Brevetti ed iPod, chiuso un altro caso

Apple negozia con un commerciante che nel 1996 aveva brevettato una interfaccia per riproduttori di musica digitale. L'uomo ha ritirato la denuncia per violazione di brevetto da parte di Apple

Burlington (USA) – Apple è riuscita a difendersi dall’ennesima denuncia per violazione di brevetto : al centro delle attenzioni c’è sempre la tecnologia utilizzata da iPod, il prodotto di punta della Mela. Dopo aver pattuito con Creative il pagamento di 100 milioni di dollari per l’uso di tecnologie già brevettate, Apple ha messo a tacere anche un piccolo commerciante del Vermont, tale David Contois, che aveva denunciato l’azienda di Cupertino, appunto, in relazione ad iPod.

Contois, secondo la ricostruzione offerta dalla stampa locale , è l’inventore di un jukebox software : nel 1996 ha brevettato un particolare programma che permette il trasferimento di musica ed altri file da PC a lettore multimediale tascabile. Un sistema che, a distanza di 10 anni, è diventato estremamente diffuso: Contois è convinto che iTunes , il software di gestione per iPod, non sia niente altro che una copia della propria invenzione.

Apple ha preferito non rischiare e dopo lunghissime trattative è riuscita a placare l’ira del commerciante, intenzionato a trascinare in tribunale la compagnia di Steve Jobs. I termini dell’accordo tra le due parti sono “riservati”, ha detto un familiare di Contois: “Non possiamo fornire ulteriori dettagli”. Si sono verificate cospicue transazioni finanziarie? Trasferimenti di titoli azionari a favore dell’inventore del Vermont? Le ipotesi sull’accaduto sono molteplici.

La mossa di Apple, in questo caso, è stata interpretata da molti osservatori come un sintomo di panico : è come se l’azienda volesse evitare che qualsiasi tipo di denuncia per violazione di brevetto possa trasformarsi in una precisa sentenza emessa da un tribunale americano. Comprensibile, se si pensa che il 45% degli utili della Mela, secondo i dati pubblicati da Apple Insider , deriva direttamente dalla vendita di iPod. Una sanzione di tipo economico o commerciale sulla vendita dei riproduttori, come richiesta dai legali di Creative , potrebbe evidentemente scatenare un problema finanziario per la celebre società di Cupertino. In bilico tra le accuse di sfruttamento dei lavoratori ed i problemi causati dalla gamma di prodotti iPod, Apple continua a mantenere il dominio assoluto sul mercato della musica digitale.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • flavio armani scrive:
    download things
    hello no comment
  • federica formisano scrive:
    ciao
    ciao
  • federica formisano scrive:
    ciao sn federica da roma vi voglio bene
    ciao zac sn federica ti voglio bene
  • scala40 scrive:
    Favorevole alla chiusura di siti volgari
    Un saluto a tutti voi :-DSono una mamma e come mamma non mi piacerebbe vedere che i miei figli entrando in internet vedano siti volgari e siccome internet è un luogo pubblico acedibile a tutte le età , sono favorevole alla chiusura totale di tutto ciò che è di volgare , a chi le piace la volgarità inventategli un programma apposta che istallino solo i volgari , cioè a chi le piace la volgarità , ma non che ci dobbiamo trovare volgarità in un luogo pubblico . Cordialmente invio un cielo di sorrisi per chi difende i diritti su tutto internet che elimini la volgarità :-D che il sorriso entri nelle vostre case e in tutte le case del mondo :-D . Da una mamma di nome Angela scala40 ...www onestà per tutto internet www
  • Anonimo scrive:
    Ora forse riusciremo a vedere....
    il boeing che ha colpito il pentagono. :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Ora forse riusciremo a vedere....
      - Scritto da:

      il boeing che ha colpito il pentagono. :D :DNon ci sono abbastanza frame per secondo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ora forse riusciremo a vedere....
        - Scritto da:

