caratteristiche di un oggetto di diritti e soddisfa i requisiti per la composizione della proprietà virtuale.

Tutti possono acquistare Bitcoin. Il modo più facile e sicuro è aprire un conto gratuito su uno dei tantissimi exchange disponibili. Ovviamente una cosa fondamentale è scegliere una piattaforma sicura e affidabile, proprio come Bitstamp sempre aggiornata e con tantissime criptovalute disponibili al trading oltre a BTC.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Sina
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 13 mag 2022
Link copiato negli appunti