        - Scritto da:



        il boeing che ha colpito il pentagono. :D :D

        Non ci sono abbastanza frame per secondo.Qualche frame ce l'ha Bush nel comodino...
  • Anonimo scrive:
    Intel marzo 2005, e molto prima...
    Roba vecchia, certo in evoluzione, ma non rivoluzionaria o nuova. Vedi per esempio:http://www.techspot.com/news/17177-intel-works-on-super-resolution-technology.htmlhttp://www.amigaforever.com/news-events/20050417superresolution/
  • Anonimo scrive:
    Si ma....
    mencoder, quattro filtri, tra cui qualcuno che utilizzi un antialias temporale, oppure avidemux per chi non ha volgia di usare una shell e si ottengono risultati mooooooooooooolto simili.Non dico superiori perché non ho mai voluto esagerare, ma una risoluzione di 320x288 la porto tranquillamente a 756x512 garantendomi una qualità simile a quella vista negli esempi del sito MotionDSP (cioè generata da filtri antialias temporali).Infatti nell'ultimo esempio che la scena è parecchio in movimento il risultato è tutt'altro che eccellente.Mentre nel secondo, che ci si muove poco, si riescono persino a leggere i titoli del libri.Insomma roba già vista.
    • Anonimo scrive:
      Re: Si ma....
      - Scritto da:
      mencoder, quattro filtri, tra cui qualcuno che
      utilizzi un antialias temporale, oppure avidemux
      per chi non ha volgia di usare una shell e si
      ottengono risultati mooooooooooooolto
      simili.

      Non dico superiori perché non ho mai voluto
      esagerare, ma una risoluzione di 320x288 la porto
      tranquillamente a 756x512 garantendomi una
      qualità simile a quella vista negli esempi del
      sito MotionDSP (cioè generata da filtri antialias
      temporali).

      Infatti nell'ultimo esempio che la scena è
      parecchio in movimento il risultato è tutt'altro
      che
      eccellente.

      Mentre nel secondo, che ci si muove poco, si
      riescono persino a leggere i titoli del
      libri.

      Insomma roba già vista.Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice opensource con codice professionale. Stesso rapporto segnale/rumore secondo te, stessa ristabilizzazione dell'asse del flusso ottico, vero ? Ehhh!
      • Anonimo scrive:
        Re: Si ma....

        Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice
        opensource con codice professionale. Vorrei farti notare che tantissimo software ultra-professionale è anche libero. Un esempio? I programmi di calcolo dell'ente per l'energia nucleare francese. Il sw libero non è necessariamente migliore di quello proprietario, ma frequentemente i programmi liberi più diffusi sono di fattura "più che professionale". Evitiamo fraintendimenti....
        • Anonimo scrive:
          Re: Si ma....
          - Scritto da:

          Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice

          opensource con codice professionale.
          Vorrei farti notare che tantissimo software
          ultra-professionale è anche libero. Un esempio? I
          programmi di calcolo dell'ente per l'energia
          nucleare francese. Il sw libero non è
          necessariamente migliore di quello proprietario,
          ma frequentemente i programmi liberi più diffusi
          sono di fattura "più che professionale".

          Evitiamo fraintendimenti....E farei notare al tipo di sopra, che sempre più spesso, il software libero lo trovi nei vari dispositivi embedded all'interno dei loro firmware: navigatori satellitari, cellulari, voip, router, ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Si ma....
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice


            opensource con codice professionale.

            Vorrei farti notare che tantissimo software

            ultra-professionale è anche libero. Un esempio?
            I

            programmi di calcolo dell'ente per l'energia

            nucleare francese. Il sw libero non è

            necessariamente migliore di quello proprietario,

            ma frequentemente i programmi liberi più diffusi

            sono di fattura "più che professionale".



            Evitiamo fraintendimenti....

            E farei notare al tipo di sopra, che sempre più
            spesso, il software libero lo trovi nei vari
            dispositivi embedded all'interno dei loro
            firmware: navigatori satellitari, cellulari,
            voip, router,
            ...Sì, vabbè, sicuro. I GPS vanno ad opensource.. ahahahah! Questa è bella.
          • Anonimo scrive:
            Re: Si ma....
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:



            Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice



            opensource con codice professionale.


            Vorrei farti notare che tantissimo software


            ultra-professionale è anche libero. Un
            esempio?

            I


            programmi di calcolo dell'ente per l'energia


            nucleare francese. Il sw libero non è


            necessariamente migliore di quello
            proprietario,


            ma frequentemente i programmi liberi più
            diffusi


            sono di fattura "più che professionale".





            Evitiamo fraintendimenti....



            E farei notare al tipo di sopra, che sempre più

            spesso, il software libero lo trovi nei vari

            dispositivi embedded all'interno dei loro

            firmware: navigatori satellitari, cellulari,

            voip, router,

            ...

            Sì, vabbè, sicuro. I GPS vanno ad opensource..
            ahahahah! Questa è
            bella.ma perchè ogni maledetta volta vi dobbiamo postare 100naia di link per ridicolizzarvi?e invece questa volta ti arrangi!
          • Anonimo scrive:
            Re: Si ma....
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:




            Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice




            opensource con codice professionale.



            Vorrei farti notare che tantissimo software



            ultra-professionale è anche libero. Un

            esempio?


            I



            programmi di calcolo dell'ente per l'energia



            nucleare francese. Il sw libero non è



            necessariamente migliore di quello

            proprietario,



            ma frequentemente i programmi liberi più

            diffusi



            sono di fattura "più che professionale".







            Evitiamo fraintendimenti....





            E farei notare al tipo di sopra, che sempre
            più


            spesso, il software libero lo trovi nei vari


            dispositivi embedded all'interno dei loro


            firmware: navigatori satellitari, cellulari,


            voip, router,


            ...



            Sì, vabbè, sicuro. I GPS vanno ad opensource..

            ahahahah! Questa è

            bella.

            ma perchè ogni maledetta volta vi dobbiamo
            postare 100naia di link per
            ridicolizzarvi?

            e invece questa volta ti arrangi!Ecco, appunto, continua a pregare il tuo semidio noglobal opensource.
          • Anonimo scrive:
            Re: Si ma....
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:





            Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni
            codice





            opensource con codice professionale.




            Vorrei farti notare che tantissimo
            software




            ultra-professionale è anche libero. Un


            esempio?



            I




            programmi di calcolo dell'ente per
            l'energia




            nucleare francese. Il sw libero non è




            necessariamente migliore di quello


            proprietario,




            ma frequentemente i programmi liberi più


            diffusi




            sono di fattura "più che professionale".









            Evitiamo fraintendimenti....







            E farei notare al tipo di sopra, che sempre

            più



            spesso, il software libero lo trovi nei vari



            dispositivi embedded all'interno dei loro



            firmware: navigatori satellitari, cellulari,



            voip, router,



            ...





            Sì, vabbè, sicuro. I GPS vanno ad opensource..


            ahahahah! Questa è


            bella.



            ma perchè ogni maledetta volta vi dobbiamo

            postare 100naia di link per

            ridicolizzarvi?



            e invece questa volta ti arrangi!


            Ecco, appunto, continua a pregare il tuo semidio
            noglobal
            opensource.Ok ci penso io:Cerca su google TomTom e vedi cosa usa per funzonare^^
  • firefox88 scrive:
    Antialiasing "militare"
    1) L'antialiasing non mi sembra la scoperta del secolo. Gli esempi disponibili sul sito di Motion DSP fanno ridere. :)2) Che senso ha lavorare con video a bassa risoluzione per poi "migliorarli"? Serve a creare valore aggiunto ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Antialiasing "militare"
      - Scritto da: firefox88
      1) L'antialiasing non mi sembra la scoperta del
      secolo. Gli esempi disponibili sul sito di Motion
      DSP fanno ridere.
      :)

      2) Che senso ha lavorare con video a bassa
      risoluzione per poi "migliorarli"? Serve a creare
      valore
      aggiunto ?Si vede che sai molto di codifica video ed elaborazione immagini... Antialiasing... ? Solo quello secondo te si usa di filtro? Mah!
    • Anonimo scrive:
      Re: Antialiasing "militare"
      Credo di aver capito come funziona e anche in questo caso non si tratta di tecnologia nuova ma solo di un diverso impiego di algoritmi gia' esistenti;senza scendere nei degttagli dato che mi e' difficile spiegare in quattro parole si fa un calcolo contrario a quello dell'antialiasing usato per smussare i contorni e ricavando l'intensita' dei bordi si confronta piu' immagini consecutive che abbiano un lieve movimento (anche il rumore di fondo potrebbe tornare utile); le variazioni dello stesso gruppo di pixel fra piu' frame permetterebbero di calcolare alcuni dettagli che hanno permesso di avere quelle variazioni.Cosi' su dei piedi non so come spiegarmi meglio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Antialiasing "militare"
        Era esattamente quello che avevo pensato io guardando i filamti.Una sorta di versione migliorata dell'algoritmo di sharping presente in quasi tutti i programmi di fotoritocco.bye
      • Anonimo scrive:
        Re: Antialiasing "militare"
        - Scritto da:
        Credo di aver capito come funziona e anche in
        questo caso non si tratta di tecnologia nuova ma
        solo di un diverso impiego di algoritmi gia'
        esistenti;
        senza scendere nei degttagli dato che mi e'
        difficile spiegare in quattro parole si fa un
        calcolo contrario a quello dell'antialiasing
        usato per smussare i contorni e ricavando
        l'intensita' dei bordi si confronta piu' immagini
        consecutive che abbiano un lieve movimento (anche
        il rumore di fondo potrebbe tornare utile); le
        variazioni dello stesso gruppo di pixel fra piu'
        frame permetterebbero di calcolare alcuni
        dettagli che hanno permesso di avere quelle
        variazioni.
        Cosi' su dei piedi non so come spiegarmi meglio.Si chiama antialias temporale e chi più chi meno ce l'hanno tutti i software, persino quelli opensource (che qualcuno pensa siano di qualità inferiore ai prodotti closed, perché spesso gratuiti).
        • Anonimo scrive:
          Re: Antialiasing "militare"
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Credo di aver capito come funziona e anche in

          questo caso non si tratta di tecnologia nuova ma

          solo di un diverso impiego di algoritmi gia'

          esistenti;

          senza scendere nei degttagli dato che mi e'

          difficile spiegare in quattro parole si fa un

          calcolo contrario a quello dell'antialiasing

          usato per smussare i contorni e ricavando

          l'intensita' dei bordi si confronta piu'
          immagini

          consecutive che abbiano un lieve movimento
          (anche

          il rumore di fondo potrebbe tornare utile); le

          variazioni dello stesso gruppo di pixel fra piu'

          frame permetterebbero di calcolare alcuni

          dettagli che hanno permesso di avere quelle

          variazioni.

          Cosi' su dei piedi non so come spiegarmi meglio.

          Si chiama antialias temporale e chi più chi meno
          ce l'hanno tutti i software, persino quelli
          opensource (che qualcuno pensa siano di qualità
          inferiore ai prodotti closed, perché spesso
          gratuiti).Veramente sono algoritmi di motocompensazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Antialiasing "militare"
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Credo di aver capito come funziona e anche in


            questo caso non si tratta di tecnologia nuova
            ma


            solo di un diverso impiego di algoritmi gia'


            esistenti;


            senza scendere nei degttagli dato che mi e'


            difficile spiegare in quattro parole si fa un


            calcolo contrario a quello dell'antialiasing


            usato per smussare i contorni e ricavando


            l'intensita' dei bordi si confronta piu'

            immagini


            consecutive che abbiano un lieve movimento

            (anche


            il rumore di fondo potrebbe tornare utile); le


            variazioni dello stesso gruppo di pixel fra
            piu'


            frame permetterebbero di calcolare alcuni


            dettagli che hanno permesso di avere quelle


            variazioni.


            Cosi' su dei piedi non so come spiegarmi
            meglio.



            Si chiama antialias temporale e chi più chi meno

            ce l'hanno tutti i software, persino quelli

            opensource (che qualcuno pensa siano di qualità

            inferiore ai prodotti closed, perché spesso

            gratuiti).


            Veramente sono algoritmi di motocompensazione.Si può fare anche senza e i risultati, come dicevo se non dello stesso livello, sono sicuramente molto simili (lasciandoti però la possibilità di poter attivare questi filtri in una codifica in real-time). Poi algoritmi di Tempral Noise Reduction tramite Motion Compensation ne esistono anche in prodotti opensource (mencoder e transcode tanto per dirne due "a caso"), ma a meno di non avere adeguato hardware a seguito difficilmente potrai portare un 352x288@25fps a 768x512@30fps in real-time.In entrambi i casi, resta valido il fatto che non si tratta di niente di nuovo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Antialiasing "militare"
      - Scritto da: firefox88
      2) Che senso ha lavorare con video a bassa
      risoluzione per poi "migliorarli"? perché occupano poca banda passante, cosa che in certi usi può essere utile.
  • Anonimo scrive:
    OT: titolo vagamente fuorviante
    Ho subito clickato per leggere l'articolo...Leggendo il titolo, avevo avuto il timore che qualcuno avesse inventato qualcosa per eliminare dalla rete i video p0rn0 :D
    • Anonimo scrive:
      Re: OT: titolo vagamente fuorviante
      - Scritto da:
      Ho subito clickato per leggere l'articolo...
      Leggendo il titolo, avevo avuto il timore che
      qualcuno avesse inventato qualcosa per eliminare
      dalla rete i video p0rn0
      :DTranquillo! Puoi continuare a farti le pippe tranquillamente!
Chiudi i commenti